LIBERTAGES in 64 Storie - 塔霍 的 易经


Home page 首页  |  Poemo 塔霍的书  |  karaoke音乐 mp3  |  video 视频 tube  |  Elders 先民 ป่า  |  Domus 家 เพิง  |  Lunario 月
   

01.䷀ 玉 primi tempi
Olivo leccino, canino, piangente, ascolano, olivello-spinoso | elefanti || lucani, biedani | shirdi, tissagami, sinisgalli
02.䷁ 土 nutrire le terre
batteri, enzimi-funghi, lombrico, mucca, humus, argilla, caolino, cenere, potassa, soda, salnitro, zolfo, pollina, etilene || compostaggio, alchimia, yogurt-kefir || egizi, liguri, nomadi | emilia, iob, steiner, smith, rabhi
03.䷂ 木 alberi major
Rovere, quercia, abete, betulla, catalpa, magnolia, platano || acqua, fuoco, maiale || slavi, goti, lucani, messapi
04.䷃ 竹 alberi minor
Castagno, Nocciolo, Noce, Cipresso, Pino, Salice, Gingko, Ailanto, Bambù, carrubo, palmadattero, pistacchio, anacardio, tiglio, sambuco, Ebbio || marco-polo
05.䷄ 皿 frutti
Rovo, Lampone, Tayberry, boysberry, josta, Gelso, Mirtillo, balalaika, Gouqì, alkekengi, Eleagno, Feijoa, Fragole, Asimina, Melograno, Corbezzolo, Azzeruolo, Biancospino, Piracanta, Corniolo, Giuggiolo, Marruca
06.䷅ 食 frutti major
Fico, Albicocco, Ciliegio, Prugnolo, susincocco, Pesco, Cotogno, Kaki, Nespolo, Mandorlo, Limone, Kumquat, Ponciro, arancio, cedro, Melo, Pero
07.䷆ 酉 uve e vini
Vite, uvafragola, Ribes, Josta, Uvaspina, uva-ursina | Vino, birra, macerato || bacco, inanna, noè, epicuro, khayam
08.䷇ 父 Terabuti story
shirdi, raseno, sebastian, pamela, lisa, emilia, giorgio, kinaciau, sesto, mallendi, martin, romulo, yolanda
09.䷈ 田 erbe popolari
Agrimonia, artemisia, Ballota, ortica, lamia, parietaria, damiana, Senecio, piretro, Iperico, Camomilla, calendula, arnica, Ruta, vulneraria, Lippia, verbena, Lavanda, Maggiorana, Basilico, Salvia, Rosmarino, Timo, Issopo, Melissa, Menta, Mentuccia, cataria, valeriana, ska-pastora, lagochilus, consolida, bardana, altea, Ibisco, Malva, latiro, Ricino, equiseto || felini || turcomanni, mapuche; culpeper
10.䷉ 艸 艹 erbe spontanee
Cicoria, Tarassaco, radicchiella, silene, soncho, Plantago, aspraggine, Ancusa, Ebbio, Evonimo, Gigaro, gramigna, beccagallina, corregiola, romice, trifolio-rosso, seppola, centaurea, linaria, galium, fumaria, margherità (cicerbita, tussilago, pelosella, piattello, celidonia, verbasco, ortica, achillea, borrago, polmonaria, oxalis, primula, prunella, mercorella, cartamo, grattalingua, masticogna, virgaurea) brucellosi; || veneti
11.䷊ 韭 erbe-radici colte
Aglio, Cipolla, Patata, Asparago, aglina, cipollina, Ruchetta, Portulaca, Nasturzio, Broccoli, cavolo, borsapastore, rapa, barbabietola, ravanello, ramolaccio, raponzolo, rafano, pastinaca, tuberina, Cardo-acanzio, carduccio, carciofo, cardo-mariano, arachidi || penicillum; mattioli, olmi, zuin
12.䷋ 鹵 alghe, argille, sali
alghe (spirulina, klamath, nori, lactuca-mare, iziki, kombu, wakame), muschio, sfagno, tillandsia; argilla, sale, magnesio, torba || aztechi, giapponesi
13.䷌ 麻 canapa e lino
canapa, lino || popoli italici
14.䷍ 頁 erbe matragune
Lattuga, Morella, belladonna, giusquiamo, mandragora, dature, floripondi, muirapuama, pituri, tabacco, aconito, cicuta, digitale || rospo, lupo, cane; ecate, diana, elfi, fate, streghe, khlisti || piceni, romeni, germani, chumash, shuar, shipibo; ginzburg
15.䷎ 网 erbe rampicanti
Vitalba, Lonicera, Rosa, Passiflore, Schisandra, biancospino, actinidia, Convolvolo, Ipomea, cucurbite, (edera, smilax, glicine, vischio, abrus) rovo, vite
16.䷏ 月 calendario fenologi
luna, mese || cinesi
17.䷐ 禾 cereali e legumi
Avena, Granotenero, granoduro, farro, sorgo, granosaraceno, manioca, coix, Lupino, Fava, favino, Fagioli, Pisello, sulla, lenticchia, cece, cicerchia, medicago, soya, sofora || seedsavers; fukuoka, strampelli, vavilov
18.䷑ 黍 pan d'orzi slavi
Orzo, miglio, panico, Farinello, Amaranto; pane, pizza || fuoco, izba, mir || elfi-gnomi; camuni, piceni, sardi, slavi | marturano, perkuna
19.䷒ 禸 pan delfina
segale, claviceps, ergotismo-lsd || elefanti, cetacei, delfini, umani || kali, kore, ceres/demetra, dioniso, rama-sita | zagami, de-martino, hofmann, huxley, pahnke, lilly
20.䷓ 鼠 fauna spontanea
venom; topo, arvicola, riccio, talpa, gatto, volpe, faina, cinghiale, capriolo, tartaruga, rospo, insetti, colubridi, cervone, biacco, natrice (ratto, rana, vipere, draghi)
21.䷔ 鸟 uccelli
ghiande || allodola, usignolo, civetta, gazza, galline, tacchino, pavone, paradisee, casuario, parrot
22.䷕ 虫 api e insetti
miele, propoli, polline, cera || ape, bombi, libellula, mantide, ragni, formica, coleotteri || rizzo
23.䷖ 糹sud, crisi e danza
baco-seta, s'argia, taranta, mantide || sardi, salentini; battiato, de-martino, lapassade, guarnaccia, vito-pauli
24.䷗氵氺 acqua medicina
Acqua, sauna, fomenti, enema, amaroli, alghe, sali, vitamine, acquacotta, digiuno (artiglio, anice, efedra, asfand, canfora) || costipatio, diabete, cancro, malaria, susto, slogature || irlandesi; Ganesha, paracelso
25.䷘ 鹵 medi cina
Felci, Rabarbaro, dulcamara, withania, jinseng, eleuterocco, astragalo, chiuri, gastrodia, rhodiola, sutherlandia, Jiagoulan, rosa-nevi, sesamo || shennong, lishizhen, sunsimiao, huatuo, gehong || cinesi, cepang, daur
26.䷙ 舟 austronesia
(gotukola, durian, noni, sago, kava, kratom, areca, betel, ereriba, agara, curcuma, calamo, canfora, cannella, cardamomo, glove, zenzero) || ganesha, valli-amma, lersi || wanniya, penan, iban, gebusi, vanuatu, polinesiani
27.䷚ 里 popoli del sogno
bufalo || mlabri, temiar-senoi, akha, hmong
28.䷛ 米 riso di montagna
upland, paddy, perenne, glutinoso, nero, duborskian || Mondo; kmhmu, katu, ifugao, igorot, lisu, shan, katu
29.䷜ 风 figli del vento
felce-pangi || Orso, foca, trote, salmone || Ainu, nanai-ussuri, oroqen, udege, moriori, maori
30.䷝ 巛 pesci e armonia
tè-verde, trigonella || carasso, misgurno, farfalla || fukuoka, holmgrein, laozi, zhuangzi, apuleio, seneca, alice, peterpan, eraclito, pitagora, plato, talete, josipovici
31.䷞ 家 domus: case e capanne
casa, capanna, riparo dei popoli di Thera
32.䷟ 人 popoli di Gaia
lupe, emù, canguri || aborigeni, indigeni, nativi africani, americani, austronesiani, turcomongoli, slavi
33.䷠ 瓜 milpa panamerica
Mais, fagioli, zucca, zucchine, meloni, pomodori, melanzane, peperon/cini, patate, girasoli, avocado || nixtamal; consociazioni, milpa, chacra, ortoforesta || maya, permacultori; olmi
34.䷡ 鹿 daino-mais azzurro
mais, peyotl || daino, cervo, bufalo, orso || wirarika, tarahumara, lakota, navaho, kiowa; NAC, quanah parker, toro-seduto
35.䷢ 豆 erbe-frutti americhe
banano, ananas, guyaba, (papaya, cacao, loto, balchè, changunga, cohosh, copale) || amerindi, lacandoni, misquito, tzutujil, uroni
36.䷣ 子 funghi mix
armillaria, prataioli, marasmius, plerotus, vesce, macrolepiota, tricoloma (ferlengo, finferlo, porcini, amanite, mukamor, ciagà, shiitake, maitake, lingzhi, psilocybi, tartufi) || aztechi, chinantechi, mixe, mazatechi, zapotechi, kamciadali, siberiani; mariasabina, montezuma, sahagùn, duran
37.䷤ 巫 wū shamans
betulla; || wū, saman, wang || inuit, hmong, mongoli, chukci, sakha, tuva, mapuche, tungusi (manchu, oroqen, ewenki); chuonnasuan, halboo, xi-wangmu, miao-shan, quanyin, chen-jingu
38.䷥ 生 terapia di Mesmer
alga nostoc || musica, danza, sonno, mana, magnetismo || mesmer, charcot, reich, freud, josipovici
39.䷦ 女 natura androgina
alloro || apache, haitiani; due-spiriti, katoey, mutang
48.䷯ 雷 video linguaggi
agricolture; || popoli di Gaia
40.䷧ 牛 panafrica
(alchornea, euclea, ficus-capensis, calenzula, akokantera, karitè, dacroydes, dodonea, kigelia, plumbago, fitolacca, verbasco) || koma, dogon, mursi, maasai
41.䷨ 刀 terra elettrica
foreste (mangrovie, querce), tufo, gas-radon, fuoco, acqua, elettroni, stelle, nubi, venti, terremoti || izba, mir || rasna; clint-ober, ferlini
42.䷩ 雨 pioggia e foreste
foreste, acqua, nubi, pioggia, bioelettricità || zuni; maseko, tesla, ighina, tavera
43.䷪ 气 respiro e qìgong
panda, farfalla; vulcano, vort-chakra, num, respiro, qigong, wuqinxi, numtchai, esichia || polinesiani || tongren, huatuo, josipovici, esichio
44.䷫ 火 灬 kinaciau dance
cetriolo kiwano, pancratium, galanga, mesembrantemo || num-tchai, raindance || kwe, hadzabe, himba, tswana, zulu

45.䷬ 豸 buiti dei Fang
iboga spp || fang nsimalen; sesto, pamela, sebango, pà Nziengui
46.䷭ 卩 iboga famiglia
iboga elliptica, manii, tabernaemontana, jasminoides
|| buiti, meyaya, lotsof
47.䷮ 弓 buiti, byeri e sogni
iboga, alchornea, calea-zacateca || aka, mitsogo, fang; mallendi, cheyssial, laberge, rebecca, kozyrev
49.䷰ 屮 paneurasia
musella (neem, gudmar, niruri, saccharum, loto, coriaca) || maiale, yak, cane || adivasi, kalasha, dokpa, khamba, naxi, mósuō
50.䷱ 天 papaveri e fiori
Iris, Papaveri, crocus, (giglio, zafferano, scilla, mughetto, strofanto, tribolo) || bizantini, anglofrancesi, cinesi, indocinesi
51.䷲ 馬 spezie berbere
Alloro, Finocchio, Carota, Mirto, Ugni, Calafate, (silfio, ferula, prezzemolo, angelica, eufrasia, ginepro, caffè, khat, mirra, boswellia, liquirizia, rusco); cantaride || berberi, libici, yemeniti, arabi, sardi, fuegini, yamana
52.䷳ 手 ganja yoga
valeriane, canapa, resina/foglie (ganja, kif, charas, bhang) || felini; valieri, eliade, makrizi, haydar, patanjali, ganesha; || arabi, persiani, indiani, nepali, afgani, sanniti
53.䷴ 爻 sedurre, intrecciare
scimpanzè bonobo, macaco, basilisco || africani, balcani; moravia, abramovic, mantegazza
54.䷵ 穴 viaggi rituali
(rudraksha), kundalini || beghine, eremiti, sadhu, yogi, chopa, mast, nomadi, sherpa, jhakri || dante, caterina, porete, nietzsche, milarepa, gopikrishna, lalla, ammayar, jigong
55.䷶ 心 estasi varie
pamela, dante, ficino, bruno, kant, krishnamurti, pavese, mantegazza, castaneda, huxley, laurence, meherbaba, ji-gong-huo-fo, rossolovski
56.䷷ 龠 storie di popoli
lupa, cane, aquila, canguro, emù; totem, pan-perun, tago || aborigeni, tasmani, alani, turcomanni, rasna, sciti, slavi, arabesci
57.䷸ 日 achuma cactus
aloe, opuntia, agave, achuma, semprevive || zago, achumera
58.䷹ 羊 spezie andine
farinello (quinoa, paico, maca, schinus, ipecacuana, myroxylon, matè, stevia, tara, coca, croton, china, uncaria) || cavia || barasana, incas
59.䷺ 黽 spiri d'Amazzonia
(epena-wilca, virola, annatto, mapacho, zenzero, tabernaemontana, piper, drymonia) || scimmia, sapo, paca || awà, ashaninka/matses, yanomami
60.䷻ 鬯 erbe ayahuasca
(caapi, chacrona, mapacho) || moscatsetse, bufeo; || tukano
61.䷼ 門 acacie Jurema e Torè
Acacie, passiflora (jurema, peganum, mandacaru) || kariri, atikum, dutch
62.䷽ 鼎 umbandaime festa
jagubi, chacrona || santodaime, umbandaime; fate, caboclos, orixà || brasiliani, euroslavi, daimisti; irineu, sebastiao, yatra
63.䷾ 示 Orishà e caboclos
orixas, caboclos, marialionza || tupinaba, brasiliani, quilombos, calundeiros, macumbeiros
64.䷿ 曰 canti religiosi
daime, jurema, jikuri, iboga, vino, funghi, ganja, kawa, matraguna, muchamor, teonanactl, caboclo


  Jan 一月 (Exù e Euà)

01.䷀ Seba: 玉 primi templi
02.䷁ Seba: 土 nutrire la terra
03.䷂ Seba: 木 alberi major
04.䷃ Seba: 竹 alberi minor
05.䷄ Seba: 皿 fruits minor
06.䷅ Seba: 食 fruits major
07.䷆ Seba: 酉 uve e vini
08.䷇ Shirdi: 父 Terabuti story

Feb 二月  (Nanà)

09.䷈ Emilia: 田 herbs popular
10.䷉ Emilia: 艸艹 erbe spontanee
11.䷊ Emilia: 韭 erbe-radici colte
12.䷋ Emilia: 卤 alghe, argille, sali
13.䷌ Emilia: 麻 canapa e lino
14.䷍ Emilia: 頁 dature/tabacchi
15.䷎ Emilia: 网 climbing plant
16.䷏ Emilia: 月 calendario luna

  Mar 三月 (Oshumarè)

17.䷐ Pamela: 禾 cereali e legumi
18.䷑ Pamela: 黍 pani d'orzo slavi
19.䷒ Pamela: 禸 pane segale delfina
20.䷓ Pamela: 鼠 fauna spontanea
21.䷔ Pamela: 鸟 uccelli e galline
22.䷕ Pamela: 虫 bee & spiders
23.䷖ Pamela:纟糹crisis & dances
24.䷗ Pamela: 氵氺 acqua medicina

Apr 四月 (Yemajà)

25.䷘ Sesto: 鹵 medi cina
26.䷙ Sesto: 舟 austronesia
27.䷚ Sesto: 黄 popoli del sogno
28.䷛ Sesto: 米 riso di montagna
29.䷜ Sesto: 风 figli del vento
30.䷝ Sesto: 巛 pesci e armonia
31.䷞ Sesto: 家 case e capanne
32.䷟ Sesto: 人亻 popoli di Gaia

  May 五月 (Ogun)
33.䷠ Martin: 瓜 milpa panamerica
34.䷡ Martin: 鹿 daino-mais-azzurro
35.䷢ Martin:豆 erbe-frutti americhe
36.䷣ Martin: 子 funghi mex

Jun 六月 (Yansà, oyá e Logunedè)
37.䷤ Lisa: 巫 wū shaman
38.䷥ Lisa: 生 terapia di Mesmer
39.䷦ Lisa: 女 natura androgina

Jul 七月 (omolù, obaluiè e Oxalà)
40.䷧ Kinaciau: 牛 panafrica
41.䷨ Kinaciau: 刀 terra elettrica
42.䷩ Kinaciau: 雨 pioggia e boschi
43.䷪ Kinaciau: 气 respiro e qìgong
44.䷫ Kinaciau: 火灬 giraffe dance

Aug 八月 (Obà e beiji)
45.䷬ Mallendi: 豸 buiti dei Fang (Tago)
46.䷭ Mallendi: 卩 iboga famiglia
47.䷮ Mallendi: 弓 buiti, byeri, sogni
48.䷯ 雷 video linguaggi

  Sep 九月 (Oshossi e caboclos)
49.䷰ Taras: 屮 erb Eufrasia
50.䷱ Taras: 天 papaveri e fiori
51.䷲ Taras: 馬 spezie berbere
52.䷳ Taras: 龵 ganja yoga

Oct 十月 (Shangò)
53.䷴ Raseno: 爻 sedurre intrecciare
54.䷵ Raseno: 穴 viaggi rituali
55.䷶ Raseno :心忄 estasi varie
56.䷷ Raseno: 龠 storie di popoli

Nov 十一月 (Ossàin)
57.䷸ Romulo: 日 achuma cactus
58.䷹ Romulo: 羊 spezie andine
59.䷺ Romulo: 黽 yanomami herbs
60.䷻ Romulo: 鬯 ayahuasqueros

Dec 十二月 (Oshun)
61.䷼ Yolanda: 門 acacie Jurema
62.䷽ Yolanda:鼎 umbandaime 8
63.䷾ Yolanda: 示 orishàs
64.䷿ Yolanda: 曰 canti religiosi


01.䷀ PRIMI TEMPLI - 玉 yù 王 (jade, gemma, rad.96)

Esiste un tempio, ai margini delle antiche terre, vuoto, di forma incerta, spoglio di ornamenti, privo di supplicanti e di officianti, un tempio povero anche di mura, ma pieno di Divino, sta a noi scoprirlo.. Sebastian ascolta il professor Raseno: tra campi e boschi di querce s'innalzano rupi, estese formazioni di tufo vulcanico dei monti Sabatini (lago di Bracciano), Cimini (Lago di Vico) e Vulsini (lago di Bolsena), soggette all'azione erosiva di corsi d'acqua e ridotte spesso ad alture strette, allungate ed isolate da alte pareti verticali su ogni versante.. se Tarquinia (Tarcna) e Cere diedero i natali alla Roma pontificia, gli abitanti delle rupi di Luni, Bieda e Giovenale, diedero vita a Tarchna, al tempo della formazione dei grandi abitati (età del ferro); il popolo delle città costiere nasce dalla migrazione delle comunità più antiche dell'altopiano interno solcato dalle forre, dove la presenza neolitica, su modeste rupi tufacee (castelline) affacciate sui fiumi, reca prima testimonianza uMana, forza che attrasse pure famiglie di dominatori, i Vico, che provarono a erigere un loro castello per fondare il loro prestigio, castello mai completato, lassù, dove un vasto bacino agrario di antiche terrazze simili a risaie, circondava il primo abitato.. nella massa tufacea del vulcano Cimino, presso i corsi d'acqua Vesca e Canino, affluenti del Mignone, emergono i pianori di Luni sul Mignone, centri abitati nell'età del bronzo, con tracce di capanne, focolari e due lunghe trincee tagliate nel tufo, sul modello delle long houses (case lunghe) dei Papuani, degli amerindi Hopi ed Irochesi, dove l'accesso è consentito solo attraverso uno stretto passaggio; fori da palo, tazze e prodotti ceramici di tipo egeo e italo-miceneo, confermano che il pianoro fu occupato da numerose capanne a struttura seminterrata, interpretata dagli scavatori Svedesi come residenza sotterranea di un capo clan o sciamano, e dai villici locali come semplice cantina-magazzino. Seba canta i versi del poema LIBERTAGES, il vangelo (gospel) che narra la storia del tempio Therabuti, un mitico giardino che dopo milioni di anni ricollega l'Africa all'Italia: 'tutti gli anni, con l'arrivo della stagione secca, tra Giugno e Novembre, il popolo degli Elefanti abbandona le savane aride e si muove, seguendo sempre gli stessi itinerari, alla ricerca di zone più ospitali vicine a fiumi e fonti d'acqua inesaurite. A questo punto i nuclei familiari lasciano il branco: il gruppo più piccolo ha maggior garanzia di affrontare la carenza di cibo nelle zone in cui transita, una femmina esperta guida il gruppo, una seconda controlla la retroguardia, ma i ruoli possono invertirsi in caso d'improvvisa ritirata.. gli habitat di questi animali sono cambiati spesso in passato, ecosistemi diversi rispetto a quelli a clima tropicale e sub-tropicale che conosciamo oggi. Nella loro lunga esperienza di vita (65 milioni di anni) gli elefanti hanno subito mute nell'aspetto e dimensioni, adattandosi alle nicchie ecologiche più disparate, i loro resti fossili sono presenti su tutti i continenti, escluso Australia ed Antartide. Pochi milioni di anni fa il genere Homo inizia ad affiancarli, siti africani ed europei attestano questa convivenza, specie in Italia (800.000 anni fa), nel Lazio (tra i due fiumi Marta e Mignone): nel territorio di Tarquinia, lungo la valle del fiume Mignone, in un piccolo boschetto di querce (bosco di Ficoncella) tra due campi arati, una famigliola di Istrici avviò un paziente lavoro di scavo di gallerie.. resti di un Elephas Antiquus (una scapola e due zanne) e 4 schegge in selce (di origine umana) emersero da un substrato vulcanico.. i paleontologi iniziarono un indagine e ricostruirono l'antico scenario faunistico dell'area Tolfa-Tarquinia-Civitavecchia, venne confermata la presenza umana assieme ad altre specie animali, carcasse sepolte da sedimenti deposti dall'acqua di un fiume lento.. nella Valle del Mignone vissero l'Elephas Antiquus, gli antenati del Cavallo (Equus spp), Iene, Avvoltoi, e il Bos Primigenius, il grande Bove immortalato dall'arte Paleolitica nelle grotte di mezzo mondo.. dunque, cacciatori-raccoglitori nomadi della Valle del Mignone fabbricavano manufatti in pietra per cacciare gli animali e sfruttarne le carcasse, come fecero i nostri antenati umani nelle steppe/praterie russe e americane (Altai, Patagonia e Usa) e come ancora fanno gli ultimi nostri cugini che vivono in Africa ed Australia, nel bacino dell'Okavango, o nei deserto del Kalahari e di Gibson. Seba narra dei simposi serali al Terabuti, racconti che si tenevano tra dodici frequentatori abituali e altri ospiti di passaggio. Il Poema comincia così: Tempo fà un sufi, figlio della madre India, Shirdi Sai Baba, venne in Italia assieme al Mahatma Gandhi.. ora accade che, in provincia di Viterbo, dopo aver visitato le grotte degli eremiti di Norchia, poi un antico santuario rupestre nella Macchia delle Valli presso Vetralla, Sai di Shirdi ebbe un ispirazione e volle raggiungere il fiume Biedano nell'omonima valle (forra).. durante una sosta in un campo di Ulivi, ebbe un incontro con uno spirito del posto (genius loci), un figlio di Madre Thera che disse di chiamarsi Tago. Shirdi Sai Baba si fermò a meditare a lungo, il Santuario nel bosco di querce era simile al tempio del suo villaggio, Shirdi, nell'India centrale, là i suoi devoti concittadini avevano voluto che lui dimorasse come un sufi. Entrambre i santuari sono dedicato alla Madre Thera, chiamata Ganga/Yamana nella sua lingua sanscrita, e Demetra in lingua greco/slava; i villici del posto gli dissero che quel tempio venne usato nel corso dei secoli come ovile e cava di peperino, da cui la denominazione di 'Pietrara', nome rimasto nel piccolo centro abitato nelle vicinanze. Il luogo aveva ancora il tracciato viario verso il tempio etrusco-slavo, una tagliata che collega Pietrara al fontanile (Fontana asciutta) alimentato da una sorgente più a valle. L'acqua, ovunque nel mondo, richiama agli umani la sacralità delle grotte dove sgorga, infatti il santuario sorge nelle strette fenditure naturali della parete rocciosa, luogo privilegiato di comunicazione con la divinità. La cella della divinità femminile, nascosta tra le pareti rupestri di peperino, è orientata secondo i punti cardinali e ospita una statua di figura femminile assimilata a Thera/Demetra, la dea Vei degli etrusci, e la Ceres dei greco.romani, al suo fianco stanno frammenti di altre teste di statue.. la Dea indossa un mantello con cintura e un velo che le copre la testa, la mano destra tiene una patera umbilicata, mentre la sinistra sorregge un mazzo di spighe e papaveri. All'esterno della grotta sta una terrazza in cui si compivano gli atti di libagione che dovevano disperdersi nella terra, mentre al fianco sta un deposito di ex-voto per la fertilità e il risanamento di parti malate dei devoti. Il sufi di tutte le religioni, prima dell'imbrunire, riadattò una capanna di butteri tra gli olivi e iniziò a cantare sotto ispirazione e a danzare fino al mattino. Alcuni contadini del posto, videro la cosa e ne furono contagiati, così chiamarono quel posto la Vincella del Drago (botticella di vino mandrago) poichè, inebriati dalla presenza di un bimbo-drago (e buon vino) si videro come pigmei (mbuti) di fronte alla maestà di una natura vista con occhi nuovi, la capanna del simposio fu poi chiamata: la Therabuti (..) Molti decenni dopo, negli anni '70, uno storico del posto, di nome Raseno (Léi sēn in mandarino), durante una ricerca a tutto campo sulle origini del nome del colle Vincella del drago, si imbattè nella storia del capanno Therabuti fondato dal mistico di Shirdi, così, assieme ai suoi colleghi di ricerca, anche di altri paesi (amici della Ghirlanda), viaggio in India al villaggio natìo del mistico, per trovare il mantra di Shirdi che, tornato in Italia, gli permise di rintracciare (mappa sonora) i resti del capanno originario nella valle del Biedano.. In seguito acquistò quel terreno, lo ripulì dai roveti e ripristinò il canto locale a Tago, buttando già la prima quartina del poema Liber tages. Col tempo visitatori vari passavano in quel luogo, chi in cerca di un lavoro, come Seba e Pamela (Lucani trapiantati nella terra degli et-rusci) decisi a rimanervi per ritrovare una vita meditativa, ovvero più lenta e sostenibile, in sintonia con i ritmi stagionali e i geni dei loro antenati; chi per scambiare ricerche ed esperienze con Raseno (Martin dal Messico, Romulo dal Perù, Yolanda dal Brasile, Sesto e Mallendi da Sri Lanka e dal Gabon) o per per offrire un sapere pratico, vedi Emilia l'ortolana e Taras il curandero. Lisa la musicoterapeuta (divenuta poi la compagna di Raseno), introdusse Kinaciau al Therabuti, Kino era un vecchio saggio Zutwasi, maestro di num-tchai, ovvero la danza della Giraffa praticata dai 'boscimani' del Kalahari. Nel 1992 un team del Therabuti, sotto la guida di Sesto, andò in Sri Lanka a visitare Tissagami, l'ultimo leader dei Vanniya-aeto (aborigeni Veddha), nel villaggio di Dambana. Tissagami si batteva per veder riconosciuti dal governo i diritti alla cultura (stile di vita) del suo millenario popolo; al termine della visita fece un oracolo e diede loro una profezia: il messaggio parlava di una età umana sulla Terra chiamata vijnana-maya-kosha. Al ritono in Italia, Raseno riavviò i simposi del tempio Therabuti, accogliendo studenti, ospiti ed esperti di tutti i continenti, desiderosi di ricercare la matrice aborigena di tutti i popoli. Raseno offriva frutti e bevande durante ogni simposio serale, e spesso ripeteva: "un tempio-scuola Therabuti è ogni luogo dove sia possibile richiamare alla memoria dei presenti, il tempo del sogno, il bosco originario (in latino lucus, Luci), la foresta vergine misteriosa, la selva, piena di vita, ma anche di pericoli per l'essere superbo; la natura inconscia di tutte le creature del mondo: acque, bacche, erbe, animali, legna, funghi, umani.. Lucus è la casa degli antenati/dei (domus dei) di questa natura, accogliente, ostile o indifferente, a seconda dell'atteggiamento dell'ospite; è presente fuori e dentro tutte le creature. Se paghiamo un tributo di attenzione ai nostri antenati, sotto forma di versi, inni, musica, cibo, etc., allora c'è speranza che il tempo del sogno (ab origens), il genius loci (Tago), torni a contattarci, e indicarci il sentiero di uno sviluppo sostenibile, un sentiero sicuro su cui poggiare i nostri piedi, per uscire da una selva innaturale, da una commedia tragica a cui sembra destinata la vita umana sul pianeta Terra. Il Therabuti è uno di questi posti, un luogo dove si vedono le orme dei nostri antenati, si ascoltano storie, leggende, aneddoti, canti.. e si vivono esperienze di sempre: lavorare la terra, accudire gli animali, giocare coi bambini e osservare la varietà biologica e culturale della natura, anche umana.. Seba descrive l'OLIVETO del tempio Terabuti, gestito da Emilia con l'inerbimento permanente.. per aumentar la sostanza organica e la ritenzione idrica, lei dice, e prevenir così l'erosione del vivo suolo. Lo sfalcio delle infestanti nell'oliveto-asparagiaia a volte è fatto introducendo avicoli al pascolo, tale consociazione (tra colture e animali), aumenta biodiversità, stabilità e sostenibilità agro-ambientale, oltre a creare condizioni per produrre alimenti di qualità: nell'oliveto-consociato i polli distruggono qualsiasi vegetazione tranne l'asparago pungente, poi spandono eventuali mucchi di letame o altro materiale organico apportato; il pollame si ciba della criocera degli asparagi e appetisce larve e pupe della mosca dell'olivo (Bactrocera oleae); l'animale va comunque gestito, a lungo andare, finito l'alimento preferito, finisce per danneggiare la coltivazione e/o compattare il terreno; l'oliveto intercetta il 55% della luce entrante, infittendo l'oliveto aumenta la produzione di olive ma scende la percentuale d'olio nei frutti; così il 45% della luce disponibile, inutilizzata, può essere usata dall'asparago che, nell'ombra parziale, trova condizioni ideali di crescita: l'asparago selvatico è una perenne di lunga vita e, una volta impiantato, chiede solo sfalcio della vegetazione spontanea. Nel passato il frutteto/vigneto/oliveto, ospitava più specie in consociazione temporanea o permanente: l'oliveto era consociato con colture erbacee (fave, ceci, piselli, lupini) e colture arboree (vigna, fruttiferi, etc), poichè il gelo poteva danneggiare l'olivo.. poi venne la meccanizzazione e divenne competitva (per il basso costo) sulla manodopera della vecchia agricoltura. Oggi la nuova monocoltura specializzata si sta facendo vecchia, e fatica sempre più a mantenersi economica, così la parola chiave diventa: valore aggiunto, si torna all'azienda polifunzionale e policolturale, dove la vendita diretta di più prodotti diviene strategica. Nell'oliveto italico (piccola proprietà a coltivazione diretta), quando è zappato periodicamente, crescono piante eduli spontanee come Borrago, Ortica e Rucola (Diplotaxis tenuifolia), piante oggi riscoperte/coltivate e vendute a ristoranti che offrono risotti alle ortiche, ravioli alla borragine o preboggion ligure (misto di erbe primaverili) oppure consumate nelle sagre dei piatti tipici regionali. L'azienda ideale, oltre al prodotto trasformato (cucinato), vende anche il servizio (la lezione sulle erbe spontanee); nella mente del consumatore queste sensazioni legano il piatto al ricordo dei luoghi visitati e di esperienze fatte, rendendolo unico e diverso dai prodotti acquistabili al supermercato.. i futuri agricoltori, oltre che produrre, dovranno imparare a vendere meglio: le verdure spontanee di campagna sono benefiche come l'olio extravergine di oliva, considerato utile per le sue proprietà antiossidanti e salutistiche dovute ai composti minori dell'olio, principalmente polifenoli; nella dieta mediterranea (patrimonio dell'umanità), le verdure spontanee sono un cibo costante delle persone longeve che la ispirarono.. Seba, dopo aver raccolto le olive assieme a Pamela, Emilia, Kinaciau e Raseno, va al frantoio (olive mills) e attende che il processo di molitura e spremitura delle olive termini.. nel frattempo narra miti e storie dell'albero di OLIVO (Olea europaea) che, nella penisola italica, si concentrano sopratutto nel meridione, dove vari popoli (lucani, calabresi, messapi, siculi, sardi, etrusci, arabesci, etc) già coglievano le olive, da olio e da tavola, in epoche di gioia e di sofferenza, come ricorda un documento sulle raccoglitrici di Calabria. Nel trappeto Sebastian parla del villaggio dei suoi antenati lucani, poi ha un sussulto e intona i versi di Leonardo Sinisgalli, poeta della Val d'Agri (provincia di Potenza) che, sebbene emigrato per lavoro al centro-nord, cantò spesso la Terra dei Lucani, fonte di cibo e identità per i suoi abitanti. Vari canti di Lucania ricordano l'amara nostalgia (saudade) di emigranti in Sudamerica.. Al pellegrino che s'affaccia ai suoi valichi | a chi scende per la strette forre degli Alburni | o fa il cammino delle pecore lungo le coste della Serra | al nibbio che vola all'orizzonte con un rettile negli artigli | all'emigrante e al soldato | a chi torna dai santuari o dall'esilio | a chi dorme negli ovili | al pastore, al mezzadro, al mercante | la Lucania apre le sue lande | le sue valli dove i fiumi scorrono lenti | come fiumi di polvere. | Lo spirito del silenzio sta nei luoghi della mia terra | Da Elea a Metaponto | divora l’olio nelle chiese | mette il cappuccio nelle case | fa il monaco nelle grotte | cresce con l’erba dei vecchi paesi franati. | Il sole sbieco sui lauri | il sole buono con le grandi corna | il sole avido di bambini, eccolo per le piazze! | Ha il passo pigro del bue | che sull'erba e le selci lascia grandi chiazze di larve. | Terra di mamme grasse | di padri scuri e lustri come scheletri | piena di galli e di cani | di boschi e di calcare | terra magra dove il grano cresce a stento (carosella, granturco, granofino) e il vino va con menta (dell'Agri) e basilico (del Basento) | dove l'oliva ha il gusto dell'oblio e il sapore del pianto. | In un'aria vulcanica molto carica | gli alberi respirano con palpito inconsueto | querce ingrossano i ceppi col mana del cielo. | Cumuli di macerie dei secoli | e un ragazzo che sporge sugli orli dell'abisso | per coglier nettare tra cespi di zanzare e tarantole. | Io tornerò vivo sotto le tue piogge rosse | tornerò senza colpe a battere il tamburo | a legare il mulo alla porta | a cogliere lumache negli orti | udrò fumare le stoppie, le sterpaie, le fosse | udrò il merlo cantare sotto i letti | udrò la gatta cantare sui sepolcri? Sinisgalli visse l'infanzia in una casa a strapiombo sul fosso di Libritti, una intricata boscaglia sacra, rifugio di briganti e luogo di saudade. Il padre, tornato dal sud-America nel 1922, ritornò agricoltore e vignaiolo fino alla fine, mentre Leonardo fu convinto a continuar gli studi a Caserta, Benevento, Napoli e Roma.. sebbene preferisse andare a bottega dal fabbro, si laureò in ingegneria ma coltivò sempre la poesia e la nostalgia per la sua Terra natale. Seba recita una sua poesia: A mio Padre: L'uomo che torna solo | a tarda sera dalla vigna | scuote le rape nella vasca | sbuca dal viottolo con la paglia macchiata di verderame | L'uomo porta fresco terriccio sulle scarpe | odore di fresca sera nei vestiti | si ferma a una fonte | parla con un ortolano che sradica i finocchi | è un piccolo uomo che io guardo di lontano | è un punto vivo all'orizzonte | forse la sua pupilla si accende questa sera presso il falò | o accanto alla peschiera dove si asciuga la fronte. La Sierra di Montemurro, verso est scivola in numerose collinette tondeggianti, fra cui la Serra della Monache (1116 m) e la zona più montuosa a nord, chiamata Serra, con le cime del Monte Agresto (1285 m) e l'altopiano di Santo Jaso (1299 m), dove è sorto un parco eolico di 36 aerogeneratori allestito da una società di Bolzano, per la produzione annua di 60 milioni di KWh, evitando 30 mila t di CO2 l'anno, assorbibili da almeno 9 mila ha di bosco. Nella Sierra, già considerata un Santuario lucano, sorse poi la chiesa-santuario di Maria Santissima di Servigliano, distrutta dalla frana, mentre il castrum Montis Murri, distrutto da ricorrenti terremoti come tutta la regione, risentì delle influenze migratorie paneuropee (franco-normanni, visigoti, vandali, longobardi, ispani, albanesi, bulgari, saraceni, gregoriani, angioini, aragonesi) e relative baronie feudali (sanseverino, montesano, borbone, savoia), che influenzarono lingua e credenze dei pre-esistenti popoli italici, Lucani ed Osci, dediti alla caccia-raccolta nelle selve, alla pesca nella marina e sui fiumi, e alla pastorizia sulle serra. Il villaggio iniziale vide poi il presidio-convento dei domenicani, la chiesa francese di san Rocco, la chiesa di Santa Maria del Soccorso annessa al cimitero e al canapaio e infine il municipio moderno. Montemurro, fino al grosso terremoto, fu centro per la concia delle pelli e l'esportazione di cuoio, tessuti, funi in canapa e vasellame in ceramica, mentre oggi rinasce la coltura dell'ulivo e permacultura su piccola scala: la debole economia locale è trainata dalle numerose aziende boschive, sebbene il paese sia raggiunto dal gas metano. Il 16 dicembre 1857 il paese venne raso al suolo dal terremoto che ebbe epicentro in Montemurro (dai 7500 abitanti si giunse a 3655) (evento che tardò di tre anni l'insurrezione lucana o rivolta antiborbonica) capeggiata dal carbonaro Giacinto Albini.. mentre il pastore Antonio Cotugno (Culopizzuto) fu a capo di una banda di briganti montemurresi che aderirono alla protesta antisabauda.. poi arrivò la frana del 1907 e il Terremoto dell'Irpinia del 1980, calamità naturali che provocarono un'altra emigrazione transoceanica, svuotando il paese come tutto il sud Italia.. negli anni sessanta venne costruita una diga idroelettrica a sbarramento delle acque del fiume Agri che, sommergendo parte del territorio di Montemurro, Grumento e Spinoso, diede origine al Lago del Pertusillo, confluito nel Parco nazionale della Val d'Agri e Lagonegrese. Tra i personaggi di Montemurro, Seba ricorda i contandini, i pastori mulattieri, i pittori napoletani, Giuseppe Capocasale detto Albionio Tagetano, precettore del re Ferdinando, famoso perchè rifiutò diversi vescovadi, ritenendo di dover operare in povertà la sua missione senza contaminazioni di potere; Maurizio De Rosa, capitano dei veliti a cavallo in Russia con Napoleone; Giacinto Albini che fondò a Montemurro un comitato antiborbonico tra i commercianti montemurresi, per diffondere le idee di Mazzini in tutto il Regno di Napoli (Lucania, Puglia, Calabria, Cilento) e, sebbene condannato tre volte dalle corti borboniche di Napoli, Potenza e Catanzaro, riuscì sempre a evitare la cattura, rimanendo nascosto nella masseria della famiglia Marra, anche durante il terremoto del 1857, quando sopravvisse sepolto dalle macerie per oltre 24 ore.. la caccia dei Borboni contro i rivoluzionari lo costrinse a trasferirsi a Corleto Perticara e, nel 1860, dopo dodici anni di cospirazioni, i rivoluzionari lucani insorsero contro i Borbone e annessero la Grande Lucania al Regno di Sardegna, Garibaldi lo nominò prodittatore della provincia di Basilicata con poteri illimitati, poi fu eletto parlamentare del Regno d'Italia.. la sua famiglia discese da Sarconi nel 1521 a seguito del matrimonio di Nicola Albini con Aurelia D'Elia, appartenente alla nobiltà baronale montemurrese, e diede natali a poeti, cerusici, dottori e giornalisti Rai; Antonio Cotugno (1823-1870), brigante; Leonardo Sinisgalli, ingegnere, pubblicitario, poeta, collaboratore di Pirelli, Finmeccanica, Olivetti, ENI ed Alitalia (fondò la rivista Civiltà delle Macchine), Enrico Fermi lo voleva tra i suoi allievi, ma egli preferì la poesia all'atomica; Maria Padula, pittrice e scrittrice; Pascoal Ranieri Mazzilli, politico brasiliano. Montemurro confina con i comuni della Val d'Agri: Sarconi (7 km), Tramutola (13 km), Viggiano (14 km), Grumento (16 km), Spinoso (17 km) e Marsicovetere (18 km). Sarconi (Sarcùni in lingua lucana, 1.407 abitanti) ha valorizzato la sua secolare coltura del fagiolo (circa 20 varietà diverse), celebrato nell'annuale Sagra del Fagiolo di Agosto. Una leggenda narra che i villaggi di Moliterno e Sarconi nacquero dalle genti raccolte attorno alla torre longobarda, per poi divenire feudo di altri popoli nord europei (Normanni, Svevi, Angioini), fino agli Aragonesi Sanseverino di Salerno. La stessa linea di dominatori europei e successive baronie, possiede Grumento (1.737 abitanti, 780 m slm), paese sorto presso i resti di un antica città gregoriana (grumentum).. dopo la conquista francese, Tommaso di Saponara fu nominato da Giuseppe Bonaparte ministro del Regno di Napoli e, dopo il terremoto del 1857 che provocò 2000 vittime, il suo nome si accosto a Grumento (Saponara di Grumento). Il paese di Armento sorge sulla via Galasa (greco Γάλασα), coinvolta nelle saghe della guerra di Troia.. ha resti di antiche mura, templi dedicati divinità greche e una necropoli; poi, monaci basiliani si stanziarono in Val d'Agri, e Armèntos (Αρμέντος) divenne gregoriana, bizantina, poi dominio svevo, angioino e spagnolo.. nell'Ottocento seguì le vicende dei moti carbonari, dell'insurrezione lucana, e infine la piaga dell'emigrazione. Corleto Perticara è un altra comunità lucana sorto su un colle, soggetta nei secoli a conquiste e colonizzazioni di vari feudatari, quindi finita nelle saghe e leggende dell'imperatore Barbarossa in rivalsa coi Normanni.. a cui succedettero i Suebi, Angioini, Aragonesi e Riario, fino alla fine del sistema feudale. Corneto, suo primo nome, ricorda un sacro Bosco di Noccioli, mentre Perticara richiama le rovine di una colonia gregoriana nella Serra Perticara, presso l'attuale centro abitato, un massiccio fortino cinto da un profondo fossato con funzione difensiva contro le incursioni esterne. La roccaforte, che campeggia sul paesaggio circostante, fi distrutta dai bombardamenti statunitensi durante la ritirata tedesca del 1943.. oggi resta solo una cisterna sotterranea, e sui suoi ruderi venne costruito il nuovo Municipio: ancor oggi i corletani indicano la grande Piazza del Plebiscito, come la Piazza del Fosso. Negli anni successivi al dominio borbonico, Corleto fu un centro dell'insurrezione lucana contro quella dinastia che, dopo una lunga cospirazione, fu dichiarata decaduta il 16 agosto 1860 in Piazza del Fosso, rinominata quel giorno in Piazza del Plebiscito.. tuttavia, dopo quella data, il brigantaggio postunitario, finanziato dagli oppositori del processo di unificazione dell'Italia, trovò in Corleto irriducibili delusi. Allevamento e agricoltura (vini, latticini, tele, camicie e lenzuola in lino e canapa) si affiancano alla lavorazione della pietra, del legno e del ferro, alla carpenteria, produzione di calce e calcestruzzo, fino al 1989, con la scoperta di un vasto giacimento petrolifero su 30.000 ha di terreno boschivo già sfruttato nella produzione di energia eolica, che fece sfumare l'ipotesi di un Parco Nazionale dell'Appennino Lucano. Tra i corletani è diffusa la consapevolezza che il petrolio è causa diretta del declino demografico, dissipazione delle risorse, elargizioni clientelari di privilegi e favori senza fine: l'estrazione di idrocarburi a pieno regime comporteranno 50 mila barili di greggio al giorno, gas naturale per 250.000 m³, GPL e zolfo. Viggiano, un altro paese della Val D'Agri, ospita insediamenti preistorici databili al IV millennio ospitano capanne della transumanza e necropoli dell'età del bronzo con tombe ricoperte da cumuli di terra e piccoli tumuli posti a semicerchio intorno ad essa: la capanna, nella sua parte orientale, possiede grandi contenitori interrati usati come depositi di bevande, mentre nella parte occidentale conservava le derrate solide. Già da allora, sulle alture che dominano la Val d'Agri si sviluppò una fitta rete di fattorie rurali con associate piccole necropoli, l'attività economica prevalente era lo sfruttamento del territorio con terrazze di vite, olivo e graminacee dove possibile: in località Masseria Nigro, un grande fabbricato in pietra, provvisto di cortile centrale e diversi vani disposti lungo tre suoi lati, fu probabilmente un dormitorio neolitico simile ai puebla dei nativi americani, adibito poi a monastero nelle epoche successive, quando altre due comunità di monaci basiliani, di rito grego-bizantino, si insediarono in contrada santa Barbara sulla vetta di uno sperone roccioso a picco sul torrente Casale, in fuga da Costantinopoli assediata dai saraceni. La leggenda vuole poi che il borgo passo di mano tra i feudatari normanni, longobardi, svevi e angioini, fino ai Sanseverino e alle storiche baronie francesi e spagnole: nel 1806 una rivolta filo-Borboni fu repressa con la fucilazione di 57 civili da parte delle truppe francesi al seguito di Gioacchino Murat.. il paese venne anch'esso distrutto dal terremoto del 1857 e poi ricostruito, poi ricolpito da quello del 1980.. dopo l'unità d'Italia esplose il brigantaggio filo-borbone che, con lo spegnersi di ogni speranza, portò i capibanda a cercare l'espatrio, sulla scia dei molti migranti verso le Americhe, Australia e Sudafrica, che dimezzò la popolazione da seimila a tremila.. a fine 800 venne fondata a Viggiano la loggia Massonica della Val d'Agri, che affiliò più persone di quella di Potenza, mentre nel 1889, la nascente Banca Mutua Popolare divenne una delle più prospere della Lucania, ma durò solo due decenni, a causa dell'alto numero di morosi che si erano resi irreperibili con l'emigrazione all'estero. Da metà anni novanta iniziò lo sfruttamento petrolifero del territorio da parte dell'ENI, con la costruzione di 42 pozzi petroliferi e del Centro di prima raffinazione, dando vita alla più grande piattaforma petrolifera dell'Europa continentale: associazioni agricole e ambientaliste criticano royalties ed estrazioni che, secondo le loro denunce, impattano poco sull'occupazione e gravano molto su salute ed ecosistema. Viggiano, oltre che per i giacimenti di petrolio, è nota per l'Arpa italica, strumento musicale in legno di pero selvatico, usato per accompagnare i riti religiosi e le feste dei lucani.. l'ultimo suonatore di Arpa di Viggiano, l'anziano Luigi Milano racconta momenti pieni di emozione, di quando si guadagnava da vivere suonando l'arpa portatile (ngomo in Africa) per le contrade e le case lucane, nei periodi natalizi, durante le novene e in altre feste, accompagnato da un violino, voce e zampogne. Già nel 700 molti viggianesi si dedicavano al suono dell'arpa, tanto che il motto era: ho l'arpa al collo, son viggianese | tutta la Terra è il mio paese.. suonavano sotto il freddo ma si sentivano liberi come tanti arpaioli che, negli anni dell'emigrazione in Sud America, Australia e Sud Africa, in cerca di fortuna, portarono quest'arte in giro nel mondo, incontrando a volte nel loro percorso, rituali simili che provocavano negli arpisti sorpresa e scambi, di ritmi e motivi, come nel caso dei Buitisti e dei Pigmei della west Africa, o Francesco Miglionico, arpista e violinista alla corte di Pietro II, Re del Brasile.. altri giunsero anche alla Chicago Orchestra. Viggiano è adagiato sui fianchi scoscesi del Monte Sant'Enoc, due speroni rocciosi di forma circolare che formano un contrafforte; sul versante nord sgorga oggi (località Pisciolo) una sorgente d'acqua perenne sufficiente ai bisogni della piccola comunità. Sulla sua cima a 1023 m, stanno le rovine del castello medievale, mentre a fondovalle, alla confluenza del torrente Casale col fiume Agri e il confine di Grumento, sta l'area industriale e di estrazione oli. Il suo territorio include il sacro Monte di Viggiano (1725 m) che ospita il Santuario della Madonna Nera, i Monti della Maddalena, il monte di Enoc (1476 m) con crinali punteggiati da dirupi ricoperti da boschi cedui poco accessibili e pendici che ospitano i maggior pozzi petroliferi; il monte Volturino e un paio di affluenti del fiume Agri: qui i ruderi di diversi mulini costruiti nel tempo, testimoniano l'antica forza delle acque di questi odierni ruscelli, che alimentavano le Fontane dei pastori. I boschi, che coprono il 35% del territorio, sono costituiti da varie specie di cerro (Quercus cerris, Quercus delechampii, Quercus lanuginosa), farnie e, nei luoghi più umidi, pioppo, salice ed acero. Sopra i 1000 m prevale il faggio a cui si associa l'abete bianco. Le zone montane offrono rifugio ad una ricca fauna: lupo appenninico, volpe, lepre, riccio, scoiattolo, daino, cinghiale, il nibbio bruno, nibbio reale, poiana e gheppio. Il popolamento delle aree rurali è influenzato dalla quota altimetrica, al salire dell'altitudine descresce la popolazione: a fondovalle, pianeggiante e irriguo, sta un fitto reticolo di fattorie e masserie abitate, con case coloniche in pietra provviste di porticato e una torre colombaria a pianta quadrata; ad altitudini fino a 1000 m sta il centro abitato, vigneti, uliveti, prati e boschi cedui, mancano le masserie, e le case coloniche sono simili ma più piccole di quelle a valle; oltre i 1000 m stanno i pascoli, i boschi cedui o ad alto fusto (più in alto), i suoli improduttivi, rare coltivazioni sui terreni meglio esposti e scarsa o assente popolazione, fatta di qualche eremita e pastori di ovini, bovini ed equini. Come tutti i paesi situati in una conca intermontana appenninica, quale è l'alta val d'Agri, Viggiano ha un clima continentale, cioè inverni freddi e ventosi ed estati calde e siccitose, in quanto poco esposta all'influenza marina; le piogge abbondano nelle zone montane e decrescono rapidamente fino a fondovalle. La stagione secca inizia a metà luglio e termine a metà settembre ma, negli anni siccitosi, può protrarsi da metà giugno a inizi ottobre, aumentando il rischio di incendi. Da metà ottobre a fine maggio la pioggia è frequente, il terreno resta fangoso e melmoso nelle zone montane, con rischi di possibili smottamenti e modeste frane, inoltre in questa stagione, vi sono foschie dense al mattino e banchi di nebbia fitta nelle ore notturne. Sopra i 1200 m, durante l'inverno e nei mesi di maggio e novembre, possono verificarsi nevicate di breve durata, mentre in montagna tempeste di vento o pioggia di lunga durata, rare tormente, e il terreno può risultare in permanenza ghiacciato nelle zone a nord; frequenti sono le gelate invernali, più intense in montagna, con brina che persiste anche molte ore dopo l'alba nei punti non battuti dal sole. La Madonna Nera di Viggiano è una statua in legno d'olivo di incerta datazione, interamente dorata eccetto nel volto, raffigura una Madonna in costume greco con in grembo un bambinello. Fu incoronata Regina e Patrona della Lucania dal papa Giovanni Paolo II nel 1991 durante la sua visita in terra lucana. La prima domenica di maggio è traslata dalla chiesa Madre con una solenne processione attraverso un percorso di 12 km e circa mille metri di dislivello, fin sulla cima del Sacro Monte, a 1735 m, dove ha sede il Santuario; la prima domenica di settembre la Madonna percorre il tragitto inverso con identiche modalità, la festa dura tre giorni, dal sabato al lunedì, con migliaia di pellegrini lucani e campani, un grande mercato e concerti di musica. I suonatori d'arpa viggianesi sono presenti nei presepi di Napoli, e rivivono oggi nella scuola dell'Arpa Popolare Viggianese, nell'azienda Salviharps, leader mondiale nella costruzione delle arpe, e nel festival d'agosto di arpe e flauti. Lauria deriva il suo nome dai boschi di Lauro (nobile), santuari naturali di slavi e lucani, in cui venne edificato il primo castello, mentre i bizantini (greco-romani, gregoriani) chiamarono laurion il contenitore per l'olio posto sotto il torchio.. Lauria nacque dunque attorno al santuario dei Lucani (poi laura basiliana, monastero), poi i Saraceni, stabiliti nel rione Ravita (arabo Rabit, zona annessa), costruirono il Castello con borgo, divenuto in seguito sede di un feudo normanno, artigianato e commerci. Tale storia si intreccia con l'impero gregoriano, quando Michele, imperatore di Bisanzio (Istanbul), diede alla città il simbolo del basilisco con la scritta Noli me tangere.. distrutta dai Visigoti, Vandali e Turcomanni che presero l'impero di Costantino, venne abbandonata dalla popolazione che si spostò nel quartiere Ravita, ai piedi della torre costruita dai Saraceni per sorvegliare le incursioni e, in seguito, sostituita dal castello dell'ammiraglio aragonese Ruggiero di Lauria. Fu così che Lauria divenne centro politico ed economico della Valle del Noce e della Grande Lucania.. si susseguono leggende e saghe di capostipiti di baronie normanne, sveve, aragonesi, angioine.. fino a Guglielmo d'Altavilla, che aggiunse un Lauro sullo stemma a fianco del basilisco, e fece insediare una laura di monaci basiliani sulla sommità del colle Armo, al fine di educare il popolo alla sua nuova politica e religione: tale chiesa sarà poi distrutta dalle truppe napoleoniche del generale Andrea Massena, e poi ricostruita come santuario della Madonna dell'Armo. Il feudo crebbe divenendo Contea dei Signori Sanseverino, mentre le bolle dei papi autorizzarono altri monasteri; naturale centro di transito per scambi commerciali e flussi migratori tra Campania e Calabria, sede vescovile de facto, subì una battuta d'arresto con la peste del 1655, dove morì un quarto della popolazione, poi col massacro di Lauria del 1806, dovuto alla resistenza borbonica contro l'avanzata napoleonica, conseguenze di questa repressione furono l'incendio dell'archivo cittadino e il trasferimento di tutti i presidi statali (ospedale, tribunale e caserme) a Lagonegro. Durante la Seconda Guerra, Lauria subì il bombardamento di aerei statunitensi, finalizzato alla distruzione del comando tedesco, perirono molti civili.. sempre qui, nel 1973, avvenne il pagamento del riscatto, e successivo rilascio, del nipote del petroliere Jean Paul Getty, allora l'uomo più ricco del mondo, operato dalla 'ndrangheta. Oggi Lauria, per la sua vocazione, è centro principale e più popoloso dell'area, vanta un territorio rurale più popolato del centro cittadino; simbolo del comune resta il basilisco, aggrappato ad una pianta di lauro con la scritta 'Noli me tangere (non mi toccare).. avviso ai forestieri sulla fierezza dei suoi abitanti. Nel territorio lauriota s'innalzano le vette del massiccio del Sirino (2005 metri), innevate per buona parte dell'anno, le fresche sorgenti del Sinni, due laghi e giacimenti petroliferi.. Il dialetto lauriota nasce dalla fusione delle lingue dei monaci bizantini (grego-romani) e delle genti slave autoctone, divisione sociale che si rispecchia nel rione castello (u castiddu) e nel borgo (u burgu). Piatti locali sono la polenta con salsa di pomodoro, le variopinte minestre rustiche a base di verza, accompagnate da costine di maiale ed erbe di campagna, oppure il capretto alla brace o al forno, con contorno di funghi, asparagi e cime di rape. Infine, prodotti dei pastori del monte Sirino sono i formaggi, ricotte fresche e stagionate, salumi e salsicce. Nelle varie stagioni arrivano poi i Taralli, focaccia bianca o al pomodoro (pizzàtulu), dolce invernale di riso, cioccolato, uva passa e sanguinaccio. I popoli hanno usato le presse per olive da almeno 5000 anni, antiche presse sopravvivono al Frantoio di Tazlida in Marocco, seguendo le seguenti fasi estrazione dell'olio: olive defogliate, lavate (per ottenere una pasta oleosa), frantumate (con nocciolo s'ha più drenaggio in pressatura), gramolazione (mesciate per 20 minuti), pressatura manuale e con torchio (uso telo canapa/juta ad estrarre il mosto olio/acqua), separazione dell'olio (riposo e decantazione naturale, l'olio è più leggero dell'acqua), raccolta con mestolo (fermezza di mano) dell’olio affiorato. Dopo circa un’ora, da 4kg di olive si ottennero 400ml di olio extravergine di oliva. In Abruzzo, le foglie di olivo sono usate contro i foruncoli mentre, l'unzione di olio ferrato rovente è usato contro i morsi di vipere. Nella Tuscia vulcanica son diffuse le cultivar Caninese, Maurino, Olivone di Viterbo, Crognolo, Frantoio, Leccino, Moraiolo e Pendolino. L'Olivo Canino è una varietà presente fin dal tempo degli Etruschi (Rasna): è rustica, adattabile al terreno, di chioma ricca ed elevata produttività. I frutti piccoli, sono resistenti al distacco e maturano tardivamente a scalare. Altri buoni impollinatori sono Leccino, Moraiolo, Frantoio, Maurino e Pendolino. Olivo Leccino (o silvestrone), pur coltivata in tutte le zone olivicole del mondo, è albero vigoroso a portamento assurgente ed aperto, con andamento inclinato dei rami principali e secondari. La chioma è ampia, espansa, con molti rametti penduli, arcuati all'apice; foglie lanceolate e verde grigio; frutti riuniti a gruppi di 2/3 per infiorescenza, di media pezzatura (2-2,5 g), forma ellissoidale, apice arrotondato e base appiattita. Alla raccolta le drupe son nero–viola e si prestano anche al consumo da tavola. Il Leccino tollera le avversità climatiche (freddo, nebbia e venti) e alcune patologie (rogna, occhio di pavone e carie), mentre è sensibile alla fumaggine; è autosterile e si impollina con Pendolino, Maurino, Frantoio e Moraiolo. Matura precoce e in contemporanea, dando molto: resa al frantoio 15-18%, olio di buona qualità, dolce ma senza picchi aromatici. L'Olivo Piangente (Pendolino o Maurino fiorentino), ha trovato larga diffusione nel centro Italia; ha portamento pendulo e dimensioni modeste; chioma folta e ricca di foglie lanceolate, strette e lunghe, di medie dimensioni e colore verde-grigio scuro. Il frutto è medio-piccolo (1,5 g), nero con superficie pruinosa, forma obovata, asimmetrica e apice arrotondato. Produce molto polline ed è compatibile con molte cultivar da olio e da mensa; tuttavia è sensibile all’occhio di pavone (cicloconio) e alla rogna e ha media resistenza al freddo. La maturazione dei suoi frutti è mediamente precoce e contemporanea: resa media al frantoio 13-18%, olio di gusto delicato e molto gradevole. L'Olivo Moraiolo (Morello, Morellino) è pianta di media o scarsa vigoria con branche a portamento assurgente tendenti a divaricarsi e rami fruttiferi diritti. La chioma, raccolta, è ricca di foglie a forma ellittico lanceolata, verde grigio e di medie dimensioni. Tollera bene la siccità ma ha media resistenza al freddo, alla carie, occhio di pavone e alla rogna, inoltre è sensibile a ristagni di umidità atmosferica e del suolo. Necessita impollinatori. Frutto medio (1,5 2 g), rotondeggiante, sferoidale, simmetrico: alla raccolta le drupe sono nero violaceo opaco. La maturazione è precoce e contemporanea: resa al frantoio 18-20%, olio fruttato, armonico, amaro e piccante. Il Frantoiano (correggiolo, gentile, infrantoio) è varietà Toscana, diffusa in tutte le zone olivicole del mondo. Albero di media vigoria, ha rami principali molto tortuosi e inclinati e rami fruttiferi sottili, flessibili, penduli. Foglie lanceolate e verde lucente. Frutto ovoidale (2-2,5 g), allungato, dal verde chiaro al nero violaceo, con rade ma visibili lenticelle. Si adatta bene ai vari tipi di terreno ma ha scarsa resistenza al freddo e all’occhio di pavone. Autofertile, si avvantaggia della impollinazione incrociata con Leccino, Maurino e Pendolino. Molto precoce nella messa a frutto (anche in piante in vivaio), matura scalarmente e tardi, produce molto e rende al frantoio fin 18-22%, olio di ottima qualità fine, sapido, fruttato. L'Olivo Ascolano (od Oliva dolce) è cultivar originaria della provincia di Ascoli Piceno, ma è coltivata quà e là. Pianta mediamente vigorosa a portamento assurgente e chioma densa. Foglie regolari e di colore verde intenso; frutto grande (8-10 g), ellissoidale, con polpa tenera e bianco lattea, è destinato alla mensa. Resiste bene a freddo, occhio di pavone e rogna; ma poco alla mosca. Autosterile: buoni impollinatori son Rosciola, Pendolino e Santa Caterina. Matura precoce e produce molto, resa al frantoio è 16-18%. L'OLIVELLO SPINOSO (Hippophae rhamnoides, elaeagnacee) è un arbusto cespuglioso a foglia caduca, crescita rapida, denso e ramificato, con lunghe spine, pollonifero e formante fitte macchie, dal Mediterraneo fino al Tibet; i suoi rami bassi deperiscono per l'ombra dei suoi rami superiori, mentre muore se posta all'ombra di grandi alberi; in Italia cresce fin 1700 metri slm, mentre nell'Indu-kush, fin 4000 metri in suoli acidi (pH 5), salini (pH 9.5), aridi e inondati; le sue radici han molti ricacci che fissano il suolo, colonizzando greti, pendii franosi e calanchi. La pianta è dioica, ovvero, stami e pistilli son su piante diverse: in inverno la femmina si riconosce dalle gemme fiorali più piccole, e fiorisce in maggio, prima della comparsa delle foglie. Si distingue dai salici per i frutti carnosi eduli, e le squame argentee delle foglie. La bacca è giallo arancio, raccolta in ago-ottobre, è usata per succhi, marmellate e liquori; ha polpa molto astringente e poco gradevole al palato ma, dopo semplice surgelamento, diviene più appetibile. Ricca di vitamine C (più di kiwi e agrumi), E, K, beta-carotene, acidi grassi, proteine e aminoacidi liberi. Si adatta a qualsiasi terreno, formando siepi alte e spinose, sopporta aria ed acqua salmastre, inquinamento, freddo e siccità; Nelle regioni temperate sopporta sbalzi di clima (da -43° a +40°), potendo avvalersi di un esteso sistema radicale in simbiosi con frankia (actinomiceto azotofissante): in Cina è usata a consolidare e conservare l'acqua sub-superficiale. Si propaga per seme, talee di germogli, radici e di rami adulti. La medicina afghana usa semi e polpa dei frutti per la cura di bruciature e infiammazioni oculari e cutanee, tumori e disordini digestivi e respiratori. Le foglie dell'olivello erano usate dai bizantini come vigorizzante per cavalli, le sue proprietà medicinali sono citate anche nei quattro libri della farmacopea Tibetana (Rgyud bzi) del medico Yu Tuo Yuan Dan Kong Bu, che, delle bacche, valorizza le virtù febbrifughe, sfiammanti, espettoranti, blando lassative, antidoto a intossicazioni, trattamento di raffreddori (polvere di OS insieme a punica granatum e piper longum), tumori e ingrossamento di esofago e stomaco, ascessi, catarro, riduzione di flegma, edemi (assieme a myristica fragrans, cardamomum e miele), febbri e ostruzioni da catarro (frutto ingerito assieme a glycyrrhiza uralensi, vitis vinifera, phyllantus emblica, ladimira souliei e miele), indigestione e fegato malato (polvere di OS assieme a punica granatum, ferula assafoetida, zenzero e sali ammoniacali); gli estratti delle bacche sono usati anche per la cura dei disordini cardiovascolari, eruzioni cutanee, bruciature, tumori, dolori articolari, disordini digestivi e respiratori, vigorizzante di milza e polmoni, antidoto a intossicazioni alimentari, antibiotico, analgesico e rigenerante di tessuti. Russia e Cina hanno incluso gli oli estratti da semi e bacche di OS nella loro farmacopea ufficiale, producono così olio di OS, per la cura delle infiammazioni orali, intestine e vaginali, ustioni da radiazioni Uv-B leggere, ulcere gastro-duodenali, geloni e dermatiti da malnutrizione, asma e rinvigorente del sangue; le bevande a base di olivello spinoso (shawikang e jianbao) sono divenute ufficiali nella dieta degli atleti cinesi a partire da Seul 1992, mentre l'olio estratto dalle sue bacche, è usato dagli astronauti russi come fonte di vitamine e protezione dalle radiazioni cosmiche. Oli e creme proteggono e idratano la pelle (cura di placche senili, acne) ritardandone l'invecchiamento. 01.䷀ PRIMI TEMPI

02.䷁ NUTRIRE LE TERRE - 土 tǔ (terra, rad.32)

Seba al simposio della sera invita Mauro Iob, agricoltore biodinamico italiano, a parlare di Alchimia e Compostaggio: gli Egizi chiamavano la loro terra Misra e Kemi, in arabo, Al Kemi, declinato poi in Al-Kimiyah الكيمياء, ovvero l'arte egizia di fondere più forze in unione mistica: nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si cangia. Le illustrazioni medievali e rinascimentali ritraggono tre principali stadi in cui la materia si trasforma (la nigredo, l'albedo e la rubedo) a mezzo di simboli animali reali o fantastici: corvo, cigno e fenice. Anche il serpente ouroboros, che si mangia la coda, ricorre in figurazioni alchemiche come simbolo della ciclicità del tempo e dell'En to Pan (Uno in Tutto). In Cina abbiamo il drago-fenice, e la fenice depone l'uovo cosmico contenente la sostanza da trasformare; l'Alchimia cinese, documentata nel Ts'an T'ung Ch'i (classico del Canone taoista scritto da Wei Po-Yang) e legata al Libro delle Mutazioni (I jing), afferma che le dottrine taoiste e i procedimenti alchemici sono variazioni di un'unica materia: i cinque stati di mutamento (acqua, fuoco, legno, metallo e terra) e i due contrari, yin e yang (luna e sole), dalla cui dinamica si originano gli elementi. Ogni elemento combinato con yang differisce da quello combinato con yin: il primo è attivo, il secondo passivo. La medicina cinese ha ereditato dalle due scuole di alchimia daoista (esterna ed interna) l'erboristeria e il qi-gong: la scuola esterna ricerca la lunga vita nella produzione di rimedi, elisir e pillole ricavate da vegetali, minerali e animali; la scuola interna ricerca l'immortalità con pratiche psicofisiche capaci di trasmutare sostanze e funzioni vitali corporee (respirazione, circolazione, digestione, eiaculazione, endocrinesi, etc). I vegetali sono i produttori del bosco, catturano il num-qi (prana, mana) grazie ai fotoni del sole (luce e calore), acqua, aria (CO2) e terre (sali minerali), e lo immagazzinano nelle molecole organiche (zuccheri, grassi e proteine). I consumatori del bosco, dopo gli animali superiori, fan spazio ai piccoli organismi decompositori che in parte mineralizzano la materia organica ri-trasformandola in acqua, aria (CO2, N2, etc), e sali minerali, e in parte la convertono in HUMUS, materia organica stabile e indecomposta che a lungo resta nel terreno formando quel terriccio scuro e profumato tipico del sottobosco. L'humus delle foreste nasce dalla lettiera del sottobosco che viene biodegradata da vari microorganismi che agiscono in sinergia e sequenza: acari e insetti del suolo che sminuzzano e si nutrono di carogne; poi diverse specie di batteri (aerobici e non) che si alimentano dei succhi cellulari; infine i funghi che con le loro ife si insinuano ovunque e decompongono le molecole più resistenti (cellulosa e lignina) e, col tempo, pure i metalli. L'umificazione avviene più intensamente negli strati superficiali del terreno e subisce l'influenza di fattori che agiscono sui microorganismi: bioelettricità, temperatura, umidità, pH del suolo. I piccoli batteri lavorano costantemente con le piante, sono cuochi che, efficienti, archiviano l'humus nella terra, al fine di soddisfare le esigenze nutritive delle piante. L'humus contiene i minerali della terra e il qi del cosmo, aiuta a compiere la sacra missione necessaria a tutte le cose viventi; humus può avere influenza diretta o indiretta sulla salute di piante, animali e uomo: l'animale riconosce subito che l'humus, elemento conduttore di elettricità, trasmette loro benessere, così si sentono a loro agio in esso. Ogni capello, piuma, e ciascuna parte appuntita sul corpo animale, allo stesso modo delle punte di una foglia, è un piccolo parafulmine: protegge e conduce bio-elettricità (num-qi); dove il cinghiale, il porco o la zappa, grufolano il suolo, si hanno molti punte e l'ossigeno nutre un intensa vita nel terreno. Thera assorbe elettricità atmosferica in due modi distinti: usa la vegetazione ausiliaria e usa le proprie punte (vette, angoli di rocce, cristalli di neve e ghiaccio, etc), tutti lavorano come parafulmini, con prevalenza dei punti più alti. Le punte dei minerali raccolgono le correnti in eccesso e le serbano per le piante: per esempio, il Monte Bianco ha molte punte permanenti e attira irresistibilmente la prima nuvola carica di elettricità che passa; così il vertice del vulcano Haleakala, sull'isola di Maui, è considerato un luogo di forte mana: gli Hawaiani credono che l'intera isola di Molokai possegga forte mana, così molte battaglie tra gli hawaiani, prima dell'unificazione di Re Kamehameha, riguardarono il possesso dell'isola. Nelle zone vulcaniche escono fuori solfatare, getti di acido solfidrico (H2S, soluzione acquosa del solfuro di idrogeno).. nella medicina Ligure i candelotti di ZOLFO (sulfur) sono usati per diagnosi a trovare il punto in cui la schiena è contratta. Lo Zolfo ha numero atomico 16, inodore, insapore, abbondante nella forma cristallina giallo intenso, puro nelle regioni con vulcani attivi, o presente sotto forma di solfuri e solfati in molti minerali. Zolfo è basilare a tutti gli esseri viventi, parte di molte proteine, presente in due amminoacidi: cisteina e metionina (anche omocisteina e taurina) e altri enzimi necessari alla vita di qualsiasi cellula; alcuni batteri fanno fotosintesi usando il solfuro di idrogeno (acido solfidrico in soluzione acquosa) al posto dell'acqua, per averne elettroni. Zolfo può creare sali come il solfato di rame (CuSO4), usato in agricoltura, oppure per ossidare ferro (Fe) e zinco (Zn). Lo zolfo è assorbito dalle piante sotto forma di ione solfato ma, le grandi quantità di carbone bruciate dall'industria e dalle centrali elettriche, immettono ogni giorno nell'atmosfera molto biossido di zolfo, che reagisce con l'ossigeno e il vapore acqueo dell'aria per formare acido solforico; tal'acido forte ricade a terra sotto forma di piogge acide, che acidificano i terreni e le acque dolci, causando gravi danni all'ecosistema di molte regioni industrializzate. Nell'industria lo zolfo è ricavato come scoria di raffinazione degli idrocarburi, e si usa per ricavarne fertilizzanti fosfatici, fuochi d'artificio, polvere da sparo, testa di fiammiferi, lassativi (solfato idrato di magnesio detto magnesia), insetticidi, fungicidi, disinfettanti, produzione di acido solforico (H2SO4) per batterie e detergenti, produzione di acido solforoso (H2SO3), vulcanizzazione della gomma. Si usa anche come fungicida e nella manifattura di fertilizzante. I solfiti vengono usati per sbiancare la carta e conservanti nella frutta secca; il tiosolfato di sodio o ammonio si usa in fotografia per fissare pellicole o foto; la magnesia è anche un esfoliante nel giardinaggio e concime per suoli carenti di magnesio. In passato, le sostanze chimiche, nominate secondo criteri pragmatici diversi per regione, mutavano col mutare di conoscenze ed usi delle stesse: capitava che venivano dati gli stessi nomi a sostanze simili per vicinanza di utilizzo, oppure si permetteva un prestito di nome da una cosa all'altra. Alchimia e farmacopea introdussero la figura dell'iniziato demiurgo di sali: la potassa poteva essere sal juniperi (o sal gentianae), il solfato di sodio idrato era il sale di Glauber, e il Nitro (nitrato di potassio) venne detto salnitro, usando la stessa radice di natron, cioè la Soda Na (carbonato di sodio). La lingua Egizia da cui provengono le parole NITRO e NATRON, ignorava le vocali, così n'trj derivò dal toponimo el-Natrun, una depressione desertica a ovest del Nilo, chiamata Nitria, dove resistono tre monasteri (Wadi di el-Natrun) e ospitante i laghi da cui veniva ricavato il natron (carbonato di sodio) usato per la mummificazione. I due sali sono egualmente bianchi, facilmente cristallizzabili, solubili (il carbonato più del salnitro) e intercambiabili nell'uso.. la leggenda della scoperta del vetro da parte di mercanti fenici di nitro, li vuole accampati presso il fiume Belo, in Siria; quelli, accendendo il fuoco, fusero accidentalmente quel sale con la sabbia del fiume, di pura silice, ottenendo il primo vetro.. sebbene il salnitro (efflorescenze pulviscola) sia usato per alcuni tipi di vetro, il costituente primo del vetro è la soda, un prodotto pietroso, così i letterati che scrissero Plinio confusero nitro con natron (Fomenko docet). In seguito gli Arabi scoprirono che il natron può essere ricavato dalla cenere (al-kali) delle piante, e alcali vennero dette le sostanze di natura basica così ottenute (l'alcali naturale fu a lungo l'unica base a disposizione): le piante acquatiche forniscono in prevalenza natron, mentre quelle terrestri il nitro, cioè quello di potassio. Dopo che i Cinesi inventarono la polvere da sparo, grazie al salnitro ricavato da efflorescenze di stalle e cantine, molti governi ne affidarono la raccolta a feroci appaltatori (tezonieri in Veneto), che lo prelevavano a forza e impedivano ai proprietari di pulire le proprie stalle per favorirne la formazione. Il suo parente più prossimo, il nitrato di sodio (sodanitro), nel novecento arrivò dai grandi giacimenti di guano cileni (nitro del Cile); infine, il chimico tedesco G.E.Stahl distinse l'alcali artificiale (carbonato di potassio, potassa) dall'alcali naturale (la soda dei giacimenti naturali) portando alla moderna distinzione delle due sostanze. Sebbene il simbolo Na rimane la flebile traccia delle origini del ntrj (nitro), oggi i due prefissi, Nitro- e Natro-, indicano due radicali distinti: NO3 il primo, e sodio metallo (detto soda) il secondo. SALNITRO o Nitrato di Potassio (sale di potassio dell'acido nitrico), è detto anche Nitro (schiumoso) poichè in passato veniva usato come detergente. Salnitro a temperatura ambiente è un solido cristallino incolore, dal sapore leggermente amarognolo, solubile in acqua; componente della polvere nera (salnitro, carbone e zolfo), è l'agente ossidante che fornisce ossigeno alla miscela, usato come propellente per razzi, fuochi d'artificio e fumogeni. Se riscaldato, il nitrato di potassio si decompone in ossigeno e nitrito di potassio secondo la reazione: 2KNO3 → 2KNO2 + O2. Attualmente viene ottenuto industrialmente per reazione dell'acido nitrico con carbonato di potassio: per il suo basso costo e la facile reperibilità nei negozi di agricoltura, oggi è usato nei propellenti solidi per razzi hobbistici, dove viene usato come ossidante, sopratutto combinato col saccarosio per dare un impulso medio-basso (65% KNO3 e 35% saccarosio); esso è anche usato come additivo alimentare, specie nella conservazione di salumi e carni salate, ed è identificato dalla sigla E 252. Nitrato di potassio è pure un fertilizzante, contenendo potassio e azoto in forme assimilabili; in natura il salnitro si presenta come lanugine bianca che si forma in ambienti umidi (cantine, grotte e stalle) per l'azione di batteri: durante la decomposizione aerobica o anaerobica delle sostanze azotate, l'azoto, derivante da urea od escrementi animali, viene liberato sotto forma di ammonio. La trasformazione di ammonio in nitrato (nitrificazione) è fatta dai batteri nitrificanti in presenza di umidità e calcio (es. carbonato di calcio degli intonaci); tali batteri provocano così anche la corrosione di cemento e calcare. In passato il salnitro era prodotto nelle nitrerie da compostaggio, dove veniva preparato mescolando ceneri, terra e materiale organico (paglia, letame e scarti) formando un cumulo alto un metro e mezzo, largo due metri e lungo cinque. Il mucchio, messo al riparo dalla pioggia, veniva tenuto bagnato con l'urina e rigirato spesso, per accelerarne la decomposizione. Dopo un anno veniva poi lavato con acqua, il liquido ottenuto, ricco di nitrato di potassio e altri nitrati, veniva allora purificato e cristallizzato. La Polvere Nera o pirica (Nitrato di potassio 74,65% Carbone di legna 13,50% Zolfo 11,85%), ha un basso potere dirompente e brucia in maniera progressiva alla velocitá di circa 3000 km/h: usata in passato come propellente in pirotecnica, lancio di razzi e armi da fuoco, è considerata l'esplosivo più innocuo ed è in libera vendita in nazioni come gli Usa. La combustione della polvere da sparo è una ossidoriduzione complessa che produce molti prodotti di reazione in rapporti variabili come il carbonato di potassio, solfato di potassio, solfuro di potassio, nitrato di potassio, tiocianato di potassio, carbonato di ammonio, biossido di carbonio, azoto, monossido di carbonio, acido solfidrico, idrogeno e vapore acqueo. Variando i dosaggi si hanno caratteristiche differenti: se aumenta il nitrato di potassio aumenta l'ossigeno nella miscela e quindi si avrà più calore di reazione e potenza esplosiva; se il nitrato di potassio supera l'80%, la reazione sarà troppo lenta, tale polvere darebbe molti residui solidi bianchi composti da carbonato e solfato di potassio, che continuerebbero a bruciare per qualche istante emettendo gas incandescenti tra cui biossido di carbonio, di zolfo e azoto. Se si aumenta il carbone (75% salnitro, 15% carbone di legno, 10% zolfo) aumenta la velocità di reazione ma diminuisce il potere calorifico, la polvere sarà più veloce nella combustione ma libera meno calore; se si aumenta lo zolfo si avrà più calore ma, a differenza del nitrato di potassio, zolfo può raggiungere il dosaggio massimo uguale a quella del carbone, altrimenti la polvere sarebbe nuovamente troppo lenta per poter esplodere; se si ha necessità di bassa velocità di reazione ed elevata emissione di luce e calore (articoli pirotecnici statici) lo zolfo è aumentato fino al 18%, contro il 7% del carbone. Esistono polveri nere asulfuree, cioè senza zolfo, fatte di solo nitrato di potassio e carbone (75% e 25%), bruciano molto velocemente ma liberano poco calore con gas più freddi. Dunque son preferite le polveri nere normali con zolfo, liberano più calore, i gas sono più caldi e meno densi, e occupano più volume delle polveri asulfuree. Nelle moderne polveri piriche il salnitro è sostituito da una miscela di clorato e perclorato di potassio, che rendono la miscela più resistente all'umidità e ne aumentano il potere calorifico. Al posto di zolfo e carbonella vi sono alluminio e/o magnesio, in tal caso la polvere prende il nome di polvere flash, poiché brucia in un lampo, deflagra molto velocemente e libera molto calore (fino a 3000°C). Altre polveri pirotecniche a base di clorato di potassio (polveri H3), sono pericolose poichè se aggiunte di zolfo o zucchero, basta un modesto urto per farle detonare improvvisamente; così aggiungono 1/2% di bicarbonato di sodio per impedire acidità nel composto, che decomporrebbe il clorato di potassio in acido clorico (potente ossidante che incendia il carbone facendo deflagrare la polvere spontaneamente). Per aumentare la spettacolarità del fuoco artificiale, sono aggiunte alla polvere piccole percentuali di magnesio e alluminio polverizzati, si ottiene un aumento di emissione luminosa, calore e pressione. Infine, aggiungendo alcuni sali di metalli si ottengono diverse colorazioni, più o meno intense: i sali di bario (nitrato di bario) danno un colore verde acceso, i sali di stronzio e calcio un colore rosso-arancione, quelli di rame verde-azzurro, di sodio giallo-oro, di potassio violetto ecc. L'ARGILLA-clay (sottoclasse dei fillosilicati) è un sedimento estremamente fine costituito da allumino-silicati idrati e minerali argillosi, formati per alterazione chimica (in ambiente acido o alcalino) di rocce magmatiche silicee, per deposizione da soluzioni idrotermali e cloriti. La formazione delle Argille come Suoli avviene per dilavamento di rocce contenenti minerali argillosi fini, a seguito di un lungo trasporto in acqua, sedimenti in ambienti marini, lacustri o lagunari; il sedimento argilloso ha plasticità se miscelato con acqua e refrattarietà se disidratato, virtù sfruttate in laterizia e ceramica: le Argille hanno cristalli piccolissimi, dunque notevole capacità di assorbimento d'acqua, scambio ionico e fissazione di cationi. Argillite: roccia sedimentaria a grana finissima che può contenere anche tracce di quarzo, carbonati, ossidi di ferro, evaporiti; di color grigio variabile (fin quasi nera se organica, humus), rosso bruna, violacea, verde. Varva è una roccia argillosa a strati bicolore (chiari e scuri) e a differente granulometria, sabbioso-limosi i primi, argillosi i secondi; l'alternanza degli strati riflette il periodo di deposizione del materiale (ere geologiche): i sedimenti più grossi sono originati nel periodo primaverile-estivo, per l'aumento dell'acqua fusa del ghiacciaio, quelli più fini e scuri, argillosi e ricchi di materia organica, sono deposti in inverno. Creta è argilla-calcarea con struttura farinosa, di colore chiaro o bianca, facilmente plasmabile e usata da sempre nel vasellame: Caranto è un'argilla molto compatta della laguna di Venezia ed aree circostanti, di color grigio brunastro e fiammature ocra. Quick Clay (o Argilla marina di Norvegia) è un'argilla rapida, tipica dei suoli ghiacciati di Norvegia, Canada e Svezia: estremamente compatta, se viene caricata velocemente perde coesione e liquefa come le sabbie. L'argilla è usata anche nell'industria della carta, produzione di cemento, laterizi e filtri chimici. Quando idratata l'Argilla può essere facilmente lavorata con le mani; quando è asciutta diventa rigida; quando è riscaldata intensamente subisce una trasformazione irreversibile diventando solida e compatta: se i nostri antenati cuocevano ciotole e vasi di argilla direttamente sul fuoco, vari popoli stanziali, variando potenza del fuoco, atmosfera di cottura e mix dell'impasto (aggiungendo polveri silicee prima di farne una seconda cottura, così da migliorarne aspetto e robustezza), crearono nuovi manufatti come porcellane e caholan. In orticoltura e floricoltura, in sostituzione del suolo, viene usata Argilla espansa, da sola o miscelata con altro terriccio, granuli o palline ottenute con trattamento termico di piccole quantità di argilla. Argilla espansa è apprezzata per il drenaggio poichè i suoi granuli a bassa densità immagazzinano molta aria e umidità (quando bagnati) divenendo più pesanti. Il CAOLINO 高岭 (dal cinese GaoLing, colline alte del Jingdezhen, nella provincia Jiangxi), è una roccia detritica tenera e terrosa, costituita prevalentemente da caolinite, un minerale silicatico delle argille, ed è prodotto dall'azione dell'acqua meteorica sul feldspato. Bianco, grigiastro o talvolta rossiccio (presenza di ossidi di ferro), la sua polvere bianca viene largamente usata in numerosi processi: ceramica e porcellana, intonaci, stucchi e refrattari (edilizia), coloranti x alimenti, dentifrici, eccipiente per compresse, gomme, mastici, detersivi e insetticidi contro la mosca dell'olivo (Bactrocera oleae); nell'industria cartaria è materiale inerte per riempire gli interstizi tra le fibre di cellulosa, apporta brillantezza e uniformità alla carta e, miscelato con i lattici, serve a creare la patina della carta da stampa. Importanti giacimenti si trovano in Cina, Russia, Giappone, Gran Bretagna, Rep. Ceca, Francia e Germania, dove fu scoperto il primo giacimento europeo da Johann Friedrich Böttger, alchimista diciottenne fatto prigioniero (nel settecento) dal capo di Sassonia perchè trasformasse i metalli vili in oro, invece lui scoprì la ricetta della porcellana. La Porcellana, avviata dai cinesi durante la dinastia Tang (Jingdezhen divenne la città dei capolavori artistici), subi una modifica delle sue tecniche di fabbricazione nelle varie fabbriche istituite dalle successive dinastie imperiali (Song, Ming, Qing), poi si diffuse in Corea e Giappone, con porcellane a semplici disegni su fondo bianco, e decori su fondo blu-rosso (Imari o Arita). Marco Polo definì la porcellana oro bianco, e in Europa divenne un prodotto di lusso: incentivati dalla moda delle bevande in tazza (tè, caffè, cacao), gli Olandesi detennero il monopolio della sua importazione, finchè a Firenze i laboratori di alchimia dei Medici riuscirono ad ottenere una porcellana a pasta tenera (Porcellana Medicea) ispirata alla produzione cinese, primato poi preso da città francesi come Sevres e Vincennes. Un suolo fatto da oltre il 40% di argilla è detto compatto, esso contiene silice, idrossidi di ferro e alluminio, humus. I Terreni Argillosi, spesso formati su suoli alluvionali di pianura, hanno elevato potere assorbente, buone proprietà colloidali, buona dote di potassio e dunque una buona fertilità, elevata se ben dotati di sostanza organica. Nei terreni argillosi degli ambienti a clima temperato-caldo, l'humus è in genere modesto, perciò questi suoli hanno tendenza all'eccessiva microporosità. Essi peggiorano se soggetti a frequenti e prolungati ristagni idrici, in quanto il potenziale di ossidoriduzione (probl di linguaggi, reazioni redox riducono il potere/capacità ossidante di una sostanza: io cedo tu accetti, io sottratto e tu perdi, io riduco la fame e tu aumenti la fame, cioè cedi/perdi cibo, io aumento scorte e tu le riduci) può abbassarsi e favorire processi degenerativi che abbassano la fertilità: perdite di azoto, carenza di zolfo assimilabile, insolubilizzazione del ferro, accumulo di prodotti fitotossici (solfuri e ioni Mn++, ecc), carenza di ossigeno e conseguente riduzione dell'attività biologica dei microrganismi aerobici (decomposizione stentata della sostanza organica e arresto della mineralizzazione) e delle piante agrarie, per la maggior parte suscettibili di asfissia radicale. Evitare l'ingresso con macchine sui terreni argillosi umidi ed evitare assolutamente le lavorazioni, inoltre, il transito intenso di mezzi agricoli che accedono da terreni umidi sulle strade bitumate statali determina un accumulo di fanghiglia che rende più viscido il fondo stradale. L'impermeabilità deriva dall'eccessiva microporosità (troppe particelle fini) dei terreni argillosi; un terreno poco permeabile drena con difficoltà l'acqua in eccesso, è soggetto al ristagno sottosuperficiale, con rischio di asfissia radicale e abbassamento del potenziale di ossidoriduzione, tuttavia è buono per creare stagni permanenti: il terreno argilloso può invasare cospicui quantitativi d'acqua e trattenerla per tempi lunghi, proprietà questa, sfruttata in pratiche di aridocoltura. L'humus in qtà giusta conferisce al terreno una struttura stabile e permeabile e, avendo tendenza a legarsi alle molecole d'acqua, assorbe acqua pari a 20 volte il proprio peso. Seba elenca vari tipi di humus: Torba, sostanza organica evoluta in condizioni di sommersione permanente (ristagno); Anmoor, sostanza organica evoluta in condizioni di sommersione periodica (aerazione); Mor forestale, lettiera di foreste di aghifoglie a reazione fortemente acida, rapporto C/N elevato (suoli forestali); Moder forestale, lettiera di foreste di latifoglie, reazione acida, rapporto C/N medio alto; Mull, la miglior fertilità che possiede: 1) attività biologica elevata, con lombrichi, artropodi, microfauna e, prevalenza di funghi in ambiente acido, e batteri (e attinomiceti) in ambiente neutro-basico; 2) assenza di lettiera dovuta a umificazione rapida e completa e incorporazione di humus nella parte minerale (complessi argillo-umici +- stabili). Mull forestale si forma in suoli non calcarei ma con sufficiente calcio, vegetazione di latifoglie, reazione acida (pH 5,5), mineralizzazione rapida e struttura grumosa. Il mull calcico si forma in suoli calcarei (humus di praterie e suoli agrari), soggetti a variazioni stagionali dell'umidità: lettiera assente, vegetazione principale di essenze erbacee, reazione neutra o alcalina (basica, pH 7 o più), rapporto C/N 10, struttura grumosa e molto stabile per l'elevata presenza di calcio e magnesio; mineralizzazione lenta a causa della stabilità dei complessi argillo-umici. L'alta dote di humus preserva i fenomeni di inquinamento delle falde acquifere grazie all'adsorbimento e all'inattivazione di sostanze a potenziale azione tossica (composti organici di sintesi, metalli pesanti); inoltre regge bene all'erosione di vento e acque di scorrimento (dilavamento): i suoli forestali montani e collinari interessati da incendi e disboscamenti incontrollati, vanno incontro nell'arco di pochi anni, all'erosione e al dissesto idrogeologico. Humus regola gli antagonismi fra gli elementi nutritivi e rallenta i fenomeni di mutazione del fosforo e potassio. Nei terreni a reazione normale, neutra o poco acida, l'humus ha forte potere tampone sulle variazioni anomale del pH, stabilizzando nel tempo la solubilità degli elementi nutritivi. Essendo l'acqua una microcalamita (H2+ e O-), la Scala del pH, in una sostanza, misura la concentrazione di ioni idrogeno e ossidrile (H+ acidi, e OH- basici; prblm di lingua: l'acido rilascia/cede/perde protoni, con ciò abbassa il pH, corrode/ossida metalli e calcare/sali, ed è affamata/sensibile a coppie di elettroni; la base accetta/prende protoni, oppure cede elettroni, fà schiuma blu ed è amarognola): se le sostanze sciolte in acqua non si dividono, H+ e OH- sono pari (neutre), altrimenti se prevale l'una o l'altra, son acidi o alcali. Il Metabolismo è la somma delle reazioni cataboliche (degradano sostanze) e reazioni anaboliche (aggregano materia). La Fotosintesi clorofilliana cattura la luce minerale in glucosio (6 CO2 più 6H2O + lux = C6H12O6), mentre l'Ossidazione degrada glucosio e restituisce luce, calore, Acqua, anidride Carbonica (CO2), ma, se c'è poco ossigeno, si sviluppa ossidio carbonio, gas pesante, che asfissia gradualmente sino alla morte. In ogni sorta di rifiuti organici in ambiente liquido, si sviluppano microalghe in simbiosi con batteri, nei bacini in cui son versate acque reflue, le alghe spuntano e producono ossigeno, usato dai batteri per ossidare i rifiuti (problm di lingua, posso dire l'ossigeno ossida il glucosio, cioè riduce il proprio num di ossidazioni da 0 a -2, cioè acquista/sottrae/riceve elettroni, mentre il glucosio cede/perde/offre elettroni e si ossida, in quanto aumenta il suo numero di ossidazioni, aumenta cioè la sua fame). Così i batteri che decompongono gli organici inquinanti, in CO2 e fostafo di ammonio (cibo per alghe), crescono allo stesso ritmo delle alghe e l'ossigeno di queste, soddisfa le loro esigenze. In questa simbiosi, la qtà di acqua trattata dipende dal tasso di crescita delle alghe, usate poi per alimentare pesci e bestiame mentre l'acqua riciclata serve l'irrigazione. Varie alghe dolci possono venir coltivate nei bacini di ossidazione delle acque fognarie mentre 380 litri di coltura di Clorella, forniscono ossigeno ionizzato ai cosmonauti. Le alghe depositate sulla riva dalla risacca dell'oceano, sono utilissime per concimare i campi, trasmettono scorie di silice utili nei suoli grassi. Le piante nell'ecosistema usano la luce del sole, ma hanno anche bisogno di altri elementi incapaci a produrre direttamente: azoto, fosforo, zolfo, calcio, magnesio, potassio e oligo elementi. Il suolo è una riserva di questi elementi ma, per averli, le piante devono mobilitarli alterando il suolo attorno alle radici. Un modo per far ciò è stimolare l'attività dei microrganismi.. la pianta dà essudati da radici, così instaura un'intima relazione coi microrganismi. Le tecniche agricole più comuni, mutando la forma di azoto nel suolo, colpiscono lo scambio, causando problemi di approvvigionamento alle piante e aumentando l'incidenza delle loro malattie: nei suoli imperturbati di praterie o foreste, tutto l'azoto presente è sotto forma di ammonio con tracce di nitrato. Quando questi ecosistemi vengono disturbati dalle attività agricole, tutto l'azoto del suolo prende forma di nitrato. Ciò accade perché tali operazioni stimolano l'attività di un certo gruppo di batteri specializzati nella conversione dell'ammonio in nitrati. Le piante e i microrganismi possono usare entrambe le forme ma, la produzione di etilene viene inibita dovunque i nitrati siano più elevati di semplici tracce. Il nitrato blocca la produzione di etilene poichè interferisce nella formazione dei micrositi anerobici: quando tutto l'ossigeno è consumato si scatenano reazioni chimiche tra cui un cambiamento del ferro dalla forma ridotta alla forma ossidata. Il ferro (2-12 % del suolo), in un suolo correttamente areato, si trova tutto nella sua forma ferrica inerte (ossido). Se l'ossigeno è esaurito nei micrositi, questi minuscoli cristalli si rompono e il ferro prende la forma ferrosa o ridotta, estremamente mobile. Alain Smith, microbiologo australiano, scoprì uno schema di relazioni tra le piante, la flora batterica del suolo e gli elementi nutritivi. Durante la loro vita, le piante perdono, nel suolo vicino alle radici, fino al 25% dei composti carboniosi prodotti nelle foglie, sotto forma di essudati e cellule morte, la pianta cede un quarto della sua energia vitale e trae vantaggio da questa perdita di composti, fonte di energia per i microrganismi che proliferano nella rizosfera, che si moltiplicano intensamente e vuotano di ossigeno i micrositi nella rizosfera; allora si sviluppano organismi anaerobici, utili al vigore e alla salute delle piante. L'etilene, prodotto in questi siti anaerobici, funge da regolatore dell'attività dei microrganismi del suolo, ovvero sull'intensità del riciclaggio dei nutrimenti delle piante, e interviene smorzando gli effetti delle malattie provenienti dal suolo. L'ETILENE C2H4 (etilene + acqua = alcol etilico o etanolo) nella forma gassosa è più leggera dell'aria e si diffonde attraverso gli spazi intercellulari fuoriuscendo dal tessuto; è infiammabile e si ossida facilmente nella maggior parte dei tessuti. Numerosi tessuti vegetali sono in grado di convertire l'aminoacido metionina in etilene, derivata dagli atomi di carbonio della metionina, ma l'enzima che forma l'etilene (EFE) dev'essere ancora isolato. Ossigeno, temperatura, luce e stress (eccessi termici, eccesso/carenza idrica, ferite, ecc) aumentano la produzione di etilene, che aumenta con l'ossigeno e diminuisce man mano che l'ambiente si satura di anidride carbonica: celle sature di CO2 inibiscono la respirazione e la maturazione. Etilene fu identificato da Dimitry N.Neljubow, uno studente russo dell'istituto Vavilov di Pietroburgo; questi osservò che gli alberi in prossimità di lampioni stradali perdevano le foglie più velocemente di altri alberi, mentre le arance imballate e spedite nello stesso contenitore contenente banane maturavano prematuramente. Egli osservò poi che pianticelle di pisello, cresciute al buio in lab, mostravano anomale risposte in aria viziata; quando l'aria del lab veniva cambiata in aria fresca, esse tornavano a crescere a normale velocità. L'etilene del suolo viene prodotto nel ciclo Ossigeno-Etilene: inizialmente i microrganismi proliferano sugli essudati delle piante e consumano l'ossigeno dai micrositi del suolo. L'etilene viene prodotto in questi micrositi e diffuso intorno, addormentando i microrganismi del suolo senza ucciderli. La richiesta di ossigeno diminuisce, così esso riempie i micrositi bloccando o riducendo fortemente la produzione di etilene; ora i microrganismi possono riprendere la loro attività, le condizioni favorevoli alla produzione di etilene sono ricreate e il ciclo si ripete. L'etilene rende i microrganismi del suolo inattivi temporaneamente: quando le concentrazioni di etilene calano, l'attività microbica rinasce. Etilene è un ormone vegetale primario come l'auxina, entrambe regolatori di crescita vegetale; a concentrazioni bassissime esso causa numerosi effetti su specie vegetali ed organi differenti: accelera la maturazione dei frutti (mela e pomodoro), causa il viraggio della colorazione verde degli agrumi; sincronizza la fioritura e la formazione di frutti nell'ananas; accelera l'abscissione di fiori e frutti; promuove il sesso femminile nel cocomero (usato a prevenire l'autoimpollinazione ed aumentare la rese); inibisce l'accrescimento terminale di alcune piante e cambia i modelli di accrescimento delle pianticelle; applicato a semi di cereali interrompe la dormienza e dà inizio alla germinazione più veloce. In molti frutti la maturazione è un aumento della respirazione e produzione di etilene: mele, banane, avocado e pomodori; frutti non climaterici come agrumi e d uva, non mostrano aumento di respirazione ed etilene, così se vengono trattati con esso la loro respirazione aumenta ma la produzione di etilene endogeno no, e la loro maturazione resta identica. La caduta di foglie, frutti, fiori e altri organi vegetali è definita Abscissione, e dipende da enzimi che degradano la parete cellulare (cellulasi, poligalatturasi): etilene regola tale processo mentre Auxina ne è l'antagonista, sopprime l'effetto etilenico e previene l'abscissione reprimendo la sintesi degli enzimi idrolitici coinvolti; in Autunno, prima della caduta delle foglie, auxina diminuisce e aumenta etilene, oltre all'induzione di geni che codificano enzimi idrolitici. Tutti i tessuti giovani delle piante, lesi o disturbati meccanicamente, aumentano assai (in 25-30 min) la loro produzione di etilene, lo stesso fà l'allagamento (saturazione con acqua, anaerobica) intorno alle radici di pomodoro, scatena la sintesi di etilene nel germoglio, e incurva le foglie.. in seguito le concentrazioni di etilene tornano normali. Per inibire la biosintesi di etilene nello stoccaggio dei frutti, l'atmosfera è portata a basse concentrazioni di O2 e basse temperature; anche KMNO4 è un efficace assorbente di etilene, riduce la sua concentrazione nei silos di mele. Condizioni per la produzione di etilene nel suolo: 1) deve esistere attività aerobica intensa nella rizosfera, con formazione dei micrositi anaerobici: gimnosperme, felci, muschi, funghi, epatiche e alcuni cianobatteri son tutti in grado di produrre etilene arricchendo il suolo, mentre la capacità dei microrganismi di sintetizzarlo dipende dalla natura del terreno (alcuni ceppi del batterio enterico Escherichia coli, o del lievito, ne producono molta, a partire dalla metionina). 2) l'ossido ferroso scatena la produzione di etilene; se nei micrositi ci sono nitrati anziché ossigeno, le operazioni che riducono il ferro sono inibite, i nitrati bloccano la produzione di etilene. 3) Le concentrazioni di nitrati devono limitarsi a sole tracce, altrimenti il ferro non verrà mobilitato. 4) Deve esserci una quantità sufficiente di precursore nel suolo, cioè aminoacido metionina (l'ossido di ferro reagisce con la metionina accumulata al suolo): essa è fornita da biomassa e foglie senescenti che a terra si decompongono, così il ferro si mobilita. In una situazione agricola la maggior parte delle foglie vecchie viene eliminata con la raccolta, il pascolo o il debbio, così i suoli agricoli mancano di precursori. Alain disse: il modello delle Major è errato, bisogna evitare di lavorare il suolo, il pacciame di copertura deve essere permanente, frutto del riciclo dei tessuti morti e marcescenti che finiscono a terra; allora la nitrificazione si arresta e il suolo torna capace di produrre etilene, gas naturale che matura i frutti, fà germinare i semi e controlla efficacemente l'attività microbica anche degli organismi patogeni. Nei suoli perturbati da arature, lavori colturali e/o fertilizzati con nitrati, questi processi non hanno e non possono aver luogo. L'abuso di fertilizzanti naturali ricchi di azoto, (incluso pollina) e la coltura smisurata di leguminose (fissatori di azoto), può condurre a tassi eccessivi di ammonio, trasformato poi in nitrati solubili che in alte concentrazioni (si verifica nei suoli agricoli) sono il maggiore inibitore della mobilitazione dei nutrienti. La gestione dei suolo che assicuri l'equilibrio del ciclo ossigeno-etilene, a favore della mobilitazione dei nutrimenti, richiede cambiamenti di alcune pratiche agricole: aereazione e ossidazione del suolo (aratura, fresatura, etc.) aumentano a breve termine lo sviluppo delle piante, ma creano una deficienza di elementi nutritivi a lungo termine ed accentuano l'incidenza delle malattie. I trattamenti che intensificano la nitrificazione (trasformazione dall'ammonio in nitrato) vanno ripensati: l'uso eccessivo di fertilizzanti azotati, l'abuso di pascoli a dominanza di leguminose e i tagli forestali mal programmati. Gestione favorevole del suolo: 1) I residui organici delle piante vecchie (le migliori), tornino sempre al suolo, posti in superficie piuttosto che interrati, per essere riciclati, stimolare la flora batterica, fornire il precursore dell'etilene e diminuire la nitrificazione del suolo. 2) Usare dappertutto, o dove è possibile, tecniche di lavoro minimale sul suolo: ciò permette alle piante di crescere quasi continuamente. 3) Ogni volta che il suolo subisce miglioria con azoto, è preferibile che sia sotto forma di ammonio in molteplici piccole frazioni piuttosto che in uno o due grandi apporti. Ciò riduce la nitrificazione. 4) In certe situazioni, è consigliabile aggiungere inibitori chimici all'azoto (ammendante azotato) per ridurre la formazione di nitrati. La scelta delle piante da copertura, incide sulla capacita del suolo di produrre l'etilene; esempio di specie che producono gran quantità del precursore: Riso, Phalaris arundinacea (scagliola di giunchi), crisantemo, avocado, tifa, pinus radiata. Specie produttrici più deboli sono: dolico (Dolichos lablab), paspalum, erba medica e felce aquilina (felce maschio). Pierre Rabhi scrive: l'Anello Sacro prevede che la terra nutra le piante, le piante nutrano gli animali, le piante e gli animali nutrano l'essere umano; ma chi nutre la terra? se gli esseri umani non la nutrono, nemmeno la natura può farlo se viene coltivata ogni anno; se il contadino è disattento il campo si stanca e si esaurisce. Il contadino accorto sa che il suo dovere è di nutrire madre terra se vuole che essa lo nutra, tutti abbiamo il potere di lasciare, da una generazione all'altra, una terra sempre migliore, senza rovinare le terre selvatiche amministrate dalla natura, salutari per lei e per noi. Dobbiamo riscoprire le conoscenze dei nostri avi, conoscenze pratiche i cui benefici non sono mai stati smentiti, ci siamo allontanati da esse, a volte considerandole con disprezzo.. sono stato iniziato dai Bianchi al loro metodo di coltivare la terra, ma il loro metodo ha rotto l'anello sacro; i loro padri rispettavano la terra, la nutrivano e proteggevano, dando persino nomi ai loro campi come fossero persone, il contadino sapeva che la terra è viva e sensibile. I nuovi coltivatori hanno voluto che la terra rendesse in sovrabbondanza, hanno fatto un uso sempre maggiore di polvere, di veleni, e di creature di metallo spesso rudi e brutali per la terra. La terra si lamentava ma loro non la sentivano più.. questi metodi hanno avvelenato la terra, l'acqua e il cibo, ora hanno molto cibo, ma privo in sé dei principi della vita. La natura stessa ha stabilito l'Anello sacro, e il contadino accorto deve rispettarlo e perpetuarlo, quando la terra ci dona un buon raccolto, dobbiamo condividerlo equamente: cereali, legumi e frutta agli esseri umani, fieno e altre piante agli animali, mentre scarti vegetali e deiezioni animali son la razione della terra che, come succede nella foresta, si nutre di scarti.. quando ero piccolo, prima delle semine, facevamo tanti piccoli scavi sul terreno, residui vari si accumulavano e si sposavano alla terra, poi in quegli scavi seminavamo.. ciascuno di noi può produrre il vero nutrimento della terra, bisogna fare molta attenzione a questa operazione, è l'atto più grande con cui l'essere umano ritrova il suo posto di custode capace di conservare la vitalità dell'anello sacro. Ciò che la natura crea, la natura è capace di digerire, tutto il villaggio lo sa e nulla viene scartato, ogni famiglia tratta gli scarti prodotti come un bene prezioso: foglie secche, bucce, polvere, letame di animali da corte, piume, peli e capelli, cenere del camino, argilla, ossa degli animali, tutto va restituito alla terra. Come una brava madre raduna tutti gli ingredienti prima di iniziare la cottura del cibo, la contadina fa lo stesso per nutrire il suo campo, non sparge gli ingredienti sulla terra, gran parte verrebbero perduti e la terra asciutta non saprebbe digerirli, ella/egli sa che acqua e ombra sono necessari alla digestione-fermentazione, mentre sole e vento la inaridiscono. L'ombra può essere prodotta costruendo coperture di ramaglie o coprendo i cumuli con paglia, stuoie, coperte, sacchi in canapa, etc, tutte le soluzioni vanno bene, fintanto che vengano rispettate le raccomandazioni indispensabili: vi sia acqua, ombra, scarti animali e vegetali, argilla, cenere, insieme essi recano tutto il necessario per una buona fermentazione. Raseno si libera del mantello e, assieme ad Emilia, prepara un bacino per la fermentazione, dove accumula scarti organici, paglia, pollina, etc; accanto ammassa un monticello di argilla, e prepara un cesto con cenere di legna.. con badile sparge argilla sul fondo della fossa dicendo: l'acqua è necessaria alla fermentazione ma la terra potrebbe assorbirla troppo velocemente, così io ricorro al potere dell'argilla per impedirle la fuga, la spargo in modo uniforme per uno spessore di quattro dita; bagno l'argilla, quindi spargo la pollina nello stesso modo, stesso spessore, e bagno anche quella; sopra il letame stendo paglia e scarti messi a bagno da due giorni, stavolta lo spessore è di un palmo. L'acqua in eccesso cade su argilla e letame e si preserva. Poi cammino sulla paglia e la compatto un poco, senza esagerare; infine spargo qualche pugno di cenere di legna come se aggiungessi sale alle pietanze. I cumuli riposano nella terra, già in quattro fosse simili vicine tra loro, divise solo da camminatoi, grandi due piedi x quattro e profonde un palmo. La terra scavata viene messa da parte, verrà usata per ricoprire i cumuli o mischiata a essi poco a poco. La fermentazione in marmitte/crateri, dura sessanta giorni, si conclude con la nascita del burro nero. Seba osserva un cumulo rivoltato da poco, ha diciotto giorni, appoggiando la mano riesce a sentire un fuoco moderato: terra, acqua, soffio e fuoco vivono nel cumulo in digestione, il cumulo si riscalda nei primi giorni come se avesse una forte febbre! La febbre purifica il corpo dai germi cattivi, l'acqua se ne libera evaporando e traspirando, proprio come un essere umano. Il cumulo è la pentola per cuocere gli ingredienti e, grazie a fuoco ed acqua, gli odori si spandono come da una pentola. Tuttavia, come una buona cuoca, Emilia evita di bruciare e rovinare gli ingredienti, lascia il fuoco alto solo per tre, quattro giorni, e lo abbassa aggiungendo o spargendo acqua alla pentola, finché non riesce a tenere la mano nel cumulo: la febbre continua la sua opera di cura, ma senza eccessi distruttivi. Russeini continua: il contadino avveduto non si sbarazza delle immondizie per poi andare a procurarsi altrove i concimi che gli necessitano, al contrario, raccoglie, malgrado l'odore nauseabondo, escrementi e detriti che, una volta lavorati e mutati in letame, aiuterannno a fertilizzare i suoi campi; così l'uomo saggio raccoglie le passioni mal vissute, i cedimenti e gesti indegni e, dominando la vergogna del ricordo e i sentimenti di colpa, agirà su questo cumulo di rifiuti, attraverso gli enzimi del perdono, riflessione e meditazione, se ne servirà utilmente in futuro, spontaneamente. Il COMPOSTAGGIO è lenta digestione, esige tempo, pazienza e coraggio, anche se emerge la tristezza: se il passato emerso viene padroneggiato, paure e disgusto vengono assimilati e rigenerati in una nuova esperienza, i ricordi negativi esaminati in maniera benevola e comprensiva, liberano energie che arricchiscono la vita utile, cedendo via rimorsi e sensi colpa. Per compostare con la buca, ne servono almeno due: una in uso, e l'altra a riposo, con una rotazione di 6 mesi ciascuna. Quando la prima è piena, la si mette a riposo, si svuota la seconda e la si fa diventare quella attiva. Una buca di cm 50 x 50, profonda 20 cm, può bastare per 6 mesi al ritmo di un secchio da 10 litri alla settimana di scarti di cucina come fondi caffè, filtri tisane, gusci uova e noci (troppi scarti di carne e pesce assieme sono sconsigliati, le lor proteine in decomposizione rilascian odore sgradevole che attira altri animali), lettiere di animali erbivori, carta non patinata, pezzi di cartone (rifugio per lombrichi), logori tessuti in lana, canapa, lino, cotone, etc. La Mineralizzazione è la fase finale della decomposizione ossidativa della sostanza organica (ammonio, fosfati, solfati, etc). Per definizione il Compostaggio è un processo che avviene in condizioni controllate, i paramentri da controllare sono: pH, umidità, aerazione ed equilibri nutrizionali (C/N etc). Il pH ottimale per lo sviluppo dei batteri è tra 6.5 e 8.5 (per i fanghi di depurazione è più ampio, tra 5 e 8): all'inizio si ha formazione di CO2 e acidi organici con spostamento del pH verso valori acidi (5-6); poi, grazie all'aerazione (che tende a eliminare la CO2) ed alla decomposizione delle proteine con produzione di ossidi di azoto, ammoniaca (NH3) e salnitro, il pH sale fino a 8; alla fine si ha un tamponamento del pH a valori neutrali (pH 7), poichè in pratica, anche se si parte da valori acidi o basici, il pH tende velocemente alla neutralità. L'umidità deve garantire le condizioni ottimali di vita dei microrganismi, l'acqua è necessaria per gli scambi nutritivi e come veicolo per gli enzimi, ma non deve superare certi valori che favorirebbero condizioni anaerobiche, l'umidità ottimale è tra 50 e 65%, a seconda della miscela del compostaggio: la biosi (aero-biosi) (attiv.biologica) con umidità inferiore al 30% si riduce e cessa del tutto sotto il 20%; mentre una umidità superiore al 70% corrisponde spesso ad anaero-biosi (fermentazione anaerobica). Il rivoltamento dei cumuli in fermentazione, o cmq la presenza di Ossigeno, permette le reazioni di ossidazione biologica tipiche del compostaggio, tuttavia non deve portare alla totale mineralizzazione della materia organica, ma solo alla sua stabilizzazione e umificazione: Aria ed Acqua van quindi forniti come fossero due rubinetti. Sfalci freschi d'erba e scarti di cucina hanno più acqua con azoto, così degradano prima, mentre i tessuti vegetali vecchi o maturi, trucioli di legno, lolla di granturco, carta, lignina, etc., si disgregano piano: Seba a inizio d ogni stagione rigira il materiale e apporta umidità con innaffiatoio, il processo rallenta se è troppo secco o troppo umido, caso quest'ultimo in cui avvengono putrefazioni indesiderate (digestione anaerobica). I microrganismi eterotrofi han bisogno di composti del Carbonio (fonte di energia) e dell'Azoto per sintetizzare le loro proteine; per ottenere azoto essi scindono (grazie ai loro enzimi) le proteine del substrato in aminoacidi liberi che possono essere assimilati o ulteriormente scissi con produzione di ammoniaca che, a sua volta, è lavorata dai microrganismi per farne nuovi composti organici: un eccesso di carbonio causa rallentamento dell'attività microbica, mentre un eccesso di azoto causa grosse perdite di azoto per volatilizzazione. Il rapporto C/N ottimale di partenza si aggira tra 20 e 25 (esempio 20 kg foglie e 1 kg di pollina), per tendere gradatamente verso la fine del processo a 10, valore tipico del terriccio stabilizzato. Il compostaggio, se ben condotto, igienizza pure i fanghi di depurazione, le alte temperature (almeno 55°C) facilmente raggiungibili e mantenibili per alcuni giorni, sono in grado di distruggere gran parte dei patogeni presenti nel materiale di partenza. Nel cumulo l'azoto fuoriesce sotto forma di ammoniaca, gli enzimi di nitrogenasi (batteri Rhizobium) aggiungono all'azoto (N2) il vitale ione H+, producendo una soluzione di ammoniaca (NH3) assorbibile dalle piante; la stessa Ammoniaca, nel corpo umano, si disgrega dalle proteine e, nel fegato, diventa urea da eliminare. I microrganismi degradatori necessitano di azoto per decomporre la materia organica, poi, l'azoto incorporato nei loro corpi sarà rilasciato alle piante a decomposizion ultimata; laddove i composti di azoto non lavorati dai batteri (Nitrati) finiscono nel sangue umano, si legano alle amine producendo nitrosammine, sostanze cancerose per il corpo. L'Azoto mobile, attraverso un continuo cambio di forme (umico, ammoniaca, nitrato) passa dalla pianta al terreno e viene concentrato al suolo dopo ogni ciclo organico delle leguminose, aumentando il capitale organico che circola nel suolo, anche l'acqua piovana ha tracce di nitrati: suoli pesanti han maggior contenuto d'azoto, come le erbacce, i parassiti, cenere di legna, flora e fauna decomposta, letame, foglie, sangue, cheratina, lana e pollina.. Seba suggerisce, se lo spazio locale lo permette, di allevare una Mucca (o due maiali, capre o avicoli) con locale foraggio; la Mucca fornisce latte, urina e letame, per la salute del suolo, umani e galline. Il letame (manure), di ogni tipo, rivela lo stato di salute della digestione animale e si riflette nelle fatte: fatte verde scuro contengono più enzimi e aromi dei fiori presenti nel pascolo. Un ettaro di terra naturale ha 3 ql di lombrichi, equivalente al peso di una mucca Jersey. Il concime chimico ne conta 110, il compost di feci umane 186 e compost con erbe aromatiche 590. Il letame di Mucca viene usato in Nepal, India, Indocina e molti paesi del sudest Asia, come combustibile, ovvero forgiato a mo di tortine e attaccato su un muro esterno della casa, esposto al sole per seccare, quindi usato per alimentare il fuoco della cucina; lo stesso letame è usato come concime, substrato per crescer funghi, impiastro per malattie e pasta per pareti miscelata ad argilla. Hindu ed Adivasi lo considerano sacro al pari di urina e latte di Mucca. Mauro usa una Pasta per alberi fatta di argilla viscosa, letame bovino e sabbia fine (ognuno 1/3); con pennello da imbianchino, la spennella su tronco e rami grandi di alberi bisognosi; è molto efficace a ottener alberi sani a corteccia liscia, guarir lesioni e proteggere l'albero dai parassiti svernanti sotto corteccia che, depongono uova nei rami esterni e presso le gemme (ibernia defoliaria spoglia molti alberi da frutta). Spesso nelle piccole pozze attorno ai mucchi di letame delle stalle, assieme al sudiciume, accade fermentazione anaerobica (putrefazione) che genera germi e insetti che diffondono infezioni patogene; ciò si risolve areando e pulendo le stalle e i luoghi compostaggio. Sebbene nocivi alla salute umana, tali patogeni svolgono il proprio ruolo: putrefare finché possa partire la decomposizione aerobica dove, a causa del calore, moriranno i virus di polio, epatite, strepto-micrococchi, varie salmonella, tubercol mycobacter e la brucella. Resistono solo il bacillo anthracis e tetano clostridium che abitano il suolo. Mauro Iob narra: al cuore di una coltura biodinamica, sta l'accumulo di tutti i rifiuti organici che, possono venir sapientemente trasformati in ricco humus e compost con l’aiuto di 6 preparati a base di piante medicinali (camomilla, ortica, quercia corteccia, valeriana, tarassaco, achillea), che aiutano a guidare la decomposizione in humus e la disponibilità di sostanze digestive x cumulo e nutritive per le piante: zolfo, cloruro/nitrato di potassio, azoto, calcio, silice e fosforo. Quando questo humus è pronto, viene aggiunto al compostaggio naturale in piccole quantità irradiando il suo effetto in tutto il suolo, gradatamente, anche usando antenne radioniche del tipo Geronimo. Ogni specie di pianta (così come la vita animale) ha un diverso requisito, così la sua esposizione e posizione nella rotazione, vanno scelte con cura in modo da creare utili sinergie e consociazioni. Mauro si ispira alle intuizioni di Rudolf Steiner che, negli ultimi anni della sua vita, si occupò di agricoltura tenendo conferenze ed enunciando principi generali della teoria biodinamica: mantenere la terra fertile; buona salute delle piante; accrescere la qualità dei cibi; uso esclusivo di sostanze naturali che apportano vita, Compostaggio, Fasi della Luna x le semine, Sovescio, (interramento di particolari piante a scopo fertilizzante), Rotazione delle colture, e spruzzo del terreno con preparati biodinamici in diluizione omeopatica (similia similibus curantur): più una sostanza è diluita (poco soluto in molto solvente), più ha effetto sugli organismi con cui viene a contatto. La consapevolezza delle influenze di luna, pianeti e costellazioni sono collegate ai 4 elementi e alle diverse parti della pianta: terra a radici; acqua a foglie, aria a fiore, fuoco a frutta. Il calendario biodinamico indica i giorni migliori per una semina o la raccolta di determinate colture, trapianti, potature, lavorazioni del terreno, vino, etc. La Teoria Biodinamica, convergendo con la saggezza millenaria dei popoli nativi di Thera, riconosce che ogni forma di vita è interdipendente, ogni pianta, insetto, roccia, nuvola in movimento, e le stelle più in alto, fanno parte di un unico organismo vivente che è il nostro pianeta. Mauro, all’interno di questo processo lavora come artista: invece di fornire alle piante sostanze nutritive, mira a portare la vitalità al suolo, dove le piante sono desiderose di trovare tutto ciò di cui hanno bisogno. La vitalità può essere intensificata con l’aiuto di animali domestici e il compostaggio, così da migliorare la qualità del terreno (aumento di humus) e del raccolto; a tale scopo lui impiega due tipi di preparati biodinamici: tre da spruzzo (corno-argilla, corno-letame od horn-manure, horn-silica e preparato Fladen) e sei da cumulo (502-achillea millefolium, 503-matricaria chamomilla, 504-urtica dioica, 505-quercus robur, 506-taraxacum officinalis, 507-valeriana officinalis). Ognuna delle 6 erbe officinali, è fatta compostare o macerare in contenitori animali, poichè, secondo la teoria delle forze vitali, ambiente e contenitore influenzano le caratteristiche del materiale finale. Il cornoletame è preparato con letame di mucca mentre il cornosilice è preparato con quarzo finemente macinato: il corno di letame viene applicato verso sera direttamente sul suolo prima della semina, serve ad incoraggiare la crescita di radici sane nelle piante, aumentar il contenuto in humus del suolo e stimolare il Gar, cioè la comunità di batteri che producono etilene. Il corno di argilla (o di silice) viene invece applicato nelle prime ore del mattino sulle colture. Entrambe i corni vengono sotterrato in una buca per sei mesi (autunno-inverno); trascorso il periodo il preparato può essere conservato per diverso tempo o usato. Il cornosilice/cornoargilla è posto a caricare alla luce solare e lunare e, a primavera, viene spruzzato sulle piante per stimolarne la fruttificazione e i processi della fotosintesi. Il Fladen si ottiene dinamizzando il letame fresco per un'ora con farina di roccia e gusci d'uovo, poi è lasciato maturare sotto terra per un dato periodo: spruzzato nel terreno ha la funzione di migliorare la struttura e la fertilità del terreno. Tutti sono usati in piccolissime quantità (200 grammi di Corno-letame in 50 litri di acqua piovana a 37-gradi come altri brodi di lieviti), quelli da spruzzo sono distribuiti dopo esser stati dinamizzati, l'ideale è un mescolamento a mano in un fusto, nei due sensi di rotazione per circa 1 ora, rompendo ogni volta il vortice che si forma al centro del secchio (cambio del senso di rotazione). Mauro prosegue: a volte, per aumentar calore nel cumulo, annaffio con vino, lievito e melassa e, dopo 6 mesi o più, avrò il burro nero dei giardinieri. Ricetta riscaldante per l'autunno: in 10 litri di acqua calda sciogliere un dado di lievito e 300 gr di acqua zuccherina; a piacere aggiungere un max di 4 kg di cenere di legna, 15 kg di pollina, 5 kg di alghe verdi. Il composto ottenuto in 3/4 mesi di compostaggio (più tempo in inverno, meno in estate) può essere usato per orto, giardino, prima dell'aratura sui campi; il terriccio reperibile in commercio è prodotto con un compostaggio industriale, cioè rivoltamento meccanico, ma procedimenti e risultati sono equivalenti. Mauro prosegue: la concimazione è tutto; la vita parte dalle radici e penetra la terra, non c'è confine. da Aprile in poi, letami o stallatici possono risultare dannosi o letali alle radichette delle piantine da orto, specie nella stagione calda e vegetativa su tutti i tipi di piante. A concimar ortaggi e fiori, Emilia usa concime e macerati vegetali come Ortica, Equiseto, Felce aquilina, ecc. L'Ortica, ricca di azoto, ferro e altri oligo-elementi, stimola la crescita delle piante e la resistenza agli attacchi dei parassiti, è ottima per rose, more, piccoli frutti e tutti gli ortaggi. Equiseto e felce, in combinazione, sono efficaci contro muffe e funghi tipo ticchiolatura delle rose, mal nero, iodio ecc. Emilia mette tali piante, verdi o meno, in un fusto di acqua piovana, aggiunge eventuali Alghe coltivate in loco (spirulina), Aglio, Camomilla e Pollina, e lascia macerare 1 o 2 settimane, agitando di quando in quando: se il tempo è caldo, accade fermentazione odorosa. Poi, lei usa tal estratto, più o meno diluito secondo la sensibilità della pianta su cui si usa (dosi forti causano ingiallimento e accartocciamento di foglie per più giorni), spruzzando o annaffiando il loro terreno. La pianta Valeriana accumula il fosforo, in Estate, se posta in acqua a macerare (o radici schiacciate), emana odore che attrae gatti e lombrichi. Residui di tè caffè, sparsi nel solco di semina, decompongono e rilasciano Fosforo, utile alla germinazione di Cipolle e Carote. Potassio asciutto (facilmente dilavato da piogge) è dato da ceneri vegetali di giunco, felce e ginestra (30%). Se il suolo è acido, si può usare bicarbonato di potassio; se è basico, cloruro o solfato di potassio (utile per cavoli avidi di zolfo); sintomi di mancanza di potassio: nelle colture di cereali (mais, sorgo, frumento, etc) generalmente sono gambi deboli, bassa resa e granella piccola, foglie come bruciate, mentre nei frutti piccoli e pomodori, si ha maturazione in modo disomogeneo, gusci del nocciolo distorti. Le Ceneri di quercia (almeno di 50 anni) contengono il 94% di calcio; sparse ogni 2 anni alla base di alberi da frutto (le drupacee amano molto il calcio), aiuta la fruttificazione. Sparse attorno a piante d'orto, fan secernere muco ai lumaconi fino alla disidratazione e morte. Seba vede gli enzimi e microrganismi del suolo come folletti, elfi e fate (fairies, elves), piccoli e indispensabili; essi fermentando varie sostanze, producono vino, pane, formaggio e yogurt, mentre l'ossigeno dell'aria e l'etilente del suolo li aiutano a lavorare bene. La parola formaggio deriva dal formos, paniere di vimini nel quale i pastori delle steppe d’Asia, ponevan latte cagliato di pecore e capre per dargli forma. Il latte, lasciato in canestri di felce, conserva l’impronta e coagula da sé: Io immagino il latte come una bacinella d’acqua dove il grasso son palline di ping-pong e la caseina (proteine) palle più grosse. Affinché vi sia cacio devon agglomerarsi le palline grandi in glomeri più compatti, che conterranno le palline di ping-pong e galleggeranno nel siero di latte vuoto. La coagulazione di latte inacidito avviene con aggiunta di enzimi coagulanti detti caglio. Il caglio animale, sono enzimi secreti da stomaci di agnelli/capretti ancora poppanti (chimosina, pepsina, gastrina); tra gli Enzimi vegetali abbiamo Galium aparine, latte di Fico, semi di cardi più aceto d'uva o succo di limone (per inacidire il latte sino a pH 4.5 dove le caseine precipitano e si uniscono). L'enzima lattasi è prodotto nello stomaco-intestino del vitello. Un latte inacidito vedrà il lattosio in parte lavorato dai lactobacillus che producono yogurt. Ingerire latte di vaccina aumenta il desiderio di dolci e saccarina, mentre il calcio è presente in misura doppia nei semi di sesamo, foglie verdi del cavolo, alghe, senape, rape, mandorle, e semi girasole. Dopo lo svezzamento le cellule intestinali dimenticano l’enzima lattasi (degrada il lattosio), così questo fermenta e si ha flatulenza. Kefir e Yogurt nascono da latte fermentato ma contengono differenti fermenti lattici: Kefir è più digeribile dello yogurt, nel Caucaso le mamme lo danno ai loro bimbi al posto del latte intero a prevenir diarrea. In qualsiasi zona a clima temperato o caldo, specie in estate, in 24h il latte diventa acido con proprietà igienico-nutritive sue. Una porzione al giorno di yogurt (acido lattico, potassio, fosforo, calcio, A, B), adatto a chi non ha enzimi lattasi, previene osteoporosi, migliora la flora, potenzia l’immunità linfatica delle mucose intestinali, protegge da colite e diarrea e riduce la placca batterica su cui prosperano i batteri carie. In Italia per legge si può chiamare yogurt solo il latte di vacca fermentato con batteri lactobacillus bulgaricus e streptococcus termophilus, enzimi che aiutano a digerirlo facilmente. Il Kefir invece, ha grani di caglio piú piccoli dello yogurt, così è più digeribile; esso contiene differenti tipi di fermenti lattici e lieviti, capaci di raggiungere e colonizzare tratti di intestino come il colon, proibito ai batteri dello yogurt, favorendo la digestione anche di altri alimenti. I lieviti del Kefir, annidando nelle pareti intestinali, creano una barriera e permettono la distruzione di altri lieviti nocivi. Pamela mette max 50 grammi di granuli di Kefir in una bottiglia di latte intero fresco pastorizzato (a temperatura ambiente, no latte UHT) e lascia fermentare 24 ore, la temperatura ideale è tra 20°C e 23°C. Sopra i 25°C i fermenti iniziano a morire mentre il freddo li preserva senza riprodursi (in frigo, 1 settimana nel latte). Evitare di lavare i granuli con acqua. E' importanto che il latte sia intero, fresco e pastorizzato, lei chiude la bottiglia lasciando uno spiraglio, poichè si produce anidride carbonica che deve poter uscire. Dopo 24 ore, versa il latte così cagliato in un altro contenitore, con uno scolapasta a maglia fine così da recuperare tutti i granuli di Kefir e separarli dal latte fermentato, già pronto da bere. I granuli saranno cresciuti un pò e son subito riutilizzati in un'altra bottiglia di latte fresco. Ogni 7-10 fermentazioni (7-10 giorni) la quantità di granuli raddoppia rispetto a quella di partenza. E' importante evitare posate di metallo. Il Kefir così preparato può durare un paio di giorni, se si consuma in giornata può essere tenuto a temperatura ambiente, altrimenti meglio in frigo. Più tempo passa e più i fermenti nel latte vanno a morire, per cui la migliore cosa è produrlo e berlo ogni giorno, e/o farne pane, formaggio e dolci. Esistono due tipi di Kefir: di latte e d'acqua. Quello di latte è bianco, contiene oltre 30 specie diverse di fermenti lattici, cresce e riproduce sempre di più. Il Kefir d'acqua invece, ha granuli più piccoli e trasparenti simile al sale, contiene solo 10-15 specie diverse di fermenti vivi e alcuni lieviti birra, decresce man mano. Nel Kefir d'acqua i fermenti digeriscono tutti gli zuccheri (glucosio, saccarosio, fruttosio, maltosio, destrosio, ecc.) tranne il lattosio del latte. Nel Kefir di latte, invece, vi sono anche i fermenti di lattosio. Si converte Kefir di latte in Kefir d'acqua, facendo cibare i fermenti di zuccheri anzichè di latte, ma non viceversa; in 3 giorni i fermenti lattici moriranno e nel Kefir vi saranno solo i fermenti zuccherini. Se si mette latte nel Kefir d'acqua il risultato sarà sgradevole perchè senza fermenti adatti, il latte non potrà fermentare bene. Il Kefir di latte è digeribile anche da chi ha intolleranza al lattosio, poichè il lattosio è già predigerito, mentre il Kefir d'acqua è privo di lattosio ma contiene più lieviti che producono alcool al 0,2%, ovvero un cucchiaino di birra ogni mezzo litro di Kefir. 02.䷁ NUTRIRE LE TERRE

03.䷂ ALBERI MAJOR - 木 mù (tree rad.75)

Seba ci guida all'interno di due boschi della Tuscia: la Selva del Lamone, e il Bosco di Marturanum; nella Selva del Lamone è assai diffuso il toponimo roggio, roppozzo, roggio del pozzo, che vuol dire luogo recintato. I roggi erano piccole aree da coltivare concesse dal feudatario a un suddito; il terreno veniva disboscato, spietrato e poi lavorato per alcuni anni. Roppozzo è sia la radura con l'area pic-nic in cui d'inverno si accumula acqua piovana, sia i margini del bosco circostante. Da un sentiero che serpeggia tra i massi coperti dai muschio, si osserva la dominanza del cerro (Quercus cerris), orniello (Fraxinus ornus), carpino nero (Ostrya carpinifolia) e aceri (Acer campestre e Acer mospessulanum); dove i massi sono frequenti, il bosco può essere inaccessibile, poco sfruttabile da uomo e bestiame, qui traggono giovamento specie lianose o spinose: edera (Hedera helix), stracciabraghe (Smilax aspera), pungitopo (Ruscus aculeatus) e agrifoglio (Ilex aquifolium). Nella selva del Lamone, Emilia ci addita i molti cerri chiamati capitozze e ci narra la loro storia: la loro potatura, nei secoli passati, era la capitozzatura, un taglio completo di tutti i rami (quindi della chioma) in corrispondenza della loro inserzione sul tronco, le fronde fogliose così ottenute, venivano usate come foraggio e come fascine. A primavera si attivano le gemme latenti alla base dei rami tagliati, innescando la crescita di nuovi germogli che, si svilupperanno tutti più o meno alla stessa altezza, tentando di riformare una chioma, seppur snaturata, fatta di molti rami secondari (spesso grandissimi per rimediare alla perdita di altezza), che si aprono a formare un'ampia chioma. Nel bosco Marturanum scorre il Biedano e i suoi affluenti, un torrente che ha inciso una profonda vallata su uno strato tufaceo prodotto dal vulcano di Vico. Le alte pareti tufacee racchiudono diversi ecosistemi, una sequenza di vegetazione parte dal torrente: il bosco idrofilo con pioppi (Popolus nigra), ontano (Alnus glutinosa), salici Salix alba) e Frassini oxycarpa, formazioni di bosco rupestre a leccio (Quercus ilex) e bagolaro (Celtis australis), il bosco di Roverella (Quercus pubescens), la macchia ad erica (Erica arborea) e un lembo di faggeta di un ettaro. Il querceto a cerro (Quercus cerris) domina la vegetazione boschiva centrale: nelle zone più calde (xerofile) accanto al cerro troviamo roverella e leccio; nelle zone più fresche (mesofilo) troviamo carpino bianco (Carpinus betulus), castagno (Castanea sativa) e acero campestre (Acer campestris); l'orniello (Fraxinus ornus) è diffuso in entrambe le zone.. Seba è ora seduto attorno al fuoco serale e narra i miti di alberi antenati: 'nel passato in tutta Europa esisteva una permacultura inclusiva di bosco, i rustici amavano il bosco perchè sotto le querce pascolavano i maiali, raccoglievano i frutti selvatici, funghi, legna, piante medicinali, cacciavano cinghiali, cervi e caprioli, pescavano pesci, usavano il bastone per scavare radici e bulbi selvatici, coglievano acqua e rane dai ruscelli, piume dagli uccelli, prodotti silvo-pastorali (formaggi-latte, lana), richiamando i comuni progenitori cacciatori-raccoglitori, pescatori e allevatori che, tra castagne e funghi porcini, si sentivano nel grembo della Madre che nutre tutte le creature". Il ROVERE (Quercus petraea, Fagacee) è una quercia caducifoglie di prima grandezza, è simile alla Farnia con cui si ibrida spesso. Ha chioma più aperta della Farnia e rami più dritti; si differenzia dalla roverella per le dimensioni del fusto e per il lato inferiore delle foglie (glabro) che sono semplici, decidue, con margine lobato e 5-8 paia di lobi arrotondati, senza peli. La pagina superiore è verde lucido, quella inferiore più pallida. Nel rovere la ghianda è sessile, a differenza della roverella i cui frutti hanno peduncolo assai corto. Il tronco è eretto, robusto e slanciato, ramificato solo nella parte superiore. I rami sono molto nodosi e formano una corona densa, globosa e regolare, i rami giovani sono privi di peli; la chioma si espande verso l'alto fin 30-40 metri di altezza. È una quercia dalla discreta longevità (500-800 anni), le sue dimensioni definitive vengono raggiunte a 120-200 anni. La rovere tollera la siccità grazie al suo apparato radicale profondo e, a differenza della farnia, tollera un ristagno idrico di 100 giorni consecutivi, tuttavia teme le gelate tardive: in Italia vegeta nelle vallate alpine, pre-alpine e nell'Appennino: in Lucania e meridione, cresce in boschi la subspecie austrotyrrhenica, altrove i boschi di Rovere furono sostituiti dal castagno. Il legno di rovere è pregiato, identico a quello della farnia, viene usato nella fabbricazione di mobili, edilizia, (travi, parquet), cantieri navali, doghe per botti e bare per defunti; come tutte le quercie è ottimo combustibile, adatto alla produzione di carbone. La Roverella (Quercus pubescens, Fagaceae), è la quercia più diffusa in Italia, in quanto resiste all'aridità, è rustica e si adatta anche a climi freddini: in Inverno mantiene le foglie secche attaccate ai rami a differenza delle altre specie di querce. La grande vitalità della ceppaia ha permesso alla Roverella, attraverso i secoli, di resistere agli interventi distruttivi dell'uomo. Roverella raggiunge i 20-25 m di altezza, ha un aspetto tozzo a chioma ampia, rada e irregolare; ha fusto corto, ramificato a breve altezza in grosse branche anche contorte. Al tatto, foglie o gemme sono ricoperte da una fine peluria (pube), le gemme sono grigie, ovali-appuntite e molto pelose. La corteccia è grigio-scura poi nerastra, fessurata sin da giovane in piccole scaglie dure a profilo quadrangolare rilevate e rugose. Le foglie sono tardivamente caduche, alterne molto variabili nella forma e dimensioni; in genere ovato allungate con lamina a margine lobato; la pagina fogliare inferiore è densamente pubescente (pelosa), con picciolo fogliare di circa 8-12 mm. Il frutto ovoidale, portato da un peduncolo spesso e peloso, ha striature scure allo stato fresco, cupola che ricopre la ghianda per 1/3 - 1/2 della sua lunghezza. Roverella cresce in tutta Italia, escluso le zone più interne ed elevate. Predilige le località più assolate, i versanti esposti a sud. Forma boschi puri o misti, d'alto fusto o cedui. Può subire attacchi da parte di alcuni lepidotteri defogliatori (Lymantria dispar e processionaria delle querce). È apprezzata come legna d'ardere, ovvero legna dura con ottimo valore calorifico e lenta combustione. Il suo legno, simile alla Rovere, ha fibre meno dritte, così è meno lavorabile: le travi ottenute vengono usate anche per costruzioni navali e traverse ferroviarie. Le ghiande sono dolci, sono usate per alimentare i maiali e, nei periodi di carestia, per fare una piadina di ghianda. Altre QUERCIE, Oak, dubràvy/дубравы dette Cerro, cerqua (Quercus cerris), Farnia (robur) etc, venivano lasciate lungo i confini di proprietà, poichè vivono anche 1000 anni: tra gli alberi antenati della Lucania figura una roverella di 612 anni (tronco 6,43 m e altezza 20 m) che vegeta a Tricarico (MT); nell'agro di Lucera vegeta una roverella di 900 anni, alta 30 m con tronco di 6,30 m. La più grande e plurimillenaria vive in Sardegna ad Illorai, in un bosco naturale (tronco 8.80 m e altezza 24 m). Quercia è un albero sacro in molti miti europei: per gli Slavi, in qualche parte del mondo c'è una quercia che cresce sempre ed è, ormai, diventata tanto alta da raggiungere il cielo di Perun, dove risiedono i tre elementi fondamentali: il fuoco la terra e l’acqua. altro mito: due querce primordiali esistettero nell’oceano primitivo; da questi due alberi erano volate giù fino al fondo del mare due colombe per portare a Perun (Creatore di vita, fulmini e tempeste nel Cielo) un pò di sabbia e di sassi dai quali poter creare terra e cielo. Il supremo dio slavo-baltico è in relazione con la quercia, Piorun in polacco, Perom in slovacco, Pargianja nei veda, Fjorgyn norreno, Querinus italico (latinizzato in quir-c-, quercia, ed eletto nel medioevo a dio capitolium dell'utopia romantica); i Celti chiamavano Hercynia Silva le loro foreste di querce lungo il Reno. Nella medicina popolare ed erboristeria, si usa la corteccia di rami giovani (primavera) con prudenza, in quanto irrita il digerente; le foglie di giugno e le ghiande d'autunno si usano per ricavarne decotti antisettici, astringenti, febbrifugi e tonici (bagni, capelli, gengive, angina, alcolismo, diarre, emorragia, emorroidi, epistassi, geloni, leucorrea, intossicazione, smagliature), seguendo la preucazione di evitare il contatto con recipienti di ferro; non mescolare a sale da cucina, condros e piante con alcaloidi. Il babbo di Raseno frantumava le ghiande, miscelava con mais, orzo o altri cereali e ne dava ai volatili da corte; le Ghiande disidratate od essiccate hanno alto valore energetico (450 kcal per 100g), proteine (6-8%), grassi (25-35% insaturi), carboidrati (50-60%), calcio, fosforo, potassio, niacina (vitamina PP), vitamine gruppo B (specie B6 e B9, ricostituenti naturali), rame, manganese, ecc. Cervo, cinghiale, colombaccio, ghiandaia e tacchino che mangiano ghiande, crescono sani e forti: la carne di questi animali così nutriti è molto tenace, ha sapore robusto di bosco; se le galline apprezzano il gusto delle ghiande, uova e carne saranno di ottima qualità. La ghianda è iper energetica e possiede tannini astringenti che, a seconda delle specie, sono molti o pochi: se sono molti rendono le ghiande amare (usate qual caffè preventivo di alcune forme tumorali) e disturbano la digestione delle proteine e assimilazione di alcune vitamine. Per ridurre i tannini si usa l'acqua: ammollo, risciacquo, acqua corrente, lunga bollitura (decozione) o tostatura, essenziale per farne farina alimentari. Tali trattamenti eliminano i gallotannini, quercitrina, e quercitina, ma anche le vitamine idrosolubili (gruppo B). I nativi americani pongono ghiande frantumate in acqua corrente per vari giorni, poi prima di consumarle, le bollono o ne ricavano ingredienti secondari: farina per porridge, olio e bevande. In passato anche in Grecia, Italia, Spagna e Serbia, dopo prolungata bollitura, o tostatura, se ne ricavava una farina usata in panificazione, bevande come l'orzo e decotti antidiarroici. Le ghiande più piccole (mature) sono meno amare di quelle grandi, pian piano si riesce ad apprezzarne il retrogusto leggero di nocciole. La sbucciatura delle ghiande, come per le castagne, è facilitata facendole arrostire in forno o padella: io spezza più o meno finemente le ghiande sbucciate,le metto a cuocere in molta acqua; tolgo le pelli che galleggiano, e fò cuocere finchè l'acqua diventa bruna; scolo l'acqua e assaggio una ghianda: se è amara o astringente ripeto l'operazione finchè il gusto sia neutro e l'acqua chiara. Quando ogni traccia di amaro è scomparsa, filtro e mescolo con lievito, olio d'oliva, aglio, cipolla, olive spezzettate, farina e 1-2 uova. Verso la miscela in una teglia oliata e fò cuocere a fuoco medio per mezz'ora; lascio raffreddare e poi servo, il gusto di questo paté migliora dopo qualche giorno. La pasta, eliminato il tannino, posso aromatizzarla con bacche di ginepro, mirto, ecc. Il caffè di ghiande tostate, miscelato a radice di cicoria, tarrassaco od orzo (anch'essi tostati) conferisce il gusto amaro, senza caffeina. Tal succedanei tornarono popolari nel primo dopoguerra, la tostatura delle ghiande caramellizza (reazione di Maillard, simile nei grani di caffè), porta alla formazione di composti melanoidi di colore scuro, mentre la maggior parte dei composti tossici e tannini amari viene inattivata o eliminata. Il metodo di tostatura dipende dalla varietà di ghiande, va da 90 a 350°C, da 5 minuti a 10 ore; ideale è una temperatura di 200°C per 1 ora, in un vaso cilindrico forato, poggiato sul camino e fatto girare a mano con una manovella. Le ghiande arrostite sono poi raffreddate e sbriciolate; le varietà più amare son tostate intere, poi sbriciolate e la polvere, inserita in un sacchetto di stoffa (riduce ulteriori tannini), viene messa in decotto e, la poltiglia ottenuta, ancora essiccata e tostata. Nei momenti di carestia l'uomo torna spesso alle ghiande, alimento collaudato; data la facile conservabilità, le ghiande furon cibo di scorta di molti popoli del mondo: le donne dei California facevano disidratare le ghiande al sole per arrestare la germinazione, poi le stoccavano in caverne o tronchi d'albero, al riparo dai topi. Ciò permetteva loro di avere scorte di cibo per i mesi più difficili dell'inverno americano: nei momenti di bisogno le ghiande venivano sbucciate, macinate e consumate. La prima polenta dei popoli slavi italici era polenta di ghiande schiacciate e cotte su pietre roventi: in Sardegna si usavano ghiande dolci, dopo averle bucciate venivano bollite in una caldaia di rame con argilla e cenere, per togliere l'acido tannico e renderle commestibili. Il brodo nero rimasto nella caldaia insieme alle ghiande sciolte, continuava a bollire, fino a disidratarsi, poi veniva versato sopra grandi pezzi di sughero; con un coltello si tracciavano le forme che, raffreddate ed asciutte, diventavano il pane. Tra i Piceni le ghiande venivano bollite in acqua per un'intera giornata, poi si facevano asciugare e si portavano a sfarinare al molino; in seguito la farina di ghiande veniva stacciata e la parte fine era usata, impastata con lievito naturale, acqua e sale; lievitata per molte ore, si modellava a forma di pannocchie, cotte poi nel forno a legna per un'ora; se era disponibile uva passita, mirto o mistrà, veniva aggiunto all'impasto per ingentilire il pane. In Lituania la prima decozione delle ghiande è fatta in latte (meno di 1 ora); la seconda tostatura è fatta in padella sul fuoco, fino a completo essiccamento e colore aranciato; le ghiande vengono poi macinate e la polvere è usata a preparare un caffelatte: tre cucchiai di ghiande sbriciolate, una tazza di acqua e due di latte. In Corea, con l'amido della ghianda vien prodotto un budino chiamato Dotorimuk, servito a fette con carote, scalogno, aglio, salsa di soia, olio e semi di sesamo. Seba pesca tra le memorie dei Lucani.. resistono i riti del carnevale e le storie dei briganti: nelle piccole comunità della Lucania, il lavoro nei fondi dei padroni, vecchi e nuovi (borboni e savoiardi), era sempre più misero, e il sentimento morale di molte famiglie veniva deluso; miseria e fame furono tali che, i contadini, o manovali di campagna, si sfamavano di cocomeri crudi, mangiavano pane di segala o miglio, rarissime volte mangiavano la carne. Così diversi contadini si danno alla montagna, briganti e sprezzanti della morte, ribelli, saccheggiano e seminano terrore tra gli alterni padroni: a Rionero in Vulture, nel 1830 nasce Carmine Crocco, dal padre pastore e contadino e la madre cardatrice di lana; a 15 anni prestava servizio militare a Gaeta per il governo Borbone.. in seguito, a causa di vari eventi, tornò nel suo paese e si rifugiò nei fitti boschi di Lagopesole, l'inverno del 1860-61, grazie a 'finanziamenti politici', riunì attorno a sé i galeotti fuggiti dalle prigioni ed ex soldati vagabondi e disoccupati dello Stato borbonico.. il Governa dell'Italia unita promosse la legge PICA del 15-8-1863, stabilendo tribunali militari per reati di brigantaggio: vi furono condanne, fucilazioni e punizioni anche per persone innocenti. I riti del Carnevale in Lucania, sopravvissuti alle ondate di emigrazione che hanno rischiato di svuotare i paesi della propria anima, sono ancora vivi nei piccoli centri, occasioni di svago e divertimento, pretesto per mangiare. Il carnevale coincideva con l'uccisione del MAIALE 豕 shǐ (susa susa, rad.152), le cui carni compaiono in molte ricette locali: sanguinaccio, calzoni ripieni di ricotta, accompagnati da orecchiette, conditi con sugo di maiale; oppure maccheroni al ferretto, cavatelli, etc, sempre con sugo di maiale, sottolineano le follie nel cuor d'Inverno; il dolce di ricorrenza sono le 'chiacchiere', castagnole, o una torta di ricotta condita con ciò di cui si dispone (cioccolato, cannella, scorza di agrumi, erbe). Il maiale (o porco), tra tutti i popoli italici fu sempre ricchezza di famiglia poichè, tra i pochi acquisti ricavati dalla vendita del maiale c'erano il sale, farina di mais, riso, semola di grano duro per grandi occasioni, castagne, olio, vino, acciughe: in zone di alte montagna il pane si cuoceva una volta l'anno (a gennaio) tutti assieme al mulino del paese, poi il pane secco e duro si poteva conserva su rastrelliere e, per renderlo mangiabile, veniva ammorbidito e accompagnato da latticini o brodo. Il freddo accompagna le maschere carnevalesche in corteo per le vie dei piccoli centri, per culminare spesso col rogo propiziatorio del Carnevale (martedì grasso): sfilano i portatori di campanacci fino a notte fonda, tra le viuzze del paese, rinpinguati con cibi, taralli, focacce e vino locale (15-16-17 gennaio). A Tricarico le maschere tipiche dei tori e delle vacche, vestite di nero con drappi rossi le prime, e di bianco con drappi colorati le seconde, girano per il paese per la questua accompagnati dal massaro: tori e mucche mimano la transumanza dei bovini che per centinaia di anni hanno attraversato i vari paesi, dalla marina alle alte valli dei fiumi, sfuggendo al controllo del massaro per tentare l'accoppiamento.. gli animali venivano condotti al tempio (poi chiesa di sanAntonio abate) per compiere tre giri attorno e ricevere la benedizione propiziatoria, ovvero invocare il passaggio dall'inverno alla primavera. A Cirigliano, il corteo delle maschere dei mesi e delle stagioni, insieme a preti e pastori, accompagnano Quaremma nel corteo funebre che segue la bara del Carnevale, i campanacci richiamano la nativa cultura pastorale dei paesi lucani. Aliano (paese del confino di Carlo Levi), nell'ultima domenica di carnevale, pone in scena la maschera Cornuta e figur grottesche, rappresentazione sarcastica di fatti e personaggi reali: mutandoni con finimenti di muli e cavalli, cinturoni di crine di cavallo e mascherone di argilla e cartapesta dai grossi nasi e penne di gallo. Fra le Dolomiti Lucane, a Pietrapertosa, l'antico carnevale risuona col ritmo della cupa-cupa, ovvero il segno dell'arrivo di gruppi di maschere in questua di dolci e salumi: il martedì grasso il Carnevale, punzecchiato dal Fauno col volto nerofumo e corna caprine, viene condannato al rogo; la sagra della Rafanata (tortino di carnevale a base di patate e rafano), chiude i festeggiamenti. Montescaglioso fa sfilare maschere realizzate con pelli di animali e juta, nel martedì grasso, seguendo i cucibocca e la maschera della parca che fa volteggiare il fuso fra la gente creando scompiglio e paura: simbolo dello scorrere del tempo (energia, mana) e della morte che si avvicina a tutti. Madre Quaremma, vestita di nero, porta in braccio un neonato, mentre una carriola raccoglie le offerte; il frastuono di campanacci, simbolo di passate transumanze, accompagna il corteo, scacciando la malasorte; in chiusura il Carnevalone silenzioso si lascia trasportare su un asino, medita la sua ultima ora che sta per arrivare. Le comunità contadine, che hanno sofferto il peso del latifondo, hanno maturato nella propria identità riti e feste uniche, come quella dedicata ai bambini, i cucibocca sono figure scure, vestite di mantelli o vecchi cappotti, per cappello un disco di canapa da frantoio, folte barbe bianche e un piede legato a una catena spezzata che striscia sul selciato con sordo rumore; i cucibocca bussano alle porte e chiedono offerte di prodotti della terra, in mano un canestro con una lucerna ed un lungo ago con cui minacciano di cucire la bocca ai bambini; scompaiono nel buio con l'avanzare della notte. Le Maschere del Carnevale di Satriano sono ispirate agli antenati e agli emigrati: l'Orso, coperto di pelli di pecora o capra, indica l'emigrante che ha fatto fortuna lontano dalla sua terra e che torna per questo rivestito di pelli pregiate.. il romita (o eremita), avvolto e rivestito di ramoscelli di edera, raffigura il Satrianese rimasto nella propria terra che, indigente ma felice, si esibisce in un ballo liberatorio; nel paese abbondano colori, suoni e scherzi del carnevale Lucano. Uomini di ogni età girano rumorosi per le strade del paese assieme al romita ell'orso, provvisti di campanacci o enormi campani armentizi, fanno un rumore cupo, fragoroso e as­sordante, che pervade strade e vicoli; la terza maschera è la Quaresima, che porta sulla testa la culla in cui riposa il Carnevale finito: la donna vestita di nero esprime una sofferenza a lungo vissuta e nascosta, mentre la culla, simile a quella portata sulla testa dalle mezzadre per portare i loro bambini durante il lavoro nei campi, richiama l'analoga usanza delle donne nomadi africane col bebè.. al Carnevale di Lauria, si prende una grande botte e la si veste da uomo trascurato, ogni persona versa nella botte del vino di qualità diversa fino a riempirla. Tutti, uomini e donne, trascorrevano la serata sedendo in cerchio attorno alla botte, si suona l'organetto (mandacetto) e il cupi-cupi (strumento fatto con un barattolo, pelle di maiale secca e una cannuccia che, una volta bagnato con acqua, produce un suono di accompagnamento), si cantano canzoni, si balla e si consumano i dolci che ognuno ha preparato in casa: chiacchiere (frunni di castagna), frittura di castagne, fichi e noci, la bevanda è il vino raccolto nella botte. Alcuni si mascheravano con vestiti vecchi o bucando un sacco, altre persone invece costruivano il carnevale con un pezzo di legno abbastanza grosso, lo vestivano di stracci e lo portavano in giro per le case; lo faceva ballare chi lo aveva costruito, e nessuno lo poteva toccare (analogia col byeri dei Fang); le persone offrivano loro frittelle e salami, da mangiare prima della quaresima. Il carnevale da molti costruito, indossava anche la vertola, due sacche unite da una striscia (usate nelle semine a spaglio), dove mettevano varie cose da mangiar.. i giorni prima del carnevale, giravano per le case suonando il cupi-cupi, mangiavano i fusilli conditi con sugo di maiale, soppressate, cannaricoli e frunne di castagna. Se mancava la pasta, allora si arrangiava una polenta comunitaria, condita anch'essa con sugo di maiale.. Altari, dolmen e menhir delle religioni animiste d'Europa, mutarono in recinti cultuali delimitati da cippi, sino a divenire templi rinascimentali nelle città di mercanti, luogo di raccolta di primizie della terra (cereali, legumi, frutti, bevande e latte), sostituita poi da doni in danaro, oggetti preziosi e lasciti, che arricchivano il tesoro del tempio e diedero origine alla casta dei sacerdoti-banchieri, gli unici che potevano disporre del tesoro (sancta santorum); il tempio urbano divenne luogo di culto, banca, clinica e sala dell'oracolo. Presagi e messaggi venivano tratti da calderoni in bronzo, dal volo di uccelli e dallo stormire delle foglie di alberi, come il Platano sempre verde, gli Ulivi, la Quercia di Zeus (quercus, quirin, perkun), venerato anche nel santuario-emporio bizantino di Grotta Porcinara a Leuca, con il nome di Batas (o Batu khan) e Zeus Kataibates, dio nudo che, con la mano destra brandiva la folgore, e con la sinistra artigliava un’aquila. Nella terra dei Messapi (Otranto), le tracce di riti sciamanici portano lungo le scogliere a picco sul mare, qui furono attive molti antri e grotte dove si compivano riti iniziatici alla vita adulta e ai misteri dell'aldilà. Nella Grotta dei Cervi, a Porto Badisco, sulle pareti e sulla volta, si possono ancor vedere affreschi con immagini di caccia al cervo, danza estatica, mandrie di bestiame, mani, stelle, arabeschi, spirali e losanghe, dipinti con ossido di ferro e guano di pipistrello, simili a dipinti rupestri di aborigeni australiani e boscimani del Kalahari. Soffiando il colore dalla bocca, l’artista proiettava se stesso sulla roccia, affinché la divinità concedesse al clan, riserve di cibo, acqua, riparo e scorte di selvaggina. Un decotto di corteccia di quercia, strofinato su zoccoli e bocca della mucca, cura geloni, ulcere e congelamenti. Foglie secche di Quercia, in vaso e sottovaso di terracotta, accese con fuoco, esalano incenso adatto a fumigare la serra piena di Aleuridi mosche (mezz'ora è sufficiente); mentre la cenere di quercia in pentola, sempre nella serra d'inverno, assorbe umidità e riscalda un pò. Può essere usata come drenante e antigelo sui viali, al posto del sale grosso, oppur come rincalzante cappotto invernale dei carciofi. L'ABETE Bianco (Abies alba o pectinata) è detto Principe dei boschi, abete maschio, avezzo, peccia, dazza, piolla, arvulu.. poichè è maestoso, slanciato, con fusto diritto alto fin 50 metri. Albero sempreverde, monoico, con semi (spermatophyta) contenuti in un cono eretto. Vive fra 500 e 2000 metri s.l.m, molto longevo: può andare oltre i 600 anni d'età. Da giovane può vivere in zone d'ombra (sciafilo), anche per trent'anni, ma ne consegue fusto malformato; allo stato adulto ama vegetare in piena luce. Trova il suo climax ideale nelle zone a piovosità-umidità medio-alte, ma riesce a superare periodi di siccità; sopporta temperature di -25°C, resiste al vento, alle intemperie, tollera l'ombra, ma è sensibile a gelate tardive, così non scende nelle valli. Si incontra sempre in boschi misti con faggio (Fagus sylvatica), larice (Larix decidua), abete rosso (Picea abies), rododendro rosso (Rhododendron ferrugineum) e pino uncinato (Pinus mugo sub. uncinata), poichè le sue plantule trovano un substrato adeguato solo nell'humus prodotto dalla decomposizione di foglie di altre specie (humus mix). Se coltivato sotto i 500 metri, dove il clima è più mite, diviene meno resistente in quanto è costretto a prolungare il ciclo vegetativo e formare anelli di accrescimento più larghi e con più acqua (rischio rotture e attacchi parassiti). Se cresce isolato, il fusto ha fitti rami fin dalla base, se cresce vicino ad altri alberi, il fusto è spoglio per molto della sua altezza. L'abete bianco ha ramificazione molto regolare: i rami secondari sono disposti lungo il tronco con andamento a spirale, la chioma, verde-blu, ha forma piramidale nei giovani e nido di cicogna da adulto (dopo 60-80 anni, la punta principale ferma la crescita e i rami sotto continuano a svilupparsi fino a formare una conca). La sua corteccia è una delle meno ricche in tannino, tuttavia, ha piccole sacche da cui è possibile estrarre la trementina. La corteccia, nei giovani sotto 50 anni è liscia, bianco-grigio argenteo e le sacche resinose, se premute, diffondo odore di trementina. L'apparato radicale, all'inizio è un'unico fittone che penetra nel suolo per 1,60 metri e salda la pianta al suolo; poi si formano radici laterali che continuano a ingrossarsi, se possibile, in profondità. Così l'abete bianco è una delle conifere che meglio si ancora, poco soggetta a sradicamenti. Le foglie hanno disposizione a doppio pettine, durano 8-10 anni, sono aghi appiattiti, con punta arrotondata non pungente e margini lisci. Fiorisce tra maggio e giugno (gimnosperme non producono fiori-frutti) a mezzo di sporofilli: microsporofilli riuniti in coni maschili, nella parte centrale e alta della chioma, a forma ovoidale, formano polline giallastro portato in alto dall'aria calda; macrosporofilli riuniti in coni femminili, le pigne (portano ovuli), poste nella parte alta della chioma, eretti verso l'alto (abete rosso verso il basso) verdi e rosso-viola a maturità, e ciglia ovulifere. A settembre-ottobre si sfaldano, le squame cadono una ad una insieme ai semi, lasciando il rachide nudo sul ramo, dove può rimanere più anni (tipico degli Abies). Ogni pigna contiene circa 50 semi fertili prodotti dopo almeno dopo 30 anni di vita, di forma triangolare, hanno un'ala 4 volte più grande (attaccata al seme come lo yagè) che permette di volteggiare in aria. Dai semi si ricava l'Olio di abete. Le gemme, raccolte in primavera, contengono olio e piceina (un glucoside), che le rende balsamiche, sfiammanti, antireumatiche e diuretiche. Il decotto di gemme è utile a trattare problemi alle vie respiratorie (antisettico-espettorante): i frati Servi di Maria, di Monte Senario (Firenze) producono un liquore con Gemme d'Abete, i monaci di Camaldoli (AR) producono la Lacrima d'abete. L'olio è usato per aromatizzare bagni e massaggi tonificanti. Le foglie, ricche di provitamina A, venivano usate per curare malattie degli occhi. Dal legno e foglie si ricava l'essenza di trementina, usata per vernici o, in medicina e in veterinaria, per strappi e contusioni grazie alle sue proprietà antisettiche e antireumatiche. Il legno dell'abete bianco è leggero, tenero, chiaro con venature rossastre, è impiegato dalle industrie cartiere per estrarre cellulosa, e dalle falegnamerie per costruzioni d'interni ed esterni, in Giappone è molto usato nella costruzione di case e capanne antisismiche. Svantaggi rispetto all'abete rosso: maggiore durame con umidità (cuore bagnato), vulnerabile a tarli e clima; maggior sfaldamento presso gli anelli annuali di accrescimento (cipollatura). Vantaggi: assenza di resina, presente solo nella corteccia; maggiore resistenza e portata statica; maggiore attitudine all'impregnazione. Da secoli si registra il ritiro dell'areale dell'abete bianco, già usato come albero di maestra per le navi (altezza dei fusti), negli ultimi anni ha subito una diminuzione di numero, a causa dell'uomo, che ha preferito formare ampi pascoli e tagliare i giovani esemplari come albero di Natale: i suoi aghi sono aromatici più dell'abete rosso, resistono e cadono più tardi. Nel mediterraneo vivono nove specie affini e interfertili all'abete bianco: A. marocana; A. pinsapo in Spagna; A. numidica in Algeria; A. nebrodensis in Sicilia; A. cephalonica in Grecia; A. borisii-regis sud Balcani; A. equi-trojani (vicino Troia) e born-mulleriana (cilicia) in Turchia. In totale il genere Abies comprende circa 45-55 specie. Il suo areale europeo ha quattro subaree più o meno collegate tra loro: Bavaria (Selva Nera, nucleo primo), Carpazi, monti dei balcani, alpi-appennino. Comune nelle Alpi orientali, è quasi assente nelle alpi centro-occidentali, dove il microclima favorisce il larice e l'abete rosso, torna frequente nelle Alpi Marittime e Liguri, dove è associato al pino mugo (vetta del Monte Nero, 1752 m), lembo relitto di boschi preistorici in cui viveva su gran parte dell'Appennino. In Centro Italia si trova in gruppi isolati, è spontaneo nel bosco dell'Eremo di Camaldoli, nelle foreste Casentinesi e a sud monte Amiata. Altre abetine toscane sono frutto di rimboschimento fatti dai granducati e ordini monastici. Nel Meridione si vede nell'Appennino calabro-lucano: Parco nazionale del Pollino, assieme a faggio, Aspromonte, Sila (nel Catanzarese sopravvivono esemplari monumentali) e Serre calabresi. In Sicilia, l'abete dei Nebroidi, è specie autonoma in via di estinzione, adattamento dell'abete bianco, è più piccolo e compatto. Oggi, protetti da filo spinato, resistono solo una trentina di esemplari sulle Madonie. La BETULLA-birch (betula alba, berjòza-береза) è l'albero a cui i Russi sono più legati e che i loro antenati consideravano necessaria per la vita e riproduzione. Per i Germani, la betulla è Freya, Dea dell'amore e della luce, Brida per i Celti, ponte tra i mondi per gli sciamani siberiani, simbionte dell'amanita muscaria, e Soma dei Veda; come il pino, Betulla è portata in processione a Maggio, decorata e posta al centro per la festa della Primavera. Betulla compare in poemi e canti russi che descrivono l'eleganza delle sue forme, il lungo e sottile tronco bianco che riluce nelle notti di luna. Lo smierd usa le sue foglie per capire le stagioni, i cambi di temperatura, pressione e umidità. Un indovinello russo dice: c'è un albero che illumina il mondo; cura i malanni e mantiene pulito il corpo con il suo succo (berezòviza): il lattice che in primavera possiamo cogliere dai sottili tagli sulla sua corteccia (senza uccidere la pianta) bevuto fresco, diluito con acqua o appena fermentato, ha sapore doce-salato ed è molto diuretico. La corteccia interna, ricca di betulina e sostanze drenanti e mineralizzanti, è forata in primavera (0,5 cm) per inserirvi una cannuccia da cui estrarre 2 litri di linfa zuccherina consumata come tonico (con cannella e chiodi-garofano serbata al freddo in vasi opachi), o a preparare la birra di Betulla, il foro è poi richiuso con cera. La corteccia, bollita e pestata, si applica su ferite e ulcere per sfiammarle e disinfettarle. La resina che essuda da corteccia (pece di betulla) è usata su eczemi, punture d'insetti e repellente. In Maggio, quando compaiono i fiori, si raccolgono le foglie per le tisane; le foglie son ricoperte di resina appiccicosa, con aroma balsamico (canfora di betulla, betulina); i semi sono alati e volano per centinaia di km. Il succo delle foglie giovani è usato nella cura dei calcoli renali e della vescica (come l'Acqua di Fiuggi), renella, artrite e dolori reumatici (iperuricemia), ipertensione, ipercolesterolo, cellulite, sfiammare bocca e dermatosi e, in tintura, come lozione per stimolare la crescita dei capelli. Vino medicinale: macerare 40 gr foglie fresche in 1 l di vino bianco secco per 15 giorni, filtrare. La betulla ha legno fragile e corteccia (berjòsta) liscia e bianca a maturità, lenticellata con uno strato interno di sughero che la protegge dal freddo, usata in nord Europa a rivestire i tetti delle case, e come papiro per scriverci. I rami (веники) sono usati a fustigare il corpo nudo nel banja, per stimolare la circolazione sanguigna e mantener la pelle giovane. Alla biforcazione di giovani rami, si formano galle-ferite (borodòvki-бoродовки), che rilasciano gialla resina (djògot-дегот) usata a curare ferite e ringiovanire la pelle del viso delle donne, colorandone guancie. I suoi rami sono usati anche per il fuoco nella pec'ka, in occasioni speciali; i legnetti fini, come piccole torce, sono usati dalle tessitrici nelle sere d'inverno: il loro succo (djògot) brucia bene, lento e senza fumo. CATALPA Bignonioides è una pianta rustica che ben tollera climi rigidi e ventosi, predilige posizioni in pieno sole, ma si adatta bene anche a mezzombra. Si accontenta delle piogge e supera bene brevi periodi di siccità: se i periodi siccitosi sono prolungati si può annaffiare a suolo asciutto. La pianta matura sviluppa radici profonde, capaci di trovare i nutrienti necessari a un rigoglioso sviluppo. Nel periodo invernale capita che molte piante siano ingannate dalle temperature piacevoli di alcune giornate di sole; aggiungendo concime si rischia di velocizzare l'apertura dei nuovi germogli, esponendo la pianta al rischio di gelate improvvise. Meglio allora che la pianta rimanga dormiente per tutto l'inverno. Catalpa ha grande capacità di adattamento, ma tollera poco i terreni troppo pesanti e compatti, privi cioè di buon drenaggio. Ama suolo neutro o appena basico, non acido. In natura la Catalpa si propaga autonomamente per seme, così, data la facilità di germinazione, dopo aver staccato un paio di baccelli, apriteli ed estraetene i semi; la percentuale di nascite è alta. Si semina in primavera: potete lasciare i semi a mollo per una giornata e poi interrarli, se umidi e al caldo vi sarà un esplosione di plantule. Nella prima fase di crescita delle giovani piantine, vento o intemperie possono danneggiarle: evitare la luce diretta e poi, quando si rafforzeranno, si potranno esporre al sole diretto gradatamente. Dal secondo anno in poi cresceranno a vista d'occhio, in un triennio giunge a 2-3 metri di altezza, raggiungerà i dieci metri in quindici anni. Nelle zone a clima invernale rigido subisce un forte rallentamento vegetativo. Catalpa ha virtù sedative, antisettiche ed astringenti; l'estratto delle radici, della corteccia, foglie e frutti, contenendo catalpina, un glucoside usato nella cura della pertosse e dell'asma. L'infuso di Catalpa sembra utile anche per le congiuntiviti. Un americano, modificando geneticamente questa pianta, ha ottenuto un ibrido contenente una sostanza in grado di tenere alla larga gli insetti molesti come le zanzare. La Magnolia soulangeana, ideale delle zone alluvionali, ha fioritura primaverile abbondante, in base alle varietà ha fiore grande bianco, rosato o giallo; ama il mezzo-sole, clima estivo piovoso, terreno acido permeabile e fresco. Si moltiplica per semina, talea, propaggine, innesto. Le Magnoliace, originarie di America, Asia ed Himalaya, sono piante arboree e arbustive a lento accrescimento, alcune arrivano a 20 m di altezza ed offrono ricche fioriture. Il nome del genere onora Pierre Magnol, medico francese, direttore del giardino botanico di Montpellier, che introdusse la classificazione di famiglia botanica. Le Magnolie hanno foglie alterne, ovali o ellittiche, grandi e coriacee, perenni o decidue, grandi fiori solitari a forma di coppa e frutti conoidi aventi semi rossi o arancioni; il fossile più antico di questa famiglia risale a 95 milioni di anni fa. I semi di Magnolia campbellii hanno proprietà febbrifughe mentre le resine aromatiche della corteccia di Magnolia virginiana vantano un'azione antireumatica. Magnolia saliciforme contiene magnosalicina e virtù anti-infiammatorie, antiflogistiche ed anti-asmatiche. 03.䷂ ALBERI MAJOR

04.䷃ ALBERI MINOR - 竹 zhú (bamboo, rad.118)

Seba, mentre beve una tazza di Tè cinese, ci descrive l'analogia tra un tempio cinese di Shaolin e il Therabuti: "è un tempio e giardino, ha terrazze e siepi, aiole con fiori ed alberi da frutto: Corbezzolo, Melograno, Nocciolo (Hazelnut), Noce (Walnut), Castagno (Chestnut), un Banano, etc. Il suolo è separato in piccole zone o campi, con paglia ovunque; nella parte più secca e drenata, sta Rosmarino, Salvia, Timo, Issopo, Maggiorana, più in basso, dove la terra è più umida: Prezzemolo, erba Cipollina, Calendula Camomilla e Menta. Seba si ferma di fronte a due alberi, una Palma da datteri e un Carrubo, in un sussulto che rivela un ricordo d'infanzia: la palma e il Carrubo (ceratonia siliqua, thaqu in quechua) gli ricordano i Santese, una vecchia coppia di salentini suoi vicini, che si amarono per 60 anni e vollero trapassare a distanza di una settimana l'un dall'altra, per ricominciare altrove.. Carrubo è pianta rustica e longeva su terreni aridi e perfino molto calcarei, sebbene a crescita lenta, è molto coltivato in Nord Africa e luoghi aridi Mediterraneo, per via della sana ombra delle sue fitte chiome; in Italia resiste nei carrubeti di Ragusa e Siracusa, dove vengono raccolti semi di carrube (70% della produzione nazionale) per l'industria dolciaria e alimentare, dei succedanei del cioccolato, addensanti e gelificanti. Semi durissimi (in arabo qīrāṭ, carato, unità di misura eqvl a un quinto di grammo) immangiabili, macinati per farne una farina multiuso (contiene molta carrubina), avente capacità di assorbire acqua 100 volte il suo peso: nella medicina popolare, i semi macinati sono usati come anti-diarroici, mentre tra i Misquito e gli Andini è usato come collirio sfiammante degli occhi. Il duro legno di carrubo è usato per utensili e macchinari in legno soggetti a usura, mentre i suoi baccelli, che si conservano a lungo, sono cibo per umani ed animali (aggiunti al mangime del bestiame), consumati freschi, secchi o tostati al forno. La Palma da dattero (Phoenix dactylifera) è una monocotiledone arborescente, spesso priva di rami, con crescita dal midollo interno; nell'arido paesaggio desertico, la Palma si erge alta fin 20 metri, necessita di molte ore luce per produrre grappoli di frutti zuccherini, e più nutrienti del fico (70% glucidi, vit.A,B e sali): 100gr di datteri forniscono 253 calorie, pari a quelle di una bistecca. Seba riprende a sgranare semi di anacardium e di pistacchio (pistachio tree), quindi ci parla del Nocciolo e dei suoi frutti: le Nocciole (лещина/lesc’c’ina, hazelnuts), ricche di fosforo più del pesce che, mangiate ogni mattina, aiutano i bambini nello studio, mentre le foglie, ricche di acidi tannini, tengono lontano mosche e tafani. Seba smuove i suoi rami e raccoglie le nocciole grandi, mentre lascia le piccole agli uccelli e agli animali. Le nocciole cadono fuori dall'involucro verde quando maturano, 7-8 mesi dopo l'impollinazione. Il NOCCIOLO (Corylus avellana, Betulacee, dal greco corys, casco), detto nisciola, nocchia, nocella, è un arbusto noto sin dalla preistoria, coltivato anche industrialmente (noccioleti), produce numerosi polloni da un unico ceppo, ha foglie ovali dentate e fiori monoici: in autunno amenti maschili gialli-dorati, allungati e ricadenti, in gen-feb amenti femminili visibili solo con piccoli stimmi rossi che svolgono in fiori a primavera. Il Nocciolo è nutritivo, astringente, sudativo, febrifugo, stomachico e tonico; le sue nocciole, più digeribili delle noci, sono ricche in proteine e grassi insaturi, contengono tiamina, vitamina B6, e minor qtà di altre vitamine del gruppo B: negli USA, il burro di hazelnut viene promosso come molto nutriente e i semi, crudi o tostati, vengono aggiunti al pane, biscotti e dolci. Dalle nocciole si ricava pure un olio giallino, edibile, usato per condire insalte, prodotti da forno, oppure aggiunto alle pitture per tatuaggi e cosmetici: ha un azione gentile, ma costante ed efficace, contro le infezione da vermi (threadworm o pinworm) di neonati e bambini; semi macinati sono pure usati nei cosmetici come ingrediente di maschere da viso. Nella medicina popolare si usa la corteccia dei rami giovani, foglie (fonte di tannino), amenti (catkins) e frutti, per curare impotenza, calcoli, coliche nefritiche, circolazione, epistassi, flebite, varici, edema, obesità, occhi, pelle (allontana i tafani), e stimolare la crescita dei capelli. Il suo legno viene usato per fare recinzioni poichè soffice e facile da dividere, non dura molto ma ha belle venature sfruttate da intarsiatori. Coi suoi rami duttili (forcelle di nocciolo) i rabdomanti (water diviners) fanno le loro bacchette per ricercare acqua nel sottosuolo. Il CASTAGNO-chestnut è tipico albero di boschi collinari e montani di bassa quota, dove quello europeo (Castanea sativa, Fagaceae), innestato anche sul giapponese (Castanea crenata), ha prodotto nuovi ibridi; sopporta i freddi invernali fin -25 °C, schiude le gemme a tarda primavera e fiorisce a inizio estate. Fruttifica se la buona stagione dura almeno 4 mesi: nebbie/piovosità eccessiva a giugno-luglio ostacola l'impollinazione; moderata siccità estiva ne rallenta l'attività vegetativa e fruttifica irregolare. Da giovane tollera un moderato ombreggiamento, ma in fase di produzione manifesta eliofilia. La distribuzione del castagno è correlata al tipo di suolo: ama terreni dotati di potassio, fosforo e humus (neutri o poco acidi); tollera il calcare dei suoli basici solo nei climi umidi e piovosi e tollera suoli argillosi o soggetti ai ristagni. Preferisce suoli derivati da rocce vulcaniche (tufi, andesiti, ecc), ma vegeta bene anche su suoli silicei (derivati da graniti, arenarie quarzose, ecc), purché dotati di humus. Forma associazioni miste con quercus (farnia e roverella), frassino, al carpino nero, noce, nocciolo. L'infuso di foglie di Castanea serve a combattere tossi convulsive, mentre il decotto di corteccia si usa contro la dissenteria.. La crisi del castagno iniziò dal Rinascimento, col 'progresso tecnico' in agricoltura e lo sviluppo della cerealicoltura, da allora subì un lento abbandono. A fine Ottocento si acuì il declino della castanicoltura, ridimensionata e circoscritta ad aree di maggiore vocazione per castagne o legno, per molteplici cause: materiali alternativi (metallo, plastica) nell'allestimento di manufatti e infrastrutture; crisi dell'industria del tannino; scelta di altre specie (robinia e ciliegio), distruzione delle foreste; decimazioni causate da Phytophthora cambivora (e P.cinnamoni, mal dell'inchiostro), Cryphonectria parasitica (agente del cancro del castagno) e insetti xilofagi, che si sviluppano a spese di piante indebolite da condizioni ambientali sfavorevoli. Le castagne di Minerva (novembre) sono nutrienti, con amido, fibre, minerali e vitamine; aiutano bimbi, vecchi anemici, convalescenti, stanchi, sportivi, stitici e bisognosi di rimineralizzare ma, se si ha diabete, moderare. I Tannini sono proteine (la parola fu coniata nel 1796 a indicare composti polifenolici) capaci di combinarsi con le proteine della pelle animale in complessi insolubili, di prevenirne la putrefazione da parte degli enzimi proteolitici e trasformarla in cuoio; inibiscono l'assorbimento di ferro, zinco e alcune vitamine; hanno capacità di precipitare alcune proteine della saliva, dando la tipica sensazione di astringenza; si combinano con proteine alimentari, formando complessi resistenti alle proteasi gastrointestinali e inibiscono gli enzimi digestivi: la tipica sensazione, dopo aver assunto quantità elevate di tannino, è di fame senza appetito, fame che persiste anche dopo un pasto ricco (che verrà solo escreto ma non digerito/assimilato); il senso del gusto è alterato, i cibi sono insapori o sgradevoli, per questi motivi è sconsigliato assumere frutta con i pasti. La capacità dei tannini di legarsi ai composti contenenti azoto (proteine ed alcaloidi) si riflette anche nella qualità astringente di molti vini rossi: più il vino è ricco di tannini e più è ruvido in bocca. Delle tre classi di tannini (idrolizzabili, condensati e florotannini presenti nelle alghe brune), i secondi sono parenti dei flavonoidi, poco idrolizzabili, si decompongono in condizioni alcoliche in pigmenti rossi (flobafeni), sono fortemente antiossidanti e agiscono in maniera sinergica anche con l'acido ascorbico; sono antivirali, antibatterici e angioprotettive, abbassano la pressione arteriosa e riducono l'aggregazione piastrinica (rendono il sangue più fluido riducendo i danni alle coronarie); hanno capacità antitumorali e prevengono il danno da radicali liberi. Tannini, somministrati per via topica od orale, hanno effetto antibatterico e antifungino; per via orale hanno anche un effetto antidiarroico; per via topica hanno effetto vasocostrittore, rigenerativo dei tessuti affetti da piccole ferite e ustioni, sfruttato nella cura delle dermatiti.Le fonti più ricche di tannini sono i tessuti legnosi e le cortecce di piante come quercia, castagno, abete, acacia, dove, sono presenti nelle cellula vegetale ma separati dalle proteine e dagli enzimi del citoplasma: la più ricca è il Castagno, con il 7% sul totale dei tessuti. Quando avviene una lesione (attacco da parte di erbivori) la reazione tanninica rende meno assimilabile la pianta per il predatore, inoltre, il contenuto in sostanze tanniche del legno, migliora la conservazione del legno stesso in ambiente umido (uso nel legname navale). Il NOCE-walnut (juglans regia) nasce in Himalaya e diffonde sulla Terra. Albero vigoroso, maestoso con radice robusta e fittonante, ama la collina a sud od ovest, protetta dai venti. Tal'albero si autocontrolla; pota solo rami secchi e mal posti. Pianta monoica, i fiori femminili schiudono dopo i maschili, sui germogli dell'anno assieme alle foglie. Colgo i frutti caduti a terra da metà settembre a fin ottobre: a liberare il mallo delle Noci, ammucchiale sul pavimento e rimestale tutti i giorni con la forca. Il mallo (tinge e macchia) fende e cade, poi stendi le noci al sole ad asciugare. Le noci son ricchi di olio e zuccheri, quelle in commercio son lavate e imbiancate con anidride solforosa, poi essiccate per abbassar l'umidità al 4%. Il legno è molto pregiato, duro, compatto, resistente e di facile lavorazione. In Giugno gli alberi di TIGLIO (Tilia tree, lipa/липа, lyko/лыко) espandono la fragranza dei loro fiori che rincuormaranto mente e polmoni.. gli smierd russi usano la sua corteccia per fabbricare pantofole dette lapot'/лапоть (pl. lapti/лапти) al fine di lasciar respirare i loro piedi e ricevere il buon aroma di tiglio. L'infuso di fiori secchi di Tiglio è deliziosa, rinfresca, calma e stimola al contempo, poichè conserva ancora il nettare donando sapor di miele; preso alla sera favorisce il sonno e, se preso con perseveranza dal malato, è rimedio anticatarro, antidiarrea e calma l'irrequietezza. Il SAMBUCO-Elder (Sambucus nigra) fu un albero delle streghe, poichè si propaga in poco tempo soffocando le altre piante delle siepi. Il nome richiama un arpa che si faceva con il suo legno, laddove l'arbusto cresceva; i suoi fiori odorosi sono uniti in corimbi, e sono usati per fare vini, dolci e bevande con menta e zenzero. La pianta fiorisce da aprile a giugno, cercata nelle siepi, è facile da trapiantare in autunno, in posizione ombrosa. Inizialmente può essere confusa con l'ebbio (Sambucus ebulus), una pianta erbacea simile, ma di dimensioni molto ridotte rispetto a Sambucus nigra, e avente frutti tossici. Sambuco nigra a fine giugno (estate) matura le sue bacche, amate da merli e tordi, buone aggiunte alle torte di mele e utili per farne vini analcolici; esse combattono insonnia e tosse, così sono usate per farne succhi, marmellate, colorare vini, liquori e sciroppi: marmellata e succo sono anche lassativi, dunque non eccedere. Le inflorescenze si possono cogliere a primavera e friggere come squisite frittelle o, come nel nord Europa, usare per sciroppi dissetanti. Fiori e frutti di Sambuco nero sono centrali nelle farmacopee popolari del nordest Europea, sotto forma di infusi (fiori) e succhi e marmellate (frutti), da consumare per combattere malattie da raffreddamento e alleviare la febbre: l'infuso di Sambuco è diaforetico, febbrifugo, lassativo, diuretico ed emolliente; le sue bacche aggiunte al vino aiutano contro i raffreddori, ingorghi della gola (gargarismi), favoriscono la sudorazione nelle malattie respiratorie e abbassano la febbre. Emilia ricorda un rimedio Veneto contro la febbre: fiori di sambuco nero e camomilla (Matricaria recutita) in un vin brulè. Se cogli i primi germogli verdi, immergi nell'olio e metti al sole qualche giorno, sono balsamo per mani screpolate, dita lesionate, pelle seccata dal vento ed emorroidi (assieme all'ippocastano). La tintura delle sue foglie triturate, è buon insetticida per le passeggiate estive. I suoi steli, svuotati del bianco midollo son usati come giocattoli (cerbottane e pifferi) dai bimbi, mentre il legno di Sambuco, come quello di Salice, si diceva curasse l'epilessia pertanto, se ne facevano ciondoli e collane per gli ammalati. Il decotto di albero di Sambuco pulisce la cavità orale mentre il Tè di Elder lenisce artriti e reumatismi: in Bomarzo Taras usava foglie fresche di sambuco, lavate e applicate sulla pelle infiammata, bocca e ascessi; in alcune persone con pelle sensibile sono tuttavia possibili reazioni allergiche. Infine, il macerato di Sambuco (open air brew) è utile sparso al suolo attorno agli ortaggi (specie carciofi) per tenere lontane le Arvicole. Taras consigliava spesso l'infuso di foglie di SALICI a foglia stretta come antidolorifico; la corteccia del salice, da migliaia di anni si mastica per ridurre febbre e infiammazioni come borsite e tendinite, inoltre, è ottimo per mal di schiena, tensione, mal di testa, artrosi. Il Salice Piangente (Salix babylonica) ha le stesse virtù febrifughe (corteccia) e curative dell'insonnia (foglie) dei salici a foglia stretta e, come il Salice bianco (Salix alba, salicacee, detto salicastro, salcio-da-pali, vimine bianco, willow), è un antidolorifico senza gli effetti collaterali dell'aspirina. Le virtù medicinali dei salici (febbre, influenza, nervosismo, reumatismi, sonno, eritema, pelle, piedi), presenti su corteccia, foglie ed amenti, sono dovute all'alto contenuto di acido salicilico, conosciuto in tutto il mondo sotto il nome depositato di aspirina (acido acetil-salicilico): l'aspirina fu isolata da Felix Hoffmann, chimico tedesco che trovò lavoro alla Bayer, una piccola farmacia oggi divenuta un colosso multinazionale di farmaci e sementi; a quel tempo non esistevano farmaci di sintesi, tranne la morfina, che Armand Séquin isolò nel 1804 e Sertürner (ventenne speziale tedesco) seppe estrarre con meno prezzo dall'oppio; Hoffmann pensò di realizzare un antidolorifico più blando della morfina, provando a farla reagire con anidride acetica, ma ebbe insuccessi. Ventitre anni dopo riprovò, mettendo l'acido salicilico al posto della morfina: il risultato fu l'Aspirina, sostanza che, testata sugli animali, si dimostrò effice contro febbre, dolori lievi (antinfiammatorio), anticoagulante e fluidificante del sangue. Hoffmann non si fermò, preso da frenesia economica cercò una teriaca contro tubercolosi e malattie polmonari dell'epoca. Ripetè con la morfina ed ottenne l'eroina (diacetilmorfina) che, poichè le persone che l'assumevano dicevano di avere sensazioni di benessere e pace, la Bayer la definì 'priva di controindicazioni'; in poco tempo si diffuse tra la popolazione e si scoprì che i consumatori ne diventavano dipendenti, persino in Cina, dove sostituì l'oppio. Gingko biloba (dal giapponese yin-kwo, frutto d'argento), albero dei parchi di Cina e Giappone, avente resistenza a siccità, freddo, inquinamento e raggi gamma, è usato a contrastare: insufficienza circolatoria cerebrale e senilità precoce, arteriopatie delle gambe. Nella grande famiglia delle Abietacee, assieme ad abeti, larici e picee, il genere PINUS (pinea, pinaster, edulis, silvestris, mugo, Abietacee) è quello che in Europa ha più specie. Il Pino marittimo, detto detto Pinastro, pinèla e pignolo, è un albero balsamico e antireumatico, pioniere che cresce negli ambienti più difficili, specie nei litorali magri del Ponto e Mediterraneo, prima di essere affiancato da specie meno rustiche una volta che ha creato suolo fertile. La sua crescita in densi boschi litorali (pinete), assieme ad altre conifere e latifoglie come pino domestico (pinea), pino silvestre, querce e leccio (consociazione ottimale), è dovuta alla facile diffusione dei suoi semi che germinano fino a 5 anni di distanza, e all'acidificazione del suolo (decomposizione dei suoi aghi) che limita (e non trova) altri concorrenti pionieri. Il pinea domestico piantato dall'uomo in regime di monocoltura, negli anni subisce un parziale soppianto ad opera del Leccio (quercus ilex) che, rivendica un suo spazio di macchia. In erboristeria si usano i Pinastri marittimi e i Pini silvestri; i primi hanno chioma allargata, corteccia fessurata grigio-bruna e pigne lunghe 12-18 cm. I Pini silvestri, detti Pini selvatici, di Scozia, di Siberia, di Piemonte, crescono in montagna o piantati più giù, hanno tronco dritto, chioma giovane conica, corteccia squamosa e fessurata rossa, pigne piccole lunghe 3-6 cm, sopportano sia il clima rigido invernale che la siccità e il caldo estivo, ma chiedono spazi e luce. I silvestri hanno gemme più preziose e aghi più balsamici, purificatori e curativi, le gemme vengono colte in aprile spiccandole dai rami prima che schiudano, si mettono in strati sottili sopra graticci e si lasciano essiccare per 1-2 mesi, muovendole spesso, oppure si essiccano in forno tiepido. Le gemme si usano in vari modi: come infuso, macerte nel vino o birra, come decotto per inalazioni, suffumigi, gargarismi, o in bagni assieme a corteccia di Salice bianco, Quercia e foglie di Noce. Di entrambe i pini si usa la trementina, linfa, legno, aghi (tutto l'anno) e gemme, fresche o essiccate , si usano per infusioni, sciroppi e pastiglie, contro bronchiti, cistiti e gotta, e per fare bagni, pediluvi, sauna e fumigazioni rilassanti, per capelli, lenitivi di fatica, asma, reumatismi, raceudine e bronchiti; dal Pinastro marittimo si ricava la Trementina (dal greco terebinthos, albero con linfa fluida, trasparente, volatile), un oleoresina pungente e appiccicosa (pineolo, terpeni, alcooli e acidi resinici) che, dai canali secretori del legno, essuda all'esterno e diviene secca e fragile: è utile a lenire i dolori del corpo, curare ulcere, eruzioni del cuoio capelluto, raucedine, tisi, febbre, pustole, foruncoli, bubboni; quella estratta da liquidambar styraciflua, cura costipazione nasale, dolore dei molari, dolori intestinali, gotta, fratture e piaghe. Tzapotlatena è la dea dei maya che scoprì la resina che percola da alcune conifere, con incisione su pianta viva o dal durame di pianta morta per farne balsamo e incenso. Tali resine, sebbene solide a temperatura ambiente, prendono la forma del recipiente che le contiene; hanno alta solubilità in alcool e nella maggior parte dei solventi organici. La trementina liquida che trasuda dagli alberi è chiamata gemma, quella indurita è barras o gallipot. L'aroma si avverte passeggiando nel rado sottobosco, così, il Pino e le altre conifere (abeti, cedri, larici, sequoia, ecc) nel folklore europeo sono Alberi della vita, poichè sopravvivono alle intemperie invernali, sono associate alla presenza di fate e gnomi e trasmettono pace e serenità alla mente umana. Gli aghi di pino, raccolti a primavera essiccati, contengono vitamina C e saccarosio, l'uso esterno ne valorizza le virtù stimolanti, antireumatiche e antisettiche, l'uso interno, le virtù antinfiammatorie, antiscorbuto e immunostimolanti. Le gemme son raccolte a fine marzo, essiccate al sole e serbate in vasi, il decotto di gemme è battericida, sfiamma, stimola e disinfetta la pelle, mentre ingerito (30 gr di gemme tritate in litro acqua bollente in teiera coperta) con miele, 3/4 volte al dì, seda bronchiti, catarro e stimola la diuresi. Un infuso di una parte di aghi, diluiti in 10 parti di acqua, cura mal di gola, tossi, bronchiti oltre a reni e vescica. Il decotto di aghi 4 maciate di aghi in 1 litro acqua, si lascia bollire 15 minuti coprendo con coperchio per trattener gli oli) è usato localmente su bruciature, dolori muscolari, e ingerito nella cura del mal di testa, febbri e congestioni respiratorie, oppure usato in bagni di vapore per gli stessi scopi, stimolare e rilassare, alleviar dolori muscolari, reumatici e stress nervoso. I pinoli, miscelati al vino, purificano sangue, reni e tosse, fortificano e, in decotto, sfiammano i genitali femminili. L'olio di pino, è utile antisettico per curare ferite e pustole, e nei massaggi, assieme a olio di mandorla, dei muscoli indolenziti e dolori reumatici. Cipresso nano (Cupressus goldcrest), albero sacro a Turanna-Venus. I BAMBU' (Bambuseae spp), sono piante sempreverdi molto vigorose, alte da pochi centimetri a 40 m di altezza, popolari come piante da giardino. Han radici rizomatose e variabili secondo la specie. Fusto cilindrico fin 30 cm diametro, con internodi cavi e nodi da cui sviluppano foglie sottili e lanceolate. Nella coltivazione, le piante di bambù necessitano di cure per contenere il loro comportamento invasivo; secondo il pedoclima locale, propagano via radici o rizomi sotto terra: alcune emettono ricacci di svariati metri all'anno, altre restano dormienti per lunghi periodi e poi colonizzano aree adiacenti. Bambù cresciuti a macchia, se si espandono eccessivamente e si vuole contenerli, si tagliano raso le canne e si ripete il taglio ai nuovi getti che escono dal terreno, fino a che il sistema radicale esaurisce l'energia e muore; se le foglie compiono la fotosintesi, il bambù sopravvive e continua a propagarsi. Il bambù ha legno cavo, leggero e resistente, utile per diversi usi. Marco Polo veneziano (storia romanzo del 1271) vide in Cina che il bambù era usato per ottenere robuste corde per tirare in secca le navi; le stesse funi furono usate per i ponti sospesi del fiume Min. Nel Sichuan i tronchi furono sempre usati per: a costruire tubature di irrigazione per estesi campi di riso; distribuzione del gas naturale dai giacimenti fino ai villaggi; costruire abitazioni resistenti ai terremoti; creazione di armi, trappole (molto usate dai vietcong nella guerra del Vietnam), canne da pesca, vele (stuoie di bambù), carta (riduzione in piccoli pezzi delle canne, cottura, pressatura della poltiglia ottenuta), tessuti, telai per biciclette, farmaci, filtri per aria e acqua, giocattoli: l'artista afghano Massoud Hassani, usò il bambù per costruire giocattoli grandi ma leggeri, adatti come bersaglio nei campi minati del suo paese, realizzando così un modo economico di sminare le zone minate ancora presenti nel paese. La longevità dell'albero del bambù lo rende per i cinesi un simbolo di lunga vita, (assieme a pino e pruno), mentre in India è un simbolo di amicizia e, poichè fiorisce raramente (ogni 50 anni, la più recente nel maggio 2006), un segno dell'incombente arrivo di carestia alimentare: i topi amano i fiori caduti, si moltiplicano a dismisura e distruggono gran parte dei raccolti e delle riserve di cibo locali. I germogli di bambù sono usati come ottimo alimento, le foglie per fare bevande alcoliche e le canne, in Cina, per la fermentazione del vino; foglie, germogli e steli soffici di bambù (bambù fusto-nero è phyllostachys nigra) sono fonte primaria di cibo per il panda gigante della Cina e per la scimmia ragno. Diverse culture asiatiche, inclusa quella delle Isole Andamane, credono che l'umanità discenda da uno stelo di bambù; nel mito filippino, il primo uomo e donna vennero liberati per l'apertura di un germoglio di bambù che emerse su un'isola creata dopo la battaglia tra le forze di Cielo e Oceano. In Malesia, una storia simile include un uomo che sogna una bellissima donna mentre dorme sotto una pianta di bambù, si sveglia, rompe lo stelo di bambù e scopre la donna all'interno di esso. In Giappone, molto spesso una piccola foresta di bambù circonda un monastero scintoista, parte della barriera sacra contro i mali. Il bambù delle Hawaii ('ohe) è una materializzazione corporea (mana) del dio creatore polinesiano Kane. AILANTUS altissima, simaroubaceae; (chòuchūn 臭椿 in mandarino, 'albero alto da raggiungere il cielo', tree of heaven) albero del paradiso, citato già nei primi testi di medicina cinese, per la sua abilità di curare mali che vanno dalle malattie mentali alla perdita dei capelli. Radici, foglie e corteccia son usate ancora nella MTC, come astringenti. Produce frutti secchi (samare) e un miele di Ailanto. Originario della Cina e delle Molucche, fu coltivato per allevare un bombice (Philosamia cynthia), per la produzione di seta. Importato (in Europa 1740, Usa 1784) come specie ornamentale, dimostrò grande capacità pollonante. Per i vantaggi della sua adattabilità e velocità di crescita (15 m in 25 anni, ma poco longevo), E' pianta cantiere, che ama spazi aperti e luminosi, si adatta a ogni suolo e resiste all'inquinamento, freddo, caldo torrido e siccità. E' usato in alberature stradali difficili come rapido rimedio contro i raggi solari e rimboschimento di suoli franosi, sterili, aridi, sassosi e instabili da consolidare. Si moltiplica per seme o talea di polloni, rami e radici. Colonizza aree disturbate e degradate dall'uomo, soffoca i competitori con sostanze allelopatiche e, se tagliato, ricaccia vigorosamente con radici espanse fino 30 metri, dando luogo a colonie di nuove piante figlie. Seba infine ricorda come nella medicina cinese, i 5 colori sono connessi con 5 organi del corpo: rosso-cuore, nero-fegato, verde-polmoni, giallo-stomaco, bianco-reni. Gli alcaloidi sono sostanze organiche a reazione alcalina, affini, per struttura chimica, ad alcune molecole che regolano il metabolismo umano; nelle piante essi sono una riserva di azoto che, in caso di carenza, muta ancora in aminoacidi. Le erbe svolgono ruoli molteplici, oltre le proprietà salutistiche, molte entrano nei pantheon popolari (specie presso popolazioni emarginate dal progresso), un richiamo alla biodiversità vegetale come patrimonio e obiettivo strategico dell'umanità, esse creano conoscenze necessarie alla loro valorizzazione economica; collaborare e condividere tali risorse genetiche disponibili, appare il solo futuro possibile agli umani sulla Terra. 04.䷃ ALBERI MINOR

05.䷄ FRUTTI MINOR - 皿 mǐn (dish, vaso-cesto, rad.108)

Seba, guidandoci tra i piccoli frutti coltivati nel tempio Therabuti, inizia dal mitico Rovo (Bramble), arbusto che la natura usa per ristrutturare i suoli degradati. Il ROVO-MORA (Rubus fruticosus, Rosaceae) è una liana con tralci lunghi fin 3 metri; molto rustica, resistente al freddo e a brinate tardive; ha l'apparato radicale perenne e una vegetazione a ciclo biennale: a primavera escono dal terreno pochi polloni molto vigorosi e senza spine, a fine stagione lignificano e, a inizio della successiva primavera emettono germogli fruttiferi. Questa pianta è specialista nel riequilibrare corpi giovani (le more) e suoli abusati, grazie a radici che arano il suolo e lo rendono soffice, foglie che lo nutrono, e invadente vigoria dei rami che aiuta la foresta a nascere (nursery). Per decespugliare un Rovo (smacchiare), io taglio il colletto raso al terreno, verso poi sul taglio abbondante manciata di sale fino o, in casi estremi, solfammato di ammonio (minerale che in un paio di mesi degrada in composti naturali innocui ma che nel frutteto distrugge tutta la flora con cui vien a contatto). In zone ventose invece lo invito a crescere assieme ad altra flora spontanea, farà da protezione a specie di nuovo impianto; in secondo tempo potrò sostituirlo. Le foglie sono caduche, verde intenso, con nervature evidenti. Seba stacca la parte terminale del germoglio, sbuccia alla buona la pellicola esterna e mangia il cuore amarognolo; dopo le piogge d'Aprile e il sole di Giugno se ne trovano in quantità. Le radici più grosse, dopo lunga ebollizione, son rese morbide e ridotte in poltiglia per esser mangiate con aromi. I fiori bianco-rosa, riuniti in corimbi apicali, sono molto appariscenti e offrono polline utile come tonico generale. La fioritura avviene in modo scalare da fine maggio a fine giugno. Il frutto nero brillante, alla raccolta ha il ricettacolo fiorale che si stacca assieme al frutto e rimane dentro la mora (al contrario del lampone); la maturazione avviene a luglio-agosto. La mora cresce su molti suoli, anche se preferisce quelli a reazione subacida, freschi, permeabili e ricchi di humus; tollera i subalcalini ma rifugge i troppo compatti. Le more di rovo possono essere usate fresche a fare infusi gradevoli, arricchiti di una fetta di limone, o dolcificati con miele o stevia essiccata, bastano cinque more per tazza, da lasciare in infusione in acqua bollente per dieci minuti. Le parti più usate del rovo sono i fiori in bocciolo, foglie prima della fioritura, turioni e frutti, tutti essiccati all'ombra. Tutte le preparazioni, interne o esterne, siano ben filtrate; un infuso fatto con foglie di Rovo, se bevuto costantemente due volte al dì, agisce come tonico, purifica il sangue, antidiabete e antidiarrea; inoltre si . Esternamente è ideale per scottature e ustioni; sciacquo per gengive infiammate e piccole afte della bocca; per rinfrescare le emorroidi; se preso come bevanda, allevia febbre e problemi urinari. Bramble bush deriva il suo nome da brambel, prickly. Pamela offre frutti di more ai suoi bimbi per curare le ferite interne della bocca e della gola. Aceto o Vino di Blackberry è fatto frantumando le more mature e aggiungendole in un quarto di acqua bollente, dopo 24 ore si filtra il liquido: astringente e tonico, contiene uno spirito ristorativo, utile rimedio in casi di gotta, febbre fredda, dissenteria e diarrea (la corteccia della radice di rovo contiene il tannino più astringente, seguito da foglie e frutti); metti in bottiglia per l'uso invernale. Alcune persone credono che il consumo eccessivo di tannini può favorire stress di stomaco, nausea e vomito, cancro: se si soffre di coliti croniche (disturbi gastrointestinali), non usare la radice di Rovo. Un decotto di foglie di Rovo è utile per calmare ulcere di lunga durata; mangiate o applicate, in UK, sono rimedio per bruciature e scottature; il loro lavoro è aiutato da appositi incantesimi (spoken charm). Stare sotto un rovo era un incantesimo contro i reumatismi, blackheads; mentre, le sue more colte con la giusta luna proteggevano contro tutti i mali. Siepi di rovo, ponciri, prugnoli, olivelli spinosi e cardi, allontanano i ladri. L'intera pianta ha reputazione di seduzione e rimedio contro vari disordini: fiori e frutti venivano usati come rimedio ai morsi velenosi; i germogli giovani, mangiati in insalata, aiutano i denti deboli; una tinta blu-indaco è ottenuta dai suoi frutti e, assieme alle foglie, colora abiti e capelli; la marmellata di more agisce bene contro inefficace circolazione. L'Uva del Giappone (Rubus phoenicolasius, Rosacee) chiamato anche Rovo a peli rossi, è una specie rusticissima e frugale, si adatta a molti suoli e resiste a temperature inferiori allo zero; ha portamento cespuglioso simile al lampone (Rubus idaeus), da cui si differenzia per il fusto tutto ricoperto da peli rossi. Le foglie sono caduche, alterne, trifogliate, seghettate, acuminate, bianco-tomentose nella pagina inferiore e con picciolo spinoso. I fiori sono rosa, avvolti da peluria rossa, ermafroditi e impollinati dagli insetti. La fioritura avviene da maggio a luglio e la maturazione dei frutti da fine agosto a metà settembre. Il frutto rosso rubino, simile al lampone ma più piccolo, contiene molti semi, nella raccolta si stacca facilmente lasciando il picciolo sul rametto; il gusto è asprigno, ma molto aromatico, ottimo per torte gelato alla frutta. Il LAMPONE (Rubus idaeus, Rosacee), detto red raspberry, mora di montagna, è un rovo dal cui ceppo stolonifero spuntano, ogni anno, nuovi fusti blu-verdastri che porteranno frutti nel corso del secondo anno, per poi morire; l'apparato radicale è perenne mentre la vegetazione ha ciclo biennale: in primavera escono i polloni ricoperti da piccole spine, a fine stagione lignificano e, alla successiva primavera fruttano. Le more di lampone sono rinfrescanti, diuretiche, lassative e si usano per fare vini tonici e aceti aromatici, aiutano intestino, urinario, e i vasi-capillari; il succo, in gargarismi, è lenitivo e demulcente. Fiori e foglie del Lampone sono medicinali come quelli del Rovo e della Fragola; tale arbusto è allevato con pali e fili ai cui legare i tralci e indirizzare i polloni rifiorenti. I lamponi si adattano a vari suoli, amano i sub-acidi ricchi di humus e permeabili, tollerano i subalcalini, ma rifuggono i troppo argillosi e compatti; non sopportano temperature invernali troppo basse, ma, se i tralci dell’anno sono ben lignificati, resistono fin -10/-15°C. Il Lampone nero (rubus occidentalis) ha pure foglie caduche, verde scuro, a margine seghettato. I fiori, piccoli e bianchi, fioriscono scalarmente da metà maggio a metà giugno, sorgono apicalmente e lateralmente e, nelle cultivar bifere, anche sui polloni dell'anno: le varietà unifere producono come il rovo, una volta l'anno sui tralci dell'anno precedente; le varietà rifiorenti sui tralci passati (giugno-luglio) e sui polloni dell'anno (set-ottobre). Il frutto ha colore variabile, dal rosa pallido al rosso carico e violaceo; a volte è coperto di pruina, antidiabetica; la maturazione, avviene a luglio, i lamponi colti durano 2-3 giorni, così son surgelati, confettati, aggiunti a gelati e yogurt. Tayberry, incrocio di mora e lampone (Rubus fruticosus x Rubus idaeus, Rosacee), patentato nel 1979 sul fiume Tay in Scozia; ha tralci lunghi e un pò spinosi, e teme gli intensi freddi invernali. Ama posizione semiombreggiata e cresce bene su terreni freschi e con humus, non tollera i calcarei. Tayberry produce in modo continuo e costante da luglio a settembre, ha frutto allungato, rosso intenso, profumato, con sapore acidulo-dolce di mora e lampone; quando mature le tayberries sono molto delicate (come le more di gelso), vanno colte a mano, così non si prestano a coltivazioni meccanizzate e GDA. La pianta ideale nei giardini perma-fitoalimurgici, cresce e fruttifica come il rovo, per tutta l'estate; contiene antiossidanti (come le altre berries), ha poche calorie e molta fibra, è ottimo fresco, surgelato, oppure cotto per succhi e marmellate. BOYSBERRY è altro ibrido tra lampone e mora (Rubus idaeus x Rubus ulmifolius), patentato in Nuova Zelanda (Aotearoa); ha portamento arbustivo simile al lampone, molto vigorosa, e può arrivare a 3 metri di altezza; teme gli intensi e prolungati freddi invernali. La raccolta va da fine giugno a fine luglio, il frutto è simile alla mora ma più grossa, di colore nero-violaceo, profumato, aromatico e ricco di vitamine. Ottimo per sciroppi, marmellate e succhi. Il GELSO bianco (mulberry - Morus alba, moraceae) è giunto dalla Cina in Europa, con il baco da seta, entrambe scomparsi dopo l'arrivo delle fibre sintetiche. Albero secolare ad accrescimento rapido, ha radici profonde, giallarancio, può alzarsi fin 10/15 metri con chioma larga e fitta. Le foglie verde brillante sono caduche, alterne, semplici, acuminate all'apice e margine dentato. Sulla stessa pianta si possono trovare foglie anche molto diverse tra loro per forma e grandezza. I fiori (giu-set) sono unisessuali (pianta monoica) e sullo stesso albero si trovano in posizioni diverse, quelli maschili disposti in spighe cilindriche peduncolate, quelli femminili formanti da glomeruli ovoidali. Il frutto, bianco-giallastro o nero (secondo la specie), diventa carnoso ed edule a maturazione (luglio); io scuoto i rami con lunga pertica e colgo delicatamente su telo. Il gelso cresce in qualsiasi terreno, anche argillosi e pesanti, ma predilige quelli sciolti, ben drenati, profondi e ricchi di humus; si riproduci per seme (lento) o talea di ramo (1-2 anni 40cm) o radice. I giovan getti a foglie semichiuse, bolliti per 20min, da soli o in minestre, sono ottima verdura, anche cotti a vapore con riso, o essiccati-sfarinati e aggiunti a impasti da inverdire. Il Gelso nero (Morus nigra) è una pianta perenne in grado di adornare i giardini, anche sotto forma di siepe, e di offrire a coloro che lo coltivano ottime bacche nere dal sapore acidulo, simili alle more. Ha foglie più piccole del gelso bianco, adatte per fare tisane astringenti. I suoi frutti freschi o secchi, sono più saporiti dell'altro gelso (22% zuccheri), lassativi, edulcoranti per gelati, fermentano dando vini e grappe: in Sicilia con esse vengono preparate granite e cremolate. Ha legno buono per attrezzi, intarsio e terapie: un decotto di radici gialle è antibatterico, ipotensivo, sedativo (morusina, analgesico presente pure in Gelsomino rootbark); l'infuso di foglie è antibiotico, ipoglicemizzante, espettorante, depurativo e un tempo leniva afta, angina, astenia, stipsi e stomatite; la polpa lenisce pelli secche e il succo idrata; ecco dei versi dal Libertages: teme troppa brina, specie di levante | cresce lentamente, albero più grande | venuto dalla Cina, fior mono-ermafrodita | Mora acerba nera, un poco psicoattiva | coi frutti fò sciroppo, collutorio gola e tosse | in acqua dissetante, è tosse espettorante | contengono tannino, sue foglie e radici | decotti astringenti, in diarrea gastriti | corteccia di radice, è ipò-glicemizzante | analgesi sfiammante, diuretica purgante). Frutti antiossidanti come il vino, aiuto antitosse e catarro; essiccati per inverno come uvetta secca. Il MIRTILLO-Blueberry (Vaccinium myrtillus, vitis-idaea, corymbosus, Ericacee) è una pianta arbustiva rustica, tipica dei suoli silicei delle foreste di montagna, dove spesso cresce in fitte macchie come il rovo, con intrico di fusti sotterranei e aerei; sopporta i -15°C, ha radici superficiali e portamento eretto, ama innaffi con acqua piovana ma senza ristagni. La pianta sviluppa meglio in suoli vergini e acidi (pH 4 fin 5,5) privi di calcare attivo. Fuori del sui habitat i primi anni stenta, così trapianta in radure incolte o suoli vergini. In suoli a pH > 5 ama torba acida (pH 3-3,5), ma rifugge il troppo azoto che provoca scarsa lignificazione con attacchi di cancro ai germogli. Ha foglie caduche, ovate, senza peli, con apice appuntito e bordo seghettato. I fiori, a forma di otre, sono bianco-rosato e riuniti in infiorescenze; le bacche di mirtillo sono azzurre o rosse, coperte da pruina, ricche di vitamine A e C, ferro e fibre, maturano scalarmente per tutto luglio e si mangiano a manciate per gustarne il sapore gradevole; si possono surgelare senza alterarsi, la polpa è incolore e racchiude numerosi semi. Il Mirtillo cresce bene in zone con inverni rigidi ed estati miti, forma cespugli a portamento espanso (Vaccinium myrtillus) o arboreo (V. corymbosum). Seba lo moltiplica per talea erbacea o legnosa, con rametti fatti radicare a fine estate in torba-sabbia, poi li mette a dimora a primavera. Aggiunge torba acida o segatura, o aceto diluito, per abbassare il pH a 4.5. La pianta entra in produzione dal secondo anno, fiorisce da Marzo a Ottobre e fruttifica da Giugno ad Agosto, secondo la varietà. Il Mirtillo rosso (V. vitis) detto vigna di monte, è adatto come siepe, poichè ha foglie verdi (tossiche in forti dosi) e bacche bianche che diventano rosse a maturità, molto rinfrescanti, mangiate fresche o serbate sotto aceto, utili per vini gradevoli, o per accompagnare piatti di carne; cresce perenne nelle foreste di montagna che tappezza quà e là di cespuglietti, con ciuffi nei prati alpini fin sotto le nevi eterne; assomiglia all'Uva ursina, usata a volta come surrogato, tuttavia il mirtillo rosso si riconosce dai punti (ghiandole resinose) ben distinti sulla pagina inferiore delle foglie. Tutti i Mirtilli son buoni con limone e miele, marmellate e sughi; facendo fermentare il succo si ottiene il vino di mirtilli. Le bacche blu (blueberries) hanno virtù antidiarroiche, favoriscono la circolazione del sangue, contrastano diabete, diarrea e fragilità capillare; si prestano per salse di pesce, pollame e marmellate, con aggiunta di poco limone, mele cotogne, more e altre bacche. Le foglie di Mirtillo nero sciolgono lo zucchero nel sangue, fresche od essiccate: a Creta bevono un cucchiaio d'infuso di foglie secche ogni 6 ore. Il Mirtillo conilopide (Vaccinium ashei) è varietà dal basso fabbisogno in freddo, adatta al clima dell’italia centro-meridionale. Il gigante americano (vaccinium corymbosum) può arrivare a due metri di altezza e resiste al freddo fino a -30°C, le sue cultivar più conosciute sono: Duke a maturazione precoce; Berkeley a maturazione medio-tardiva; Goldraube a maturazione tardiva. Balalaika è Mirtillo siberiano (Lonicera kamtschatica, Caprifogliacee), originario della Kamchatica, è un arbusto a foglia caduca, molto rustico e longevo: resiste al gelo e tollera temperature di -30°C; si adatta a quasi tutti i suoli, prediligendo quelli sub-acidi. I piccoli fiori, bianchi e molto profumati, sbocciano a inizio primavera anche a -10 °C. Nei climi italiani, il frutto-bacca matura a fin aprile ed è bluastra come il mirtillo comune, più stretta ed allungata, buccia sottile e semi molto piccoli. Ricchi di vit.C, D, acido ascorbico e antociani, sono adatte al consumo fresco e alla preparazione di succhi e confetture. Il sapore, a seconda del grado di maturazione, è agrodolce come il mirtillo, ribes e lampone. Sebbene autofertile, è utile piantare due esemplari a un metro di distanza l’uno dall’altro così che possano fecondarsi a vicenda. Pamela introduce i piccoli frutti dei LYCIUM, chiamate bacche di Gǒuqǐ o wolfberry; ve ne sono due specie: Lycium barbarum o 寧夏枸杞 Níngxià gǒuqǐ e Lycium chinense 枸杞 枸杞, entrambe Solanaceae arbustive perenni alte fin 3 m e con foglie lanceolate. Il chinensis cresce spontaneo nelle valli dell'Himalaya, Mongolia e province cinesi del Tibet, Xinjiang e Ningxia. Nel Mediterraneo cresce bene dove le temperature invernali arrivano a 10-15°C. Lycium barbarum è pianta di facile coltivazione, produce bacche rosse con proprietà salutari, fiorisce in Giu-Sett e matura in Agosto-Ottobre secondo il clima; nelle valli centroasiatiche viene coltivata da migliaia di anni poichè essenziale nella medicina cinese. Le bacche, essiccate o miscelate a succhi di frutta, tè, biscotti e marmellate, han sapore simile al mirtillo, lampone e fragola. Le sue giovani piantine, alte circa 10 cm, nel giro di un anno cresceranno fino al metro di altezza. Le bacche di Gǒuqǐ hanno valore nutriente e antiossidante (l'alcaloide Atropine, tipico di altre solanacee, qui è appena presente) e sono molto pubblicizzate via multi-level marketing, sebbene oggi, l'agricoltura sull'altopiano tibetano fa uso di fertilizzanti e pesticidi chimici. Le bacche o Gǒuqǐ di Ningxia, hanno guadagnato fama di diamanti rossi: quando mature sono oblunghe e rosse, vengono colte con cura, preservate con essiccazione su stuoie in pieno sole, poi consumate cotte, aggiunte al riso, marmellata di mandorle o zuppe cinesi con pollo/maiale, verdure e/o altre erbe (wild yam, Astragalus membranaceus, Codonopsis pilosula, radice di liquirizia); vengono anche bollite come Tè, spesso assieme a giuggiole rosse, oppure aggiunge ai Vini (gǒuqǐ jiǔ). Germogli e foglie giovlloroni di Lycium vengono consumate come verdure da tavola. Come tutte le Solanacee l'ALCHECHENGI (Physalis pruinosa) detto accatengi, chichingi, erba canina, peparole; cinese u-niao, arabo al-kakang (vescica), spagnolo alkequenje, è pianta erbacea perenne a portamento cespuglioso, rizoma strisciante, odore nullo, fusto eretto fin 1 metro, ramificato, angoloso e pò vellutato; foglie glabre, appaiate, picciolate, ovali appuntite a bordi ondulati; fiori biancastri (mag-ott) isolati, penduli, poi con un piccolo calice come un palloncino di carta che si gonfia nell'estate e diventa rosso (physalis deriva dal verbo greco phusao, gonfiare), esso custodisce una bacca edule, rosso-arancio, liscia, con numerosi semi: tal frutto prezioso è agrodolce, si mangia maturo (a settembre) per una dose massima di 30 bacche al giorno. Chichingi, da sempre coltivata nei giardini fitoalimurgici, è usata come pianta medicinale per la cura della gotta, della calcolosi e di taluni edemi. Tutta la pianta, esclusa la radice, viene usata a preparare vini diuretici, le bacche si fanno essiccare all'ombra o in strato sottile nel forno, quando sono disidratate diventano grinzose come le bacche di Gouci, si mettono in vasi ben chiusi o si riducono in polvere. Leggermente essiccate, son pure serbate sott'aceto, salamoia o usate in pasticceria, poichè, il loro sapore contrasta bene con il dolce delle glassate. Le bacche di Chichengi sono integratori di vitamine e sali adatte ai bambini, ricche di vitamina C, A, ferro, niacina, pectina, potassio, flavonoidi, antociani, licopene, acido citrico, malico, carotenoidi, glucidi, tannini (utili astringenti nelle influenze intestinali) e tracce di alcaloidi. I nativi del Perù lo usano come febbrifugo, antireumatico e blando lassativo; Mattioli canta: Archachengi fatto vino, è un rimedio divino, per il mal della pietra fina (calcoli a reni e vescica), che ve lo fa pisciare via. Lui consigliava frutti di chechengi nei casi di ritenzione urica, ha ottime proprietà diuretiche, rinfrescanti, emollienti e sfiammanti; è rimedio efficace contro spossatezza, elimina l'acido urico, e tratta tutte le forme reumatiche di gotta e litiasi renale (calcolosi). In Italia si conoscono 3 specie spontanee che vegetano in boschi collinari, terreni secchi e vigneti; Physalis edulis e P.peruvianus sono le due commestibili, ovvero, quelle che hanno meno alcaloidi nei frutti; rizoma e foglie contengono solanina, mentre il calice contiene il glucoside fisalina e una tossina albuminoide. Chekengi si riproduce a inizio autunno, schiacciando le bacche mature si hanno circa 150 semi a bacca, si fanno asciugare all’ombra. Dopo due settimane semino in semenzaio (trapianto apr-mag) o direttamente a terra, ai piedi di un albero o sotto una siepe di rovo, riparata da venti e sole diretto, altrimenti fruttifica solo al secondo anno: se lo semini all'inizio di maggio sottovetro, e lo trapianti alla fine di maggio all'aperto, avrai i frutti in luglio. L'anno seguente, grazie al vigoroso rizoma, è autonoma come Asparagi e Fragole. La pianta è rustica, resiste a basse temperature ma il gelo prolungati la uccide: a primavera i rizomi nel suolo germogliano ancora! In semenzaio germina bene su terriccio umido e caldo, temperatura costante, mai troppo asciutto e senza ristagno. La pianta apprezza il potassio, la mezzombra e produce fiori stellati in piena estate. La FRAGOLA-Strawberry (Fragaria vesca, ananassa, Rosaceae) ama il compost/pacciame di aghi di pino (pine needle mulch) e ama la vicinanza benefica delle piante di Ortica. Se cimo i primi steli fioriferi, essa rifiorisce ed estende la produzione di frutti che, io colgo assieme al picciolo per mantenerne l'odore. La fragola aiuta a sciogliere i calcoli. 50 piantine di fragola bastano a 4 persone: per moltiplicarla assicuro gli stoloni a terra, con fil di ferro ripiegato a forcina. La Fragola di bosco ha radici rizomatose, striscianti e radicanti, che originano nuove piantine. Si coglie da giugno a settembre, profuma gelati, macedonie e torte di frutta e le foglie, si possono usare in gradevoli tisane primaverili. Le varietà coltivate sono ibridi a frutto piccolo e grande, incroci tra Fragaria chiloensis e Fragaria virginiana. Il terreno ideale è subacido, sciolto, ricco di humus o almeno ben lavorato. Necessita poca acqua ma costante, in tutto il ciclo, specie dopo trapianto e in produzione frutti. La FEIJOA (Feijoa sellowiana, fam. Mirtaceae) e' originaria del sud America ma diffusa in varie zone d'Italia. Sempreverde, arbustiva e cespugliosa. Ha foglie verde bluastro nella pagina superiore e grigio argento in quella inferiore; fiore bianco all’esterno e porpora all’interno. Fiorisce in maggio-giugno con fiori molto vistosi, ermafroditi, eduli. Il frutto è una bacca ovale verde, con polpa bianca e granulosa, molto zuccherina, e matura in ottobre-novembre. In sud America i fiori son impollinati dagli uccelli-mosca (Thamnophilus) e da afidi. In Italia da ditteri e vento. E' pianta rustica, resistente a freddo e siccità ma teme gelate precoci. Vive pur 70 anni nello stesso habitat dell'olivo. Basse temperature (-7°C) son letali. Adatta bene ai terreni compatti o sciolti ma, quelli troppo calcarei (pH > 8), può manifestare clorosi ferrica. Distanza ideale lungo la fila-siepe sia 4 metri. Colgo frutti caduti a terra da ottobre a nov-dic; i frutti colti prima della maturazione, frigoconservo 1 mese a 0°C. Buoni sia freschi sia, quelli piu' piccoli, per gelati, yogurt, marmellate o succhi. Il GOUMI (Eleagnus umbellata, multiflora, angustifolia) è un arbusto della famiglia delle Eleagnacee, originaria d'Asia, Europa e Americhe, con foglie decidue verde chiaro punteggiate di bianco, fiori bianco-crema e gustose bacche rosse in autunno, mangiate fresche o usate per succhi di frutta e marmellate; parente stretto dell'Eleagno ebbingei, il sempreverde dei giardini italiani (assieme al pungens) dalle foglie grigio-argentee, a crescita rapida, vigoroso e molto resistente al freddo, siccità, salsedine e venti, adatto a siepi frangivento in zone marine o montane. Il Goumi è molto rustica e si adatta a ogni suolo, ama il sole e stenta all'ombra, cresce rapida e tende al disordine, così è utile una potatura invernale, tagliando i rami più vecchi e lunghi. Goumi a primavera porta fiori profumatissimi, seguiti a fin estate da frutticini eduli, rosso-viola, ricchi di vitamina C, zuccheri, 5% di proteine e molti sali minerali. ASIMINA Triloba (Annonacee), detto Paw Paw o banano dei pellerossa, è pianta a foglia caduca nativa degli Usa dell'est, cresce spontanea nello stato dell'Indiana, ma si adatta bene anche al clima delle zone temperate, riuscendo a tollerare fino a -20°. Paw Paw necessita estati calde e inverni freddi, 80 cm di pioggia l'anno (in primavera ed estate); tollerando basse temperature si adatta a zone temperate, dove fruttifica meglio se posto in pieno sole, ma necessita di una protezione dal vento; ama suolo leggermente acido (ph 5,5-7,0) e ben drenato (pur terreni pesanti) privo di ristagno d'acqua. In natura l'albero è piccolo, a forma piramidale e chioma fitta fino al suolo se cresce in pieno sole. Il momento più delicato è il travaso o messa a dimora: il suo apparato radicale è sensibile e non sopporta stress eccessivi; per i primi anni dopo la messa a dimora, la pianta va protetta da sole e vento e, quando la pianta sarà ambientata, allenta le attenzioni, la crescita stentata fino ad allora, riprenderà con decisione. La produzione di frutti inizierà a pianta alta 2 metri, tra cinque e sette anni di età. Il frutto, simile a tozza banana, ha polpa cremosa, aromatica e profumata, usata in yogurt, creme, gelati e marmellate. I frutti freschi ricordano un misto di ananas, banana e mango. Per la riproduzione, evita la talea e i polloni, Asimina produce si polloni dalle proprie radici, ma privi di un apparato radicale proprio; le piantine ottenute da seme offrono maggiori garanzie di successo a patto che si curi la fase critica della messa a dimora/travaso, da fare a primavera preferib. appena dopo il risveglio vegetativo della pianta, quando la crescita di nuove radici è all'inizio (evitare in autunno, fase di spoliazione); il pane di terra intorno alle radici va mantenuto intatto, per non recar danni. I semi di Paw Paw germinano molto lentamente (germinaz ipogea), ma con successo (farli seccare genera un danno irreparabile agli gli embrioni), il suolo va tenuto umido (paglia e aghi pino) almeno tutto il primo anno. Avendo un frutto, estraggo i semi e li tratto (stratificazione), cioè li ripulisco, poi li avvolgo in carta assorbente e li metto in luogo asciutto e buio con temperatura sui 5° per 90-120 giorni. Dopo questo periodo li metto in in vasetti di plastica, terra con ph acidulo, umida ma drenata (solo acqua piovana o demineralizzata) temperatura tra 20° e 30°. Se le temperature sono alte la radichetta emerge in 18/24 giorni, altrimenti germina fin 2 mesi! Riparare le giovani piantine dal sole diretto, per il primo e secondo anno: Asimina in natura cresce nel sottobosco, poi si alza e trova il sole; dunque solo gradualmente esporre le piantine alla luce diretta del sole. Il MELOGRANO (Punica granatum, edule, e P.nana, ornamentale) ha fusto contorto ricco di tannino e alcaloidi con proprietà tenifughe; ha foglie coriacee di colore rosso rame appena emesse e verde brillante a maturazione. I fiori, sulla sommità dei rami, sono rossi-arancio e sbocciano sui rami di un anno o su corti rametti (dardi) a inizio Estate. Il frutto, diverso per varietà, matura in Autunno e con il suo succo si produce la granatina, sciroppo dissetante: la varietà rossa Roscioli matura a fine settembre, ha frutto grande, buccia bianco-rossa, arilli (denti) rosso chiaro, dolci e grandi. Seba propaga il melograno per seme o prelievo: a fine Inverno prende talee legnose (20 cm) e le fa radicare a terra. Melagrana diede il nome a Granada poichè gli erboristi arabi ne usavano il succo acerbo come febbrifugo e le scorze del frutto maturo per lenire le ulcere. L'alta variabilità genetica dona frutti acidi, agro-dolci o dolci, con proprietà antiossidanti, astringenti e diuretiche sfruttate in macedonie e cocktail. Abbassa colesterolo e pressione sangue (aiuta diabetici e ipertesi) ed aiuta prostata e reni. La buccia del frutto ha 30% di tannini e un colorante giallo usato dagli Arabi. La corteccia con alcaloidi, è potente tenifugo ma velenosa, è usata con cautela; l'infuso di fiori contrasta la dissenteria. Sui suoli acidi l'incendio ripetuto favorisce il CORBEZZOLO (Arbutus unedo, arbute-berry, madroño, africo, Ericaceae), detto anche rossello, per il colore di fusto e rami, è alberello/arbusto sempreverde, spontaneo della macchia mediterranea e zone a clima mite, emette rapido nuovi turioni dopo il passaggio del fuoco, imponendosi sulle altre specie. Per la sua rusticità e colori, è adatto per siepi, fiorisce da ottobre a dicembre e fruttifica l'autunno seguente. Tale pianta, resistente alla siccità, si riproduce a fine inverno, per seme in mix di sabbia e torba, tenuto umido in luogo riparato e luminoso, o per talea: a Luglio prelievo talee semi-legnose di Corbezzolo (rametto dell'anno con porzione del ramo portante) da far radicare in un composto di torba e sabbia, poi trapianto in piena terra dopo 2 anni. I frutti (corbezzole), detti anche ciliegie marine, hanno virtù diuretiche, blando disinfettanti del tratto urogenitale, astringenti intestinali e antidiarroiche; foglie e fiori han le stesse virtù, mentre la corteccia e le foglie giovani hanno più tannini. Le bacche del corbezzolo, colte con il picciolo una a una, distese in unico strato su un foglio di carta e fatte essiccare all’ombra girandole spesso, si conservano in sacchetti di carta, oltre che fresche, sono adatte per bevande fermentate (vino d’arbusto, digestivo e blando psicoattivo), succhi, confetture, creme, salse e canditi. L'Azzeruolo o biancospino lazzarolo (Crataegus azarolus, Rosacee), è un alberello a tronco sinuoso o cespuglioso, alto fin 4 m, a chioma espansa e irregolare. Tipico di boschi mediterranei, è coltivato per i fiori rosa e i frutti profumati, più grandi del biancospino su cui spesso è innestato, è originario del Medio Oriente e fu introdotto in Italia sotto l’impero di Augusto; ama pendii esposti, dove produce frutti più grandi, apprezzati freschi o in confetture. Le azzeruole rosse piccoline (lazzeruole) sono le più diffuse in Italia e han sapore agrodolce; fresche son squisite, consumate a volontà senza limiti, da sole, in macedonie, dolci o serbate in miele o sotto grappa, son dissetanti, diuretiche e ipotensive, toniche e ricostituenti di corpi e menti debilitate, preventive di malattie nervose, astringenti intestinali, sfiammano il digerente e rivitalizzano pelli sciupate; la polpa ha virtù antianemica e aiuta gli occhi. I fior del biancospino e lazzeruolo son medicinali: cardiotonici, regolatori di pressione e ritmo del cuore, sedativi del sistema nervoso (nevrosi cardiache, tachicardia, ipertensioni, disturbi da menopausa). Pamela cita il Mattioli: "lazzeruole mature son gratissime al gusto, stimate tra i frutti, spengono seti ardenti e febbri, colte a settembre ancor acerbe, lentamente maturan sulla paglia a divenir assai più gustose che su pianta. In insediamenti lacustri preistorici, i frutti di Azzeruolo e BIANCOSPINO (Crataegus monogyna, oxyacantha, laevigata, Rosacee), erano consumate dagli uomini di allora. Il Biancospino, presente in molte regioni temperate, è pianta longeva (può raggiungere 500 anni di vita) a crescita lenta, si sviluppa ad alberello o grande arbusto a foglie ovali e caduche; ha legno durissimo e corteccia grigia in gioventù, rossastra e screpolata in età avanzata, con rami spinosi: il legno del monogyna lavorato al tornio resta lucidissimo. Si adatta a molti suoli e sopravvive in aree fredde. Le drupe han buccia rossa, polpa scarsa di color crema e sapore gradevole agrodolce. Si colgono a metà settembre e maturano nel giro di qualche settimana; si consumano come le azzerole. Taras usa la corteccia dei giovani rami (febbraio) e le bacche di fin settembre come rimedi diuretici, stringenti, febbrifughe, sedative, ipotensive; ha potente azione cardiaca, dunque van rispettate le dosi. I fiori bianchi, riuniti in corimbi, sbocciano in aprile-giugno; hanno stesse virtù del lazzeruolo, su cuore (cardiotonici), sangue (regolatori e curativi di arteriosclerosi) e sistema nervoso (sedativi); in bocciolo contengono quercetina, oli essenziali e un glucoside cardioattivo e vasoattivo utile nella cura dell'aritmia cardiaca. Infuso di fiori: un litro d'acqua bollente su 20 gr di fiori secchi e sminuzzati, dopo 12 minuti, colare e serbare in bottiglia di vetro. 1 tazza per 4 volte al dì con o senza miele. Decotto di frutti: bollir in 1 litro a fuoco lento (15 min), 100 gr di frutti essiccati, lascia raffreddare coperto, poi cola, 2-3 tazze al dì. In passato, a maggio, si metteva un albero di Biancospino nella piazza del paese, lo si decorava e si danzava intorno per dare prosperità al paese; i Celti gli dedicarono il mese da metà maggio e metà giugno. Una leggenda inglese narra che Giuseppe d'Arimatea, dopo aver raccolto il sangue di Gesù e sepolto il suo corpo, partì per la Britannia; sbarcato nell'isola piantò il suo bastone e ne nacque una pianta di Biancospino che, da allora, fiorì alla vigilia di ogni Natale offrendo fiori bianchi e stami rossi (verbo, seme e sangue di Gesù e Maria). PIRACANTA-AGAZZINO (Pyracantha coccinea, Cotoneaster pyracantha, Crataegus pyracantha, Mespilus coccineus, Rosaceae), detta Roveto ardente, Agazzino, Scarlet Firethorn, Espino de fuego (greco pyros = fuoco e acanthos = spinoso), è un arbusto sempreverde, folto e spinoso, con rami contorti, irregolari, pubescenti da giovani, con corteccia giallastra e poi bruna; originario dell'Eurasia, raggiunge presto i 2-3 m di altezza; ha portamento eretto, con sottili fusti marron scuro che tendono a svilupparsi in maniera disordinata, producendo densa chioma tonda munita di lunghe spine. Le foglie sono piccole, di colore verde scuro, ovali, lucide, poco coriacee, persistono in inverno. Fiorisce in primavera con molti piccoli fiori a stella, bianchi e profumati, con densi corimbi terminali che attirano gli insetti impollinatori. In autunno, la pyracantha matura piccoli frutti tondi, riuniti in grappoli, di colore rosso-arancione; piccoli pomi eduli e polposi, che rimangono sulla pianta tutto l'inverno (ciascun pomo porta 5 semi): merli, tordi e pappagalli sono ghiotti dei suoi frutti, specie in inverni rigidi. Pyracantha coccinea è assai coltivata come siepe ornamentale, con esuberanti fioriture e vistose infruttescenze in pieno inverno; vegeta in boschi sempreverdi e luminosi, radure, leccete, nella stessa area dell'Olivo ed olivello, in quanto è specie eliofila. Come il genere Crataegus e altre Rosacee, Pyracantha è molto sensibile al colpo di fuoco batterico, come se fosse causato da una fiammata, provocato da Erwinia amylovora, giunta dal nord America; l'infezione causa l'appassimento di germogli, fiori, foglie e frutti, mentre sui rami provoca la lacerazione della corteccia. Queste piante vengono spesso usate per costituire siepi impenetrabili o consolidare scarpate stradali; in commercio poi, vi sono numerosi ibridi e cultivar, a foglie variegate e con bacche gialle: la varuetà Mohave ha frutti arancio-rossi, mentre Soleil d'Or produce bacche gialle. Emilia pota i suoi arbusti in primavera, asportando gli eventuali frutti e regolando i fusti che fuoriescono troppo dalla chioma; in estate è invece necessario intervenire sulla vigoria piante da siepe. Piracantha si moltiplica per seme a fine inverno, o per talea legnosa in primavera e autunno: dopo poste a dimora, per favorirne l'attecchimento, si possono annaffiare a terreno ben asciutto; se poste a dimora in luogo troppo ombreggiato, tendono a fare pochi fiori. Piracantha ama il sole e non teme il freddo, sopporta terreni poveri, siccità, salsedine ed inquinamento atmosferico. Il CORNIOLO (Cornus mas, dogwood, cornet-berry, cornouille, cereza cordal, Cornaceae) è alberello rustico a lento accrescimento, longevo e medicinale, spontaneo di boscaglie e siepi, si adatta a molti suoli, non troppo compatti o troppo umidi, sebbene preferisca quelli di natura calcarea. Ha foglie opposte, picciolate, ovali, acuminate in cima. I fiori precedono le foglie, sono gialli dorati, molto piccoli e riuniti in ombrelle, sbocciano in febbraio-marzo. I frutti, le crognole, sono drupe simili alle olive, rosso brillante che scurisce a maturazione nei mesi di luglio-agosto, la polpa è liquescente, un pò aspra ma gradevole, ricercata dalla fauna selvatica; dopo la maturazione cadono a terra creando un tappeto che fiammeggia il sottobosco. Le crognole sono ottime consumate fresche, su ciambelloni e marmellate, si conservano sotto alcol (come le ciliegie) e in salamoia (come le olive). La polpa acidulo-astringente, poichè contiene acido tannico, è utile aggiunta ai vini o in erboristeria, come blando astringente intestinale cura le enterite, pelli grasse o seborroiche, malattie di pelle, dolori articolari e disturbi metabolici. Radici, corteccia e germogli, eran usati come il legno di China, a curare febbri malariche. Se colgo le bacche immature, le pesto e mescolo con aceto forte, ottengo un ottimo aceto. Il legno d'albero, durissimo, fu usato dai tempi antichi per costruire aste di giavellotti, lance, frecce, zappe e forconi: secondo la leggenda raccontata da Plutarco, di corniolo era la freccia che Romolo scagliò dall’Aventino sul Palatino per prendere possesso del colle. GIUGGIOLO-Jujube, (Zizyphus vulgaris, arabo zizout, persiano annab, cinese 枣 zǎo, trdz.棗, Rhamnacee), albero contorto con rami irregolari e spinosi originario di Africa (Libia) e Siria, esportato e coltivato in Cina e India da 4000 anni, fu portato a Roma dove, detto albero del silenzio, veniva piantato attorno ai templi della Dea Prudenza/fortuna. Chiamato anche dattero cinese, cresce lentamente ma si adatta a molti suoli non disturbati, resiste a forte aridità grazie a radici profonde, ha corteccia rugosa, rosso scuro, e legno rosso e duro adatto in ebanisteria. Cresce bene ma lentamente, specie in aree a clima temperato con estati lunghe e calde, può subir danni da gelate precoci in autunno, ma sopporta le basse temperature invernali e resiste a zone aride grazie all'apparato radicale molto sviluppato; adatto a rimboschimenti, ama suoli leggeri, neutri o subalcalini, anche asciutti, mal tollerando i compatti ristagnanti. Ha foglie, caduche, piccole, alterne, lucenti e coriacee e con stipole spinose; i fiori sono piccoli e verdastri e appaiono scalari da giugno ad agosto. Le varietà principali sono a frutto tondo (giuggiolo a mela) od oblungo (a pera); il frutto è una drupa simile a crognola e oliva, rosso scuro a maturità (set-ott), con un seme duro e robusto, restio a germogliare se non tagliando la punta seme con forbici da pota, per aiutar l'acqua a entrar dentro (così lo propago con pollone radicale che assai produce). La polpa è biancastra, soda, di sapore gradevole un pò acidulo; se la giuggiola è colta verde immatura, ha sapor di mela, maturando scurisce, fà rugosa e più dolce, come un dattero! Si consuma fresca o appena raggrinzite o, nei classici datteri cinesi secchi. Si conserva in salamoia, vino e aceto, marmellate, dolci e brodo di giuggiole (vino liquoroso). Semi e frutti color zafferano han virtù sedative, ipotensive, emollienti e sfiammatorie, usate tuttora nella cura delle infezioni intestinali, della gola e dei bronchi. La zizifina delle foglie, sopprime la percezione del sapore dolce. Il decotto ha effetto espettorante, lenitivo, sfiammante, emolliente e idratanti per pelli secche. Scrive un libico: le giuggiole del Zizyphus lotus (giuggiolo selvatico), dopo aver fermentato, davano un vino incantevole.. Ulisse e i suoi uomini, portati fuori rotta da una tempesta, approdarono all'isola dei Lotofagi (Djerba), in Libia. Alcuni uomini mangiarono il frutto magico del loto e dimenticarono mogli, famiglie e nostalgia di casa. Tal bevanda alcolica (brodo, liquor blando lassativo), torna nella leggenda a incantare Gesù prima della morte, assieme alla corona di spine posta sul capo, spine dell'arbusto Marruca. La Marruca (Paliurus spina-christi, Rhamnacea), detta Paliuro di Libia, Mareug di Romagna, etc, è un arbusto perenne con rami spinosi, molto ramificato. Pontico-mediterraneo, cresce in climi temperati e asciutti dal Marocco all'Iran, sopporta temperature basse fino a -10 gradi. In Italia cresce in zone collinari dappertutto tranne nelle isole, nelle zone più a meridione e sulle Alpi. Ha frutti edibili dal sapore di mela essiccata, se tostati e macinati, sono un surrogato del caffè. L'infuso dei frutti dà una tisana diuretica e ipoglicemizzante, capace di eliminare l'acido urico: in Libia i suoi semi sono ancora usato nella cura dei calcoli e della tosse, e come antidoto agli avvelenamenti da scorpione. Dai suoi fiori le api producono un ottimo miele, mentre le sue foglie sgrassano la pelle e sono nutrimento delle larve di Bucculatrix albella. La pianta è usata per siepi antintrusione e recinzione di campi a difesa dal bestiame al pascolo. a Santarcangelo di Romagna, i rami più vigorosi e con robusti rametti secondari, sono usati per appendere i grappoli d'uva e di pomodori in locali riparati, conservati per l'autunno e i primi mesi invernali. 05.䷄ FRUTTI MINOR

06.䷅ FRUTTI MAJOR - 食 shí饣飠 (food, rad.184)

Seba descrive la passeggiata con Emilia nelle terre del Biedano, gli orli del bosco ospitano arbusti che, in primavera, donano profumate fioriture: ciliegio canino (Prunus mahaleb), prugnolo (Prunus spinosa), biancospino (Crataegus monogyna); più in là stà il pascolo cespugliato che, oltre ad alberi sparsi, ospita arbusti di marruca (Paliurus spina-christi), rovo (Rubus ulmifolius) biancospino e prugnolo. Rientrati al Terabuti, Seba spiega come gestire i più comuni alberi e arbusti da frutto, seguendo sia la lezione di Emilia sia di Masanobu Fukuoka: 'pota il minimo necessario, avendo in mente la forma naturale dell'albero, piuttosto che la forma ideale (a vaso, a coppa, ecc.) scientificamente calcolata per venire incontro alle mode di raccolta, alla meccanizzazione o alle teniche colturali invasive (sarchiatura, concimazione forzata, ecc) di volta in volta in voga;potare (prunes, cut) non serve se gli alberi son lasciati liberi di crescere secondo natura sin da piccolissimi, ovvero se mai potati, non svilupperanno aberrazioni che richiedano poi, ogni anno, potature di equilibrio tra sviluppo vegetale e carica dei frutti.. Così gli innesti, come avvien col caprifico, sono fatti solo in casi necessari poichè, a volte, l'area sopra l'innesto degenera o si gonfia e le foglie, fiori e frutti cadono facilmente; tra i fallimenti del primo frutteto di Masanobu Fukuoka, c'era l'aver lasciato in autogestione un frutteto di Pesche abituato alla potatura: i peschi erano diventati quasi del tutto improduttivi riempiendosi solo di foglie. In prove successive con piante fatte crescere senza potature, gli alberi hanno gestito da soli sia il numero di rami che il loro carico, dando buoni risultati. In diversi paesi d'Africa e sud-America, sui meli, peri, peschi e albicocchi, non si conosce la potatura e le piante da frutto sono ugualmente molto produttive. La forma naturale di giovani cachi, peri e meli, ha poca densità di rami, foglie e frutti, e produce poco; risolvi con cauta potatura che diradi i rametti dell'anno passato ed elimini i danneggiati. Ogni pianta, per resistere al vento, ha forma naturale che va rispettata; dopo 5/6 anni, dovrebbero esserci 5/6 rami impalcatura secondari che si estendono fuori, in una modello a spirale.. Alberi da frutto con leader centrale (cachi, pero, melo, nespolo, noce) crescono alti e posson porre problemi di raccolta. Ciò è vero quan l’albero è ancora giovane, ma come matura, l’impalcatura di rami primari cresce dal leader centrale ad un angolo di circa 40 gradi sul piano orizzontale, ed estendersi all’esterno (con angolo di circa 20 gradi), in un regolare assetto a scala a chiocciola. La pianta può partire dalla forma naturale (vedi agrumi) e prendere forma aperta al centro se il leader centrale diventa inclinato, debole o ferito. Considerando i molti anni di perdite e duro lavoro che ne possono derivare, è preferibile scegliere di fare qualche potatura correttivo/formativa subito. Tutte le aghifoglie reagiscono alla potatura senza formare nuovi getti. Emilia lascia crescere gli alberi da frutta seguendo la loro generica forma piramidale o conica, ovvero con leader centrale non amputato, capace di sviluppare attorno a sè una corte di rami regolari, che girano come una scala a chiocciola: ogni ramo dista l'altro di 70°, così dopo il quinto ramo (un giro di 360°), il sesto risulterà virtualmente sovrapposto al primo, ma diversi centimetri sopra, così il dodicesimo ramo (secondo giro di 360°) e così via sino alla gemma al vertice del ramo centrale (leader). Ciascun ramo e foglia, seguendo l'ordine preciso e regolare (o potato secondo questa immagine) trova il suo spazio di luce e aria senza intrecciarsi con altri rami, perdere l'orientamento e avvizzire. Emilia cita per primo la pianta del FICO (ficus carica, moracee), l'Albero della vita che fornisce frutti nutrienti e digeribili agli animali della selva e agli umani centenari, il più generoso di tutti, da cui deriva l'appellativo di Albero della fecondità, della fica (organo della procreazione, siconio), figo, etc.. Il selvatico, detto caprifico (Fico delle capre), è bisessuale (siconio con fiori maschili e femminili, fecondato dall'imenottero blastophaga psenes) non commestibile per gli umani e con forma più arbustiva; invece il fico domestico, originario della Caria in Asia minore, è unisessuale (siconio con soli fiori femminili, detto fica) la specie più nordica del genere Ficus. Caprificazione è l'arte di impollinare i siconi del fico domestico a mezzo del polline del selvatico, per favorire la fecondazione della fica (siconio con soli fiori femminili) e ottenere frutti più grossi, rossi e saporiti: si appendono varie infruttescenze di caprifico ai rami del fico domestico. Le femmine della blastophaga sciamano a metà giugno imbrattate di polline, vanno a depositare le loro uova in altre fiche bisex del caprifico e, senza saperlo, nelle fiche del domestico, qui però trovano solo fiori femminili longistili, percui non riescono a deporvi le uova ma solo il polline del caprifico, fecondandolo. In molte cultivar domestiche come Smirne, sanpietro, petrelli, etc, i fioroni non necessitano di caprificazione, mentre i forniti sì, altrimenti non evolvono in fiche (siconi gustosi). Nella ficara (frutteto di fichi) priva di un caprifico, bisogna portare in campo collane di profichi maturi, cioè che contengano femmine di blastofaga pronte a sciamare. Le 900 specie di ficus, di zone tropicali e temperate, includono i ficus dell'Amazzonia, i Ficus religiosa (detti banian o dei templi), il Sicomoro dell'Africa tropicale, etc, sono piante perenni e legnose, i cui fusti e rami, se tagliati o incisi, emettono un lattice gommoso usato come caucciù, resine e lacche; hanno potente apparato radicale, portamento disordinato e corteccia liscia cenerina. Stami e pistilli si trovano su piante diverse; le infruttescenze dette siconi (vulva, vagina, ricettacolo tappezzato da minuscoli fiori femminili, da qui il nome albero della fica) sono verdi, gialle o nere e maturano in tre periodi: Fioroni, gemme dell'anno precedente che maturano in primavera (giugno-luglio); Fichi (o mammoni) prodotti da gemme d'annata, maturano in estate (agosto-settembre); Mamme, fichi che maturano in autunno. Nell'impero greco-romano (bizantino), il sicofante (ladro di fiche, siconie) che rubava o esportava il cibo primario della gente rurale, veniva sempre punito. La talea si preleva in Estate da rami lignificati, recidendola sotto nodo e piantandola in piena terra, mentre i polloni da interrare si distaccano in Autunno. I fichi essiccati, donan potassio, calcio, ferro e fibra per l'intestino stitico: si colgono col peduncolo, maturi (sbollentati o meno per sbiancarli), vengono esposti al sole su cannicci puliti, con buco verso l'alto per far coagulare il succo interno, evitando il contatto tra frutti; rivoltati ogni giorno per omogeneo disseccamento, compressi i rigonfi per eliminare le sacche d'aria, poi selezionati; dopo essiccamento, si immergono in acqua di mare (o acqua e sale) bollente per due minuti per disinfestarli. Due fichi al giorno, adatti ai glicemici, fan variare la glicemia, dopo il consumo, solo di 35, contro il 100 del pane bianco. L'essiccazione riduce dell'80% l'acqua e concentra i principi nutritivi e minerali (calcio e ferro, 100gr al dì coprono 30%), la fibra cresce di 6 volte, così, dopo breve cottura in acqua (con prugne secche e uvetta secca), eccelle nel formare feci morbide e facili da eliminare. Fichi secchi han 60% carboidrati utili nei casi di magrezza o stanchezza eccessiva. Emilia prepara un decotto di fichi secchi, 50 grammi spezzettati e bolliti 10 min in litro d'acqua, per sfiammare le vie respiratorie e urinarie, gastriti, difficoltà digestive e coliti; lo usa anche in gargarismi, nei casi di gengive irritate e mal di gola. Fichi cotti lei pone sui forunivettaoli, scottature, porri e altre irritazioni della pelle; usa anche il lattice del frutto immaturo: sui porri o per cagliare il latte di tipici formaggi; le ruvide foglie di fico, senza detersivo puliscono le pentole. Il fico dottato bianco napoletano, è albero vigoroso e produttivo, a portamento aperto, ha foglie intere, trilobate o pentalobate, verde chiaro; produce fichi fioroni e fichi forniti: nelle annate con inverni miti, può dare fioroni (piriformi e ovoidali) che maturano tra fine giugno e metà luglio, buccia verde giallastra, ostiolo aperto, polpa rosa sfumata e aromatica. I forniti maturano da metà agosto a tutto settembre, più piccoli dei fioroni, hanno forma a trottola, ostiolo semiaperto, buccia giallo-verdastra con poche scanalature. La polpa è rosa granato, molle e molto succosa; ottimo a consumo fresco, è la varietà più usata per i fichi secchi. Tipico delle zone umide del nord, è il Ficus fiorone bianco, che produce solo fioroni, in luglio, grossi fichi privi di collo, ovoidali o tozzi; buccia verde pallido che, alla maturazione, presenta spaccature longitudinali biancastre; polpa color ambra o rosata, dal gusto squisito. Produce anche i forniti, ma non arrivano a maturare. Il verdolino è albero vigoroso a portamento aperto, poco pollonifero; ha foglie dei rami vigorosi verde scuro, con lobi tondeggianti, mentre quelle dei rami più stentati sono più piccole e molto incise. Produce fioroni e forniti (varieta bifera): il fiorone, più piccolo del fornito, matura a giugno solo nei climi più favorevoli. I forniti iniziano a maturare ai primi di settembre, ha frutto piriforme con buccia verde brillante, molto sottile ma tenace, con poche scanalature. Polpa chiara, rosa giallastra, con pochi acheni piccoli, di sapore dolce, eccellente quando inizia ad appassire; ottimo per consumo fresco ed essiccamento. Il verdone romano è albero di media vigoria con portamento assurgente, foglie pentalobate a lobi stretti e seni pronunciati. Produce solo forniti, da inizio settembre alle prime gelate invernali, anche dopo la caduta delle foglie. Frutto di forma globosa a fiasco, con collo molto lungo e peduncolo legnoso; buccia sottile, rosso vinoso a inizio maturazione, verde intenso alla fine. Polpa rossastra, piena, poco succosa, molto resistente alle manipolazioni. Varietà tardiva nella maturazione, serbevole, utile al consumo fresco ed essiccazione. Il brogiotto nero fiorentino produce solo forniti. Albero vigoroso e produttivo, poco pollonifero, a portamento più espanso di altre varietà. Ha foglie trilobate e pentalobate, di colore scuro, larghe e poco lobate nei rami giovani e vigorosi. Inizia a maturare i propri frutti una settimana dopo il dottato (fine agosto), ma si protrae se il clima è favorevole per tutto ottobre. Frutto schiacciato, panciuto, a forma di trottola. Buccia molto spessa, nero intenso con sfumature violacee nei frutti in ombra, oppure bluastra in quelli esposti al sole; polpa soda, rosso-vivo, dolce mielosa. Fico melanzana, albero vigoroso a portamento irregolare, molto resistente, con foglie a metà pentalobate e metà trilobate, con lobi poco profondi; un tempo era diffuso in tutto il centro Italia, oggi sopravvive in piante singole; è varietà bifera (fioroni e fornti) che produce fichi simili all’ortaggio. Il fiorone di metà luglio è grande, a collo lungo, la polpa è rosa, dolce, con grossi acheni. La buccia è violacea, tendente al marrone. Il fornito (metà settembre) è più piccolo e meno allungato, più ovoidale. La buccia è viola-grigio, con poche lievi scanalature mentre la polpa è rosa, dolce e aromatica. Emilia cita una ricetta di sciroppo di fichi contro la tosse (cough syrup): in mezzo litro d'acqua bollire due fichi secchi, una manciata di salvia, mela a pezzi, anice, camomilla e fiori di lino, per 15 minuti; filtrare e bere lo sciroppo più volte al giorno specie la sera prima di dormire. Una seconda ricetta contro la tosse: 150 gr di fichi, 1.5 kg cipolle, 60gr miele; bollire il tutto in un litro di acqua, per due ore, poi imbottigliare; prendere 5-6 cucchiai al giorno. Il CILIEGIO cherry selvatico (prunus avium), come il ciliegio canino, è nutrimento per uccelli ed umani da migliaia di anni: gusci si trovano in insediamenti preistorici di tutta Europa (Britannia, Italia, villaggio di palafitte sul Lago di Garda). Prunus avium è un abero spontaneo dei boschi di Eurasia (alto fin 20 mentri) che, per espandersi, necessita di un micro clima forestale già stabile; da esso, nei secoli, mediante ibridazione e selezione, si sono ottenute numerose varietà ed ecotipi locali che. Tutti i ciliegi nati in gruppo all'interno di boschi, piantati o spontanei, sono molto appetiti da uccelli e grossi erbivori (caprioli, cinghiali) ma sono pure sensibili a malattie e attacchi d'insetti. Nella medicina familiare si usano corteccia, foglie, fiori e piccioli dei frutti, aventi proprietà astringente, antitossica e diuretica; decotti e infusi delle varie parti venivano usati nell'artrite, digestione, stitichezza, gotta e obesità. Il legno marrone-rosso è molto resistente, viene usato per mobili e strumenti musicali. La resina è aromatica ed è usata come aroma in gomme da masticare. CUCCARINA o Ciliegio di Nanchino (Prunus tomentosa, rosacee), è un alberello spontaneo della Cina del nord, resiste a malattie e basse temperature fino a -20°C. Arbusto a foglia caduca, può alzarsi fin 3 metri. In primavera fiorisce con molti grappoli rosa; fruttifica a giugno con una piccola ciliegia simile al ribes, dall'ottimo sapore dolce acidulo. Le varietà di PRUGNE-Prugnole (Prunus spp, Susino, plums, Rosaceae), sono tantissime, maturano in tutti i mesi estivi: a Luglio ci sono le red beauty (prugne succose con buccia rosso scuro e polpa chiara) e le goccia d'oro (giallo dorato, forma tonda e polpa succosa e zuccherina); tra fine Luglio e primi Agosto maturano le santa rosa (tonde, grosse, dolci e polpa consistente); in pieno Agosto matura la regina claudia (verde chiaro brillante, piccole e asprine);, da fine Agosto a metà Settembre arriva la stanley da confettura (viola scuro, forma oblunga). I Prunus coltivati in tutto il mondo si possono raggruppate in tre categorie: 1_susini europei (prunus domestica), siriaci (prunus insititia), mirabolani (prunus cerasifera, spinosa, cocomilia); 2_susini cino-giapponesi (prunus salicina, simonii, bokhariensis dell'India); 3_susini americani (nigra, ecc). I susini europei son a fioritura tardiva e han maggior bisogno di freddo. I cino-giapponesi si adattano al caldo e a suoli calcarei. Il succo di prugne, due volte al giorno prima dei pasti (come il vino di finocchio selvatico), è un buon ricostituente per persone affaticate. Il PRUGNOLO selvatico (Prunus spinosa, Rosaceae) è un arbusto/alberello a foglia caduca, longevo, vive in media 60-70 anni come il lampone; alto fino a 4 metri, ha rami spinosi, marroni (quelli vecchi) o grigi (giovani), e biologia simile al biancospino; foglie obovate, alterne e seghettate. Tale pianta è spontanea dell'Europa, Asia e Africa settentrionale, dove forma macchie fitte e impenetrabili a protezione degli uccelli che vi costruiscono il nido; cresce ai margini dei boschi e dei sentieri, in Italia forma siepi e scarpate ed è coltivato nei giardini decorativi. Fiorisce con fiori bianchi tra marzo e aprile, e matura frutti tondi e blu (prugnole) tra settembre e ottobre. Le prugnole, coperte di pruina, sono aspre e ingentiliscono con le prime gelate, contengono vitamina C, tannino e acidi organici, sono usate in molte ricette di prugnole e bevande alcoliche: prunelle in Francia, sloe-gin in Inghilterra, patxaran in Navarra/Spagna, umeshu in Giappone, bargnolino/prunella in Italia. Come erba medicinale il prugno spinoso è usato come purgante, diuretico e depurativo del sangue, le sue prugnette fresche o essiccate, offrono gustose tisane astringenti, depurative e blando lassative, mentre le foglie vengono fumate con tabacco. Ai frutti sono attribuite anche proprietà aperitive, eupeptiche e tonificanti: in Francia, i frutti immaturi delle prugnole sono usati in salamoia assieme alle corniole, come sostituti delle olive, mentre il loro liquido di cottura è un pratico tampone contro l'emorragia nasale. Fiori, corteccia e foglie contengono una sostanza amara (cumarine), flavone e glucosidi dell'acido cianidrico (sapore di mandorle amare), specie nei fiori (usati qual canditi in Francia), con virtù digestive, lassative, febbrifughe e sfiammatorie, dunque è bene non eccedere nelle dosi. Nella farmacopea popolare la pianta è usata a combattere febbre, raffreddore, mal di gola (gargarismi), acne, affaticamento; aiuta la crescita e la cura depurativa di primavera. Il legno, come altri alberi da frutto, è buon combustibile, duro e resistente, usato per fare attrezzi e bastoni; in passato la corteccia del prugnolo venne usata a colorare di rosso la lana. Il Susincocco (Prunus dasycarpa, biricoccolo, plumcot, albicocco nero, susinoalbicocco) è l’incrocio naturale tra albicocco e mirabolano (Prunus cerasifera); è frutto antico, ma poco diffuso. La pianta è abbastanza vigorosa, alta fin 5-6 metri, resiste bene al freddo e si può coltivare in pianura e collina. La pianta è sovente innestata su mirabolano, ha caratteri che ricordano entrambe le specie: buccia arancio-violetto, liscia e sottile, vellutata come l’albicocco; polpa succosa, dolce e acidula, simile alle susine. La polpa è tenera, succosa, aderente al nocciolo, di colore giallo venato di rosso, profumo di albicocca o susina. Il nocciolo è più piccolo di quello di albicocca. I frutti maturano in estate (giu-lug), vanno colti scalarmente, quando risultano maturi, altrimenti han sapore asprigno. Appartengono al genere Prunus anche: albicocco, ciliegio, mandorlo, susino e Pesco-noce (detto nettarina, prunus persica laevis), che può sopportare min invernali di -15°C e caldi subtropicali. ALBICOCCO-apricot (Prunus armeniaca, rosacee) e Persimmon crescono quasi ovunque e rifiutano la potatura. Il frutto di Albicocca è ricco di carotenoidi (vit.A, utile a pelle e mucose interne), magnesio, potassio, fosforo, ferro, calcio, ed è utile ad anemici, stanchi e depressi: l'abicocca consumata fresca è antidiarroica, ma essiccata diventa lassativa come le prugne; il succo fresco è un ottimo tonico per la pelle del viso; la mandorla contenuta nel nocciolo è oleaginosa e commestibile, ma solo quando è dolce; quando è amara contiene una sostanza che genera acido cianidrico, un veleno, specie per i bambini. Il PESCO (persica vulgaris, Rosaceae) in Persia e Cina lo si può ancor trovare allo stato selvatico con chiome a globo e longevo anche 30 anni. E' coltivato in molti paesi a clima mite, in forma rotondeggiante, a cipresso o a salice piangente. Albero con radici arancioni, ramificate e a sviluppo superficiale (da 20 a 100 cm, le radici di 2 peschi non si incrociano mai), emette rami vigorosi (succhioni) su piante giovani vicino a grossi tagli, originate da gemme latenti che risvegliano dopo danni da gelo o forti potature. Il pesco ama terre sciolte pur sassose ma con acqua, e climi miti, ma necessita da 600 a 900 ore di freddo l'anno (sotto i 6°), per entrare in riposo vegetativo e rifiorire regolarmente; regge al gelo finchè non risveglia, così, ritorni imprevisti di gelo, danneggian le gemme a fiore (futuri frutti). I rami radi, divaricati, han fiori che sbocciano prima della comparsa delle foglie, ermafroditi, ascellari, color rosa, in genere autofertili. Dei 2 ovuli, solo uno, di solito, vien fecondato e giunge a maturità. Il nocciolo contiene così un solo seme (o mandorla) solcato, di sapor amaro (alto contenuto di amigdalina). Le pesche son coperte da buccia tomentosa o glabra (nettarine) di vario colore, con polpa succosa grazie a molta acqua e pectina. Pesca cotogna del poggio, è antica cultivar toscana, diffusa sulle colline del Chianti. Il frutto ha forma tonda, con solco di sutura marcato, buccia gialla con sfumature rosso arancio. La polpa, soda, dal sapore dolce e profumo intenso, è gialla e colorata in rosso nell’area aderente al nocciolo. Matura tra fine agosto e inizio settembre. I frutti fermentati del NESPOLO (Mespilus germanica, rosacee) sono diversi dal quelli del Nespolo del Giappone (Eriobotrya japonica) pur delle Rosacee. Nespolo detto nespra o amedda, è un alberello/arbusto dal tronco tortuoso e rami spinosi, rustico, resistente e ornamentale, ha foglie grandi poco dentellate e bei fiori bianchi tipici delle rosaceae (maggio-giugno), che maturano in frutti (autunno-inverno), le nespole, piccole mele brune che, per consumarle, bisogna lasciare sulla pianta ad appassire (ammezzire) sin dopo i primi geli: l'ammezzimento è una lenta maturazione (fermentazione di zuccheri) dei frutti, lasciati al gelo sulla pianta o in cassette di legno coperte di paglia in locale fresco. I frutti si consumano man mano, giacchè la fermentazione prosegue e possono rapidamente degradarsi. Nella medicina popolare i suoi frutti freschi, ben digeriti anche da stomaci deboli, si usano come febbrifugo e antidiarroico, in quanto astringenti ed efficaci a regolare le funzioni intestinali, sono utili in marmellate e brandy, mentre, i frutti immaturi sono utili a pulire il vino e il sidro. Col tannino di corteccia, foglie e frutti immaturi, si conciano le pelli, mentre il suo legno bruno-giallognolo è molto duro e fornisce carbone. Il Pero Corvino (Amelanchier canadensis o lamarkii, Rosacee) è un arbusto a foglie caduche, di forma globosa, molto vigoroso e ramificato che può raggiungere i 2-3 metri di altezza. Originario del sud Europa e Nord America, vive bene in tutti i terreni ed è molto resistente al freddo. Le sue foglie hanno pagina superiore verde opaco e quella inferiore coperta da peluria giallastra, in autunno diventano rosso-arancione. La fioritura bianco-rosata, profumata, avviene in aprile-maggio, è di breve durata ma intensa. Il frutto è un piccolo pomo farinoso-carnoso che, maturando a fine estate, diventa rosso-violetto ed ha sapore dolcissimo. La botanica moderna afferma che i caducifogli sono, in realtà, specie vegetali sempreverdi fuor del loro ambiente: il MELO (Malus spp) è specie equatoriale che vive a 800 m di altitudine. Alle nostre latitudini soffre il freddo invernale e perde i suoi polmoni (le foglie), mentre, all'equatore e alla sua quota altimetrica, è ancor oggi, specie sempreverde, non perde mai le foglie, confermando la sua piena compatibilità a quell'ecosistema di eterna primavera; fiorisce più volte e fruttifica 2 volte l'anno in maniera scalare, assicurando un alimentazione continua. Le piccole Mele selvatiche rimangono ancorate ai loro rami molto a lungo, anche durante l'inverno; per tutto il mese di gennaio ed oltre, si è ancora in tempo per raccogliere quelle cadute a terra; possono essere usate a preparare composte, torte e dolci, oppure conservate sotto spirito. La Mela rosa non si pota, è gentile, buona e grossa, per conservarla si mette in ceste con paglia appese all'albero. La mela/pera COTOGNA (quince, cydonia vulgaris) è un toccasana gastro-intestinale, poichè ha proprietà toniche, astringenti ed antinfiammatorie. I suoi tannini sono in grado di proteggere la mucosa dell'intestino. Cotogne cotte assieme al vino si mangiano bene, oppure, assieme a melagrane, servono per fare il mistrà. Il decotto di radice cotogna assieme a radici di melograno e legno di dulcamara, è depurativo e combatte la tenia. La cotogna, come tutte le mele, contien acidi organici, tra cui il malico, utile a favorire la digestione. Consumata cotta, ha proprietà lassativa, favorendo la motilità intestinale grazie alla generosa presenza di fibre e pectine, vitamine (A, C, B1, B2) e sali (potassio, fosforo, zolfo, calcio e magnesio). Il sapore acidulo della mela cotogna dipende dalla presenza di zuccheri a catena. Con la cottura le lunghe catene glucidiche si frammentano e la massa assume un sapore più dolce ed intenso, liberando un odore gradevole simile al miele. Il KAKI (Diospyros kaki, Ebenacee) è un albero a crescita lenta, può crescere fin 10 metri, con chioma a forma globosa; ha un apparato radicale espanso, superficiale e ricco di polloni, ma si sviluppa con unico fusto diritto. Originario di Cina e Giappone, è specie subtropicale adattata anche nel mediterraneo, dove tollera, per brevi periodi anche -10 °C. Poichè si adatta a tutti i suoli, inclusi gli argillosi senza ristagno, nelle zone marginali migliora la pezzatura dei frutti; l'irrigazione ingrossa solo i frutti. Il Kaki è sensibile alla presenza nel terreno di nematodi (parassiti vermiformi), rimedi naturali sono soluzioni d'acqua in cui si fa macerare per qualche giorno aglio e peperoncini. I semi estratti dal frutto si possono conservare nelllche sabbia a temperature costanti per poi essere interrati a fine Inverno (serbano bene la forza germinativa) in una miscela di 30% torba, 20% terriccio, 30% materiale drenante (argilla espansa o pietra pomice), 10% corteccia, 10% compost. Dai semi si ottengono Kaki da portainnesti, ornamentali, a vederli fruttificare occorre innestarli dopo due anni, portinnesti comuni: d.lotus, d.kaki (resiste a siccità ma poco al freddo), d.virginiana (disforme e pollonifero); la talea ha scarsa attività rizogena. Le piante giovani non sopportano freddo intenso e gelate, dunque in inverno, proteggerli con paglia o tessuto canapa. La polpa è giallo-arancio nei frutti non fecondati, e rosso-marrone in quelli fecondati; in molte cultivar è astringente al momento della raccolta, così occorre farla ammezzire con i primi freddi di ott-nov: l'impollinazione influisce cmq sul sapore. La varieta kaki cioccolatino, ottimo impollinatore per Kaki Tipo e Hana Fuyui, ha chioma a globo ed è longeva, ha fiori ermafroditi, i frutti fecondati han molti semi, polpa arancio-bronzea, dolce e saporita, non astringente (minor tannini), mangiabili già alla raccolta, io colgo gradualmente i più maturi, più squisiti, con forma tonda e buccia giallo arancio. Il frutto aiuta l'apparato nervoso, ha proprietà lassative e diuretiche e depurative del fegato; è ricco di minerali (calcio, potassio, fosforo, magnesio), vitamine (A, B, C, E, betacarotene, luteina), aminoacidi zucchero (non ecceda chi soffre di diabete od obesità). Emilia prende pausa, offre a tutti un bicchier d'acqua con 1 fetta di LIMONE (citrus spp) e dice: "faccio questo in memoria della saggezza di Sicilia, dove da sempre i marinai portan limoni nei loro viaggi impegnativi e s'immettono, nelle riserve d'acqua, tagliati a metà, allo scopo di disinfettare l'acqua e renderla potabile. Il Limone scioglie l'eccesso di materia nel corpo (per corpi esili meglio l'uso saltuario e frutta di stagione), riequilibra il Ph del corpo, migliora la digestione, favorisce il riposo, previene raffreddori e influenze, depura il fegato, elimina gli acidi urici, dissolve i calcoli biliari, renali e i depositi di calcio accumulanti nei reni, elimina verruche, calli, gengive infiammate, cura artrite e reumatismi, vene varicose, scorbuto, ostacola l’osteoporosi, previene l’invecchiamento cellulare stimolando il n/um qi, abbassa il colesterolo, disinfetta, è antibatterico, anticancro, ipoglicemizza, svermina intestini, rafforza i vasi sanguigni, regola e abbassa la pressione arteriosa. Se una mela il giorno toglie il medico di torno, 1 bicchier di acqua tiepida e succo limone al mattino, è buon antiemorragico e riduce le feci in caso di diarrea. Il succo contiene acido citrico (sapore aspro), malico, ascorbico (vitamina C); se pastorizzato mantiene senza conservanti per 1 anno ed è ingrediente di cibi, bevande, detersivi (distillati dalle fezze). La pianta del limone può alzarsi fin 6 metri, con i suoi rami poco spinosi e le foglie che cambiano colore a seconda dell’età: da giovane tende al rosso, crescendo acquista colore verde scuro, più chiaro nella parte inferiore. I fiori hanno delicato profumo e, se il clima è adatto, la pianta fiorisce tutto l’anno. I frutti son composti da spicchi dal sapore aspro, hanno forma ovale e buccia gialla, più o meno spessa a seconda della varietà: alcune varietà non hanno semi. Il Limone, come tutti gli agrumi (rutaceae), è originario delle montagne dell’Indocina e sudest Asia, è coltivato in tutto il mondo nella fascia subtropicale (India è leader mondiale nella produzione di limone e lime); io lo annaffio da marzo a novembre, evitando eccessi di acqua e temperatura. Il limone mal sopporta il grande freddo, perde tutte le sue foglie sotto i 4°C, mentre frutti e fiori resistono di più; se in inverno andrebbe riparato per temperature inferiori ai 10°C, in estate non necessita di alte temperature per maturare i frutti: la temperatura ideale è 28°C. Il limone verde nasce dalla fioritura estiva, spesso indotta con la privazione di irrigazione della pianta nei mesi di giugno-luglio. Si ottengono frutti con sottile buccia verde e polpa succosa. Si conservano a lungo e sopportano trasporti e sbalzi di temperatura, per cui son esportati ovunque, mentre, i limoni invernali vanno ai mercati interni. Questa forzatura dell'albero, seppur lucrosa, ne abbrevia la vita. Le varietà di limone rosso e dolce dan frutti mangiabili che, a maturazione, deteriorano in 2/3 giorni. Le origini del nome limone derivano dal persiano لیمو (līmū). L'ARANCIO amaro resiste alle basse temperature dei climi più freddi. I frutti dell'arancio amaro sono adoperati raramente sul mercato ortofrutticolo, le sue bucce sono usate in erboristeria nella creazione di olii essenziali in quanto, la pianta di arancio amaro, è più profumata rispetto all'arancio dolce: in aromaterapia l'olio essenziale dell'arancio amaro, ha potere antidepressivo ed è indicato per insonnia e disturbi dell'apparato digerente. L'arancia tipico frutto invernale, purga l'organismo, è antiossidante e aiuta e rafforza: la microcircolazione del sangue, mineralizz. ossea, sistema immunitario, articolazioni-cartilagini, gengive e pelle, così il succo di Melarancia (citrus sinensis) è usato in Abruzzo a curare le oftalmie. Il CEDRO (Citrus medica) in molte località indiane e indocinesi cresce spontaneamente, oggi è coltivato nel bacino del Mediterraneo, India, Indocina, Indonesia, Australia, Brasile ed USA. Il Cedro in Italia venne usato come repellente delle zanzare, come la citronella. La prima coltivazione a scopo alimentare fu in Sicilia, poi Genova e isole Azzorre; oggi è coltivato e lavorato in Calabria, nella fascia costiera del Tirreno cosentino, da Belvedere Marittimo a Tortora, denominata Riviera dei Cedri con al centro Santa Maria del Cedro, dove l'agrume cresce spontaneo. Il Cedro è ottimo come frutto da tavola, preparazione di bibite analcoliche, la scorza si usa per fare frutta candita, infusi terapeutici o, nell'industria farmaceutica, per la produzione di olio essenziale che, facilmente deteriorabile (intorbidisce e lascia residui resinosi), è corretto con essenza di cedrina (Citrus medica var.citrea gibocarpa), una varietà usata solo a tale scopo, poichè l'essenza di cedrina rimane limpida (contiene limonina, citrale ed altri terpeni). Le cultivar del Cedro sono divise in due gruppi: cedri acidi e cedri dolci. Le prime, come la specie tipica, hanno fiori e germogli rosso-violocei e polpa acida; le seconde hanno fiori bianchi e polpa più dolce. Tra i cedri acidi v'è la Diamante, la Etrog e la Mano di Budda (con frutti privi di polpa); tra i cedri dolci v'è la Corsican e la Salò. Il cedro giudaico (Citrus medica var. ethrog) è varietà coltivata in Grecia, Etiopia, Palestina e nella Riviera dei cedri Calabra, viene usata dai credenti ebrei nella Festività dei Tabernacoli. A differenza degli altri agrumi, possiede un'albedo (parte bianca della buccia) commestibile e molto succosa: gli steroli contenuti nell'albedo sono un ottimo rimedio contro il colesterolo. Il Cedro mano di Budda (Citrus medica digitata) è una varietà di cedro derivata da un'anomalia nello sviluppo del frutto: la spartizione dei vari spicchi del cedro effettuano uno sviluppo a se stante, creando per ogni spicchio una propria scorza, formando così, invece del classico cedro, le varie dita della mano di Budda. Questo sviluppo del frutto è presente, seppure più raro, anche nella pianta di limone ed in altri citrus; come tutti gli agrumi, questo cedro presenta una fioritura molto profumata più volte l'anno. Il cedro più diffuso in Calabria è la varietà 'liscio di Diamante' di grosso taglio e profumata, usata in gran parte per la canditura; in Sicilia vi è la bitorzoluta (vozza vozza), a bassa acidità e buona al consumo crudo, semplice o con aggiunta di sale o bicarbonato di sodio, il cedro è usato come digestivo a fine pasto; in Campania si coltiva una molto acida, dall'albedo amarognolo, e una dolce e grossa (sfusato); il cedro di Corsica ha polpa dolce; infine, i limoni cedrati sono ibridi fra limoni e cedri: simili al limone nell'aspetto della pianta ma meno esigente del cedro circa la temperatura; producon frutti a buccia spessa, idonei alla candidatura. Poichè resiste poco alle basse temperature, d'inverno il cedro si può defogliare per poi riprendere l'attività vegetativa in primavera: sebbene nell'arte il Citrus medica (agrume) è spesso confuso col cedro del Libano, una conifera, il 1º maggio a Forlì, nella festa del santo Pellegrino, si vendono cedri, mentre a Bibbona (Livorno) a Pasquetta si tiene la festa del cedro, in ricordo dell'antica usanza locale di servirsi di questo frutto come dazio. La Pianta di Clementino (Citrus clementina) è un ibrido fertile nato come incrocio fra la pianta di arancio e la pianta di mandarino. La sua origine sembra sia stata ottenuta da un sacerdote di nome Pierre Clèment. In Italia il clementino, dopo le arance, è il frutto più venduto sul territorio nazionale. La pianta di clementino risente molto degli sbalzi di temperatura, così, la sua cura in vaso, richiede un riparo in inverno, sempre in posizione luminosa. Il Mandarino Cinese o KUMQUAT (Fortunella margarita, rutacee) è un arbusto o alberello sempreverde, compatto, a crescita lenta, con rami fitti e dotati di spine. In Cina, tali arbusti crescono nella regione del Thè, dove il clima è troppo freddo per i Citrus; coltivati anche in Giappone, arrivarono in Europa nel 1846, con Robert Fortune, collezionista della London Horticultural Society. Kumquat in Italia cresce fruttifica in Liguria, Sicilia, Lazio e Toscana. I suoi frutti, interamente eduli, sono bacche piccole dette esperidi, di forma e colore variabile a seconda della specie o varietà, dolci ed acidule, simili ad arance ovali e lunghe e mandarini in miniatura (4 cm), prodotti dalla pianta da fine novembre a febbraio (raccolta scalare). Emilia li concima a fine inverno con pollina matura e li alleva liberi o a globo, con branche sul fusto a 40-50 cm da terra: ciò protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, oltre a ombreggiare le erbe infestanti (siepi vive o muri di cinta, creano un ambiente riparato dal rischio gelate tardive e venti forti). I piccoli alberi di kumquat sono sensibili alla clorosi ferrica poichè il portainnesto (arancio trifogliato) è molto suscettibile alla presenza di calcare nel terreno: le foglie ingiallite nei casi peggiori cadono, le piante fioriscono poco e i frutti possono cadere in anticipo. Il Kumquat rotondo (Fortunella japonica) è originario del Giappone, simile al Kumquat ovale ma con foglie più piccole, più chiare e frutti arancio tondeggianti; il frutto del Fortunella margarita è ovale e ha un aspetto giallo. Il Kumquat ovale (innestato su poncirus, se nato da seme non fruttifica), come gli altri agrumi della famiglia Fortunella, chiede estati calde, dai 25°C ai 38 °C, ma resiste al gelo e sopravvive anche -10°C, purchè le temperature restino transitorie. L'albero differisce dalle specie di Citrus dal fatto che durante l'inverno entra in un periodo di letargo senza gemme; esso forma piccole piante cespugliose e compatte e, come il ponciro progenitore, ha un pò di spine; i fiori sono singoli o riuniti in infiorescenze; i frutti hanno buccia liscia e ricca di olii. La pianta si adatta alle differenze climatiche, all'interno delle abitazioni o in giardino. Il PONCIRO o arancio trifogliato (Poncirus trifoliata, o Citrus triptera) è un agrume della famiglia delle Rutaceae, spostato dal genere Citrus a un genere a sè, Poncirus, per via di tre caratteri: non è sempreverde, sopporta il freddo fino a -20°, ha buccia leggermente pelosa. Il Poncirus è un folto arbusto che può salire a 7 metri di altezza, ha foglie trifogliate: due foglie laterali più piccole e la foglia centrale che può arrivare a 5 cm di lunghezza. All'ascella porta grandi spine fin 5 cm. Ha fiori bianchi simili ai Citrus, ma più grandi e meno profumati. I frutti globosi, di 3-4 cm di diametro, sono verdi e tendenti al giallo a maturazione, e hanno buccia coperta da peluria. Il Ponciro (dal francese pomme de Syrie), originario di Cina e Corea, ma coltivato in tutto il mondo oltre la fascia temperata riservata agli altri agrumi citrus e fortunella, ha portamento cespuglioso irregolare, crescita rapida, rami con lunghe spine appuntite e boccioli fiorali che nascono a inizio estate e si aprono alla primavera seguente, prima dell'emissione delle foglie. Ponciro è usato come siepe ornamentale o impenetrabile e tra i guard-rail autostradali, ha fiori singoli di medie dimensioni, frutti piccoli, globosi, gialli a maturazione, un sapore molto acido o amaro ma un gradevole profumo, usato per marmellate e liquori; deidratato e triturato si usa come spezia. Si propaga facilmente per seme e talea, la varietà "Monstruosa" ha rami molto contorti e spine ricurve; è il miglior portainnesto per ibridi di tutti gli agrumi, conferisce resistenza a freddo e malattie, e stimola raccolti più abbondanti: le fortunelle fruttificano solo se innestate sui Poncirus; la varieta californiana 'Rubidoux', può essere usata solo per arancio, mandarino e pompelmo. 06.䷅ FRUTTI MAJOR

07.䷆ UVE E VINI - 酉 yǒu (making wine, rad.164)

Seba sotto una pergola d'uva narra: Ribes e altri piccoli frutti, possono essere coltivati come siepi con cui delimitare le varie zone dell'orto-frutteto, mentre varie uve si prestano bene ad esser coltivate come pergole capaci di mitigare il calore estivo: "Raseno ricavò il vigneto del tempio arrangiandosi con poche viti abbandonate, annualmente falciate o rimaste selvatiche vicino i rovi. Tra filari di viti e viti maritate agli alberi c'è differenza: gli alberi, su cui si arrampicano le viti formano capanne d'uva (si vendemmia salendo con la scala) e stimolano un vino più sostanzioso, da capanne vecchie si ricava fin 100 kg! Le viti ambientate fannno tanta uva e maturano bene, poi il vino crudo fermenta in botte fino a gennaio.. durante la settimana il clima aveva rinfrescato, rallentando la fermentazione del lievito nel mio Vino bianco che, così, rimase con molto zucchero di mosto ancor da trasformare, mentre il Vino rosso ancor bolliva allegramente! Ho travasato il vino da vecchi a nuovi fiaschi per filtrarlo della feccia rilasciata sino ad allora; ho versato poi un altra damigiana di vino nella botte di castagno, così da fargli ricevere tannini aromi. Nell'uva i tannini più amari sono nel seme, basta masticarli per verificare: essi di solito non rilasciano i loro tannini nel mosto. Nella buccia dell'uva ci sono i tannini migliori che, vengono progressivamente inattivati man mano che si avvicina la maturità della bacca, e vengono rilasciati durante la macerazione: nella vinificazione in rosso più la macerazione è lunga e più si estraggono tannini mentre, nella vinificazione solo in bianco, si ha poca o nulla macerazione, per evitare che i tannini vadano in soluzione. I tannini sono anelli di carbonio chiamati fenoli, si attraggono l’un l'altro e diventano più grossi, sono come palle magnetiche, calamite, che si attirano dentro una sostanza che crea attrito e consumano ossigeno dall'ossidazione, riducendola: un esempio sono gli antociani, cambiano colore al vino e offrono la loro protezione. I tannini più astringenti servono, ma non in modo eccessivo, la loro capacità di legarsi ai composti contenenti azoto (proteine ed alcaloidi) si riflette anche nella qualità astringente di molti vini rossi: più il vino è ricco di tannini e più è ruvido in bocca. Seba ricorda come ai bambini piccoli si lavava il culetto con il vino: gli adulti lo mettevano in bocca, lo scaldavano un pò e lo spruzzavano sul sedere del bimbo. Ai neonati si faceva il bagnetto con acqua, dopo venivano lavati con vino, per rinforzarli; altre cose necessarie alla vita erano: Riparo, legno (fuoco), acqua, sale, aria, attrezzi, latte-miele, vino, olio di oliva, tessuti di canapa e lana, sogni, musica e ispirazione.. Raseno mesciava il succo di UVA (mosto) una volta al giorno, così da prevenire il sapore di aceto. Se ciò succede, lo corregge aggiungendo resine di quercia o noce. Lui prepara anche del vino medicinale aggiungendovi Propoli, Salvia e Rosmarino (non aggiunge mai zucchero, poichè non ama ri-fermentare il vino o innalzare il grado alcolico). In New Zealand (Aotearoa), si aggiunge lievito commerciale (saccaromiceto cerevisae) per sopperire all'assenza di fermenti naturali locali. Mantegazza dice: "l'Alcool rallenta la combustione interna del corpo, abbassando così il bisogno di cibo; accresce l'urina, stimola gli organi escretori e pulisce il sangue, prevenendo così molte malattie. Se io bevo mezzo litro di vino, emetterò urina quasi distillata, un vero combustibile! Vino rustico in Sanscrito si dice Vena, e significa: vivo e delizioso liquor intossicante. Tra i vini industriali, ve ne sono di pesanti e insipidi che possono risultare indigesti. I Vini da Dessert sono forti e tumultuosi, irritano la donna e le persone nervose. I Vini secchi aiutano stomaci pigri e sono medicina per gli anziani. I Vini dolci sono digestivi in piccole quantità e adatti dopo gli snacks. I Vini amari hanno toniche virtù e sono amici di stomaco e nervi. Vini aromatici, facili da digerire, prendono più le gambe che il cervello. Anche una buona Birra di malto d'orzo è adatta per tutti i climi ma, coloro che ne bevono in eccesso, possono ingrassare. La Vite euroasiatica (VITIS VINIFERA, Vitaceae), originaria del bacino del mar Nero, è un arbusto rampicante a portamento determinato dal sistema di allevamento: il portamento naturale è irregolare, con ramificazione rada ma molto sviluppata in lunghezza, anche diversi metri. Le forme spontanee della sottospecie sylvestris sono rampicanti e i pochi rami si confondono con la vegetazione delle piante circostanti; le forme inselvatichite della sottospecie vinifera mostrano un fusto più o meno contorto, irregolare, di varia lunghezza, che, forzato a mano, si distacca a nastro; i tralci sono più o meno densamente ramificati. Il colore grigiastro dei rami di un anno, diventa marrone con lo sviluppo del ritidoma; il legno è bruno-giallastro. Sottospecie della vite comune spontanea (Vitis vinifera) sono: Vitis vinifera sativa, con piante ermafrodite a fiori bisessuali, comprende tutti i vitigni coltivati; Vitis vinifera sylvestris, con piante dioiche, spontanea diffusa in boschi e macchie caldo-temperate euroasiatiche. La vite in tutte le sue varietà, è oggi coltivata in tutti i continenti tranne l'Antartide: Germania, Ungheria, Moldavia, Russa meridionale, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Italia. In Asia va dall'Anatolia, medio oriente, Caucaso, Cina; in Africa prende i paesi del Magreb e il Sudafrica; In America e Oceania interessa: California, Messico, Cile, Argentina, Uruguay, Brasile, Australia e Nuova Zelanda. La pianta della vite fu apprezzata da popoli Slavi (specie dei Balkani e Mar Nero) ovunque migrarono (i Croati esportarono la Viticoltura in Nuova Zelanda e Australia), così i Toscani (detti etrusci, Rasna, Russi italici) esportarono il loro vino in tutto il bacino del Mediterraneo, alimentando leggende e opere di utopia classica come le Georgiche di Virgilio, il De re rustica di Columella, etc. Durante la caduta dell'Impero greco-romano, la viticoltura calò di molto, mantenendosi nei villaggi e in prossimità delle coste, poi fu ripresa dagli ordini monastici (Basiliani e Benedettini) che la diffusero in tutta Europa: in Francia si arrivò a una viticoltura feudale e nobiliare (come la pianta di Coca presso gli Inca), al fianco di quella sacerdotale, mentre in Medio Oriente, per via dell'Islam, andò in progressivo declino. La vite seguì gli Europei nelle Americhe: Messico, Perù, etc. Tra il 1870 e 1950, due malattie (peronospora e oidio) e l'insetto fillossera, provenienti dall'America, sconvolgono e distruggono molte monocolture della vite in Europa e centro-nord Italia, i coltivatori, allo scopo di preservare i vigneti monocolturali, innestano i vitigni sopravvissuti su specie ed ibridi di origine americana (Vitis berlandieri, V.rupestris, V.riparia), resistenti alla fillossera, e iniziano l'uso invasivo e regolare di fitofarmaci, come zolfo e rame, per contrastare l'oidio e la peronospora. Nell'Italia meridionale invece, grazie alla divisione fondiaria in piccoli appezzamenti e alla biodiversità dei vigneti (ogni contadino piantava due o più varietà di uva), l'invasione delle nuove malattie fu meno devastante, così le antiche varietà di uva italica sopravvissero e, oggi, forniscono il germoplasma ai vigneti progettati secondo i criteri della permacultura. La vite è una pianta caducifoglie, entra in riposo vegetativo durante la stagione fredda. La ripresa ha luogo in primavera. I primi sintomi sono il pianto o guttazione (essudato liquido da tagli di potatura tardivi o ferite non cicatrizzate), 2-4 settimane prima del germogliamento. La ripresa vegetativa vera si manifesta al germogliamento: le gemme dormienti si rigonfiano e lasciano fuoriuscire i germogli che con le foglioline son rivestiti da fitto tomento; i ceppi più vigorosi sono più tardivi. La ramificazione è originata da tre tipi di gemme: dalle gemme dormienti si sviluppano i germogli nella primavera successiva; dalle gemme pronte si sviluppano nello stesso anno germogli di secondo ordine detti femminelle; dalle gemme latenti, che restano in quiescenza per un numero indefinito di anni, si sviluppano germogli più o meno vigorosi detti succhioni. I rami giovani allo stato erbaceo sono detti pampini e, una volta lignificati sono detti tralci. La lignificazione (accumulando sostanze di riserva) avviene in agosto, dalla base all'apice, lignificano meglio i tralci più vigorosi emessi dalle gemme dormienti, mentre può essere incompleta nelle ultime femminelle. I rami giovani rinnovati con la potatura di produzione sono detti tralci. I germogli anticipati, sviluppati da gemme della stagione (gemme pronte), sono detti femminelle. I tralci tagliati con poche gemme (in genere 1-3) sono detti speroni, mentre quelli con numerose gemme sono detti capi a frutto. In diversi sistemi di potatura, l'unico cordone esistente è il capo a frutto. Nell'impalcatura definitiva v'è il fusto (tronco) verticale, e i rami permanenti o semipermanenti (cordoni orizzontali, verticali, obliqui) a seconda del sistema di allevamento e metodo di potatura. Lo sviluppo dei cordoni verticale è adottato negli allevamenti ad alberello. Nei sistemi a cordone orizzontale (e tralci verticali perpendicolari al cordone), il cordone si sviluppa sul filo di banchina più basso. I tralci lignificati hanno colore bruno-giallastro ed evidente striatura longitudinale; i nodi sono ingrossati e gli internodi brevi. In corrispondenza dei nodi, sui tralci dell'anno, si inseriscono cirri (viticci, organi di sostegno), foglie, e infiorescenze. I cirri sviluppano quando il germoglio ha formato 8-10, ma talvolta anche prima da nodi più basali. Lo sviluppo delle foglie è parallelo all'accrescimento dei germogli e prosegue finché vengono emesse nuove foglie. In Italia il germogliamento può avviarsi da inizio marzo, a sud, a inizio maggio a nord. Si accrescono i germogli, rallentano i meristemi dell'apice vegetativo per l'allungamento degli internodi; da luglio ad agosto l'accrescimento in lunghezza cessa, secondo la disponibilità idrica ma, in zone a siccità estiva, si può avere una ripresa in tarda estate a seguito delle piogge e interessa le femminelle. Lo sviluppo delle femminelle (fine primavera, inizio estate) avviene con progressione, a partire da gemme pronte formate dai germogli nati in primavera. I cirri, inizialmente erbacei, poi lignificano, sono poco persistenti e dopo un anno, o poco più, si staccano dalla pianta. Cirri e infiorescenze hanno la stessa origine, pertanto sono disposti in posizioni differenti lungo il tralcio: in generale le infiorescenze si sviluppano nei nodi basali o prossimi alla base, mentre i cirri compaiono a partire dall'8º-10º nodo. Sono frequenti organi misti, formati a seguito di impollinazioni irregolari, con piccoli grappoli in parte trasformati in cirri. Le foglie (pampini) sono palmate, con lembo intero o suddiviso da 3 a 5 lobi più o meno profondi, a volte sono 7 o 9; dipende dal vitigno e portinnesto. Il margine è irregolarmente dentato; in genere la pagina superiore è glabra o aracnoidea (peli radi a ragnatela); la pagina inferiore può essere cotonosa. In autunno le foglie perdono la clorofilla, assumendo, secondo il vitigno, una colorazione gialla o rossa. I fiori sono riuniti in infiorescenze a pannocchia, prima erette, poi pendule (grappolo composto). Un grappolo ha un asse principale (rachide), che si ramifica in assi laterali a sua volta ramificati. I fiori sono bisessuali (ermafroditi) ma possono essere maschili o femminili per aborto dei rispettivi organi o per perdita di funzionalità. L'androceo è composto da 5 stami; nei fiori ermafroditi le antere sono disposte all'altezza dello stimma, ma sono rivolte verso l'esterno, perciò l'impollinazione della vite è prevalentemente incrociata. Il gineceo è composto da un ovario contenente 4 ovuli. Il frutto è una bacca, detta acino; il colore varia secondo il vitigno, dal verde al giallo, dal roseo al rosso-viola, dal nero o al nero-bluastro e, l'intensità del colore può variare anche secondo l'illuminazione. La buccia è spesso pruinosa, mentre la forma degli acini è sferica, ellittica, ovoidale, cilindrica o arcuata. La forma del grappolo varia secondo pedo-clima e varietà: cilindrica, conica o piramidale. Il peso è 150-300 grammi nelle uve da vino e 200-500 grammi in quelle da tavola; in alcuni vitigni può pesare fino a 2 kg (Regina dei vigneti e Trebbiano toscano). Densità del grappolo: spargolo (grappolo aperto), con acini radi e liberi che modificano la loro posizione naturale capovolgendo il grappolo; serrato è un grappolo con acini appressati, che mantengono la loro posizione capovolgendo il grappolo, quest'ultimo carattere, se marcato, in certe uve deforma gli acini a causa della pressione. Il grappolo spargolo è tipico delle uve da tavola, mentre il serrato è delle uve da vino. La vite emette i grappoli a partire dal 3º-4º nodo dei germogli primaverili sviluppati da gemme dormienti dell'anno precedente: ogni gemma dormiente contiene, in miniatura, il germoglio preformato con min sei nodi e relative gemme. La differenziazione a fiore avviene scalarmente, da tarda primavera alla primavera successiva, con un arresto in autunno. L'emissione dei grappoli è scalare: inizia da quello basale e prosegue lungo il germoglio a cadenze di 5-6 giorni. La formazione del primo cirro indica il limite sotto il quale si formeranno i grappoli: ad esempio, se il primo cirro si forma presso l'ottavo nodo, il germoglio emetterà al massimo 3-4 grappoli, se invece si forma al 10 nodo si potranno avere 5-6 grappoli. I cirri basali possono formarsi anche dopo, durante l'emissione del grappolo in caso di caduta di fiori. Il fenomeno è detto filatura del grappolo e consiste nella mutazione di una parte del rachide in un viticcio, con formazione di un cirro-grappolo. Se colano tutti i fiori di un grappolo, il rachide secca e non si muta in viticcio. Anche la fioritura avviene scalare, secondo la forma di allevamento: nel sud Italia và da maggio a giugno, nel nord è 2/3 settimane più tardi; fra i vitigni più precoci e quelli più tardivi, nella stessa località, c'è in genere un ritardo di 30 giorni. L'impollinazione avviene all'interno dell'ovario, alla fuoriuscita degli stami, essa è già avvenuta; segue l'allegagione, da fine maggio a metà giugno, in cui avviene cascola fisiologica dei fiori non fecondati (diversa dalla filatura, che precede sempre la fioritura). La colatura è anomala se è eccessiva o insufficiente: la colatura eccessiva forma grappoli eccessivamente spargoli con acini radi; la colatura insufficiente forma grappoli troppo compatti, con difetti di maturazione e bassa qualità degli acini, è un fenomeno grave nei vitigni da tavola, dove son richiesti grappoli spargoli. Dopo l'allegagione, può accadere l'apirenia, mancata formazione dei semi, fisiologica nelle uve apirene (uva sultanina), ma anomala nei vitigni ordinari, compromette il regolare accrescimento dell'acino; l'acinellatura (formazione di acini piccolissi e privi di semi) accompagna l'apirenia e, se eccessiva, forma grappoli assai spargoli, misti di acini regolari e acinelli. Tra metà luglio e metà agosto, aumenta graduale il tenore in zuccheri (2%) e acidi organici (4%) nella polpa, termina l'accrescimento, si riorganizzano i tessuti e vira il colore (invaiatura): scompare la verde clorofilla (risalta il colore degli altri pigmenti, antociani e carotenoidi, le uve bianche virano al giallo, le uve nere al rosso violaceo); perdita di consistenza della polpa; maturazione scalare sovrapposta in parte all'invaiatura. L'epoca di maturazione varia molto da pedoclima e vitigno, così i vitigni di riferimento per uve bianche e nere, da vino o da tavola, sono: Pizzuta, Canina, Zibibbo, Passerina (uvetta piccola come i semi dei sambuchi, ottimo vino), Malvasia romana, Montepulciano, Greco, Moscato, Sangiovese, Trebbiano toscano, Pinot bianco, Chasselas dorato, Barbera, Merlot, Cardinal, Regina, etc. Nella maturazione accade: aumento di zuccheri accumulati glucosio e fruttosio, il primo si riduce mentre aumenta il fruttosio; riduzione dell'acidità totale (malico, tartarico, citrico), con graduale prevalenza dell'acido tartarico; riduzione in peso dei vinaccioli. Nella produzione di uva passa è necessaria l'ultramaturazione. In enologia il succo ottenuto dalla sola polpa è detto mosto, dal resto dell'infruttescenza (raspi, bucce e vinaccioli) è detto succo di vinacce. La vite è pianta eliofila, in estati molto piovose il tenore zuccherino dell'uva si riduce. Nelle regioni settentrionali la maggiore disponibilità di ore di luce compensa in parte la minore radiazione solare, ciò ha permesso l'espansione della vite a latitudini più elevate rispetto a quelle dell'olivo. Come la maggior parte delle piante a riposo vegetativo invernale, la vite europea ha resistenza alle basse temperature in fase di dormienza, mentre diventa molto sensibile nel corso della fase vegetativa. Il legno maturo e le gemme dormienti resistono ad abbassamenti di -20 °C, specie nelle regioni più fredde, dove la pianta entra prima in letargo e risveglia più tardi. Più a sud invece, a fine inverno, sono temibili le gelate tardive primaverili (gelo a -10 -15 °C), soprattutto in regioni più calde dove la ripresa vegetativa è più precoce, esse colpiscono gli organi più sensibili: foglie e germogli giovani, polline, organi fiorali e apici vegetativi. Possono far danni anche le gelate precoci autunnali se colpiscono i tralci non ancora lignificati. Pacciame fatto con aghi di conifere è utile per le piante poste a est, le quali, subiscono gelo e disgelo ricorrente e forte escursione del sole invernale, rischia di farne scoppiare le cellule. Le alte temperature prolungate (sopra 45 °C all'ombra) invece, lessano o disseccano gli acini, e abbattono troppo l'acidità delle uve per vino bianco. La pioggia è nutrimento della vite, specie le piogge tardo-invernali, primaverili (in eccesso aiutano la Peronospora), e leggere estive; la rugiada, in primavera, favorisce le infezioni da peronospora, mentre è benefica nella maturazione poichè agisce sulla traspirazione degli acini; la nebbia è letale sul polline e favorisce gli attacchi del marciume grigio. In estate, una piovosità eccessiva riduce gli zuccheri, aumenta gli acidi e, vicine alla maturazione favoriscono gli attacchi di Botrite, d'altra parte una siccità prolungata può arrestare l'accrescimento degli acini e impedire l'accumulo di zuccheri. Venti forti (bora o maestrale) possono causare traumi ai giovani tralci; le brezze marine possono danneggiare i giovani germogli per l'effetto aerosol; lo scirocco aumenta i danni da stress idrico e ostacola/arresta l'accrescimento o maturazione degli acini. La Vitis labrusca (Vitacee) è pianta arbustiva rampicante, originaria degli USA orientali, dalla costa atlantica fino alle grandi pianure. Come molte viti o ibridi di origine americana non sopporta il terreno calcareo, comune invece nelle vigne europee; suoi ibridi più conosciuti sono: l'uva Isabella (detta Fragola), ipotizzata essere una ibridazione fra la labrusca e la vinifera. L'uva Isabella ha gusto selvatico, Labrusca deriva dal latino e significa selvatico. In Italia esistono varietà di Vitis vinifera a nome Lambrusco, che producono vini di eguale nome. Tali varietà erano note agli antichi italici. UVA FRAGOLA indica varietà di uva, da tavola e da vino, derivate dalla Vitis labrusca di origine nordamericana. Contrariamente alle altre viti americane, labrusca e suoi ibridi sono poco resistenti alla Fillossera, ma molto resistenti alle altre malattie, soprattutto a peronospora ed oidio. Sono piante produttive e resistenti al gelo, introdotte in Italia nel 1825 (fillossera verrà importata mezzo secolo dopo con altre viti americane). Le foglie sono grandi, pelose sotto, opache e poco lobate. I tralci sono lunghi e rossi e i grappoli hanno acini ravvicinati. Tutti i tipi di uva fragola hanno ottimo sapore dolce della polpa, così è usata a frutta, passibile di conservazione per alcuni mesi. Dalla sua vinificazione si ottiene un vino a bassa gradazione alcoolica, gradevole e stabile per almeno un anno. Si raccoglie in ottobre quando il picciolo assume colore rosso e si stacca facilmente dal tralcio; il profumo, simile alla fragola, è molto penetrante. Il Fragolino è un vino rosso, fermo o frizzante, tipico del nord Italia, ottenuto da uve di Vitis labrusca (uva fragola) o suoi ibridi con la europea. Una legge UE, tesa a contrastare la concorrenza al mercato vinicolo europeo, ne ha vietato la vendita e smercio in Europa, relegandolo al solo uso familiare: l'uva fragola bianca è buona per la vinificazione ma come le altre uve fragole, tende a perdere gli acini quando matura; l'Uva Fragola nera precoce matura da fine agosto e si può cogliere fino a fin settembre; si conserva un mese e, a tavola, porta grappoli dall'intenso profumo e poche imperfezioni, dalla sua vinificazione si ottiene un vino bluastro che rende difficile il lavaggio delle superfici metalliche, ha sapore legnoso e inacidisce in breve tempo. In Europa, il fragolino in commercio, è un fermentato alcolico di frutta, addizionato di aromi, naturali o artificiali, al gusto di fragola, con sciroppi e melasse. Il vero fragolino si può acquistare solo nel Burgenland, in Austria, dove il tentativo di vietare l'Uhudler ha causato le proteste di consumatori e produttori, o fuori dall'UE (Svizzera, USA, Australia), dove la coltivazione della Vite europea è climaticamente impossibile, qui l'uva fragola è detta Seksarda o Pierce. Il suo vino, misto o meno con varietà della vite vinifera, come per tutti i vini da v.vinifera europea, risulta più sicuro se fatto fermentare senza bucce, vinaccioli e graspo (metanolo e tannino), infatti, gli scandali di vino al metanolo mai hanno coinvolto i produttori di vino fragolino. Taras ricorda che, nella medicina popolare, fette di pane abbrustolito spalmate di vino casareccio, erano usate su ferite, mentre la linfa della vite, usata come collirio, lenivano le infiammazioni oculari. Il RIBES rosso-red currant (Ribes rubrum, Sassifragacee) è detto uva di volpi, bacche del solstizio in Germania, poichè i grappoletti maturano verso fine giugno; è arbusto perenne a portamento ricadente (alto 1-2 m) che cresce in suoli sassosi, ha rami grigi senza spine e con molte lenticelle, che portano foglie caduche, semplici, palmate a 3/5 lobi. Ribes è pianta molto rustica, vive bene in ambienti con inverni freddi ed estati miti; non chiede innaffi e ama suoli di medio impasto, profondi, subacidi e ricchi di humus, tollera anche i compatti e i calcarei moderati, adattandosi a tutti i suoli senza ristagno. Accetta letame e si propaga con talea di ceppaia, rincalzando le piante madri accestite nell'autunno, e prelevando a primavera i fusti radicati. Teme gelate tardive, ventosità eccessiva durante la fioritura e siccità in estate. La pagina inferiore delle foglie è piena di ghiandole da cui emana il tipico odore. I fiori sono autofertili, molto piccoli, bianco-verdi, riuniti in grappolini penduli e si avvantaggiano dell'impollinazione di imenotteri. I frutti sono bacche sferiche traslucide, di colore variabile secondo la varietà; la polpa è dolce-acidula, con numerosi piccoli semi. La maturazione, in piena estate, dura anche 3 settimane, così io raccolgo a più riprese, poichè i frutti si mantengono a lungo sulla pianta; tutti i Ribes fruttificano sui rami di 1 anno, e poco su quelli corti e inseriti su legno vecchio, così io poto solo per rinnovar vegetazione. Ribes entra in piena produzione al 4° anno e mantiene per 12 anni (80ql/ha). Come tutti i frutti spontanei, è ricco di vitamine; il calcio aiuta la consistenza dei frutti e il potassio la colorazione. Le Ribes rosse possono anche essere surgelate e usate in seguito, non perdono il loro sapore; essiccate nel forno si conservano molto bene, da usare in inverno per farne infusi digestivi. Le ribes fresche, schiacciate con la forchetta, offrono una gelatina dai mille usi, da consumare subito. Il succo aromatizza bevande dissetanti, aperitive e digestive, utile nelle cure di primavera, artrite, reumatismi, dermatosi, e gargarismi per infiammazioni del cavo orale. Anche le Ribes bianche e l'Uva spina, son molto gradevoli fresche, in macedonie, confetture, piatti a base di riso, dolci e salati, carne/pesce, vini aromatici, bevande fermentate. Tutte le Ribes hanno azione diuretica, rinfrescante e lassativa blanda; sono utili ai diabetici, sofferenti di reumatismo, artritismo, gotta, dispepsia e insufficienza epatica. Le Ribes nere (black currant - Ribes nigrum) son rinfrescanti, diuretico-depurative, immunorinforzanti e protettive vascolari. La pianta di ribes nero si differenzia dal rosso per colore, aroma e sapore dei frutti. In alcuni suoli, le bacche nere possono avere sapore e aroma volpino, poco adatte al consumo diretto. La maturazione è identica, in piena estate. JOSTABERRY (Ribes nidigrolaria) o jostine, jograndaè, un ibrido di ribes-nero e uvaspina (Ribes nigrum x Ribes grossularia), selezionato in Olanda un secolo fà: dalla prima specie eredita il fogliame, portamento eretto e assenza di spine, dall’uva-spina prende il colore del fiore, forma e dimensioni del frutto. Vigoroso cespuglio alto fin due metri, ha foglie verdi scure, caduche, che lasciano intravedere i dritti fusti lisci, marrone scuro. Privo di spine rispetto all'uva-spina, e privo di odore rispetto al ribes nero, resiste al freddo invernale e vento, teme invece le gelate tardive che possono compromettere la produzione estiva. Come la maggior parte dei frutti di bosco, anche per la Josta le innaffiature sono utili solo al momento dell'impianto (fino a indipendenza), e in caso di siccità, durante l'ingrossamento dei frutti. Le potature sono semplici: in inverno si dirada la pianta asportando i rami più vecchi e, se necessario, accorciando i più alti vigorosi. Pacciame o compost in inverno gioverà alla crescita successiva e a una migliore produzione estiva. Josta produce squisiti frutti e orna il giardino, come le piante madri, ama terreni subacidi (ph 6.0/6.5), ricchi di sostanza organica, e gradisce il pieno sole solo in contesto fresco, pur tollerando terreni difficili. Fiorisce precoce come l'uva spina, con piccoli fiori ermafroditi impollinati dagli insetti, solitari o riuniti in gruppi di 2/3: la vicinanza di piante di ribes favorisce l'impollinazione incrociata. I frutti sono bacche nere brillanti simili al ribes nero, molto più grossi, con gusti simili alle piante madri, ma con minore acidità rispetto all'uva spina e minore aroma del ribes nero: josta immatura ha gusto di uva spina, via via che matura assomiglia al ribes. La maturazione è scalare e si completa nel mese di luglio, sebbene microclimi locali influenzano in anticipo o ritardo, le joste mature restano attaccate al fusto e cadono solo a maturazione superata. Le piante madri hanno trasmesso anche i contenuti nutrizionali alla Josta, e un maggior contenuto di acido ascorbico e vitamina C, superiore al ribes nero. Josta è ottima quando colta matura e, come tutti i frutti di bosco, è un buon cibo, consumata fresca o usata in confetture, succhi e vini: in America, la Coca Cola company produce una bevande energetica col frutto della Josta. Gli arbusti di UVA-SPINA, gooseberry (Ribes grossularia, sassifragace), detti uva-crispa, uva-marina, uva dei frati, sono originari dei paesi nordici e scandinavi, dove da sempre son chiamati Rips e Ribs (ribes spinosa). Dalle specie spontanee, tutte amanti di climi freddi, i vivaisti hanno ottenuto via via specie incrociate con frutti più grossi, colti sempre in giu-lug, mangiati maturi oppure bevuti in succo nella cura di primavera; le bacche acerbe in alte dosi possono dare fastidi. Gli arbusti di Uvaspina son meno vigorosi del ribes, alti max 1 metro, han rami e branche con spine robuste, lunghe 1 cm. Uvaspina emette nuovi getti che, van legati più volte nella stagione vegetativa; ama suoli di medio impasto, subacidi e umici, ma tollera anche i compatti e moderatamente calcarei. Ha foglie decidue e fiori generalmente autofertili, molto piccoli, verdastri, singoli o a grappoli di 2-3; fiorisce a fine marzo ma, 3-4 gg di freddo a cielo coperto possono ridurne impollinazione. Beve acqua prima della fioritura e in fase d'ingrossamento dei frutti. Quasi tutte le sue cultivar son sensibili allo zolfo, il quale, produce sulla pianta l'arresto della vegetazione e cascola delle foglie. Come per tutti i piccoli frutti, si usa una pacciamatura in impianto, per il contenimento delle infestanti. I suoi frutti, colti in estate, seconda le cultivar, han colore variabile: verde pallido, giallastro, rosato o violetto. La buccia è trasparente, il sapore dolciastro e profumato, carenti di acidità a piena maturazione (ph ottimale 6,5), son come i ribes, ma maturano in giugno-agosto. In fitoterapia si usano foglie, radice, frutti, essiccati lentamente in forno e conservati in vasi ben chiusi; hanno virtù astringenti, aperitive, depurative, digestive, diuretiche, lassative e remineralizzanti (vitamine A, B, C, acidi, glucidi e lipidi), usate nei casi di convalescenza, cure di primavera, diarrea, obesità, sete, stitichezza e scarso appetito. Il Macerato è un metodo di estrazione semplice di princìpi attivi idrosolubili ma termolabili (inattivati dal calore) o volatili (persi per evaporazione), usato su piante medicinali con droghe solubili in acqua fredda; si ottiene immergendo a lungo un erba ben sminuzzata in acqua od altri liquidi, a temperatura ambiente e lasciarla poi riposare in recipiente coperto, per periodi variabili da alcune ore fino a diversi giorni. Prima dell'assunzione, di solito va filtrato con colino o canovaccio; il residuo insolubile della macerazione è detto feccia. Il macerato può essere usato anche a rammollire in acqua una radice molto dura prima di farne un decotto; in questi casi si parla di macerodecozione. Rispetto al decotto e all'infuso, il macerato preserva sostanze sensibili al calore, ma richiede lunghi tempi di preparazione: se la temperatura del solvente è tra 30° e 50°C, si parla di digestione. Un macerato acquoso estrae bene le mucillagini dalle radici di altea (azione protettiva, emolliente, lassativa), e l'arbutina (antisettica) dalle foglie di Uva Ursina (Arctostaphylos uva-ursi, Ericacee), riducendo, rispetto all'infuso, la quantità di tannini estratti (irritanti a livello gastrico), così che l'arbutina agisca solo contro la cistite a livello urinario, curando l'ipertrofia prostatica e la ritenzione urinaria. Uva ursina, detta Ramoliva, Uva-mata, umbriachella, Fackashapuk, è un piccolo arbusto importato dall'Asia, ha fusti striscianti e fusti fioriferi eretti, capace di tappezzare larghe zone del sottobosco e delle località rocciose alpine ed appennine; i suoi fiori sono appetiti dalle api, mentre i frutti farinosi sono ghiotti per gli orsi. La Scuola di Montpellier, nel '600, magnificava tale pianta come diuretico di piccoli calcoli e disinfettante delle vie urinarie. Oggi son confermate le sue virtù antibatteriche e diuretiche delle vie urinarie poichè, il principio attivo (idrochinone), combatte l'adesione dei batteri (Escherichia coli, Streptococcus) alle pareti uroteliali e agevola il loro allontanamento da parte dell'urina. Viene raccomandato l'uso delle sue foglie in tisana e decotto, meglio se associate a gramigna e timo, utile rimedio contro cistiti, uretriti e infiammazioni/infezioni lievi nelle prostatiti. Leggende e romanzi sul Vino (Wine-grape) sono: Inanna ed Enki, Gilgamesh e il delta del fiume Nilo, Iside e Osiride-Horus; Sinuhe/Yah-hè e Noah; Dioniso-Bacco e i Bacchanalia toscani; Scila e gli Sciti.. Raseno, in punto di morte, si sentì un Epicuro (Ἐπίκουρος), un liberato dal vino che citava versi di Lorenzo de Medici e di Omar Khayam, sua ultima esperienza prima di lasciare il corpo. Come il leggendario Epicuro, riunì un ultima volta i suoi amici per condividere il sogno del Therabuti: "se ci siamo noi non c'è la morte, se c’è la morte non ci siamo noi. Morte è privazione di sensazioni e l'anima è un vento caldo (vir, pneuma, num) diffuso in tutto il corpo. Nella morte v'è separazione di tutti gli atomi e cessano le sensazioni." Epicuro in punto di morte, a settantadue anni, entrò in una tinozza di acqua calda, chiese del vino e lo bevve, poi disse agli amici: siate felici e memori del mio pensiero, poi spirò. La filosofia di Epicuro emerse nel Rinascimento toscano, accanto alle altre scuole-accademie finanziate per immaginare un luogo ideale (utopia umanistica o classica) ambientato in un passato romantico e di classe, si pone come maestra di vita, di morale e di fisica atomista. Epicuro, come il Buddha, pone il vuoto atomico a centro della realtà, nella sua etica, il piacere è dato dalla eliminazione del dolore, una volta per tutte, procurando la salute dell'anima non più costretta in affannose ricerche del piacere. Egli propone un quadruplice rimedio (tetrapharmakos) per liberare l'uomo dalle sue quattro paure fondamentali: paura degli Dei e dell'aldilà; paura della morte; mancanza del piacere; paura del dolore. 1) Gli dei sono indifferenti alle vicende umane poichè, nella loro beatitudine e perfezione, non hanno bisogno di occuparsi degli uomini, così, per non contaminare la loro natura divina, non impartiscono premi o castighi. 2) Il male che più ci spaventa, la morte, non è nulla per noi, perché quando ci siamo noi non c'è lei, e quando c'è lei non ci siamo noi. Ci si libera della paura della morte prendendo coscienza del fatto che, quando questa si verifica, il corpo cessa di esistere e, l'anima, cessa anch'essa di provare sensazioni; l'anima è una sostanza corporea composta di sottili energie, atomi molto mobili. 3) Il piacere è facilmente raggiungibile seguendo il calcolo dei bisogni fondamentali da soddisfare, come Laozi dice: ricco è colui che basta a se stesso. Uomo o donna, ricco o povero, ognuno può essere felice; non si è mai troppo vecchi o troppo giovani per essere felici. Sommo bene è il piacere che deriva dalla capacità di sapersi accontentare della propria vita, di godersi ogni momento come se fosse l'ultimo; è grande moderazione, minimalismo: meno si possiede, meno si teme di perdere. 4) Il dolore fisico, se è sopportabile, non offusca la gioia dell'animo; se è acuto, passa presto; se è acutissimo, conduce presto alla morte, la quale è assoluta insensibilità. I mali dell'anima sono prodotti da opinioni fallaci ed errori della mente, contro i quali ci sono filosofia e saggezza. La filosofia può diventare strumento, mezzo teorico e pratico, per raggiungere la felicità liberandosi da ogni passione irrequieta. La felicità è l'assenza di paure e timori che sabotano l'esistenza. Il male deriva dai desideri che, se inappagati, generano insoddisfazione e dolore; questi possono essere artificiali e naturali. I bisogni indotti (gloria, ricchezze), non hanno limite e quindi non potranno mai essere soddisfatti. I bisogni naturali non necessari (es. bere vino per dissetarsi) dipendono dalla stagione. I bisogni naturali e necessari (es. bere acqua per dissetarsi) soddisfano interamente poichè, se soddisfatti, procurano eudemonia (star insieme a un buon demone, serenità). Ogni uomo stabilisce quali siano per lui i bisogni naturali da soddisfare: Cesare poteva digiunare senza problemi mentre riteneva naturale e necessario soddisfare il suo desiderio di gloria. Ogni amicizia è desiderabile di per sé anche se ha avuto il suo inizio dall'utilità; essa è reciproca solidarietà tra coloro che cercano insieme la serena felicità; l'amicizia corre in terra annunziando a tutti noi di destarci per darci gioia l'un con l'altro. L'amicizia può sostituire l'affanno della politica e i rapporti sociali, poichè l'uomo, è un cittadino ma anche un animale eremita, contento di vivere appartato: vivi nascosto λάθε βιώσας, lathe biosas. Epicurei toscani (italici in genere), come i daoisti, valorizzano l'eremitaggio, una vita serena e ritirata, nel rispetto per gli animali e una dieta frugale a base di frutti spontanei, acqua, formaggio, pane, e, se ci sono, uova (o pollame) e vino rustico. Omar Khayam è il poeta del Rub'iyyat, il poema tradotto come, Il vino del Mistico: Io non sono cristiano, nè giudeo, nè musulmano, io non vengo dall'est nè dal west. Il mio spirito divino è fuori, giorno e notte, a causa del mio cuore pervaso ed ubriaco del mio amato, io danzo nel suo vino.. Io venni al mondo, e non sò il perchè, io solo conosco il santo Vino del balchè, il sacro Vino delle foreste. Il Giardino Therabuti fu edificato presso un germoglio, un tralcio, così, io ho agito in nome del Vino e fui libero da ogni colpa.. Dio mai si arrabbia, egli posa in me tutte le azioni che feci. Ciò che vedo è nulla, ciò che ascolto è nulla, perchè tanta brama di apprendere o esplorare il futuro? sii leggiadro e bevi! nessuno ha chiesto il tuo parere per fare il mondo! Io non so da dove vengo ma mi sento felice ovunque, io non so dove vado così mantengo vuoto il mio bicchiere, poichè il mondo è una favola, un sogno, la vita passa come il vento, una stagione di primavera e poi, con la cenere delle nostre ossa faranno nuove giare, nuove botti per altro vino a venire! Non c'è la verità, solo molti bicchieri per mondi filtrati, relativi, soggettivi. Me, tu e gli altri, siamo tutti concetti, manca il soggetto, nessun ego, nessun mondo. La strategia di etichettare (nominare) le cose, può solo creare categorie artificiali ad uso e consumo umano.. La Poesia esplora le sensazioni, le nomina per me, così l'artista è un creatore, un amante, un permacultore, vasaio, tessitore e sciamano, poiché il suo lavoro evoca e rivela la passione entro e fuori di lui. Educare significa e-duscere, tirar fuori da dentro. L'uomo non è un vaso da riempire, ma fuoco da suscitare; l'anima ha bisogno di relazionare e comunicare, per svilupparsi in autonomia. Se perdendo tal cosa o persona, ciò mi sconvolge, significa che ne ero dipendente; che importa quanto potente sia l'uomo che temi se il male massimo che ti può cagionare te lo può cagionare chiunque? siate coraggiosi, siate fiduciosi, siate il Terabuti! 07.䷆ UVE E VINI

08.䷇ 父 THERABUTI storia - 父 fù (father, rad.88)
click


09.䷈ ERBE POPOLARI / popular herbs 田 tián (field, rad.102)

Emilia, al simposio serale, narra di fiori e rituali estivi attornò al falò: in molti luoghi le persone usano raccogliere 9 o più erbe/fiori (artemisia, iperico, camomilla, rosa, salvia, rosmarino, foglie di noce) che, messi a macerare la notte del 23-24 Giugno sul davanzale di una finestra, formano acque profumate dette di Colonia o sanGiovanni. Tali acque sono poi usate per docce o impacchi, per lenire diversi dolori, morsi delle tarantole, e aiutare il risveglio dei sensi: Pamela, prima di andare a letto, con essa ungeva le articolazioni contratte dei suoi bimbi (knee, ankle, navel), al fine di rilasciare la tensione oppure l'indigestione. Un olio balsamo, insetticida e fungicida per corpi malati è per esempio anche l'olio di Damiana. Esso stimola i nervi, è antidepressivo e tonico sessuale. La produzione mondiale degli oli ossenziali, usati per aromi, alimenti, bevande, profumi e cosmetici, è 45 mila tonnellate, Cina India e Brasile i produttori in testa; tale commercio è oggi in mano a poche multinazionali: in Italia il 70% delle aziende bio è al sud e le aziende di trasformazione al nord. La famiglia dell'Artemisia-mugwort (Artemisia vulgaris, annua), sacra ovunque nel mondo per il suo potere purificante, in Cina è usata dagli agopuntori per fare la moxibustione, mentre in tutta Eurasia è usata come incenso a rimuovere influenze negative e proteggere coloro che la indossano (funzione preventiva): si brucia nelle cerimonie di cura e, posta in ghirlanda con l'iperico, funge da talismano. Vicino l'orto sta una pianta di Senecio (Senecio vulneraria, vulgaris, asteracee), detta erba della tortora, erba-cardellina, Verzellina, Solliccione, Senecione, erba invadente degli orti appena lavorati, seminata dal vento come la Mercorella e la Borsa-pastore; assieme al rosolaccio, il senecione è presente nei campi di grano al tempo della mietitura, mentre nei boschi e foreste si associa alle fragole selvatiche, la ginestra, lungo i tagli fatti come tagliafuoco. In cima il Senecione forma un ciuffo simile alla testa canuta di un vecchio, con capelli fragili, leggeri e scompigliati (da cui il nome senex) e il ciuffo bianco dell'Airone maggiore (erigeron, vecchio primaverile). Una specie perenne è il Senecio Jacobaea (Erba-di-sanGiacomo), varietà che fiorisce attorno al 25 luglio giorno di Santiago e, come l'altro annuale, di entrambe si usa il succo, le foglie e la pianta intera fiorita, prima dello sbocciare dei capolini, per curare tosse, indigestione, nervosismo, emorroidi, diarrea, angina, punture, mal-di-montagna, ma sopratutto per calmare il dolore mestruale e ristabilirne il ciclo: a dosi elevate è cmq pericoloso. Cineraria è altro nome comune del Senecio, che esiste in centinaia di specie: cruenta, maritima.. Cineraria maritima (Senecio Cineraria), detto anche Jacobaea maritima, è pianta sempreverde, arbustiva alta dai 3 ai 10 decimetri, con fusti cespugliosi robusti, decorativa: ha fiori dai colori vivaci, giallo-dorati, blu, bianchi, viola, rossi, raggruppati in infiorescenze a capolino, fiorenti da maggio ad agosto. Le sue foglie sono grasse e coriacee, picciolate e diversamente incise a seconda che siano basali o apicali; il colore è bianco nella pagina inferiore e cenerino-farinoso in quella superiore. È specie diffusa in tutta l'Europa meridionale, nord Africa, Turchia e naturalizzata in nord America. In Italia frequenta molto le coste tirreniche e le isole maggiori, esposizione in pieno sole, terreni ben drenati, sabbiosi o pietrosi, e tollera bene siccità e salinità. Una pianta spesso confusa con la cineraria è il Piretro (Tanacetum cinerarifolium) della Dalmazia, della stessa famiglia delle Asteracee. Pianta erbacea perenne, cespugliosa, pelosa, con foglie lobate e fiori raccolti in capolini solitari con disco giallo e ligule bianche; dai capolini, raccolti appena schiusi, fatti essiccare all'ombra e macinati, si ottiene una polvere giallo-verdognola detta piretro, dall'alto potere insetticida in quanto contenente le piretrine, molecole che agiscono sul sistema nervoso degli insetti, sia nello stadio adulto che larvale. L'infuso di CAMOMILLA (Chamomilla matricaria) è il primo infuso con cui si viene a conoscenza da bambini, nonne o mamme lo somministrano ai piccoli prima di dormire o in caso di piccoli disturbi come il mal di testa o il mal di pancia. Coltivare camomilla nel proprio giardino o in vaso permette di avere fiori freschi o secchi, seccati al sole e conservati a lungo in contenitori ermetici. Quantità: un cucchiaio di capolini freschi o un cucchiaino di capolini secchi per tazza. Matricaria dal latino matrix (utero), richiama anche il potere calmante nei disturbi mestruali. Il greco chamàimēlon o lo spagnolo manzanilla, significano mela (manzana) di terra, per l'odor simile alla mela Renetta. Ha fiori a capolini con ricettacolo conico e cavo, contenente: azulene e acido salicilico. Camomilla romana (anthemis nobilis) è l'altra specie, coltivata nei prati davanti Buckingham palace per alleviare i problemi respiratori. Entrambe son digestive, sedative e lenitive, ma la camomilla comune è magica sui bambini alla prima dentizione, specie se stizzosi: una tisana calda di matricaria rimedia al mal di denti, mal d'orecchi, mal di gola (gargarismi), lievi imbarazzi di stomaco, febbre leggera e convulsioni infantili se messa nell'acqua del bagno. In omeopatia è usata per problemi di dentizione, sindrome premestruale e malattie infantili (otiti, coliche e problemi comportamentali). Svolge azione calmante su bimbi ed adulti colti da improvvisi accessi di collera e, bevuta regolarmente, elimina i ronzii. La tisana di camomilla romana è potente calmante per nervi scossi e un ottimo digestivo se presa prima di andare a dormire (spasmolitica dei crampi intestinali di soggetti nervosi): "un decotto di Camomilla calma qualsiasi dolore o fitta ai fianchi", diceva Culpeper (come il cortisone, calma nevralgie di sciatica, trigemino lombaggine e torcicollo), e messa nell'acqua del bagno, elimina la stanchezza e dona sollievo ai muscoli in tensione e reumatismi. La romana è specie rustica che si adatta a terreni poveri, io la semino a primavera, in vaso o aiuole d'orto con sabbia, si dissemina da sè; è medico per le altre piante, cioè aiuta la buona salute di altri fiori a lei vicini. Ama il sole, la innaffio fino a raccolta capolini a inizio fioritura (giugno). Fò passar fra le dita gli steli della pianta per cogliere i fiori, che han perso i petali. Essicco i capolini su strati sottili all'ombra; conservo poi in recipienti vetro a riparo da luce ed umidità, da usare in infusi sedativi e antidolorifici (un cucchiaio di fiori in tazza bollente, 10 min), nebulizzazioni, impacchi, colliri, collutori (assieme alla malva), clisteri, vini aromatici tonici, antispasmodici, diaforetici e digestivi. Taras usa Camomilla calda per giunture, eczemi e irritazioni, mentre, la usa fredda per contusioni, ecco una ricetta popolare del '600: 3/4 litri di Olio e 90gr di Camomilla essiccati un giorno, dopo raccolta, chiudi ermeticamente in vetro e lascia esposto 40 gg ai raggi di sole. L'infuso raffreddato, usato regolarmente dopo lo shampoo, 1/2 volte a settimana, schiarisce i capelli biondi che con il tempo tendono al castano, nutre i capelli e cuoio capelluto. Le sue tisane espellono i gas intestinali in eccesso, leniscono e detergono pelli e mucose arrossate e decongestionano gli occhi (bagni oculari). CALENDULA officinalis (fiorrancio) fiorisce da maggio all'autunno, a patto che i capolini seccati vengono via via recisi, lasciandone pochi a maturar semi. Coltivabile in giardino o nell'orto, ha petali e foglie utili in cucina, per condire pasta e risotti, arricchire frittate, minestroni, insalate e zuppe. I petali essiccati di Fiorrancio (fiori non anneriti), ridotti in polvere, sono utili per disinfettare piccole ferite, morsi d'insetti e ulcere purulente di bocca, ano e vagina. Lo stesso fà l'Arnica montana, in infuso, clistere o spolverata di polvere, combatte carbonchio e catarro digestivo. Fiori e foglie fresche di Calendula, un cucchiaio per tazza, offrono infusi utili contro raffreddore e tosse. Taras usa tutta la parte aerea della pianta per aiutare i nevropatici: il suo infuso di Fiorrancio (50 g di fiori e foglie) agisce come antispasmo, sudorifero, regolatore del ciclo mestruale, ipotensore e vasodilatatrice. Calendula ha ottime proprietà anti-batteriche, fungine, virali, parassitarie e antitumorali. Potenzia il sistema immunitario e sfiamma le nevralgie gastriche, ulcere, spasmi, tumefazioni ghiandolari, itterizia e anemia: La Tintura di Calendula, diluta a 1:25 (garza imbevuta, vedi arnica), è ottimo rimedio per tagli, ustioni, ascessi, piaghe, ferite aperte, escoriazioni, eczemi, scottature solari, sciacquare la bocca o fermare le emorragie di umani, animali ed uccellini. Sebbene ha sapore sgradevole, sempre diluita, può fermare l'herpes labiale allo stato di pizzicore iniziale. Calendula, Iperico e Ledum, favoriscono tutte una sana granulazione e guarigione senza infezioni, ma per ferite infette o sporche, Calendula agisce troppo rapidamente, meglio usare la più lenta Tintura di IPERICO (hypericum perforatum). Pianta magica cacciadiavoli i cui ramoscelli, il 24 giugno, venivano gettatri nei falò accesi al calar della sera per purificarsi dai propri turbamenti. L'infuso dei fiori d'Iperico cura i catarri di polmoni e vescica (cacciadiavoli), mentre, per uso esterno, permette di curare scottature e infiammaz, al pari delle sue cime fiorite macerate in olio. La Tintura di Iperico, opportunamente diluita (1:25 o cucchiaino in mezzo litro d'acqua) e usata tempestivamente, aiuta a prevenire il trisma tetanico (contrazione spastica della mascella causata da tossine del tetano); La sua azione, meno rapida della Calendula, è preferibile nelle ferite molto profonde e molto infette: ha dato risultati in casi di ulcere putrescenti alle gambe che sembravano inguaribili. Garze intrise di tintura diluta, son consigliate in casi di giradito, escoriazionii infette, tagli profondi, ascessi, foruncoli e pericolose punture d'insetti. Iperico fu uno dei rimedi più efficaci per le ferite profonde o provocate da armi avvelenate, assorbe i gonfiori, richiude i lembi e rafforza le parti fiacche. Come infuso o in gocce omeopatiche, aiuta a riprendersi dopo un shock (antidepressivo), giova nei lievi disturbi dell'urinario e in caso di tosse e raffreddore (espettorante). Taras consiglia a coloro che spesso durante la notte si svegliano, in preda a dolorosi crampi ai piedi o gambe, di tenere a portata di mano un vasetto di unguento a base di Arnica montana (Asteraceae). Erba medicinale usata nella cura a lungo termine di traumi, contusioni, strappi, lividi, distorsioni, geloni, artrite e dolori influenzali. Alcuni maratoneti la applicano prima della gara per prevenire dolori e rigidità muscolare, allevia il dolore e attenua il gonfiore in modo efficace, se usata in forma liquida. La tintura di arnica è troppo forte, agisce meglio se diluita (1:25 o un cucchiaino in mezzo litro di acqua fredda), ottima anche contro foruncoli, acne e punture d'insetti. Chiamata “tabacco di montagna”, le sue foglie essicate venivano usate come tabacco da fiuto. Per i dolorori articolari è una panacea, ma non va ingerita, perché è velenosa. Relativamente rara in Italia, cresce in terreni poveri e silicei (substrato acido), in zone montane (500-2.500 metri s.l.m), ha fusto eretto alto 20-60 cm, gran fiori giallo-arancio con petali spettinati e gradevole odore aromatico, rizoma, fiori e radici, son le sue parti usate. Anthyllis vulneraria, detta trifoglio vulnerario per la somiglianza delle foglie, nel Medioevo fu un erba miracolosa pur colta la notte di S.Giovanni, capace di accelerare la guarigione delle ferite e proteggere dal malocchio, persone e bestiame. Il nome antillis, significa fiore peloso, flanoso, capace di cicatrizzare le ferite (vulnus in latino). Sua tisana è leggera lassativa ma, in uso esterno, lenisce piaghe, ascessi, piccole ulcere purulente, eczemi e disinfetta il cavo orofaringeo. L'erba RUTA (ruta graveolens) detta l'erba contro la paura, si metteva in tasca quando si dovevano affrontare situazioni di paura e le case in cui cresceva, eran privilegiate. Ruta è un altra delle erbe amare prese nella Pasqua ebraica: risolleva lo spirito e acuisce l'intelletto preservando la castità, assieme alla menta elimina alito cattivo. La riproduco per seme in vaso, talea di rametti semilegnosi o division di cespi. Colgo le foglie avan fiori sbocciati e le uso fresche o essiccate. Foglie fresche sminuzzate uso, con moderazione, a insaporire di piccante: due fette di pane imburrato, insalate, carni-pesci, oli, aceti aromatici e grappe. Ha virtù emmenagoghe, sedative, digestive, vermifughe e in dosi alte, abortive: la grappa di Ruta, preparata immergendo un ramoscello di ruta nella grappa, ha potente azione abortiva. Sua virtù primaria è alleviare il dolore di distorsioni o strappo dei legamenti di giunture ed ossa: compresse fredde fatte con Tintura di Ruta diluita, applicate su ginocchia e polsi stirati, o stinchi colpiti da una botta, calmano presto il dolore, così l'unguento cura geloni e infiammazioni dolorose dell'alluce. Dosi omeopatiche di Ruta 6, agiscono bene sugli occhi affaticati e mal di testa frontale, neutralizzabile pure, masticando lentamente una foglia. Foglie triturate applico su punture di ape e mescolo al mangime per pollame, a curare la laringite difterica. La rutina (di Ruta e Grano saraceno) infine, è utile a rafforzare i capillari e a ridurre la pressione sanguigna. Le foglie dell’erba Ruta furono usate per fare infusi (1 gr. a tazzina bollente) a calmare attacchi isterici o dolorosi; per lavaggi, in casi di glaucoma, riniti croniche e catarro: un batuffolo di ovatta impregnato, lasciato nelle narici per tre giorni. Foglie di Ruta, Nocciolo e Menta, strofinate sulla pelle, tenevano lontani i tafani. ISSOPO (hyssopus officinalis) e Rosmarino attirano la cavolaia e, assieme a Ruta, incrementano la Vite. L'Issopo è pianta aromatica, vermifuga, antipidocchi, antibiotica e sedativa: il suo infuso è usato a sedare crisi d'asma; il suo sapore di menta viene sfruttato come aromatizzante dell'acqua di Colonia e del liquore Chartreuse. Recita la Scuola di Salerno: Purga l’Issopo dalle flemme il petto; Ruta giova agli occhi e fa la vista acuta; Avvolgi gli amari in foglie di Lattuga; Iperico scaccia diavoli ed ustioni. AGRIMONIA eupatoria (dal greco árgemon: leucoma dell'occhio, ed eupatoria: attiva sul fegato) è pianta erbacea perenne, alta da 30 a 70 cm; ha un piccolo rizoma da cui nasce un fusto eretto vellutato privo di foglie in alto; è diffusa in suoli argillosi e zone aperte, secche e soleggiate del globo. Spesso viene confusa con la Verbena ma, agrimonia ha foglie grigiastre dal margine seghettato e, alla base della pianta, due foglioline di forma diversa (stipole) avvolgono il fusto. L'infiorescenza è composta da molti piccoli fiori gialli, ognuno ha un calice a tubo e corolla con cinque petali gialli. Il frutto, grazie a uncini, si attacca al pelo degli animali che passano vicino, favorendone la disseminazione. In passato Agrimonia era molto usata a combattere le malattie del fegato, della vista, della perdita di memoria e il veleno dei serpenti: foglie e sommità fiorite, colte a inizio fioritura (giu-ott) ed essiccate in luogo ventilato e buio, sono usate a stimolare il flusso biliare, depurare e decongestionare le enteriti catarrali. Infuso e decotto di Agrimonia sono usati a combattere le emorragie, la diarrea, disturbi epatici e delle vie urinarie, reumatismi, artrite e diabete: in nord Europa l'infuso di sommità fiorite e foglie è un comune tè stimolante, leggermente amarognolo, che può sostituire il caffè mattutino, specie per i diabetici, 30 g di fiori-foglie in un litro di acqua bollente per 10 min, bere tre tazze al giorno. Erba amara, ricca di tannino, resine e acido salicilico, leggermente astringente, tonica, diuretica, antinfiammatoria, antiemorragica, migliora le funzioni epatiche e della bile. Per uso interno è anche usata contro le affezioni renali, coliti, dispepsia, allergie alimentari, diarrea, calcoli biliari, cistite e reumatismi. Per uso esterno è ottima nel caso di prurito e come decongestionante, per le dermatiti, l'acne, eruzioni cutanee, piccole lesioni e molte malattie della pelle, grazie all'acido ursolico, attivo come il cortisone: compresse con suo decotto sono ottime nel caso di lussazioni, distorsioni ed emorroidi. Sempre in uso esterno, si usa contro la congiuntivite e le infiammazioni di gola, bocca e naso: cantanti e attori la reputano ottima per evitare la raucedine e rendere la voce più limpida. I suoi fiori erano usati a tingere i capelli di giallo vivo. Tra i Fiore di Bach Agrimony (AGR) è definita il fiore della maschera sociale, il soggetto AGR appare sempre allegro e gioviale, nonostante i problemi, conflitti interiori, ansia, inquietudine o stanchezza psicofisica: i suoi Fiori aiutano coloro che sono ipersensibili alle influenze esterne e alle idee altrui. Agrimonia è ansiolitica, aiuta a ritrovare autonomia di pace, specie se si è disposti a rinunciare a molte cose pur di evitare liti e discussioni disarmoniche. La persona AGR teme la propria ombra che, in circostanze rituali e seguendo un istinto incontrollabile, accetta di esplorare a capofitto, per osservarsi ed accettarsi tutto in una volta. Bach, nel primo inverno dopo la sua scoperta, scrisse: "L'esistenza di gravi problemi personali e l'apparente gioia di vivere suggerivano una terapia con fiori di Agrimony.. le vennero somministrati in dosi frequenti e, nel giro di trenta minuti dalla prima dose, la paziente si addormentò per tre ore; poi le fu somministrata una seconda dose e dormì per altre sette ore; il secondo giorno si notò un notevole miglioramento; il terzo era in giro per casa e il quarto giorno le sue condizioni erano decisamente migliori. In Abruzzo, l'infuso o decotto di foglie e fiori Verbena officinalis (verbenacee), è usato per anemie, coliche epatiche, analgesico, antiemetico e antidiarroico; Verbena è pianta spesso confusa con l'Agrimonia, dunque tonica, amara, digestiva, deostruente splenico-biliare: cura i calcoli, è spasmolitica, drenante, antinfiammatoria, analgesica, diuretica, antidolorifica, tonica, vermifuga, febbrifuga. Usata con infusi, decotti o impacchi esterni, la dose consigliata è un cucchiaio di erba in una tazza di acqua bollente, 2-3-volte al di. Tra le molteplici proprietà medicinali, è tranquillante di problemi nervosi e insonnia, a lungo considerata una valida alleata di poeti e scrittori, anche per gli indiani Pawnee, che la usano a migliorare i loro sogni. Verbena, detta pure erba-turca ed erba-sacra, è pianta biennale che sembra fatta col fil di ferro: rametti rigidi e sottili, fusto ruvido e angoloso, piccoli fiori senza profumo. Alcune specie di verbena crescono in vaso sotto sole; in inverno la pianta va tenuta in luoghi chiusi o riparati dal freddo, ma luminosi. Teme pioggia forte e gelo. Si moltiplica per talea (in estate) o semina in primavera. Ama suolo ricco di humus e drenato, per preservare le radici. Infuso di Verbena amara (Verbena litoralis), ad azione tonica e antibiotica, è rimedio popolare per fermare la diarrea, e cataplasma contro dolori al fegato. Verbena silvestre (Scoparia dulcis) è valorizzata dai Misquito, come panacea antibiotica e sfiammante. L'infuso e decotto di foglie o pianta intera, cura disordini e malesseri digestivi, respiratori, mestruali e del parto, dolori cardiaci e morsi di serpente; 2/3 tazze al dì son prese come diuretico, ricostituente (escluso in gestazione), ipotensivo, cardiotonico, antivirale, antiherpes e anticancro (acido scopadulcico B), con azione citotossica selettiva sui diversi tumori al cervello e dei melanomi. LIPPIA citriodora (Verbenaceae), detta Limoncina o Verbena odorosa, è arbusto donato dagli Atacami e dai Mapuche del Cile, e importato in Europa dagli Spagnoli per l'industria profumi. In primavera taglio steli nel punto dove nasce nuova vegetazione. Colgo le foglie in estate quan fiorisce, fò essiccar all'ombra e serbo in vaso vetro, manterranno profumo per anni. Le foglie fresche o essiccate (antinevralgiche, neurotoniche, stimolanti) uso in infusi o liquori d’erbe, insaporiscono olio, aceto, macedonie, gelati e marmellate, ma un uso prolungato e regolare può dar indigestione o mal di pancia. I Mapuche/Araucani del Cile centrale, sono popoli nomadi che vivono a cavallo delle Ande cileno-argentine, il loro nome significa gente della Terra; fieri spiriti liberi, mai subirono la sottomissione degli Incas prima e degli Spagnoli poi, passando alla storia per la guerra di resistenza più lunga in assoluto, tre secoli di alti e bassi, un testa a testa con spagnoli, che culminò alla fine, con la fusione del loro stato nella moderna Repubblica dle Cile. La LAVANDA-lavander (Lavandula angustifolia, officinalis) può essere facilmente coltivata in vaso o raccolta nelle zone in cui cresce spontanea; si moltiplica per talea, ha bisogno di sole e terreno drenato; la poto a inizi autunno o primavera, dopo la fioritura (giu-set). Le spighe di fiori Lavanda vengono colte a fin'estate e lasciati essiccare. In cucina, i fiori profumano dolci e biscotti e le foglie l'agnello arrosto. La tisana di fiori di lavanda cura stati ansiosi, mal di testa, flatulenza, nausea, capogiri e alitosi (antisettico, antispasmodico, sedativo): un cucchiaino di fiori secchi per tazza reca un infuso dalle proprietà calmanti e rilassanti; l'infuso concentrato fu usato per tifo e difterite, pneumo e streptococchi, irrigazioni vaginali e cura della leucorrea. Lavanda ha effetto antiparassita su tarme e topi: poni sacchetti con fiori secchi in cassetti e armadi con vestiti e sotto i tappeti di lana. Un tempo era usata contro i morsi di serpente, strofinata sulle ferite dopo averla lasciata macerare in acqua; sebbene antidoto, si pensava che all'interno dei suoi cespugli i serpenti facessero il nido, quindi i popoli le si avvicinavano con rispetto e cautela. I suoi fiori essiccati profumano ambienti, saune e biancheria in armadi; le inalazioni curano tosse e freddure mentre una goccia del suo olio concilia il sonno di adulti e bimbi; nel linguaggio dei fiori Lavanda indica prudenza e gioia: il tuo ricordo è la mia unica felicità. Il profumo della MAGGIORANA (Marjoram, origanum majorana) è più dolce e speziato dell’origano, che è invece più fresco e pungente; le sue radici sono molto superficiali quindi la pianta può essere divelta con facilità; ciò ha evocato il simbolo dell'asceta che, pur essendo radicato nella terra il tanto necessario, è rivolto alle cose spirituali. Nel linguaggio dei fiori maggiorana ha ispirato il simbolo della bontà, conforto e idillio campestre. Pianta perenne con fusti eretti, è originaria di zone desertiche e ha fior viola-rosei riuniti in dense pannocchie. Propago per semina (in primavera) o division di cespi (dopo fioritura). Colgo foglie e spighe a inizio fioritura, poi essicco in ombra. In cucina aromatizza funghi, legumi, salse, insalate di pomodori, carni in umido e vini di erbe. Il suo infuso ha virtù sedative generale (l'essenza distillata è sedativa più volenta fino ad atonia e sonnolenza), antispasmodiche, tonico-stimolanti, digestive e diaforetiche. Per uso esterno è adatta a bagni-schiuma, saponi e frizioni antireumatiche. BASILICO (ocymum basilicum) è pianta dell'Asia tropicale, dona foglie ed apici fiorali per tutta l'estate, utili freschi, essiccati, o conservati sott'olio o in sacchetti di plastica nel congelatore. Dà sapor ad insalate, sughi, minestre, formaggi, pizze e pesto alla genovese. Ha virtù tipiche delle labiate e il succo delle foglie, strofinato sulla pelle, allontana le zanzare ed è emolliente per le spine. Tulsi (ocimum sanctum) è la varietà indiana valutata come antistress, analgesica e sedativa del snc, antipiretica, antibatterica, anti-ulcerosa, anti-tumorale, immuno-oncogena e radioprotettiva. Tisane di basilico, camomilla e melissa contrastano le cefalee: d'estate tagliare di continuo le cime del Basilico, previene che vadano presto in seme. Pamela semina SALVIA officinalis a inizio primavera (20°C), i semi germinano dopo 1-2 settimane ma le piantine tendono appassire se il suolo è troppo umido. Così moltiplica per propaggine o talea, che preleva dopo fioritura. Salvia ama il sole, suolo acido e drenato, cresce bene anche in vaso se potata per regolarne la crescita; nelle varie lingue italiche è detta Erba-sacra, Erba-savia, Tè di Grecia, Selvia, salvatrix, ed è da sempre usate per aromatizzare vivande, proteggere indumenti dalle tarme negli armadi, vincere malesseri, igiene orale, cura di bellezza, lenire punture, nervosismi, disturbi femminili, astenia, diabete, gengive, parto, piedi, frigidità, capelli, eccetera, evitando il contatto con il ferro. Il suo profumo intenso e il suo gusto sono efficaci per curare stati di malinconia e calmare le crisi di asma, senza tuttavia abusare: salvia ha le stesse sostanze tossiche dell'assenzio, così è poco indicata ai temperamenti sanguigni, ipertesi, donne in allattamento. Emilia raccoglie foglie e sommità fiorite, fresche o essicca all'ombra, ne fa un infuso gradevole per togliere il singhiozzo: un infuso di cinque/sei foglie fresche per tazza, bevuto regolarmente, è digestivo e migliora la memoria. Emilia dice: se molto vuoi campare, a maggio salvia devi mangiare. Foglie di salvia sono usate a condire cibi molto grassi come anatra od oca; masticate crude sbiancano i denti, e sono utili in gargarismi per mal di gola o sciacqui per ulcere alla bocca. Nella cura delle ferite Emilia usa foglie di salvia, verbasco e altre erbe tritate con pietre, al fine di rilasciare le virtù cicatrizzanti ed emostatiche (tannini e saponine) e antisettiche (oli essenziali). Deodoroante alla salvia: 2 cucchiai di foglie secche infuse in litro bollente per 5 minuti, usare per fare lavaggi di ascelle e altre parti. Le foglie essiccate di salvia sostituivano il tabacco nell'alleviar le sofferenze di vivi e defunti; hanno virtù colagoghe, espettoranti, tonico-stimolanti, antisettiche; aiutano la digestione, puliscono i denti e aromatizzano i cibi: condire pasta al burro, preparar sughi, carni arrosto e in umido, pesci, legumi, oli e aceti aromatici. La Salvia Sclarea ha foglie più grandi, ovali a cuore, rugose e pelose, con nervature sporgenti; fiori bianchi tinti di rosa/blu (mag-set) raccolti in spighe vischiose emananti un tipico profumo di muschio. Sclarea cresce su colline aride, ma è coltivata su scala industriale per estrarne l'essenza; valida come la officinalis, ma in dosi un pò superiori, è priva di tossicità, percui in fitoterapia è usata molto come emmenagogo, stimolante, contro l'affaticamento (convalescenza) e contro vomito e pertosse; altre virtù riconosciute sono come antisudorifero, antispasmo, detergente. I suoi semi (ricchi di mucillagini) si usano per eliminare corpi estranei dagli occhi: applicati sotto le palpebre, si gonfiano, e fanno lacrimare l'occhio che trascina via il corpo estraneo. Le sue folgie e sommità fiorite si conservano come la officinalis: dentro barattoli ermetici, fino a 3 anni. Così pure il ROSMARINO (Rosmarinus officinalis), detto Ramerino, Rugiada-di-mare, Rosamarina, per il color celeste dei fiori, è pianta vivace e penetrante che, piantata presso casa è di buon auspicio, sostiene l'amicizia, rimebranza e felicità: il suo odore d'incenso canforato agisce sul sistema nervoso, stimola gli astenici, rinfranca la memoria debole e ridona fiducia dei depressi. Se il suo cespuglio si lascia potare nelle forme desiderate, le sue parti entrano nella composizione dell'acqua di giovinezza della regina Isabella d'Ungheria, assiemea lavanda e menta pulegio. Intrecciar rametti di alloro e rosmarino nei capelli aiuta negli esami: in Inghilterra si porta in tasca per favorire ogni impresa. Foglie fresche (o essicate) messe in olio di oliva donano un unguento che, strofinato sulla pelle, allevia il dolore muscolo-scheletrico (antireumatico), la fatica, l'asma, emicranie, nervosismo, depressione, diarrea, frigidità, impotenza, rughe e torcicollo, combatte pidocchi, contrasta la caduta dei capelli (macerato in aceto assieme ad ortica), aiuta il cuore, fegato, denti, pelle e sonno. Rosmarino sà insaporire pollame, pesci, minestre, focacce, oli e aceti aromatici; ha virtù aperitive, digestive, tonico-stimolanti, antisettiche (gli arabi cospargevano il cordone ombelicale di cuccioli e bimbi, con polvere di foglie essiccate), Bagni e pediluvi di Rosmarino sono calmanti e tonici per piedi doloranti e capelli opachi e stanchi; Un leggero infuso lenisce il mal di testa, calma e rafforza la memoria. Pamela pone sotto i cuscini dei bimbi anche un ramo di TIMO 百里香 BaiLiXiang (Thymus vulgaris, 350 specie), a facilitar il sonno e tener lontano gli incubi, giacchè è fonte di coraggio (come serpillo, melissa e mirto), diligenza e pazienza. Timo possiede tutte le virtù del Serpillo, ma con azione più efficace, l'elenco delle sue virtù è lungo, ma bisogna saper controllare le dosi e la durata della cura. Timo contiene sostanze molto energetiche, tra cui due fenoli: timolo è antisettico, antispasmo e vermifugo, per uso interno ed esterno (contro varroa e imbalsamazione); carvacrolo, antisettico usato in profumeria. Le foglie de timo possono ingiallire a causa dei nematodi presenti nella radice; frequente è anche la ruggine del timo (Aecidium thymi) che genera macchie arancioni su foglie e picciolo, o l'attacco di larve di alcuni lepidotteri minatori (Tortrix pronubana). La consociazione con l'aglio aiuta discretamente (come avviene con le rose); le radici del Timo assorbono i suoi essudati limitando tutte le avversità. Timo, nelle giuste dosi, viene usato nella cura di anemia, astenia, convalescenza, denti, epidemie, influenza, mestruazioni, meteorismo, parassitosi, pidocchi, scabbia, pertosse, piaghe, punture, reumatismi, sinusite, stomaco, tosse. Gli umani preistorici attorno ai falò bruciavano rametti di timo per il buon profumo, tener lontano gli insetti, cicatrizzare piccole ferite e conservare gli alimenti. Emilia usa foglie e sommità fiorite del timo, colte avanti fioritura con tutto il fusto, ed essiccate in ombra, poi conserva in vaso ermetico; diversamente dell'aglio o basilico, il timo e molte labiate essicate, mantengono l'aroma che risulta più forte e concentrato, insaporendo e rendendo più digeribili molti cibi: le sue foglie correggono l'alito, aromatizzano pesce e verdure, arrosti, sughi, verdure, funghi, ripieni, oli, aceti e vini aromatici. In fitoterapia si usano le sommità fiorite colte da aprile a fine estate: un infuso di Timo è un salutare e gradevole tonico generale e digestivo, ottimo sostituto di te o cappuccino mattutino, cura infezioni alla vescica, elimina la tenia e cura dagli avvelenamenti. Ricostituente del corpo, antianemico, vermifugo: Timo è usato nelle infezioni/affezioni dell'apparato respiratorio (tosse, asma), svolge azione espettorante, incentiva il secreto bronchiale e ne agevola l'espulsione (anticatarrale dei polmoni). Timo svolge anche azione antisettica nel tratto gastrointestinale, contrasta fermentazioni intestinali, infezioni delle vie urinarie, delle vie respiratorie e del cavo orale (gargarismi); depura e ammorbidisce le mucose della gola in presenza di tosse e pertosse e, se cotto in vino, è utile agli asmatici. Il Timo Serpillo (Thymus serpyllum), detto Timo cedrato, timo selvatico e sarapullo, è piccola e graziosa labiata simile al timo, ma molto polimorfo a seconda del luogo e clima in cui cresce: striscia al suolo (herpein, serpyllum), modifica forma, colore e persino profumo, a volte simile a melissa, origano, limone o timo. Quello usato in medicina popolare è il Serpillo dal profumo di timo, gran balsamico nei processi catarrali, vermifugo, digestivo, antisettico di molte infezioni e ingrediente dell'aceto dei 4 ladroni, con cui ci si spalmava prima di avvicinarsi ai malati infettivi. Oggi il Timo serpillo è utile nella produzione di globuli bianchi, contro la sclerosi multipla, depressioni, alcoolismo ed epilessia, asma, artrite, reumatismi, convalescenza, bronchite. Timo limone (thymus citriodorus) è altra varietà con foglie ovali, fiori lilla e prufumo di limone; si riproduce per division di cespi o talea. Timo, Melissa, Stevia, come tutte le labiate, son piante mellifere di eccellenza e attirano le preziose api; le foglie di quasi tutte le labiate, se strofinate, sfiammano e leniscono il dolore. MELISSA officinalis, detta erba cedronella, è coltivabile in vaso, e ben si riproduce per talea di pezzi di stoloni radicati. Colgo sue foglie prima della fioritura; le uso fresche o essiccate in ombra, poi in vaso, al riparo da luce e umidità. Ha foglie di limone, utili per aromatizzar frittate, insalate, minestre, pesce, macedonie, yogurt/latte, vini, aceti e amari. Cime fiorite della Melissa, fresche (5 gr a tazza) od essiccate, un cucchiaino per tazza, donano infusi rilassanti. Melissa è aromatica, rinfrescante, sedativa, antipiretica, digestiva, antivirale, antibatterica e insettifuga; rilassa spasmi e vasi sanguigni periferici, inibisce l’attività della tiroide (evitare associaz. con farmaci) e, per uso esterno, sfiamma il cavo orale. L'estratto di foglie fresche, in unguento, tratta herpes labiale e genitale. Come spasmolitica, cura emicrania, irrequietezza e stati d'ansia con somatizzazioni viscerali dispeptico-gastroenteriche. In aromaterapia l'olio essenziale rilassa e rinvigorisce ma, per uso esterno, può dar irritazione a pelli sensibili, e l'assunzione assieme a farmaci calmanti, può dar eccessiva sedazione. Il genere MENTHA 薄荷 Bòhé botanicamente è uno dei più complessi del Regno Vegetale poichè, con facilità si producono ibridi spontanei tra le varie specie, dando sempre nuovi ibridi da classificare. Tutte le varie specie si possono dividere così: Mente che fioriscono con spiga terminale senza foglie, e Mente nane con fiori posti all'ascella delle foglie picciolate. Tutte le specie di Menta hanno le stesse proprietà dovute al mentolo: stimolante dello stomaco, antisettico e analgesico; i cinesi aggiungono virtù calmanti, antispasmo, espettoranti e, se usate con Ruta, possono neutralizzare l'alito cattivo e pulire il cavo orale. Per uso esterno son deodoranti e antisettiche della pelle, calmano il prurito. Tuttavia, il mentolo estratto nei laboratori, se usato a forti dosi è pericoloso sul sistema nervoso, poichè agisce sul bulbo rachideo provoncando anche la morte. Secondo il mito greco-romano, Mentha deriva il nome da una ninfa amata da Ade che Persefone per gelosia tramutò in pianta. Tutte le mente sono Labiate perenni, con ceppo stolonifero, si riproducono facilmente dimorandone pezzi di radici radicati, oppure per talea di punta; hanno foglie più o meno dentellate, numerosi fiori rosa in estate, odore tipico e sapore rinfrescante e, ripete Emilia, tutte si ibridano facilmente. La menta è semplice da coltivare in vaso, anche sul davanzale; dalle loro foglie si ottiene un infuso rinfrescante da consumare tiepido o freddo, e aggiungendo alcune gocce di succo di limone, si avrà sapore in più. L'infuso di menta può essere anche usato per compiere risciacqui in caso di mal di denti o infiammazioni gengivali. Quantità: 10 foglie di menta fresca per 500 ml d'acqua. La Mentha piperita è un ibrido tra mentha aquatica e menta romana, ha fusti stoloniferi rossicci e fiori rosa-viola riuniti a spiga. Foglie e sommità fiorite si usano fresche o essiccate, serbate in asciutto a riparo da luce. Ha sapore intenso, utile aroma per vini, tè, limonate e gelatine di mele cotogne, in cucina va usata moderatamente. Giorgio Taras ricorda: qualsiasi dolore persistente alla colonna vertebrale può essere alleviato grazie a una frizione fatta con essenza di menta piperita usata abbondantemente su tutta la colonna; sebbene gli effetti siano blandi, tutte le altre Menthe e la Nepeta cataria, sono utili contro le contratture, stress, crampi mestruali e intestinali. Menthe a spiga sono la Romana, Silvestre, MENTASTRO (M.spicata, viridis, longifolia, rotundifolia); Emilia ne coglie le foglie giovani avanti fioritura, e le usa a insaporire insalate, frittate, dolci, salse, gelati, macedonie e vini. Il tè aromatizzato con 4 foglie di menta (o 2 secche sminuzzate), bevuto alcuni bicchieri al giorno, è dissetante e corroborante, è un dono degli arabi, adatto a chi lavora sotto il sole e soffre i colpi d'afa. Menthe Nane (prive di rami con fiori apicali) sono la Pulegio, Arvensis e la polimorfa MENTUCCIA (Calamintha nepeta, pur confusa con menta pulegium), detta pennyroyal, nepetella, calaminta, erba bona. Mentuccia ha fusti quadrangolari e pelosi sugli angoli, prima sdraiati poi eretti, ramosi in alto, Emilia la usa con funghi, carciofi, verdure, carne-pesce. Nel rinascimento era usata contro singhiozzo, eruttazioni, ronzii alle orecchie, dolori viscerali e spasmi di origine nervosa; oggi è usata come infuso tonico digestivo e per preparare un acqua molto vulneraria. Tisane di mentuccia agiscono da vermifugo mentre le foglie, esternamente, curano le ferite: due gocce (antisettiche di vie aeree e sinusite) di essenza su pelle, fan sentire freddo e tolgono prurito. L'infuso di una menta-e-limone è ottimo contro il singhiozzo ed elimina la nausea; dopo i pasti (pur aggiunto a semi finocchio e camomilla), stimola digestione, riduce gas e coliche, ha legger effetto anestetico su muscoli intestini (e valvola cardias), rimedio al mal di testa da indigestione, esaurimento, bassa pressione o dolor mestruale. La Turkestan Mint (Lagochilus inebrians, Labiatae) è piccolo arbusto delle steppe aride del Turkestan, è una mentha usata come tè inebriante e sedativo (relax, euforia e percezioni sottili) dai popoli Tajiki, Tartari, Turkomanni e Uzbeki. Il suo amaro Tè viene addolcito con miele o zucchero oppure, la pianta viene macerata in alcol (tintura) o nella vodka: l'alcol ne estrae meglio i principi. Le foglie colte in Ottobre sono tostate, a volte mischiate con gambi, frutti e fiori. L'essiccazione aumenta la sua fragranza aromatica. Usata dagli slavi-turcomanni come medicina popolare, e inclusa nella ottava edizione della Farmacopea Russa, ed è usata per trattare dermatiti, fermare emorragie, agire da ipotensiva, abbassare la pressione del sangue e sedare nervi scossi. Analogo della Menta del Turkestan, è un altra Labiatae del Messico centrale, la Salvia divinatorum (Ska Maria Pastora, hojas Pastora, labiatea), pianta erbacea perenne, ibrido selezionato dagli indiani Mazatechi (stato di Oxaca, Messico) in tempi remoti. Può raggiungere 2 metri d’altezza, ha fusto squadrato e stelo vuoto e succulento, foglie opposte, ovali, lunghe 25/30 cm e larghe 10. Ha grande capacità radicante, specie presso i nodi, da cui sviluppa rami secondari. Ha lunghe infiorescenze a racemo con dodici fiori bianchi, bluastri a maturità, e calice color lavanda. Si riproduce quasi solo per talea data la difficoltà di produrre semi germinabili. Tutte le Salvia spp, in Messico, son usate a curare tisi, tosse, diarrea e intasamento vie respiratorie. Pamela canta: Ska Maria, saggia de los sabios, con voce simile alla raganella sussurrami come a un gatto (Bastet), anche nel pianto, insegnami a cantare | prendi la mia voce e cammina, anche senza occhi.. oh figlia di Thera! insegnami a ricordare le tue leggi, dammi occhi per vedere, forza e umiltà per capire ed accettare | Insegnami la calma, la memoria delle pietre, la storia negli alberi | fammi accettare come le foglie d'autunno che si rassegnano a cadere, fammi apprendere dai miei errori le tue lezioni. La Salvia illumina la bocca, ha bisogno di un anima umana attraverso cui lei distilla la sua essenza; persone ed animali nascono senza coscienza, poi.. l'acquistano mangiando l'essenza delle piante, con cui formano invisibili alleanze e ponti.. Tutte le piante ed animali sono connessi alla sorgente dello spirito, più degli umani, per tale ragione, varie piante offrono la possibilità temporanea di comunicare con lo Spirito. Inni del Rigveda cantano: "nelle piante sta il potere dell'Universo; chi conosce tale potere nascosto nelle piante, diviene capace come loro. Le piante trattano e curano, danneggiano o uccidono il nemico, recano piacere e aiutano a sognare.. nella selva sta un rimedio per ogni malattia o situazione che necessiti ritrovare l'equilibrio perduto. Nel mondo delle Menthe, il genere Nepeta, che comprende 250 specie, include Nepeta cataria 猫薄荷 Māo bòhé (Labiatae), la mentuccia dei felini o erba gattaia, una comune erba perenne dei campi incolti che attira i felini, da qui il nome Cataria (da catus, Gatto): non va confusa la erba gattaia venduta nei negozi di animali, la quale, è una graminacea masticata per indurre vomito nei gatti che necessitano purgare. Nepeta ha un aspetto simile alla Melissa però si differenzia per i suoi fiori a spighe terminali, rosa (o bianco-azzurro con macchie lavanda), anch'essi apprezzate dalle api, e per il profuma di menta; è alta 50-100 cm, foglie grigioverdi a forma di cuore, dentate, molto pelose nella parte inferiore; fiorisce in mag-ago. Le mentuccia dei Gatti si presta per ottime tisane calmanti, digestive (risolve l'acidità di stomaco) e concilianti il sonno; sugli umani ha le stesse virtù delle menthe più qualche specializzo: antispasmo, sedativa, anticatarro, previene i gas intestinali e ne favorisce l'eliminazione. Il suo olio essenziale è ricco di timolo, usato nel trattamento delle bronchiti. I suoi germogli arricchiscono insalate e aromatizzano carni e selvaggina, mentre le sommità fiorite si usano nei pediluvi per detergere e deodorare; masticarne qualche foglia è un antico rimedio contro il mal di denti, mentre fumarne le foglie essiccate è rimedio al singhiozzo e un blado euforizzante. Foglie secche di nepeta sono vendute dentro speciali cuscini vivacizzanti per i gatti domestici: tale effetto inebriante si è visto anche in altri animali (insetti e topi) e blandamente anche nell'uomo. Foglie e radice di Cataria hanno odore affine ai feromoni dei felini (gatto, tigre, lince, etc), ne vengono attratti, per loro è una sostanza inebriante, un efficace afrodisiaco, una droga. Giorgio rivela come il contatto di un Gatto domestico (Felis domestica) con la nepeta, mostra una successione di comportamenti in quattro fasi: 1) il gatto annusa la pianta (all'olfatto umano è odor di menta); 2) il gatto lecca le foglie o le mastica, si interrompe per fissare il cielo con uno sguardo assente, agita velocemente la testa da un lato all'altro; 3) il felino si strofina contro la pianta con il mento e le guance, poi ruota tutta la testa strofinando l'intero corpo, o vi si rotola sopra; 4) i gatti più sensibili alla nepeta fanno le fusa e la colpiscono con la schiena. Questa reazione dura alcuni minuti, poi il gatto perde interesse, dopo due ore viene nuovamente attirato dalla pianta e avrà i medesimi effetti: alcuni gatti possono divenire troppo eccitati, dunque, se obesi o anziani e meglio non dargliene troppa. Se si offre a un gatto un estratto concentrato di nepeta, le reazioni sono più intense: egli contorce violentemente la testa, saliva molto e mostra i sintomi di una forte eccitazione del sistema nervoso centrale; nei maschi scatena un'erezione spontanea mentre le femmine adottano i tipici comportamenti dell'accoppiamento: miagolii e fusa, colpetti amorosi dati col corpo a qualunque oggetto che incontra, accentuato andamento ondeggiante nelle danze preparatorie all'accoppiamento col partner. Il rapporto dei gatti con le loro erbe è di tipo stagionale, primaverile, così questi felini non sono soggetti ad alcuna crisi di astinenza nei restanti periodi dell'anno. La mentuccia dei felini può aver aiutato lo sviluppo evolutivo dei gatti selvatici, predisponendoli all'attività sessuale primaverile. Sino all'età di tre mesi i gatti appaiono insensibili alla nepeta: i gatti domestici, molti dei quali non vedono mai una pianta di Nepeta, stanno perdendo la capacità (genetica) di percepire gli effetti di questa loro droga cosìcchè, fra le mura domestiche urbane, solo il 50-70% di essi risponde ai suoi effetti. Un gatto che ha entrambi i genitori sensibili alla nepeta, ha il 75% di possibilità di ereditare tale sensibilità, indipendentemente dal sesso del gatto. Studi etologici dimostrano che, i gatti che hanno la possibilità di venire a contatto con la nepeta, vi si avvicinano ogni giorno, e sono un pò più felici e salubri dei gatti che non hanno questa possibilità. La pianta di Nepeta cataria, come molte specie congeneri, produce composti volatili (nepetalattoni e acido nepetalico) che, per via olfattiva, provocano effetti psicoattivi anche nelle tigri e, in minor entità, anche negli umani; nell'urina dei gatti maschi in amore, sono presenti ferormoni simili ai nepetalattoni: per questo che i gatti reagiscono alla nepeta con comportamenti di natura sessuale. I gatti che si drogano di nepeta subiscono anche vere allucinazioni, afferrano cose che non ci sono, giocano con farfalle fantasma, abbassano le orecchie e si lanciano contro gatti invisibili, altri si mostrano paurosi e soffiano contro qualcosa che non esiste. Un'altra erba amata dai gatti (e dai lombrichi) è la comune Valeriana officinalis (Valerianaceae), specie le sue radici. Valeriana è pianta medicinale usata come sedativo di vari squilibri nervosi, antispasmodico e blando narcotico. Il medico napoletano Raffaele Valieri nel 1887 scriveva: quando si spande per terra un sacco di valeriana, è piacevole lo spettacolo che danno i gatti al solo avvicinarsi: vi si rotolano sopra, la inalano spesso, sono presi da tremito, si rizzano i peli, saltano disordinati con sfrenata ebbrezza coreutica, infine perdono i sensi si assopiscono, restando a lungo eccitati ed ebetiti. Tale fenomeno è analogo al tremito, ebbrezza, fantasia e stordimento che l'aschish produce nell'uomo. In Norvegia i gatti sono attratti da Valeriana sambucifolia, possono individuare le sue radici anche d'inverno, nei campi liberi da neve. I gatti giapponesi amano invece le tenere foglie della Matatabi (Actinidia polygama, contenenti l'actinidina, un composto simili ai nepetalattoni. Matatabi induce un effetto differente: i gatti, dopo averne masticate le foglie, si sdraiano sulla schiena con le zampe all'insù, restano così immobili per un pò di tempo, in virtuale o reale estasi. Altra comune Labiatae (o Laminae) è la BALLOTA nigra (o foetida, labiate), pianta che, per l'odore di fuliggine e cantina ammuffita, gusto acre e amaro che allontana umani ed animali, permette di distinguerla da altre piante apparentemente simili. Il genere Ballota (35 specie diverse) cresce facilmente in aree incolte e selvagge, è molto diffusa nell'Eufrasia temperata, ha bei fiori color porpora, bilabati, raggruppati in glomeruli ascellari, fusto legnoso di altezza variabile (40 cm-1.5 metri), coperto di leggera peluria, quadrangolare e poco ramificato. La radice è fittonante, le foglie opposte, a forma ovale o a cuore, margine dentellato. La pianta contiene diterpeni (marrubina, ballotenolo), flavonoidi (quercitina, epigenina), acido caffeico, tannini, saponine e glicosidi fenilpropanoidi, ai quali è attribuita l'azione neurosedativa ed antiossidante. Sebbene abbia subito appellativi dispregiativi (marrubio fetido, cimiciotta), di là dell'aroma poco gradito, la pianta fresca e fiorita (o intera essiccata) è molto sfruttata in fitoterapia, per contrastare stati d'ansia, disturbi del sonno, stress, disturbi nervosi e somatici della menopausa, irritabilità, tossi spasmodiche e manifestazioni crampiformi gastro intestinali: può essere usata nella fase premestruale e menopausa, al fine di ridurre stato d'ansia e irritabilità tipico dei due periodi. L'infuso di Ballota (odore sgradevole corretto con menta o finocchio) ha capacità colagoghe, spasmolitiche, sedative e antitussive, blando ipotensive, bradicardizzante. Emilia ricorda tre efficaci rimedi.. 1) contro il nervosismo ricorrente: infuso di ballota, lasciare 40 g di pianta in 1 litro d'acqua bollente per 10 minuti, berne 2 tazze al dì; 2) per l'acufene (ronzio nelle orecchie), infuso di 50 g di sommità fiorite di ballota in 1 litro di acqua bollente per 10 minuti, bere due tazze al giorno; 3) contro la Pertosse (malattia infettiva epidemica con tosse convulsa, vomito e catarro, colpisce sopratutto i bambini): infuso di ballota, 20 g di sommità fiorite e foglie essiccate e spezzettate in 1 litro, a cui sia aggiunta qualche foglia fresca o essiccata di menta o basilico per migliorarne il sapore. Ballota può esser confusa con l'Ortica bianca (Lamium album, labiate) detta Lamia, ortica morta, falsa ortica. Lamia è pianta mellifera con fiori bianco giallastri (apr-set) che attirano le api, ha forte odore di miele, fusto rigido, peloso e cavo; foglie verde chiarissimo, dentate, picciolate, ovate a forma di cuore, con peli di ortica nè pungenti nè irritanti, da qui il nome di ortica morta. Considerata infestante, nelle campagne le sommità fresche, prima della fioritura, si cucinano come gli spinaci o si mettono nelle minestre, mentre l'infuso di Lamia è usato come astringente, tonico e vulnerario. L'ORTICA-nettle (Urtica dioica) è pianta perenne, molto comune al nord Italia, dioica, nitrofila, accumula ferro e stimola il compostaggio, aiuta a maturare frutti acerbi (emette etilene), i pomodori e l'aroma delle piante. Ortica è cibo e medicina di popoli ed eremiti, mangiata bollita in poca acqua salata o minestra, almeno 12 ore dopo la raccolta, anche ripassata in padella con aglio. Ortica ha sapore di spinaci, alto contenuto di vitamina C, carotene, clorofilla, acido formico, istamina, acetilcolina, tannino, ferro, potassio, calcio, silicio, mucillagini; nella cura di primavera che purga il corpo, si mangiano le cimette tenere prima della fioritura, foglie per zuppe, risotti, frittate, ripieno di ravioli e tortelli, anche mischiata a tarassaco. La coltivazione nel giardino fitoalimurgico può essere condotta in 2 modi: prelevando il seme da fine estate, oppure per divisione dei rizomi. Durante il riposo vegetativo (autunno), preleva con un badile la sua radice stolonifera, taglia a pezzi di 10 cm facendo attenzione alle gemme, poi interra vicino a una siepe. Foglie e germogli di ortica possono essere colte in primavera e lasciate essiccare per la preparazione di infusi dalle proprietà diuretiche, drenanti, antianemia e antidiabete: 10 g di foglie fresche per tazza, o un cucchiaino di foglie essiccate, sbriciolate. Per avere germogli sempre nuovi e teneri, è utile lo sfalcio o la raccolta continua; il resto dell'anno si colgono apice e foglie con l'aiuto di guanti, il loro potere urticante (nelle fragili ampolle dei peli) scompare dopo bollitura o essiccazione. Ortica triturata è buon concime per orto, mentre il succo è un caglio adatto alla giuncata (latte coagulato senza sale). Amata dalle farfalle (vanessa atalanta, ninfale e pavone diurno); ortica dona fibre per la carta o, se tessute, per una tela verde resistente; integra il pasto di avicoli, fornendo ferro e sali, clorofilla, proteine, vitamine e caroteni per uova più rosse; in Africa nutre e cura centinaia di comunità; nel Veneto è uno degli ingredienti base del paston pai ochi, a cui vanno aggiunti farina di granoturco e acqua. Ortica impedisce la coccidiosi dei polli e aumenta il calore nel nido d'oca in cova; aggiunta al foraggio accresce il grasso nel latte animale; nel '500 Castore Durante scriveva: faranno le uova tutto l’inverno le Galline, dando nei loro cibi dell'ortica secca. Ortica purifica il sangue, è revulsiva, ricostituente, antireumatica, astringente, emostatica; ecco un infuso che aiuta lo stomaco: 1 cucchiaio di ortica fresca tritata per tazza bollente, attendi 10 min, filtra e bevi 2/3 tazze al dì per 2 mesi. Taras prepara tè di Ortica per sciogliere muco e catarro, curare il mal di gola (gargarismi) e risolvere la diarrea nei bambini; curare pelle grassa e asfittica; combattere anemia, caduta di capelli, afidi e pidocchi. Infuso per rinforzare i capelli: bollire qualche pianta non fiorita in 2 litri d’acqua, lavarci i capelli due volte la settimana. Lozione contro forfora e caduta capelli: 2 pugni di cimette fresche in vasetti con aceto e cipolla, chiudi ermetico e filtra dopo 20 gg; con qualche goccia di questa lozione friziona la testa dopo shampo. Un forte decotto di radici, arresta emorragie, esterne ed interne, neutralizza l'acido urico in uomini ed animali; cura emorroidi e infiammazioni renali. Ortica ha pure azione emmenagoga, cioè stimola afflusso di sangue ad utero e pelvi, così va usata con cautela in gravidanza. L'effetto revulsivo, provocato dai peli urticanti, è di grande giovamento, ha la stessa efficacia di una pomata: contro il mal di schiena: in Abruzzo si strofinano sulla schiena due/tre piantine di ortica, per qualche minuto, è un massaggio utile sulle ulcere, artrosi e reumatismi. In Mexico è medicina rossa che cura la tisi. La PARIETARIA officinali, urticacee, detta glass-glass, erba vetriola, spaccapietra, erba murale, erba du viento, è pianta perenne con fusto rossastro, eretto o espanso, pubescente; ha foglie alterne picciolate, ovate, con 2/3 nervature e fornite di peli uncinati nella pagina inferiore. In fitoalimurgia si usano succo, foglie mondate e parti aeree (essiccate all'ombra e serbata vaso ermetico) di due varietà: la grande con fusti e infiorescenze folte, e la piccola con fusti numerosi e fiori verdastri in glomeruli all'ascella delle foglie. Parietaria rilascia molto polline che possono causare allergie primaverili; ha intensa azione diuretica per l'alto nitrato di potassio, è emolliente (sfiamma il calore interno) e rinfrescante, per la presenza di mucillagini, sostanze amare e tannini. Esternamente è usata su contusioni, strappi muscolari, mal d'ossa, emorroidi e macchie, mentre in infuso o decotto agisce sulle disfunzioni urinarie e gastroenteriche; è utile nei disturbi bronchiali, del fegato, dermatiti, ascessi, foruncoli e piaghe. Ricetta per bocca e gengive infiammate: 40 gocce di Vetriola e 30 gr di miel di rose. Glass-glass è chiamata anche Vetriola poiché, mischiata a sassolini e messa nei fiaschi, agitati energicamente, porta via i sedimenti all’interno, pulendoli. Althaea officinalis è pianta con foglie vellutate e biancastre e fiori rosei (usati da Ildegarda di Bingen), le sue mucillagini mescolate ad acqua calmano la tosse; althàino in greco significa: io guarisco. In India, altea è detta Amni visnaga, pianta dall'azione fluidificante del catarro bronchiale poichè, dilata coronarie e bronchi (antiasmatico) ed uretere (colica renale). Mattioli sperimentò: 'una dramma e mezza del seme in polvere nel vino, rompe e tira fuori le pietre che si formano nelle reni, provoca orina e guarisce il dolore causato da quelle'. Le radici giovani e morbide, decorticate, tagliate a pezzi ed essiccate, son date da masticare come ninnoli ai bimbi tormentati dalla crescita dei denti, sono rinfrescanti e calmanti; anche i fiori, usati in infuso come l'ibisco, calmano la tosse e le irritazioni di gola e trachea. Il genere HIBISCUS (famiglia Malvacee) ha numerose specie di interesse ornamentali ed economico, coltivate ad alberello o siepe in molte città italiane, poichè resiste agli inquinanti (ossidi, azoto, anidride solforosa) e alle avverse condizioni climatiche. Tutte hanno in comune i fiori imbutiformi, che compaiono all'ascella delle foglie o all'apice dei rami: fiori semplici, doppi, o plurimi, non profumati (H.arnottianus e H.waimae, lievemente profumate), calice con 5 sepali, corolla 5 petali, dal centro del fiore fuoriesce la colonna staminale di solito più lunga della corolla, su cui son disposti gli stami e che porta 5 pistilli. Esistono Hibiscus annuali e Hibiscus perenni, alcune specie tropicali temono i freddi invernali per cui crescono bene in vaso esposto solo in zone a clima mite: quando la temperatura scende sotto i 12°C, vengono portati in casa. Ibisco va abituato molto gradatamente all'aria aperta. All'inizio va sistemata in posizione ombreggiata e protetta per diversi giorni. Poi per 10 gg si posiziona al sole diretto solo la mattina e all'ombra nelle ore di punta. Infine si può lasciare al sole, senza concime per un mese, così da darle tempo di abituarsi al mutamento (alcune foglie ingialliscono e muoiono). Hibiscus cannabinus è coltivato per le fibre tessili e l'alto contenuto in cellulosa sfruttato nell'industria cartaria. Hibiscus Tiliaceus cresce nelle coste delle Isole Salomone, le sue fibre sono usate per confezionare gonnellini da ballo; tale arbusto sempreverde, nelle zone di tropicali di origine (Australasia e isole del Pacifico), può raggiungere dimensioni notevoli. Hibiscus sabdariffa (nativo dell'Africa orientale ma coltivato in America e India), ha calici del fiore che diventano succulenti dopo la fecondazione del fiore; già Dioscoride riportò le virtù emollienti dei fiori essiccati nella preparazione del Karkadè (parola eritrea), bevanda dissetante, rosea e dal sapore acidulo (acido citrico e tartarico), ricca di vitamina C, usata come rinfrescante, blando astringente, digestivo e regolatore della secrezione biliare. Il Karkadè dell'Abissinia, meno eccitante del thè, in tempi di guerra torno di moda in Italia al posto del Thè inglese. Hibiscus esculentus è coltivato nei paesi sub-tropicali per i suoi frutti a lungo becco, raccolti immaturi e usati come alimento e, assieme altre parti eduli della pianta, è conservato in scatola col nome di gombo od okra. La bella varietà di H. rosa-sinensis, originaria delle Hawaii di cui è fiore nazionale dal 1923; si usa donarlo in ghirlande a collana ai turisti in segno di benvenuto ospitale e come stimolo a cogliere le opportunità: le donne hawaiane portano questo fiore tra i capelli dietro l’orecchio sinistro, per mostrare il loro status di single, o dietro al destro, se impegnate. Il fiore d'ibisco dura solo un giorno, così in epoca vittoriana divenne simbolo di bellezza delicata e fugace: nell'800, donare un fiore di Ibisco sfumato voleva dire 'tu sei bella'; donare il siriaco a fiore bianco, voleva dire 'tu sei leale'; donare il rosso indicava la pazienza del corteggiatore, e il rosso sangue 'pena di cuore'. Ibisco è il fiore nazionale della Malesia ed è molto apprezzato in Australia, Nuova Zelanda, paesi del centroamerica ed Hawaii, dove, specie provenienti dalla Cina, si sono incrociate con specie Hawaiane originando piante spettacolari. La varietà più rustica è Hibiscus siriacus (o althaea frutex, fam. malvaceae) è specie arbustiva originaria della Siria di dimensione medio-alta che può raggiungere i 4 m d'altezza. Fiorisce da luglio a ottobre, ha fiori bianchi o rosa, semplici o doppi con corolla espansa e stami più corti della corolla. Questa varietà, insieme ad altre, fu scoperta nel 1700 da Ghislain de Busbeck, ambasciatore fiammingo alla corte di Solimano il Magnifico a Istanbul, il quale studiò botanica e inviò in Olanda molti esemplari. L'ibisco siriaco sopporta bene sia il freddo che periodi di siccità, superato il periodo di attecchimento, darà abbondante fioritura in buona esposizione solare; per evitargli stress, è utile trapiantarlo lontano dalla fioritura; tende ad allargarsi a cespuglio e si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno, balcone e vaso: data la crescita rapida, necessita rinvasi ogni due anni; l'eventuale potature di fine stagione per contenerne l'aspetto, non intacca la sua capacità di fioritura estiva. Il siriaco è fiore nazionale della Corea del Sud, identifica l’immortalità, nonostante la sua delicatezza, l’amore perpetuo e l’invincibilità militare in guerra. Nel culto indù, è offerto alla dea Kali e a Ganesha. Emilia spesso mi dava da masticare foglie di salvia o MALVA silvestris (Mauve), per pulire, sbiancare e calmare i denti. Malva è una pianta bienne/perenne euroasiatica, con etimo legato a Lumaca e Chiocciole, Malachè in greco, poichè i suoi succhi vischiosi ed emollienti, sono come la bava delle chiocciole; il suo fusto può essere eretto o strisciante, striato, ispido. Fiorisce da maggio ad agosto, il seme può essere colto da giugno, conservato in luogo fresco e asciutto, e poi, usato in semina primaverile su terreno lavorato: sfalcio e acqua favoriscono nuovi germogli. In primavera si possono cogliere foglie e germogli, buoni crudi in insalata, assieme ai fiori (colti in estate) che danno un tocco di colore: le foglie se lessate troppo a lungo acquistano sapore sgradevole. Malva si usa in minestre, zuppe, ripieno di ravioli; il germoglio si può friggere come i fiori di zucca. Un tempo questa pianta era rimedio a moltissime malattie, esterne e interne (omnimorbia), infatti ha molte virtù che Emilia riassume così: La Malva selvatica è molto comune, fiorisce in primavera ed autunno; si mangiano le foglie cotte aggiunte ad altre erbe in zuppe, oppure fiori e foglie giovani crude in insalata. La nonna la consumava durante la giornata e preparava una tazza d'infuso bollente per sconfiggere lievi episodi di colite o cistite, usava sia fiori che foglie di malva. Oggi è usata soprattutto per le vie respiratorie e le mucose, come blando lassativo, sedativo della tosse ed espettorante: bastano 6 g di fiori e/o foglie per 500 ml d'acqua; ha forte potere antinfiammatorio nelle affezioni del cavo oro-faringeo e di tutte le mucose (gengiviti). Impacco rivitalizzante: lascia riposare una notte il decotto di Malva, aggiungi 2 cucchiai di fieno greco (rassodante), amalgama e spalma con le mani bagnate su tutto il corpo; sciacqua con acqua calda. Masticare le radici o frizionaci i denti, ne aiuta la salute; quando vieni punto da una vespa, strofina con foglie di Malva e ricorda, Malva è cibo e medicina, da Aprile all'Autunno; ecco un decotto per sfiammare il calore intestinale e l'apparato digestivo: Fà bollire foglie di Malva, aggiungi cucchiaio d'olio di Oliva, lascia riposare una notte e bevi al mattino; l'azione sinergica delle mucillagini di fiori e foglie (decongestione), dei tannini (effetto antinfiammatorio) e le proprietà emollienti dell’olio di oliva, agisce contro le afte boccali, stomatiti, gastriti e infezioni urine. Malva può crescere anche in vaso, le foglie vanno essiccate in luogo ombroso e conservate in barattolo di vetro. Unguento per viso: fai un decotto con 200 g di foglie di Malva e 200 g di burro in 1 litro d'acqua, bollire a fuoco lento sino ad ottenere una crema densa; applicato la sera sul viso pulito, attenua le rughe. Più piante Euforbiacee tengono lontani i ratti. I semi del Latiro (euphorbia lathyris, lathyros=pisello) sono velenosi, mentre la Cicuta uccide i cavalli in un istante. Nella medicina popolare si usava il lattice fresco del Latiro per eliminare duroni, calli e verruche, surrogato del lattice di celidonia o del fico. Il medico-botanico greco Dioscoride raccomandava l’uso di 6-7 semi come purgante energico, poichè tossico e irritante, correndo il rischio di emettere feci dolorose e con sangue; si usava anche polvere di radici (4-5 grammi) per dare purga e vomito violento. Lattice e foglie fresche erano usate nella cure di artriti e sciatiche, provocando ulcere ed irritazioni cutanee. Due soli semi del RICINO (Ricinus communis, euforbiacea) son fatali per uomo ed animali; ma la pianta è lassativa per i bimbi ed è utile nelle costipazioni croniche: Taras ricorda che una tazzina con poco olio di Ricino neutralizza tossine, allevia gas intestinali e costipazione: per la costipazione di un neonato, la madre immergeva il mignolo nell'olio di Ricino e lasciava che il bimbo lo succhiava.. un cucchiaio del suo olio in una tazza assieme a infuso di zenzero, basta per agire da intenso purgante (bisogno urgente di evaquare). L'infuso della sua radice lenisce il dolor di schiena ed è analgesico nei dolori di artriti, decongestion, sfiamma, e purga. Taras dà una vecchia ricetta per un impacco disintossicante: il giorno prima assumi solo succhi di frutta; a sera, prima di dormire, imbevi un panno di flanella in olio di Ricino, poni sull'addome, sopra al fegato e ricopri con panno caldo; la mattina andrai di corpo. Emilia ora ci mostra gli afidi su un albero di melo, essi indicano uno squilibrio sulla pianta, così io pianto Ruta e altre aromatiche amare attorno al tronco dell'albero, le radici vengono contagiate e gli afidi lasciano.. Ortica attira le larve di coccinelle (ladybugs).. Emilia spruzza macerato di ortica sulle foglie per clamare anche forti micosi e, se disponibile, anche un decotto di fusti di Equiseto arvense (coda cavallina, horsetail) o macerato in acqua fredda. Questo aiuta a prevenire malattie fungine e contrasta più muffe, sull'uva, frutti e ortaggi, poichè, il silicio negli ortaggi repelle insetti e funghi. Equiseto ha virtù emostatiche, diuretiche, mineralizzanti; è ricco in silice (bruciando gambi e foglie con una candela, si ottiene silice bianca), così serve a levigare legno e metalli, e a preparare fito-rimedi. Argilla secca è anche una polvere di silicio: quando si inumidisce diventa una buona medicina per la pelle. Se la pest sulle piante è troppo forte, Emilia spruzza una mistura di acqua e sapone per vincere i parassiti, altrimenti mette olio bruciato sulle foglie al fine di soffocare le uova e le larve (pest). Fumigazioni con Quercia secca in un recipiente di terracotta o anche macerato di Tanaceto e Piretro (Tansy Pyrethrum), sono buoni insetticidi: il Tanaceto strofinato sul pelo del cane lo libera dalle pulci; foglie e gambo son tossiche anche per l'uomo ma, se macerati in vino calmano spasmi d’intestino. Galline e anatre son altri insetticidi e, per contrastare eventuali parassiti nel pollaio, Emilia aggiunge spicchi di aglio nell'abbeveratoio oppure aggiunge tè di erba cipollina; Geranio e scarabei, Galline ed Elleboro; Ortensie e Peonie non amano la consociazione delle altre piante. Fette fresce di cetriolo scoraggiano gli scarafaggi; Lysimachia nummularia è ricercata dai serpenti che la mangiano per curarsi. Semi maturi di Datura uccidono le galline in una mattanza naturale, mentre i semi di Canapa li sbronzano felici. Uccelli amano frutti velenosi di solanacee senza subire danno. 09.䷈ ERBE POPOLARI

10.䷉ ERBE SPONTANEE / 艸 艹 cǎo (grass, rad.140)

Emilia ci guida lungo i margini del bosco, un habitat intermedio tra l'interno del bosco e la radura aperta, due ecosistemi con diversa disponibilità di luce, esposizione ai venti e accumulo di sostanza organica al suolo (lettiera). Le zone di transizione fra due ecosistemi sono chiamate ecotoni e presentano elevata biodiversità in quanto, possono contenere sia specie tipiche dei due sistemi adiacenti, sia specie ecotonali. Le specie erbacee che a primavera bordeggiano il bosco sono: la falsa ortica macchiata (Lamium maculatum), il geranio lucido (Geranium lucidum), la veccia farfallona (Vicia grandiflora), il ranuncolo lanuto (Ranunculus lanuginosus), l'anemone degli Appennini (Anemone apennina) e il ciclamino primaverile (Cyclamen repandum). Mentre, nelle zone depresse della radura vegetano piante mesofile (nè troppo umide, nè troppo aride) e cespuglieti: in estate compaiono erbe spinose come il fiordaliso stellato (Centaurea calcitrapa): la leggenda vuole che il centauro Chirone, medicandosi con una pianta di fiordaliso, guarì da una ferita al piede. A primavera, sulle superfici fangose allagate dalle piogge tardo-invernali, emergono i fiori gialli dei ranuncoli (Ranunculus spp), i fiori gialli e bianchi delle margheritine da prato (Bellis perennis), le lunghe cime del romice crespo (Rumex crispus) e della Plantago lanceolata, i fusti volubili del vilucchio comune (Convolvulus arvensis) e le spighe ramose della sanguinella comune (Digitaria sanguinalis). Le Asteraceae (compositae) sono una famiglia di piante catalogata per infiorescenze a capolino, formate a loro volta da altri capolini o piccoli fiori (infiorescenze composte); include oltre 23.000 specie. Questa famiglia è cosmopolita nelle regioni temperate del mondo, sebbene, recenti analisi filogenetiche confermano che il luogo di origine è in Sud America; da lì si diffuse quando il continente era connesso al nord America ed Africa da catene di isole, soggette a fluttuazioni del livello del mare. Diverse Asteracee sono commestibili e sono coltivate, altre hanno valore economico od erboristico: piretro (Tanacetum cinerariifolium) usato per insetticidi; cartamo (Carthamus tinctorius), da cui si estraggono coloranti; masticogna (Atractylis gummifera), etc. Emilia, mentre raccoglie piante spontanee mangerecce, utili in cucina per insalate, té o passatempo, parla del giardino fitoalimurgico e dell'alimurgia, l'arte di saper riconoscere piante alimentari spontanee in natura: "tutte le verdure seguono cicli stagionali, vivono rapporti di simbiosi o antibiosi con altre piante. In Agosto, il giardino fitoalimurgico del tempio Terabuti è pieno di fiori colorati, puoi trovare il pizzo bianco della regina (daucus carota selvatica), il giallo tarassaco, e il fior indaco della cicoria; tante altre piante appaiono anche nel resto dell'anno: amaranto, parietaria, ortica, camomilla, ebbio, felce, avena, ancusa, gramigna, etc. Tutte amano crescere dove vogliono loro, senza costrizioni, rivelando spesso la natura del suolo, le consociazioni e altre sorprese. Emilia ricorda: le piante spontanee, se sembrano malate o ammuffite, non prendetele, se sono sane cogliete solo il necessario e pulitele. La LASSANA (Lapsana communis, Asteraceae), detta Erba delle mammelle e gallina grassa, significa erba per purgare (greco Lapazein); è una pianta erbacea annuale, grande e un pò gracile, con radice fittonante ben sviluppata, comune in Eurasia e infestante altrove: si è diffusa in Canada e Usa creando problemi alle monocolture. Da maggio a ottobre si trova facilmente nei campi incolti, lungo i muri e negli orti; fiorisce (Mag-Ott) con numerosi corimbi di fiori gialli, buoni melliferi, schiusi al mattino e richiusi alla sera. Ha foglie dentate e picciolate (quelle cauline sono sessili e lanceolate), fusto esile, eretto, ramificato in alto, contenente un lattice dal sapore amaro-salato simile al Tarassaco. Emilia la mangia cruda in insalata, e la usa per alimentare i conigli. Le giovani foglie e germogli sono pure lessati e aggiunti a zuppe, ha sapore amarognolo di tarassaco. La medicina popolare usa il Succo di Lassana (Erba delle mammelle) per curare le ragadi (ingorghi infiammatori) delle mammelle delle donne che cessano di allattare; oppure come cicatrizzante per guarire le screpolature di labbra, succo mescolato a grasso (pomata), o un cataplasma di foglie fresche schiscciate e tritate, Per uso interno vanta virtù rinfrescanti, purgative sul fegato, emollienti sulla stitichezza; infine, in estratto fluido, abbassa il tasso di zucchero nel sangue giovando ai diabetici. La CICORIA (Cichorium intybus) selvatica, detta Erba Kore, radicchio, cicuniedda, radic-amara, presta il suo nome a tutte le cicorie da campo, dette Rajci presso i Venedi o Veneti, che apprezzano molto la Cicoria fresca, condita in olio, limone e aglio crudo, tanto che, nel tempo, hanno selezionato varietà domestiche (coltivate negli orti) meno amare e meno efficaci, come l'Indivia e il Radicchio veneto (o rosso di Chioggia). Il radicchio rosso, mangiato a inizi pasto, migliora la digeribilità di piatti ricchi di grassi, esso, come la cicoria spontanea, ha fibra e minerali utili a depurare fegato, reni e intestino. L'Erba di Kore è pianta perenne che emette rosette di foglie in due stagioni, ha bellissimi fiori celesti che schiudono alle sei del mattino e richiudono al pomeriggio; contiene un lattice bianco molto amaro. Emilia consiglia di cogliere le sue foglie prima della fioritura, poichè, dopo, non sono più mangiabili sapore amarognolo (cicorina), digestivo e lassativo, è amica del fegato e dei bambini. Il sale primario che contiene (nitrato di potassio) stimola i Reni e purga il sangue; Mauro dà la ricetta per un decotto curativo che depura, tonifica, e contrasta diabete, anemia, astenia e stitichezza: bollire un pugno di Cicoria in mezzo litro di acqua e assumi tre bicchieri al dì per più giorni. L'infuso di foglie di cicoria (con cipolla) è diuretico; la Tisana di fiori di cicoria, rosmarino, sambuco e tiglio, combatte febbri da malattie respiratorie, mentre, la sua tisana con malva, gramigna, ortica e parietaria, cura i malesseri d'intestino e dell'apparato genito-urinario. La Radicchiella (crepis vescicaria) ha rosetta basale grossa, con foglie che si attorcigliano una volta raccolte, ha fusto eretto un pò legnificato alla base e ramoso in alto, glabro o con peli ispidi. Fiorisce da gennaio a dicembre producendo tanti capolini gialli simili al tarassaco (incluso il pappo piumoso), talora con corolla un pò arrossata, purpurea o biancastra; prima di fiorire, ingrossa il bocciolo formato dalle ramificazioni ancora racchiuse dello stelo. In Veneto il primo taglio del prato (giugno) veniva fatto solo dopo la disseminazione di questa pianta fitoalimurgica, così da poter raccogliere le sue rosette basali l'anno dopo (primavera e autunno), come la cicoria, il tarassaco (stessa famiglia) e le Crucifere (quasi tutte commestibili). La rosetta giovanile si lessa per ripieni, o si usa in minestre con altre erbe; le foglie giovani e tenere si consumano crude in insalata, da sole o in misticanze; i germogli fioriferi, se teneri, si possono cucinare. Radicchiella ha proprietà simili alla Cicoria e Tarassaco, dunque disintossica, depura il sangue, è diuretica e ipoglicemizzante. Le sue sostanze fenoliche agiscono come antiossidanti dei radicali liberi e aiutano nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Il Piattello (Hypochoeris radicata) è una pianta spontanea molto gradita ai maiali, perenne e alta fino a 60 cm, presenta un rizoma legnoso ingrossato. Ha scapo eretto poco ramoso; le sue foglie sono tutte in rosetta basale, molto aderenti al terreno e contorno spatolato pennato-lobate. Fiorisce da fine maggio con capolini di fiori gialli, pappo di 1 cm, ogni capolino produce in media 60-70 acheni a lungo becco. Il Piattello germina in primavera e autunno, specie su suolo lavorato, poi si insedia stabilmente con il suo rizoma. A primavera colgo le carnose foglie delle rosette basali, staccandole al colletto, così da permettere la formazione di nuove, le uso crude insieme ad altre erbe, hanno sapore delicato; volendo posso pure cuocerle, ma per pochi minuti perché le rosette tengono poco la cottura. Il SONCIO (Sonchus oleraceus) è pianta con fusto molle e spugnoso, tubuloso, ramoso e foglioso fino in alto; un tempo coltivata, è cugina di cicoria e tarassaco. Se le foglie sono lucide sopra e spinulose, si tratta di sonchus asper, mentre, se sono opache e non spinose si tratta di s. oleraceus. Ha capolini di fiori gialli (e pappo) tutto l'anno, e molto lattice bianco che sgorga da ogni incisione sulla pianta. Mattioli scrive: 'Il soncho è di due specie, uno più salvatico e spinoso, l'altro si mangia più tenero; il verno, in Toscana, usiamo le sue frondi e radici nell'insalata che, se ancora molto tenere e dolci, aggradano molto al gusto (cicerbita edulis è un'altra pianta spontanea che condivide col soncho il nome di cicerbita, e una simile rosetta basale edule). Le foglie della rosetta basale del Soncho, passate in padella con olio e aglio, hanno sapore dolce e delicato che attenua il'amaro delle cicorie. I fusti giovani vengono lessati e serviti come gli asparagi, mentre, l'insalata di giovani foglioline, fresca e non amara, è ingrediente base di tutte le zuppe slave dell'Italia centro-nord (Gattafin, Minestrella) e dei ripieni di torte salate. La radice veniva usata in inverno, lessata o cruda: tutti i Sonchus contengono nella radice l'inulina, zucchero di riserva, molto adatti ai diabetici. L'acqua di cottura delle foglie ha qualità depurative e rinfrescanti, così, Foglie e Radici si usano anche in infusi rinfrescanti, astringenti ed emollienti grazie al loro lattice, utile anche localmente per cataplasmi emollienti e calmanti. Le foglie essiccate, per uso interno, hanno proprietà colagoghe e coleretiche. I germogli di SILENE (Silene alba, inflata, vulgaris), detti strigoli, ricciolin di lepre, hanno sapore divino; al mercato sono presenti in primavera, col nome di Strigoli, piccoli costosi mazzetti, sia coltivati che spontanei, raccolti da persone anziane che, in Veneto, li chiamano carletti, bruscandoli, pisacani, e li vendono a ristoranti e privati. Altro nome del Silene Vulgaris (ex inflata) è sciopetini, scrisioi, per il suono stridulo che le sue foglie carnosette e glabre fanno, quando strofinate: i bambini giocano ponendo i boccioli rigonfi nel palmo della mano e facendoli scoppiare, da qui il nome s-ciopetini. Emilia nel suo giardino fitoalimurgico, sfalcia la pianta come ortaggio da taglio, così raccoglie i nuovi germogli (getti). Le Silene sono piante dioiche, erbe bienni o perenni, legnose alla base (la vulgaris ha nodi ingrossati) alte 20-70 cm. Fusto villoso, vischioso, ramificato, prostrato o ascendente. Foglie opposte, ovali-lanceolate, vellutate, verde-glauco, generalmente con un fascetto di foglie minori all'ascella. Fioriscono da maggio ad agosto, con fiori ermafroditi, su peduncoli flessuosi, calice ovoide più lungo che largo, tubuloso, villoso e rigonfio nelle piante femminili, più allungato in quelle maschili: Silene prende il nome da Sileno, divinità della selva dall'enorme pancia simile al calice rigonfio di questa erba. Alcune specie hanno fiori che si aprono al tramonto di Luna (selene) spandendo un delicato profumo che attira gli insetti notturni che le fecondano; la corolla ha 5 petali bianchi (raramente rosei) con lembo bilobo su metà lunghezza; capsula (a forma di otre bruna, piriforme, con 6 piccoli denti rivolti in fuori, avente 160 semi sferici brunastri. Targioni Tozzetti, padre della fitoalimurgia, nel 1813 scrive: nell'inverno mangio foglie di silene cotte con le altre erbe, sono gustose, ottime per risotti, frittate, zuppe e ripieno di ravioli. Le prime foglie si consumano crude nelle insalate primaverili, portano croccantezza e sapore dolce che attenua l'amaro di altre erbe, oppure sbollentate per alcuni minuti e aggiunte alla frittata: Silene assieme a piantaggine, ortica, cicoria e tarassaco selvatici. Silene ha buon contenuto di vitamina C, carboidrati, sali minerali e mucillaggini, usata cotta è buon depurativo, stimola la secrezione biliare e nella eccessiva sudorazione (o colera), rimineralizza la perdita di sali; dunque è lassativa, diuretica e depurativa del fegato. Il TARASSACO (Taraxacum officinale) detto Dente-di-leone (dandelion), erba amara, piscialetto (pissenlit), soffione, brucia-occhi, ingrassaporci, bofarella, cicoria burda, rimedio-ai-disordini (greco taraxis/squilibrio e akas/rimedio, arabo-persiano tark-hasqun), è la Regina delle erbe da campo, perenne e polimorfa, diffusa in tutto il mondo; ha capolini fiorali giallo intenso che si chiudono al calar del sole e si riaprono all'alba, ad essi segue un soffione piumoso composto da migliaia di semi: nel compost sprigiona luce radiante simile al quarzo silice. Ama tutte le terre e riesce a vegetar pur da pezzi del suo fittone. Se lo ritieni una malerba, estirpalo dopo la pioggia e usalo in pacciame a strati (5cm) ai piedi degli ortaggi; altrimenti, puoi cogliere le sue radici, essiccarle, e farne infusi depurativi e digestivi: 30 g per litro d'acqua, oppure, 10 fiori freschi per tazza. Se in inverno mancano i fiori del tarassaco, si possono cercare le sue foglie e radici che, nell'uso officinale, son raccolte nei mesi autunnali e a febbraio. Le radici sono usate per rimedi erboristici dall'effetto diuretico e depurativo. Le sue foglie amare, ricche di potassio e sostanze amare (diuretiche), hanno molto ferro, sono commestibili e ottime in cucina, specie per farne frittelle, lessate e condite con olio di oliva, ingrediente di zuppe e minestre o condimento per pasta e riso: fiori e foglie sono aggiunti a insalate e risotti. Le giovani foglie (avanti fioritura) han sapore più dolce, buone consumate crude, lessate con altre verdure, cotte a vapore o in ammollo, dove lasciano un acqua nutriente. A fine inverno e primavera Emilia coglie le rosette basali e i boccioli, così, in autunni piovosi o dopo gli sfalci, coglie ancora i ricacci. La radice, tostata e macinata, è un surrogato del caffè. In alcuni mercati si trovano foglie, da cuocere o già bollite, sotto forma di palline strizzate, ripassabili in padella con olio, aglio e limone, oppure, adatte per frittate, minestre e ravioli. Emilia dà una ricetta: bolli le piantine, a cottura quasi ultimata aggiungi due uova e versa su crostoni di pane abbruscato con olio d'oliva. I boccioli dei fiori, messi in salamoia, sott'olio o sott'aceto, sono come i capperi. Mauro, un curandero veneto, dice: Tisan di piscialetto è buon diuretico, foglie e radici sono buone da mangiare da dicembre a tutto febbraio finchè la pianta rimane verde, poi diventa dura e si può solo bollire, usare come collirio per diversi tipi di mal d'occhi, (da cui il nome brusa-oci), o castracàn, ovvero, aiutare a pisciar. Usata come Lassativo, la radice-rizoma viene tagliata a fette, una manciata viene messa in una tazza d'acqua; si fa bollire e si beve la sera prima di dormire, oppure, bolli foglie di tarassaco, filtra e bevi più tazze durante il giorno. Tisan depurativa del sangue: trecento fiori aggiunti a 1 kg di zucchero, bolli finché ottieni uno sciroppo filante come il miele, dello stesso colore; prendine a cucchiai durante il giorno. I diuretici aumentano l'espulsione di urina, utile nel trattare l'insufficienza renale, ipertensione, glaucoma, cirrosi epatica e insufficienza cardiaca, tuttavia, possono avere ripercussioni sul bilancio idrico dell'organismo (disidratazione, nausea, crampi, ipotensione, collasso cardiocircolatorio). Il loro uso è diffuso nelle persone che desiderano dimagrire in tempi brevissimi e negli sportivi, per eliminare o diluire le sostanze dopanti: poichè con lo sport e la sudorazione si perdono già dei liquidi, l'uso di diuretici abbinato all'attività fisica è pericoloso. Cibi diuretici sono: una fetta di anguria, mela, uva, ananas, asparagi bolliti, carciofi (fegato-reni), cetriolo, cipolla (stimola urina), ortica, sedano, patate, borragine, virgaurea, pilosella, finocchio, fiori di sambuco, infuso di foglie di noce, di stimmi di mais, di foglie di betulla, equiseto, acque povere di sodio, caffeina e theina. Il decotto di Tarassaco massimizza gli effetti diuretici: bollire 6 g di radici secca in 100 ml di acqua, per 5 minuti, lascia macerare 5 minuti, filtra e servi tre volte al dì lontano dai pasti, oppure, 3-4 cucchiai di TM (20 g tarassaco in 100 ml di alcol, per 10 giorni) al giorno, lontano dai pasti. Nessun testo parla del Tarassaco prima del '500, Tabernaemontanus stabilisce che ha virtù vulnerarie ineguagliabili, la tarassacoterapia guarisce i malati; Culpeper scrive: quando appare il dente-di-Leone la primaverà è arrivata, è cura meravigliosa per i condotti urinari di adulti e giovani poichè, l'infuso o vino di questo fiore, sono ottimi rimedi all'infreddature alla vescica. Tarassaco rimuove i depositi di acidi negli organismi, così è utile a chi soffre di artrite, utile in caso di itterizia, calcoli biliari e insufficienza epatica; utile se si ha scarso appetito e dispepsie, blando lassativo e lenitivo delle emorroidi. Qualità e quantità vanno insieme in questa pianta, si trova tutto l'anno, fresca, come cibo e farmaco tra i più utili e popolari. In natura è molto adattabile, nano o basso, foglie ovali strette o flosce, frutti bianchi, rossi o grigi, inconfondibile fra tutte. Raccolgo sue radici prima che fiorisca, le foglie avanti fioritura, gli steli durante la fioritura; lavo il rizoma, tolgo radici laterali e taglio a strisce, essicco al sole e conservo al buio, in vasi vetro. Tarassaco ha flavonoidi, acido ascorbico, provitamina A, calcio; ha virtù sfiammanti, è ipoglicemica, stimolante del pancreas e ipo-colesterolo; gli effetti diuretici aiutano ad abbassare la pressione arteriosa. Tuttavia, per il molto potassio in radici e foglie, l'assunzione di estratti di tarassaco con farmaci/integratori al potassio può causare iperkaliemia (eccesso basico), mentre l'assunzione concomitante con FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei, tra cui aspirina e paracetamolo) può aumentare fenomeni allergici ai lattoni sesquiterpenici, ed effetti gastrolesivi in quanto l'Estratto farmaceutico di tarassaco già aumenta l'acidità gastrica (contiene sostanze amare) e, sebbene ben tollerato, in presenza di gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera peptica, calcolosi od occlusione delle vie biliari, è meglio assumerlo sotto controllo medico. Come tutte le asteracee, la sua radice è ricca di inulina, una fibra solubile con effetti prebiotici, utili a migliorare la funzionalità intestinale e a selezionare una flora enterica simbionte: il rizoma stimola la bile e il suo deflusso dal fegato all'intestino (virtù colagoghe e coleretiche), così i suoi estratti sono usati come disintossicanti epatici.. tuttavia, se l'amar dandelion è rimedio a chi ha sapor amaro in bocca, un semplice decotto di radici e foglie adulte (molto amaro) sostituisce caffè ed amari come tonico delle lente digestioni. La MARGHERITA da prato, detta Pratolina (Bellis perennis, oppure la chrysanthemum leucanthemum), fa parte di un vasto genere delle Asteracee che include piante perenni alte 10-30 cm; tutte portano gemme nei rizomi sotterranei (geofita rizomatosa, G rhiz) da cui, ogni anno, si dipartono radici e fusti aerei, a dare un cespo di fiori belli e appariscenti: le Margherite. Le margheritine sono comunissime, e sono usate nella fitoalimurgia di altre piante, umani ed animali. Le foglie più tenere della loro rosetta, colte prima della fioritura, si usano nelle insalate o nei minestroni, unite alle altre verdure; un infuso di fiori di margheritina stimola la diuresi e disintossica: per potenziarne le proprietà depurative, si possono miscelare a tarassaco, ortica e cicoria. Per uso esterno, qualunque Margherita essiccata e ridotta in polvere, se mescolata con lanolina, vaselina, olio o crema neutra, diventa un balsamo. Tussilago farfara (colt's-foot, hauflattich, Tussilage) è anch'essa una geofita rizomatosa, con aspetto cespitoso e fiori gialli simili a margherite. Il rizoma, strisciante, è carnoso e profondo, ma fragile, può raggiungere lunghezze di 2 metri. Gli steli aerei (10–25 cm) sono bianchi, non ramificati e ricoperti da fogliette squamose, sempre più rade verso l'apice, di colore rossiccio. Il nome Tussilago deriva dall'uso di questa pianta: togliere la tosse (tussis-agere), mentre farfarum significa 'portatore di farina', e richiama il tomento bianco, quasi ragnateloso, che ricopre fusto e foglie della pianta. Hieracium Pelosella (Asteracee) è pianta erbacea ispida e perenne, nota anche come orecchio di topo o lingua di gatto, per la forma della rosetta delle foglie basali, coperte da bianca peluria (da qui il nome), cresce spontanea nei luoghi aridi, montuosi e soleggiati dell'Eurasia. La fitoterapia attribuisce alla pianta intera fiorita, virtù diuretiche, antibiotiche e antinfiammatorie. Uno dei suoi componenti, l'umbelliferone, ha virtù antibiotiche utili nella cura della brucellosi, malattia infettiva provocata da batteri del genere Brucella, che ha molti sinonimi locali: febbre maltese, febbre mediterranea, febbre di Cipro, febbre di Gibilterra; febbre ondulante, tifo intermittente; colpisce alcune specie animali causando mastite bovina e aborto, può colpire accidentalmente l'uomo, per via diretta o indiretta (consumo di latte e formaggi freschi infetti), causando una forma morbosa che simula altre malattie febbrili. La pilosella promuove l'escrezione e il deflusso della bile (azione coleretica e colagoga), utile nella detossificazione epatica; aiuta a depurare il sangue dagli eccessi di una dieta ricca di proteine animali e da purine (di insaccati, frattaglie, sardine, acciughe); drena liquidi di accumuli adiposi (cellulite, gonfiore alle caviglie, edemi di arti inferiori, ritenzione idrica). Promuovendo la diuresi, pilosella è utile in presenza di calcolosi urica e infezioni urinarie (cistiti ed uretriti) poichè facilita l'eliminazione dei patogeni via urine. Alle dosi consigliate è pianta sicura. ASPRAGGINE (Picris echioides, asteraceae) detta altrove grattalingua, Rajci de campo, è un erba edule, che, nel nome in lingua greca (picrós), richiama sia l'amaro sapore del lattice che fuoriesce dal fusto spezzato, sia la pungente sensazione della pianta adulta sulla lingua (grattalingua) che richiama il morso di una vipera (echis). Tale pianta è polimorfa riguardo a portamento e pelosità: può essere eretto o prostrato, subglabra o pelosa densa, quasi pungente; i fusti (40-60 cm) sono striati, arrossati, ramosissimi; ha foglie basali spatolate (5-7x14-22 cm) con picciolo alato, qua e là con grosse verruche biancastre. Capolini corimbosi, squame esterne cordiformi, un involucro cilindrico, fiori gialli con ligula venata rosso-violetto di sotto, achenio con becco allungato, liscio. A primavera si raccolgono le rosette basali che, nonostante l’apparenza ruvida e pungente, una volta lessate diventano tenere e dolci, usata nel misto di erbe cotte per mitigare l'amaro delle cicorie. Si può cuocere da sola, con altre erbe per ottimi minestroni, zuppe o ripieni di ravioli, piadine e focacce. La pianta produce semi dalla fine di giugno, utili al giardino fitoalimurgico: la raccolta delle rosette basali va fatta con molta attenzione, per favorire il ricaccio di nuovi germogli teneri e croccanti, specie se la stagione è piovosa. ANCUSA borrago (Anchusa officinalis, borraginacee) è pianta fito-alimurgica e cosmetica, villosa (pelosa) e mellifera come le altre borraginacee: Borrago, Pulmonaria, Boglossa e Mysotis. Il genere Ancusa (arvensis, tinctoria, officinalis, etc) è presente in Italia con 8 specie variabili, ed è localmente detta Lingua di Bue, per la forma e rugosità delle foglie, o para-Borragine. Dalla radice di Anchusa tinctoris si ricava un colorante rosso (ankousa), usato per dipingere il legno, colorare alimenti e bellettare il viso delle donne: la parte centrale della radice è ancora usata a preparare rosseti. La pianta ha fusto sotterraneo che si propaga nei campi incolti, margini di strade, macerie... foglie e sommità fiorite (giu-lug) fresche od essiccate, hanno virtù sudorifere, emollienti, depurative e diuretiche sfruttate nelle Cure di Primavera, diuresi, influenza, tosse e nefrite. Anchusa officinalis, come pianta officinale e alimentare, emerse dal bacino pannonico all'Anatolia, poi, a seguito del pascolo ovino, si espanse a ovest, settentrione, est (Ucraina, Valacchia) e tutto il bacino Mediterraneo e del Mar Nero, e ovunque vi fosse clima continentale steppico, con inverni freddi e estati calde: le znaharke slave usavano il decotto della sua radice per purificare il sangue, calmare la tosse, e come espettorante. Tal eredità, nella moderna fitoterapia, si traduce in tisane per fluidificare il catarro, infiorescenze per infuso sudorifero utile a trattare le affezioni polmonari, intestinali e cardiocircolatorie; pomate per trattare contusioni e tagli; molte erboristerie usano la più nota Borragine che gode delle medesime proprietà. Come rimedio omeopatico (tintura madre diluita fino a 6 volte), Ancusa aiuta a combattere le infiammazioni intestinali, poichè contiene cinoglossina, mucillagine, tannino, nitrato di potassio. Gli steli lessati di Ancusa accompagnano ottimamente le uova sode; le foglie si possono mangiare lessate e condite con olio e limone, oppure, ripassate in padella con olio, aglio e peperoncino. La Pulmonaria officinalis cresce nei boschi misti di montagna (terme di Fiuggi), ha proprietà espettoranti, astringenti, lenitive, emollienti e diuretiche; è usata nella cura di geloni, contusioni, screpolature della pelle, catarro e infiammazioni di gola. Il Miosotis scorpioides, detto Nontiscordardime, ricordo d'amore e misotide, è una borraginacea che, per tutta l'estate, offre fiori celesti con occhio giallo nei pascoli umidi di montagna; la pianta essicata sostituisce il meliloto contro le infiammazioni degli occhi (congiuntiviti, occhi e orecchi) mentre, grazie ai sali di potassio, è usata contro astenia e manifestazioni di atonia. La leggenda persiana narra che un angelo fu cacciato dal paradiso perchè s'innamorò di una mortale, per penitenza seminò la pianta del Nontiscordardimè ai quattro angoli della Terra, così ottenne la compagna immortale e la pace eterna del paradiso ritrovato. La Boglossa (cinoglossum officinalis), detta lingua-di-cane, lingua-di-bo, erba vellutina, ha foglie lunghe e molli, infiorescenze scorpiodi di fiori rosso-viola e frutti uncinati. In Francia è usata come sedativo, in pillole, assieme ad oppio, giusquiamo nero, mirra e zafferano. La foglia fresca si usa in cataplasma contro scottature, screpolature, afte e pruriti. La Borragine (Borago officinalis) è pure pianta erbacea annuale, edule, ispida con peli bianchi pungenti. Cresce lungo le siepi, i margini delle strade di campagna e dei campi non coltivati; è reperibile in primavera e in inverno, specie nelle zone a clima mite. Può essere essiccata per l'inverno; le foglie più tenere si colgono prima della fioritura e si consumano dopo bollitura, in quanto, come le altre borraginace, contengono alcaloidi pirrolizidinici (epatotossici) che invitano a consumarle solo in modeste quantità. Il 3% delle piante da fiore del mondo contengono tali alcaloidi, prodotti come meccanismo di difesa contro insetti fitofagi e animali erbivori: alcuni lepidotteri li usano come precursori per la sintesi di feromoni e per difendersi dai predatori. Il miele può contenere alcaloidi pirrolizidinici, così come i cereali, latte, frattaglie e uova. Foglie o cime di Borrago han sapore di cetriolo, sono buone per condire risotti, insalate, mineste, pietanze, riempire ravioli e frittate. I fiori di borragine si raccolgono insieme ai nuovi germogli e vengono impiegati crudi per insalate miste, decorare piatti e aromatizzare vini: fiori e foglie possono essere passati in pastella e fritti. La pianta sollecita le ghiandole surrenali e il rilascio di adrenalina che, circolando, arreca forza e coraggio nei malati. In passato borago veniva usata come cicatrizzante (vulneraria), di qualsiasi ferita riportata in battaglia. come la Ancusa borago, il Tè caldo di fiori e foglie (fresche o secche) di borragine, depura reni, vescica, sangue, pelle (eczemi, foruncoli, rosolia scarlattina), calma tosse, tensioni e lenisce gastriti. Infine, tutte le borrago hanno calcio e potassio percui, se 150 g di foglie sono fatte macerare in 1 litro di acqua per 1 mese, daranno un buon fertilizzante. Altra Boraginacea è la Consolida-comfrey (Symphytum asperrium, boraginacee), pianta edule ricca in vitamine B-12; cresce in posti umidi e ombreggiati, sà fertilizzare, così, io metto a macerare le sue foglie già sfruttate in cucina. Chiamata aggiusta-ossa (adjust-bones), lei aiuta la schiena a mezzo delle sue radici, pestate e poste come poltiglia su ferite da guerra o da distatri; cura pure le emorroidi, gli stomaci peptici (digestivo), ulcere e coliti e lenisce infezioni respiratorie. Foglie e radici contengono allantoina, sostanza che stimola la moltiplicazione cellulare, usata per cicatrizzare ferite, regredire infiammazioni e malattie cutanee. Bardana (Arctium lappa, Composite), dal greco arctos (orso, irsuto) e lappa (io prendo), è detta lappa lappola, scarpanazzi, ingaiazzi, Burdock in inglese; è una pianta biennale con fusto vigoroso che fiorisce al secondo anno, con capolini muniti di uncini. Alta fin due metri, ha grandi foglie a forma di cuore, verdi sopra e grigio-velluto sotto, dentate e picciolate, le superiori più piccole e spesso sessili; fiorisce in estate con bei corimbi rosati; ha radice lunga a fittone, carnosa, bruna fuori e bianca dentro, inodore e con sapore amaro o dolciastro; comune in pianura, è percepita come infestante o come ortaggio dal gusto di barba di becco: in Giappone viene coltivata e selezionata per le radici, consumate col nome di gobo. Si mangiano le foglie (crude o cotte), lo stelo fiorale, i giovani germogli in insalata (con acciughe o capperi) e le radici: raccolta la radice, è bene spargere tutt'intorno alla zona i semi, che dopo germinati, lavorano come bio-aratri di profondità. La radice è grossa solo nelle piante di 2-3 anni, va cotta a lungo, magari a vapore, poi condita con olio. Lo stelo fiorale (prima della fioritura) va pulito dalle foglie e dalla parte fibrosa esterna, poi va cotto anch'esso. I piccioli possono essere cotti o fritti con pastella di farina di ceci: il sapore ricorda il carciofo. Emilia dice: se la vecchiaia vuoi tener lontana, fatti amica cicoria e bardana. Lei usa la radice lavata, pulita e tagliata a strisce, raccolta in autunno o primavera avanti fioritura: in caso di seborrea al capo (una delle cause di calvizie) consiglia frizioni con decotto di radice. Un infuso di radice e foglie è depurativo e sudorifero, utile contro le dermatosi; tutte le parti della pianta sono più efficaci se usate fresche: le foglie schiacciate e messe sulla pelle hanno azione battericida contro tutte le affezioni cutanee, alleviano dolore e gonfiore di punture di ragni e insetti, cicatrizzano, curano piaghe, acne e pruriti. Per uso interno si usano le radici fresche (autunno) e talvolta i semi; ha virtù antidiabete, antidiarrea, depurative, sudorifere. Bardana entra nel preparato Essiac (tisana di radice di bardana, acetosa, trifoglio rosso, piantaggine, radice di rabarbaro), un mix per cura disintossicante, depurante e purificante dell'intero organismo, ispirato alle cure dei nativi Americani. Preparazione di 1 litro di tisana: 1) 100 grammi di queste erbe s'immergono in un litro d'acqua in una pentola 2) si fa bollire qualche minuto con pentola chiusa 3) versare il decotto in una bottiglia. Assumere 6 cucchiai al giorno (2 a mattina, 2 a pomeriggio, 2 a sera), lontano dai pasti, anche insieme all'aloe. La Bardana potenzia il sistema immunitario, purga e disintossica reni e cistifellea, favorisce l'eliminazione della bile in eccesso e dei residui tossici, alleviando i disturbi del fegato e migliorando la digestione: è utile nei casi di morbillo, piaghe, morsi, pruriti, punture, gotta, reumatismi, ascessi, cure di primavera e crescita dei capelli. Le PIANTAGGINI (Plantago lanceolata, detta piantaggine femmina, lingua d'oca, centonerbi; Plantago media, detta petacciola-pelosa; Plantago major, detta sette-nervi) sono erbe perenni con rosetta basale e foglie persistenti più o meno picciolate, a lamina ovale (la maggiore) o lineare-lanceolata, percorse da nervature. Inflorescenze a spighe lunghe 5-12 cm (major) o 1-5 cm (lanceolata). Fioriscono a mag-set. Tutte hanno stesse virtù curative sia ad uso interno sia ad uso esterno. I curandero della Tuscia, da sempre usano il succo fresco delle loro foglie come collirio per occhi affaticati (quasi a bilanciare l'allergia del loro diffuso polline), e usano le radici grattuggiate di centonerbi per imbottire il canale auricolare, al fine di alleviare il mal di denti. Essendo piante perenni, è possibile cogliere le loro foglie tutto l'anno, da usare fresche nelle insalate, cotte nelle minestre o essiccate per scopi curativi. La piantaggine cotta eccelle nel contrastare la diarrea; un suo infuso verde è utile per sciacqui alla bocca e in caso di mal di denti; qualche goccia di TM su batuffolo posto nell'orecchio ne allevia il dolore. Emilia, a primavera coglie le foglioline più tenere di P. lanceolata per aggiungerle alle misticanze; le foglie più sviluppate (giu-ago) le essicca subito al sole o in forno tiepido, per evitare l'annerimento, poi le conserva in sacchetti di carta o tela; i semi, ottenuti recidendo le spighe quando cominciano a imbrunire (ago-set), battuti e setacciati, si conservano in recipienti di vetro/porcellana al riparo dall'umidità, sono il cibo preferito dei canarini. Semmel, nonno di Taras e curandero di Bomarzo, bolliva le radici nel latte, che usava come collutorio per sfiammare il cavo orale; usava succo e foglie per curare acne, epistassi, flebiti, piaghe, morsi e punture di animali; mentre usava un infuso/decotto (50 g foglie in litro d'acqua) per combattere raffreddori, bronchiti, stitichezza e, come collirio, per lenire rossori e congiuntiviti. Il suo decotto è ipo-glicemizzante; nel bagno è antireumatico, utile contro stanchezza, distorsioni e piaghe dei piedi, giacchè come diceva Semmel, da sempre è calpestata dai viandanti. Ibn Sarabi (Serapiom), la chiama Plantasene, e invita i suoi pazienti a magiarne le foglie e masticare la radice per far passare il mal di denti; inoltre suggerisce di preparare un impiastro con sale e foglie di Plantago per lenire scottature da fuoco e guarire le ferite provocate dai morsi dei cani. Oggi alla luce dei costituenti (mucillagini, tannini, acido silicico, vitamina C, sostanze amare, glucoside aucubina e molte altre), Plantago è riconosciuta astringente, espettorante, emostatica, refrigerante, emolliente, antiflogistica, antisettica, depurativa, ricostituente del sangue (ematopoietica), emocoagulante e regolatrice dei flussi. L'aucubina agisce su tiroide e paratiroide, coinvolgendo circolazione linfatica e sanguigna, sistema osseo (equilibra calcio-fosforo), muscolare, organi genitali ed eccitabilità nervosa. Plantago lanceolata per uso esterno è vulneraria, antipruriginosa e antinfiammatoria; usata per piccole ustioni, punture, scottature, e acne. Per uso cosmetico è usata in maschere e creme, per normalizzare pelli secche e disidratate. Il ROMICE Crespo (Rumex crispus, patientia, obtusifolius, Poligonacee), detto Lapazio, erba-Pazienza, lavasso, romice dei prati, acetusa selvaggia, è una pianta perenne alta fino a 1 metro (incluso pannocchie), ha fusto rigido, scanalato e tinto di rossastro, portamento cespitoso, rizoma a fittone carnoso/legnoso che può affondare nel suolo fino a 80 cm; foglie inferiori (basali a rosetta) alterne e picciolate con nervature centrali rossastre, ovali o cuoriformi con bordi increspati, simili a lancia; foglie del fusto piccole e con picciolo ridotto; fiori ermafroditi verdastri (giu-set) con pedicelli filiformi, riuniti in una lunga e densa spiga, e in racemi alle ascelle fogliari superiori. I tre romici sono parenti dell'acetosa ma senza il sapore acidulo, di essi si usa il succo fresco, foglie e radici essiccate (ott-nov), rimedi efficaci ma con azione a lungo termine (da qui il nome di erba-Pazienza), si dovrà sopportare per diverse settimane il sapore amaro di queste piante per ottenere effetti benefici: gli erboristi, per eliminare tale inconveniente, preparano cachets contenenti polvere delle radici da inghiottire senza masticare. Lapazio è utile nella cura di primavera, anemia, dermatosi, fegato, stitichezza, ulcera; è ricostituente, astringente, allevia dolori, fragilità e rossore. Le loro radici, pulite senza lavarle, si essiccano al sole, sono ricche di ferro, aiutano a regolarare l'intestinale, pulire il sangue, alleviare umore, dolore e squilibri di Pitta (fuoco); il suo infuso ha proprietà antiscorbuto, amaro-toniche, eupeptiche, sfiammatorie e depurative. Le loro giovani foglie si preparano cotte in minestre o crude in insalata, sono ricche di vitamine e minerali (ferro, A e C), depurative, toniche e blando-lassative; cataplasmi fatti con esse si usano su dermatiti varie (eruzioni al collo, alla schiena, ascelle, etc) e, in decotto, a combattere le emorroidi sanguinanti. Nella stessa famiglia delle poligonacee, abbiamo la Bistorta e l'Rumex ACETOSA edulis, detta Erba brusca, erba-salina, ossalida, sansara, saleggiola, salzarielle, jerbo-fort.. pianta perenne come tutto il genere Rumex, ha fusto rossastro striato, cavo, ramificato; foglie grandi verde scuro, glabre sotto, inguainanti e dotate di orecchiette, quelle basali han lungo picciolo; fiorisce a mag-set con grappoli di piccoli fiori dioici composti da sepali striati di rosso. Acetosa è diffusa nelle campagne e conosciuta dai ragazzi che amano masticare le foglie acide per calmare la sete (idem portulaca, radice di raponzolo, more, ribes rosso e uvasipna), mentre al bestiame provoca diarrea. Si coltivano diverse specie di Acetosa, quelle coltivate al sole sono più acidule di quelle all'ombra. Foglie e fusti freschi sono rimedio alle punture di insetti, specie il succo, vince lo scorbuto e l'eccesso di sudore: è digestivo, lassativo, astringente e antireumatico, ma è controindicato in caso di coliche, gastriti, calcolosi ed artriti gottose. Erba brusca contiene ossalato di potassio, acido ossalico, clorofilla, vitamine (A, B, C, D, E, K, P e U) e minerali (calcio, magnesio, ferro, iodio, manganese e zinco): rinforza le cellule e migliora l'assorbimento di ossigeno; riduce i danni da radiazioni, chemio e, nel preparato di Essiac, cura malattie degenerative, infiammazioni e tumori. Per le sue virtù depurative e digestive, Sansara entra nel brodo delle erbe primaverili consigliato ai febbricitanti, Emilia dà la ricetta: far bollire 40 g di giovani foglie di acetosa, 20 g di lattuga e porri, 10 di spinaci (anche selvatici) e bietole, aggiungi una noce di burro od olio di oliva. Acetosa, ripete Emilia, è buon disintossicante dell'intero organismo ma non è tollerata da tutti (es. l'abbondante polline può dare allergie agli ipersensibili): fa bene una manciata di foglie crude nell'insalata, o cotte nel mix di zuppe, ma bisogna evitare di abusarne, poichè, gli ossalati ad alte dosi intossicano i reni, inoltre, non usare recipienti di rame e ricordare che è incompatibile con le acque minerali: dovranno asternersene i gottosi, i reumatici, artritici, coloro che soffrono di iperacidità gastrica e chi è predisposto a litiasi. Altre piante che contengono acido ossalico e per cui valgono le stesse regole dell'Acetosa, sono il Rabarbaro, Spinacio e Acetosella (Oxalis acetosella, Ossalidacee). Acetosella come altre piante, preannuncia i temporali rialzando le foglioline, è detta erba brusca bassa, lambrusca, agretta, melagra e pentecoste; si trova nei boschi freschi e, per identificarla, bisogna chinarsi a terra a confrontare le sue foglie con quelle del Trifoglio: Oxalis ha sapore leggero di aceto; i suoi fiori sono simili a quelli del Lino, più rosa che blu, e sbocciano sempre a Pasqua. Emilia la aggiunge alle minestre o all'insalata (al posto del limone), preparandola come gli spinaci, ovvero, elimina la sua acqua. A volte poi, la usa per fare limonate e tisane, specie per i figli febbricitanti. Un tempo il sale di acetosa dei droghieri, preparato con acido ossalico dall'acetosella, si usava per pulire il cuoio, cancellare macchie d'inchiostro e di ruggine dai tessuti, e disincrostare i radiatori di automobili. Emilia usa anche il TRIFOGLIO Rosso dei Prati (trifolium pratensae), colto tra maggio e ottobre, lo mangia crudo in insalata o in infuso come il tè. Trifoglio rosso e Bardana hanno effetti antiossidanti, disintossicanti e curativi del cancro, tanto che, in passato, veniva usata per salvare le persone morse da serpenti e scorpioni. L'infuso di rizoma di GRAMIGNA (Cynodon dactylon, graminacee), agisce come diuretico e depurativo; tale pianta erbacea perenne, piccola e invadente, ha rizoma ricco di amido e tracce di olio essenziale avente agropirene, un essenza con virtù antimicotiche. La gramigna fa penare contadini e giardinieri, ma il suo decotto è molto efficace contro le infiammazioni del tubo gastroenterico e dell'apparato genito-urinario; il gusto e l'effetto migliora se si aggiunge qualche grammo d'orzo e liquerizia. Cani e gatti, quando si sentono male, vanno a cercare la gramigna, così l'allevatore che, per mantener sani i suoi animali, ne unisce qualche manciata al foraggio. La Beccagallina (Stellaria media, parente della anagallis arvensis, cariofillacee) detta anche Centocchio comune, erba oselina, pavarazza, è una pianta annuale spontanea, diffusa in tutto il mondo e molto comune in Italia. Sebbene considerata una pianta infestante dei coltivi, è molto appetita da tutti i volatili di corte, specie semi e foglie. Il nome centocchio deriva dai nodi dei suoi fusti molli e raggruppati, che, in cerca di luce, si raddrizzano, si avvolgono e ricadono su altre piante, mentre restano prostrati al suolo se manca tal vegetazione di supporto. Stellaria ha foglie opposte e molto picciolate, fiori piccoli a forma di stelle bianche, portati alle ascelle delle foglie della sommità del fusto; si chiudono la sera e durante la pioggia. La pianta gode di grande vitalità, può partorire fin cinque generazioni l'anno pertanto offrire succo fresco tutto l'anno! Si usa in cucina in Liguria, Toscana e Lazio, dove rientra nella preparazione di zuppe e minestre caserecce, mentre il noto naturopata bavarese, Sebastian Kneipp, la consumava cotta o fresca in insalata, e ne vantava le qualità calmanti delle irritazioni delle vie respiratorie, diuretiche (sali di silicio e potassio), galattofughe, toniche, antianemiche, e vulnerarie di emorroidi ed emorragie. CORREGIOLA (Polygonum aviculare), detta lingua di passera, è pianta arbustiva e strisciante della famiglia delle Polygonaceae, di cui, almeno 25 sono spontanee della flora italica. Corregiola è polimorfa nel portamento, nella forma delle foglie e nella lunghezza degli internodi (le piante gracili hanno internodi più lunghi e si presentano più slanciate; quelle più cespugliose hanno internodi più ravvicinati), pertanto è capace di adattarsi temporaneamente alle condizioni ambientali più disparate, per poi riprendere le forme vegetative usuali al ritorno delle normali condizioni (ad esempio, in ambienti litorali ha foglie più grassette); l'impollinazione incrociata aumenta la sua diversità di specie. Uccelli, cavalli, porci ed altri animali domestici ricercano avidamente queste piante, mellifere e nitrofile; Corregiola si propaga orizzontalmente su vaste aree, così disturba le coltivazioni di piante alimentari come cereali o bietole. In Cucina, le parti eduli sono foglie e semi, contenenti un albume farinoso; le foglie sono pure usate negli infusi. Corregiola ha tannini (tiamina), acido silicico, acido ossalico, mucillagini e flavonoidi (riboflavina), nella medicina popolare è nota emostatica, usata un tempo contro emottisi e tubercolosi polmonare; oggi, colta durante la fioritura, è usata a diminuisce la sete nei diabetici, cardiotonica (regola la frequenza cardiaca), vasocostrittrice (restringe i vasi sanguigni aumentandone la pressione), diuretica (facilita il rilascio dell'urina), emetica (provoca il vomito, utile in caso di avvelenamento), vermifuga (elimina i vermi intestinali), antiflogistica (guarisce dagli stati infiammatori), vulneraria (guarisce le ferite), espettorante (spurga le secrezioni bronchiali). Dalle foglie si estrae un colorante blu indaco, mentre giallo e verde si ottengono dalle radici. GALIUM Aparine (Rubiacee) è una pianta annuale con radice e fusto gracile ma rampicante, avvolgente, peloso ai nodi, localmente chiamata attaccaroba, attaccamane, rasparella, reseghetta, femmina-invadente (apairo in greco significa far-presa);i suoi fusti, foglie e frutti si aggrappano tenaci, con piccoli aculei a uncino, alle vesti e mani delle persone, al pelo di animali e agli arbusti vicini, al fine di sostenersi. Comune e invadente, da maggio a ottobre Galium costella siepi e macchie coi suoi fiorellini bianchi portati all'ascella delle foglie, poichè, come narra una leggenda, un tempo le pastorelle usavano riunire in fascetti i fusti dell'aparine per chiarire/cagliare il latte, con la radice torrefatta sostituivano la cicoria, e, con i piccoli frutti spinosi, essiccati e macinati, preparavano una sana bevanda simile al caffè. Come rimedio, ancor oggi si usa la pianta fresca (mag-set) e il succo fresco, oppure la pianta essiccata rapidamente (per evitare che anneriscano i fiori) e serbata all'asciutto. Taras ne beve l'infuso per purificare gli ureteri e lenire il dolore alla vescica: l'infuso bevuto caldo è un ottima cura per la vescica infreddolita (dal freddo o da un suolo gelato), aiuta gli ureteri, depura e da vigore al sangue, così, lui la consiglia agli anziani per aiutarli in caso di circolazione sanguigna rallentata. Galium è ricco di vitamina C, consumata in brodo rimedia allo scorbuto, ovvero, una carenza di vit.C che causa indebolimento muscolare, dolori articolari, pallore e tendenza alle emoraggie evidenti su gengive e piaghe. Galium in decotto viene usata per impacchi nella cura di ulcere di pelle e scrofolose: le giovani figlie di Taras solevano bere infuso di Attacamani per mantenersi snelle, eliminare l'acne, fare sciaqui alla bocca e fare lozioni capaci di lenire le scottature solari. Galium è utile e preziosa, ha virtù diuretiche, aperitive, sudorifere, sfiammanti e cicatrizzanti: il succo fresco o un cataplasma di foglie fresche tritate, applicati su una ferita, possono arrestare un emorragia, oppure, possono sfiammare in caso di gonfiori e tumefazioni. FUMARIA officinalis, è una pianta della famiglia delle papaveracee, si usa come depurativo e ipotensivo poichè contiene potassa e acido fumarico, che ha anche proprietà detergenti, diuretiche, lassative e toniche: in molti paesi del mondo è pianta che aiuta a diventare centenari, in Francia è la Fumeterre del 3 Marzo, giorno che il calendario repubblicano dedica al suo fiore, usato come stimolante della secrezione biliare e protettore della vista. A bassi dosaggi stimola respiro e circolazione, mentre ad alte dosi le deprime. In cucina si usano i getti teneri cotti per minestre/zuppe, ma ha un sapore amarognolo di fumo, così si usa con parsimonia. Fumaria contiene anche tannino, alcaloidi (berberina e protopina). La SAEPPOLA (conyza canadensis, Asteraceae), detta Erigero, Scoa-matta, Sorgastrella, Spazzador, è pianta erbacea annuale, alta fin 1 metro, proveniente dal nordamerica, dove è usata a fermare emorragie e come vermifuga. Seppola è invadente ed esclusiva, propaga facilmente e produce pannocchie di piccoli fiori biancastri. Pur producendo resine infiammabili, resiste al fuoco che distrugge le altre piante. Erigero ha gusto amaro poco appetito dagli animali, il nome conyza allude alla polvere secca che la pianta usa per respingere insetti indesiderati. Il genere Conyza comprende 50 specie: americane, europee, asiatiche e africane; in Europa seppola è usata in medicina e omeopatia poichè diminuisce il glucosio nel sangue, astringe (limita secrezion di liquidi), è diuretica e tonica. Si usano infusi dei fusti contro infezioni intestinali e urinarie. Le foglie, dopo trattamento, son usate come tabacco da fiuto; in persone allergiche il suo polline a contatto della pelle può causare dermatite. In cucina si usano le foglie in insalata, cotte o bollite, in quantità limitata per il suo gusto amaro. Le foglie fresche son ricche di oli essenziali, usati per aromatizzare caramelle, bevande analcoliche, ed esotizzare i profumi. Altre piante eduli (fitoalimurgiche): Mercorella (mercurialis annua), Valerianella, castracane, Favagello, Fiordicuculo, spaccagrotte, radicchietta, pimpinella spp., pizzarello. Il cerfoglio selvatico (Anthriscus sylvestris) può ricordare il prezzemolo nella forma e colore delle foglie. Si tratta però di una pianta fitoalimurgica differente, selvatica: le sue foglie sono usate crude per condire funghi ed insalate; mentre, come rimedio erboristico è diuretica e cosmetica. Virgaurea, Hsiao pai-lung in Cina (Solidago virgaurea, asteraceae) è una pianta erbacea con lungo fusto, ornato, nelle parti superiori, da grappoli di fiori gialli; cresce spontanea nelle zone prative, collinari e montane. Se la pianta è situata in un bosco deciduo e ombroso è facile che rimanga in un letargo producendo al più alcune foglie basali; ma appena il bosco si schiarisce (o viene tagliato) la pianta prende nuovo vigore e ricomincia a produrre fusti fioriferi. Verga d'oro indica molte altre specie di solidago (gigantea, californica, canadensis) aventi analoghe virtù fitoterapiche e le cui foglie sono usate a curare le ferite. Conosciuta come bacchetta dorata, virgaurea cura problemi renali e della vescica, tossi e forme d'asma, così è indicata negli stati infiammatori del tratto urinario (cistiti, uretriti) poichè ostacola la formazione di calcoli renali: un infuso di fiori di virgaurea stimola l'uscita delle scorie attraverso l'urina, ed è rimedio contro cistiti e tutte le forme di reumatismi. Le parti aeree della Virgaurea sono espettoranti, sfiammanti, diuretiche, blande sedative e possono ridurre il colesterolo; le sommità fiorite hanno azione diuretico-depurativa, astringente, utile in casi di gotta ed iperuricemia. Virgaurea un ingrediente degli integratori drenanti, usati nel trattamento della ritenzione idrica e inestetismi della cellulite, dove, per massimizzare l'eliminazione delle scorie metaboliche, è associata a dieta ricca di liquidi e alimenti vegetali (potassio e magnesio). EBBIO (Sambucus ebulus, caprifoliace), detto Ebulo, gebio, sambuco femmina, è una grande pianta erbacea perenne, cresce nei campi con suolo fertile, ai margini dei boschi; il proverbio dice: se senti odore di ebbio compra il terreno, sarà certamente buono (fertile)! l'odore delle sue foglie, quando sfregate, è molto forte e nauseante, mentre quello dei fiori ricorda le mandorle amare. In settembre la pianta si ricopre di bacche nerastre rigonfie di un succo porpora, usato dai 'figli' del dio dei boschi, Pan, per tingersi il viso durante le cerimonie rituali. I principi medicinali dell'ebbio sono più intensi del sambuco nero arboreo (Sambucus nigra), sebbene le bacche siano tossiche e tutta la pianta, usata in forti dosi e a lungo, può causare avvelenamento: la drupa nera è drastica purgativa (alcaloide sambucina e saponine). In medicina si usano radici, corteccia, fiori (giu-ago) e foglie, tutti essiccati; La radice è lassativo-purgativa, efficace diuretico e antiedema; la corteccia, (mai fresca), è usata come antireumatico e diuretico (meno efficace della radice ma di pratica raccolta); le foglie mitigano i dolori reumatici; i fiori essiccati son sudoriferi, usati nelle affezioni bronchiali e per aumentare il latte delle nutrici; infuso di ebbio usato contro la tosse spasmodica: 30 gr di fiori in un litro di acqua bollente lasciati per 10 minuti; in Tuscia a tale infuso vengono aggiunti 15 gr di semi/fiori di finocchio selvatico. EVONIMO (Euonymus europaeus), detto fusaggine, fusaria, berretta del prete, è un arbusto a foglie caduche alto fino a 5 m, ha corteccia grigio-verde con striature brunastre. I fusti e i rami più giovani sono verdi con punteggiature chiare ed hanno sezione quadrangolare. Le foglie opposte, glabre, da ovale a lanceolate, con apice acuto, pagina superiore più scura della inferiore, compaiono in aprile, seguiti da piccoli fiori bianchi ermafroditi (meno di 1 cm di diametro) poco appariscenti, di odore sgradevole, riuniti a 2-5 all'ascella delle foglie (4 petali e 4 stami disposti a quadrato) che, in autunno, danno origine ai frutti a quattro lobi, di color rosso corallo, che, avendo l'aspetto simile al copricapo usato un tempo dai sacerdoti cattolici, ispirò il nome Berretta del prete. Per gran parte dell'anno questa pianta è un anonimo arbusto, in autunno invece, sfoggia foglie colore bronzo, giallo-arancio e poi scarlatto, i frutti rosa intenso si aprono mostrando i vistosi semi arancioni: tossici per gli umani (mettere in guardia i bambini) ma molto appetiti da insetti e uccelli; Per uso esterno, i frutti si possono usare per frizioni contro la scabbia, e la polvere dei semi come unguento contro i pidocchi: la pianta ha virtù insetticide, detergenti, emetiche e colagoghe. Semi, foglie e corteccia contengono vari alcaloidi e un glucoside cardioattivo (evonimoside) simile a quello della Digitale: i sintomi dell’intossicazione, per umani ed animali (cavalli, pecore, capre), si manifestano con gastroenterite, vomito anche persistente, diarrea; la loro comparsa è tardiva, fino a 10-12 ore dopo l'ingestione, specie dei semi; una persona sana può tollerare l'ingestione fino a tre semi; quantità maggiori possono provocare nausea, mal di stomaco, diarrea ripetuti. Arbusto di rapida crescita, sviluppa chioma ampia e arrotondata resistendo a gelo e vento, ma non al sale; ama sole o semi-ombra, climi temperati caldi e suoli asciutti. Euonymus, che in greco significa "di buon auspicio, è diffuso nei boschi dove offre riparo agli uccelli e nettare alle api; adatto ai parchi, aree stradali, giardini privati e margini boschivi, viene posto a dimora per consolidare ripe, formare barriere antirumore e frangivento. Il suo legno duro, compatto e duttile, è usato per lavori al tornio, manici di utensili, cannelli per pipe, sculture. In passato, serviva anche a fabbricare fusi per filare la lana, da quest'uso deriva il nome Fusaggine. La nonna di Taras, usava radici e foglie fresche (se bollite sgrassano e candeggiano la biancheria) di GIGARO (Arum maculatum) per ferite difficili e bruciature: contro i reumatismi, lei schiacciava e strofinava le bacche rosse del gichero sulla parte dolorante, subiva un forte bruciore iniziale, ma poi passava. La pianta di Gichero ha proprietà antiasmatiche e antitussive, inoltre, contrasta emorroidi e polipi del naso. La polpa del suo tubero ha cristalli di calcio ossalato, caustici. La Celidonia (chelidonium majus) detta erba da porri, è usata localmente su piaghe ribelli, così il suo lattice come quello del Fico, è caustico per porri e verruche: due applicazioni al giorno, mattino e sera, fino a eliminazione di calli e duroni, senza limite di tempo, non ingerire. Linaiola comune (LINARIA vulgaris, erba strega, scrofulariaceae), è pianta perenne somigliante al lino. Erba dal sapore acre e amaro, ha bei fiori che, se colti giovani, son commestibili in insalata. Linaria ha proprietà astringenti (riduce secrezioni e induce stitichezza), emollienti, depurative (purga il corpo via pelle ed escretore), diuretiche, lassative. Nella medicina popolare fu usata per regolarizzare il transito intestinale, funzionalità epatica, trofismo delle mucose (enterite, epatite, problemi alla cistifellea ed edema) e nei disturbi della pelle (uso esterno contro emorroidi, eruzioni cutanee, piaghe ed ulcere). Nei rimedi omeopatici è usata a trattare eruzioni cutanee, nausea, sonnolenza. Il decotto di radici di VERBASCO (Verbascum thapsus, scrofulariace), detto Tassobarbasso, caruga, candela-regia, barbaraschio, è usato in Sicilia per la diuresi, mal di denti ed emicranie (tintura omeopatica), crema antiemorroidi con i fiori (lug-set) emollienti e cicatrizzanti. Verbasco è pianta biennale con fusto solitario, forte e dritto, una rosetta di foglie spesse di lanugine di peli biancastri, che si prolungano lungo il fusto resinoso che porta in cima un pannocchia di piccoli fiori gialli dal profumo di miele (giu-nov), usati nei liquori e nella tisana dei 4 fiori: l'infuso va sempre filtrato con una pezza di lino fine, per eliminare i peli di calice e stami, irritianti per gola e digerente. Verbasco include 3 o 4 specie diverse, aventi però medesime proprietà medicinali: virtù bechiche ed emollienti efficaci; foglie e fiori (lug-set), essiccati al sole per qualche ora poi all'ombra e poi serbate al buio, curavano tosse secca, bronchite, tracheite, asma, cistite, colica, polmoni, prurito, raucedine, tubercolosi, ascessi, scottature e, tra gli amerindi, il loro fumo stimolava le emozioni; i peli delle foglie sono adatti come bendaggio di emergenza o per accendere il fuoco, mentre gli steli, con sugna o sego, forniscono torce di lunga durata: un tempo si usavano le sue foglie per farne stoppini per le lampade d'illuminazione a olio, mentre i fusti attizzavano il fuoco dei forni di mattoni per la panificazione. Fiori essiccati di Primula acaulis, forniscono un tè con aroma molto fragrante e privo di eccitanti. Le sue giovani foglioline laterali della rosetta, son mangiate in insalata o cotte in minestre. Fiorisce prima della comparsa di molti insetti, così molti suoi fiori restano nubili, non impollinati. La badessa Hildegard von Bingen, la consigliava come rimedio contro la malinconia: se la porti sul cuore a contatto con la pelle, raccoglie tutto il vigore del sole di mezzogiorno; dal 1884 sono il simbolo del Partito conservatore inglese. ACHILLEA-Yarrow (achillea millefolium) è un erba edibile, utile in insalata, e capace di curare la ferite della pelle oltre alla scabbia delle pecore. L'infuso di foglie di Millefoglio è sudorifero, bevuto ogni ora arresta l'emorragia del naso, frizionato regolarmente sul cuoio capelluto arresta la caduta dei capelli, allevia l'incontinenza urinaria e, come unguento, aiuta in caso di emorroidi sanguinanti poichè astringente. Una foglia masticata attenua il mal di denti. Achillea fu l'erba del sole per gli aztechi, usata nei dolori al seno, schiena, fianchi, tosse e indigestione. I beduini usano achillea fragrantissima: la radice per ridurre la glicemia (diabete); il decotto per i dolori al torace, tosse e antidoto a serpenti e scorpioni; le fumigazioni per i calcoli renali e come antisettico delle vie urinarie. Steli di Achillea palustre, sono usati nell'oracolo dell IJing per raggiungere uno stato mentale più distaccato; raccolti a maggio-luglio son tagliati e seccati a comporre 50 bastoncini. Nel processo di estrazione dell'esagramma, dai 50 bastoncini se ne accantona uno senza più usarlo per tutto il procedimento e si resta con 49, prendendo il mucchietto con entrambe le mani si divide in due parti, tenendone uno nella mano destra ed uno nella mano sinistra.. Un gruppo di 5 o 4 bastoncini è una unità, associata al numero tre (maschile). Un gruppo di 9 o 8 bastoncini è invece una doppia unità, associata al numero due (femminile).. Nell'estrazione di steli, Yang esce con probabilità tre volte maggiore di Yin (48/64 Yang e 16/64 Yin).. Del genere CENTAUREA (Asteraceae) si conoscono circa 500 specie di annuali, biennali, perenni e spontanee polimorfe, tutte a a foglie alterne, molto variabili nel portamento generale, nella forma, spinosità delle foglie e sviluppo delle spine dell’involucro; la calcitrapa appartiene alle centauree dall’involucro con squame terminati in spine. Come le altre asteracee, ha fiori son disposti in capolini, avvolti da un involucro di brattee; fiori tubulari, dal rosa-porpora al violetto (alcune specie han fiore giallo), con involucro di brattee ineguali, quasi sempre ciliate, anche spinose, come nel carciofo. I frutti sono achenii. Secondo la leggenda, il nome del genere è ispirato al centauro Chirone, maestro di Esculapio, Ercole, Giasone, Castore e Polluce, che, al contrario degli altri centauri, aveva un'indole mite e saggia; a lui si attribuivano virtù di profezia e medicina. La calcitrapa era usata come additivo proteolitico nella produzione di formaggio, così il fiordaliso a squame ialine (c.hyalolepis), dai segmenti di foglie sottili, capolini brevemente peduncolati, bordo delle squame con una sola spina e corolla gialla (presente in Toscana e Sicilia), e la centaurea ispida (aspera), con brattee dotate di spine minori e palmate. L’habitat del fiordaliso sono gli incolti aridi, i vigneti, gli ambienti ruderali, depositi di materiali, scarpate e base dei muri. Il substrato preferito è calcareo/siliceo con pH basico e alti valori nutrizionali del suolo. In Sicilia si diffonde la Centaurea napifolia e altre congeneri che, da ruderali, divengono infestanti di colture del frumento, mentre Centaurea maculosa si diffonde con successo nelle aree degradate degli Stati Uniti, imponendosi con tre strategie: 1) un sistema radicale che assorbe acqua più rapidamente delle piante vicine 2) diffusione attraverso alta produzione di semi, 3) basso apprezzamento come cibo da parte degli erbivori. Il saggio Chirone, ferito ad un piede, guarì medicandosi con una pianta di Fiordaliso (Centaurea cyanus), di cui si colgono i fiori prima che siano del tutto aperti, per un infuso utile a curare gli occhi. Tra le centauree più belle che appaiono nelle messi, oltre al fiordaliso vi è la Calcatreppola (centaurea calcitrapa), con foglie e sommità fiorite usate a fare un infuso febbrifugo: 20 g in litro d'acqua da prendere più volte al dì, anche come amaro-tonico, e radici e frutti usate come diuretici. Infine, la Centaurea scabiosa ha fiori periferici color rosa-violace (centaurina) che, in infuso, esercitano leggera azione diuretica e pettorale. Calcitrapa, dal latino 'calcitro' (tribolo), arma a quattro punte da posizionare sul suolo per ostacolare i movimenti del nemico, ispirato alla pianta del Tribulus, è riferito alle vistose spine dell’involucro del fiore. Brunella (Prunella vulgaris, labiatae) è pianta erbacea perenne, eretta, dalle dimensioni ridotte, poco alta (max 20 cm) e poco pelosa, fiorisce da giugno a settembre ed è impollinata dalle api che la ricercano; i suoi fiori assumono colore bruniccio quando l’infiorescenza appassisce. In Italia è comune su tutto il territorio (fin 2000 m slm), nei luoghi erbosi e ai limiti delle boscaglie, preferisce terreni calcarei. Si raccoglie a inizio estate ed è usata tutta la pianta. In Germania, prunella cura l'angina e la tonsillite, è antibatterica, astringente, diuretica, stomachica, antispasmodica e tonica; contiene tannino, resine, sostanze amare, acido rosmarinico, oleanolico, betulinico e polisaccaridi vari. In medicina popolare è usata come collutorio, vulneraria; cura pressione elevata, emicrania, pustole, congiuntivite; è pur applicata come cicatrizzante di ferite poco profonde poichè, per la dottrina delle segnature, può curare le ferite di armi da lama (falce). 10.䷉ ERBE SPONTANEE

11.䷊ ERBE-RADICI COLTE - 韭 jiǔ (cepa, rad.179)

Emilia, dopo aver mostrato il film di Ermanno Olmi, Terramadre, parla del suo orto al Therabuti: un orto si può fare in mille modi.. dopo avervi dedicato tempo e lavoro, alla fine qualcosa da mangiare si raccoglie sempre! Se tu conosci e rispetti il ciclo di vita del suolo, Thera ti dirà ciò che le serve per sviluppare viventi comunità di microrganismi; la vita inizia dalle radici e penetra la terra, se comprendi che non c'è confine tra loro, allora scoprirai la terra fertile. Io fertilizzo l'orto con acqua piovana raccolta in contenitore in cui sono macerate piante come ortica, alghe, camomilla, pollina; se il clima è caldo, accadrà una fermentazione odorosa. Io diluisco tale bibitone (un bicchiere in un secchio) prima di annaffiare le piante, tale acqua stimolerà i pigri micro-organismi estivi. Il primo step è la preparazione del suolo: la prima volta su un suolo incolto, io vango, scerbo, modello e rastrello il pezzetto di terra ad ottenere un waffle garden o un aiola per patate, agli e cipolle; un orto estivo vedrà luce in altra aiola capace di trattenere l'acqua piovana e farcita con letame da pollaio ben maturo e paglia per pacciame. Asparagi, fragoline di bosco e tartufo, sono prodotti spontanei, oggi vengono coltivati e alimentano un mercato di nicchia in costante crescita.. Emilia parla delle più comuni piante, sia coltivate nell'orto, sia raccolte nella selva: l'ASPARAGO Selvatico (Asparagus acutifolius) è pianta arbustiva perenne, rustica e sempreverde, può vivere cent'anni, cresce spontanea nell'area mediterranea in habitat più ampi di quelli dell'olivo, entrambe le specie tollerano siccità, alte temperature, terreni sassosi o superficiali, rifuggendo il ristagno d'acqua. L'olivo esige molto sole mentre asparago selvatico vegeta rigoglioso alla sua ombra, ciò comporta un vantaggio ecologico nella loro consociazione: si può coltivare in oliveti, vigneti ed orti familiari, mentre coltivarlo in pieno campo finirebbe per incrementare soprattutto le infestanti, con cui l'asparago compete poco essendo sarmentoso ed incapace di creare una copertura densa ed uniforme che le soffochi; la frugalità dell'asparago selvatico, insieme alla tolleranza all'ombra, suggeriscono che la sua coltivazione sotto l’oliveto trova nicchia ecologica ideale, consentendo alle due colture di raggiungere il loro potenziale produttivo sullo stesso terreno. Cento piante di Asparago coltivato (Asparagus officinalis) e 10 di Carciofo bastano a una famiglia di 4 persone.. l'asparago verde è più adattabile e facile del viole e del bianco.. il selvatico ha radici carnose, lunghe 25-30 cm, che partono da un piccolo rizoma provvisto di numerose gemme dalle quali, in primavera e con clima adatto, emergono i turioni verdi o verdescuro-violacei, dapprima teneri e turgidi, poi coriacei e ramificati a formare la vegetazione finale della pianta: uno stelo provvisto di aculei e false foglie (cladodi a forma di ago) di 4-10 mm. Asparagus è specie dioica, una pianta porta solo fiori maschili o femminili, singoli o riuniti in gruppi di 2-4; fiori gialli (5 mm) che schiudono in estate; i frutti sono piccole bacche tonde, verde scuro a maturità, contenenti ciascuna 1-3 semi nero lucente. Emilia consiglia, a chi vuole fare un asparagiaia, di cogliere i semi dalle piante spontanee, conservarli e seminare a marzo in vasetti con terriccio; dai semi spontanei si otterranno meno piantine ma più resistenti ai suoli acidi: nel Canavese, in passato, l'Asparago tipico delle asparagiaie era il d'Argenteuil, i cui turioni e radici venivano usate a scopo terapeutico.. capita d'incontrare nei vigneti od incolti piante di asparago residui di vecchie coltivazioni o nate spontanee da semi dispersi dagli uccelli; in alcuni casi la radice sopravvive da lunghissimo tempo con produzioni di 6-10 turioni per anno e molto precoci (13 marzo). L'asparago selvatico e pianta adatta alla permacultura, poichè cresce in tutta Italia, dal livello del mare sino ai mille metri, tranne dove gli inverni sono troppo rigidi; ama zone ombrose di boschi e/o frutteti ed oliveti, sopportando pure il pieno sole. La pianta si adatta sia a terreni sia acidi che alcalini, marginali, sassosi e sulle scarpate, tuttavia in suoli argillosi richiede sostanza organica, poichè, con la siccità estiva, essi tendono a spaccarsi danneggiando le radici. Tra metà e fine novembre Emilia passeggia nel bosco vicino casa, individuate alcune piante di asparagina, coglie una manciata di frutti maturi (scuri, morbidi al tatto), i cui semi origineranno circa 300 piantine, sufficienti a realizzare un'asparagiaia di 80 mq; poi lei schiaccia alcuni semi tra il pollice e l'indice: se sono duri sono pronti per essere raccolti. La dormienza dei semi di asparago selvatico varia per luogo di origine: al centro-nord Italia dormono sino al settembre successivo alla raccolta, al sud tendono a germinare già nella primavera dopo la raccolta.. Emilia li depone sotto due strati di sabbia, per un anno.. nel nuovo autunno i frutti saranno decomposti e i semi pronti a germinare, così, i semi mischiati con sabbia, vengono seminati a spaglio in una cassetta con 10 cm di terriccio, poi ricoperti con altro terriccio e il tutto posto all'aperto in ombra e poco umido; a primavera spuntano le piantine che, uno/due mesi dopo sono alte 5 cm, possono venir trapiantate in buche e solchi a terra (profondi 3 cm), interrando le piantine fino a ricoprire la parte bianca: i solchi poi, chiudendosi man mano, interrano radici e rizoma nel frattempo cresciuti; ill trapianto può avvenire lungo la fila degli alberi del piccolo oliveto/fruttero, oppure su scarpate o terreni impervi: con una zappa fate delle buchette capaci di ospitare l'apparato radicale delle piante, e dimorate poco prima delle piogge; potrete contenere le erbe infestanti con periodiche sfalciature; ogni due/tre anni spargete al suolo compost maturo (2kg a mq) senza interrarlo, lasciate inerbito e lasciate sul posto l'erba sfalciata, fornirà all'asparagiaia altra sostanza organica, evitando che il terreno argilloso si spacchi. Invece di sfalciare periodicamente, Emilia fa pascolare galline ed anatre quanto basta per eliminare le infestanti (tranne il periodo della raccolta dei giovani turioni), il pollame si nutre poi della Crioceris duodecimpunctata, unico insetto che può provocare qualche danno a frutti e giovani turioni. Umbri e Piceni da secoli conoscono la sinergia tra asparagi, olivi e galline, ispirando oggi una Consociazione asparago-olivo-pollo, analoga alla Milpa mesoamericana, dove la deiezione del pollame, a basso carico per ettaro, diventa risorsa (concime) distribuita a costo zero dagli animali stessi: il pollo concima e diserba, gratis, asparago ed olivo; olivo e oliveto forniscono alimento e sano habitat alla gallina; l'asparago fornisce frutti e insetti al pollo, che intanto mangia i parassiti di olivo e asparago (mosca olearia e crioceris spp). La raccolta di turioni d'asparagi inizia a metà marzo e dura un paio di mesi, poi si sospende lasciando che gli ultimi turioni si trasformino in nuova vegetazione. Ogni pianta di Asparago selvatico produce in media 50 grammi di turioni (150 gr/mq in due mesi, o 1,5 ton/ha con tre piante a mq), tagliati raso terra quando arrivano a 4 mm di diametro, prima che emettano ramificazioni (dal secondo/terzo anno in poi). Asparago selvatico ha sapore più forte e amarognolo del coltivato, in Cucina si presta più come condimento, ottimo nei risotti: i turioni si scottano in padella con olio, sale e uova al tegame, oppure si lessano e si condiscono con burro fuso e uova sode, o ancora si uniscono a sughi per pasta, polenta e riso; ecco una ricetta di Frittata agli Asparagi per quattro persone: 200 gr di asparagi, mezzo bicchiere olio oliva, cipolla, 4 uova, sale fino, pizzico di peperoncino; rompere a pezzetti gli asparagi (2 cm), rosolare in olio per 8 minuti assime alla cipolla tritata, poi aggiungere uova sbattute, sale e peperoncino; far cuocere un minuto, poi mescolare delicatamente; a frittata semisolida capovolgete e fatela cuocere un altro minuto, dovrà essere più o meno rappresa e poco cotta, altrimenti diventa troppo spugnosa. Emilia, con gambi e radici fà il brodo, oppure li fa bollire con vino/aceto, fichi e ceci, per depurare il corpo e abbattere le infezioni delle vie urinarie: gli Asparagi selvatici hanno virtù culinarie, depurative (cotto nei cibi mellifica il corpo e fa orinare con odore tipico di metilmercaptano, un sale di potassio che stimola la diuresi), stimolanti dell'intestino pigro, antiossidanti (protettive di pelle e mucose respiratorie e digestive), mineralizzanti (calcio, potassio, ferro), fonte di caroteni (precursore di vitamina A), son ricchi di sostanze protettive e stimolanti: un etto di asparagi fornisce 25 milligrammi di vitamina C (un terzo del fabbisogno giornaliero) e il 75% di acido folico (vitamina necessaria alla moltiplicazione cellulare e sintesi proteica), vitamina B2 (utile per ricavare energia dai cibi); vengono consumati anche per aumentare la fluidità del sangue ma, a causa del contenuto di sostanze azotate, il consumo abbondante è sconsigliato a chi soffre di insufficienza renale, nefrite e gotta. AGLIO (garlic, Allium sativum, liliacee) è pianta perenne ma annua in coltura e, spesso, segue il grano/orzo; non ama esser preceduto da cipolla, carota e colture ortive. I bulbilli più grossi e sani siano interrati in autunno (zone a clima mite e aglio rosa, da consumar fresco a primavera) e inizio primavera (in zone fredde e umide uso aglio bianco conservabile); Aglio rosso ha ciclo più breve di 3 sett, bulbi più grossi ma men adatti alla lunga conservazione. Deponi i bulbilli con apice in alto, a profondità di 4 cm, e distanza 12 cm sulla fila. La pianta usa per fiorire le riserve nel bulbo. Raccolgo estirpando le piante e lasciandole seccare al suolo 1 settimana, taglio radici e fò trecce di 20-30 bulbi appese (o taglio foglie e metto bulbi in contenitori). Serbo in luogo fresco e ventilato in cassette o appesi (a 0°C dura 6 mesi). Ripiantare più volte spicchi dello stesso Aglio, nello stesso posto, favorisce virosi. Per rese maggiori, pianto le teste più grosse ed esterne del bulbo. A fine stagione, prima della raccolta (il fusto inizia ingiallire), annodo i fusti verdi così la linfa và nel bulbo. Uso agli crudi in insalate, sughi, pesce e verdure; è un ottimo disinfettante interno ed esterno, rimedio contro il catarro di qualsiasi parte del corpo, con virtù ipotensive, espettoranti, digestive, ipoglicemizzanti, antisettiche intestinali di umani ed animali (aiuta cani, gatti e avicoli a espellere i vermi). Una volta Emilia aveva molta febbre.. Taras suo marito la curava e, durante un delirio febbrile, Dea Diana le apparve in sogno e le mostrò le proprietà di alcune erbe selvatiche sorvegliate da animali lor simbionti (fauni): "Diana, attraverso Taras, mi diede gocce di aglio in acqua, così da allora, ogni tre anni assumo una cura di gocce di aglio in latte; scaldo l'aglio nel latte e poi lo bevo prima dei pasti e prima di dormire. Nella medicina popolare di Bomarzo, il foro di uscita dell'energia vitale (bios, mana, num, prana, qi) del Fegato, sono gli occhi; se il Fegato è ben nutrito dal sangue, allora la vista funziona bene, così, una invidia agisce come messaggio inibente di una delle capacità del Fegato. L'aroma dell'aglio agisce da antidoto ai veleni psichici (spiriti o messaggi irritanti) mentre ingerito con sale ed alghe, contrasta dissenteria, colera, itterizia, mal di denti. L'Aglio è pianta medicina, aiuto dei corpi viventi, quello vecchio di anni, a causa della forza dei suoi enzimi antiossidanti, scova nel corpo i metalli pesanti, protegge le cellule dagli attacchi dei radicali liberi e dalla luce ultravioletta e radizioni ionizzanti. Aglio è efficace contro infezioni aeree e digerenti, abbassa colesterolo e glicemia. Schiacciato e macera in olio, attenua dolori di giunture, gotta, reumatismi e lussazioni. L'Allicina, più potente di penicillina e tetraciclina, è volatile e agisce a distanza: la maschera protettiva dei medici della peste era imbottita di aglio; i soldati russi durante la II Guerra portavano con sè spicchi di aglio, da schiacciare sulle ferite contro le infezioni; nell'epidemia di spagnola del 1918, il prezzo d'Aglio salì alle stelle poiché acquistato dai governi per la profilassi generale; ovunque uno spicchio da masticare, nelle insalate, minestre e bevande e la notte tra guancia e gengive. Albert Sweitzer lo usava nel suo ospedale in Africa, per trattare ferite da taglio, morsi, malattie cutanee, tonsilliti e febbri alte. Ha effetto riscaldante utile nelle piogge e nell'inverno. Riduce i gas intestinali e stimola la libido. Taras lo usa per tosse secca e congestione, mal di testa e dolori sinusali. Nei disturbi d'orecchio, instilla 4 gc di olio d'aglio nell’orecchio, alla sera, e chiudi con cotone. Al mattino il dolore è scomparso. Massaggia con suo olio, denti sensibili e gengive rientranti. Aglio rende il cibo più appetitoso e assimilabile e si digerisce bene se prima dell'uso è lasciato macerare 1-2 ore in acqua fredda. Dopo pranzo, per attenuar l'odore, sgranocchia qualche foglia aromatica. Spicchi infilati nel cuscino, cesta o lettiera di cani e gatti, tengono lontani pulci e zecche. Precauzioni: iperacidità e pitta elevato. Allium sativum fu alimento degli operai della piramide di Cheope sotto la IV dinastia (2400 a.C.) egiziana; nel deserto, gli ebrei rimpiangevano, tra i loro beni, agli e cipolle. Orazio e Varrone testimoniano come i romani ne mangiassero abitualmente, sino a quando alcuni patrizi del I secolo a.C, lo respinsero come maleodorante. Aglio è ottimo alimento: un etto contiene 17 g di glucidi, 4g di proteine, 0,6 di lipidi, 5 mg di vit.C, 1,5 mg di ferro, 14 mg di calcio, 63 mg di fosforo, 0,14 mg vit.B1, B2, PP. Sempre usato come antisettico nelle epidemie di peste e colera (decotto di 10-15 g), è anche un tonico, stimolante digestivo (infuso di 5-10 g), disinfettante polmonare, diuretico e vermifugo, proprietà quest'ultima, che fece affermare l'aglio nella cucina mediterranea, in un area sovente a rischio di parassiti intestinali. Aglio è anche un importante ipotensivo usato nell'arteriosclerosi, usandolo in tintura alcolica o macerazione dei bulbi spellati e tenuti 10 gg in alcol a 90°; infine, pestato e unito a olio di ricino, è ottimo callifugo. Spicchi e bulbi di aglio e cipolla, strofinati con saliva, disinfettano le ferite (e curano i geloni), così i pennicillum (ascomiceti) cresciuti su scaglie d'aglio. Aglio, bardana, galium e romice, furono usati contro la lebbra, e ha del miracoloso per le ulcerazioni profonde e inguaribili delle gambe, e per le cancrene. Sciroppo d'aglio e miele è rimedio a problemi bronchiali, e, preso regolarmente, previene malattie infettive e mantiene la buona salute. L'olio d'aglio (60 g da 100 kg di bulbi) contiene allicina battericida. Se manca l'aglio in cucina, al suo posto si può usare come condimento l’Aglio pippolino (allium vineale, aglio delle vigne), nelle insalate o con le patate lesse. Ha infiorescenza a ombrella con pochi fiori, spesso misti a bulbi, protetta da una sola brattea. Il singolo fiorellino è di colore roseo-verdognolo. Questa pianta si trova nelle vigne, ai margini delle strade, nei frutteti, nei terreni ricchi di azoto, calcio e limo. Gli sciamani eurasiatici mettevano CIPOLLE-onions (Allium cepa) sui tripodi prima di scrutare le stelle e fare vaticini: le ottennero. Slavi e greco-romani (bizantini), furono grandi mangiatori d'aglio, apprezzarono anche la cipolla che, dato il suo carattere forte, nel Rinascimento fu visto come farmaco per ridare vitalità agli astenici: in Francia nacque la famosa zuppa di cipolle. La sua essenza lacrimogena (bisolfuro di allilepropile, ammonia exhaling) presente sopratutto nella cipolla cruda, facilita la secrezione dei succhi gastrici, l'emissione dei gas intestinali, la diuresi, e allontana le mosche. Cepa cotta o cruda, combatte le fermentazioni intestinali, le congestioni pelviche e le emorroidi; ha proprietà ipoglicemizzanti e il succo fresco è batteriostatico. Contro punture di vespe e altri insetti occorre strofinare per 1-2 minuti, la parte lesa con mezza cipolla cruda; su mobili, cornici dorate e dipinti a olio scuriti dal tempo, Cepa elimina lo sporco. Cepa ha radici superficiali e carnose, resiste a basse temperature e può germinare a 1°C. Trapiantando i bulbi al secondo anno, forma infiorescenza ad ombrella, globosa, fecondata da insetti e stimolata da inverno; poi forma una capsula con 1-2 semi, irregolare e color nero-bruno. In rotazione triennalee, Cepa segue cereali, radicchio, insalate/carota. Da evitare successioni a barbabietola, patata e cavolo. Semino o trapianto da settembre-dicembre per cepa da consumo fresco e raccolta primaverile; semina da gennaio-aprile per quelle da serbo/sottaceti, e raccolta estivo-autunnale. Cepa teme gelate tardive e grandine; prefiorisce dopo sbalzi climatici (abbass. 10-12°C seguiti da rapido innalzamento); è molto sensibile agli stress idrici, in caso di siccità, dò acqua frequente e limitata ma sospendo 1 mese avan raccolta, da fare quan foglie appassiscono, ingialliscono; cogli come l'aglio, 1 sett a suolo a seccar radici. Cepa non entra in concorrenza con le infestanti, ama residua fertilità del suolo (pollina e cenere su orzo/grano precedente, il letam bovino, inibisce conservazion dei bulbi e favorisce funghi patogeni e nematodi). Ama pH tra 6 e 7; per mettere il bulbo ha esigenze diverse di luce: Varietà precoci brevidiurne: 10-12 ore di luce al giorno (adatte al consumo fresco); Medie: 12-14 ore di luce; Tardive: 14-16 ore di luce (colte a fin estate, adatte a conservazione, sottolio, sottaceti o fettine disidratate). Uso bulbi di cipolla in minestre, carni, sughi, insalate, han sali minerali, vitamina C, azione antibatterica, antinfettiva, combatte vermi intestinali e stimola i reni, favorendo l'eliminazione di scorie azotate. Cipolla e carota (sopratutto selvatica) si aiutano l'un l'altro, repellendo le mosche rispettive. Io cambio di posto cipolle con insalate. Cipolla aiuta digestione, sonno e libido; se sfregata a fette sulla pelle dei bambini, tiene lontano le zanzare, vespe ed altri insetti: fette di cipolla o patata, possono venir messe su ferite e scottature. Gocce di cipolla nelgi occhi o inalate, sembra che calmino l'epilessia. Emilia dava da masticare cipolle per contrastare raffreddori e sinusiti, oppure bolliva cipolle nel vino per contrastare la scarlattina (scarlet fever). Cipolle cotte sono dolci mentre il succo di cipolla fresca è buono per risolvere la nausea, tosse e vomito. Erba cipollina e aglina (chives, allium shoenoprasum) utili pante per insalate, ravioli e zuppe, così come il wild Porro. Se divido troppo i cespi delle cipolline, rischio piante deboli sopraffatte da altre. Dove fa freddo allevo la Cipollina in vaso; a fin estate, con lame affilate, rado le foglie per favorire aroma e ricacci; poi la rinvaso come Basilico e Prezzemolo, prima delle gelate, o le metto in serra. Il Ravanello-Radish, viene dal ravanello selvatico (wild radish), oltre ad aggiungere sapore a molti cibi, esso ha solforati che aiutano la digestione, il fegato e la pulizia del corpo. Ravanello/rapastrello selvatico (raphanus spp, Brassicaceae), è pianta annuale ramificata e ispida, con radice gracile e sottile. Fiorisce a Marzo-Giugno con fiori bianchi venati violetto. I frutti son silique strozzate fra un seme e l’altro. Pamela mangia ravanello selvatico, crudo o bollito, esso ha eccellenti proprietà diuretiche e purifca il sangue; è utile a quelli che soffrono di reumatismi e ritenzione; il suo decotto, così come quello del suo cugino, Ramolaccio.pdf (raphanus sativus, niger o major), in latte caldo, dissolve il flegma, così sono entrambe un utile cibo e medicina. Buone sono le cime di rapa (spicuneddi), le foglie, il colletto e le radici. Tutte le parti del Rapastrello han sapore tipico piccante. Il colletto tozzo, si prepara tranciando la pianta alla radice e le foglie alla base, si ottiene un torso che si consuma crudo come i Ravanelli. Può essere confuso col buon Cavolicello (brassica fruticolosa) e Senape canuta (Hirschfeldia incana) detta Amareddu. Tonico: 15g Rafano, 60 g radice Sedano, 30g Tarassaco, tutto a bollire a fuoco lento per 20 minuti, filtra e conserva in bottiglia: 1 bicchiere per due volte al giorno. Cavolicello ama terreni silicei, è raccolto da sempre nei vigneti e terreni incolti delle periferie urbane, da metà settembre a inizio maggio. Ha fusto inferiormente diviso in molti rami legnosetti tortuosi nudi; foglie in cima ai rami sinuoso-dentate ispide, scabrose, verde-glauco e spesso rosse di sotto; fiori in cima ai rami teneri; corolla a petali ovati gialli; siliqua lunga un pollice. Di sapore gradevolmente amaro, si consuma cotto stufato con vino; lessato e condito con olio; ripassato in padella con aglio e peperoncino. La Senape detta Mustarda (Brassica nigra = Sinapsis nigra), è un diffuso condimento, sia come foglie sotto aceto, sia come semi frantumati e messi nel mosto di vino (da cui il nome di mosto ardente): in dosi moderate stimola la digestione, da evitare però in caso di irritazione delle vie urinarie e digestive, l'acqua destinata ai senapismi non deve superare i 50°; la Senape Bianca (Sinapsis alba) ha sapore meno piccante ed è coltivata per l'industria alimentare, la sua farina va serbata in asciutto. La senape nera ha virtù emetiche e revulsive; la bianca ha virtù purgative; entrambe sono utili nei bagni, bronchiti, congestione, nevralgie, reumatismi, polmoni, intestino e piedi. Foglie e getti di RAPA-turnip, cotti sono eccellenti. La Pastinaca-parsnip resiste al gelo, è una grande carota bianca, simile al Daikon. Parsnip ha un aroma dolce che, nella zuppa, ben si accompagna al pollame. Il Rafano (barbaforte, Horseradish) aiuta le altre verdure dell'orto, ha radici bianco-gialle che crescono bene dai suoi frammenti; Emilia cucina strisce di sua radice e ha ottimo sapore. tra le varietà di Patate coltivate in Italia sono: 1) Primura a ciclo precoce; pochi steli, tuberi ovali, uniformi, a buccia gialla e pasta gialla. 2) Bintje semiprecoce; steli poco numerosi; fiori scarsi, bianchi; tuberi ovoidali con buccia gialla, pasta gialla; buona per tutto. 3) Monalisa: medio-precoce; pochi steli violetto pallido, fioritura scarsa a fiori bianchi; tuberi grossi, forma allungata, a buccia gialla e pasta gialla. 4) Spunta: medio-precoce; numerosi steli; fioritura abbondante a fior bianchi; tuberi lunghi appuntiti e arcuati, a buccia gialla e pasta gialla. 5) Désirée: semitardivo; numerosi steli rosso-bruni, fiori abbondanti rossi-violetti, tuberi ovali a buccia rossa e pasta gialla soda, resistente alla cottura; adatta a patate fritte. 6) Majestic: semi-tardivo; steli poco numerosi, fioritura abbondante, fiori bianchi; tuberi allungati e grossi a buccia gialla e pasta bianca; di antica coltivazione in Italia. Gli Slavi coltivano da sempre la Barbabietola da zucchero (sugar beet, sukerbeto 芥兰, 甜菜 ผักคะน้า, Chenopodiacea) rossa o bianca, è della famiglia delle Bietole da tavola e foraggio animale. La bianca, usata a produrre zucchero, vien raccolta a inzio estate, prima che le foglie sviluppino troppo (rapporto inverso tra fogliame e zucchero nelle radici). Nel X.VIII secolo il chimico tedesco Margraff, lavora ad estrarre lo zucchero cristallizzato dalla radice. Nell'epopea napoleonica, le numerose guerre e il blocco navale inglese, diedero inizio alla bieticoltura, con incroci e selezione di semi, sino a ottenere un vegetale dalla vita biennale. In Italia copre il 90% del fabbisogno nazionale di zucchero. La barbabietola rossa (nasce da Beta vulgaris, selvatica del Mediterraneo e regioni aride di Asia centrale) si adatta ad ogni tipo di suolo (difficoltà nei suoli acidi) grazie a spontanea ibridazione fra le cultivar e chiede po'acqua, poiché il ristagno blocca il saccarosio. Io innaffio al pomeriggio, se vedo appassimento o fessure al suolo. Semino la rossa a inizio primavera o a giugno, tra due colture di orzo, lascia un suolo ben preparato alla coltura successiva. La barbabietola attecchisce subito, in 1 settimana le radici raggiungono 15 cm. Al primo mese mette bocciolo di foglie chiuse e la radice va profonda senza ingrossare; in 120 giorni (4 mesi) arriva alla max caricando dentro tutto il nutrimento utile alla crescita delle foglie. Pianta biennale che può fiorire già nel primo anno se seminata in anticipo a temperature basse. Ama clima temperato e suolo fertile e sciolto. Zappetto in estate e dirado (8-15 cm) quando ha sviluppato 4-5 foglie. Se la distanza tra le radici supera i 10 cm, la polpa diventa fibrosa e dura da cuocere. I semi (2-4) son tondeggianti, angolosi e grinzosi. Colgo dopo 70-150 giorni secondo la cultivar. Per consumo immediato colgo radici a qualsiasi stadio di crescita. Per la conservazione a completo sviluppo, quan le foglie iniziano appassire. Le radici senza foglie al colletto, conservo in cantine 5-10 °C, in cumuli o cassoni, coperte di sabbia o segatura, mantenute umide. La radice rossa ha sali minerali (ferro), vitamine, amido e zuccheri. Consumata cotta a vapore o forno, in insalata o minestre. Cruda in insalate con carote, sedano rapa e daykon, mentre, le sue foglie tenere, crude o cotte, come le bietole verdi. Il Sedano-rapa ha sali (sodio, potassio, magnesio, fosforo, calcio, ferro, selenio, rame, zinco) utili a stimolare il metabolismo delle cellule, fegato, reni e bronchi; crudo o stufato, purga l'organismo e, aggiunto alle insalate, facilita la digestione. Foglie di Tetragonio, cotte o crude, sono dette Spinaci della nuova Zelanda; la pianta, seminata a Maggio (20 gradi), alza gli steli, ramifica ai lati e matura i frutti in Autunno (4-10 semi). La TUBERINA 甘露子 Gānlù zi (Stachys affinis o sieboldii o tuberosa, Labiatae) detta anche, bimbo di terra (地环 de huán), coclea, cutworms, lumaca di terra, carciofo cinese. Gānlù zi è una pianta erbacea perenne originaria della Cina del nord, alta 40-50 cm con foglie oblunghe-ovate di colore verde e sommità fiorite color lillà; è rizomatosa e facilmente coltivabile, con bianchi stoloni sotterranei, la cui punta si gonfia in una spirale verticale (strozzature) quando il tubero è carnoso e maturo, lungo 10-12 cm, con gradevole sapore di carciofo e consistenza croccante. I tubercoli sembrano anelli carnosi uniti insieme a cinque o sei o più, di colore madreperla, acquosi, tenerissimi, ricoperti da una leggera pellicola che si asporta con sfregando con le dita. Emilia suggerisce: i tuberi vanno strofinati, non sbucciati, lessati massimo 20 minuti altrimenti perdono sapore. Ecco una ricetta: tuberi bolliti da aggiungere alle uova e al pane grattato, sale, mescolare cuocere in una padella con olio o burro; servire in accompagno a cicoria a pollame arrosto. Si possono altresì mangiare con tutta la buccia (molto sottile), crudi in insalate, in minestre, o messi sottaceto per l'inverno. Emilia semina i tuberi orizzontalmente, 2 per ogni buca (profonda 10 cm), da metà febbraio ad aprile (a sud anche ottobre); la piantagione regge sullo stesso suolo per più anni (troppo letame accresce la parte aerea a scapito dei rizomi), e si può fare anche con rizomi già vegetati che si interrano a primavera. Durante la stagione forma un cespuglio prima eretto, poi decombente. I tubercoli nati dai nuovi rami sotterranei della pianta (che spuntano poi in superficie), si ingrossano in autunno e producono 40-200 tubercoli a pianta. Verso fine ottobre, quando la parte aerea comincia a seccare, inizia la raccolta che si protrae per tutto l’inverno; estirpa e cogli i tuberi più grossi, lascia i piccoli nel suolo per l'anno seguente: lasciati in terra non soffrono il gelo, mentre quando sono raccolti ed esposti all'aria perdono peso e si deteriorano; dunque cogli solo quelli da consumare. La Gānlù zi/tuberina, fu introdotta in Europa dai francesi per fare piatti squisiti; la chiamano Crosnes du Japon. Tra le varie specie di STACHYS (significa spiga), amate dalle apie dagli ovini, la tuberina è la principale coltivata a fini alimentari (in Cina si trova in forma selvatica nel Nord), coltivata e consumata su larga scala anche in Giappone, dove è chiamata choro-gi. Stachys palustris è una specie autoctona del centro-nord Italia, vive lungo i fossi e acquitrini, ha fiori rosa macchiati di bianco e produce piccoli tuberetti eduli; in fitoterapia è usata come la ballota, come antispasmo, cura dell'acufene, e cura dei disturbi della menopausa. La Betonica (Stachys officinalis) è più fragile, ha spiga di fiori porporini e foglie basali a forma di cuore, usate a fare cataplasmi (foglie fresche) per accelerare la cicatrizzazione delle ulcerazione, oppure messe nel cappello per far passare il mal di testa; le foglie essiccate, fumate al posto del tabacco, facilitano una cura disintossicante e, polverizzate, servono come polvere sternutatoria; la radice può agire da emetico. Tra le Asteraceae eduli e coltivate vi sono anche il girasole (Helianthus annuus, sunflower), il topinambur (Helianthus tuberosus), e la grande famiglia dei Cardi. CARDO è il nome dato a diverse piante Composite/Asteracee molto spinose (Carduus, Carlina, Cirsium, Cynara, Onopordon, Silybum, ecc.), da sempre usate in fitoalimurgia. cardo Acanzio (Onopordon acanthium) è una di queste: parente ascendente di cardo e carciofo coltivato, è una pianta erbacea molto spinosa, diffusa in Eurasia. Il nome onopordon (greco ònos e pordon), richiama i rumorosi effetti che provoca negli asini dopo averla ingerita. Acanzio ha molti nomi dialettali: cardo asinino, scardaccione, cardo di Scozia, cardo spinoso, cardo pisciacchiaro, spina bianca; cresce in tutta l’Italia, sui ruderi del passato, nei luoghi incolti e ai margini di sentieri e strade che dal mare vanno al monte. Il fiore è porporino-pallido ma anche bianco in alcune varietà coltivate, le foglie sono alterne e ricoperte da un velluto bianco-cotonoso; ha grossi capolini solitari, terminali, con ricettacolo piano e carnoso, colmo di nettare. Si consumano le foglie giovani pulite dalla buccia, le radici e i capolini giovani che, hanno sapore dolce e gradevole di carciofo. I semi contengono un olio grasso che, spremuto da macchine e solventi, ha un futuro nell'industria. I fiori dei Cardi (cardo mariano incluso) aiutano a cagliare il latte, le foglie sono utili come cibo e foraggio, mentre i semi sono sconsigliati ai pazienti ipertesi: in passato i fiori servirono anche a fare i risotti alla milanese, come succedaneo dello zafferano, quando questo mancava. In Sardegna, il miele di cardo ha un forte e speziato aroma che, assieme ad altri fiori della macchia Mediterranea, si arricchisce dell'azione balsamica del fiore dominante di anno in anno: Asfodelo, pianta molto usata a fare ceste in Barbagia, Lavanda, Rosmarino, e altri. Altri cardi sono il Carciofo selvativo (Cynara cardunculus), detto Carduccio perenne, più piccolo del cugino coltivato; ha foglie gialle con spine marginali e capolini più piccoli con brattee spinose. Seba taglia Carciofi e Cardi con lame inox, così non anneriscono, da Gennaio ad Aprile, quando le scaglie dei capolini iniziano aprirsi prima della fioritura: Cardi e carciofi son gustosi e digeribili, specie se crudi, in aceto e poco sale, oppure cotti in acqua e olio. Tutti i Carciofi contengono acidi amari: se li strofini con limone non anneriscano; tutti proteggono il fegato, sono tonici, colagoghi, diuretici, astringenti, febbrifughi. Il Carciofo coltivato (Cynara cardunculus subsp. scolymus) sviluppa i suoi fiori in questo modo: primi gli apicali (detti mamme), poi i laterali (figli), infine i basali (nipoti), ricavando 10-12 carciofi da ciascuna pianta. Emilia moltiplica il Carciofo così: trapianta in Autunno i polloni del fusto principale (carducci), inclusi di una porzione di rizoma; tuttavia, nell'Italia centro-meridionale, le arvicole scavano cunicoli nei campi ed orti, divorando le radici di molte piante, sopratutto di carciofi! Per isolare la pianta da esse, Emilia usa il macerato di sambuco, oppure pianta nelle vicinanze delle piante di ricino. La pianta del CARDO MARIANO (silybum marianum, Milk Thistle) ha molte venature bianche sulle foglie, che il mito vuole siano gocce di latte del seno di Maria, cadute mentre fuggiva dalla persecuzione di Erode, portando suo figlio nascosto in grembo. Milk Thistle in Scozia è un altro simbolo protettivo del Castello Reale, accanto al cardo di Acanzio; secondo la leggenda i nemici, giunti di notte nel fossato, furono punti dalle spine del Cardo Mariano e iniziarono a urlare dal dolore, così la famiglia reale potè svegliarsi e mettersi in salvo. Il Cardo del latte di Maria è una forte erba biennale alta fin due metri, e fiorisce in luglio-agosto con fiori porpora. Le sue foglie, radici e semi, contengono silimarina, un principio medicinale amaro capace di drenare fegato e reni. Il suo infuso è adatto contro la gotta,disturbi paradontali e ipertensione. Il decotto delle sue radici aumenta la produzione di latte materno (milk menstruum). Gocce di succo di Cardo Mariano si usano contro ferite, mentre l'uso di semi è sconsigliato nelle persone ipertese. Il RAPONZOLO (Campanula rapunculus, campanulacee) detto anche raperonzolo, rampusoi, rapunzel edulis, ha fiori indaco a campana e significa, piccola lunga rapa (rapa è turnip). Pianta erbacea biennale, ama i campi incolti, vigne ed oliveti, ha foglie sottili e delicate, a forma di spatola, dentellate, lanceolate o lineari; fusto eretto, ramoso in alto, glabro o poco peloso, e una radice ingrossata, fusiforme, carnosa e croccante. Il Raponzolo è pianta difficile da riconoscere allo stadio di germoglio, solo un occhio esperto può distinguerla in mezzo alle altre erbe; si riconosce bene quando è in fiore: porta una pannocchia di fiori eretti a calice, con denti lineari lunghi 2/3 della corolla (diametro 1-2 cm) azzurra, pallida, raramente roseo-violacea o biancastra, con tubo lungo 2/3 del totale e denti acuti, ripiegati all’infuori. Fiorisce da maggio a giugno e il frutto è una capsula (da giugno) contenente molti micro semi simile a polvere, color marron-glacè. La semina si può fare a fine estate-inizio autunno, distanziata per far ingrossarre la radice, su terreno lavorato o su semenzaio. A inizio primavera puoi cogliere radice e fogline del germoglio, in seguito anche i germogli e nuovi getti. Mattioli scrive: mangia nell'inverno in insalata, allora la radice è tuberosa e simile in piccolo al ramolaccio donde trasse il nome di Raponzo. Le foglie hanno sapore agretto, che rende gustose le insalate.. masticare la radice genera gusto a chi lo mangia, sebbene insipido al primo gusto, poi lascia un sapore di debole agrimonia. Maria Clara Zuin scrive che Rapunzel è il tartufo delle specie alimurgiche, prelibatezza costosa con sapore di noce e nocciola, da consumare da sola in insalata o insieme ad altre erbe di cui corregge il sapore amaro. I getti primaverili lessati e conditi come asparagi; la radice, ricca di inulina, può essere consumata anche dai diabetici. Con infuso di foglie e fiori si prepara un collutorio utile a combattere mal di gola e infiammazioni del cavo orale, oppure un infuso rinfrescante, antisettico, vulnerario e astringente. In sua vece oggi si preferisce usare l'Agrimonia (in gargarismi), dotata delle stesse virtù ma molto più attive. La RUCHETTA detta rucola coltivata, erba ruga, brassica eruca (eruca sativa, brassicaceae), è un erba annuale, ortaggio di febbraio, tonico utile a chi è stanco e svogliato. I Latini, considerandola afrodisiaca, l'apprezzavan come alimento e medicina consumando anche i semi. Rucola ha virtù disinfettanti (sostanze solforose) vitaminizzanti, antiscorbuto, aperitive e digestive: in insalata, cruda o cotta al vapore, è rimedio all'inappetenza e lentezza digestiva. Cresce spontanea nel mediterraneo, su substrato sciolto e sabbioso, ha ciclo vegetativo molto breve: poche settimane dalla semina (primavera) a fine ciclo. Cresce bene in pieno sole o leggera ombra, purché riparata dai venti e può resistere in inverno. Io taglio e consumo le sue foglie fresche dall'aroma piccante, per insalate, salse, tramezzini, pizze e alcuni formaggi molli. Il NASTURZIO del Perù (tropeolum major), ha foglie, fiori e semi immaturi eduli, una foglia agrodolce arricchisce l'insalata. PORTULACA insalata (portulaca oleracea), è annuale erba acida, simpatica e rustica, succulenta da fiore che resiste al caldo torrido estivo. Gandhi la incluse in una lista di 30 piante coltivabili, allo scopo di contrastare la fame. Nei vasi e negli orti, dà variopinte fioriture per tutta l'estate, in pieno sole (26°-32°C) e siccità; se nuvoloso, apre più tardi e chiude prima e si ferma se cala la calura, non ama umidità. Pianta poco addomesticabile, se viene seminata in una data area, gli esemplari crescono più piccoli e gracili di quelli spontanei, problema comune a molte erbe spontanee. Produce numerosissimi semi da fine giugno a ottobre; la sua presenza indica suoli ricchi di potassio, magnesio, ferro e rame, e poveri di calcio e fosforo. Portulaca si accompagna bene a tutti i tipi di verdure crude, le sue foglioline e rametti cogli a fine giugno e luglio, le piante più giovani hanno sapore più delicato, simile allo spinacio e al crescione d'acqua, adatte alle insalate miste a cui dare sapore frizzantino. Se viene usata cruda, non va lasciata in acqua, ma lavata velocemente poiché il sapore diventa sgradevole. Si conserva bene in frigo per 3-4 giorni. I rametti più grandi si possono bollire e usare come verdura cotta da ripassare in padella. Essendo mucillaginosa, è utile per addensare le minestre, specie se frullata. Il contenuto di ossalati in questa specie è piuttosto elevato e decresce con l’età della pianta, quindi cercare di raccogliere rametti con un numero di foglie superiore a 16. Se ne consiglia un uso crudo moderato. La bollitura comunque, abbatte fortemente il contenuto di ossalati. Portulaca è un erba rinfrescante, diuretica, tonica, depurativa, vermifuga, antisettica e febbrifuga; fonte di carboidrati, mucillaggini, vitamine A, B6, C (antiscorbuto), sali minerali (Fe, Ca, Mg, S, K), acido aspartico, citrico, ossalico; fonte di nutrienti bio attivi: antiossidanti (tocoferolo, ß-carotene, acido ascorbico, glutatione) e acidi grassi omega-3 e omega-6, utili nella prevenzione di attacchi cardiaci e aumento delle difese immunitarie. In Cina è detta ortaggio di lunga vita poichè, il suo consumo ravviva di colore e dà sali all'insalata, può ridurre l’incidenza di malattie tumorali e cardiache. Provatela cruda insieme a yogurt, oppure con patate lesse. Mattioli scrive: giova applicata alla testa, all'infiammazione degli occhi e di altre parti del corpo, agli ardori dello stomaco e ai flussi loro; giova ai rodimenti delle reni e della vescica; proibisce gli impeti di venere; il suo succo bevuto giova alle febbri; masticata cruda guarisce l’ulcere della bocca e ferma i denti che vacillano e, tenuta sotto la lingua, estingue la sete; essa combatte i vermi, dissenteria, emorroidi, malattie degli occhi, vale insomma a tutte l’infermità calde. Castore Durante consiglia succo di Portulaca applicato con stoppa al capo dei fanciulli che, per il soverchio calore non possono dormire: li fa quietare così pure fa l'acqua bevuta; la pianta posta sopra il letto scaccia i fantasmi e brutti sogni; le foglie applicate ai morsi velenosi ne tiran fuori il veleno, così come fanno con i foruncoli, punture d'api ed eczema. Nell'uso interno cura dissenteria, enterite acuta, emorroidi, emorragie post-partum. La BORSA-di-PASTORE (Shepherd's purse, hirtentasche, brassicace) è un erba dei prati che ha foglie piccole a forma di cuore; è una pianta fitoalimurgica, amara edule e con benefico tannino. Le foglie grandi variano molto nella forma, irregolare pinnate, intere o dentate. fuori della stagione del fiore, si può riconoscere dalle sue foglie radianti tra cui, le esterne, giacciono vicino al suolo. Essa porta poche piccole foglie a forma di freccia alla base, e numerosi piccoli fiorellini bianchi quasi tutto l'anno. L'odore e il sapore della pianta è pungente aromatico, ma meno acro delle altre Cruciferae: stimola il latte nel bestiame. Cresce sui letti coltivati di tutto il mondo, poichè accompagnò tutte le migrazioni di agricoltori. Durante l'estate la pianta ha un sapore tagliente dato da un acido organico (bursinic acid), un tannino e un alcaloide (Bursine) simile alla sulfociansinapina. Le giovani foglie, prima della fioritura, sono una buona aggiunta alle insalate, diventano pepate con l'età, e sono ottime sostitute del cavolo. Disponibli tutto l'anno, possono venir essiccate per i periodi di scarsità; sono ricche in ferro, calcio e vitamina C; i giovani germogli fiorenti si possono mangiare crudi o cotti, mentre i semi, piccoli e difficili da cogliere, possono aggiungersi alle zuppe e ripieni, crudi o cotti. I semi contengono il 35% di grasso olio edule, quando sono posto in acqua attraggono le zanzare agendo da insetticida: ciò accade per via di una sostanza gommosa che lega la bocca degli insetti al seme, inoltre, i semi rilasciano una sostanza tossica per le larve: mezzo kilo di semi può uccidere 10 milioni di larve. Borsapastore può venir cresciuta in terre paludose o salate, così che possano assorbire il sale e addolcire il suolo; le sue radici, fresche o essiccate, sono un sostituto dello Zenzero (ginger substitute). Shepherd's purse è usata come rimedio domestico, efficace nel trattamento di emorragie interne ed esterne, diarrea, etc. Un infuso dell'intera pianta è antiscorbuto, astringente, diuretico, emmenagogo, emostatico, ipotensivo, stimolante, vasocostrittore, vasodilatore e vulnerario. Una tazza di tè (acqua bollente su 1-2 cucchiai di foglie essiccate per 1-5 minuti), tre volte al giorno, è considerato un rimedio sovrano contro le emorragie di tutte le specie: di stomaco, polmoni, uteri e, sopratutto, dei reni; durante le mestruazioni andrebbe bevuto ogni 2-3 ore e solo prima del ciclo. La pianta è raccolta in estate e, quando essiccata, perde la sua efficacia gradulamente, così non andrebbe conservato più di un anno; inoltre, la sua efficacia varia molto a seconda della presenza di un fungo bianco che, spesso, si trova sulla pianta e contiene proprietà medicinali. In Cina, Borsapastore è spesso usata durante il parto, in quanto ha comprovate virtù contrattive dell'utero; inoltre è un rimedio popolare per il cancro; infine, un rimedio omeopatico viene fatto con la pianta fresca, e usato per trattare emoraggie al naso e calcoli urinari. Se coltivi i CAVOLI-cabbage (Brassica oleracea) nell'orto, ricorda che le piante aromatiche, il sedano, la cepa e le solanacee, son sgradite alla farfalla Cavolaia, mentre, foglie macerate di Tanaceto, Artemisia, Sambuco o Rotenone, tengono lontano altri concorrenti. Il Cavolo se mangiato crudo assieme a cipolle, aiuta a resistere ai raffreddori e nelle diete da viaggio. La sua azione balsamica, da Dicembre a Marzo, rafforza l'immunità e previene molti tipi di cancro. Le foglie di Brassica oleracea contengono carotene, vitamine A, B, C, K, U. la cottura distrugge la vitamina U, enzima misoniase che ha la funzione di combattere l'ulcera gastrica, duodenale e intestinali (ulcera che crebbe con l’adozione romana di cuocere i cereali nel bronzo). Se stiri la foglia con ferro da stiro e la poni su ferita o scalfittura, essa disinfetta, cicatrizza e attenua il dolore; foglie nelle scarpe, mantengono i piedi freschi e riposati. Tutte le varietà di Cavolo han virtù digestive, rimineralizzanti, ricostituenti cerebrale (1 kg di cavolo apporta 2,5 gr di fosforo), antiossidanti e ansiolitici. Verza e Cavolo proteggono lo stomaco, il Cavolfiore contiene bromuro che stimola il relax dei sensi mentre il BROCCOLO è ricco in zolfo che da energia. Tutte hanno ferro, arsenico, calcio, fosforo, potassio, magnesio, rame, iodio e fibre che fanno bruciare i grassi. Sciacqui con il succo di cavolo curano afonia e sordità mentre frizioni dello stesso (o foglie crude tritate), curano acne e foruncoli. Le foglie in cataplasmi caldi sono utilissime in casi di attacchi di artrite, nevralgie, reumatismi e distorsione. Semino le CIME DI RAPA (brassica rapa, dette broccolo di rapa in estate per cogliere da settembre. Semino aiuole che hanno ospitato orticole cucurbite già letamate in precedenza, piuttosto che quelle che han ospitato altre brassicace (cavoli: verza, cappuccio, broccolo, cinerse, rapa, ravanello, rucola), poichè han già sfruttato la fertilità residua e fornire altro azoto, fà accumulare nitrati tossici nelle foglie; uso varieta precoci come la quarantina o cinquantina, seminata in alveoli che, dopo un mese trapianto a terra. Innaffio quanto basta e diserbo a mano. Raccolgo quan le infiorescenze sono ben formate (5 cm), ma prima che i fiori si aprano, taglio l'infiorescenza principale includendo le foglie che la circondano e 15 cm di fusto, così, se il clima permette, nasceranno germogli laterali e infiorescenze secondarie. Conservo i broccoletti di rapa in un cartone in cantina. Userò l'ortaggio da solo o cucinato con le famose orecchiette pugliesi. La Bietola da coste, si adatta in tutti i climi, orti mari e monti e resiste inverni miti (fin -4°) e fiorisce a primavera, la semino da feb-ago e colgo scalarmente le sue dolci foglie più esterne da giu-nov. 11.䷊ ERBE E RADICI COLTE

12.䷋ ALGHE, ARGILLE, SALI - 卤 lǔ (sale, salt, rad.197)

Emilia parla dei pionieri della vita sul pianeta Thera (life pioneers): terre-argille, muschi, sfagni, licheni, alghe e mari. Il comune SALE da Cucina (salt, cloruro di sodio, sodium chloride, NaCl) è il sale di sodio dell'acido cloridrico, a temperatura ambiente è un cubo cristallino incolore con odore e sapore tipico; ha ioni sodio Na+ e ioni cloruro Cl− che in soluzione acquosa, oppure fuso, conduce corrente elettrica; suo punto di fusione è 801°C. Il cloruro di sodio è abbondantemente in natura specie disciolto in acqua (mari e oceani) ed è solubile anche nel metanolo, acido formico, glicerolo, formammide, ammoniaca; esiste anche come minerale allo stato solido in giacimenti di terraferma (salgemma). Il sale si conserva per anni anche nei magazzini all'aperto: costo di produzione del sale marino è 50 euro a tonnellata grezza, mentre dopo lavorazione costa 150 euro. Il mare ne contiene molto pertanto non congela e può dar vita ad Iceberg di acqua pura. Le Saline sono la forma più antica di produzione di sale marino, l'acqua di mare viene raccolta in vasche basse e impermeabilizzate, per effetto del sole la salamoia si concentra e avviene la precipitazione di sali diversi, così la salamoia viene trasferita in vasche diverse dette evaporanti: le vasche in cui precipitano i sali di calcio (se presenti) sono dette decalcificanti. Raggiunta la concentrazione di 300 g/L di NaCl, la salamoia viene passata nelle vasche cristallizzanti, dove si ha precipitazione del cloruro di sodio, poi raccolto e inviato alla raffinazione (lavaggio con acqua pura in controcorrente) per eliminare i sali diversi dal cloruro di sodio: si ottiene un NaCl (99,5%) che viene essiccato e commercializzato come Sale marino. L'Evaporazione artificiale, alternativa a quella solare, sfrutta il vapore d'acqua o l'energia elettrica e, poichè il costo energetico è proporzionale alla quantità d'acqua da evaporare, viene fatta solo su salamoie sature (umide): la salamoia in ingresso viene trattata chimicamente per togliere i sali di calcio e magnesio (demineralizzazione), poi viene concentrata in evaporatori-cristallizzatori e se ne produce un sale raffinato (puro ed uniforme) per uso alimentare o di elettrolisi. L'evaporazione solare è possibile solo dove evapora più acqua durante l'anno di quanta ne cada con la pioggia, cioè in un clima mediterraneo, mentre è assai difficile in climi monsonici o freddi. In Italia le maggiori saline si trovano in Puglia, Romagna, Etruria, Sardegna e Sicilia, dove il sale marino è tra i Prodotti agroalimentari tipici: la Riserva delle Saline di Tarquinia (150 ettari) è una delle poche rimaste lungo la costa italiana, inattiva dal '97, ospita diverse vasche d'acqua salata (profondità tra 10 e 100 cm) soggette a forte riscaldamento solare ed evaporazione nei mesi estivi. L'ambiente delle saline è colonizzato da piante pioniere (alta capacità di adattamento) come la Salicornia e la Salicornia glauca. Dove il tasso di salinità è più basso vegetano il Limonio, la Cannuccia palustre, il Giunco, arbusti di Lentisco e Ginestra odorosa; la duna costiera ospita il Pino marittimo, l'Asfodelo e il Giglio di mare che fiorisce a fin'estate; lungo il canale perimetrale e nelle zone di acqua dolce vegetano Canna di fiume, Tamerice, Olmo minore e Pioppo bianco. La riserva è frequentata dalla Volpe, Riccio, Nutria e Testuggine comune, e, con le sue vasche-paludi, è luogo di sosta, alimentazione e riproduzione dell'avifauna stanziale e migratoria (Sula, Berta minore, Chiurlo, Gabbiano roseo e corallino, Fenicottero, Gru, Albanella reale, Volpoca, Falco di palude, Beccapesci, Anatre fischioni, Germani reali, Alzavole, Avocetta, Martin pescatore e Airone cenerino, bianco e garzetta); nei tratti di acqua e fango si vede la Pettegola, Piovanelli, Pancianera, Piro piro, Cavaliere d'Italia, Pavoncelle. Nigari è sale marino, in prevalenza cloruro di magnesio, usato per enzimare il Tofu ricavato dalla Soia: quando Soia germina, l'amido viene rotto dall'enzima amilasi, poi, il succo dei semi di Soia estratto in acqua (latte di soya), se bollito e fatto fermentare con sali di magnesio, produce il Tofu, cibo multiuso che si combina bene con molte pietanze; Tofu-Miso è una zuppa di enzimi and che aiuta la microflora digestiva di intestini e suolo. Fior di sale è un sale grezzo tipico dell'Etruria (valore pari a 250-300 g/L), prodotto nel nord della Francia, Bretagna meridionale e Sardegna, dove viene miscelato con aromi di agrumi, erbe, mirto e zafferano. Friabile al tatto e minor contenuto di cloruro di sodio, è apprezzato in cucina per esaltare i sapori naturali dei cibi su cui viene usato. Dove esisitono giacimenti di cloruro di sodio allo stato solido, residui di antichi mari, si può estrarre il Sale già in forma solida, detto Salgemma e halite: si estrae da miniera mediante macchine di scavo, ottenendo un Sale a pezzi grossi poi macinati e, se richiesto dal mercato, raffinato come il sale marino. In Europa le più antiche miniere di Salgemma sono quelle di Salisburgo da cui il nome della città (in tedesco Salz burg, borgo del sale); in Italia vi sono miniere in Sicilia (sale puro senza raffinazione), Toscana (Val di Cecina), Basilicata (Val d'Agri) e Calabria (Crotone). Spesso il cloruro di sodio è disponibile mischiato a composti di argille, sali di magnesio e altri; in questi casi, come anche nel caso di giacimenti profondi, è conveniente procedere a una coltivazione indiretta della miniera, iniettando in profondità acqua che risale poi in superficie come salamoia satura, lasciando in profondità la maggior parte dei composti indesiderati. Essenziale alla vita sulla Terra, il cloruro di sodio è contenuto nella maggior parte dei tessuti e dei fluidi dei viventi, gli ioni sodio sono essenziali alla trasmissione dei segnali sensoriali e motori lungo il sistema nervoso: il principale fluido usato in medicina per curare la disidratazione è una soluzione acquosa (con 0,9% di cloruro di sodio) detta soluzione fisiologica, poichè ha la medesima pressione osmotica del plasma sanguigno umano: tuttavia, in forte concentrazione esso corrode i metalli, così nel corpo umano può causare un aumento del 27% di ictus o malattie del cuore. Mangiar salato aiuta le persone molto esposte al sole e al mare, così un pizzico di sale nel bicchiere disinfetta bocca e gola (gargarismi) mentre nel bagno decongestiona mani e piedi; nei colpi di sole si perde fin 10 kg d'acqua, così è buona norma slacciare il malcapitato lentamente, in luogo fresco, e fargli bere 1 litro acqua con 1 cucchiaio di Sale, poi ventilare e fare impacchi d'acqua sul suo corpo. Sale iodato viene prescritto per il gozzo o addizionato di cloruro di potassio per l'ipertensione. Usato come esaltatore di sapidità in tutte le tradizioni culinarie del mondo, il Sale è ampiamente sfruttato nell'industria conserviera come ingrediente e conservante di cibi, per via dell'effetto disidratante che il sale ha sui materiali con cui viene a contatto, da cui estrae l'acqua per osmosi. Il Sale è materia prime per l'industria chimica, usato come reagente a migliorare la precipitazione dei prodotti al termine di una saponificazione, oppure negli impianti cloro-soda, in cui vien eseguita l'elettrolisi della salamoia di cloruro di sodio per ottenere cloro gassoso, idrogeno e soda caustica. Il Sale, poichè abbassa il grado di condensazione del ghiaccio (Sale + ghiaccio fondono a −10 °C) trova impiego anche come anti-gelo: sparso sulle superfici ghiacciate ne provoca lo scioglimento. Un sale molto fino ottenuto per ricristallizzazione è il sale non-igroscopico, cioè aggiunto di antiagglomeranti come il ferrocianuro di potassio o il carbonato di magnesio. MAGNESIO (Mg, numero atomico 12) è l'ottavo elemento chimico più importante della crosta terrestre (2%), superato solo da alluminio e ferro, è il terzo elemento maggiormente dissolto nell'acqua marina. Abbondante in natura, il magnesio è presente in molti minerali rocciosi (dolomite, magnetite, olivine e serpentina): gli Usa estraggono sali di magnesio per il 45% della produzione mondiale, specie dolomite e magnesite, seguiti da Cina, Turchia, nord Corea, Slovacchia, Austria, Russia e Grecia. Magnesio è presente in buona quantità anche nei cereali integrali, noci (semi in genere), legumi, verdure a foglia verde, nell'acqua di mare, nelle brine sotterranee e negli strati salati. Gli esseri umani assumono 250-350 mg/giorno di Magnesio, han bisogno di almeno 200 mg di esso, tuttavia, il nostro corpo gestisce tale elemento molto bene, lo prende dal cibo quando può e ricicla quello che ha dentro quando non può: Magnesio sta ai muscoli, come il Calcio sta alle ossa; esso influisce sui nervi recettori di serotonina nel cervello, coinvolti nell'insorgenza di emicrania, per questo è in grado di alleviarne il dolore, chi soffre di emicrania generalemente ha bassi livelli di magnesio; tuttavia, sovradosaggi prolungati di medicine di magnesio possono dare letargia, debolezza muscolare e confusione. Il magnesio non appare cancerogeno, mutageno o teratogeno; ma inalare troppa polvere può irritare mucose o tratto respiratorio superiore, provocare ferite interne, formare particelle nell'occhio e ferir la pelle; veder polvere di magnesio che brucia, senza opportuni occhiali per fuoco, può provocare il flash del saldatore, dovuto a una fiamma bianca intensa. Il fumo dell'ossido di magnesio è un sottoprodotto di combustione del magnesio, l'esposizione a tale vapore, in seguito a combustione, saldatura o fusione da lavorazione del metallo, può provocare la febbre del vapore del metallo con tali sintomi temporanei: febbre, freddo, nausea, vomito e dolore muscolare. Pronto soccorso: se sono ingerite grandi quantita' di polvere di magnesio, autoindurre il vomito & consultare un medico, non esiste trattamento o antidoto specifico; per inalazione sostituire con aria fresca; per Occhi risciacquare con acqua completamente; per Pelle lavarsi abbondantemente con sapone & acqua a rimuover le particelle. Magnesio è bianco argento, molto luminoso e chimicamente molto attivo (usato per luci flash, torce e pirotecnica), sostituisce l'idrogeno nell'ebollizione dell'acqua e tantissimi metalli vengono prodotti tramite riduzione termica dei suoi sali e forme ossidate; si lega alla maggior parte dei metalloidi e a quasi ogni acido; reagisce poco o nulla con gran parte degli alcali e molte sostanze organiche (idrocarburi, aldeidi, alcooli, fenoli, ammine, esteri, olii), i suoi composti sono usati in agricoltura ed industria, per rimuovere lo zolfo da ferro e acciaio, o ridurre l'uranio puro e altri metalli dai loro sali; la sua polvere, in forma granulare e mescolata con aria, dà possibile esplosione. Pericoli chimici: la sostanza può prendere fuoco spontaneamente a contatto con aria o umidità producendo vapori irritanti o tossici; reagisce violentemente con gli ossidanti forti. Reagisce violentemente con molte sostanze che causano rischio di esplosione e di incendio; reagisce con gli acidi e acqua formando idrogeno infiammabile, causando rischio di esplosione e di incendio. Magnesio è il metallo strutturale più leggero usato in industria, capace di formare leghe leggere e resistenti, assieme ad alluminio, manganese, zircone, zinco, terre rare e torio; suoi composti, tipo l'ossido di magnesio, sono usati come materiali refrattari nelle fornaci per la produzione di ferro e acciaio, metalli non ferrosi, vetro e cemento. Gli antichi nativi del Mexico, nel lago Texcoco raccoglievano la nutriente ALGA Spirulina (arthrospira/spirulina platensis) oltre a piante di Loto (nelumbo lutea); le Spiruline marine o d'acqua dolce, son filamenti arrotolati a spirale, della famiglia delle micro-alghe azzurre (cianofite) molto simili ai batteri, quelle adatte ad acque dolci ricche di bicarbonato di sodio e carbonati (32°, pH tra 8.5 e 11, luce-buio di 12 ore) sono: platensis (Ciad, Ceylon, Congo, Etiopia, Togo, France, Spain, Perù, Thailand); maxima (Mexico), fusiformis (India). Diversamente dalla cugina Klamath, alga di acqua dolce che cresce spontanea nelle acque del lago Upper Klamath in Oregon (ha tutti e 20 gli aminoacidi e le sue proteine sono assimilabili al 73%), la spirulina cresce in laghi salati con acque alcaline e calde (lago Ciad, Texcoco, ecc) che uccidono i microrganismi patogeni. Commestibili e nutrienti, gli Aztechi mangiavano Tecuitlatl (Spirulina maxima/platensis ) regolarmente, raccolte nelle acque salate del lago Texcoco, nella valle arida di Città del Messico, così gli indigeni Kanembus nella parte nord del lago Ciad, le filtrano con panieri a maglie fitte, depongono il concentrato di alghe sulla sabbia, dove secca al sole e forma focacce, poi, ripulite dalla sabbia, per decantazione, le pestano in polvere e le aggiungono ai cereali. Martin, nella sua casa, ha scaffali con bottiglie trasparenti in cui crescono spiruline: "se si dà alla spirulina il sostrato che le necessita, essa si riprodurrà in perpetuo". Suo obiettivo è permettere ai contadini indigeni di produrre da soli questo supplemento dietetico di ottima qualità, in un ambiente di coltura controllato, tipo un lago con sali e bicarbonato, così da accompagnare un alimento base (miglio, riso, grano, mais), un impianto artigianale basato sul binomio biogas-alghe, che assicuri la sopravvivenza degli indigeni e non il loro sfruttamento: "il digestore fornisce azoto a CO2, noi aggiungiamo 7gr di sale marino per litro d'acqua e ferro-fosforo in quantità infime e agitiamo l'acqua con pale eoliche". La spirulina essiccata e ridotta in polvere (come l'equiseto) può esser mescolata alle salse-zuppe che condiscono il piatto di base ed evitano, equilibrando l'alimentazione (colmando carenze di proteine, sali, vitamine), ogni sorta di malattie tra cui l'anemia (vit.B12 antianemica, 3 volte maggiore del fegato di vitello). Ad Haifa in Israele, si usa spirulina per nutrire i volatili da cortile e depurare acque reflue: le uova acquistano colore grazie al carotene e la carne dei polli diviene dorata. Le spiruline han gusto neutro son facili da cogliere (basta filtrarle), tollerano il cloruro di sodio (per la riduzione dei concorrenti) e han parete cellulare digeribile (mucoproteica, non cellulosa); è utile ai convalescenti, alpinisti, sportivi, vegetariani e pollame. Le sue proprietà immunomodulatrici, sono utili nel trattamento delle allergie, inappetenze, convalescenze difficili, nervosismi, malesseri da pubertà, turbe da senescenza, malesseri da menopausa, obesità, cellulite, reumatismi, artrosi, postumi da fratture, rinofaringiti croniche, turbe tiroidali, circolatorie, emorroidi, gozzo, carenze alimentari. La Spirulina, negli anni 70/80, per l'alto contenuto proteico (60%), fu dichiarata dalla FAO "Il pane verde dell'avvenire", poichè un grammo per kilo di peso corporeo è la razione giornaliera di proteina necessaria al corpo umano. Oggi si coltiva spirulina per medicinali, mangime animali, concime, combustibile, nei laghi artificiali di Messico, Cina India, sorgenti di anidride carbonica ottenuta da gas industriali che immessa nelle acque dei bacini, ne stimola la moltiplicazione (acido carbonico, cibo per alghe). Coltivare micro-alghe è come produrre birra e, nei climi aridi, dà rendimento proteico più alto, fin 40 t/ha per anno, contro gli 800kg/ha di soia e 150kg/ha di carne. Le ALGHE nutrono il mare (e i pesci) e il mare nutre le alghe. Principio base dell'algoterapia legato alla talassoterapia e alle camminate sulla battigia: "tutte insieme, curano malanni e dolori, ascoltiamo il vento e respiriamo l'odore delle alghe, essenza stessa dell'aria che ancora ci avvolge." Il Mare ci dona la pioggia e scorre nel nostro organismo che è, a tutti gli effetti, un acquario marino poichè l'acqua di mare e il plasma sanguigno, han forte somiglianza. Alghe e mare riciclano di continuo i sali minerali: gli oligoelementi son metalli e metalloidi che, in minime dosi, catalizzano l'alimentazione, così, l'associazione Rame-Oro-Argento, presiede a tutti i fenomeni di autodifesa; Zolfo aiuta ossa, denti e tendini, disinfetta e depura; Iodio aiuta la tiroide e presiede gli scambi cellulari; Rame aiuta la formazione del sangue e Ferro ne consente il rinnovamento. Le grandi alghe marine son tutte commestibili, esse, nelle diete, rinforzano le immunità naturali del corpo, le più usate sono: Laminaria, Chondrus, Porphyra, Sargassum, Ulva, Ficus, Nori. Lattuga rossa. Iziki (cystophillum fusiforme) ha l'aspetto di fili d'erba duri e neri, cresce profonda nei mari caldi sotto forma di cespugli o piccoli alberi (è l'alga più yang), si raccoglie con battelli, usando coltelli fissati a lunghe canne, scaricate sulla spiaggia son lasciate seccare al sole. Consumata giornalmente in Giappone, dà giovinezza, abbassa il colesterolo e in minor dosi, è utile alle donne incinte e ai bimbi molto yin. Kombu (laminaria japonica), alga grande e dura, raccolta dagli Ainu al nord del Giappone, per la medicina macrobiotica di Oshawa, essa rigenera e ringiovanisce, utile nei casi di sclerosi, artrite, ipo e ipertensione, paralisi, squilibri ghiandolari (tra cui tiroide). Soia, ceci e lenticchie, cotte col kombu, si ammorbidiscono più in fretta. Wakame (alaria esculenta), come l'iziki cresce in correnti calde ed è colta allo stesso modo, è utile ai capelli, unghie, pelle e fegato. Nori (porphira tenera) come erba fluttuante, è coltivata su tavole di legno in acque poco profonde di baie e anse tranquille; dopo la raccolta son lavate e tritate a farne zuppa, versata in riquadri su stuoie di bambù, fatte seccare al sole, compresse in fogli sottili pronte per preparare le nori del sushi. Alghe ricche in proteine, aminoacidi, vitamine (A, B, C), oligoelementi (selenio, etc), sali minerali (iodio, etc) ed Omega3, sono le alghe più usate e conosciute nel mondo. Ogni anno la Porphyra veniva donata all'imperatore della Cina dalla provincia di Fujian; oggi nori è consumata con abitudine quotidiana, anche dai bambini che la gradiscono da sgranocchiare. Una nori di buona qualità sarà poco friabile e lucente e vista in controluce apparirà di una verde trasparenza e di grana uniforme. Si possono trovare fogli di nori già tostati (Sushi Nori) o tostati e tagliati a striscioline adatti per guarnire piatti (Kizami Nori) o, plasmati a mo di cestini, venir riempiti con olive, carciofini, funghetti, grana, sottaceti, verdure, uova, salse I foglietti di Nori vanno conservati in recipiente al chiuso per mantenerne la fragranza. La Lattuga di mare rossa (porphira lacinata, umbilicalis, linearis) presente pur nel mar Tirreno tutto l'anno, ha fronda fogliacea piatta color rosso-bruno, è consumata in insalata, zuppa o come legume. Lattuga verde di mare (ulva lactuca) è un tallo annuale formante fronde verde pallido che scuriscono col crescere, alte da 10-60 cm, con bordi arrotondati, ovali o lanceolati, spezzati, strappati, bucati o pieghettati. alga di risacca, cosmopolita di rocce, coste e banchi melmosi, ricca di vitamine, si mangia in insalata, zuppa e legume specie in Scandinavia dove è raccolta e usata pur come foraggio. Cintura di Nettuno (laminaria saccharina), detta diavolo del mar dei Lapponi, geomone rosso, anguillaio, e un tallo bruno-verdastro, lungo fin 4 metri che ogni inverno produce una lamina nuova. vive nel Pacifico (mar della Cina) e Atlantico del nord fino ai paesi baschi, è raccolta in settembre, col rastrello, durante la bassa marea, per estrarre alginati, potassa, soda, iodio e per concimare terreni poveri; è consumata dopo buon lavaggio, seccata, compressa e tagliata in strisce fini, ridotta in polvere per condire, o bollita in acqua o latte, o mescolata alla farina di cereali. A seconda delle regioni, le alghe son cotte (stufate, aggiunte al tè, minestra, nel pane, salse e marmellate) o crude (insalate e bevande di lattughe di mare). Buono è il riso con funghi, iziki, timo, tamari e olio di oliva. Le alghe usate come condimento, si possono pestare nel mortaio o si possono conservare in aceto e acqua salata con aggiunta di finocchio, come si fa per cetrioli e cipolle novelle, lasciarle inzuppare in olio d'oliva prima di usarle. L'acqua di cottura si usa per lavaggi al naso, gargarismi o, mesciata con argilla, per fare impiastri per curare bruciature, ferite o dolori reumatici. In Aromaterapia, le essenze aromatiche sono vettori come gli ormoni, se aggiunte (incorporate) a unguenti, creme, spugne ed alghe, agitando l'acqua e frizionando il corpo, diffondono e penetrano meglio attraverso la pelle. Selenio in oligoelementi riequilibra la tiroide, sia in caso di ipertiroidismo (provocato da Iodio radioattivo di luoghi contaminati), sia in caso di ipotiroidismo. Emilia impasta ARGILLA VERDE (clay) in vaso di coccio, copre l'argilla secca con acqua di fonte o acqua piovana, poi lascia riposare un ora. Con mestello di legno, mesce la pasta omogenea, quan vede che è morbida, è pronta. La espone al sole quanto più e aggiunge altra argilla o acqua quando necessario, così che non sia troppo densa ne troppo liquida; si conserva perenne ed è sempre pronta. La impiega per molti mali, incluse tonsilliti, carie e mal di denti (alternando sciacqui di sale), ferite alla lingua e ai genitali; molto utile è il fango di terra argillosa fredda, messa sulla pancia come cataplasma (di notte), oppure un cataplasma (poultices) di pasta di argilla sui reni nel caso di coliti renali o sulla fronte nel caso di forti raffreddori e sinusiti, sostituendola più volte. Cataplasmi locali aiutano a sfiammare appendiciti ed ernie, risolvendo spasmi e disordini intestinali. Argilla nella zuppa, alternata a limone ed acqua calda, risolve dissenteria e diarrea. Da bambina urinava sangue e pus, così la mamma le praticò continui clisteri di acqua tiepida d'argilla aggiunta con un pò d'olio di oliva, seguendo una dieta di frutta e verdura e riducendo il sale nei pasti. Romulo rivela che nel suo villaggio, in Perù, in casi di avvelenamento o casi di epidemia, le farmacie erano vuote o troppo lontane dall'abitato, così l'Argilla era il solo rimedio medicinale disponibile; Argilla è amata dai miei Tucani Amazzoni, assorbe microbi e tossine incontrate nel suo percorso. Per ferite superficiali e punture d'insetti, lavo con acqua e sale per disinfettare, poi applico poltiglia di argilla aderente, rinnovandola ogni due circa, fino a guarigione. Uso la stessa procedura anche per le distorsioni e punture, mentre, sulle scottature e ustioni, spalmo anche una chiara d'uovo. Per le fratture, prima ricompongo e immobilizzo l'arto, poi metto l'argilla. Gli Animali da sempre la usano per l'igiene personale e per curare malattie interne e cutanee, così molti popoli, imitandoli, l'hanno inclusa nelle proprie farmacopee popolari: diversi popoli dell'Amazzonia, imitando i Pappagalli, la bevono con acqua piovana (sporca di terra) per risolvere i problemi gastrointestinali; essa stimola fegato e reni, e ha un benefico effetto sull'intestino nei casi di dissenteria o putrefazione intestinale, squilibri alla base di ogni malattia. Buona norma è l'uso di acqua aggiunta con mezzo cucchiaino di argilla, lasciata riposare 12 ore e poi bere senza mescolare: in casi di dissenteria è opportuno mescolare prima di bere; è molto utile nei casi di acidità di stomaco, forti coliti, dolori stomacali: tenere presente che l'uso di acqua argillosa per più giorni consecutivi può dare stitichezza; per chi ne soffre si consiglia di versarne un cucchiaino in un bicchiere d'acqua, mischiare, lasciar riposare almeno tre ore e poi bere solo l'acqua, dopo qualche giorno, si potrà bere anche l'argilla. Altra soluzione è l' assunzione contemporanea di 1 cucchiaio di semi di Lino (messi prima in ammollo in acqua per 12 ore), ed acqua argillosa, bevuta al mattino appena alzati. Tutto questo ciclo per circa un mese, poi, dopo una pausa di 10 giorni, si può ripetere nuovamente per un'altro mese; tale trattamento salutare si può effettuare due/tre volte l'anno, ma ciò varia da soggetto a soggetto, per adulti è consigliato un cucchiaino di argilla ventilata in un bicchiere d'acqua, da far sciogliere con un cucchiaino di legno e bere tutto subito al mattino a digiuno, oppure lasciare in ammollo per una notte e bere solo l'acqua, lasciando il fondo rimasto; ai ragazzi fino a 12 anni le dosi vengono ridotte della metà, mentre ai bimbi piccoli si riduce ancora della metà. Una volta iniziata la cura d'argilla non dev'essere interrotta, salvo eccezioni, prima del risultato desiderato, essa scatena un insieme di processi successivi (purificazione, eliminazione, rivitalizzazione) e fermarli nel loro svolgersi potrebbe disturbare. In base allo stato di ossidazione del ferro presente, l'argilla appare bianca, rossa o verde: in fitoterapia si preferisce l'argilla bianca (caolino), in cui le proprietà riequilibranti, cicatrizzanti e stimolanti sono più marcate rispetto alla verde (indicata per uso interno). L'Argilla rossa, ricca in ferro e scarsa in alluminio, è indicata per l'anemia, per disturbi epatici e per complicanze a livello della mucosa intestinale. Argilla verde ventilata è polvere essiccata al sole avente molta silice, ferro, calcio, magnesio, potassio ed oligolelementi, venne consigliata ai tempi di Chernobyl per assorbire radiazioni radioattive dal corpo ed eliminarle fisiologicamente. Argilla è viva e attiva, agisce assorbendo e neutralizzando solo le eccedenze di batteri, mentre non ostacola la sana ricostruzione cellulare; è termoassorbente, così riequilibra la termoregolazione; inoltre, grazie alla capacità di cedere deboli dosi di energia elettromagnetica, rigenera l'attività organica e risveglia il num. Nei laboratori di cavie e topi si sfruttano le sue proprietà antitossiche: poca stricnina somministrata ai topi ne causa la morte in pochi minuti; la stessa dose di stricnina, somministrata ad altri topi, aggiungendo un poco d'argilla, permise agli animali di sopportare il veleno senza inconvenienti. Una delle virtù straordinarie dei vari tipi d'argilla è la capacità d'impregnarsi di enormi quantità di liquidi e gas, grazie alla sua struttura micro-molecolare, assorbe sostanze tossiche, batteri nocivi e liquidi di scarto del metabolismo: i sali minerali in essa contenuti attirano infatti l´acqua e altri soluti per osmosi, così come il sale integrale si umidifica assorbendo l´acqua presente nell´ambiente; inoltre il processo osmotico, che permette lo scambio di ioni tra l'argilla e le cellule dei tessuti, la rende adatta a rimineralizzare l'organismo. Argilla contiene molti minerale (ferro e oligoelementi) in forma idrosolubile ma sopratutto contiene Silice sotto due forme: quarzo o quarzite (insolubile in acqua), e silice-alluminio, idrosolubile; la Silice la rende indicata per l'arteriosclerosi, tubercolosi, invecchiamento, stati degenerativi multipli, anemie ed astenie. Argilla stimola gli organi non efficienti e spesso agisce più con la sua presenza che con la sua massa per le sue virtù polivalenti Argilla ha potere cicatrizzante (effetto emostatico), alcalinizzante (rende basico il pH), antidolorifica, antinfiammatoria, disintossicante: ferite difficili o una piaga purulenta trattata con argilla guarisce velocemente, il pus viene eliminato e i tessuti si riformano; l'abate Kneipp la indicava nella purificazione e accelerazione del processo rigenerativo dei tessuti lesi: come per il cavolo, l'argilla (per via orale o esterna) aiuta a cicatrizzare qualsiasi ferita, disinfettando, depurando e stimolando l'organismo; è anche un potente antiparassitario, nell'intestino assorbe gas e uccide le colture microbiche nocive. La sua ingestione è indicata anche nell'anemia, linfatismo e foruncolosi; le sue capacità batteriostatiche sono messe a profitto in numerose forme infettive: enteriti, coliti, colibacillosi, affezioni polmonari, parassitosi intestinali. L'argilla è usata anche per sterilizzare le acque (potabilizzatore di emergenza) da bere, basta qualche pizzico in ogni litro: in caso di epidemie, come prevenzione e difesa, si consiglia l'assunzione di limone o argilla. L'industria se ne serve per decolorare oli vegetali e oli minerali petroliferi, seguendo l'uso dei lavatoi pubblici in cui si pigiava la biancheria in acqua argillosa (terra da purgo), al fine di decolorarla e sgrassarla. Esternarmente l'argilla disinfetta epidermide ed epiteli, così è usata anche per la cosmesi (fanghi, maschera, cataplasmi): dopo una decine di minuti si asciuga aderente ad ogni asperità, la pelle più esterna lentamente si scolla e resta attaccata all'argilla che, venendo rimossa (con acqua o strofinio) esfolia le cellule morte e la pelle appare più liscia e morbida. Unita ad acquee termali offre i fanghi termali, ampiamente usati per lenire dermatiti, malattie reumatiche e altre patologie. I fanghi marini son composti di argille, alghe e ostriche sbriciolate, contengono composti minerali organici e viventi (batteri, protozoi, alghe, oligoelementi) dinamizzati e diluiti in un ambiente vivente, mentre la pelle scambia elementi viventi con l'argilla marina ed è in relazione con tutti gli organi interni. Il CALCIO delle Ostriche (Calcarea ostrearum) è la forma più attiva e assimilabile dei sali di calcio. I medici cinesi descrivono il meridiano della cistifellea, passante per l'anca, ginocchio, gamba ed esterno caviglia, collegato omeopaticamente alla silice. La silice marina delle ostriche, agisce e tonifica l'anca, il ginocchio e tutti gli altri punti toccati dal meridiano, elimina l'acido urico nei sofferenti di reumatismi, fortifica le ossa, ammorbidisce i vasi (sanguigni e linfatici) e tonifica i bimbi linfatici e handicappati. Così il limo ostrimarino ha stesse indicazioni dell'acqua di mare, acque solforose, alghe, fanghi termali vegetali e minerali, terapeutica dei tessuti; queste 5 azioni, in medicina, si moltiplicano le une con le altre a curar le malattie. Controindicazioni nell'uso terapeutico dei bagni d'alghe: malattie infettive in fase acuta, dermatiti essudative, tubercolosi polmonare, scompenso cardiaco, affezioni cardiorenali, ipertiroidismo; nell'uso interno, evitare di associarle a birra e farinacei, ed astenersi dalle alghe tossiche e da alghe cresciute in mari inquinati da scarichi vari (febbri tifoidi, epatiti, micosi, etc); il mercurio versato in mare, attraverso la catena alimentare di alghe, plancton, crostacei e pesci, viene restituito all'uomo, concentrato nei suoi alimenti (film Minamata). Il CALCARE è una roccia sedimentaria ricca di Carbonato di calcio (CaCO3), estratta da apposite cave come le Dolomiti, e usata come materia prima per la produzione della calce; anche il marmo e altre rocce possono essere usate a questo scopo. Il materiale, frantumato grosso, viene introdotto in apposite fornaci dove viene riscaldato gradualmente a 800-1000°C, per poi uscire dal fondo della fornace nell'arco di una decina di ore. Dopo la cottura i frammenti di pietra riducono il loro peso del 40% a causa degli atomi di carbonio e ossigeno perduti, e assumono una consistenza porosa; il comune colore grigio del calcare viene perso e le pietre diventano più bianche (calce viva). Dentro al forno avviene una reazione chimica (reazione di calcinazione) che porta alla liberazione di anidride carbonica e alla produzione dell'ossido di calcio o Calce viva: CaCO3 → CaO + CO2, smerciata così o ridotta in polvere e conservata in recipienti ermetici, poiché è molto igroscopica. L'impasto di CALCE si asciuga (perde acqua) più velocemente del cemento, così è adatta per gli intonaci in quanto cristallizza prima di quello (presa della calce); dall'esterno poi, a contatto con l'anidride carbonica inizia poi un lento processo che la trasforma in calcare (carbonatazione) solido, compatto e insolubile in acqua, il composto originario dal quale è stata prodotta, ecco la reazione: Ca(OH)2 + CO2 → CaCO3 + H2O (ovvero Ca2+ + 2OH- + 2H+ + CO32- → CaCO3 + 2 H2O); l'idrossido di calcio è solubile, così si scioglie in acqua assieme all'anidride carbonica formando acido carbonico H2CO3, da cui, per reazione acido base, si forma il carbonato di calcio, un sale poco solubile. La calce si presenta in due forme: Calce-viva (ossido di calcio, CaO) fortemente igroscopica, e Calce-spenta o idrata (idrossido di calcio, CaOH2); la calce viva è usata come candeggiante e sbiancante; disinfettare ambienti; correggere i terreni acidi agricoli; aumentare il calcio nel guscio di uova di galline; trattare acque per ridurne l'acidità; depurare e rimuovere fosfati; desolforizzare i gas di scarico; fabbricare carta dissolvendo le fibre di legno; purificare acido citrico e glucosio; essiccante e assorbitore di anidride carbonica; stabilizzare le terre argillose nei rilievi e sottofondi stradali; rivestire pareti e fondo di fosse impermeabili per ospitare carcasse di animali infetti. La calce viva ha forte alcalinità e causticità, a contatto con la pelle può provocare gravi ustioni come avviene con la soda caustica. Il contatto con poca acqua (non sufficiente ad assorbire il calore prodotto) può provocare una violenta ebollizione e la proiezione di schizzi caustici e bollenti. Pertanto viene maneggiata con tuta, guanti e occhiali protettivi, sia solida che in soluzione, sia in forma di malta di calce. L'ingestione di idrossido di calcio può provocare difficoltà respiratoria, emorragie gastrointestinali, ipotensione e alterazioni nel pH del sangue. La Calce-spenta (o calce idrata) è usata come materiale da costruzione assieme a sabbia, mescolata al cemento produce una malta adatta agli intonaci; come intonaco, pittura e decorazione di pareti interne ed esterne; come rivestimento murale impermeabile (Tadelakt); nella concia delle pelli; nel petrolchimico a produrre additivi per lubrificanti; per produrre stearato di calcio; neutralizzare e assorbire inquinanti; trattare acque dell'industria alimentare; correggere acidità dei terreni; preparare sali di calcio e magnesio per le farmacie; in odontoiatria; assieme a solfato di rame è usata nella poltiglia bordolese (anticrittogamico). Per ottenere la calce spenta il materiale deve subire la reazione di spegnimento: CaO + H2O → Ca(OH)2, con un violento rilascio di calore, e disgregazione della pietra per l'effetto espansivo della trasformazione da ossido ad idrossido di calcio. Lo spegnimento viene condotto in due maniere differenti, per aspersione o per immersione: nel primo caso le pietre, bagnate uniformemente, si frantumano di più e sono pronte alla reazione, la quale dà una polvere fine detta calce idrata; nello spegnimento per immersione le zolle di calce viva vengono gettate in due vasche d'acqua (di spegnimento e di stagionatura, evitando il contatto con CO2), nelle quali si ottiene una pasta detta grassello-di-calce; la sospensione bianca che galleggia sopra il grassello è venduta come latte di calce. La calce idraulica, capace di indurire anche sott'acqua, è preparata con roccia calcarea impura, avente dal 6 al 22% di argille o alluminosilicati idrati. Oggi fa freddo e la vegetazione è bagnata, Seba ammucchia legna per l’inverno, fa le fascine con i rami piccoli.. Emilia gli fa notare piccoli mucchi di un lichene verde chiaro che copre i rami, è il MUSCHIO di quercia (Evernia prunastri) o polmone di quercia. L’evernia copre molte querce e arbusti di prugnolo da cui deriva il nome scientifico; questo lichene (simbiosi felice tra un fungo e un alga) cresce due millimetri l’anno, ma dopo la pioggia e il vento, tutto il campo è cosparso di evernia brillante, elegante e delicata, con ramificazioni a corna di cervo. Seba mette in tasca batuffoli di muschio, man mano che scendo in basso gli alberi sono più carichi di licheni e il tappeto gommoso per terra è più fitto. L’evernia ama l’umidità, la prende dall’aria poichè non ha radici, ma quando il sole è forte e c’è siccità, può rimanere in stasi metabolica (letargo), per lunghi periodi. Quando è secca si sgretola in pezzettini e vola via col vento, alla ricerca di nuovi lidi. Così i licheni ampliano i loro habitat e sopravvivono in luoghi inospitali e a temperature estreme, poichè sono funghi abili nella ritenzione dell’acqua e distribuzione di minerali che, hanno imparato a unirsi ad alghe capaci di fotosintesi (sintesi di zuccheri) ed, entrambe catturano acqua e nutrimenti dalla pioggia e polvere dall'aria. Un quinto di tutti i funghi della terra ha abbracciato la lichenizzazione come stile di vita, vantaggiosa associazione fra due regni in un unico ecosistema, collaborazione tra organismi vivi o morti, con e senza clorofilla; la mancanza di autonomia suggerisce strategie di parassitismo o forme di scambio, così oggi circa l'80% delle piante vive in simbiosi con i funghi. Sottoterra i miceli dei funghi si uniscono alle radici delle piante per attingere carboidrati e rilasciare acqua, fosforo e azoto, così, in un bosco, attraverso questa rete nascosta (neuron vreex), le piante e gli altri viventi si aiutano. La presenza/assenza di licheni in un luogo, ne indica il livello di inquinamento: i licheni, accumulando sostanze nutritive e acqua dall’aria, la filtrano anche delle sostanze tossiche, così il fungo (nel lichene) soffre poichè l’alga deve usare le sue energie a riparare il danno alle cellule causato all’inquinamento, e la simbiosi può fallire. Licheni prelevati dal Parco Nazionale d’Abruzzo, nel 2001 furono usati a monitorare siti urbani e industriali, molta Evernia prunastri indica ottima salute. Seba riporta il cesto con i licheni a casa, riempie una pentola di acqua e ne mette alcune manciate a bollire sulla stufa a legna mentre pranza, ogni tanto alza il coperchio, vede il liquido scuro e pensa: "Evernia ha forte odore di alga, pelle, cuoio, corteccia di sottobosco dopo una pioggia, la sua oleo-resina è ricercata per farne saponi, fissare i colori (proprietà fissative) e i profumi, specie di violetta, così restano a lungo sulla pelle; gli egizi la usavano a tingere di giallo la lana (con urina fermentata tinge di viola) e imbalsamare mummie (Evernia furfuracea) mentre gli amerindi pellerossa per fasciare ferite, espettorar la tosse e come tonico dello stomaco; infine, arabi e turchi la usano macinata, o in gelatina, per far lievitare il pane. Evernia è sedativa, calmante, antisettica, afrodisiaca, come il muschio, mima l’effetto dei feromoni e risveglia i sensi (erotismo); da Evernia prunastri discendono i profumi chiamati Chypre, da Cipro, l’isola di Venere, dove si usa il suo profumo (fumo odoroso) come incenso dell’aria e, a piedi scalzi, se ne attinge l'essenza". Il polmone della quercia, seppur millenario alle Hawaii, è sempre più raro, a causa degli inquinamenti, ma la pentola di Seba deve bollire pian piano per 2/3 gg, per avere ancora il liquido che tinge la lana. Lycopodium clavata detto pino di terra, è pianta simile al muschio, sempreverde, ma tossica, con steli prostrati, rami eretti e coni con spore. Le spore, un tempo usate dai Piedi neri della California come sedativo e antispasmo dei disturbi gastrici e urinari e come emostatico del naso (si inalavano o, in polvere, si spalmavano su ferite ed eczemi), se si incendiano sono esplosive, così sono usate nei fuochi artificiali. Emilia prende un mazzetto di sfagno in mano e lo strizza, poi lo bagna di nuovo, è una spugna! Lo Sfagno (Sphagnum recurvum, sphagnaceae) è un genere di muschio molto leggero e permeabile, che resiste bene all'aria, al vento, al sole diretto, ma non vive senza un continuo apporto d'acqua; è costituito da un fusticino avente zona centrale incolore, midollo e una zona corticale di cellule morte con funzione assorbente; il fusticino e le ramificazioni sono rivestite da foglioline, disposte su tre file, quasi scolorite. Lo sfagno, quando cresce in acqua, forma un fusto centrale filamentoso e ramificato; quando cresce su terra forma un fusto foglioso e, dalla cellula apicale, sviluppa radici di ancoraggio al substrato. Lo sfagno, il cui fusto è rivestito da uno strato di cellule morte, per capillarità può assorbire acqua fino a venti di volte il suo peso secco, è un tubo vivente, vive in ambienti paludosi e molto umidi, poveri di minerali, dove forma colonie dette sfagnete; mentre cresce la parte inferiore muore, dando vita alla torba. Acque leggermente acide (pioggia) e un fotoperiodo allungato aiutano lo sfagno a crescer veloce e compatto, mentre, acidi inquinanti o contaminanti come il Cloro, ne rallentano la crescita. Le colonie di sfagni agiscono come una spugna, assorbendo e trattenendo l'umidità, così, tutte le specie del genere Sphagnum (papillosum, palustre, squarrosum), sono adatte alla preparazione di substrati: lo sfagno essiccato all'aria è componente base di terricci per Orchidaceae, Bromeliaceae e altre piante epifite, e nel radicamento delle talee; quello verde invece, è ottimo substrato per le piante carnivore spesso provenienti da paludi, torbiere o spazi allagati. Lo sfagno vivo non si accorda con piante aridofile o amanti di suoli calcarei (Pinguicula), e piante troppo piccole a crescita lenta (poichè sfagno cresce veloce se ha molta luce ed acqua, Seba sminuzza lo sfagno in minuscoli frammenti, restano vivi ma crescono poco, oppure innaffia di meno). Lo sfagno non è facile da trovare, così viene coltivato, assieme a piante carnivore, bonsai, plantule da seme e da talea: accumula acqua in eccesso e la rilascia lentamente quando manca, integrandola con sostanze organiche utili; è un jolly che aiuta in più modi: riserva d'acqua, raffredda il suolo, è antifungino (rilascia ossigeno, letale per alcuni batteri patogeni, ed ospita batteri simbionti che producono auxine), crea microambiente umido, stimola la crescita, protegge da pioggia e dilavamento. Molte piante reagiscano bene alla sua presenza poichè da sempre vivono in simbiosi con esso; piante a germinazione difficile germinino meglio e più veloci in presenza di un tappeto di sfagno vivo: si dissetano, fissano le radichette e si proteggono da infezioni. Lo Sphagnum cymbifolium, batteriostatico e antibiotico (contiene iodina) è stato usato per secoli per bendare ferite, assorbire il sangue e favorire la cicatrizzazione. Macinato è usato a produrre substrati di semina, sterili e resistenti alle malattie. Sfagno vivo mescolato al substrato dei vasi, li rende meno compatti e chiusi, evitando l'asfissia; anche da morto, la decomposizione dello sfagno (torba) abbassa il pH e genera acidi umici e tannici. Le fibre biancastre, lasciate seccare al sole, si mutano in materiale morbido che, aggiunto ai vasi, continua a rilasciare sostanze utili. In estate, tra i ciuffi dei rami superiori spiccano le brune capsule a sfera da cui esplodono le spore che, germinando, diffondono gli sfagni; invecchiando, le parti inferiori marciscono e muoiono, ma i rami giovani si moltiplicano originando nuovi individui; lentamente ma incessantemente, queste piantine si sviluppano in estensioni maggiori, anche distese di chilometri quadrati. Lo Sphagnum palustre è diffuso in tutto l'emisfero Boreale, ma nelle Hawaii sembra riprodursi solo per clonazione, poichè discende da una pianta fondatrice portatati dal vento migliaia di anni fa: sul monte Kohala si è clonato per 50 millenni mutando lentamente e, con l'aiuto involontario dell'uomo, si è diffuso nelle isole vicine, dove cambia l'ecologia del suolo (piante simbionti a svantaggio delle native). La Torba è prodotta da paludi dove, le piante, per mancanza di aria muoiono e si decompongono. La torba è acida, così resiste alla decomposizione batteriologica. Le torbe, pur essendo fondamentali in un suolo naturale, non sono particolarmente interessanti nella coltivazione bonsai, per la loro rapida degenerazione nel vaso, in seguito agli sbalzi idrici e termici. Sono stati usati in passato per i bonsai che erano coltivati in ambienti molto ombreggiati, ma il loro uso oggigiorno non è più interessante per i bonsai di alta qualità. Seba, come ogni bonsaista, sviluppa, col tempo e l'esperienza, una sua miscela per substrato, secondo la specie e la situazione climatica: nelle regioni meridionali calde e asciutte, è preferibile più materiale organico, aumenta l'umidità del substrato; in zone a clima umido con piogge tutto l’anno, è meglio più sabbia o pozzolana, per drenare ed evitare asfissia delle radici: "terricci di foglie ed humus di lombrico (molto drenante) correggono i difetti del terreno, grazie ai microrganismi regolano l'alimentazione minerale delle piante, migliorano le caratteristiche del suolo, introducono la vita biologica (batteri e funghi utili) agendo quasi da antibiotici. Tillandsia o Garofano d'aria (500 specie, Bromeliaceae), è pianta vellutata originaria del Centro America, priva di radici sotterranee, assorbe il nutrimento dall'umidità dell'aria tramite dei fori (aperti quando la pianta è secca e chiusi sopra una certa umidità) che impediscono l'evaporazione; vive sulle rocce, cime di alberi, pali e fili elettrici e antenne televisive. Assieme all'umidità cattura anche il pulviscolo atmosferico, così Tillandsia vien usata per monitorare l'inquinamento e, in dosi massicce, per assorbire le polveri cariche di IPA (idrocarburi policiclici aromatici), ovvero i benzopireni cancerogeni provenienti dall'incompleta combustione della benzina e del gasolio: Tillandsia assorbe e metabolizza gli inquinanti (0,2 milligrammi per chilogrammo di pianta), così son nati progetti di pareti/pannelli di tillandsie, per disinquinare appartamenti autostrade e vie cittadine di gran traffico. Tillandsia è creatura vivente che, nel suo habitat, con le sue radici si fissa da sola, senza colla o silicone, ai rami con corteccia sugherosa: se proprio si deve, meglio fissar la pianta con bio-legacci (spago, rafia, filo di togna), ponendo sfagno tra la base della pianta ed il supporto, così da facilitare la radicazione. Muschio e Licheni siano usati a ricoprire l'incollatura. Stanza da bagno e ambienti illuminati presso finestre sono ideali, mentre sassi calcarei come il travertino, vapori grassi di cucina e solventi, sono deleteri, potrebbero bruciare il meristema: evitare corridoi e cucine, ambienti poco luminosi, poco areati e sempre umidi. Le piante ben curate cresceranno sane, senza l'uso di antiparassitari. 12.䷋ ALGHE, ARGILLE, SALI

13.䷌ FIBRE, Canapa e Lino - 麻 má (hemp, rad.200)

Emilia ci guida in Tuscia, tra oliveti, noccioleti, vigneti, orti, frutteti, pascoli e foraggi, fino a scendere nella valle del Biedano, per narrarci la storia di due piante, Canapa e Lino, e della fatica di costruire i Campi da coltivare. Nella Valle del Biedano si praticava la coltivazione della canapa e tutte le fasi di lavorazione per ricavarne fibra tessile. Nella memoria degli anziani di Barbarano sono ancora vivi i tracciati delle vecchie vie della forra (canyon scavato dal fiume), percorse quotidianamente dai coltivatori delle canapine (terreni adibiti a canapa e ortaggi), e dai mugnai che lavoravano ai mulini ad acqua situati lungo il torrente. Percorrendo il sentiero, incontriamo i resti di tre mole ad acqua e le dighe per contenere e deviare l'acqua in condotte e macereti. La valle era una delle principali vie di comunicazione tra Barabarano e Blera; dalla sommità del paese, una fitta rete di vie, tagliate etrusche e scalinate, dette calatori, scende verso il Biedano, permettendo un rapido accesso ad ogni parte del versante e alle varie canepine.. Emilia proviene da una famiglia della pianura Atellana (Terra di lavoro), in Lucania, dove la coltivazione e lavorazione della pianta di canapa e Lino, fino agli anni sessanta, era tipica attività locale. La pianta di LINO (linum usitatissimum, flax) si semina come la canapa (in autunno o a marzo in montagna), cresce basso e fa semi piccoli, è utile per la fibra pregiata calda e fresca, e per i suoi semi che, bolliti sono usati a guarire lo stomaco di bestie e umani, come impacchi contro polmonite, tosse, raffreddore e febbre, come mangime equilibrante di animali e per farne olio e vernici. La canapa ha stelo legnoso e cavo all'interno, ricoperto da uno strato fibroso (epidermide, cuticola) formato da un doppio strato di fibre, uno lignificato e aderente al gambo (fibre periferiche) e l'altro, ricco di cellulosa (le fibrille), separato tramite macerazione. La canapa agisce contro la desertificazione e migliora i terreni, dopo di essa si hanno migliori performance dei cereali e delle colture orticole. Ciò è possibile per più ragioni: la sua radice va giù in profondità, preleva i nutrienti e poi, spogliandosi delle foglie, in parte restituisce allo strato superficiale (alta resa in biomassa); possiede sostanze battericide e insetticide; durante la fase vegetativa (primavera/estate/autunno) trattiene molto azoto prelevato dal terreno impedendone il percolamento in falda. La semina, anche su maggese o sovescio, iniziava a fine marzo; a luglio si sradicava la pianta di CANAPA (Cannabis sativa) e si lasciava essiccare sul terreno; poi si tagliavano radici e cime e i fusti, legato a bande, si portavano alla piscina di macerazione. Tra periodi di prosperità e periodi di depressione economica, per secoli la canapa atellana fu la risorsa economica più importante del posto e orientò costumi e tradizioni locali. Zanaca, nonna di Emilia, la sera spesso narrava di un suo vecchio amante, un contadino del villaggio di Frattamaggiore (vicino Napoli) che, iniziato la semina il 20 marzo, fu costretto a fermarsi per quindici giorni a causa di un peggioramento improvviso del clima. La semina del suo campo venne completata dopo ma.. vi fu una sorpresa: la canapa seminata dopo, rapidamente raggiunse l'altezza delle piante del primo turno, fino a superarle in vigore e colore! Infatti, la canapa seminata prima era stata colpita dall'abbassamento di temperatura durante lo stadio di sviluppo, mentre, quella seminata dopo beneficiò di umidità e calore del suolo più uniforme. A Frattamaggiore accadeva un rito antico: le strade dei villaggi vicini risuonavano dei canti notturni delle pettinatrici (a mano) della stoppia di canapa, un duro lavoro in ambienti malsani e polverosi, mentre gli uomini Funari preparavano le corde di torsione, d'estate e d'inverno, sotto caldo e freddo, andando avanti e indietro sugli spiazzi aperti, con l'aiuto di ruote mosse a mano. Gli stuppaioli preparavano la fibra tessile battendo con appositi bastoni, ovvero cascami di canapa imbevuta per renderla adatto a riempire i materassi. Gli agenti d'affari giravano la campagna per acquistare canapa per conto di industriali e artigiani mentre i contrabbandieri correvano il rischio per sopravvivere. La nonna di Emilia ben presto, al posto delle sementi derivate da colture industriali che mostravano rachitismo e stanchezza nella fase di primo sviluppo, pre-fioritura e rapida lignificazione della fibra, impiegò sementi turche di Fatza e sementi bastarde di Napoli, poichè davano buona resa ben oltre il terzo prodotto, così lei preferiva rinnovare il suo vivaio, per prevenire la degenerazione della pianta, mischiando con altre varietà locali come era d'uso a Napoli e Atella. Il campo usato per la canapa (canapaio o canepina) fu, di preferenza o necessità, quello che, al momento della semina, era ancora occupato da altre colture come orzo. Lei impiegava 9-12 Kg di semi ogni 3000 mq (30 kg ad ettaro), a seconda del seme. Germinazione e sviluppo delle piantine eran veloci, favorite da un clima più mite mentre, tutte le operazioni di diradamento correggevano eventuali errore di semina. Al momento della fioritura, le piante maschili venivano sradicate dopo la dispersione del polline. La femmine restavano fino alla maturazione del seme. Le piante maschili sradicate avevano grande sviluppo nel Canapaio, così furon chiamate sciglitura. La loro fibra è grossolana, rozza e con piede in parte lignificato. Quando maturano i frutti, le piante femmine venivano sradicate e asciugate all'ombra fino a quando, con energiche frustate sopra di un stoffa, l'achenio si staccava dal supporto. Queste piante, con fibra di poco valore, eran chiamate corda di canapa. Gli acheni lasciavano libero il seme che veniva selezionato mediante setacciatura (setaccio) e tenuto fuor di luce, umidità o sbalzi di temperatura, poi deposto in sacchetti di carta o in barile chiuso. La quantità di sementi prodotte da un ettaro era variabile (300-600 kg, in rapporto di 30-60 volte il seme di partenza): la caduta della pioggia durante la maturazione del seme influenza il raccolto. Si raccoglie verso metà agosto, 10 giorni dopo la fine della fioritura delle piante maschili; così come si fa per la fienagione, si taglia con barra falciante, la si lascia in campo per una parziale macerazione (30/40 gg) e la si imballa con normale pressa: Canapa da fibra tecnica può restare in campo anche fino a ott/nov e si rotoimballa direttamente; Canapa da fibra tessile si taglia rotoimballa con pressa da lino, a luglio prima della fioritura. Se la coltivazione è per seme (granella), la trebbiatura (fine settembre, inizi ottobre) è più facile con varietà non troppo alte (fino 2,5 metri) e, bisogna che il trebbiatore ci prenda la mano e pulisca la mietitrebbia dai residui della coltura precedente. Dopo la trebbiatura il seme va essiccato poichè, se fermenta, si deteriora: si può stendere su una pavimentazione in strato fino a 5 cm, rimuovendolo nei giorni successivi per dargli aria, senza schiacchiarlo. La produzione di seme dipende da varietà, annate e trebbiatura: la resa media delle varietà dioiche va da 4 a 8 q/ha. La canapa è coltura molto adattabile, può essere coltivata in diverse condizioni pedologiche e climatiche, anche in collina e in montagna, non teme gelate tardive e, in alcune zone dove la germinazione è consentita dal clima, è possibile la semina in secondo raccolto: in Piemonte si semina a marzo/aprile, anche con l'antica tecnica di semina dopo loietto, orzo o grano, tuttavia, se il terreno non è umido incontra difficoltà a germinare, oppure, un caldo eccessivo secca le piantine. La quantità di seme consigliata è di 50 kg per ettaro per colture da fibra, e 35 kg/ha per colture da seme, seminata a mano o con seminatrice da grano/mais con disco adattato al seme di canapa, a 15/20 centimetri tra le file, poco profondo (1-2 cm) su terreno preparato che abbia umidità sufficiente alla germinazione, (feb/marzo a sud). Seminata così, la canapa è autodiserbante poichè cresce più velocemente delle infestanti e le soffoca; di conseguenza, lascia il terreno diserbato. Con le vecchie varietà italiane la concimazione è inutile, anche se il terreno è povero di fosforo; le varietà selezionate per climi più freddi, nel clima italiano anticipano la fioritura (prefioritura) bloccando la crescita della pianta. La canapa ama i terreni umidi ma muore se si verifica ristagno di acqua; la maggior resistenza alla siccità è attribuita al fatto che il fittone, arrivando a profondità notevoli trova umidità; la canapa resiste a carenza d'acqua più di tutte le altre colture industriali (Assocanapa: nel 2003 su stesso suolo, il mais non irrigato è morto, la canapa non irrigata ha prodotto 20/30% in meno). La canapa dà rese più elevate nei terreni sciolti e freschi delle pianure alluvionali, un tempo dette terre da canapa, dove la resa media in sostanza secca (13% di umidità) è stimata in 130 q/ha. La pianta di canapa, nel suo breve ciclo di sviluppo (da metà marzo a metà luglio, circa 120 giorni), si sviluppa veloce ma è molto influenzata dal clima che, può abbassare la qualità del prodotto: con vento o grandine il raccolto peggiora. I canapai un tempo molto diffusi nella bassa Pianura Padana e nel Piemonte, presso Carmagnola e nel Canavese, sulle terre del monastero benedettino di Casanova, erano coltivati dai monaci, gravati da tasse civili ed ecclesiastiche. Col tempo, la canapicoltura locale si specializzò nella produzione di sementi: il seme di Carmagnola fu esportato in Francia per la buona resistenza che dimostrò al parassita Orobanche quando, nel 1875, attaccò molti canapai in tutti i paesi d'Europa. In Tuscia e Piceno, la canapa veniva bene su terre sabbiose presso i fiumi, tali posti adatti erano chiamati canepine. Nella terra dei Piceni, ogni contadino riservava alla canapa un lotto di terra tra i più umidi e fertili, queste canepine servivano all'autoconsumo della famiglia per tessuti, lenzuola (calde in inverno e fresche d'estate), biancheria e tutto l'utile per la casa: canovacci, tessuti, corde, sacchi. Si seminava a Marzo e si mieteva quando era granita (quando la falciavi ti faceva venire sonno), si facevano mazzetti ad asciugare al sole (così cadevano foglie e semi), poi si tagliavano le radici su un ceppo e si portavano i fasci al fosso a macerare (8 gg, fasci in fila con sopra delle pietre per tenerle a fondo), poi lavati e fatti asciugare di nuovo. A casa si battevano col macigno per farla fina e separarla dal legno restante (alcuni la battevano già dopo seccata, senza macero). Asciutta la fibra, giungeva il Canapino che la pettinava con due pettini di ferro, per separare quella grossolana (stoppia utile per sacchi, stracci e corde fatte dal funaio) da quella più fine adatta alla filatura di biancheria. La canapa si filava in inverno, con la conocchia picena (regalata alle donne quando si sposavano), le sere nella stalla, luogo caldo di ritrovo; il filo và inumidito con saliva o dell'acqua. Filata la canapa si mette sulla naspa per fare la treccia, quindi sul telaio per ordirla assieme al cotone o lino: l'orditoio è una tavola lunga appesa al muro su cui sono infilati diversi pioli di legno attraverso cui è fatto passare il filo per fare l'ordito, ovvero in cannucce disposte con precisione, attraverso cui passa la spola che traina i fili della trama. Il lino è più delicato e la canapa più resistente.. Il filo si ordiva e si tesseva al telaio a farne pezze che, bollite con cenere (strati di pezze e di cenere) venivano sbiancate e ammorbidite (la cenere assorbe la resina della canapa). I piceni cantano: nocchio per l'ordito e pinicchi per la trama.. di fodere per pagliericci e sacchi per farine, per far corde ho ferito il labbro, mele fichi e prugne secche mi dan saliva tanto.. dieci pecore bianche per lana, e una nera il grigio emana. Il fuso e la conocchia con cui le filatrici filano il 'destino' era l'attributo delle grandi Dee lunari, abili nella cucina e nelle faccende domestiche: la cuoca, con la sua magia, nutre la vita e seduce, interroga il fuoco (negromanzia) e sovrintende all'alchimia delle pignatte, così la Befana è ringraziata con offerte di dolci in forma umana, le pupattole di pasta, dono e ricettacolo delle anime dei defunti. Il Galletto è un dolcetto fatto a forma di gallo che, finita la lievitazione, veniva unto con uno sottile strato di tuorlo sbattuto (doratura), usando una penna di gallina o tacchino. La canapa asciutta si sbatte a far cadere le foglie, con le sue stoppie si accende il fuoco e si bruciano le radichette dell'aglio da conservare per l'inverno. In Campania a causa della sovrapposizione di diverse colture in un unico ciclo annuale, la canapa necessita di terreno soffice e sovescio, mediante rotazione, al fine di preservare la fertilità della terra. Con clima secco la pianta ha meno sviluppo ma la fibra ottenuta è eccellente, durevole, adatta alla filatura. L'umidità delle notti, in caso di eccessivo calore durante il giorno, aiuta ad alleviare le sofferenze della pianta. Invece con forti piogge, il gambo si ispessisce, la fibra è grossolana e la filabilità ridotta. Nelle canepine Atellane il sovescio adatto per la canapa, era detto Pascone poichè costituito da una miscela di erbe (trifoglio, rape, rucole) mescolato al terreno. Nei suoli gessosi (creta) come quelli di Marcianise, era più adatto un sovescio con lupini, orzo e fagioli. Il Pascone era preferito ai concimi chimici poichè migliorava la morbidezza del manto erboso. Il terreno veniva vangato con forcella, vanga o zappa, da Natale a Gennaio, al fine di precedere le gelate che indurivano le zolle. I piccoli agricoltori dicevano: è cchiù meglio na brutta vanghiatura che na bona aratura. Il senso di religiosità della gente dei campi era alto, essendo il risultato di duro lavoro legato a eventi naturali, gli agricoltori trovavano conforto e fiducia nella fede ancestrale, così collegavano tutte le principali operazioni ai festeggiamenti della religione in voga: semina del Pascone al 15 Agosto; vangatura a san Tammaro; semina della canapa a san Giuseppe. Speciale devozione era diretta agli spiriti (patroni) della pioggia, ogni area aveva il suo e, a seconda delle stagioni, venivano invocati per richiamare pioggia o per evitarla. Prima della semina della canapa, il terreno veniva livellato per quanto possibile con uno legno di due metri, al fine di evitare, durante la pioggia, la formazione di pozze in cui il seme poteva marcire. I contadini di Marcianise per la natura calcarea del loro suolo, erano costretti a rompere le zolle più dure (zolle pantosche) con un legno che portava un cerchio superiore di ferro (clavi). La semina veniva fatta secondo linee parallele distanziate di 12 o 15 cm: semina più densa costringeva la pianta a lottare per crescere, mentre, semina più scarsa ne accelerava la crescita con tendenza a ramificare. La semina densa rendeva più piante maschili che, fornivano migliori fibre; le piante femminili venivano usate per la produzione del seme, e venivano estirpate con il maschio. Se il seme veniva posto in terreno umido poichè qualche lieve pioggia primaverile era venuta opportuno a inumidire la terra, dopo sette/otto giorni apparivano le plantule. Quando le piantine avevano sviluppato tre o quattro foglie, era utile scerbare le infestanti tra le file. Un secondo diserbo a mano, veniva fatto quando la pianta aveva raggiunto un'altezza di 20-25 cm. Erbe concorrenti venivano sradicate, e il terreno attorno alle piantine veniva ammorbidito, al fine di stimolare una pioggia provvidenziale. Raggiunto l'altezza di circa 50 cm, la Canapa è protegge se stessa da altre erbe concorrenti. In 120 giorni, la pianta raggiunge lo sviluppo normale e matura. L'estirpazione, in Campania (sfalcio altrove) dipendeva dal raggiungimento della fioritura delle piante maschio, la dispersione del polline e un ingiallimento ai piedi del fusto che causa la caduta delle prime foglie basse. Estirpate o falciate le piante, venivan poste in fila sul campo ad essiccare in linee parallele, occupando tutto il terreno. Il contadino decapitava la parte superiore e la base. Le foglie venivan staccate dal fusto che, nel periodo di asciugatura, mutava il suo colore in giallo verdastro. La rugiada, con i primi raggi del sole, dava un effetto benefico, producendo un candeggio utile. Macerazione in acqua stagnante: gli steli di canapa venivano uniti in fasci e posti in una grande vasca scavata nel terreno (circa 1,5 m di profondità) circondata da mura e difesa ai lati con tavole o tralicci. L'acqua veniva immessa per 15 giorni, dopo pulizia tempestiva dei fanghi in eccesso accumulati nel precedente periodo di macerazione. Le rocce o pietre usate per affondare le pile di canapa imbevuta, venivano ammucchiate sulle sponde. L'acqua veniva raccolta in precedenza, al fine di consentire l'aumento della temperatura e lo sviluppo dei batteri della fermentazione (già esistenti in forma di spore nel fango delle pareti). I fasci di steli di canapa venivano collocati nel macero trasversalmente, a croce, poi caricati con pietre, così che l'acqua coprisse completamente la canapa. Il processo di fermentazione iniziava. Per correggere la diminuzione dell'acqua, dovuta alla sudorazione e all'assorbimento da parte della canapa, un supervisore aggiungeva altra acqua, lentamente, in modo da mantenere un livello costante. La macerazione procedeva. Assieme ai batteri della cellulosa, si sviluppava anche una flora batterica di secondaria importanza; verso la fine del processo, il supervisore doveva rilevare l'esatta riuscita dell'operazione: esaminava più volte alcuni steli prelevati da un fascio, li esaminava attentamente, mettendoli ad asciugare, ne rompeva lo strato legnoso tra le dita e, se la macerazione aveva avuto successo, la separazione della fibra dal supporto accadeva facilmente. La porzione midollare del gambo era scomparsa, distrutta dal processo di macerazione. Buona fibra era lucida, forte, chiara, compatta. A questo punto tutta la canapa veniva rimossa togliendo le pietre di affondamento. I fasci rimossi dall'acqua, venivano scossi leggermente e trasportati sullo spanditoio ad asciugare, mantenendo una singola legatura superiore, per cui il fascio assumeva la forma ad X. La canapa restava sullo spanditoio fino a essiccazione totale, ma l'azione di macerazione continuava, diminuendo con l'aumento del grado di asciugatura. Se il tempo era nuvoloso, umido o piovoso, l'essiccazione era più lenta. L'acqua della polpa, se necessario, poteva essere usata per cinque o sei macerazioni successive, a seconda della quantità di canapa attesa. La durata della macerazione variava da cinque a otto giorni, a seconda della temperatura della stagione. La quantità di acqua veniva regolata arbitrariamente dal sorvegliante della pasta di canapa, unico responsabile per la riuscita dell'operazione. La Canapa veniva definita pasta cruda se la macerazione era inadeguata a causa della scarsa influenza stagionale o estrazione precoce dell'acqua, oppure era debole (a punti giallastri), se la macerazione era andata oltre i limiti normali. L'aumento della temperatura del macero oltre un certo limite, in presenza di acqua fangosa o ricambi insufficienti, altera il comportamento dei microrganismi che, finiscono per corrodere anche la cellulosa a scapito della sostanza pectica, il cui contenuto percentuale in fibra è importante nel processo di filatura. Alfine la canapa veniva trasferita nei negozi, gli anziani riconoscevano il tipico odore speziato, aromatico, della canapa imbevuta nella vasca, preziosa e ricercata poichè di buona filabilità, colore dorato, fibra brillante, morbida e quasi untuosa al tatto, con peso specifico maggiore della canapa imbevuta di acqua corrente, più sbiadita nel colore, meno lucida e meno pesante. Per le necessità domestiche (lenzuola, asciugamani, etc) e per gli usi militari (corde, tende, vele) era coltivata in tutte le regioni italiane; per gli usi industriali fu coltivata soprattutto in Emilia e Campania e per la produzione di semente in Piemonte. In Italia, il declino della canapa, il calo della sua produzione, iniziò nel 1954: nel 1950 si producevano 678.732 q, nel 1970 si scese fino a 10.080 q. In Campania si è resistito alla crisi fino al 1964, nella speranza di una ripresa: qui la canapa scomparve nelle immediate vicinanze dei laghi, tutti situati sulle rive del fiume Volturno, a causa di nuove colture competitive di tabacco e l'aumento dei costi di macerazione legati alla scarsità di acqua nei laghi. Nella zona Atellana, la canapacoltura, presente da secoli, resistette col suo modello di piccolo di villaggio, rifiutando progetti di cooperative, viste con molta diffidenza. Mentre i grandi agricoltori industriali furono spinti ad altre colture (frutta), gli artigiani della canapa, le donne pettinatrici e i lavoratori più anziani, addetti alla macerazione, stigliatura, etc, non conoscevano altre attività fuori della canapa, localmente chiamata, oro verde. Chiesero l'intervento del governo.. le cause della crisi, di natura economica (il costo delle fibre di canapa non poteva competere con i prezzi delle nuove fibre sintetiche del petrolchimico), insieme alla crisi degli allevamenti italiani, portò l'esodo dalle campagne e la dura vita di coloro che rimasero, a causa del costo del lavoro. Tra le cause della fuga, in quegli anni, dalle comunità rurali verso le città di Salerno, Caserta, Avellino e Napoli vi furono le mutate condizioni di lavoro: la canapa richiede costante cura nella macerazione e nelle varie operazioni per ottenere la fibra; il metodo rurale (maceri e stigliatura in acque stagnanti) non era più concepibile quando le grandi imprese entrarono nel settore con le loro fabbriche. I costi in continuo aumento e i ricavi in ​​calo facilitavano l'importazione di fibre grezze e fibre sintetiche. La stigliatura richiedeva un fisico forte, poichè spesso minava i polmoni a causa delle lunghe esposizioni alla polvere; destino comune alle pettinatrici che, in ambienti squallidi, lavoravano sodo per pettinare la fibra ottenuta. Tuttavia, la canapacoltura campana assicurava lavoro a molte famiglie, oltre al fatto che, la fibra italiana di canapa campana non ebbe rivali in termini di robustezza ed elasticità; grazie al clima, limita densità di semina (fibra di fine cellulosa), macerazione, suolo e bassa fertilità della terra, preparata solo col Pascone, ovvero, sovescio di legumi e foraggi spontanei, aggiunti, in Atella, di rifiuti urbani. Con il declino della canapa, la Campania Atellana fu colpita nel suo vasto tessuto di piccole e medie imprese, tessili e artigiane, fondate sulla canapa; l'agricoltura locale ne fu danneggiata (la canapa assicurava la rotazione delle colture, diserbo agronomico, sovescio dei residui per le culture successive). 13.䷌ FIBRE, Canapa e Lino

14.䷍ ERBE MATRAGUNA (Dature e tabacchi) - 頁 yè 页 (page, foglia-foglio, rad.181)

Emilia parla di Piante dell'Amore, streghe e miti della pianta magica, mediatrice fra mondo ordinario e soprannaturale: ogni pianta magica dà impulso a più riti della conoscenza che, partendo dalla stimolazione della libido, potevano sublimarla nei centri del cuore, gola e terzo occhio.. molte Piante furono usate nei millenni per aprire i chakra, le porte interne della fisiologia umana, e permettere una seconda rinascita (recupero di una innocenza atavica), Madragora ad esempio appar capace di aprire sopratutto il chakra del cuore, della radice e dell'eros/sessualità. La pianta Mandragora di volta in volta, secondo i vari contesti (contadini, montanari, alchemici, animisti, spiritualisti, etc.) è detta: erba del picchio, erba che apre le serrature, radice dell'uomo, sorgente degli umani, basilisco/serpente/bimbo oracolare, Dama/signora notturna (legata a Ecate, dea trina, triva e notturna, guida ai misteri della vita-morte-rinascita), erba dalla linfa rossa, erba imparentata col rospo, salamandra, serpenti, morti impiccati, sperma, verbo, urina, utero della Madre terra, spirito delle tempeste, mano del drago, alrune o erba che conosce tutte le rune (pietre oracolari analogo delle conchiglie de buzios o degli esagrammi cinesi), erba della conoscenza dei misteri; questa pianta, come altre usate nel mondo a curare e consolare gli umani (lattughe, belladonna, matraguna, tabacco, toloache, henbane, datura, floripondio, etc.), poteva venir usata per facilitare o scassinare (metodo repentino) una, alcune o tutte le porte interne della fisiologia energetica umana, i chakra appunto, così l'idea di vedere le paure, le mutazioni terrifiche che sorgono da questo processo, apparve come la prova iniziatica tipica di processi di cura e crescita, descritti nella letteratura sullo sciamanesimo e riassunti in questo cartoon indiano sui 7 chakra. Nella stregoneria europea, l'Unguento delle streghe (unguentum populeum, flying ointments) fu il preparato più conosciuto e usato dalla strega, derivato dagli unguenti curativi usati a calmare dolori e febbri, curare ferite e reumatismi; la vecchia addolorata si spoglia, si friziona o viene frizionata vigorosamente con un unguento, prova sopore, cade in sonno profondo, quando si risveglia narra di aver attraversato mari e montagne.. Ginzburg nella storia della stregoneria europea scrive: donne e uomini, compiute le unzioni, vengono presi dai diavoli e trasportati attraverso luoghi diversi, come Gesù trasferito sul più alto pinnacolo del tempio, il volo di vari profeti, santi e sante.. la strega rimaneva nello stesso luogo dove s'era unta, cadendo in un sogno o deliquio, seguito da un sonno profondo, svegliatasi avrebbe raccontato di aver percorso spazi inimmaginabili.. nel sabba i giudici videro il resoconto di eventi reali, mentre scienziati rinascimentali, come Cardano o Della Porta, ritenevano che le trasformazioni in animali, voli, apparizioni, etc, erano l'effetto della denutrizione o dell'uso di decotti vegetali o unguenti psicoattivi: le streghe conoscevano bene le piante, soprattutto quelle psicoattive, diverse droghe aiutavano le loro esperienze oniriche, lucide e vissute, stimolandone la fantasia già strutturata dalla tradizione orale. Gianbattista della Porta a fine cinquecento scrisse: per far credere a una persona di essersi trasformata in uccello o bestia, è sufficiente farle bere una bevanda a base di Solanaceae: a volte si vede trasformata in pesce, e allargando le braccia si mette a nuotare sul terreno; a volte gli pare di saltare in aria e poi tuffarsi; un altro crede di esser mutato in oca, si mette a mangiare erba e becca la terra come un'oca, di tanto in tanto strilla e tenta di battere le ali. In preda a strane visioni, molti sembrano brucare l'erba come buoi, o nuotare come foche o sguazzare come anatre in una palude arrestandosi se li si ferma, e ricominciando se li si incita. Ancora, due cani parlando tra di loro scoprono di essere uomini trasformati in cani; il cane Scipione spiega: questo unguento con cui le streghe ci ungono è composto di succhi di erbe estremamente fredde, non è fatto come dice il volgo con il sangue di bambini, ungendoci con quelle erbe tanto fredde ci privano di tutti i sensi, rimaniamo distese e nude per terra, e allora dicono che nella fantasia viviamo tutto quello che in verità ci pare di vivere, altre volte, finito di ungerci mutiamo forma a nostro piacere, in galli, civette o corvi, andiamo nel posto in cui il nostro padrone ci aspetta, e lì acquistiamo la nostra forma primitiva e proviamo piacere. Una donna dopo aver mangiato radice di cicuta cucinata con radici di carota, fu presa da una sorta di pazzia e tentò in tutti i modi di volare. Due religiosi mangiarono radice di cicuta: uno si buttò in acqua convinto di essere un'anatra, l'altro si spogliò e cercò l'acqua, credendo di non poter vivere senza di essa. Una strega del 1662 rivela al processo: quando vogliamo trasformarci in lepre lo ripetiamo tre volte, in lepre mi trasformerò con pena e molta inquietudine, poi ci mutiamo in lepre.. quando vogliamo prendere la forma di gatto diciamo tre volte, in gatto mi trasformerò, con dolore e in un due per tre.. o ancora, sotto tutte le brume, sopra tutti i rovi, sono upupa o strige.. per volare al Sabba o ad altro incontro lontano, recitiamo la formula, Unguento unguento, mandami alla noce di Benevento, supra acqua e supra vento, et supre ad omne maltempo; Stephen LaBerge direbbe che tale istruzione guida l'esperienza a un sogno lucido collettivo, un rendez vou virtuale. Il tossicologo G. Schenk, nel 1948 condusse un autosperimentazione inalando i fumi prodotti dalla lenta combustione di semi di H. niger, egli visse un vero sabba: mi si strinsero i denti e una rabbia vertiginosa s'impossessò di me, tremavo dal terrore, ma ero pervaso anche da un senso di benessere, collegato alla pazza sensazione che i piedi mi stavano diventando più leggeri, espandendosi e liberandosi dal corpo (sensazione di graduale dissoluzione del corpo tipica del giusquiamo). Ogni parte del mio corpo sembrava andarsene per suo conto. La testa cresceva indipendente, più grande, e la paura che potesse staccarsi s'impadronì di me. Nello stesso istante provai una sensazione di volare. La spaventosa certezza che la mia fine fosse vicina a causa della dissoluzione del mio corpo era controbilanciata da una gioia animale per il fatto di volare. Mi librai in volo dove le mie visioni (nuvole, cielo che si abbassava, mandrie di bestiame, foglie che cadevano, nastri di vapore e fiumi di metallo liquido) stavano turbinando. I composti liposolubili, veicolati dagli oli dell'unguento, strofinati sulla pella lacera, potevano funzionare più rapidamente che per ingestione o inalazione; l'igiene dell'epoca era approssimativa e, specie nelle classi più povere, le carenze di vitamine naturali erano ricorrenti quanto le carestie, guerre ed epidemie. Così molti ingredienti entrano nella pomata con funzione vulneraria (foglie di pioppo), sedativa (solanacee), antiflogistica ed antibatterica (olio di iperico), così gli unguenti curano, calmano il dolore ma possono dare reazioni tossiche o allergiche; in aggiunta stimolano sogni dilettevoli che soddisfano bisogni repressi, speranze, sensazioni mistiche o morbose, scambi e legami fra mondo esterno e interno, inducendo un feed-back positivo: coloro che sono affetti da piaghe dolorose ricorrono alla strega erborista per avere lenimento, e questa, nel procurare loro un potente analgesico, li inizia, anche inconsapevolmente, ai misteri del Sabba, e/o li lega a una lucrosa tossicodipendenza. Paracelso, erede di conoscenze di medicina popolare di streghe erboriste, ostetriche, cerusici e boia, intuiva la composizione di quell'unguento che il Mattioli trascrive in una ricetta: sugna, resina e fiori di canapa, rosolaccio, semi di girasole e solano sonnifero. I preparati tossici o che potevano dare effetti collaterali importanti, erano spesso applicati esternamente, come unguenti, su zone a pelle sottile (ano, zone genitali, ascelle, piante dei piedi, vene del collo) o in presenza di lacerazioni, piaghe e ferite. L'unguento del sabba, derivato da quelli curativi, aveva anch'esso quattro tipi di ingredienti: piante attive; equilibranti dell'azione tossica (eccitanti, sedativi, purganti); addensanti o eccipienti; formule magiche recitate durante la preparazione o il rituale, capaci di suggestionare, indirizzare l'esperienza, creare repulsione, sgradevolezza, meraviglia, in sinergia con l'azione delle piante. Gli ingredienti erano numerosi e flessibili, dipendevano da vari fattori: ad esempio le classi ricche potevano acquistarne di esotici e costosi, mentre le classi rurali potevano usare solo piante locali. Ecco una lista di massima: Solanaceae psicoattive (Atropa belladonna, Datura stramonium/metel, Hyoscyamus albus/niger, Mandragora autumnalis/officinarum, Solanum nigrum dulcamara); Papaver somniferum, Cannabis sativa, Aconitum napellus, Conium maculatum (cicuta), Lactuca virosa, Lolium temulentum parassitata da ergot (claviceps purpurea), Populus nigra, fuliggine; ingredienti di origine animale, meno comuni erano il Rospo (Bufo bufo, calamita, viridis) e Cantharis vesicatoria. Le ghiandole cutanee dei rospi contengono bufotenina, sostanza indolica simile per struttura alla serotonina e alla dietilamide dell'acido lisergico: rane e rospi sono tuttora usati ritualmente in alcune culture native per indurre stati visionari (sapo tra i Matses, e bufo Alvarius tra i Sonora), mentre la fustigazione del rospo, per ricavarne il veleno, era uno dei rituali del Sabba. Piante spontanee, aggiunte localmente in mancanza di uno o più ingredienti, erano: verbasco, valeriana, erba morella, dulcamara, digitale e salice; secondo la disponibilità, il solano sonnifero poteva essere sia la belladonna dei boschi sia l'erba morella dei campi. Morella e dulcamara (contenenti solanina) sono narcotiche e analgesiche, possono dare nausea, allucinazioni visive, diafonia, vertigine, fino alla paralisi dell'attività motoria e respiratoria. L'ERBA MORELLA (Solanum nigrum), cugina di solanum dulcamara, è una specie confondibile con la belladonna, ha bacche e dimensioni più piccole, è analgesica, sedante e afrodisiaca. In alte dosi è tossica come la dulcamara, specie nelle bacche: la sindrome indotta da specie del genere Solanum è caratterizzata da dolori addominali, diarrea, vomito, spossatezza, mal di testa, apatia, agorafobia, convulsioni, raramente collasso cardiocircolatorio, disturbi della visione, sogni lucidi o allucinazioni. Un modo per evitare un dosaggio eccessivo era quello di applicare l'unguento mediante un manico di scopa; raggiunto uno stato di incoscienza, il manico di scopa cadeva ed evitava un maggiore assorbimento. L'Aconito (aconitum napellus) è una pianta erbacea perenne, frequente in tutta Europa, specie nei pascoli montani fertilizzati fino ai 3000 metri; possiede alcaloidi diterpeni, napellina, aconitina e i glucosidi flavonici luteolina e apigenina. Aconitum ferox è il veleno vegetale più attivo che si conosca, 2 gr di tubero fresco (1-3 mg. di aconitina) può rappresentare la dose mortale per l'uomo; il veleno penetra attraverso la pelle: il semplice mazzetto tenuto in mano provoca intossicazioni e dermatiti. Aconito è anche ipotensivo, rallenta il battito cardiaco e potrebbe dare la sensazione di volare: suoi preparati galenici applicati sulla pelle inducono leggera eccitazione sensoria, seguita da formicolio, insensibilità, anestesia, paralisi dei centri bulbari e irregolarità cardiache. La Cicuta induce paralisi motoria graduale, rallentamento cardiaco, ipossia (insufficiente ossigenazione), delirio ed eccitazione convulsiva; Verbasco e Valeriana sono sedativi; Digitale (in caso di intossicazione acuta o cronica) provoca disorientamento spazio-temporale, confusione, afasia, delirio, allucinazioni; i Salicilati sono responsabili di confusione, delirio, forme stuporose, sindromi maniacali, allucinazioni. Cannabis sativa veniva aggiunta in quanto vi erano estesi canapai e canepine a scopo tessile (Campania, Piemonte, etc), inoltre è ormai chiarito che la percentuale dei cannabinoidi attivi della pianta europea, non è dissimile da quella della canapa indiana, ma dipendono molto dalle condizioni di coltura. Giorgio parla di LATTUCA spinosa (Lactuca virosa, Asteraceae), una pianta spontanea detta in Tuscia cavolaccio amaro, spinoso, sorella della Lattuga selvatica (Lactuca Scariola), da cui derivarono le varietà di Lattuga coltivata (Lactuca sativa) come cappuccina, romana, etc. La Lattuga sativa, è un erba umile e preziosa; tutte le sue varietà da orto, cappuccina, romana, glaciale, scarola, etc, vanno seminate in luna calante e, in estate, hanno bisogno di ombra, altrimenti spigano facilmente come le consorelle selvatiche, senza dare insalate! La Cruda contiene vitamina A ed altre, cotta aiuta la digestione. Raseno in vecchiaia mangiava lattuga, la sera, per dormire sonni tranquilli; il succo della Lattuga sativa, meno forte del lattucario della virosa, è pure emolliente, calmante delle tossi, sedativo nervoso e blando ipnotico: cataplasmi tiepidi di lattuga, unti con olio, guariscono rapidamente le contusioni, ematomi ed irritazioni cutanee. Le Scarole, più diffuse della virosa, hanno stesse proprietà terapeutiche, e foglie orientate nord-sud con lamine ovest/est per proteggersi dai raggi del sole, virtù questa, sfruttata nella cura della pelle. Lactuca Virosa è pianta biennale alta fin 2 metri, robusta, con gambo e foglie sessili, oblunghe, violacee e dentate e radici con odore fetido; è amante di suoli smossi, fossi e sentieri, e fiorisce da lug-set con alti capolini gialli, rilasciando frutti neri, pelosi e alati. Spezzando una foglia, rametto o gambo, fuoriesce un lattice bianco amaro, ricco di principi attivi, balsamici e ipno-sedativi: tagliando i fusti delle lattughe esso fuoriesce, raccolto e lasciato asciugare, produce una sostanza bruna resinosa, chiamata Lattucario (tridace quello più blando), avente odore che ricorda l'oppio, sapore amaro, ed effetti che si fanno sentire subito ma non durano a lungo, tra la mezz'ora ed un paio d'ore, poi scemano lentamente. I medici dell'800 usavano il lattucario come blando narcotico quando l'oppio non era disponibile, mentre oggi è usato, assieme al luppolo, a preparare sciroppi sedativi: negli Stati Uniti tornò popolare negli anni '70, per la sua leggera attività psicotropa, altrove dimenticata. Elevate dosi di lattucario e di lattuga selvatica provocano una visione disturbata e percezione distorta della forma degli oggetti, così tale fatto originò l'idea che i falchi, quando la loro vista si annebbia, per curarsi estraggono il lattice dalla lattuga selvatica e lo spalmano sugli occhi. Nel rinascimento il lattucario aveva virtù curative sugli occhi, eliminando macchie e veli dagli occhi e, unito a latte umano, guariva tutte le affezioni e offuscamenti della vista provocate agli occhi dal freddo e altro: contro le lacrimazioni lo si applica sugli occhi con un impacco di lana. Mattioli scriveva: il lattucario leva via i fiocchi e le nuvolette degli occhi e, mangiare troppo di frequente insalata di lattuga, modifica la percezione visiva. Il lattucario si ricavava tagliando il fusto fiorifero della pianta poco sotto l’infiorescenza; il lattice veniva raccolto a mano o con strumenti di metallo appena risultava ispessito. Il procedimento si ripeteva 5-6 volte al giorno, tagliando di volta in volta un tratto di fusto lungo pochi millimetri, sufficienti a rimuovere l'estremità cicatrizzata e far fuoriuscire nuovo succo; una singola pianta veniva sfruttata per settimane. Il lattice veniva essiccato fino a completa evaporazione dell'acqua contenuta (da 100 g di succo si ricavano 10 g di lattucario), ottenendo la forma commerciale: compresse circolari (dette lacrime) bruno-grigio-rossastre di sapore amaro, o polvere grossolana. Il lattucario insolubile in acqua fredda, diventa per metà solubile in acqua bollente: esso perde facilmente le sue virtù, dunque bisogna che sia recente, ben seccato e conservato al buio. Il periodo più propizio per la raccolta del lattucario, è quello precedente lo sviluppo del fiore, quando, dal fusto fiorifero in corso di sviluppo, per circa un mese il lattice fuoriesce copioso dai tagli giornalieri sui fusti; le piante del secondo anno producono quantità minori di lattice dal fusto divenuto oramai duro e legnoso. Il nome virosa (velenosa) indica una sua riconosciuta tossicità come alimento (presenza di cumarina), mentre, come oppio dei poveri ha effetti ipno-sedativi, noti anche nelle altre specie di Lactuca selvatica (scarola), ma poco percettibili nelle addomesticate lattughe da orto. Una differenza fra lattuga e papavero da oppio consiste nella notevole dilatazione della pupilla (midriasi) osservabile con dosaggi anche bassi di lattucario, rispetto al restringimento pupillare caratteristico degli oppiacei. Il medico italiano Menicucci nel 1837 ancora scriveva: la proprietà narcotica della Lactuca virosa emula un pò quella dell'oppio, avendo ancora il suo succo, lo stesso odore, lo stesso sapore; ma agisce però sul cervello a guisa degli estratti di Giusquiamo e di altre piante della famiglia dei Solani; pertanto L.virosa entra nella schiera dei controstimolanti, ovvero, ha un probabile alcaloide tropanico che spiegherebbe la midriasi della pupilla e, a larghe dosi, il disturbo della visione e il delirio registrato nei casi di forte intossicazione accidentale.. nel Rinascimento, le foglie di mandragora venivano paragonate a quelle di lattuga e la mandragora stessa era chiamata tridakias (lattuga). Foglie e lattice furono usate come anestetico, aiuto per il sonno, cura di nervosismo e tosse, cura della pelle e blando afrodisiaco; nella terapia omeopatica si usano a favorire il latte nelle puerpere (galattogeno) e come anti-ossidante. Succo e foglie di lattuga amara/virosa agiscono pure da espettoranti e riducono il glucosio nel sangue ma, in dosi eccessive, possono causa insonnia e stimolare impulsi sessuali. Il succo amaro di Min, cura pertosse, bronchiti e ansietà e, una volta diluito, è applicato su pelle macchiata o sciupata da condizioni climatiche per ammorbirdirla e ridurre le irritazioni (è ingrediente di saponi, lozioni e schiume da bagno). Diffuse nella maremma dell'alto Lazio (ex Etruria), la Lactuca spinosa amara è ritratta nelle tombe etruske (rasna) di Tarquinia come elogio alle forze gemelle di Eros-Thanatos: in tali affreschi, la morte è riflessa (sublimata, percepita) nell'orgasmo e viceversa; mucche e tori maremmani (Taurus-minotaurus) mangiano lattughe selvatiche nei pascoli della maremma e si accendono di desiderio. Turuska fu il nome dato ai popoli del mare che atterivano l'Egitto, luogo da cui venne importato il culto del dio Min, legato a riti fallici (specie nell'oasi di Siwa), che coinvolgevano l'uso del latte di più piante, come afrodisiaco e lubrificante (lattice diluito in acqua): mandragora, melograno, papavero da oppio, silfio, etc. In epoca coloniale un'altra pianta dalle virtù afrodisiache venne portata in Europa e divenne parte della medicina erboristica inglese: radice e corteccia di Muira puama. Esploratori europei degli anni 1920-1930 notarono che gli indigeni dell’Amazzonia usavano Muira puama come afrodisiaco e tonico nei confronti di alcuni disturbi del sistema nervoso e della caduta del desiderio sessuale. Inserita nella British Herbal Pharmacopoeia, la pianta è raccomandata per il trattamento della dissenteria e dell’impotenza; in Brasile, dall'erboristeria nativa approdò alla Brazilian Pharmacopoeia. Muira puama viene usata come tonico psico-fisico e della circolazione, digestivo, neurotonico, antireumatico, antinevralgico, nelle astenie gastrointestinali, nella atonia ovarica e nei dolori mestruali. Le sue proprietà neurotoniche, oltre che nei casi di impotenza sono di aiuto nei caso di esaurimento e depressioni nervose lievi: nel trattamento di alcune forme di impotenza femminile e maschile, l'alcaloide muirapuamina agisce come la yohimbina (Pausinystalia yohimbe). Emilia, prima di parlare delle piante solanacee, fa una premessa: la riscopertà della sacralità delle cose è una tappa obbligata nel processo di rigenerazione culturale dell'uomo e nella costruzione di un modello di sviluppo sostenibile: sacralità del territorio, dei gesti quotidiani, rituali, preparazione di cibi, costruzione di capanne, natura, ecc. Il passato vive in noi, ci accompagna e si manifesta in tutti i gesti che hanno origine religiosa: i giochi infantili, i giocattoli, abiti e maschere, cibi e medicine, danze e canti, usanze e colture, piante e animali. I modelli di produzione-consumo devono essere ciclici e sostenibili per sopravvivere su un pianeta limitato, tutto non può crescere in simultanea, ma alla propria stagione: se alcune cose crescono, altre devono diminuire, così le istituzioni, lasciate al loro decadimento, rilasciano talenti e capitali umani usabili in nuove organizzazioni.. Solanacee in origine era il nome di una famiglia di piante dette consolatrici, perché capaci di alleviare il dolore, e utili per preparare medicine, veleni e preparati psicotropi; oggi questa famiglia botanica include anche molte piante alimentari come patata, pomodoro, melanzana, peperone, perperoncino, gouji, alchechengi. Le Solanacee psicotrope contengono principalmente alcaloidi tropanici (scopolamina, iosciamina e atropina). Giusquiamo, stramonio, atropa e mandragora sono tutti farmaci dose-dipendenti: a bassi dosaggi danno euforia, benessere, disturbi della memoria, alterazioni spazio-temporali e vividezza nelle percezioni sensoriali; ad alte dosi compaiono midriasi, allucinazioni e delirio. Alte dosi di atropina e scopolamina pura producono irritabilità, disorientamento e allucinazioni, mentre a dosi più basse atropina ha un azione eccitante, e scopolamina sedativa o narcotica. Le allucinazioni sono visive, uditive e tattili, e consistono in sequenze di oggetti simili ai reali, senza variazioni di colore, spesso delirogene, in quanto indurrebbero una condizione simile al delirio, con obnubilamento della coscienza e idee persecutorie. Inoltre, sono presenti sintomi fisici e amnesia parziale o totale dell’esperienza. Altri composti attivi presenti (diterpeni, flavonoidi e cumarine) modulano l'attività dei tropanici (in sinergia o antagonismo), le vie di assorbimento e i processi di biotrasformazione. L'effetto di queste Solanaceae può modellare determinate credenze popolari, permettere di entrare in un mondo soprannaturale e diventarne parte; come altre (piante enteogene, inebrianti, empatogene o che producono sogni e visioni, esse sono centrali nella storia dell'umanità, pervadono ogni aspetto della vita delle società che le usano: salute e malattia, sessualità, guerra e pace, vita in casa e nei viaggi, caccia e agricoltura, relazioni tra individui, villaggi, tribù, spiriti, religione, nascita morte e rinascita. Gli sciamani Shuar dell'Amazzonia ecuadoriana producono una bevanda per profetare, ricavata dal lattice raspato dalla corteccia di piante Solanacee (dature e floripondi); tale succo ad azione inebriante, fa rilassare i muscoli e perdere conoscenza fino a 3 gg, in tale stato il guaritore resta appartato nella selva e, quando rinviene, si immerge in un fiume e beve acqua salata. Gli Shipibo Konibo del medio Ucayali, lo usano nella dieta dei tre giorni (i primi 2gg si mangia solo polline in acqua), e in quella dei 7 giorni, intrapresa solo da persone incamminate.. Nella Sarmazia viveva un popolo Alano che una volta l'anno vestiva pelle di lupo e indossava maschere animali, tale suggestione, unita all'uso di un unguento fatto con piante che crescono nel Ponto, li trasformava in lupi per un paio d'ore: 'escono di notte imitando i lupi in tutto e per tutto, sono pallidi, la loro vista è debole, gli occhi sono secchi, la bocca ancor più secca, la salivazione bloccata, sono assetati e hanno gambe ferite per le numerose cadute; finito l'unguento tornano umani. Il culto della Dea Lupa (Turan) fu portato ovunque i Turaniani (alani, slavi, atamani, turcomanni, mongoli, etc) migrassero; nella Rus' italica dei Rasna (Etruria), Turan fu conosciuta come Diana-Venere, la luna brillante, detta anche Aradia. Il mito delle donne Amazzoni trae origine dai popoli nomadi slavi e turcomongoli, dove le sacerdotesse, vestite con pelle di Lupo, erravano nella selva parlando e ululando come lupe, al fine di attrarre gli uomini e accoppiarsi ad essi dentro sacre grotte. Nelle notti di luna piena (dianee) si potevano vedere tali donne correre al chiaror della luce o scorgerle dormire sui rami alla ricerca della trance profetica.. le donne della Luna usavano ombrelli per coprirsi dai raggi lunari poichè, fuor dei rituali, potevano stimolare le loro anime a danze selvagge. Il genere ATROPA belladonna comprende quattro specie distribuite in Eurasia ed Himalaya, è diffusa nei boschi di latifoglie, radure e lungo i sentieri boschivi, in alcune zone è naturalizzata, data la coltivazione a scopo medicinale protratta per centinaia di anni. La sua coltivazione commerciale prosegue in Usa, Europa e India, come fonte di atropina (in foglie e radici), alcaloide con molti usi nella moderna medicina, specie come antispasmodico, antisecretore, stimolante cardiaco, broncodilatatore per curare l'asma e, in oculistica, per dilatare la pupilla. Le sue bacche lucenti, se accidentalmente mangiate e/o abusate, spesso causano intossicazione anche mortale. Il nome belladonna ha due origini: l'usanza delle donne rinascimentali di usare gocce di succo della pianta come collirio, per dilatare la pupilla e indurre uno sguardo più brillante, attraente e fascinoso (charme); riferimento alla Signora della foresta (flora domina, faba) e a un gruppo di esseri magici femminili assimilati poi nella strega, relazionati alla morte, cura e divinazione: nel folklore di tutti i popoli europei, belladonna è uno dei più importanti ingredienti di pozioni e unguenti pestati dalle streghe (witches). I popoli italici la usavano come analgesico, narcotico, diuretico, in casi di febbre, spasmi, dolori, emorroidi, asma, infiammazioni e per ridurre il sudore; i Piceni credono che chi mangia alcune bacche di Belladonna, vede pecore grandi come vacche, reca bocca secca, tachicardia e minor sudore. La pianta intera contiene vari alcaloidi fra cui iosciamina, scopolamina e piccole qtà di atropina: nel processo di disidratazione la iosciamina subisce un processo enzimatico che la muta in atropina; nelle bacche immature e nei semi predomina iosciamina; nel frutto maturo l'atropina; nella radice si trova mandragorina. Il contenuto in alcaloidi totali sale nelle piante che crescono su terreno fertile e ad altitudini elevate. L'intossicazione da belladonna determina calore e secchezza delle fauci, diminuzione delle secrezioni ghiandolari, difficoltà a inghiottire e a parlare, arrossamento e tumefazione del viso, dilatazione della pupilla, visione indistinta, brillantezza degli occhi, battito cardiaco accelerato e irregolare, sete intensa, vertigini, tremori, atonia parziale o totale, anestesia, sedazione, cefalee ma anche diarrea, nausea e vomito. Per dosi più alte (dose letale da 10 a 15 bacche) compaiono sintomi psichici o psicomotori, con desiderio di moto, perdita di controllo, furia e violenza, risate deliranti, crisi di pianto, aumento della sensibilità, dell'eccitazione psichica e del desiderio sessuale, fantasie erotiche, allucinazioni, stati estatici e deliranti e soprattutto, un senso di leggerezza e la percezione di volare. Altre allucinazioni sono descritte come angosciose, minacciose, tetre, cupamente spaventose, demoniache, infernali; si tratta in definitiva di uno stato potentemente visionario, giudicato talmente spiacevole da non essere sperimentato di nuovo. L'esito può essere comatoso, fino alla morte per paralisi respiratoria preceduta da apatia e diminuzione della sensibilità cutanea. Per stramonio, giusquiamo e mandragora, le sindromi sono simili; nel caso dello stramonio, sembra che non vi sia arrossamento del viso e accelerazione del battito cardiaco. Le differenze più significative si registrano per gli effetti psichici, a causa del maggiore contenuto in scopolamina rispetto alla belladonna. GIUSQUIAMO o Henbane, indica due piante eurasiatiche annuali o perenni, il bianco (Hyoscyamus albus) e il nero (Hyoscyamus niger): il bianco è diffuso nelle zone ruderali del sud Europa, mentre il nero cresce in luoghi ricchi di azoto, stalle, immondezzai e incolti. Il giusquiamo nero trova posto in numerose farmacopee come sedativo, antispasmodico e antiasmatico. Il suo principale alcaloide è la iosciamina, poi scopolamina (il più psicoattivo) tracce di atropina e altre: in Europa la pianta era spesso inclusa in bevande capaci di indurre sogni lucidi, trovare tesori, stimolare la sensazione del volo e combattere il mal di denti, mettendo la pianta sotto il cuscino o respirando il fumo dei semi posti su carboni ardenti: a Ibiza, dove entrambe le specie amano crescere presso le abitazioni umane, si masticano i semi contro il mal di denti. Mantegazza scrive: "Iosciamina è come Moscarina, rallenta respiro e cuore e dilata i vasi, il sangue moscarino giunge all'addome, dà convulsioni, spasmi e salivazione; un'iniezione di Atropina rialza il battito e respiro. Il sangue intossicato dagli inebrianti, produce orina di pari specie". Il giusquiamo nero (black Hembane), produce sintomi da intossicazione simili alla Belladonna; differisce per il minor eccitamento motorio, non dà stimoli a saltare, ridere, esagerare i movimenti. L'azione ipnotica che esercita è più marcata e con cefalea, vertigine, minor sensibilità, sussurri alle orecchie, ambliopia, fotofobia, afonia e minor olfatto, ma produce più sonnolenza con sogni audio-visivi di tipo profetico o terrificante (scopolamina). L'acetato di ammoniaca risveglia dal suo torpore. Emilia dice: le vecchie donne cercavano quest'erba per incantesimi, chi portava con sé la radice restava invulnerabile; le streghe erano accusate di impiegarlo come afrodisiaco, riti magici, divinazioni, addormentare e rubare galline (col fumo dei semi), scatenar tempeste e controllare gli spiriti della natura: in caso di grande siccità immergevano il gambo della pianta in una fonte, poi con esso aspergevano la terra arida. Una strega della Tuscia venne accusata di aver dato questa pianta a un contadino per ritrovare un bue perso, e di darla da bere sia ad altre streghe, a scopo narcotico, prima di essere bruciate (pozione preparata coi semi della pianta), sia ai giovani, nei riti iniziatici silvestri: 'attraversano il confine tenendo presenti identità e differenza; ciò porta a vedere le case, le strade e le persone del loro luogo come fosse la prima volta, così sviluppano un rapporto emotivo, sacro e cosciente con la natura che li circonda. Afrodite, dea dell'Amore, aveva l'appellativo di Mandragoritis e Matragunas.. nell'Antico Testamento la pianta di MANDRAGORA (M.officinarum e autumnalis) è citata in un racconto dove viene usata come afrodisiaco e fecondante mezzo di scambio: la grossa radice e i frutti (bacche rosse) erano le parti della pianta usate per gli effetti medicinali e psicoattivi. Mandragora, usata come medicinale, afrodisiaco e psicoattivo, è citata nella Bibbia (Genesi e Cantico dei Cantici) col nome di dudaim, amore e paura: nel primo episodio, Rachele, disperata per non avere figli, supplica Lea di darle una delle mandragore trovate dal figlio Ruben, concedendole in cambio il marito per una notte; nel secondo episodio, Shulammite invita il suo amante ad andare nei campi dove cresce la mandragora dell'ardore che, verso sera, emette una luce brillante che elude le persone che tentano di raccoglierla, a meno che non si pongano su essa alcune secrezioni del corpo umano. Nell'Arabia preislamica mandragora è abu'lruh, cioè Signore/a del respiro vitale: applicata al paziente, la radice fa espellere i demoni; i Beduini del Negev, in Israele, la considerano sacra ed è vietato danneggiarla; se i Berberi del Nord Africa, lavorando i campi trovano una mandragora, la circondano con pietre per paura di danneggiarla; in Marocco si dice che la mandragora gira la testa, così si usa in miscele da bruciare per allontanare eventuali jinn malevoli: polvere di radice assieme ad Issopo purifica e protegge luoghi ed ambienti, con Alloro mantiene l'armonia coniugale, mentre col Mughetto (Convallaria majalis) favorisce le relazioni con i bambini. Con l'avvento dell'Islam, mandragora diviene Tufah al-jinn, 'mele/testicoli dei demoni, in quanto entra in ricette per la preparazione di veleni e vini narcotici a base di radici decomposte: le donne sterili, recitando i versi del Corano, ne mangiano i frutti immaturi dopo il periodo mestruale; in Persia viene detta sag-kan, scavata da un cane; nella medicina dell'India è detta Lakshmana (colei che possiede segni fortunati), ed è usata come afrodisiaco e nell'assistenza al parto. In Europa la mandragora venne chiamata in molti modi: mela/testicoli di Satana, mela dello stolto, mela dell'amore, ed ingrediente dell'unguento delle streghe; per i Germani è Drachenpuppe, omino-dragone, mentre in Islanda è thjofarot, radice dei ladri. Come tutte le piante magiche, per estirparla occorreva seguire un preciso rituale e rispettare precauzioni: tracciati attorno a lei tre cerchi, si doveva danzarle attorno e dirle più cose possibili sui misteri dell'amore: il solo odorarla poteva indurre il sonno, così molti aruspici e intitolati consigliavano di porla sotto il cuscino. Il nonno di Taras ricorda che ai piedi delle viti si cercavano le più belle mandragore, e il vino ottenuto da queste vigne aveva buone proprietà ipnotiche. La pianta trovò applicazione anche nell'arte militare delle imboscate, così vari conquistatori usavano miscelare con mandragore il vino che offrivano a popolazione amanti del bere; il vino alla mandragora si dava pure ai condannati a morte, al fine di alleviarne le sofferenze, e si usava come anestetico in medicina, nella forma di una spugna bollita in vino, corteccia di radice di mandragora, semi di lattuga virosa e foglie di gelso. Mandragora è considerata una pianta primordiale, cioè creata prima, ai primordi dell'umanità, in un giardino dell'Eden animista; così essa, radice di vita, diviene anche strumento scelto dall'avatar divino (di turno) per la salvezza del mondo. In un racconto Egizio, chiamato Distruzione e salvataggio del genere umano (Festa di Hathor), conservato in varie tombe regali, il dio solare Ra ha intenzione di punire gli uomini; invia quindi la dea Hathor a distruggere l'umanità, poi cambia idea ed escogita uno stratagemma per fermare la dea già pronta alla strage; Ra fece chiamare messaggeri che corrono rapidamente e disse loro: 'recatevi a Elefantina, prendete molto didit (mandragore) e portatelo a Eliopoli, affinchè il chiomato ne macini mentre le schiave spremono l'orzo per farne birra.. ponete poi queste didit in quella bevanda affinchè sia come il sangue degli uomimi. Si fecero 7000 brocche di birra, poi venne Ra, Re della Valle e del Delta, per vedere questa birra. Giunta la mattina dell'uccisione degli uomini da parte della dea Leonessa, Ra disse: con questa bevanda io proteggerò gli uomini, portatela nel luogo dove la leonessa vuole uccidere gli uomini e versate la bevanda soporifera sui campi sommersi, per tre palmi sotto l'acqua. La Leonessa venne al mattino presto e trovò il campo sommerso, felice essa si mise a bere, e fu cosa gradita al suo cuore tanto che ne venne ubriaca e non riconobbe gli uomini. disse allora Ra a questa dea: benvenuta in pace, o diletta! poi disse agli uomini e donne: si facciano per lei bevande soporifere nella celebrazione della festa annuale, e si distribuiscano alle schiave da parte di tutti gli uomini, un consumo rituale da farsi nelle grotte e sui campi di Ceres. La Mandragora si distingue dalla Borragine per le foglie quasi prive di peli e più piccole, sempre tutte basali: la mandragora è acaule, cioè manca di fusto, ha foglie prive di peli o quasi, ovato-spatolate, bordo dentellato, fiori solitari, violacei, nascenti alla base della pianta; fiorisce in autunno, piuttosto rara, cresce in campi incolti, aridi, lungo le siepi. Esistono due specie di Mandragora: la Mandragora maschio (Mandragora officinarum) con radice grossa, carnosa, bianca, corolla bianco-verdognola e fioritura primaverile; la Mandragora femmina (Mandragora autumnalis) con corolla violacea, radice più piccola e nerastra, fioritura autunnale, specie in Sicilia dove è usata esternamente a curare foruncoli e nei rituali magici. Mandragora è pianta erbacea perenne, non edule, alta 5-15 cm, con radice grande, fusiforme, ramificata, che ricorda la figura umana o un bambino/bambina che sta nella terra (Tagete di slavi ed etrussi). I racconti su questa pianta hanno influenzato altri miti riguardanti piante dalla grossa radice, come il jin-seng: nella forma della radice si vedevano fattezze di un uomo o donna, tale da portare a distinguere una mandragora maschio, una femmina e una bambino. Alcuni miti eurasiatici vedono le origini dell'uomo dalla radice della pianta mandragora: i primi uomini sarebbero stati una famiglia di gigantesche mandragore sensitive che il sole avrebbe animato e che, da sole, si sarebbero distaccate dalla terra; l'uomo apparve sulla terra in forma di mandragore animate da una vita istintiva, poi un soffio divino le trasmutò e sradicò per farne esseri dotati di pensiero e movimento proprio; in Siria, un mito d'origine della mandragora narra: Dio creò il mondo, i viventi sulla terra, nelle acque e nell'aria, ma dimenticò il sottosuolo; il suo spirito antagonista volle, anche lui fabbricare uomini e donne viventi sotto terra, così nel suo genio inventivo plasmò informi mandragore.. queste poi, strappate da terra, penetrano nel regno di sopra e cessano di vivere. La mandragora, trattata come un essere vivente, veniva avvolta in un panno rosso e posta in una scatola, custodita in luogo sicuro fuori dalla vista dei curiosi e nutrita periodicamente. Alla morte del possessore andava in eredità all'ultimogenito dei figli, che deponeva nella bara pane e una moneta d'oro. Si teneva in casa come amuleto di protezione, per divinare, per favorire la fortuna e la procreazione. Usanza comune era di intagliare la radice in forma di essere umano, per accrescerne il potere magico modificando la forma: detta main de gloire (mandragloire) in Francia, Alraune in Germania, elfo notturno dalle dita fiammeggianti in Britannia, amuleto pro od anti pioggia nelle Alpi, in Armenia si usa bruciarne le radici e inalarne il fumo per curare la pazzia e scacciare malevoli spiriti, mentre in Inghilterra fino al '900 venne usata come anestetico e rimedio omeopatico alla gotta. In Grecia le donne sterili portavano pezzi di pianta al collo durante il coito, per favorire la fecondità; poco più su, in Romania, la mandragora era parte di un rito che favoriva l'incontro tra uomo e donna. Mandragora, impiegata anche per unguenti capaci di indurre stati ipnotici ed estatici, appare forse nel mito d'origine dell'erba moly: il gigante Picoloo si era perdutamente innamorato di Circe, ed era intenzionato a rapida dall'isola in cui dimorava; ma il dio Helios (Sole), padre di Circe, venne in aiuto della figlia uccidendo il gigante, e dal sangue del gigante sparso sulla terra germogliò il moly, fatica della battaglia; il suo fiore, dal biancore abbagliante come quello del latte, proviene dall'abbagliante Helios che vinse il combattimento; la nera radice spunta dal nero sangue del gigante. La mandragora, come altre solanacee, produce nelle sue parti verdi e nei semi alcaloidi tropanici che provocano aumento del ritmo cardiaco, vasodilatazione, inibizione delle secrezioni salivare, gastrica e pancreatica, sudorazione, eccitazione psicomotoria e psichica, disorientamento, sogni/allucinazioni, manifestazioni di riso convulso e stati deliranti. Mattioli riporta che una mescolanza di oppio, mandragora e giusquiamo, in parti eguali, era usata come anestetico durante le amputazioni e le incisioni. Infusa nel vino la corteccia della radice ha effetto ipnotico, e viene data a coloro ai quali si deve amputare qualche arto senza dolore o si debbono fare cauterizzazioni. In passato era usata come anestetico in chirurgia: s'inzuppava con succo di mandragola una spugna appoggiandola poi sulle narici del paziente fino a che non si fosse addormentato, in seguito lo si risvegliava facendogli respirare dell'aceto. Matraguna ha differenti nomi a seconda dell'area geografica o della tribù che la impiega, presso i Piceni è l'erba antimonio e la bambolina con le manine, mentre in Romania è Matraguna, regina delle Piante dell'amore e Regina di Cucuteni: il vino di mandragola è l'afrodisiaco Vino di Circe, sia bevuto che spalmato. La stessa radice viene usata come amuleto da portare addosso per la buona sorte nelle faccende amorose; il talismano è un oggetto per attirare l'amore, fortuna, denaro, salute; mentre l'amuleto è usato a conservare le forze all'interno di chi lo indossa. L’aspetto antropomorfo della radice veniva accentuato riproducendo capelli e barba, attraverso innesti di granelli di orzo o miglio, che poi germogliavano. Questi peli venivano poi tritati e assunti come afrodisiaci o per curare la sterilità. Nel Labirinto del Fauno (film spagnolo del 2006), il regista Guillermo del Toro s'ispira alla credenza che la pianta favorisca i parti felici: Ofelia riceve in dono una radice di mandragola per aiutare la madre che soffre per una gravidanza difficile. La pratica rituale vede la bambina porre tale radice, simile a un neonato, in una scodella di latte e collocarla sotto il letto della madre, nutrendola ogni giorno con gocce del proprio sangue. L'effetto benefico della mandragola è immediato. Per converso, a causa della tossicità della radice, era usata per interrompere gravidanze indesiderate. La radice trasformata in omuncolo, veniva accudita come un essere umano e poteva essere usata come oracolo agrario, contro i nemici, vincere il malocchio o gettarlo, avere o togliere fortuna, prosperità e salute, fertilità, aiutare il parto, decidere il sesso, stimolare l’amore, vincere le calamità e la morte. La radice poteva esaudire tre desideri, dopodiché doveva cambiare padrone, così da evitare che agisse autonomamente, nel bene e nel male, come un essere pensante (mito di Aladino e lampada nel giardino). Posta sul camino dona alla casa protezione, appesa alla testata del letto protegge durante il sonno, portata addosso attira l’amore e allontana le malattie. La sua radice è bruciata come esorcismo, il fumo generatosi viene soffiato verso il corpo della persona malata per allontanare gli spiriti malvagi. Nel '600 una radice costava tanto, così, vi era la prassi di accusare persone arricchitesi velocemente di possedere una mandragora; inoltre ritenendo che potesse aprire qualsiasi serratura (anche corporea), i carcerati non potevano possedere radici di mandragola. Nei racconti diffusi nei paesi germanici, Islanda, Francia e altrove, il tema della nascita della mandragora dalle gocce di sperma o dall'urina di un impiccato, faceva parte di un mito di origine della pianta: la persona impiccata (un condannato a morte per reati gravi ma innocente) del mito originario subisce una trasformazione nel racconto popolare, scompare il motivo della condanna iniqua, e l'analogia viene riferita a ogni condannato impiccato. Il rapporto fra mandragora e morte è atteastato dai cimiteri, considerati il suo habitat preferito. Nella cultura greca esiste un rapporto fra la pianta di mandragora, il cane e la dea Ecate: divinità dell'oltretomba e signora dei crematori e cimiteri. La mandragola, poichè curava il mal di luna (epilessia) con i suoi fumi soporiferi, calmanti e anestetici, fu ritenuta la pianta di Ecate (Madre delle maghe/streghe e degli spiriti notturni): associata al pianeta Mercurio, la pianta è influenzata da Saturno e dalla Luna, e ricade nel segno zodiacale del Capricorno. Il suo elemento è il fuoco; predilige zone assolate e terra grassa (province di Grosseto, Chieti, Matera, Brindisi, Caltanisetta (Minnulagrò), Catania (Mannaraona e Mandulagròna), Palermo, Siracusa, Ragusa (Pàmpina di Aùna). Matraguna nasce dal seme di un innocente e diviene Hecate, protettrice dei cani (compagnia), uccelli e tutti gli animali; è la luna nell'ultima fase, regina del sottosuolo e delle iniziazioni. Protegge i viandanti e i pellegrini che spesso accompagna con cani ululanti. I suoi fedeli mettono offerte di cibo alla fauna selvatica e agli animali randagi (cani, gatti, volpi, etc.) specie nei suoi giorni lunari. Come la dea Kali, è trina (giovane, madre ed anziana), strega e sibilla dei serpenti; porta la torcia di luce (chiaror di luna, Aradia lucifera); le corna e il coltello che rimuove i blocchi, il fuso e la conocchia (trottola) per oracolare, la chiave per aprire le porte della percezione. Come Dea del confine, è posta in edicole e cappelle agli incroci, ai confini delle terre e alle entrate di case, templi e magazzini. Presiede nascite e morti e aiuta le donne levatrici, in Europa e Russia, in Africa, in Asia, Austronesia e nelle Americhe, stesse mansioni sotto nomi diversi: savie rumene, babuske russe, madri turcomanne, sorelle amerindie, stregheo maghe austronesiane, aetas filippine, ecc. Ecate è dea e strix, invocata da maghi e streghe nella preparazione di amuleti, filtri e incantesimi; dalle sibille per avere responsi oracolari e da necromanti e medium per avere connessioni con i defunti, come nella leggenda dei Siculi: io cani divoratori di anime e spettri ululano a distanza, richiamano alla Dea il rapimento di sua figlia Persefone (Libera, Core, primavera) ad opera di Ade (Hades, inverno), suo compagno cieco, vernino governatore del sottosuolo; così la Dea conforta Demetra, sua controparte razionale dello stato di veglia, la invita ad attendere il ritorno della Primavera dal mondo dei morti. Il suo culto è pure seguito dalle sacerdotesse ierodule, dedicate anima e corpo alla Trivia, che lavorano nelle sue case agli incroci delle strade. Molti dei nomi con cui è conosciuta dipendono dalle sue caratteristiche: Mandeglorie in francese, Alraun, Alraùnwurzel o Drachenpuppe (pupazzo-dragone) in tedesco, Mandrake inglese, Jabora, Yabrohach in arabo, Mehregiah (erba dell’uomo) in persiano, Lakshmana (che possiede segni fortunati) in India, mela dell'amore ed erba delle streghe in Italia. Alrune erano profetesse e pizie germaniche che accedevano alla trance del dio Odino e vaticinavano in linguaggio sibillino (rune), usavano idromele e birre d'orzo con solanacee; il Luppolo venne conosciuto e aggiunto solo in epoca cristiana. Seguendo il tema della morte violenta e nascita miracolosa, e della ierogamia del padre-Cielo con la madre-Terra, la nascita delle piante dallo sperma di-vino lo si ritrova in Oriente nella leggenda di Caiumarath: Adamo, escluso dall'Eden e separato da Eva, sognò di abbracciare quest'ultima; il suo sperma cadde a terra e da lì crebbe una pianta che prese forma umana e divenne Caiumarath (o Gayômart), il primo uomo della tradizione iranica. Quando Gayômart morì, il suo sperma cadde in terra e vi rimase per 40 anni, dopodiché da esso nacquero due piante che assunsero forma umana di maschio e femmina: qui lo sperma torna veicolo dello spirito creatore, mentre la morte violenta richiama il mito della creazione mediante sacrificio (smembramento di Pangu) attraverso cui la nuova vita si manifesta. Ildegarda di Bingen definisce la Mandragora un pezzo di terra senza peccato, dove la guarigione avviene per regressione rituale alle origini, ai tempi di Adamo nel Paradiso Terreste, dove la mandragora, antenata degli umani, nasce ai piedi dell'Albero sacro.. chi ha bisogno di cure torna al tempo mitico, al tempo del sogno, momento della creazione dell'uomo e del mondo, così si rinasce nuovamente e si è liberi dalla malattia. Nel film 'La Lettera', la scena finale vede la professoressa milanese che, rinata in Aspromonte, riunisce i suoi allievi nel prato del cimitero da cui si vede il mare, quindi attorno alla tomba dell'indiano Apache, giunto dall'Arizona dice: quando sarete grandi persi ognuno nei propri affari e vi sentirete finiti o ripugnanti, tornate qui dal vostro indiano, a ricordar che l'innocenza mai si perde ma solo si dimentica, così si può recuperare qui di fronte al mare o in altro luogo naturale, recuperando le parole del capo indiano.. tutto e tondo in natura, la terra, il nido degli uccelli, le stagioni, la vita stessa degli umani.. un canto Hopi dice: quando la Madre terra è stata violentata, gli animali muoiono e le piante non possono più vivere, una tribù di gente di tutte le razze e idee, metterà fiducia nelle azioni di scambio con gli spiriti di tutti gli antenati del sogno, e allora, saranno chiamati, i figli del serpente arcobaleno che danza. La divinità lunare è ovunque divinità della vegetazione, della terra, della nascita e delle morti. Il culto dei Khlysty (Хлысты), ispirato a Maria Madre di Dio e al Xristos, partì dalla Crimea (Russia) e la prima comunità nacque ad opera di Danilo Filippo, per ridare vitalità e speranza ai contadini oppressi da malattie, carestie, guerre e non ultimo, una vita dura. Esso per molti aspetti richiama analogie con i rituali dei fraticelli Spirituali Piceni. Gli incontri (radeniye) religiosi dei Khylsti, si tenevano nelle radure di foreste secondo l'usanza slava; i fedeli iniziavano il Radenije (riunione) suonando i tamburi attorno un falò e invocando (con canti o salmodie) tutti i nomi di Dio, Maria e gli spiriti. Vestivano semplicii abiti bianchi come i lacandoni, poi, iniziavano la danza rituale in cerchio, cercando uno stato di mistico trasporto, i moti eran ripetitivi o convulsi, allo scopo di ottenere (offrirsi) la possessione da parte dello Spirito Santo. I ritmi son dati dalla voce o dal suono di un flauto, così da aumentare lo stato emotivo capace di portare all'estasi, agli oracoli viventi e alla catarsi. I Klisty del Caucaso invocavano Dioniso/Spirito santo, lo invitavano a scendere giù in assemblea, nei loro corpi e.. l'isteria contagiava tutti. Quindi percuotevano l'un l'altro con fuscelli di Betulla, qualcuno iniziava a parlare estatico in lingua sconosciuta ma tutti intendevano il significato di là delle parole, rivedendo e riattuando perenni miti capaci di esaltare più entusiasmo nei loro cuori. Infine i fedeli Chlisty consumano un pasto in fraterna unità, lentamente, poi, si salutavano con abbracci e tornavano alle proprie izbà e ai propri villaggi. In Russia, i membri stimati del culto Khlisti andavano dalle 40.000 alle 120.000 persone; erano organizzati in piccoli e segreti gruppi, detti Arche. Ogni arca era guidata da un Pilota e dalla Madre di Dio (il più alto grado femminile). I Khlisti credevano che l'essere umano potesse unirsi al divino già nella vita terrena, poichè Kristos, costantemente, si reincarnava in ogni epoca storica, camminando sulla Terra come un umile paesano, al fine di trovare i suoi fratelli e riunirli nella gioia e nella speranza. Il peccato era considerato necessario per la salvezza, in quanto portava al pentimento e alla revisione della visone del mondo. Quando l'entusiamo diVino saliva, il rituale giungeva all'acme, così poteva anche collassare in un orgia sessuale, ciò veniva detto: 'usare il peccato per uscire dal peccato'; simile al principio omeopatico, 'il veleno cura il veleno. Similmente ai Baccanali del medioevo greco, il culto divenne illegale, così i membri delle varie arche, specie quelli più devoti e attivi nelle locali chiese Ortodosse, furono costretti a mantenere il segreto e deviare ogni possibile sospetto: Gregori Rasputin, il monaco errante che entrò presso la corte e la famiglia dell'ultimo Tsar negli anni prima della Rivoluzione Russa, si diceva che fosse membro di un arca dei Khlysty nei suoi primi anni in Siberia, questo perchè le sue parole ed azioni richiamavano temi e costumi dei Khlisti, specie il legame tra sessualità e religione, metodo peraltro comune ai fedeli del Buddhismo tantrico (scuola della mano sinistra) del Kashmir. Ancor oggi, nelle grotte di Creta, si tengono celebrazioni in onore della Parasceva (o Panaghia Spalaiotissa) che ereditano le funzioni della Signora della Montagna.. durante il dominio turco, in quegli spechi cercarono la loro morte e rinascita i sufi come Ewlja Celebi. Presso i PICENI, residuano i racconti di fate, mandragore, fraticelli, cavalieri, pastori e danze estatiche: nella caverna sui monti Sibillini, fra Umbria e Piceno, dopo un percorso labirintico si accedeva al paradiso della Regina Sibilla; il Piceno medievale è terra dell'eresia degli Spirituali, i seguaci dell'abate Gioachino da Fiora che annunciavano, dopo l'era del Padre (Legge mosaica) e del Figlio (Chiesa), il nuovo mondo della Libertà, dello Spirito Santo e del paradiso restituito (come i Klysty russi, loro contemporanei cugini); come Fratelli e Sorelle del Libero Spirito essi spinsero all'estremo l'abbandono mistico e autarchia, alla maniera dei sufi dell'Islam. Bonifacio VIII spedì sulle montagne del Piceno un Inquisitore: frati di nessun Ordine, bizzocchi che si riunivano in grotte.. Cecco d'Ascoli, il dotto bruciato per eresia a Firenze, esclamava: ridendo vivo lagrimando / Come-fenice della morte canto / si m'ha condotto il negro manto! Sotto un negro ammanto gli Spirituali celavano la loro libertà luminosa e la loro gioia carnale. Le Laudi di Jacopone, tipiche degli ambienti spirituali, dicono con franchezza che l'illuminato 'pasando per laideza non perde el suo candore, perché terzo cielo (cielo di Venere) ha trovato, ardor de serafino'. Dopo la prima offensiva inquisitoriale altre seguirono fino al rogo di Domenico Sacconi; giunse infine a sterminare i fraticelli il più terribile degli Inquisitori, Giovanni da Capestrano. Nei documenti di questa guerra implacabile si accenna sempre ai riti erotici nelle grotte, riti arcaici, tornati in vita grazie alla predicazione gioachimita; dagli atti inquisitoriali contro dei fraticelli di Matelica si legge: 'stegni la lucerna, avelamo ad vita eterna, alleluia, alleluia, chiunque home se pigli la sua'; resisteva tra le donne degli Spirituali chi sapeva tramutare in rito il sogno della Dama della montagna, riti celebrati sul lago di Pilato, dove ci si assopisce con un grano di mandragola fatto cadere dall'elfa nel beveraggio fatato, sì da agevolare un rito tantrico, erotico. Uno dei santuari negromantici sui quali si accanirono i messi pontifici sorgeva in mezzo al lago di Pilato, altri se ne trovano nelle Alpi svizzere. La leggenda dice che la salma di Pilato era stata trascinata da dei tori fino ad un lago profondo, nel quale era stata fatta sprofondare. Pilato si immaginava che fosse morto ossessionato dal rimorso, la Chiesa copta ne aveva fatto un santo. Egli assunse nella leggenda i tratti di un eroe, un uomo dal destino sovrumanamente atroce, la cui anima aleggia implacata attorno allo squarcio della terra, alla caverna, o al lago senza fondo dov'è scomparso il suo corpo. Ai loro sepolcri si andava in pellegrinaggio, vi si immolava una vittima sperando di vedere in sogno la loro ombra per ottenerne responsi. Dioniso era in parte considerato un eroe e si evocava sù dalle acque del lago di Lerna dov'era sprofondato: gli Argivi lo chiamano con le trombe perché risorga dalle acque e intanto gettano nel profondo un agnello come offerta al Signore delle Porte, Plutarco, Iside e Osiride. Presso il lago di Pilato si apriva la caverna della Sibilla, sul Monte Vettore, caverna dove l'aruspice/saman entra in contatto con la Dama della montagna, Signora delle piante e degli animali. Lo sciamano ne diventava l'amante in sogno (vedi le nozze con l'ayami presso i Goldi russi siberiani) oppure si congiungeva con la sacerdotessa che la impersonava (ierogamia).. modello antico che sopravvive nel Piceno quando il tedesco Hemmerlin lo visitò nel '600 dichiarando che sui Sibillini è facile avere rapporti in sogno con demoni in forma femminile, e testimonia d'aver incontrato alla corte di Giovanni XXIII (leggendaria papessa deposta nel '400). Elèmire Zolla parla della Sibilla come di una sposa celeste: cosa avveniva tra il cavaliere o il fraticello e la Sibilla? Fra Tannhaüser e Frau Venus? quale insegnamento impartiva la Dama terribile? l'eccesso del piacere con estremo dolore al fondo sadico dell'anima? Era la Dama dei Sibillini come l'Angizia venerata sul Fucino, di cui parla Silio Italico, che incantava e insegnava a incantare i serpenti? Forse il suo amore, come quello tantrico, includeva una meditazione delle energie liberate nell'atto sessuale in forma di serpente, oppure la sublimazione di quell'eros in una danza estatica, circolare, saltellante.. ecco o ricordi di vecchi piceni: le fate scendevano a ballare nei paesi ai piedi dei monti Sibillini, avevano zoccoli caprini come fauno (Pan) e vivevano nelle grotte di altura. Anche i folletti percorrevano le strade delle fate, grandi come bambini, eran vestiti di verde e abitavano boschi e case abbandonate, tra eremi, romitori e chiese terapeutiche dei frati zoccolanti.. Streghe e sibille si ungevano con olio cotto e usavano 'cavalli o scope' per volare al noce di Benevento, sulle rive del fiume Sabato nel canyon di Barba (gola che mette in comunicazione il beneventano e l'Irpinia), a presenziare alle feste del Sabba e ai rituali curativi dell'incubazione e salti terapeutici dei falò. Nella cultura pastorale picena, tra Foce e Maremma, la fata è uno spirito della natura a cui piace scendere, la sera, nei paesi a ballare con i giovani pastori. Le fate picene hanno sembianze di belle dame del loro tempo e luogo, ma con acconciature, il loro segreto era che portavano i piedi come le capre: siete belle, siete fate, ma vi scricchiolano i piedi come le capre. Avevano zoccoli caprini che nascondevano agli occhi indiscreti con vesti lunghe fino a terra, gli servivano per fare mirabili saltarelli. I pastori sapevan riconoscere le donne-fata (faune danzatrici), dal particolar scricchiolio che proveniva dai piedi; così le fate, in cambio del silenzio, offrivano favori, ricchezze (agresti e celesti) e felicità; se il segreto veniva infranto, le ricchezze fuggivano con un vortice di vento. Le fate giocavano con i bambini e i pastori che mangiavano i 'frutti fuori stagione'. L'erba Antimonia (antimelon in tedesco significa luogo delle mele, da cui il nome Antinomia) serviva a far venire o cessare la pioggia o amplificare la locali passioni, brutte o buone, che le persone provavano in un dato momento. Questa pianta ha la forma di un banbino e sta sotto terra (Tago); un curandero piceno rivela: se la radice vien tirata fuori viene il diluvio, se si rimette a posto, cessa.. se tagliavi questa pianta, faceva sangue, la sua linfa è rossa e io la preparavo per la cura. Da giovane, quando andavamo a fare il fieno in un certo campo di tutti, ogni anno si scatenavano tre giorni di pioggia poichè si falciava inavvertitamente la pianta-bambina, la lama diventava rossa come il sangue e venivano temporali con fulmini; quando l'antimonia è sradicata, sempre si turba l'aria che porta temporali con grandine, acque diluviali o terremoti e venti impetuosi.. In molti comuni italici accadde allora che furono emanate leggi che proibivano lo sfalcio dei prati comunitari nel periodo caro alla pianta per salvare raccolti e territorio dai venti, grandine e tempeste (i semi germogliano da maggio a fine giugno). Per trovarla bisognava scavare come si scava per trovare la genziana; la forma di Mandragora è simile alla sirena di mare, in Dacia è invocata come signora dei Cieli e delle tempeste, per mutare il clima e l'andamento dei raccolti, causare pioggia in caso di siccità, o farla cessare in caso di monsone. Mircea Eliade, raccolse usanze e credenze sulla pianta di Mandragora, diffusa in Europa Centrale; riguardo alla Moldavia così scrive: la radice di Matraguna ascolta tutte le intenzioni, e richiede silenzio rituale (per parlare al nostro Dna), lo stato emotivo con cui la approcci, stabilisce la direzione del suo potere, amore e salute oppure odio e follia.. una domenica, recati a cercarla nel campo, dalle da mangiare e da bere vino o pane recitando: Eu va dau pâine si sare / io vi don pane e sale | Dar voi sa-mi dati sanatate / datemi forza salute. | Fac cruce si bat matàni i/ mi segno e mi prosterno | Si pui pâine si sare / Ti dò pane e sale | Sa-mi dai leac / perché tu mi dia guarigione. Dopo portala a casa tua, circondata da musicisti e da folla; se le rendi in seguito gli onori che merita, se le mostri un volto allegro, se non litighi e non bestemmi, potrai inviarla ovunque, chiederle qualunque cosa ed essa te la concederà. Ma stà attento, non far trascorrere una domenica senza condurre presso la pianta musicisti o uomini del villaggio per danzare, e non cessare di essere sempre allegro, specialmente in quel giorno. In Romania, quando la mandragora si coglie per odio, le donne si comportano esattamente al contrario: vanno presso la pianta con vestiti sudici, pronunziando ingiurie, movimenti grotteschi, per rendere negative le virtù magiche della mandragora: chi mangia un cibo o beve un pò di vino che contiene fili di mandragora trattata con tali scongiuri, rischia la pazzia. In Bessarabia, la mandragora prima di esser colta è trattata con sale e acquavite, accostandosi a lei si dice: Buongiorno Mandragora! al ritorno, si fa bollire la pianta e con quest'acqua ci si lava il viso, per esser belli e stimati.. si mette anche sotto le macine per attirare la clientela al mulino, gli osti se ne servono perché la loro locanda sia molto frequentata. Dopo averla colta viene posta nel vino dell'osteria che in due o tre giorni si vuota, poichè i clienti bevono fino a perdere la ragione; qualche pelo di mandragora nel vino o nell'acqua assicura all'oste una buona clientela. In passato, anche nel Piceno e nel resto della penisola italica, la Signora della flora veniva invocata come in Dacia, ecco una preghiera popolare rumena usata prima di ogni assunzione rituale: Buonasera mandragora, buona madre che tocchi con la testa i cieli, che immergi le tue radici sotto terra, e la cui veste ondeggia ai venti. Tu sei la regina dei cieli e delle tempeste, sei la regina dei fiori poichè, dinnanzi a te s'inginocchiano tutti i fiori, a celebrare la tua potenza. con i gomiti e le ginocchia nude, con la fronte piegata fino a terra, ti prego e ti invoco di volermi concedere forza e salute. In una forma completa la Dama assume tutta una serie di forme paurose (analogia con la dea Kalì) prima di raggiungere la sua camera fatata, i pericoli dilegueranno solo quando egli si umilierà a invocare aiuto. la Dama, al termine delle prove, infila un anello al dito e pone una corona sul capo per far scordare il passato. Il nome celtico della Dama può designare la luce (Argante) o la spuma (Morgana), talvolta Sebille figura come sua compagna, esperta di medicine e veleni, narcotici e canti magici. Lavora al telaio magico come Circe: fila la vita ai mortali (ornamenti per i beati, aspri legami per i dannati); oltre alle metamorfosi, la Dama richiama il rito sciamanico dello squartamento (decapitazione di Siva) e della sostituzione degli organi interni dell'iniziando, un rapporto sibillino alla maniera dell'elfa: Morrigan si trasforma tra le braccia del prescelto via via in anguilla, lupo, vacca, pietra. A lui spettava di tenerle stretti i capelli in pugno e di non svenire. Chi subiva questa allucinazione imparava verbalmente, ma in un coinvolgimento atterrito ed eroticamente acceso, che le molte forme della vita sono una ruota d'illusione e d'inganni, occorre diventare gl'impassibili testimoni, della Dama che inscena la ridda, identificandosi in lei. Ariosto scrisse: di dove proveniva ad Alcina il suo potere? la maga seduceva, velava e svelava, amava e disamava a un punto.. nlla Spagna del '500, Francisca Hernàndez ritrova la vocazione di Sibilla, con i suoi abbracci insegnava un abbandono che dava aria di vita eterna. In Germania, la notte di Valpurga (Walpurgisnacht) era celebre per i voli di massa delle 'streghe' che, si riunivano sulle cime dei monti per fare danze e magie incantatrici, scapigliate e accompagnate anche dai loro bimbi, lupi, etc, subivano rapite la frenesia danzante (zoccolatrici). Gli scandinavi celebravano il trollathing (assemblea degli spiriti) con danze, canti e magia. Così facevano le fedeli di Dzina in Romania; nella penisola italica, il noce di Benevento divenne luogo d'incontro per danzatori e danzatrici di Diana provenienti da tutta Europa, mentre Russi e Tirolesi, alla luna nuova andavano al seguito di Percht (Baba Yaga in Russia), la dama col naso e i denti di ferro (allusione al mortaio in cui si pestano le erbe medicinali), nel viaggio notturno verso l'utero calderone posto sul fuoco (pentolone per pozioni), accompagnate dai loro cani e dai latrati dei lupi selvatici. Perchta (Befana) porta doni o punizioni ai bambini e, in Austria e Swiss, molti villaggi performavano le Perchtenlaufen, battaglie rituali per ottenere la fertilità dei loro campi: mascherati da belle Perchtas e da brutte o terrificanti Perchtas (la morte) i partecipanti recitavano il trionfo delle forze di vita sul potere del sottosuolo, propiziavano e aiutavano cioè, la risalita di Core-persefone (primavera). Le Perchtenlaufen potevano contenere danze estatiche e imitazioni, per incantare spiriti e fate (diane) a guardia dei raccolti. In Germania, Frau Chunkle getta un mix di cibo e cenere (presa dal suo vaso), sulle teste della gente, così porta doni nelle culle dei bimbi. Le curandere germaniche sapevano preparare anche contraccettivi e bevande abortive, per limitare il sovrannumero dei bambini che le donne dell'epoca non potevano permettersi di crescere. Le bevande contraccettive popolari includevano maggiorana, timo, prezzemolo, lavanda, ruta e radice di felce femmina (polypodium spp). Quando il codice feudale diede all'uomo il controllo legale sulla propria moglie, le donne ricorsero a rimedi magici per migliorare la loro situazione.. streghe e fate vennero bandite, s'incontravano lontano da occhi indiscreti per preparare e consumare pozioni di erbe contraccetive e abortive, corredate da preghiere e incantesimi d'amore per attrarre il partner desiderato o avere una relazione che la legge feudale proibiva loro di coltivare.. divorzi impossibili portavano a disperati tentativi magici di indurre la sterilità, così fatture, ligature d'amore, afrodisiaci, metodi antistupro, tutto l'arsenale femminile venne definito stregoneria, tutto un bagaglio di cultura popolare fu bollato come sovversivo e rischiò l'estinzione. Dal punto di vista sociale, la stregoneria fu un modo per trasgredire i tabù di una cultura e sfogare l'istinto aggressivo personale: separazione dal corpo, trasformazione in animali, atti di bestialismo, antropofagia, promiscuità sessuale, astuzie. Tali pratiche ricordano lo sciamanismo nord-europeo: sciamano e strega sono capaci di mediare tra spazio umano e soprannaturale, volare, cambiare forma, parlare con uno spirito animale (specie il rospo), intercessore o aiutante. Leggende di Rospi immortali si trovano anche in Asia, dove i Gama Sennin 蝦蟇仙人, maschi o femmine, della mitologia cinese e giapponese, sono immortali abitanti della montagna aventi svariati poteri magici. Gama è un saggio benigno con conoscenze di pillole e farmaci, sempre accompagnato da un rospo, può assumere la forma di un rospo e, come un serpente, può cambiare la sua pelle e diventare di nuovo giovane. La leggenda giapponese dei Gama Sennin nacque da quella cinese di Liu Hai 劉海, leggendario alchimista che, appreso il segreto dell'immortalità dal Chan Chu 蟾蜍 (rospo), il Rospo dalle tre zampe, divenne uno Xian (immortale). Il Rospo mitico, detto anche Chán jīn 金蟾 (Golden Toad), Chanchu zhāocái 招财 蟾蜍 (rospo-tesoro), Money Toad e Money Frog nel Feng Shui della prosperità, durante la luna piena appar vicino case o aziende in attesa di una buona notizia (spesso collegata alla ricchezza); un'altra leggenda cinese narra che Jin Chan era la moglie avida di uno degli Otto Immortali, trasformata in rospo come punizione per aver rubato le Pesche dell'immortalità; il Jin Chu è anche raffigurato come un toro con gli occhi rossi, narici aperte e una sola zampa posteriore (per un totale di tre gambe), seduto su un mucchio di denaro contante e con una moneta in bocca; sul dorso mostra i sette diamanti dell'Orsa Maggiore (o Aratro), costellazione importante nell'astrologia cinese (Feng Shui). Jin Chan, simbolo del flusso di denaro, attira ricchezza e protegge contro la sfortuna, così il Feng Shui insiste che una statua Jin Chan non sia posta di fronte alla porta principale verso l'esterno, nè in bagno, camera da letto, sala da pranzo o cucina. Liu Hai 刘海 fu primo ministro del re di Yan (Liu Shou Guang 劉守光), durante le Cinque Dinastie della Cina, presto lasciò la sua carriera e perseguì la via taoista. Liu Hai aiutava l'umanità attraverso la lotta a demoni malvagi, in una occasione, Liu Hai sconfisse il Rospo d'oro (Golden Toad) che da anni terrorizzava la gente di un posto.. il rospo d'oro durante la battaglia rimase ferito, cioè una delle sue zampe venne recisa lasciandolo con tre arti, così giurò fedeltà a Liu Hai e ne divenne un devoto discepolo, compiendo atti gentile per espiare le sue passate azioni sbagliate. Il Rospo con tre zampe (aruspice) poteva trasportare Lui Hai ovunque e all'istante e, poichè per natura ama il bagnato e il buio del pozzo, il rospo spesso si nascondeva nel pozzo più vicino: Lui Hai, per recuperare il suo rospo, gettava nel pozzo una corda rivestita con monete d'oro e d'argento, un'esca che funzionava sempre, e spesso vomitava altro tesoro che Liu Hai usava per aiutare persone povere o in difficoltà. In Europa lo storico Aldo Marturano scrive: la storia della caccia alle streghe durante la cristianizzazione dell'Europa, ha molto a che fare con la colonizzazione di nuove terre e la schiavitù di interi popoli assoggetati; così i vescovi di Parigi invocavano leggi per punire 'streghe senza pudore', indovini e guaritori-incantatori che praticavano le loro medicine tradizionali, bollate come pagane dai nuovi dominatori ariani che presero a definire diavoleria ogni cosa che impediva loro il monopolio culturale. La persecuzione delle streghe raggiunse anche le diverse comunità urbane dell'Italia. Diana matraguna in Scozia fu conosciuta come spirito della selva (wilderness spirit), protettore della fauna selvatica. I scozzesi conoscono molti canti sugli esseri fatati (faery croons), cantati dalle cailleachs, donne sovrannaturali associate ai santuari animisti. Una Cailleach ha il potere di mutare forma, animale, umana o vegetale, raggiunge il sole, muove le rocce e i venti. Così vien chiamata a volte tröllkonur (donna troll) e gigantessa del luogo. La grande Caillach di Clibhrich usava la magia per tener lontani i cacciatori dalle sue cerve, molte leggende narrano della fiera lotta della Cailleach con essi e dell'antagonismo tra queste sagge donne e i nuovi signori della guerra. Bollate come streghe, queste donne depositarie della cultura spirituale di un popolo, furono un forte ostacolo alla brutale conquista che i guerrafondai aristocratici conducevano sull'isola. Sebbene svantaggiate politicamente e militarmente rispetto ai warlord, esse trovarono nella loro religione animistica l'unica protezione contro la violenza feudale. Nella pianta fresca di Stramonio (DATURA stramonium) predomina iosciamina, ma il rapporto scopolamina/iosciamina varia molto con lo stadio di sviluppo, le parti e le varietà botaniche della pianta: nelle prime fasi del ciclo vegetativo nelle foglie predomina scopolamina, nelle fasi successive prende il sopravvento la iosciamina. La Datura è una delle più diffuse piante sacre del mondo; nei testi religiosi Hindù, Datura crebbe dal petto di Shiva, così il tredicesimo giorno della waxing Moon, in Gennaio, i fedeli hindù offrono ritualmente fiori e frutti di Datura sugli altari di Shiva; centinaia di Sadhus e Yogi si raccolgono nel tempio Pashupatinath di Kathmandu, per fumare Datura mista a Cannabis, le due mani sante di Shiva. Un altro culto dell'India centrale, conosciuto come il culto dei Thugs (Thuggee), era invece associato all'uso più criminogeno della Datura: i Thugs davano bevande di datura ai loro prigionieri di guerra o razzie destinati al sacrificio rituale, al fine di stordirli, così spesso alcuni di loro invitavano stanchi pellegrini a unirsi alle loro invitanti carovane per poi derubarli di tutto, con l'aiuto di bevande, a base di semi di Datura, capaci di produrre 24 ore di incoscienza. Datura stramonium, diffusa in tutta Europa su terreni incolti, smossi e ruderali, viene oggi usata come antispasmodico e antiasmatico. Essa divenne un ingredienti anche dell'unguento delle streghe europee, usato a curare oppure a stordire le vittime, fossero pesci di un torrente, animali da cacciare o umani da derubare. Chiamata in passato pomum spinosum, assunse il nome di Stramonia (magia, stregoneria) ed erba-delle-vertigini allorquando varie streghe italiane, al pari delle indiane, ne fecero una polvere che, mescolata al formaggio, facevano mangiare ai viaggiatori attirati in trappola: questi divenivano vittime di furto o inconsapevoli asini da soma, portavano i loro bagagli e, terminato il viaggio, la strega ridava loro forma umana. Di converso, il fumo dei semi della pianta serviva a combattere stregoneria e malocchio. Vedere datura presso una casa dava corraggio, di certo ci viveva una curandera. Tra i CHUMASH della California (Usa) si rietine che un lungo palo colleghi il mondo reale con quello dei morti, e questo palo sale e scende in un continuo moto alternato. Le anime di coloro che durante la vita hanno bevuto la datura, possono attraversare impunemente il palo e raggiungere l'aldilà, poiché sono forti di spirito. Le anime di coloro che non hanno bevuto la datura, e che quindi non hanno aiutanti del sogno, cadono in mare e diventano pesci o serpenti, o tartarughe. Molti testi narrativi e dipinti rupertri, offrono uno sguardo ai vari culti della pianta Datura dei Nativi Americani. Tra gli amerindi del nord, la pianta veniva usata per ottenere visioni in cui, gli spiriti guardiani della vita di un individuo, un clan o un ecosistema, venivano evocati e contattati per avere assistenza. Datura era data ai giovani durante i riti della pubertà, al fine di far incontrare loro la visione del loro progetto di vita: essi credevano che aiutanti del sogno venisse solo alla persona che avesse bevuto una forte pozione di Datura, così, lo scopo dei neofiti alla prima esperienza era di stabilire il primo contatto con essi. Il successo nel rituale comportava che, l'iniziato, poteva usare quel mezzo per rafforzare il legame con i suoi spiriti guardiani interiori (o assistenti). Nella desertica regione costiera della California meridionale, tra i Gabrieliño, i Juaneño e i Luiseño, i giovani maschi in età puberale sono ancora sottoposti alla cerimonia iniziatica del Toloache (datura meteloides) dove, dopo l’assunzione, ballano freneticamente, cadono in collasso e ricevono l’agognata visione che darà loro un progetto di vita. Lontano dai Pueblo, nei campi, i nativi performano una Raindance per stimolare la pioggia; l'occhio di cervo (hikuri) inibisce il Toloache. I Chumash usavano la pianta nella loro ricerca della visione e assistenza magica. La Dea Momoy, è la Dea Datura dei Chumash, spesso ritratta come una donna anziana saggia, lungimirante e chiaroveggente. Momoy poteva vedere nel futuro, così gli umani potevano a loro volta vedere, a mezzo di semplice acqua nel quale lei avesse lavato le mani. Momoy tiene una boccia con acqua in cui ha lavato le sue mani, essa la offre al curandero 'figlio' che sceglie: una volta un nipote le chiese perchè lei non facesse il bagno così da avere una bevanda più forte, lei rispose: 'se io facessi il bagno, con quell'acqua diverresti un demone o moriresti. così, bagnare le mie sole mani è sufficiente.' I nativi americani conoscono tutti i rischi della Datura, pertanto solo gli specialisti nel suo uso potevano preparare la pozione e darla ai bevitori. Inoltre, sia lo specialista che i bevitori, dovevano digiunare una paio di gg prima del rituale, astenersi da rapporti sessuali, carne e grasso. Gli specialisti andavano a scavare la radice dal suolo, approcciandola con rispetto e preghier: 'Nonna, io vengo a elemosinare per una tua radice.' I Datura medicine-man calcolavano la dose effettiva in base al tipo di suolo da cui venivano estratte le radici, l'età della pianta e lo spessore della radice. La prima esperienza con Datura era la più controllata, sebbene casi morte da avvelenamento potevano sempre accadere per cause impreviste. I Chumash credevano che queste morti occasionali accadevano sempre quando il bevitore avesse violato i tabù del digiuno, ovvero, mancando di rispetto allo spirito della Datura, ne causano l'ostilità. Il bevitore che non si fosse preparato col digiuno e una mente calma, avrebbe percepito solo echi esagerati delle proprie debolezze e paure; colui che fosse preparato invece, avrebbe incontrato l'assistente del sogno, di solito uno spirito animale, che gli avrebbe offerto protezione per tutta la vita e rivelato talenti nascosti. L'uso più controverso della Datura emerge dalle tradizioni Vodun dei Caraibi, religione in cui esiste una chiara distinzione tra il corpo fisico, il principio vitale e la coscienza-cuore. Secondo le dottrine del Vodun, lo stregone può zombificare le sue vittime estraendo la coscienza dalla loro persona o, al contrario, riponendola in un corpo 'morto', cioè a cui fu tolta in precedenza. La pena di zombificazione era prevista nel codice penale dell'Isola id Haiti già al tempo dell'indipendenza dalla Francia, allorchè, alla pena di morte ereditata dai colonizzatori europei, si preferì sostiuire la pena di zombificazione che, reversibile, permetteva al condannato di recuperare la propria coscienza al termine del periodo scontato come servo presso la persona a cui aveva ucciso un familiare o recato offesa grave; come analogia, nel primo regno del Tibet ad esempio, la massima pena prevista fu la cecità che, diversamente dalla pena di morte, permetteva al condannato una revisione dei propri crimini e, eventualmente, un pentimento sincero e reale. La polvere per zombificare era fatta da diversi ingredienti animali (carne di pesce palla, pelle di rospo, etc) e varie droghe dissociative tipo Datura. In tutti i Caraibi, la Datura è conosciuta come l'erba degli stregoni o zucchina degli zombi. Inizialmente le vittime della zombificazione erano membri disobbedienti della communità, vari delinquenti o schiavi ribelli messi in punizione; gli zombi divenivano così servi remissivi che vivevano in uno stato mentale di delirio psicotico, schiavi da lavoro che venivano venduti alle piantagioni di zucchero. Dopo l'indipendenza, una persona zombificata era dichiarata socialmente morta, in accordo al codice penale di Haiti del 19° secolo, così l'atto di zombificare era considerato come un omicidio. Altrove, la persona intossicata veniva posta in una cassa con presa d'aria, e sepolta per 3 giorni; dopo tale periodo veniva dissotterato e alla vittima veniva data un altra dose di polvere di Datura, seguita da una cerimonia per iniziare lo zombie alla vita-dopo-la-morte. A questo punto la vittima o il neofita (nel casi invece di una iniziazione), veniva mentalmente rieducato (o brainwashed) da colui che lo aveva in gestione; lo zombi poteva muoversi, ascoltare e parlare, ma non poteva rispondere a nessun tipo di stimolo. Il sistema metabolico dello zombi era rallentato sino al punto di creare una morte apparente, con perdita di memoria e disorientamento cosciente. Alcuni gruppi sociali emarginati usano tutt'ora estratto di stramonio come droga ma, sebbene ha lieve azione afrodisiaca, ingerito in eccesso ha un azione imprevedibile, può dare impotenza e intossicazione con sintomi di euforia iniziale, iperattività e aumento della libido maschile e femminile, fino a causare coma e decesso. Datura stramonium è detta Chamico nelle valli della costa del Perù, è pianta annuale che cresce vicino ai centri abitati e tra i detriti; la sua crescita nei campi di grano ha dato luogo a farine contaminate, usate anche come antidoto all'intossicazione da insetticidi fosforati; nelle sue foglie son presenti alcaloidi narcotizzanti: scopolamina e iosciamina, precursori dell'atropina. La varietà a fiore azzurro-viola è più forte di quella a fiori bianchi, entrambe i fiori lievemente profumati. Padre Bernabè Cobo scrisse che i guaritori indigeni la usavano per anestetizzare, addormentare o entrare in contatto col soprannaturale: il frutto di questa pianta che causa il sonno, ha ispirato, la favola di Biancaneve avvelenata da una mela, e la bella addormentata nel bosco. Le foglie e i rami superiori son più ricchi di alcaloidi specie se colte al mattino all'epoca di fioritura. Scopolamina poco solubile in acqua e facilmente in alcool, agisce sul sistema nervoso parasimpatico (come l'atropina esplica azione parasimpaticolitica, anticolinergica, sedativa, ipnotica, antiemetica) paralizzando i i centri motori della corteccia cerebrale del Snc, quindi il rilassamento della muscolatura; la ioasciamina (o l-giusquiamina) ha un attività più intensa dell'atropiana ma è meno stabile, è polvere cristallina bianca solubile in acqua e alcool, attiva sui polmoni (broncodilatazione), entrambe gli alcaloidi inibiscono (azione paralizzante) il sistema nervoso parasimpatico e fanno dilatare la muscolatura liscia bronchiale, paralizzano quella digestiva e favoriscono i recettori dell'acetilcolina, ne derivano effetti benefici per l'asma, i vomiti e le diarree, così come effetti tossici ed eventuali decessi per paralisi di funzioni vitali del sistema nervoso, come respirazione e pressione arteriosa. Pertanto il suo uso, nella farmacopea allopatica, è nel controllo di attacchi di asma (sigarette o polvere di foglie secche da pipa, miscelate con salvia e floripondio, da aspirare o ingerire in infuso), contenimento dei sintomi del Parkinson, epilessia, nevralgie etc, con eventuali effetti di temporaneo intontimento; le tisane a base di datura stramonio, in piccole qtà, alleviano i sintomi della pertosse, le difficoltà respiratorie dei tisici, le tossi nervose, i singhiozzi spasmodici, i reumatismi articolari acuti. I curandero dell'Amazzonia peruviana usano le foglie e i semi per fare unguenti e supposte (una parte di foglie e 8 di grasso) per trattare le emorroidi, la calvizie, la forfora, sfregare l'addome di bimbi diarroici, applicare impiastri sulle articolazioni dolenti, infiammazioni, ascessi, foruncoli, e, miscelati a semi di lino, calmare mal di denti, dolori ai testicoli, nevralgie, pulire e risanare ferite, ulcere, affezioni alle orecchie; l'olio e fatto tritando 20 gr di foglie lasciate poi macerare in 60 gr di olio per 15 gg. La tintura dei semi è da essi preparata, usata anche come veleno di caccia o additivo di bevande narcotiche; l'azione delle foglie è quasi immediata mentre quella dei semi interi, manifesta dopo alcune ore, le foglie strofinate sull'occhio inducono la paralisi delle pupille mentre l'ingestione provoca malessere, sudorazione, delirio, ilarità e iperattività che mutano in breve tempo, in narcosi profonda. I Floripondi, misha in lingua quechua (Brugmansie), sono arbusti perenni coltivati in Perù da millenni. Le Brugmansia arborea, aurea, e sanguinea (misha toro, con fiori rossi, la più temibile usata anche dagli Inca), crescono in montagna; le B.suaveolens (misha campa, floripondio bianco-rosato), B.versicolor (floripondio di Lima con grandi campanule bianche, arancio a maturità) nelle valli della costa; la B.candida e B.insignis crescono nella foresta: di notte i fiori emanano profumo e, collocati sotto il cuscino, conciliano il sonno. I pazienti che lo assumono, per via nasale o assieme a bevande, soffrono di chinetosi (mal di mare), tremori convulsivi e azioni inconsulte; in seguito restano estatici ad occhi aperti, e gridano sotto la guida dello sciamano, descrivendo spiriti di piante, di animali, demoni, etc; infine cadono in prostazione, siedono e si addormentano, a volte vanno in coma (nella cura delle ferite il guaritore lega il paziente prima che beva il succo). Il floripondio è usato anche come eccitante nervoso per curare le paralisi. Il TABACCO nobile (nicotiana rustica, glauca, attenuata, paniculata, tabacum), chiamato Mapacho o jupac sayri in lingua quechua, è una solanacea alta fin 2 metri che esala forte odore e ha fiori rosati portati in pannocchia. Nel suo fumo son presenti vari alcaloidi tra cui la nicotina e le beta-carboline che inibiscono la MAO favorendo l'accumulo di serotonina umana o di triptamine del sanpedro. La nicotina, principale alcaloide del tabacco, stimola e deprime l'attività nervosa, alternativamente, alterando le comunicazioni tra neuroni. Gli sciamani dell'Amazzonia aspirano il fumo di questa solanacea, ma usano anche infusi nasali e orali nel corso di cerimonie: nella cura dell'isteria, i curandero applicano una foglia di tabacco imbevuta di acquavite sullo stomaco; a combattere l'epilessia preparano un decotto (30 gr in litro acqua), aggiungono 200 gr di zucchero e mettono sul fuoco sino ad ottenere uno sciroppo; 2 cucchiai per due volte al giorno, seguiti da un bichhierino di fiori di sambuco. Romulo ricorda: il Mapacho nero della foresta è cibo dei Mariri, se tu non lo nutri fumando tabacco, il Mariri può fuggire dalla bocca del curandero, esponendolo ai pericoli di venir rubato da un brujo e/o lasciarlo sprotetto. La Iochroma è una solanacea del Sud America e viene sia fumata che bevuta sotto forma di tè. Tra i preparati farmaceutici a base di solanacee mortali vi è il solfato di atropina (dosaggio orale: da 0,5 a 5 mg); è più uno stimolante che un sedativo, causa allucinazioni e potenzia gli effetti di una vasta gamma di sostanze psicoattive, dall’oppio alla canapa, alla mescalina. Il Pituri (Duboisia hopwoodii) è una solanacea nativa dell’Australia (sud-est Queensland). Gli aborigeni masticano le sue foglie polverizzate, mischiate con foglie di acacia, facendole spesso passare di bocca in bocca. Duboisia hopwoodii produce nelle parti aeree (usate a preparare il pituri) gli alcaloidi nicotinici (nicotina e d-nor-nicotina, 4 volte più potente della nicotina), comuni alle specie di tabacco (Nicotiana); mentre nella radice, produce gli alcaloidi iosciamina e scopolamina. Le foglie di Duboisia erano mescolate con ceneri alcaline (wirra) di alcune Acacia e altre piante (come altrove sul pianeta), ciò permette un migliore assorbimento dei principi attivi durante la sua masticazione (masticare libera principalmente l'alcaloide scopolamina). Il bolo di pituri era cerimonialmente passato da una bocca all’altra: il capo della tribù li masticava per primo e poi li passava agli altri uomini per via gerarchica. A riposo, il bolo era collocato dietro a un orecchio, dove, la pelle dell'area a contatto, continuava un lento assorbimento; così un comune modo di salutarsi, quando due amici si incontravano, era quello di prendere i rispettivi boli di pituri dietro l’orecchio e scambiarseli, masticarli per un pò di tempo, poi riconsegnarli ai rispettivi padroni che li ricollocavano nuovamente dietro all’orecchio. La droga era preparata al meglio dai clan del Pituri della regione dei fiumi Mulligan e Georgina, da qui esportata e scambiata in altre regioni dell’Australia; il loro segreto per produrre il miglior pituri (più potente), era l'essiccazione artificiale delle foglie appena colte, tale da interrompere subito la degradazione delle nicotina: in un contesto rituale-cerimoniale, i rami fogliari venivano sepolti nella sabbia rovente sulla quale era stato acceso un fuoco e vi erano lasciati cuocere per un paio d'ore. Il pituri della regione Mulligan-Georgina veniva poi esportato lungo le strade del pituri, che raggiungevano Capo York a nord, e a sud la regione dei grandi laghi. La comunicazione delle quantità di pituri richieste dai capi tribù avveniva con segni incisi sulle tavolette di legno (tjuringa) che viaggiavano su questa rete commerciale. I tjuringa avevano anche la funzione di salva-condotto in territori nemici. Pituri era un compagno obbligato dei lunghi viaggi, la sua masticazione allevia fatica, fame, e aiuta nella cattura di emù, canguri e volatili: aborigeni di varie tribù introducevano il succo di questa pianta nei pozzi d’acqua dove gli animali erano soliti abbeverarsi, in tal modo si narcotizzavano, rendendone più facile la cattura. Nei tempi più antichi, il pituri era usato dagli anziani anche in contesti divinatori, a predire il futuro o individuare il responsabile di un furto; la decadenza di tale uso è anche dovuta alla disintegrazione sociale provocata dal contatto con i colonizzatori e i religiosi protestanti, che portarono alla sua diffusione di massa. Etnografi e colonizzatori inglesi usarono la parola pituri per indicare qualunque droga masticatoria, del tipo 'tabacco selvatico', per distinguerlo dal loro tabacco commerciale importato, accrescendo la confusione, giacchè gli aborigeni conoscono e usano, da millenni, oltre dieci specie di Nicotiana che crescono su suolo australiano. 14.䷍ ERBE MATRAGUNA, DATURE E TABACCHI

15.䷎ ERBE RAMPICANTI - 网 wǎng 罒 (net, rad.122)

Emilia, mentre canta e danza in circolo, lascia che la mente senta le emozioni: 'io sono la figlia della foresta di Thera, la Madre Selva, io danzo senza posa, come un fiore al vento, come i Koribanti poi.. si abbandona ai ricordi d'infanzia: 'papà poneva una foglia di EDERA-Ivy (Hedera helix) direttamente sulla pelle ispessita, trattenendola con fasciatura, oppure faceva macerare più foglie in aceto. Contro artrosi e sciatica, praticava impacchi ad azione analgesica e antinevralgica con decotti di foglie d'edera (le foglie più attive sono le piccole, nate sulla Quercia, nel versante a tramontana). Edera è una liana rampicante che può estendersi fino a 50 metri, ha foglie che durano anche tre anni, e produce bacche appetite dagli uccelli ma tossiche per gli umani; nei vari dialetti è detta Ellera, Ledra, Enera-murara, Rèola, Illara, Ivy.. come la vite è legata al dio Bacco, vari popoli credono che nasconda i folletti e protegga le case da forze ostili. Edera è pianta longeva (400 anni) il cui fusto può divenir grosso e robusto come quello di un albero, quando cresce sul terreno priva le altre piante della luce, tuttavia non è pianta parassita, anche quando si avviluppa a un albero, non si nutre della sua linfa. Decotti ed unguenti (edera polverizzata + grasso) sono usati a rimuovere calli e duroni, guarire foruncoli, piaghe, scottature e colpi di sole; ecco un shampo liquido per capelli: decotto di 50 gr spremuto e filtrato. Infuso da bere due volte al giorno contro bronchite, pertosse e tracheite: 10-20 gr di foglie fresche tritate, in litro d'acqua bollente. La pianta contiene estrogeni ed ederina, e vanta virtù analgesiche, antispasmo ed emmenagoghe, sfruttate nei bagni di foglie fresche (colte in ago-set) contro celluliti e smagliature. Taras ricorda: Gitani e nativi vivono coi piedi, li rinforzano camminando scalzi sull'erba coperta di rugiada e li sfregano con acqua salata e infuso di foglie d'Edera, pestate e macerate, per 2 giorni, in aceto caldo. Emilia siede sul prato e continua: 'qui nel tempio Therabuti, vedo molti bei fiori: Iris, Boccaleone, Linaria, cespugli di Rose, rose canine e piante rampicanti (climbing plants) come vite, vitis-alba, rovo, passiflora, cucurbitace, lonicera, magnolia; io uso i Petali di ROSA (rosaceae) per fare sciroppi, liquori, cocktail, arricchire insalate, risotti e crostate. Rosa è il profumo degli dèi, la gioia degli uomini e il fiore prediletto di Venere.. Emilia interra bucce di Banane ai piedi dei Rosai, ravvivano il colore del fiore poiché le radici son avide di potassio, azoto e oligoelementi; se la vegetazione è troppo fitta e invecchiata, la fioritura ne risente, così lei ringiovanisco l'arbusto recidendo i getti lignificati e secchi, e accorcia gli altri appena sopra un getto giovane o una gemma laterale. La pianta riacquista vigore e forma. Rosa d'Eurasia comprende 150 specie, numerose varietà con infiniti ibridi e cultivar, di altezza variabile da 20 cm a diversi metri, specie cespugliose, sarmentose, rampicanti, striscianti, arbusti e alberelli a fiore grande o piccolo, a mazzetti, pannocchie o solitari, semplici o doppi. Ornamento di giardini, dona macchie di colore, le sarmentose o rampicanti ricoprono pergolati, tralicci o recinzioni. Le varietà a fusti eretti e fiori grandi, si coltivano per la produzione del fiore reciso, in Liguria, Toscana, Campania e Puglia; specie spontanee in Italia sono: Rosa canina, gallica, glauca delle Alpi, pendulina e sempervirens. ROSA Canina, detta rosa selvatica, rosa mata, rosa delle siepi, macchiaiola, rosella.. è una delle tante specie di rose selvatiche; è un arbusto alto fin 3 metri, con bacche rosse che è possibile cogliere in autunno e inverno, quando il gelo le addolcisce. Viene spesso usata per creare siepi da recinzione, impenetrabili, decorative e profumate, oppure è usata dai vivaisti come porta-innesto delle molte varietà di rose ibride, tea e floribunda. Boccioli, foglie e galle, essiccati all'ombra, si usano come cicatrizzante e blando-lassativo; le galle (prodotte da insetti Cynips) hanno molto tannino, percui sono usate come astringenti, toniche, diuretiche e sudorifere. I frutti o bacche(cinorrodonti), anch'essi essiccati all'ombra dopo averli aperti e privati dei peli interni, se sbriciolati sono utili per tisane contro i dolori articolari: una parte delle bacche vanno sempre lasciate agli animali selvatici, che in inverno si nutrono di esse e aiutano le piante a riprodursi. Consumare bacche fresche di rosa canina è il modo migliore, offrono molta vitamina C, poi B1, B2, P, K, sono diuretiche, sedative, astringenti e vermifughe; facendo una buona marmellata, perderete vitamina C (è termolabile) ma salverete le fibre. In ogni caso, bisogna fare attenzione ai semi, ricoperti di piccoli peletti, fastidiosi per la nostra bocca e irritanti per l'intestino: cogliete le bacche, apritele e, sotto l'acqua corrente, lavate via semi e peli. Tagliate il picciolo e la parte finale, mangiatele, oppure fate subito un frullato con frutta od ortaggi di stagione: un bicchiere di frullato di canina e carota/mela, è vitaminizzante, antiallergia, sfiammante e antiossidante. Un decotto di Rosa canina (30 g di frutti freschi/secchi in litro d'acqua bollente coperto per 15 minuti) preso nella dose di due tazze al giorno, di cui una alla sera prima di coricarsi, cura gli stati di angoscia; similmente all'infuso di ballota, biancospino, passiflora (40 g di sommità fiorite), bocca di lupo, maggiorana, o macerato di valeriana. I petali di rosa hanno virtù astringenti, le foglie antidiarrea, i semi sono antielminti. In aromaterapia, l'olio di rosa è ritenuto afrodisiaco, sedativo, antidepressivo, antidolore, antisettico, tonico di cuore, stomaco, fegato, e regolatore del ciclo mestruale. Le giovani foglie delle servono a preparare un Tè di Rosa; dai petali si estraggono aromi ed essenza di Rosa, usati in profumeria, cosmetica, pasticceria e liquoreria. Caprifoglio (Lonicera periclymenum, caprifolium, Caprifoliacee) ha fusti flessibili che si avviluppano ai sostegni e alle piante di alto fusto, è arbusto volubile e rampicante della stessa famiglia del sambuco e viburno; può vivere oltre 40 anni. A Giugno le sue infiorescenze peduncolate profumano l'aria. Lonicera caprifolium ha foglie poco picciolate, glabre, le superiori sono ovali-lanceolate con apice acuto e base tronca; l'infiorescenza è a fascetti al centro dell'ultimo paio di foglie concresciute. Lonicera etrusca ha pure fiori molto profumati, che la sera e la notte attirano insetti sfingidi per l'impollinazione. Può essere confusa con specie congeneri aventi fioriture in fascetti terminali: Lonicera implexa ha foglie persistenti e infiorescenza inserita al centro dell'ultimo paio di foglie formanti un imbuto largo fin 4 cm; gli stami sono poco sporgenti e lo stilo è peloso su tutta la lunghezza. In tutte le specie si usano foglie e fiori essiccate all'ombra (le bacche sono tossiche) per le loro virtù antisettiche, astringenti, diuretiche, antispasmodiche, sfiammatorie e toniche: contengono acido salicilico, tannini, glucosidi. Taras ricorda il suo uso come espettorante, sedativo di bronchi, tosse e singulto: in Sardegna si usano le foglie per guarire le ferite (cicatrizzanti) e curare dermatosi. Corteccia e fusto si usano come anticatarrale, diuretico, depurativo, diaforetico, nella renellam congestioni di fegato e milza, angina, colibacillosi e parto. CLEMATIS vitalba.pdf (dal greco 'klema'=rampicante, e 'Vitis-alba =vite bianca, chapi-chapi in Amazzonia, fam.Ranunculacea), è liana rampicante con fusti ramificati, che si allungano oltre 20 metri sugli alberi e può vivere circa 25 anni. Clematis ha infiorescenze a forma di soffici piumini, gomitoli di filamenti argentati; fiorisce da mag-ago ed emana profumo di biancospino. Vitalba, in associazione con i rovi, crea grovigli inestricabili attorno agli alberi che, se in eccesso, rivelano un degrado boschivo: in passato gli intrecci lianosi dei fusti furono usati al posto della canapa a fabbricare corde e oggetti intrecciati di uso domestico. Clematide, nonostante tutte le parti siano velenose (le Ranuncolacee contengono l'alcaloide Anemonina, variamente tossico), sottoposta a calore ed essiccazione riduce la tossicità, così viene usata in medicina e cucina: in Italia si consumano i germogli primaverili (con le prime foglioline) in piatti regionali considerati prodotti tipici, come la frittata di vitalbini, uova strapazzate, risotti e contorni, mix di erbe in zuppe o ripieno di ravioli/torte salate. I germogli di vitalba sottolio sono prodotto tipico ufficiale dalla Regione Marche, per il loro consumo abituale nella provincie di Pesaro e Urbino, sono tenuti a bagno in acqua fredda con limone e poi cotti con sale, pepe, aglio e prezzemolo prima dell’invasatura (non vengono sbollentati per non perdere consistenza). La lessatura elimina la tossicità dei germogli e riduce il loro sapore amaro, acre e piccante. In Garfagnana i germogli vengono usati a scopo terapeutico, per depurare il sangue, lenire il dolore, nevralgie ed ulcere: contiene alcaloidi e saponine, tra cui la protoanemonina, sostanza vescicante che si accumula negli organi più vecchi e può causare irritazioni cutanee al contatto. Cataplasmi di foglie secche erano usati come revulsivo per combattere contusioni e dolori articolari, mentre, dalla macerazione delle foglie (proprietà analgesiche, diuretiche e depurative), veniva ricavato un olio usato contro la scabbia. Le proprietà vescicanti del succo delle piante mature, erano sfruttate dai mendicanti incalliti, che usavano strofinare le foglie per procurarsi ulcere e piaghe e impietosire i passanti: in Francia è ancor chiamata 'erba dei cenciosi' ed è uno dei fiori di Bach suggerito per artisti e sognatori o, al contrario, per chi desidera fuggire da una realtà pesante. Clematis sinensis (威 靈 仙 vi linh sien) è usata in Africa per la tosse, malattie nervose, eczemi, lebbra, leishmaniosi, tubercolosi. Salsapariglia (Smilax aspera, Liliacee), detta nelle varie lingue italiche, stracciabraghe, smilace spinosa, sausa siciliana, barba di magnano, eccetera, è pianta arbustiva lianosa, rampicante, perenne, con fusto flessibile cosparso di spine acutissime, con foglie a forma di cuore e margini spinosi; esistono circa 200 specie sparse in tutti i climi caldi e umidi della Terra, molte delle quali importate e usate a scopo medicinale contro artrite, asma (radici essiccate/triturate e fumate), erpete, gotta, influenza, nefrite, pelle, urina e, secondo Mattioli, contro la sifilide (effetto sudorifero, depurativo e diuretico). La smilace aspera italiana, è ruvida al tatto ha fiori (ago-nov) bianchi profumati, piccoli e raccolti in grappoli, che lasciano il posto a piccole bacche rosse innocue, simili al ribes. In Puglia i fusti teneri e rossastri si mangiano con l'insalata. Taras usa radici di smilace a preparare un decotto (60 g a litro), assunto in dose di tre tazze al dì prima dei pasti, per curare l'influenza, raffreddore, reumatismi, e depurare l'organismo, mentre usa l'estratto fluido della Smilax come eccipiente per veicolare l'assorbimento di altre medicine. Le radici della Salsapariglia del Messico (Smilax medica) o di Giamaica (Smilax ornata), usate nella cura antilebbra, sono più forti e ricche di saponosidi della cugina mediterranea, così ne bastano pochi frammenti di radice per avere azione diuretica e sudorifera. Canto Libertages: "arrivaron le Baccanti, in terra maremmana, cercavano la pianta, frustino strappabraca, un Edera spinosa, e s'iniziano a frustare, poi ornano la testa, e fanno lor rituale. Punge lor la fronte, così danzano sfrenate, dimenano istintive, selvagge diventate, si strappano i vestiti, nel vero baccanale, grida danze e fruste, a disintossicare. Poi rami novellini, van teneri a mangiare, rossastri e teneroni, amarognoli di gusto; alimento e medicina, rifugio di folletti, le donne Tersicore, proteggon case e tetti. Se pianta PASSIFLORA, vince irrequietezza | causata dalla febbre, rilassa con ebbrezza. | Il seme Biancospino, pestato e messo in Vino | è nervoso sedativo, gran cuore protettivo. Il dottor Swinburne Clymar, come i Tupinamba del Brasile, scrive: “Passiflora va somministrata in tutti gli stati febbrili accompagnati da estremo nervosismo e insonnia, poiché essa calma il sistema nervoso più dei narcotici! Il genere Passiflora (Passifloraceae), comprende circa 350 spe­cie (tra cui incarnata, edulis, cincinnata, actinea, bryonioides, capsularis, hassleriana, paraguayensis, pubescens, quin­quangularis, Xeragona biloba, Decaloba capsularis, vitifolia) principalmente diffuse nelle regioni tropicali e calde dell'America, Australia ed Asia. Passiflore sono piante legnose o erbacee, rampicanti, ancorantisi al sostegno per mezzo di viticci. Le foglie sono alterne, munite di stipo alla base del pic­ciolo, con contorno da intero a palmato-lobato e superficie da glabra a pelosa. I fiori, a simmetria raggiata, ascellari e solitari, hanno 4/5 stami con filamenti inseriti all'apice di una colonna a tubo che si alza sopra la coro­na e da cui sporgono i tre stili a stimma capitato. Il frutto è carnoso, con numerosi semi, chiamato Maracuja in Brasile, è un gustoso supporto giornaliero di vitamine. Flos Passionis (fiore della Passione) è è chiamata Granadilla dai nativi che ne mangiano il frutto dolce-acidulo, venne poi ri-battezzato dai missionari detentori della cultura, quado la pianta giunse in Europa dal Messico: i religiosi associarono il fiore alla passione di Gesù, chiamandolo passione incarnata. Diverse Passiflore prediligono terreni ben drenati, poveri di nitrati e poc'acqua, così vengono coltivate come piante ornamentali (van Crato o cincinnata): riprodotte facil­mente per talea, alcune specie diventano spontanee vigorose, altre, più sensibili al freddo, sono protette da pacciamatura (protegge radici dal freddo invernale e da eccessiva evaporazione estiva) e altre potate in primavera o estate; altre sono coltivate per il frutto dolce e altre ancora come piante medicinali, sedative dell'insonnia ed ansia (alcaloide maracugina e serotonina nei frutti), da sole o aggiunte ad altre piante: le passiflore sviluppano alcaloidi beta-carbolinici, dall'effetto MAO-inibitore (armano/passiflorina, armina, tracce di triptamina e noradrenalina) soprattutto nelle foglie, tanto che ancor oggi infusi di foglie di P.incarnata vengono assunti da vari popoli del sertao brasiliano per realizzare la sacra bevanda di Jurema. Passiflora coerulea (o mayana, stenophylla), detta Blue Passionblume, pasiflora pasionaria, è pianta vigorosa, rustica e ben si adatta ai climi temperati, tanto che è naturalizzata nelle Azzorre e in alcune zone lacustri dell'Italia. Ha fiore con tinte azzurre, fusto legnoso a sezione quadrangolare che può morire in inverno e rinascere dalla base in primavera, con 3-5 foglie lobate, glabre, fiori poco profumati, petali più larghi dei sepali, bianco-rosei sulla faccia interna; frutto ovale, aranciato (6 x 3 cm), consumabile cotto e/o mescolato ad altra frutta: nella medicina popolare Argentina è detta Mburucuya, ed è usata come antielmintica, sedativa, diuretica, emmenagoga e antiscorbutica, mentre in Italia è usata come anti­spasmodica e sedativa Passiflora incarnata ha color della carne, rosso scuro, fusto erbaceo a sezione circolare; foglie trilobate, a margine dentato, glabre (15-12 cm) e con due ghiandole alla base; ha fiori odorosi, con sepali verdi all'e­sterno, e bianchi/porporini all'interno; petali più piccoli dei sepali; filamenti della corona in più serie, diritti, da rosa a porpora pallido; frutto edule, ovale, giallo-verde (diametro di 6 cm); originaria degli Stati Uniti, è oggi coltivata ovunque per ornamento o per l'uso erboristico: in Nord America questa pianta viene fumata o bevuta in infuso come leggero stimolante, mentre i nativi dell'America tropicale si cibano del frutto, ricco di vitamina C e serotonina, e da cui ricavano pure un vino poco inebriante. Tutta la pianta è usata contro l'ansia, insonnia e spasmi del digerente (stimola un sano sonno fisiologico): un decotto di foglie, fusti e fiori, bevuto più volte al giorno, è utile contro tachicardia e palpitazioni; la tintura di foglie e radici venne usata come sedativo e antispasmodico delle nevrosi ed angoscia. In Perù, a Iquitos (dipartimento di Amazonas), il frutto liquefatto è usato come sedativo, mentre la radice della Passiflora mollissima/tomentosa, chiamata chon­, viene aggiunta all'ayahuasca per intensificare le visioni onirogene; in Indocina la radice fresca è ritenuta un potente narcotico e veleno. Passiflora rubra, in Ecuador è detta narcotica, così viene aggiunta alla chicha. Passiflora alata (sinonimi: angulata, brasiliana, citrifolia, maliformis, mauritiana, pedunculata, phoenicea, tetradena), detta Maracuja in Brasile e Maracuya in Perù, ha strette ali membranose portate dal fusto ed è simile a P.quadrangu­laris; oggi viene coltivata in piantagioni estese, per il frutto richiesto nella produzione di succhi. Passiflora edulis (sin. diade, incarnata, pallidiflora, pomife­ra, rubricaulis, verrucifera), detta purple grana­dilla, maracuja, parcha in Venezuela e parchita in Colombia, è nativa del Brasile, Paraguay e nord Argentina; ha frutto edule, dolce e profumato, è simile a P.incarnata ma ha foglie lucenti di sopra e spesso intere nelle piante giovani; petali e sepali bianchi all'interno; filamenti della corona porporini alla base e bianchi nella parte distale, quasi sempre sinuosi all'apice. Produce alcaloidi beta-carbolinici e triptaminici semplici, specie nelle foglie e nel succo del frutto; nella medicina popolare di Africa e Madeira e usata come antiscor­butica, mentre il frutto è usato come stimolante digestivo e nei carcinomi gastrici: nel Malawi si usano le foglie per trattare insonnie, epilessia ed emicranie Passiflora foetida (o vescicaria, baraquiniana, ciliata, hibiscifolia, hirsuta, variegata, nigelliflora) è detta Granadilla fetida, kin-val in India, kpà-zu in Monzombo e kpà­totò Repubblica Centrafricana; emana odore sgradevole da fusto erbaceo a sezione rotonda e peloso, e dalle foglie aventi ghiandole all'apice; ha fiori con sepali oblunghi lar­ghi 2 cm, bianchi, rosa, blu o porporini; frutto edule rotondo, rosa o rosso; viene coltivata anche in Europa, e riparata durante l'inverno. In Messico i petali dei fiori sono detti amapola (papavero), e usati per un tè sostituto dell'oppio; nell'isola di Nicobar (India) le foglie sono usate per trattare le congiuntiviti; nelle Filippine e Melanesia vengono applicate per coprire le ferite e usate con­tro la scabbia; presso i Pigmei Monzombo della Repubblica Centrafricana, le foglie sono usate contro gli ascessi e la diarrea. Il KIWI RUSTICO (Actinidia arguta, hardy kiwi, yuenzao, van zhou in cinese) è una liana rampicante, spontanea in Manciuria e Siberia, che raggiunge 6-10 metri di altezza, come le altre Actinidiacee (chinensis, arguta e kolomita), resiste al freddo e richiede un sostegno robusto. Essa può crescere direttamente da seme, germinando in circa un mese, tuttavia accetta pure talee prese da polloni o messe a radicare; sopporta ombra parziale, ma dà il meglio in pieno sole, sebbene, kiwi rustico beve molta acqua. Arguta varieta Issai, è autofertile, non richiede impollinatori; ha buccia sottile verde-rossiccia, polpa verde brillante e molto dolce. Matura 2/3 settimane prima del kiwi classico Hayward. Le altre varietà han bisogno della pianta maschio. Emilia innaffia il loro strato di pacciame di foglie, 2-3 volte al mese, da quando spuntano le prime foglie fino all'autunno, così da mantenere umidità nel terreno. Nel tardo autunno, dona alle giovani piante, pollina, e cenere alla comparsa dei boccioli; a volte, in estate, accorcia i tralci più carichi di frutti lasciando quattro foglie sopra l'ultimo grappolo, e in autunno accorcia i rami che hanno fruttificato. Fruttifica a metà autunno (inizio-fine ottobre) in piccoli grappoli di 4-5 frutti ogni 10 centimetri di ramo, dando un raccolto abbondante; produce piccoli kiwi grandi come una noce, verdi e senza peluria esterna. In base alla maturazione possono diventare rossastri, violacei e molto morbidi e, ripetto al Kiwi, han sapore più dolce e buccia edule. Molto digeribile, ha contenuto alto in vitamina C, oligoelementi e potassio; ha proprietà dissetanti, rinfrescanti, diuretiche, depurative, vasoprotettive, antistipsi e antiinfiammatorie. SCHISANDRA chinensis è liana rampicante, legnosa e decidua, con bacche rosse lucenti e profumate che crescono a grappolo d'uva e son colte a set-ott; resiste al freddo ed è dioica: piantare due piante di genere diverso una accanto all'altra. La bacca matura di Schisandra, consumate crude o in marmellate, succhi e liquori, ha sapore aromatico che unisce dolce, acido, salato, amaro e pungente, motivo per cui in Cina è detta Bacca dei cinque sapori: Wu Wei Zi. Nella medicina cinese, la bacca essiccate al sole, è ridotta in polvere e usata in terapia come adattogeno del qi: energizzante, afrodisiaco maschile e femminile (elisir d'amore), epatoprotettore (aiuta a curar l’epatite), neuroprotettore, tonico generale, defaticante, miglioratore di resistenza e intuizione (usata dagli atleti cinesi, russi e coreani, corridori, sciatori e ginnasti). Schisandra chinensis ha millenni di uso per prolungare la vita, ritardare l'invecchiamento (antiossidante e anti-infiammatorio di tutte le cellule), regolare il qi, migliorare la prestazione fisica e mentale: la bacca riduce i livelli di ormoni dello stress nel sangue, mentre l’estratto, migliora concentrazione, coordinazione, e calma nel lavoro. Ancora, nella medicina taoista, le bacche sono usate a trattare il diabete mellito, palpitazioni, insonnia, eczemi, problemi a vista e udito, malattie da raffreddamento, epatite, patologie delle vie urinarie, asma e depressione. Con le foglie della pianta, da sole o unite alle bacche, si prepara un tè squisito e molto aromatico. Il Vischio (Viscum album) è una pianta sempreverde e semiparassita che, sebbene le sue foglie sintetizzano per fotosintesi alcuni nutrienti, affonda le radici nei tronchi di vari alberi e si alimenta anche della loro linfa; ha rametti biforcuti e bacche invernali bianche, gelatinose, simili a perle, ghiottoneria per uccelli d'inverno, che le diffondono nelle regioni boscose europee e americane. Le foglie, raccolte prima che si formino i frutti, sono essiccate in luogo fresco. I suoi semi, per germinare, hanno bisogno della luce del sole. Vischio, Erba dei Druidi, usata da guaritori druidi, greci e romani a regolare il sistema circolatorio, ha rametti di foglie (tossici se assunti in gran qtà) che agiscono come tonico del cuore, irrobustiscono i capillari, abbassano la pressione del sangue e rallentano i battiti cardiaci, miglioran l'irrorazione sanguigna di cervello e cuore indeboliti per l'indurimento (arteriosclerosi) delle arterie cerebrali o coronariche. Di recente han mostrato virtù antitumorali e di stimolo immunitario. Il Vischio depura il sangue ed è efficace contro l'ipertensione arteriosa; ecco una ricetta di Taras: lasciare in infusione 30 grammi di foglie in mezzo litro d'acqua ambiente per almeno un'ora, poi si filtra e si beve come tè. Il CONVOLVOLO (convolvulus arvensis, sepium, Convolvulacee), detto vilucchio, volubile, erba leporina, bindweed, campanella di fratta, è pianta perenne che avvolge (levogira, destrorsa) siepi e altre piante del globo. Ha fiori bianchi imbutiformi e fusto sotterraneo fragile e biancastro che ogni anno emette nuovi getti; I rizomi vivono a lungo nel suolo e possono ricostruire l'intera pianta anche da un frammento. Convolvolus arvensis vegeta su suoli argillosi ricchi di humus, e spesso porta una virosi che trasmette alle colture di patate, tabacco e pomodori. Radici e foglie hanno virtù lassativa: i medici arabi usano la radice a curare l'itterizia, e le foglie (essiccate in polvere serbano a lungo le virtù) per curare il fegato e rimedio alle febbri infettive. La pianta ha un glicoside purgativo pertanto è colagoga, coleretica, purgante, diuretica e lassativa: Taras fà infusi di foglie per curare leucorrea e stitichezza, e narra che, un tempo, si usava nell'idropisia addominale ed epatica, stipsi cronica e da insufficienza epatica; esternamente si usava tutta la pianta contusa, per maturare ascessi e foruncoli. I fiori, dopo fioritura, perdono la corolla e odorano di vaniglia; i frutti hanno 4 semi scuri. Infusi freddi di semi di Ipomea violacea (morning glory: heavenly blue, flying saucers), sono usati in contesto terapeutico/religioso mesoamericano, nella divinazione, per produrre visioni: un centinaio di semi circa (mai mangiati) erano tritati finemente e immersi per 1 ora in acqua sorgiva, agitati di tanto in tanto, poi, dopo aver filtrato l'infuso, ne bevevano solo coloro che si erano astenuti da bevande alcoliche, cibi pesanti, etc, per evitare vomito ed altri effetti indesiderati. Sigari di tabacco erano fumati per tenere sotto controllo l'azione stimolata da tali bevande. Il Glicine (Wisteria sinensis, famiglia fabaceae) è pianta rampicante che cresce avvolgendosi attorno a qualunque supporto in senso orario o antiorario, fino a 20m in altezza e 10m in orizzontale. Il Glicine è molto usata come specie ornamentale per la vistosa e profumata fioritura primaverile, nel linguaggio dei fiori indica amicizia. Originaria della Cina, è rustica e vigorosa, con apparato radicale robusto che si espande facilmente, fusti volubili, foglie decidue ovali-lanceolate con apice acuminato; fiori ermafroditi e profumati, a corolla papilionacea di colore azzurro-lilla, malva, bianchi, rosati e violacei, riuniti in grappoli pendenti lunghi 20–30 cm; il frutto è un legume. Ama posizioni soleggiate, suolo profondo e fresco, argilloso e ricco, si adatta però a qualunque suolo esclusi i calcarei. Annafiature moderate aiutano forme compatte e fioriture raccolte; ogni anno, prima della ripresa vegetativa, si può fare una potatura 'a sperone', tagliando cioè le cacciate di 1 anno e lasciando solo alcune gemme, le giovani piante, se potate, formano piccoli alberelli adatti al vaso; si moltiplica d'estate. Oltre a Wisteria sinensis, Wisteria floribunda originaria del Giappone, è alta fin 10 m, ha fiori profumati riuniti in infiorescenze e fiorisce in mag-giu; Wisteria frutescens è originaria del Nord America. Akar Saga (Abrus precatorius), conosciuta nel mondo come, kudri mani, occhio di granchio (Crab's eye), jequirity, rosary pea, gidee gidee, è una pianta di legume rampicante, avente foglie lunghe e pinnate. Nativa dell'Indonesia, ma cresce in tutte le aree tropicali e subtropicali in cui viene introdotta da umani ed uccelli (per colori brillanti dei semi), e ha tendenza a divenire invadente: in Florida ha invaso pinete e hammocks, fin sulle rocce. Una volta che Abrus diviene matura, in favorevoli condizioni sviluppa profonde radici difficili da estirpare; a Trinidad & Tobago è ora una rampicante perenne, sale attorcigliandosi agli alberi, arbusti e siepi e, i suoi colorati semi, vengono infilati in braccialetti da polso e caviglia, per allontanare il malocchio. I Tamil usano semi di Abrus di diversi colori, sebbene la varietà rossa con occhio nero è la più comune. In Amazzonia, nel Borneo e altrove, i semi rossi con occhio nero sono usati per fare collane porta-fortuna, rosari, decorazioni di maracas e altri strumenti musicali. Tali semi sono tossici per l'uomo, contengono abrina, la quale produce effetti simili al Ricino: la dose letale è 75 volte più piccola della D.L. di ricino. La pianta di Abrus, chiamata kudri mani in Tamil, è usata dalla medicina siddha del sud India, i siddhar usavano purificarla bollendola in latte e poi essiccandola, la proteina si denatura alle alte temperature e perde la sua tossicità. La Vaniglia (Vanilla planifolia, wanilia in polacco) è un'orchidea rampicante di sottobosco, originaria delle foreste umide tropicali della costa orientale del Messico. Il nome deriva dello spagnolo vainilla, a sua volta dal latino vagina (guaina, baccello). Flessibile e poco ramificata, la liana di vaniglia si sviluppa per crescita del germoglio e forma lunghi terminali che si arrampicano per più di dieci metri. Se il fusto è rotto, si può eseguire facilmente una talea che permette la moltiplicazione della pianta, in natura o in coltivazione. Le foglie sono alternate lungo i lati del gambo, piatte, intere, ovali con la punta aguzza, raggiungono i quindici centimetri. Gambo e foglie sono verdi, carnosi, contenenti un succo trasparente e irritante sulla pelle (pruriti persistenti). Nelle vicinanze dell'attaccatura delle foglie ci sono spesso radici aeree che permettono alla pianta di appendersi al suo appoggio o se necessario, ad una talea di radicarsi. I fiori, in gruppi di otto o dieci, formano piccoli bouquet, bianchi, verdastri o giallo pallido, hanno la struttura classica di un fiore d'orchidea. La sua fecondazione, nelle regioni d'origine, necessita dell'ape Melipona, un ape senza pungiglione. Dopo la fecondazione, l'ovario si trasforma in grosso pendente lungo 12-25 centimetri; i baccelli freschi, ancora inodori, contengono migliaia di semi minuscoli che si liberano per esplosione, oppure, colti ancor verdi: i suoi frutti, comunemente chiamati baccelli, producono la spezia vaniglia. Il Messico, conserva il monopolio della vaniglia: i Totonachi restarono i primi produttori fino a un secolo fà, poichè tutti i tentativi di riprodurre quest'orchidea fuori del proprio habitat fallirono, si ignorava la fecondazione operata dall'ape melipona. Dall'Europa, Re Luigi XIV decide d'introdurla sull'Isola Bourbon (oggi Réunion) con scarsi risultati, così Edmond, un giovane schiavo di Bourbon, di 12 anni, mise a punto il metodo d'impollinazione tuttora usato e, dopo l'abolizione della schiavitù (1848) a Edmond venne dato il patronimico d'Albius, correlato al colore bianco del fiore di vaniglia. I coltivatori di Réunion, nel 1880 la introducono in Madagascar (Antalaha, Sambava) dove il clima umido aumenta la produzione più di dieci volte di Réunion e, il mercato libero, porta a crisi cicliche di sovrapproduzione. Pur con la concorrenza di olandesi (Indonesia), inglesi (Kerala-India, Uganda), spagnoli (Messico) e cinesi (Yunnan), il Madagascar divenne primo esportatore mondiale, impiegando 80.000 coltivatori malgasci. Vanilla giunse sulle coste orientali delle isole dove gli alisei portano umidità: Comore, Seychelles, Mauritius, Tahiti, Tonga, Papua; la Tahitensis prodotta in Papua Nuova Guinea è tra le migliori al mondo, il suo profumo è delicato e caldo, fruttato alla prugna con un nota di anice. 15.䷎ ERBE RAMPICANTI

16.䷏ CALENDARIO FENOLOGICO - 月 yuè (luna-mese, rad.74)
click


17.䷐ CEREALI E LEGUMI - 禾 hé (grain, messi-granaglie, rad.115)

Pamela al simposio serale parla di cereali, legumi e sostentamento; iniziando dalle esperienze dei popoli nativi, slavi, etc, narra la sua campagna di Tuscia e Piceno, fino alla fattoria di Masanobu Fukuoka in Giappone e al tempio primo della permacultura in Tasmania: Fukuoka seminava su stesso appezzamento di suolo, CEREALI vernini (orzo) ed estivi (riso) in successione, consociati a trifoglio e restituendo al suolo gran parte della paglia uscita dalla trebbiatura. I cereali appartengono alla famiglia delle graminacee, ad esclusione del grano saraceno che è un poligonacea, sono le principali fonti di nutrimento per umani ed animali, forniscono energia nutritiva (amido) e proteine; i cereali possono essere cotti al vapore o bolliti, macinati a produrre farine per produrre pane e pasta o usati per fare bevande alcoliche (birra, chica, whiskey) o analcoliche (barleycup), con orzo tostato, segale e cicoria. I cereali integrali, non sottoposti a processi di raffinazione, sono ricchi di proteine, vitamine, sali minerali e oligoelementi. Norman Borlaug, Nobel per la pace nel '70, iniziò la Rivoluzione Verde con i suoi semi miracolosi, sostenendo che avrebbero trasformato la ciotola vuota del mondo in un cesto di pane e di riso; lavorò presso i laboratori biochimici della Dupont De Nemours e poi all'Istituto del granoturco della Fondazione Rockefeller in Messico; la FAO contribuì poi a presentare ai coltivatori del Terzo Mondo la Rivoluzione Verde in un pacchetto che consisteva in semi, prodotti agrochimici e progetti di irrigazione mastodontici.. venti anni dopo molti dei luoghi dov'erano state seminate queste varietà ad alto rendimento si ritrovano terreni avvelenati, epidemie di infestanti, debito estero e ingiustizia sociale esacerbata dalla concentrazione della proprietà terriera. Le nuove varietà dell'agricoltura industriale avrebbero dovuto salvare il mondo, resistenti alle malattie e alle erbe infestanti, rispetto alle varietà tradizionali, oggi ne risultarono più colpite.. per ogni caloria prodotta ne consumano 9 (combustibili fossili, ricerca di semente modificata, fertilizzanti chimici, pesticidi etc). Gli scienziati devono costantemente produrre nuove varietà migliorate che possano resistere alle malattie in continua evoluzione, e la creazione di monocolture trasforma le malattie minori in grandi epidemie. I latifondisti concepirono e finanziarono la Rivoluzione Verde, giacchè gli agricoltori ricchi soli potevano permettersi fertilizzanti e pesticidi necessari ad aumentare la loro ricchezza, accaparrandosi poi anche la terra di quelli più poveri che non potevano competere. Il risultato del massiccio assalto all'agricoltura di sussistenza ogni anno registra tre milioni di casi di avvelenamento acuto, l'irrigazione e l'uso di fertilizzanti azotati promuovono la crescita di foglie che a loro volta accelerano lo sviluppo degli insetti, l'uso d'insetticidi induce gli insetti superstiti a riprodursi più rapidamente, con aumento di mutazioni più resistenti.. le sementi ad alta resa causano un forte deficit di micronutrienti, sopratutto ferro, nelle colture di riso e magnesio in quelle del grano. Le piantine di riso a stelo corto della Rivoluzione Verde resistono al vento, ma non forniscono foraggio sufficiente per nutrire il bestiame, coprire i tetti, produrre la carta e così via; i prodotti chimici che devono essere impiegati per uccidere erbacce ed insetti nelle risaie, sterminano inevitabilmente anche i pesciolini, rane e granchi di risaia, già fornitori di un fertilizzante istantaneo, controllori di larve di zanzara e di alcune erbacce acquatiche, e supplemento di proteine essenziale nella dieta del risicoltore.. un meraviglioso ecosistema indigeno è sacrificato ad un solo scopo: massima produzione di cereali a granella; senza gli aiuti e gli schemi necessari, le nuove varietà risultano spesso meno produttive di quelle vecchie, coltivate per tradurre i fertilizzanti in più chicchi, tali sementi ad alti input necessitano anche di diserbanti, poiché i troppi nutrienti promuovono la rapida crescita di erbacce infestanti. Laddove i sistemi di coltivazione dipendono solo da acqua, suolo e piante, i metodi ecosostenibili accettano rotazioni, consociazioni e input organici interni. L'agricoltura industriale produce merci, rimuove i saperi locali di colture alimentari (biodiversità varietale, input interni, stagionalità) e li sostituisce con monocolture dipendenti da input esterni sempre più costosi e da ibridi a genetica instabile incapaci di generare semi. Oggi solo 30 specie coltivate (e 14 specie animali) forniscono il 90% delle calorie alla dieta umana e il 90% del bestiame allevato. La diversità culturale è fonte di scambio, innovazione e creatività, serve all'umanità quanto la biodiversità alla natura; creatività è spontanea comparsa di ordine, è l'emblema della vita: il meglio di nuove strutture è incorporato nel progetto organizzativo esistente. I geni si replicano per assicurare sopravvivenza differenziale a tutte le forme di vita, così fan le idee, frasi, mode, tecniche artigiane, ecc. Le idee fertili (meme) se trovano una mente recettiva, la colonizzano, parassitando tutto il cervello si replicano e poi si diffondono alla ricerca di nuovi ospiti. Così un gene/meme domina l'attenzione di un cervello umano a spese di un meme rivale a cui contende spazio e tempo; geni/memi si associano per assumere assetti più stabili, rafforzandosi in un comune team genetico o mnemonico, più meme aggregati creano una strategia (insieme di regole di comportamento), poi l'ambiente valuta le singole strategie, assegnando alta o bassa probabilità di sopravvivenza. La sapienza dei popoli di sussistenza porta a riconoscere e dare un nome a tutte le cose viventi, spontanee o allevate, selezionate o ibridate (incrociate) da secoli, adattate al micro-habitat locale e viste come ricchezza di un luogo. I saperi locali codificano comportamenti economici e sociali sostenibili, ottimizzano l'uso delle risorse ambientali, poichè una comunità rurale si evolve e si modella sul suo territorio modificandone aspetto e senso in muto equilibrio: il Chicco di Riso è cibo, pacciame, paglia per tetti e stuoie, foraggio per animali, crusca per pesci e pula per il fuoco. Nuove idee, nuove osservazioni, procedure più efficaci per svolgere un attività, son come un Chicco di Mais, se raggiungono il numero della 'centesima scimmia', allora diventano patrimonio intimo di tutta l'umanità. Le imitazioni possono essere dannose se derivano da imitazioni di errori mentre sono efficenti se migliorano un rapporto, uno scambio.. se ben codificate nei rituali (plastici e adattabili ai vari contesti), allora la Cultura può produrre biodiversità e viceversa. La coevoluzione (reciproco adattamento, scambio, sinergia), può durare secoli e specializzare la vita a sopravvivere in un dato ambiente naturale e culturale. In un terreno adatto, un solo Chicco di Grano può produrre fin 50 steli e coprire così un area di 33 cm di diametro. Nelle native culture del mondo, i semi di frumento vengono seminati uno a uno in solchi spaziati, zappati, scerbati, rincalzati, come qualsiasi ortaggio nell'orto-milpa: nella consociazione Milpa, Mais è seminato su suolo asciutto, 80 cm tra un seme e l'altro, rincalzato, scerbato, annaffiato solo da pioggia, e produce 6-8 belle pannocchie per piede. La spiga dei cereali è infiorescenza di fiori senza peducolo, posti direttamente sull'asse; l'impollinazione è data dal vento, e hanno un ovario con un solo ovulo che, fecondato, dà un frutto detto cariosside (seme). Ciclo fenologico del FRUMENTO (Triticum, tritiko 小麦 ข้าวสาลี, wheat annuale o biennale in certe varietà): germinazione, accestimento, levata, fioritura, granigione. Fino a 3 foglie, la piantina si nutre delle riserve del seme così eventuale concime e cenere è inutile, può venir sparso prima o dopo, a inizio accestimento (gen-feb) e levata (mar-apr). Tutti i Cereali microtermi son simili, evolutisi con ibridazione naturale: Frumenti diploidi (piccolo farro); tetraploidi (2n = 28, farro, triticum durum o frumento duro); frumenti esaploidi (2n = 42, triticum spelta e triticum aestivum, cioè frumento tenero). La granella dei triticum vestiti, con la trebbiatura resta vestita, così richiede la pulatura; i frumenti a grani nudi sveston facilmente. L’apparato radicale dei cereali si espande fino a 1,5 metri, con radici primarie (embrionali, preformate in embrione) a inizio ciclo. Poi, in fase di accestimento, si affiancano le radici avventizie (nate dai nodo basali vicino al suolo) e, dopo qualche settimana, prevalgono sulle embrionali. Il culmo (fusto delle graminacee) è cilindrico, fatto da nodi, ognuno con una foglia, e da internodi cavi, 7-9 secondo la varietà. In fase giovanile i nodi sono ravvicinati e il culmo poco appariscente; ad un certo punto, ogni nodo si attiva provocando l’allungamento dell'internodo soprastante; gli internodi basali sono i primi ad allungarsi e sono più corti; maggiore è il numero di nodi (quindi foglie), più lungo è il ciclo vegetativo della pianta. Le foglie dei cereali sono inserite sui nodi del culmo a disposizione alterna, ogni foglia ha guaina e lamina. La guaina abbraccia il culmo e continua con la lamina, lineare. Le foglie apicali sono le più sviluppate, e l'ultima (foglia bandiera) lavora di più per il culmo. Alla intersezione di guaina e lamina, all’interno c’è un prolungamento detto ligula, ai cui estremi si trovano 2 espansioni che abbracciano il culmo e son dette auricole. Ligula ed auricole servono a riconoscer le varie specie di cereali in vita: nel frumento le auricole son pelose, la ligula è dentata e la guaina è glabra; nell’orzo le auricole sono molto grandi e abbracciano completamente il culmo, perfino ricoprendosi. Coleoptile è la prima foglia che incappuccia la piumetta, perfora il terreno e la protegge, ma la prima foglia vera, dopo qualche giorno, perfora il coleoptile e inizia la fotosintesi. I semi germinano quan trovano acqua, ne assorbono il 40% del loro peso e, se temperatura (20°C) ed ossigenazione son favorevoli, germinano. I cereali microtermi (frumento, orzo, avena, segale), han basse temperature minime per germinare (0°C), ma solo con 2-4°C, son regolari. Se è troppo lenta ci sono pericoli di attacchi di parassiti vegetali. L'Accestimento nelle graminacee è il segreto della loro moltiplicazione: tra le graminacee spontanee come la gramigna, il loietto riesce a dare fin 1210 steli da una sola piantina! Nel frumento dopo 3-4 foglie, all'ascella della prima foglia si sviluppa un germoglio simile al primario; un altro compare alla seconda foglia, e così via fino, al massimo della 41 foglia. A questi germogli d'accestimento di 1° ordine posson aggiungersene altri di 2° ordine e più, se dai loro nodi basali si sviluppano altri germogli con la stessa procedura. Non tutti i germogli di accestimento formano la spiga; alcuni, ad esempio quelli germogliati tardi, subiscono la competizione di quelli preesistenti a tal punto da ingiallire e disseccarsi precocemente. Grazie all'accestimento il cereale aggiusta la sua copertura vegetale adeguandola alla disponibilità di spazio. La spiga (infiorescenza) è formato da corti internodi che possono essere resistenti alla disarticolazione (frumenti nudi) o disarticolarsi con facilità (frumenti vestiti). Su ogni nodo è inserita una spighetta, e il numero di spighette per spiga varia con la specie, varietà e pedoclima. Il fiore del frumento è ermafrodito, con 3 stami e 1 gineceo. Gli stami hanno antere bilobate e filamenti sottili. Ad un certo momento, sotto l'influenza di temperatura e fotoperiodo, nella pianta si ha l'iniziazione fiorale (passaggio dalla fase vegetativa a quella riproduttiva) o viraggio, a seguito della quale l'apice differenzia le future spighette al posto delle foglie. Il frumento vira dopo 7-9 foglie. Se non vi sono buone condizioni termiche e nutritive, le spighe sviluppano un minor numero di spighette e fiori per spighetta. Per alcune varietà il viraggio è condizionato anche dalla vernalizzazione (aver subito lo stimolo di basse tempe¬rature tra 0° e 6°C). Si han così varietà autunnali (o biennali poichè esigono la vernalizzazione), e varietà primaverili. Con l'accestimento si calcola il numero di spighe a m2, con il viraggio il numero dei fiori delle infiorescenze: semi, nei quali i prodotti della fotosintesi si accumuleranno nella fase di granigione. Dopo il viraggio, quan la temperatura va a 10°C, le piante iniziano la levata: i nodi iniziano a crescere e distanziarsi. Quando è in corso l'al¬lungamento dell'ultimo nodo, la spiga, ormai già formata, viene spinta attraverso la guaina dell'ultima foglia ingrossandola come una botticella. Pochi giorni dopo segue l'uscita della spiga (spigatura), e dopo altri 5/6 giorni si ha la fioritura. Durante l'accestimento la pianta è poco sensibile ai freddi ma diventa molto sensibile dopo la levata. Qui si sviluppano ed espandono le foglie apicali, produttrici di granella, cresce il consumo idrico e l'assorbi¬mento minerale. 5/6 gg dopo la spigatura, si aprono le glumelle che racchiudono il fiore, si osservano gli stami gialli e maturi e l'ovario ingrossato con stigma piumoso. È il momento della fecondazione. Nel frumento è autogama, a fiore chiuso, con il polline che feconda l'ovario dello stesso fiore; può venir ostacolata se la temperatura scende sotto 15°C, le spighe avranno semi mancanti. Alcune ore dopo la fecondazione, dalle glumelle escono le antere vuote, sfiorite. In ogni spiga la fioritura inizia dalle spighette mediane della spiga e procede verso l'alto e il basso. Servono 2-3 giorni per la fioritura completa di una spiga, e 10-12 giorni se la temperatura è bassa. Fasi di maturazione: l'ovulo fecondato inizia l'embriogenesi, e il sacco embrionale inizia a cellularizzarsi per dar luogo all'endosperma (tessuto sede dell'accumulo dei gra¬nuli di amido). All'inizio questi granuli di amido sono pochi e sospesi nel succo cellulare (maturazione lattea), bianco lattiginoso, poi i semi iniziano ad ingiallire, così le lamine fogliari, ma restan verdi le guaine; i chicchi per il progressivo accumulo di amido acquistano consistenza pastosa sotto le dita (maturazione cerosa) e il contenuto di acqua della granella scende al 40-45%. I granuli di amido riem¬piono poi le cellule dell'endosperma il cui citoplasma e nucleo si disorganizza finendo per inglobare e cementare in una matrice proteica (glutine) l'amido stesso, la pianta è ingiallita quasi tutta e resta verde, poco tempo ancora, solo l'ultimo nodo; il seme si lascia appena incidere con l'unghia e l''acqua è al 30% (maturazione gialla); da qui non si ha più accumulo di riserva, ma solo perdita d'acqua. A pianta tutta gialla, la granella ha contenuto d'acqua inferiore al 13% (maturazione piena), ora si può trebbiare (con umidità inferiore al 12¬-13% la granella si conserva). Se la pianta resta in campo, in piedi, diventa troppo secca, fragile, con glume e glumelle che si staccano e i semi cadono facilmente, l'umidità è al 10%. Quando il seme è leggermente attaccabile dall’unghia ma si spezza sotto i denti (acqua al 30% circa), è possibile iniziare la raccolta: nella mietitura si tagliano gli steli del frumento, poi segue la covonatura (legatura in fasci-covoni). Trebbiatura è separazione dei semi dagli involucri, dalla paglia e dai rachidi delle spighe, se fatta a mano si può usare il correggio o la scarpa. Il frumento è pianta longidiurna, cioè avvia i processi di iniziazione fiorale nella stagione in cui i giorni si allungano rapidamente; è specie microterma cioè non necessita di alte temperature per crescere, svilupparsi e produrre. Nei climi mesotermi dove l’inverno è mite, è coltivato in semina autunnale e raccolto a fine primavera. Nelle regioni a clima microtermo (Scandinavia, Canada, montagna) si semina a fine inverno e si raccoglie in estate avanzata. Gli eccessi di temperatura sono pericolosi nella fase di granigione, accentuano l’evapotraspirazione sino alla stretta del caldo (oltre 30°), accompagnata da venti sciroccali caldi e secchi durante la maturazione lattea. Lo stress idrico porta appassimento permanente dei semi, che restano piccoli e striminziti. La copertura nevosa (neve, neĝo 雪 หิมะ) è un'efficace protezione del frumento dai geli invernali oltre ad essere un buon fertilizzante per radici; con essa, in paesi nordici, le colture resistono ai geli fin -29 °C. Test di germinabilità: versa vecchi semi in un bicchiere d'acqua, i semi che vanno a fondo sono ancora buoni, quelli a galla da scartare. Il frumento trae vantaggi dall'avvicendamento colturale, dopo bietola, pomodoro, patata, girasole, fava, cotone, riso (che lascia il terreno sgombro da infestanti), etc. Il frumento usa bene il residuo di fertilità lasciato nel terreno da tali colture, ma è incapace di utilizzare l’alta fertilità lasciata dai prati pluriennali di leguminose e graminace, ad eccezione delle zone aride, dove il frumento, che segue al maggese, trova minerali, humus ed acqua. Va evitato di lavorare il terreno bagnato in superficie e asciutto sotto: mescolando con l'aratura questi due strati, si incorre nel fenomeno detto arrabbiaticcio, ovvero forte carenza di azoto e gravi infestazioni di erbacce, soprattutto papaveri, per cui il frumento cresce stentatissimo. In Italia i terreni hanno dotazione di potassio buona od ottima; se fosforo e potassio in eccesso non sono dannosi, l'azoto può dar danni gravi: allettamento, malattie fogliari, maggior sete. Il Potassio aiuta fiori, frutti e tuberi; se è carente il cereale è stanco, il fiore è pallido e molti frutti cascano. Potassio è presente nella cenere della felce al 30%. Se il suolo è acido si può usare potassio bicarbonato; se il suolo è alkalino si usa potassium sulphate. La scerbatura richiede 60-80 ore ad ettaro; semina a file e rotazione colturale la facilitano. Col diserbo chimico si assiste all'insorgenza di flora di nuovo tipo, non sempre mutazioni spontanee di infestanti tradizionali (pure documentate), ma specie spontanee la cui presenza era limitata agli incolti, e che ora, grazie alla loro resistenza, si sono diffuse occupando la nic¬chia ecologica liberata dagli erbicidi: nel frumento han seguito questa via molte ombrellifere, composite, attaccamano, ecc. L'orzo sopporta meglio una successione di coltura con i frumenti; se la base dei culmi può venire minata dalle larve degli elateridi (Agriotes spp), la granella immagazzinata è soggetta agli attacchi di tignole e punteruolo; la larva della tignola vera (Sitotroga cerealella) penetra nel chicco nutrendosi del suo contenuto amidaceo, mentre, la larva della falsa tignola (Tinea granella) riunisce con fili sericei più granelli e se ne ciba. La femmina del punteruolo (Calandra spp.) depone un uovo per seme; la larva si nutre rodendo l'interno del chicco. Il chicco intero (integrale) è un alimento completo, mentre la sola farina bianca, raffinata e sterilizzata, ha poco valore nutritivo (manca di vitamine, germe e diastasi che predigerisca l'amido. Esistono FARINE di frumento, di mais, riso, avena, orzo, segale, ecc.: dalla macinazione del frumento duro si ricava semola e semolato, usati per fare paste alimentari, mentre dal frumento tenero si ottiene la farina bianca. In base alla quantità e qualità di glutine presente nella farina, l'impasto con acqua avrà più o meno elasticità e varierà il tempo di lievitazione. Le raffinazioni della farina sono così classificate: tipo 00 (più volte raffinata, cioè macinata per renderla fine, epurata di sali minerali, cellulosa e glutine), usata per dolci e pastelle; tipo 0 (meno raffinata della 00), più ricca di glutine, ideale per pane, pizze e focacce, cioè impasti più elastici ma con lievitazione un pò più lunga; tipo 1 (meno raffinata delle prime due), più ricca di crusca e con tutto il germe di grano integrale (più nutriente); tipo 2 (semi-integrale), ha più crusca (fibre), vitamine e minerali delle farine bianche; la farina integrale ha subito solo una macinazione, così contiene olio fosforato, vitamine A (crescita e resistenza a malattie infettive), B (nervi e digestione), E (ghiandole), oltre a serbare tutta la crusca che, però, và consumata entro 2 mesi. La farina raffinata si conserva in dispensa fresca e asciutta, ma dopo 6-7 mesi sa già di vecchio. Il nonno di Emilia batteva il frumento quando serviva, lo macinava in polvere o in pasta senza passare per lo stadio di farina; lo faceva gonfiare per 6 ore a bagnomaria in acqua a 50° (o 12 ore a 27°) e poi stendeva su un piatto, imbevuto di nuova acqua tiepida e aria per altre 12 ore; macinava questi semi che hanno subito un inizio di germinazione; poi salava con sale marino (17 gr al kg) e lavorava la pasta che, messa in luogo tiepido, lievita in poche ore, poi cuoceva al forno o a vapore. Il PANE è il prodotto ottenuto dalla cottura di una pasta lievitata, preparata con sfarinati di grano, acqua e lievito, con o senza aggiunta di sale comune. I grani teneri son più ricchi di amido, i grani duri di glutine, cioè un complesso di proteine insolubile in acqua ma che a contatto con essa si gonfia ed entra presto in fermentazione. Il glutine, intollerante per i celiaci, è invece usato nelle diete per diabetici. I frumenti panificabili han più glutine e necessitan più fertilità e cura dei frumenti da biscotti, la loro semente conciata costa di più. Il pane commerciale è fatto con farina di molte settimane, così il potere vitale e di predigestione delle diastasi diminuisce già dopo 8 gg e, dopo un mese è nullo. Le principali diastasi del frumento sono: le cerealasi (fissano l'ossigeno dell'aria dando il colore bigio al pane integrale), le glutinasi (pre-digeriscono il glutine), lipasi (predigeriscono il fosforo) e le amilasi (predigest amido). Il Frumento Tenero produce granella, paglia e pula; la granella è macinata, ovvero schiacciata e separata in 3 parti: Endosperma amido (farina, carboidrati semplici, proteine, vit. B1 e B2, enzimi e minerali): Embrione o germe (ricco di vit.E e grasso insaturo da cui si estrae olio facile a irrancidirsi); Crusca (parte esterna del seme, costituita da fibre insolubili come la cellulosa, vitamine del gruppo B, proteine, minerali ed enzimi). In zone aride si preferisce seminare orzo e grano duro rispetto al grano tenero, a causa dell'elevata taglia del fusto (quindi qtà azoto) di quest'ultimo; entrambe sono usati in forma di farina o semola: grano duro ha più proteine del tenero ed ha granuli grossi usati a far la pasta; grano tenero dà farine dai granuli sottili adatte per il pane. I chicchi del Frumento Tenero, se in ammollo 12 ore, possano essere cucinati come il riso. Il GRANO DURO (triticum durum, o turgidum) è frumento tetraploide avente semi liberi dalla glume, che rilasci facilmente alla trebbiatura. I suoi semi sono vetrosi (il tenero li ha farinosi), ovvero contengono proteine che danno semole che, impastate con acqua sono adatte alla produzione di paste. Nel sud Italia le semole di grani come l'antica Saragolla lucana, a bassa qtà di glutine, vengono rimacinate per ridurne la granulazione e usate per fare alimenti mediterranei come il cuscus, il bulgar e pani tipici, come il pane di Altamura o di Matera, giallognoli come il mais aventi più carotenoidi e resistenti meglio all'invecchiamento (restano più appetibili) rispetto ai pani di farina di grano tenero. La varietà Creso, la più usata in Italia negli ultimi 30 anni (e sospettata di favorire la celiachia come gli ibridi F1), fu ottenuta nel 1974 da un incrocio tra la varietà messicana ricavata dal Cymmit (centro internacional mejoramento Maiiz e Trigo) e l'italiana Cp B144, mutante della senatore Cappelli di Strampelli, ottenuta alla Casaccia di Roma, bombardando questo seme coi raggi x e gamma. La cultivar Senatore Cappelli, fu ottenuta dal genetista marchigiano Nazareno Strampelli, a inizi 900, nella tenuta sperimentale del marchese abruzzese (poi senatore), Raffaele Cappelli a cui fu dedicata. Strampelli nel 1903 aveva vinto la Cattedra ambulante di agricoltura a Rieti, così fu molto incuriosito dalle qualità del Grano Rieti, parente dell'africana Rhetifah, e coltivato da tempo immemorabile in quella vallata fredda in inverno, calda-umida in estate, un ambiente favorevole alle ruggini. Il grano Rieti si è selezionato nei secoli, acquistando rusticità e divenendo resistente agli attacchi dei parassiti locali: il Rieti originario era molto apprezzato in tutta Italia, tanto che dopo l'unità d'Italia tutti lo volevano seminare e, non bastando le sementi, molte erano le frodi in commercio, con altri grani spacciati per Rieti. Rieti resiste alla ruggine ma è soggetto all’allettamento (ripiegamento fino a terra a seguito di vento o pioggia), le sue caratteristiche genetiche, forgiate dall’ambiente e dal clima, sono rimaste immutate. Per inserire nuove caratteristiche, Strampelli le prese da altre varietà, attraverso incroci (ibridismo) con semi provenienti da ogni parte del mondo, ne collezionò più di 250. I primi grani che diffuse incontrarono forti resistenze nei produttori di sementi e nelle politiche locali. Mussolini fece visita a Strampelli per valutare le sue scoperte: all’epoca l'Italia importava buona parte del grano dagli Stati Uniti e dall’Unione Sovietica. Il governo Mussolini, nel generale progetto autarchico, diede avvio alla Battaglia del grano e, in meno di sei anni, nel commercio del grano l’Italia poteva dirsi indipendente; l'impiego massiccio degl'ibridi di Strampelli (sementi elette) vide al primo posto il grano tenero Ardito e il grano duro Gregorio Mendel, frumento dedicato al naturalista che dettò le leggi sulla ibridazione, porta il numero 133 fra i 256 tipi ottenuti dall'incrocio Rieti e principe Alberto, e resiste bene alle ruggini dell'ambiente umido (ricco di nebbie e rugiade primaverili/estive) della pianura reatina dando con costanza prodotti superiori ai 35 quintali senza allettare. Ardito fu ottenuto dell'incrocio tra il Rieti (resistenza alla ruggine nera), con il Wilhelmina Tarwe olandese (alta produttività, ibrido tra un inglese e olandese), e successivamente, ibridando il risultato con l'Akakomugi, un frumento giapponese dalla taglia bassa e maturazione precoce. Ardito maturava 15-20 giorni prima del Rieti, era alto 80-100 cm, resisteva al freddo e alla ruggine, ed era molto produttivo. Il regime omaggiò Strampelli nominandolo senatore e, in poco tempo, le varietà di grano da lui sviluppate si diffusero in tutto il mondo, giungendo a scatenare un'analoga battaglia del grano nella Cina maoista. Strampelli non brevettò mai frutti del suo studio, ne si dilungò in pubblicazioni autocelebrative, egli affermava: l'uomo che allarga ogni giorno il suo dominio su tutto ciò che lo circonda non è padrone del tempo, che tutto mette a posto e di cui io sono un modesto servitore, le mie vere pubblicazioni sono i miei grani.. non conta se son prive del mio nome. Strampelli, nel fare semine sperimentali di incroci, non dimenticò il marchese, diventato nel frattempo anch'egli senatore, che anni prima gli aveva affidato un campo. Nacque così il grano duro Senatore Cappelli: nel 1915 selezionò una varietà autunnale molto adattabile e adatta alla pastificazione, ottenuto della varietà locale tunisina Jeanh Rhetifah, e nel 1923 venne rilasciata omaggiando il marchese. Il frumento Cappelli tiene ariste scure; è un grano molto duro, per cui la pasta rimane sempre al dente; per decenni fu la coltivazione più diffusa nel sud Italia (Basilicata, Puglia, Sicilia, Marche e Abruzzo), e si diffuse anche in altri paesi del Mediterraneo (Marocco, Turchia, Siria, Iraq). Nonostante sia molto alto (oltre 1.80 m), tardivo e suscettibile alle ruggini ed all’allettamento, ebbe successo grazie alla sua larga adattabilità e rusticità (eredità africana), nonchè alla eccellente qualità nutrizionali della sua semola, usate per pani, paste e pizze digeribili. Tutte le varietà di grano duro del mondo, contengono oggi geni di questa varietà donata dall'Africa, in origine coltivato in suoli poco fertili, aridi e con tecniche manuali di semina distanziata; data la scarsa resa quantitativa, il miglioramento genetico fu orientato alla riduzione della taglia ed all'aumento della precocità, per sfuggire alla siccità tardo-primaverile/estiva che spesso si verifica, e che porta pure a miglior produzione ma bassa qualità molitoria e pastificatoria. Strampelli sviluppo anche varietà di canapa adatte al cilma italico, e dimostrò l'influsso dell'elettricità e della musica sulla crescita del grano. Le sementi open source di Strampelli furono adottate anche nei paesi balcani, russi, cinesi, etc, colpiti dalla carestia e dalla guerra, trovando forte interesse nei circoli massonici di tutto il mondo compresi gli alleati della seconda guerra: uno studio sulle ruggini del grano pubblicato da un suo studente, fu acquisito dagli Usa e classificato come segreto, per le possibilità di uso come arma biologica per distruggere le coltivazioni del nemico. Dopo la II Guerra mondiale, le scorte belliche di azoto e prodotti defolianti ed erbicidi hanno portato a selezionare varietà di frumento viziati, capaci cioè di assorbire e smaltire tali residui.. così le sementi elette (open source) furono a loro volta sostituite da ibridi (proprietarie di multinazionali) puntuali nei tempi di raccolta (il coltivatore deve rispettare i tempi di consegna ai supermercati), a crescita uniforme (ugual dimensioni, adatte all'imballaggio e raccolta meccanica) e produttivi grazie a un largo impiego di fertilizzanti e pesticidi. L'Ibridazione avviene in modo accidentale in natura, ma è regolare nel commercio delle sementi (l'incrocio di due varietà diverse richiede molta manodopera): a un singolo individuo scelto non viene consentito di scambiare naturalmente il polline con altri individui della stessa varietà; ciò riduce la quantità di variabilità a ogni generazione, e gli esemplari non conformi vengono estirpati o eliminati, in questo modo si ottiene l'uniformità, l'ibrido risultante sarà un F1. La generazione di semi successiva, detta F2, non mostra necessariamente i caratteri selezionati, così produce un miscuglio vario di discendenti, cioè regredisce allo stato dei suoi progenitori, mentre in altri casi il seme della generazione F2 non germoglia, l'iniziale vigore della pianta ibrida si riduce nelle successive generazioni: alcuni vegetali sono più facili da ibridare di altri, ad esempio fagioli e piselli si autoimpollinano in modo spontaneo, così non vengono ibridati commercialmente. I punti di forza degli F1 sono anche le loro debolezze, possono fallire in modo catastrofico in condizioni avverse, così in monocolture estese appaiono inadatti alle coltivazioni di sussistenza: quando alcuni zucchini ibridi prendono l’oidio, tutte le piante sono colpite e muoiono nel giro di pochi giorni, invece le piante a impollinazione aperta sono più variabili, alcune soccombono prima, altre dopo e alcune resistono alla malattia. Nikolaj Vavilov Ivanovič (Николай Иванович Вавилов) fu un altro scienziato degli studi sulla biodiversità, era russo e morì a Saratov, per fame, in prigione, poichè sospettato di lavorare per gli inglesi; alla morte di Stalin, la Corte suprema Russa lo riabilitò del tutto. L'obiettivo principale di tutta la ricerca di Vavilov fu l'individuazione delle zone di origine delle colture alimentari e delle specie selvatiche dalle quali derivano. Il botanico russo localizzò alcune zone del pianeta e le chiamò centri di diversità, habitat originali delle piante domestiche e loro parenti selvatici. Molti di tali centri erano isolati da montagne, fiumi e laghi, per cui ben si prestavano ad essere culle dell'agricoltura, luoghi cioè dove le piante vennero addomesticate. Col passare del tempo, attraverso una selezione operata sia dall'uomo che dalla natura, queste colture si sono evolute in nuove forme con caratteri diversi, denominate landraces, cioè varianti genetiche che consentono ad ogni coltura di sopravvivere ad ogni tipo di mutazione climatica; grazie a Coltivatori indigeni lungimiranti, in tali zone vennero trovate varietà resistenti alla siccità, al freddo o a varie malattie. Vavilov identificò anche centri secondari di diversità: l'Etiopia, ad esempio, è un centro primario di diversità per il miglio, sorgo e caffé, ma è riconosciuta come un centro secondario per il grano (così come la Sardegna lo è per l'orzo), originario dell'Asia centrale nella zona attorno al Caucaso, al Volga, all'Afghanistan, India sino alla Turchia. Dal 1916 al 1936, fece spedizioni in molti paesi dell'Africa, Asia e Americhe, per raccogliere quante più sementi possibili di piante coltivate, il materiale raccolto fu ordinato, catalogato e conservato presso l'Istituto di botanica di Leningrado (che prese il suo nome), sorto per sua iniziativa, il quale disponeva di una rete di stazioni sperimentali, sull'ampio territorio sovietico, differenziate per tipi di clima e terreno: l'Istituto Vavilov divenne la prima banca del seme del mondo, con 250.000 campioni di semi vivi e le fattorie per coltivarli. Durante la Seconda Guerra, nel corso del lungo assedio tedesco della città (900 giorni), nel quale 600.000 persone morirono per le strade, anche venti dei dipendenti dell’Istituto Vavilov morirono di fame piuttosto che cibarsi delle sementi custodite; quelli che sopravvissero si nutrirono di segatura e topi e tutto ciò che riuscirono a trovare: loro credevano realmente al detto aborigeno: queste risorse genetiche le abbiamo in prestito dai nostri figli. Quando nei centri di diversità originari vennero poco a poco introdotte varietà moderne, a discapito delle colture tradizionali, alcuni ricercatori iniziarono a preoccuparsi dell'esaurimento della scorta di tale patrimonio genetico. Governi e grosse imprese sguinzagliarono per il mondo squadre di botanici alla ricerca dei parenti ancestrali delle piante alimentari, officinali, tessili e oleaginose oggi consumate, e sorsero molte nuove banche genetiche: in esse esiste maggior erosione di diversità genetica delle nostre scorte di cibo futuro rispetto ai centri naturali indiviaduati da Vavilov: molte colture di limitato valore commerciale vengono ignorate dai raccoglitori anche se il loro valore è inestimabile come cibo per i più poveri. La vitalità dei semi viene di solito testata ogni cinque anni e quando risulta troppo bassa essi vengono riprodotti nei campi della banca del gene per moltiplicarne i campioni; i semi risultanti vengono poi raccolti e conservati per un altro periodo di tempo. Tuttavia, dopo diverse ricrescite, i semi cominciano ad adattarsi al clima locale e all'ambiente in cui vengono conservati surgelati, solo i semi che sopravvivono ad un prolungato periodo di bassa temperatura riusciranno a germogliare; così alcuni tratti genetici si stanno estinguendo per gli sforzi insufficienti a preservarne la diversità: una pianta coltivata in terreni di montagna senza irrigazione, se viene coltivata in riva a un fiume, in un suolo diverso, con parassiti diversi e con irrigazione e prodotti chimici, dopo varie semine perde le sue caratteristiche essenziali. Il posto più sicuro dove conservare questi semi originari è presso i coltivatori nativi presso cui nacquero: un sistema rurale nel quale i coltivatori vengano pagati per coltivare e conservare i semi delle loro colture indigene, e mantenere i propri animali domestici tipici, oggi vige solo in Ungheria ed Etiopia. Accanto a ciò esistono reti informali di Custodi dei Semi (Seed savers), che seguendo i principi di Mollison e dei nativi di tutto il mondo, sulla connessione vitale tra suolo, semi, piante e noi stessi (coltivare bene dà buone piante, le buone piante forniscono cibo sano), provano a salvare il salvabile: quando introduci una nuova varietà nel tuo orto, ciascun individuo che mostra naturale facilità di crescita dovrebbe essere selezionato.. in tal modo una nuova serie di caratteristiche si svilupperà ed entrerà a far parte del corredo genetico della pianta negli anni a venire; dopo un decennio di osservazioni e selezioni, avrete una vostra linea di semi da distribuire, adatta al vostro territorio. Proverbi dei popoli Bantu: si partorisce l'uomo, non il suo cuore (mutima), il piccolo re dell'uomo è il suo cuore, e ha bisogno di essere educato.. Si comanda alla Natura solo obbedendole; col lavoro la terra produce e i frutti della terra sono il salario del lavoro. Tra i Lucani, Sabini e Piceni un quintale di Frumento calvo (quasi privo di ariste) ne dà 5 e, se avvicendato con canapa, pure 15; il Grano duro dà miglior risultati su suoli argillosi fuggendo quelli sciolti, così rende e si adatta meglio in ambienti aridi e caldi, specie le varietà a taglia bassa e basso rigoglio vegetativo (limitata concimazione azotata); si semina in anticipo sul tenero; quando macinato dà semola anziché farina, crusca e farinetta, usata per paste alimentari; si adatta meno del frumento tenero e resiste poco al freddo, umidità eccessiva, allettamento e mal di piede. Proverbio francese e toscano: al frumento piace d'esser seminato nel fango, semina il frumento in terra fangosa e la segale in terra polverosa; il grano nel fangaccio e le fave nel polveraccio. Se un uomo consuma 175 Kg l'anno di Frumento, per ottenerlo basteranno 650 mq e 200 grammi di semente, da spigolare con pazienza e seminare uno per uno su aiola che ha già ospitato una leguminosa (fava, lupino, trifoglio) o patata. Si concima il suolo con pollina o letame umano diluiti in acqua 2/3 volte il loro volume, oppure preparando un compost a nord (all'ombra e umidità) o con sovescio di lupino. Sarchiando spesso (o grufolando) con una zappetta o forca da letame, si area la coltura batterica del suolo che quindi si moltiplica. Motto cinese: il composto è un arte religiosa e la terra, per produrre e restare feconda, vuol essere lavorata di frequente, lo stato superficiale costantemente smosso può aiutare l'umidità a penetrare e al calore del sole di scendere e attivare. La pianta produce tanti più steli e spighe quanto più si lavora la terra dove affondano le radici: su 5 mq si possono ottenere da 10 a 50 spighe per pianta, circa 8 kg (160q/ha), laddove in sud Italia e isole, la resa standard è di 10q/ha e in pianura Padana è 50q/ha. Col metodo panslavo di Semina distanziata del frumento duro autunnale, bastano 3Kg di semi per ettaro; su 500 semi seminate a spaglio, 148 resistono, il resto è preda d'insetti sotterranei, uccelli, roditori e crittogame.. un tempo si usava la calce che, arricchisce il padre ma rovina il figlio. Oggi, subito prima della semina, si può immergere il seme per 24 ore in acqua di mare (o 10 litri di acqua con 1 grammo di solfato di magnesio), o far fare ai semi un bagno di macerato/decotto di chiodi di garofano (è buon insetticida) oppure, seminare a spaglio quando si prevede pioggia abbastanza forte: se piove forte le formiche non si muovono e i semi vengono interrati, se piove poco niente le formiche prendono moltissimi semi. Pamela pazientò qualche anno e selezionò semi ben rispondenti alla sua coltivazione: seminava grano duro (Rieti) su 100 mq preparati zappando superficialmente, poi, verso metà maggio, vi seminava in mezzo il mais quarantino che, veniva su dopo il grano; a giugno raccoglieva le singole spighe di grano e/o orzo, se maturi, poi spargeva un pò di pollina per accelerare la decomposizione della paglia. Suo nonno stimolava l'accestimento, per risparmiare semente (preziosa in inverno), a mezzo del pascolo di tacchini, oppure trapiantava: il farro mangiato dai tacchini sembra adatto a questo metodo, la doppia camicia di protezione del chicco lo protegge da formiche e aiuta la germinazione.. Si divide l'aiola in solchi profondi 20cm (i solchi rendono inutile il maggese e trattengono la neve), distanti 40/50 cm e orientati possib in direzione nord-sud. Semina un seme alla volta interrando per 2-4 cm (così il coleoptile esce facilmente dal suolo, oltre 4 cm la pianta cresce esile; troppo superficiale il seme dissecca o vien predato) e a distanza da 25-40 cm sul solco (secondo la fertilità del suolo e tendenza ad accestire); i semi avanzati possono venir seminare nei semenzai per trapianti ulteriori nei posti divenuti vuoti. Si può seminare fino a Natale, meglio con piogge d'equinozio e in plenilunio (se piove presto si può seminare nei pleniluni precedenti, nel centro Italia meglio entro il 24 novembre). Facciamo germinare un chicco di frumento in terra; otto giorni dopo si alza uno stelo, dopo altri 8 giorni togliamolo dalla terra; trapiantiamolo, cimiamolo e lasciamolo sviluppare. Se dopo 15 gg lo estirpiamo di nuovo, noteremo sulla parte di fusto sottoterra un bel nodo dove partono alcune radici e germogliano nuovi culmi. Cimiamo una seconda volta e aspettiamo che lo stelo centrale e i due nuovi si siano ben sviluppati fuori del suolo; se estirpiamo questa piantina vedremo sullo stelo principale un secondo nodo al di sopra del primo, con le sue radici. Troviamo lo stesso nodo anche sui due steli giovani che, ognuno, a sua volta ne ha prodotti 2 nuovi. Così, grazie a due trapianti, siamo in possesso di una piantina avente 9 steli. Il Trapianto con pane di terra e con cimatura aumenta la forza del sistema radicale e aumenta il numero dei fusti.. le radici viziate da concimi chimici ne facilitano la riduzione e mutazione in fascicolate: l'Avena, cereale addomesticato per ultimo, ha radici fittonanti due volte più abbondanti del frumento d'inverno, e sei volte più dell'orzo; se estirpiamo un cesto di frumento vedremo che le radici non superano i 5-6 cm, mentre, in natura, dovrebbe raggiungere almeno 50 cm per dare una vegetazione perfetta. Si può rigenerare la radice all'inizio, quando il potere assorbente è intenso. Prima legge: qualsiasi sviluppo dei cereali è legato alla formazione di radici complementari, tante ve ne sono, e tante son le spighe generate: in Eurasia v'era usanza di far brucare il frumento dalle pecore (tacchini in America) nel momento in cui emetteva la quarta foglia, tecnica oggi simulata dalla rullatura. La vigorosa ripresa vegetativa deriva anche dal calpestamento, dall'apporto di urea diluita e fermenti che sviluppavano calore stimolando la vita microbica. Poichè il trapianto e cimatura sono sconsigliabili a partire dalla primavera, si può rincalzare ogni 15 gg ed avere gli stessi risultati: formazione di nuovo nodo di accestimento a ogni rincalzatura, per la nascita del nuovo piano di radici. Dunque, semina il frumento un seme alla volta, distanziandoli, in solchi profondi, lasciando alle due parti molta riserva di terra per permettere almeno 4 rincalzature. John Miller moltiplicava un singolo seme dividendo i cesti nati dai nodi, trapiantandoli a loro volta come fossero erbe aromatiche, poi divideva ancora i cespi, scerbava e rincalzava, ottenendo 18 poi 67 e infine 600 cesti! Ciò è possibile se si da al frumento spazio (semina distanziata) poichè, il più grande nemico del frumento è il frumento stesso: se le sue radici sono aggrovigliate come un feltro, le più forti e vivaci si accontentano di suggere dalle loro vicine. Ogni rincalzatura è anche una scerbatura e, una scerbatura equivale a due annaffiature, dice la saggezza dei contadini; l'umidità chiama l'umidità.. se si abbattono gli alberi, scompaiono le piogge primaverili e, se gli uccelli sparissero, la terra in 10 anni sarebbe inabitabile per l'uomo: aumenterebbero parassiti e insetti che la chimica non riesce a sostituire. La scerbatura, areando la terra, provoca l'aumento dei batteri azotofissatori e acido carbonico e può sostituire il concime: la sarchiatura è il dry farming della California, metodo ancestrale del contadino cinese che, per tutto l'anno, continua smuovere pazientemente la sua terra. L'aratro di legno non rivolta la terra, laddove, il versoio di ferro capovolge l'equilibrio naturale del suolo portando in alto la parte inorganica del suolo (suola) e rendendo necessario l'apporto di concimi. Il frumento raccolto sarà conservato in spighe poichè un pò continua a maturare; meglio batterne ogni volta il quantitativo necessario (e proteggerlo dal tonchio mescolandolo con 1,5 gr/kg di magnesio calcinato). Il contadino italico usava il correggio per battere (due bastoni legati da una corda, uno si tiene in mano e l'altro si fa battere sul grano) sul grano posto su un lenzuolo, oppure batteva il sacco, contenente le spighe in basso, direttamente sul muretto, finchè mollava il grano che restava nel sacco, poi lo passava al setaccio: se batteva 2 o 3 chili era pignolo con ogni chicco, mentre, se batteva 50 kg, il grano rimasto nelle spighe lo dava come mangime alle galline, hanno più pazienza! Se le spighe erano molto secche le sbriciolava con la testa di un grosso bastone o con zoccoli di legno (ciocie, trebbie) sempre su lenzuolo posto a terra (l'aia dura poteva rompere i chicchi) poi, in un giorno di vento, prendeva il 'trebbiato' e lo lasciava cadere sul lenzuolo, il vento spulava il tutto. Graminaceae sono le piante più diffuse sul pianeta, dai tropici ai deserti, piccole o giganti, son disseminate dai venti, animali e lungimiranti economie agricole dei popoli; Papilionaceae, sono piante che hanno fiori a forma di farfalla e coincidono con le leguminose. La ricerca di perennità nelle piante di cereali più diffuse (riso, frumento, sorgo, etc) sta portando a nuovi modi di produzione, risparmi economici e vantaggi ambientali, nel frattempo nel Nord e Centro Italia, si testano varietà di frumento tenero che presentino granella di alta qualità, così da diminuire l'importazione di granella di frumenti di forza (più costosi) usata per la panificazione. Per l'AVENA sativa (Oat per gli inglesi, Roveglia tra i piceni) si testano varietà con granella nuda, adatte ai prodotti per la colazione; la granella di Avena è detta biada ed consumata anche dagli animali: i chicchi d'avena vengono consumati come il riso, bolliti 35 minuti circa; poichè è cereale povero di carboidrati (amido e glucosio) ma ricco di lipidi, evitare di conservarla in ambienti caldi e umidi glutine. Tra i piceni è seminata nei suoli più scarsi e su scarpate, assieme alla veccia; è pianta utile negli avvicendamenti, meno sensibile di frumento e orzo alle malattie, sebbene ha un apparato radicale più profondo ed espanso degli altri cereali, ha consumi idrici più alti (escluso il riso), per cui risente della stretta di caldo e secco durante la granigione: si adatta ai climi freschi e umidi del centro-nord Europa, dove è seminata a primavera poichè resiste poco al gelo. l'Avena rossa (A. byzantina) sopporta la siccità e le alte temperature meglio della sativa, per cui cresce nel Mediterraneo e Medio Oriente ma è frequente che la granigione sia ostacolata da deficienza d'acqua, così la fibra aumenta di molto; ha chicchi ricchi di amido in forma poliedrica ma poveri di glutine, poco adatti quindi alla panificazione ma molto adatti ai celiaci; le sue vitamine B, aminoacidi e inositolo, ne fanno un cibo energetico: i semi di Avena vengono pure decorticati degli involucri fibrosi, macinati per fare focacce e biscotti, o usati sotto forma di fiocchi freschi (semi schiacciati) o precotti al vapore, nelle minestre, musli, whiskey o nel digeribile porridge slavo ed anglosassone, ideal cibo per bambini e convalescenti, fatto di fiocchi cotti in acqua o latte. Il Farro spelta, chiamato Granfarro in Italia (triticum spelta), è un frumento vestito (aderenza di glume e glumelle al seme, protezione contro avversità e piovosità di ambienti altocollinari) con spiga priva di reste. Per ottenere granella nuda è necessaria una svestitura (sbramatura o sgusciatura). La varietà picena di Farro saravolla è pure vestito, poichè mantiene la pula anche con la trebbiatura, così vien battuto su aia a parte, seccato, asciutto, messo a bagno a bagnare la cuticola, poi nel mortaio di legno è battuto con maglio per spellarlo, quindi vien ancora asciutto, macinato al mulino e/o tritato, cotto come la polenta e volendo, aggiunto al brodo di gallina; la pula/semola è cibo animali o è messa a riempire i cuscini. Il Farro piccolo (triticum monococcum, il più antico) originario dell'Anatolia è ancora coltivato sui monti appennini tra Umbria, Lazio e Abruzzo, ha culmo sottile e debole, spiga distica, aristata, compressa lateralmente, a frattura semivitrea e alto contenuto di proteine e carotenoidi; accestisce molto e ha ciclo di sviluppo tardivo compatibile col clima piovoso e fresco di collina e montagna. Il Farro medio (triticum dicoccum); pur ha spiga compatta e aristata, é il più coltivato in Italia centro-meridionale, su zone marginali. Farro è rustico, resiste al freddo ed è inadatto a sistemi intensivi: i farri di Garfagnana e Molise, mostrano elevate esigenze di freddo (vernalizzazione), per cui son seminati in autunno, salvo altitudini elevate (semina in febbraio-aprile). Il Farro monococco a granella nuda si adatta bene ad aree montane marginali, così è usato a produrre il pane Carasau in Sardegna. linee di Tritordeum (incroci di frumenti duri con Hordeum chilense, un orzo sudamericano) invece, sono oggi testate e usate in Spagna. Il SORGO africano (Sorghum vulgare, bicolor, kaffir corn), detto Dhurra delle genti d'Africa, è il quinto cereale diffuso dopo mais, riso, frumento e orzo, prodotto negli Usa, India, Nigeria e Messico; resiste ai climi aridi e secchi e la sua granella (70% di amido), macinata o meno, si usa come piatto base in Africa, per pane in India e birra negli Usa. Sorgo è spesso coltivato in piccole terre assieme al Sorghum saccaratum, usato per la costruzione delle scope: i contadini Konso dell'est Africa, hanno imparato a raccogliere il Sorgo prima di ogni esondazione del fiume che, altrimenti, spazzerebbe via raccolti e lavoro di una stagione. Il sorgo dall'Africa fu portato e si diffuse in tutto il mondo, così oggi è il quarto cereale diffuso, dopo Frumento, Riso e Mais. Sorgo è della stessa famiglia della Canna da zucchero (sugar cane) e ha semi nutritivi come il mais; il suo culmo, alto 1-3 metri, è formato da nodi ripieni di midollo secco o succulento e zuccherino. Il numero di foglie è maggiore quanto più tardiva è la varietà: 8-10 per le varietà precoci, 18-20 per le tardive. La capacità d’accestimento è massima nel sorgo da foraggio ed è limitata in quello da granella. L’apparato radicale è, come quello del mais, fascicolato e formato da radici embrionali e avventizie, ma dotate di una maggior capacità di estrarre acqua. La temperatura minima per la germinazione, nel sorgo è più alta del mais, 14°C anziché 12°C; ciò obbliga a seminare 15 giorni dopo il mais, da fine aprile a metà maggio. Il Sorgo, oltre alla granella per uso zootecnico, ha numerosi usi legati a pani e prodotti da forno per celiaci, lievitati cioè con un prodotto vegetale che sostituisca il glutine (es. Hypromellose, E 464), o con tecniche di estrusione sviluppate in Argentina. Così viene selezionato via via un sorgo perenne resistente al freddo (per ibridazione con sorghi cinesi più resistenti) e a siccità; per i sorghi zuccherini si testano tipi perenni con produzione di granella e zuccheri dal fusto, ovvero ibridi maschio-sterili che aumentano il contenuto di zuccheri nel fusto per la produzione di foraggio, biogas o bioetanolo (dalla cellulosa), e usare i residui come fertilizzanti organici. Sorghum halepense (sorgo di Aleppo o sorghetta) è suo parente selvatico e temibile infestante. Le donne africane coltivano anche altre specie di piante da granella, per le famiglie e il pollame, ad esempio la kiwicha (Amaranthus caudatus) oppure il Riso, coltivato in Mozambico come in Tailandia, Laos, Vietnam, Cina, India, Indonesia e Filippine. Pamela continua: ovunque nel mondo le donne nutrono la società, lavorando con bastoni piantatori, reti, corde, conconi per acqua, borse e ceste per cogliere radici, tuberi, frutti, noci, semi, foglie, etc. Le donne siberiane scoprirono altre tecniche per preservare il cibo: affumicatura del pesce, essiccazione, salatura, fermentazione. Così le donne amerindie scoprirono locali consociazioni agricole come Mais, zucche e fagioli: donne dei California scoprirono anch'esse il porridge di ghiande cuocendole più volte per ridurne i veleni (acidi tannici) a mezzo del calore. Oggi il mais è sottoposto a miglioramento genetico per introdurre la resistenza ai funghi micotossigeni (Aspergillus, Penicillium e Fusarium) e un buon contenuto di zuccheri nel fusto. Donne cinesi appresero a coltivare la Lacrima di Giobbe (coix lachryma-jobi, Imi in mandarino), una pianta tropicale della famiglia delle Graminacee, originaria della penisola Malese, poi coltivata in estremo Oriente ed Americhe. Tra le piante usate come i cereali v'è il Grano-Saraceno della Manciuria (fam. Poligonacee), detto anche grano nero, privo di glutine e con semi nutritivi simili a cerali e legumi (amido, proteine, amminoacidi, zolfo, lipidi, sali, vit.gruppo B, niacina), coltivato soprattutto per ricavarne farina alimentare per pasta, polenta e pane. I semi del grano saraceno son sempre stati usati per ricavare farina gialla per polenta: i chicchi prima d'esser cucinati van lavati sotto acqua corrente, poi tostati qualche minuto e cotti in acqua calda salata, per 20 minuti. Si conserva in un luogo fresco ed asciutto, o in barattoli al riparo di luce e fonti di calore; d'estate è preferibile conservarlo in frigo. Donne brasiliane trattano la Manioca così: grattano, lavano e spremono le radici in ceste speciali per rimuoverne l'acido prussico, poi creano focacce dalla farina. Altro dono dei nativi del Brasile è l'ARACHIDE (Arachis hypogaea, Papilionacee o Fabacee), una pianta leguminosa che fruttifica nel terreno, ama clima caldo e suoli sciolti, è di facile coltivazione e migliora la fertilità del suolo: in Italia l'arachide è coltivato per olio e tostatura, per aperitivi o inclusi in torroni e cioccolato, è un seme è gradito e molto nutriente, poichè possiede un alto contenuto di proteine e aiuta la buona salute del cervello e circolazione sanguigna (niacina). Gli antiossidanti delle arachidi tostate sono pari a more e fragole, superando mele, carote e barbabietole: nei fumetti le arachidi danno i superpoteri a Pippo, trasformandolo in SuperPippo. Tuttavia, nella produzione del burro di arachidi (peanut), l'industria aggiunge oli vegetali idrogenati, come l'acido palmitico, che, se è troppo, può incidere sul rischio cardiovascolare e predisporre all'arterosclerosi. Inoltre, il crescente aumento di derivati di arachide, usati nell'industria alimentare (specie dolciaria) come eccipiente polivitaminico di molti cibi confezionati, è correlato all'aumento di casi di intolleranza a questo seme, specie nei bambini, dunque è necessaria vigilanza, moderazione e sensibilità fitoalimurgica! Leguminose da granella sono consumate da umani ed animali domestici: vari tipi di fagioli, piselli, ceci, fave, la lenticchie, arachidi, lupini, cicerchie e vigna. CECE (Cicer aretinum, 8 specie annuali e 6 perenni) è un legume che soffre nei suoli compattati e mal tollera sale e clima umido, si semina in tardo inverno e si coglie a Luglio-Agosto. Il cece in passato era diffusamente coltivato anche in terreni aridi e sassosi, forniva produzione modesta ma nutritiva: Cisrà erano zuppe di ceci cotte e distribuite a scopo benefico dalle confraternite, in occasione della Pentecoste; la tradizione sopravvive a Lanzo nel Canavese, e a Merella, in provincia di Alessandria. La politica agricola dell'Unione Europea manca d'incentivare le colture proteaginose (ceci, lenticchie e fave), tipiche dell'area mediterranea, idonee ad essere coltivate senza concimazioni azotate, ma spesso di scarsa produzione in molte zone. La farina di ceci ha 20% di proteine e 50-60% carboidrati; il cece resta coltivato in Sicilia al fianco di piselli e fagioli. Varietà di Cece a seme molto grosso, resistenti all'Ascochyta (fungo che muta molto facilmente) sono oggi importati dal Messico e America Latina. Le Cicerchie (lathirus sativus) sono poco diffuse, le vecchie varietà presentano sostanze nocive (specie se usate frequentemente), come avviene in India nelle annate siccitose, dove è l'unico legume che sopravvive alla carenza idrica. La LENTICCHIA (Dhal bhat tartari in Nepal, è un piatto nutriente di riso intero e lenticchia, occupa 2/4 dello stomaco secondo la divisione in 4 parti: 2/4 cibo solido, 1/4 liquido, 1/4 aria) è seminata in mezzo alla segale che, pur se cade si aggrappa e si rialza.. quando si falcia, la lenticchia vien sfilata da segale e posta su lenzuolo al sole a seccare e separare i semi, poi le lascio a bagno per 2 ore.. e aggiungo verdure e curry. La coltivazione di legumi a semi molto piccoli, originari del continente africano e asiatico, usati come cibo fresco (fagiolini) o secco nella zuppa di cereali, son detti dolichos, uno d'essi è il fagiolo dall'occhio (dolichos melanoftalmus, la varietà rosso-nera è detta Sofora), per la presenza sul seme di una macchia nera tondeggiante; spesso tossico per gli umani, da secoli il dolichos è coltivato e macinato per animali e piccioni, mentre il sofora è molto usato dai popoli nativi per confezionare collane e rosari. Dopo l'avvio dei commerci con l'America, giunsero in Europa i FAGIOLI (e Fagiolini) a seme grosso (Phaseolus vulgaris e Phaseolus coccineus), i quali sostituirono i dolichos dalle coltivazioni: a metà cinquecento, Pietro Valeriano porta nel bellunese alcuni semi ricevuti in dono da Papa Clemente VII, con l'impegno di iniziar la coltivazione di quel legume; in breve tempo il nuovo fagiolo si diffonde in tutto l'altopiano di Lamon e poi, trasportato a Venezia, diviene scorta da imbarcare sulle navi dirette a Cadice e Lisbona. I Fagioli Americani sono piante di antica domesticazione, nelle Milpas mesoamericane e nelle chakras delle Ande peruviane; nel lungo periodo di coltivazione si sono originate molte varietà locali (landraces): tra i borlotti si contano centinaia di tipi, alcuni bassi e a ciclo colturale breve, coltivabili in secondo raccolto dopo il grano/orzo, altre rampicanti, a ciclo lungo e consociati al mais. nei mercati italici esistono numerosi tipi di Fagioli (nani, seminani determinati, rampicanti) con semi di varie dimensioni e colori; conosciuti sono il fagiolo di Sarconi, di Riofreddo e il semirampicante di Saluggia: il più diffuso è alto 50 cm con 2 o 3 ramificazioni, fiori biancastri e voluminosi, semi appena reniformi e oblunghi, a striature rosso-vinoso o color carnicino, baccello cilindrico appena arcuato, di color verde variegato e rosso a maturazione. Fagioli e Piselli (specie i surgelati), sono i legumi più usati in Italia, così i Fagiolini, fagioli idonei al consumo fresco dei baccelli immaturi, dopo cottura. Il LUPINO a fiore bianco (Lupinus albus), blu o giallo, è leguminosa miglioratrice de terreno (azotofissatore) nativa del bacino Mediterraneo, Mar Nero e Medio Oriente, si adatta agli ambienti acidi e magri dove ogni altra leguminosa fallisce, migliorando la fertilità e producendo granella ricchissima di proteine (oltre il 35%) che però contiene alcaloidi amari e/o velenosi che vanno eliminati mediante prolungato lavaggio in acqua torrente o, messi in vasetti sotto acqua-sale come le olive (con o senza pre-bollitura), prima di usarli nell’alimentazione umana o animale: i Lucani usavano mettere a mollo i nutrienti lupini secchi, per poi darli qual cibo ai maiali. In Italia la coltura del lupino è crollata a seguito di spopolamento di aree rurali (Calabria, Lazio, Puglia e Campania), sebbene i terreni subacidi di origine vulcanica, di Lazio e Campania, siano i più adatti. La esigenza di acidità (tolleranza al calcare) varia con la specie: il bianco è il più tollerante (fino pH 7,2), resiste anche al freddo e tollera calori e siccità nella fase di maturazione. Oggi vengono testati ibridi di Lupino bianco a seme medio-grande e privo del principio amaro, usabili sia per consumo umano sia per mangimi animali, grazie all'elevato contenuto proteico. Il Lupino è la specie con più elevata fissazione dell'azoto, sopratutto in terreni acidi o sub-acidi. Lupino è alternabile al cereale, matura in giugno-luglio, si raccoglie prima della piena maturazione, tagliando o estirpando le piante, lasciandole in campo a completare l’essiccazione e trebbiandole successivamente a parte. Per il consumo, si possono mettere a bagno una manciata di semi secchi per un paio di giorni, cambiando spesso acqua, poi messi a bollire per 5 minuti, risciacquati e mangiati nei giorni successivi, oppure, messi in salamoia per conserve invernali: un pugno in ogni barattolo da 1kg, acqua e sale, cambiando acqua dopo 5-7 gg, per 2/3 volte, infine si lasciano in barattolo con nuova acqua e sale. Taras usava fare cataplasmi di foglie Lupinus mutabilis a mitigare gli ascessi. Pamela semina FAVE (Vicia faba) in consociazione con patate, poi lascia tutto pacciamato: il suolo diviene così soffice che si scerba facilmente a mano. Le piante di Fave hanno apparato radicale fittonante con numerose ramificazioni laterali nei primi 20 cm che ospitano specifici batteri azotofissatori (Rhizobium leguminosarum). Il fusto è quadrangolare, cavo, ramificato alla base, alto da 70 a 140 cm. In relazione alla grandezza del seme vengono distinte quattro sottospecie: paugyuga con semi molto piccoli, di origine indiana, spontanea; favino (minor beck), usata come foraggio o sovescio, ha baccello clavato e corto; favetta (equina pers), usata come foraggera, ha baccello clavato e allungato; fava da orto a semi grossi (major harz) con baccello lungo 15–25 cm, pendule e appiattito, contenente 5-10 semi. La fava è avvicendata come coltura miglioratrice tra due frumenti, con semina a righe o buchette, e 8-10 piante al mq. La pianta di Fava teme il caldo, così nelle zone temperate/calde la semina va effettuata in autunno o inizio inverno, con raccolti a partire da 180 giorni dopo. Per le zone molto fredde è seminata in primavera. Tra i Piceni le Fave sono usate a colazione al posto del pane, mentre il Favino nutre gli animali: nella Fava da consumo fresco si testano oggi varietà prive di tannini che allappano. L'uso rituale delle fave come alimento per le anime defunte (necromanzia), era praticato in tutto il bacino del mediterraneo: in lingua greca, Πυθαγòρας Pythagòras, significa annunciatore del Pizio, oracolo del dio Apollo. In alcuni individui le fave causano Favismo, una carenza enzimatica che diviene malattia in molte zone (crisi emolitica in risposta al consumo di fave), e strategia antimalarica in zone endemiche della Malaria falciforme. Il favismo era particolarmente diffuso nella zona del crotonese, così, l'astensione alimentare da esse, e persino il contatto, ebbe una motivazione profilattica. Gli individui fabici mostrano G6PD-carenza, ma non tutti i G6PD-carenti (glucosio-6-fosfato deidrogenasi) mostrano sintomi di Favismo, gli individui 6PD-carenti possono manifestare anemia emolitica in risposta a numerose altre cause, infezioni, farmaci, sostanze chimiche, così numerosi farmaci costituiscono un potenziale pericolo per gli individui G6PD-carenti; vari farmaci antimalarici (primachina, pamachina, clorochina) possono scatenare emolisi acuta, mentre altri antimalarici solo a dosaggi elevati (sulfamidici, tiazosolfone, blu di metilene, naftalene): ad alcuni prigionieri dell'Illinois State Penitentiary, fu somministrata una dose di un farmaco antimalarico (primachina), alcuni di questi svilupparono una anemia emolitica, altri non ebbero conseguenze; si comprese che l'effetto emolitico della primachina era dovuto ad una mutazione ereditaria di globuli rossi; farmaci antinfiammatori (aspirina, fenazopiridina e acetanilide) e antibiotici (acido nalidixico, nitrofurantoina, isoniazide, furazolidone). Anche estratti di henné possono causare crisi emolitiche in bambini G6PD-carenti. In caso di emolisi acuta può rendersi necessario ricorrere a trasfusioni di sangue; i globuli rossi trasfusi sono normalmente G6PD dotati, dunque sopravvivono nel circolo del ricevente per un tempo normale (circa 120 gg). Alcuni pazienti anemici traggono beneficio dalla rimozione chirurgica della milza, essendo quest'ultima un importante sito di distruzione dei globuli rossi. Il consumo di fave espone i G6PD-carenti al rischio di crisi emolitiche per via della presenza nei semi, di sostanze ossidanti (divicina e convicina), così, per gli individui fabici è opportuno astenersi dal consumo di fave, a meno che non siano affetti da malaria falciforme. Il Favismo o G6PD-carenza è il difetto enzimatico più comune nella specie umana, presente in oltre 400 milioni di persone nel mondo. Gli individui di etnia africana, mediorientale e asiatica meridionale presentano la maggiore incidenza, forse perché tale deficienza enzimatica conferisce loro una maggior resistenza alla malaria, specie quella causata dal Plasmodium falciparum; una correlazione simile esiste anche tra malaria e anemia falciforme o talassemia. I globuli rossi G6PD-carenti, parassitati dal plasmodio vengono più rapidamente eliminati dal sistema splenico (milza). Pertanto la mutazione costituisce, nelle zone di origine di tali individui ove la malaria è endemica, un notevole vantaggio evolutivo conferendo agli individui portatori una migliore fitness. I globuli rossi più vecchi sono più suscettibili all'emolisi rispetto ai più giovani. Una credenza italica rivela che: se si trova un baccello contenente sette semi si avrà un periodo di grande fortuna, mentre nell'orto, sta bene seminare alcune fave all'interno delle altre colture poiché questo legume, oltre ad arricchire il terreno di azoto, attirerebbe su di se tutti i parassiti, che di conseguenza non infesterebbero gli altri ortaggi. I rizobium enzimi (fissatori d'azoto) della SOIA, diversamente da altre leguminose azoto-fissatrici (veccia, trifoglio, fave, lupinella, sulla, medicago) mancano nel suolo italiano, così necessitano di essere inoculati. in Asia sono molto diffuse varietà di soia a basso contenuto di olio ed elevato contenuto di proteine, usate dopo cottura come fagioli o ceci, in Italia e nella maggior parte dei Paesi, si coltivano varietà di soia selezionate per l'elevato contenuto di olio, inadatte per il consumo umano diretto: dopo l’estrazione dell'olio, il pannello ricco di proteine viene usato nella mangimistica. Il latte di Soia e prodotti derivati (yogurt, vari tipi di tofu, formaggi spalmabili) sono adatti a persone intolleranti a lattosio. Il latte di Mandorle, largamente usato in Italia, è usato per stesso scopo, così oggi si testano pure semi secchi di nocciole, noci, arachidi, anacardi, macadamia, pecan e molti altri frutti secchi tropicali. 17.䷐ CEREALI E LEGUMI

18.䷑ PAN d'ORZI SLAVI - 黍 shǔ (millet, miglio glutinoso, rad.202)

Pamela, mentre prepara la zuppa di farro e legumi (con semi messi a bagno 12 ore prima i semi), continua: uomini con zappa e donne con bidente, cereali seminati a spaglio tra i solchi mentre il mais col bastone.. cereali macinati con piccole macine, parte dei raccolti si dava agli animali allevati. A primavera (marzo) si arava con vacche ed aratro di legno, poi si lasciava a maggese (riposo, crescita spontanea) e a giugno si falciava, così ad Agosto si seminava il grano, a mano, con seme del precedente raccolto. Umidità e calore fan chicchi germinare ma il freddo li fa marcire.. Camuni, Piceni, Sardi e altri popoli italici, coltivano in rotazione triennale diversi cereali e legumi, eredità di antenati che introdussero quelle colture più di una volta, sia nelle isole che nella penisola, a causa della frequente negoziazione nel Mediterraneano: in Sardegna ad esempio, i cereali vennero conservati in serbatoi di legno e sughero, o in vasche di terracotta chiamate Dolia, interrate presso il tempio nuragico, centro religioso, politico ed economico del villaggio. Tra i Sardi le coltivazioni di ORZO- Barley (Hordeum vulgare, hordeon 大麦 บาร์เลย์) mancano di un progenitore selvatico (Hordeum vulgare spontaneum), riprova che il cereale, originario dell'Asia e west Africa, venne introdotto in forma coltivata già dal neolitico: l'orzo ha varie file di granelli sulla spiga, in posizione alterna porta tre spighette, una mediana e due laterali. Se la spiga porta due soli ranghi e ha forma appiattita, si ha l'orzo distico (Hordeum vulgare distichon); se le tre spighette sono tutte fertili si hanno orzi polistici (es. esastici a sei file). Quando verdi, le foglie abbracciano lo stelo fino a sovrapporsi. Le glumelle aderiscono strette al seme che quindi è vestito; forme nude son poco diffuse. Le glumelle inferiori terminano spesso con una resta lunghissima e robusta. Le spighe d'orzo a maturità in certe cultivar hanno portamento pendulo, in certe eretto. L’orzo è più precoce del frumento e il suo breve ciclo biologico gli consente di essere coltivato fino al circolo polare artico dove è l'unico cereale adatto alle brevi estati. L’orzo è preferito al frumento dove la siccità è molto spinta (è precoce, consuma poc'acqua e tollera alte temperature); sebbene molte varietà di orzo, in Italia, sono tedesche, francesi e inglesi, esso domina le zone semiaride del Medio Oriente e Nord Africa poichè, in semina autunnale, matura presto (sfugge meglio alla siccità) e usa al massimo la poca acqua disponibile. Con la scomparsa del nomadismo pastorale, l'orzo ha visto diminuire il suo consumo come cibo, tuttavia resta il secondo cereale coltivato in Sardegna, dopo il grano, per la produzione di foraggio verde, grano e paglia, tutti usati nell'alimentazione invernale delle pecore; molti agricoltori preferiscono coltivare ecotipi locali (landraces) detti S'Orgiu Sardu (orzo sardo), poichè da secoli ben adattati ai diversi ambienti, stagioni e pratiche agricole dell'isola: una pratica nel Nuorese prevede che i campi vengano recintati e le pecore mantenute per un anno, poi il campo vien arato e seminato ad orzo. In vari casi climatici, la disponibilità di foraggio verde degli ovini in inverno è più importante della produzione di grano in estate, specie in anni di scarsa piovosità, il raccolto viene lasciato in piedi per il pascolo diretto, strategia flessibile adatta ad ambienti mediterranei. L'Orzo sardo presenta reste forti, con la porzione legata al lemma che resiste anche dopo la trebbiatura; resiste meglio alla salinità e a condizioni di stress, rispetto alla varietà di orzo moderno coltivato in Italia: la Civiltà Nuragica era basato principalmente sulle comunità di guerrieri-contadini, avente nell'orzo il raccolto più importante per il consumo interno, mentre il grano veniva esportato. Nel seicento, l'aumento della domanda di grano, portò il governo spagnolo a mutare la sua politica agricola: più grano per gli abitanti delle cittadine costiere e l'orzo che restava confinato alle zone collino-montane dell'interno dove il frumento rendeva poco. Nel regime economico di auto-sufficienza alimentare, tipico delle comunità montane pastorali, l'orzo soddisfava i bisogni locali, proteggendo l'indipendenza dell'isola dalle oscillazioni dei prezzi del mercato del grano, causate da speculazione esterna. Molti altri popoli nomadi mangiano l'orzo come zuppa (tsampa dei pastori Tibetani, zuppe etiopi dei Mursi, etc), così nella dieta di pastori e villici Sardi si tramnda il Pane d'Orzo, pane s'orgiu (a volte mescolato a un terzo di farina di frumento), capace di mantenersi per parecchi mesi, al fianco di molti altri di pane, fatti con farine disponibili di volta a volta, misto grano-orzo, e macinato di altri cereali e ghiande. Per quanto risultasse un pane nutriente e di buon sapore, il pane d'orzo richiedeva più energie del pane di grano: alcuni detti popolari nuoresi rivelano l'impegno richiesto da questo tipo di panificazione; Nuoro e nel circondario, il pane d'orzo veniva preparato soprattutto presso le famiglie benestanti che lo destinavano al consumo dei pastori e dei contadini alle proprie dipendenze. In Sardegna dopo la molitura dei cereali, fatta con la mola asinaria, più famiglie vicine iniziavano il ciclo della panificazione domestica (negli anni Sessanta i forni pubblici sostituirono l'ambito familiare); il posto della mola nella casa doveva consentire di udire il rumore delle pietre che girano a vuoto, così da controllare e incitare l'addestrato asinello sardo ad azionarla. In tutta l'isola le mole variano solo nei materiali di costruzione, pietra vulcanica (basalto, tufo, trachite) e contenitore di raccolta in legno, dotato di sportello per l'estrazione del macinato. La tramoggia, in legno o in paglia e giunco, era tenuta sospesa da travi, piccole assi e cordicelle al soffitto o ad una parete; oppure sostenuta da un telaio autonomo. I mulini ad acqua (a ruota orizzontale) erano invece impianti pubblici situati in piccole valli coltivate e irrigate, e associati ai lavatoi riparati da tettoie. Essendo un'attività domestica di gruppo, la panificazione richiedeva la presenza costante di almeno tre donne oltre all'infornatrice; spesso si trattava di numerose lavoranti specializzate che venivano retribuite con un po' del pane prodotto e del formaggio. L'orzo necessario per ogni panificazione (10/12 quintali) veniva pulito, separando pagliuzze e impurità, con su sedàttu e su chilìbru (operazione detta irgranzàre), ma al contrario del grano non veniva lavato perché la cariosside, impregnandosi d'acqua, non poteva essere macinata bene; talvolta i grani d'orzo venivano leggermente tostati nel forno caldo per agevolare la macinazione, che avveniva otto/dieci giorni prima della panificazione: s'iniziava separando la crusca più grossa (ghilinzòne de òrju) col setaccio (sedàttu e colàre), poi, con un altro setaccio (sedàttu e orjàtta) si separava la semola più grossa (fàrre) dalla farina fine (pòddine). La semola più grossa, che conteneva anche la crusca più sottile, veniva ancora lavorata usando un crivello col fondo di giunco (chilìbru) che veniva scosso e girato ritmicamente per isolare al centro la crusca più fine e ai lati la grossa, lasciando cadere sotto il crivello lo semola d'orzo scelta (su fàrre innettàu), cioè adatta per panificare; un decimo della farina veniva messo da parte per usarlo nella preparazione delle sfoglie. Murru Corriga, antropologo sardo, documenta la produzione dell'orgiathu dalle mani di vecchie signore di Fonni (Sardegna centrale): poichè l'orzo è povero di glutine, è poco elastico in fase di lievitazione, così in Sardegna venne adottata una lavorazione a più stadi e 4 ingredienti: tsampa (farina d'orzo), acqua, lievito e sale; la farina viene impastata con acqua tiepida fino a formare i ghimisones (grosse forme di pasta-madre 4 kg, cotte in forno); poi i pani vengono coperti di farina e collocati nelle corbule (ceste di asfodelo), dove riposano 5-6 giorni avvolti in panni di lino, lana, cotone o canapa (a seconda della stagione), e fatti maturare cinque/sei giorni. Ogni ghimisone veniva aperto con un taglio trasversale nella crosta, ottenendo due coppe dall'impasto morbido e cremoso di color grigio-nocciola; se il contenuto era poco maturo veniva impastato delicatamente con le mani, poi il ghimisone veniva richiuso e lasciato fermentare altri 2 giorni (pre-lievito), quindi diluito in acqua tiepida, addizionato di farina e messo in recipienti cilindrici di sughero (molunes) con altra farina d'orzo e lievito vero. Segue altro periodo di riposo, nuova lavorazione con acqua tiepida e ancora riposo nei molunes per alcune ore.. lavorata ancora nella madia, la pasta veniva divisa in porzioni tonde di un chilo dalle quali si ricavavano altrettanti pani. Ciascuna porzione veniva posta su una pala (tabèdda) di legno ovale (cm 80x50) dotata di breve impugnatura, poi schiacciata accuratamente con le mani fino a ottenere una sfoglia sottile grande quanto la pala: la sfoglia veniva fatta scivolare con abili tocchi e passata all'infornatrice (cochidòra) che, sulla propria pala dotata di un lungo manico (pàla 'e còchere), regolava forma e spessore della sfoglia. La sfoglia veniva infornata nel forno già caldo, con la brace e i rami in fiamme raccolti su un lato, per favorire col calore costante la perfetta cottura. Appena iniziava a gonfiarsi, la sfoglia veniva pressata e rigirata con una paletta ovale di ferro a lungo manico (palìtta 'e fèrru) per favorire la diffusione del vapore caldo che separa la sfoglia in due parti poi, estratta ancor gonfia dal forno, veniva rapidamente passata su un tavolo basso e lì aperta con coltello; quindi si asportava la mollica rimasta e si sovrapponevano le due parti una sull'altra (appiràre). La contemporanea presenza di tre/quattro persone evitava i tempi morti tra un infornata e l'altra. L'infornatrice introduceva i pani a due a due nel forno caldo, senza fiamma e, usando lo stessa paletta di ferro, li rivoltava rapidamente per farli biscottare (carasàre), quindi li passava su un tavolino dove venivano piegati a due a due per poter essere trasportati agevolmente dentro le bisacce (bèrtulas) e i tascapane (taschèddas). Il pane d'orzo così preparato si conserva due mesi senza irrancidirsi e la panificazione rispetta questa scadenza: così si crea un ciclo fisso di panificazione che vede alternarsi due o tre famiglie parenti che, vicendevolmente, si scambiano il lievito e si aiutano nella preparazione. Tutti gli scarti e i residui della lavorazione venivano utilizzati per preparare sa tippe, il pane per i cani dei pastori, o era dato in pasto a buoi e cavalli. La difficoltà del panificare con lo farina d'orzo è data dal suo poco glutine rispetto al frumento: minore capacità di sviluppare anidride carbonica durante la lievitazione, e minore elasticità dell'impasto ottenuto. Per favorire queste condizioni era utile, in fase preliminare, la preparazione dei ghimisones. Le coppe emisferiche (2/4 kg) venivano cotte a lungo, nel forno ripulito dalla brace, fino a che la superficie diveniva dura e di colore bruno: in Barbagia, fino agli anni '50, il pane d'orzo (detto orgiathu, orjàttu, pàne de òrju, pistoccu, ghimisone, kivargiu) era consumato assieme a polenta e zuppe di orzo. Oggi si vendono tre tipi d'orzo: perlato (raffinato, cioè il rivestimento esterno è parzialmente rimosso, così non necessita ammollo); decorticato (richiede periodo di ammollo e lunga cottura, ha più fibre, sali, vitamine e meno calorie); integrale (più scuro e nutriente). Orzo è ricco di carboidrati, proteine, grassi, fibre, vitamine gruppo B, minerali proprietà curative: molto facile da digerire e assai energetico, in passato veniva usato in tutti gli ospedali e conosciuto come minestra dei convalescenti, degli anemici e dei vecchi, per l’azione terapeutica (rinfrescante) che svolge nell'intestino e nelle vie urinarie, ha un azione galattogena ed è depurativo e drenante. Dall'orzo torrefatto e macinto si ricava il caffè d'orzo, privo di caffeina; dall'orzo germogliato si ricava il malto, dal quale fermentato si ottiene la birra, e distillato il whisky e la vodka; l'orzo bianco abbrustolito, macinato e infuso, veniva aggiunto al latte per renderlo digeribile ai bimbi. Orzo facilita concentrazione ed attività cerebrale (contiene magnesio, fosforo, potassio, vitamina PP, E, calcio e ferro), rimineralizza le ossa, previene affezioni polmonari e cardiovascolari, è nutriente e tonico molto indicato in caso di gastriti, coliti e cistiti; tostato e fatto a caffè, è utile ai malati di cuore e ai sofferenti di acidi urici; il decotto (20gr in litro d'acqua) rinfresca e depura il sangue. Orzo ha spiccate proprietà antinfiammatorie ed emollienti, agevolando il sistema immunitario, digerente ed urinario: famose sono le caramelle d'orzo contro il mal di gola, antinfiammatorie e blando lassative;i principi attivi presenti sono: ordenina (alcaloide), ordeina, maltosio, destrina. L'ordenina, contenuta sopratutto nei semi germinati (malto d'orzo), è antisettica dell'intestino, stimola la circolazione periferica e ha un effetto bronchiolitico (grazie alla vasocostrizione). Per uso esterno il decotto è usato per gargarismi, per sfiammare la gola, oppure per impacchi sugli occhi arrossati e lacrimosi. La coltivazione dell'orzo, per la produzione di Birra, al Sud rimpiazza le coltivazioni del grano-duro, per via di un pedoclima ideale alla sua crescita, e per l'attuale consumo di birra in Italia, che ha superato quello del vino: il malto (amido idrolizzato) è dato dai semi che dopo germinazione vengono disseccati con aria calda e poi privati delle plantule (15 kg di malto servono 100 litri di birra), ha virtù ipoglicemizzanti ed è cibo molto assimilabile, utile agli ammalati e ai bimbi in svezzamento. Dal decotto acquoso di malto, dopo la fermentazione con Saccaromyces cerevisae, si ottiene la birra.. la preparazione del Ghimisone ha molte somiglianze con le prime fasi della preparazione della birra Egizia, ancora praticata in Etiopia ed Eritrea e localmente chiamata Telh e Suwa: in Eritrea resiste il pane Ambascià, preparato con malto ricavato dalla Suwa, mentre nel ghimisone di oggi l'uso dei semi pre-germinati si è perso, tuttavia il suo gusto dolce rivela la presenza di idrolisi con produzione di zuccheri semplici e fermentazione. L'orzo è usato, con mais e altri cereali, per la preparazione di mangimi di animali domestici e sfarinato, fioccato o decorticato: 1 kg di granella d'orzo è assunto come Unità Foraggera standard. Pamela narra la storia dei suoi progenitori slavi, Otzi e Delia: ricordo che camminavano a piedi nudi, per quanto possibile tutti i nostri comuni antenati erano connessi a terra, nudi ma ricoperti di pelo, adatti a catturare onde elettriche dalla atmosfera e portarle a terra.. viaggiavano per la Terra, creando villaggi, così mio nonno diceva degli SLAVI: da qualche parte del mondo, esiste una Quercia primordiale che dà i semi di tutte le piante esistenti.. un tempo crebbe forte e divenne alta da raggiungere il Cielo-Perun, dove erano custoditi l'Acqua, il Fuoco e la Terra e tutti le sementi. Ibn Ruste, geografo islamico, parlava degli as-Saqalibat (Slavi) in riferimento al commercio degli schiavi.. la terra degli Slavi è piana e piena di foreste, loro vivono là; le piante seminate dagli Slavi fin sotto il Circolo Polare Artico sono: Miglio (Proso in russo), Avena (oats), Secale (rye), Linum usitatissimum (flax) e canapa (Cannabis, hemp).. al tempo del raccolto alzano al cielo il cesto di miglio e pregano: 'Perun, Tu che ci hai dato ogni cibo, accresci i nostri raccolti. Oltre al Miglio, che ha bisogno di clima continentale secco e suolo asciutto, vengono coltivate piante da fibra (fiber crops) come Lino e Canapa, specie presso i fiumi. In zone più a sud, zucche, bietole e fagioli venivano piantate in mezzo al granturco, il seme di Zucca si vendeva come bruscolini e il resto si dava ai maiali; il Granturco giallo nano ottantino si usava per la polenta, così il sessantino (bimestre) a semi bianchi, rossicci, neri o ibridi screziati; il Moco (pianta pesante per gli umani) era data ai palombi, oppure, se messo a bagno con farina di mais, ciò che veniva a galla era dato agli agnelli. Bietole, Barbabietole, Rape e tanti tipi di Patate sono utili d'inverno per umani ed animali; i Pomodori, usati per conserve, Zafferano, Agli, Anice, Camomilla e altre erbe medicinali spontanee profumavano casa. Oggi diversi oli vengono estratti industrialmente da germi di cereali (mais, frumenti e riso), girasole (ibridi col perenne Topinambur), lino, cotone (dai semi), cartamo, sesamo, colza, ravizzone, senape, ricino, tabacco (dai semi): in Australia una selezione di lino da olio, ottenuta per mutagenesi, manca di acido linolenico, quindi produce un olio alimentare che si tenta di trasferire nel Linum perenne europeo, per ottenere varietà di lino perenni che producano olio commestibile. Sia presso Slavi, sia presso i nativi italici, i Cereali Minori (non panificabili) venivano consumati sotto forma di pappe, polente o minestre, specie nelle annate di carestia o in attesa del nuovo raccolto; quando il Mais sostituì pani, focacce (d'orzo, ghiande, segale, frumento), polente di cereali Minori e farinate a base di ceci e fave, in Europa comparve la pellagra, malattia provocata dalla carenza di vitamina PP, attestata la prima volta nel settecento, nelle Asturie (Spagna), sud Francia, nord Italia, Balcani e in tutti i luoghi dove il mais, per interesse dei latifondisti (che ignorarono il metodo di cottura nixtamal), soppiantò Miglio, Panico ed Sorgo, in quanto più produttivo: da 1 seme di mais se ne ottenevano 70, mentre da uno di segale 7 e meno dal frumento. Bertaldo, medico torinese del seicento, afferma: in Piemonte fanno la polenta col latte nutriente, la più celebre è la polenta di panico e latte, tipica di Pavone presso Ivrea. Panizza o panissa (piatto di riso e fagioli) deriva dal Panico (Panicum italicum, Panic-grass), cereale che forniva la materia prima; analoga sorte fu riservata al MIGLIO, millet (Panicum miliaceum), assai diffuso in passato, come testimoniano numerosi cognomi e toponimi. Miglio e Panico hanno infiorescenza a pannocchia, grande, lunga, pendente da una parte; han ciclo colturale di 3-4 mesi e notevole capacità di accestimento; resistono a siccità ed elevate temperature, ma son sensibili al freddo e ai ristagni idrici così sono usati come colture intercalari in terreni leggeri e sabbiosi. La maturazione delle pannocchie è scalare e la sua granella è usata per cibo, foraggio e bevande fermentate. Miglio in commercio si trova sia in forma integrali che decorticata, usato molto nella cucina macrobiotica, è privo di glutine, quindi adatto ai celiaci, di facile digestione, ricco di amido, minerali (ferro, magnesio, fosforo, silicio), vit.gruppo A e B, lecitina (controlla i livelli di colesterolo nel sangue). In cucina si prepara velocemente, non ha bisogno di ammollo (prima della cottura è bene sciacquarlo), a meno che si vuol consumarlo crudo in insalate; si può lessare, farne crocchette, polpette, sfornati, pìoppure farne il latte vegetale. La varietà di miglio più piccola, bianca o nera, è detta Fonio, ed è uno dei cereali primari di Sudan ed Etiopia, dove è cucinato dalle donne nelle occasioni speciali (matrimoni, battesimi, etc). Per virtù nutritive si avvicina al riso, ha magnesio, calcio, zinco, più carboidrati di altri cereali e meno proteine e lipidi. Il fonio è uno dei cereali più antichi che si conoscono, essendo di dimenzioni molto piccole, passa per un lavoro lungo e laborioso, ma è leggero e molto digeribile, usato nella dieta dei neonati: è privo di glutine ma ricco di fibre, così i suoi chicchi si usano a fare porridge, cuscus, pane e birra. Ogni clan o tribù slava, aveva la sua kumiry (кумиры, casa degli dèi, totem) per adorare e custodire questi semi di vita; per onorare il dio che abita nelle piante, il taglialegna incaricato doveva sempre toccare lo spirito del legno, prima di danneggiare il legno con le sue assi: Ciur menja! (Чур меня) veniva lanciata l'invocazione così che, il proprietario della foresta, il Lescii, sapesse che il CIUR aveva autorizzato il taglio. Per tutti i popoli slavi, goti, turcomanni, mongoli e greco-romani, le foreste erano abitate da ninfe e satiri; alcune ninfe erano immortali mentre altre vivevano molto a lungo. Eleganti, vestite con lunghi abiti, oppure nude, le ninfe spesso gioivano di danze improvvisate e giochi, opurre tessevano storie di amori tra gli dèi, satiri ed umani. Adorate molto dalla popolazione, ricevevano offerte in privato, nelle edicole di casa o nei boschi, nei cerchi di pietre: latte, miele, olio, ghirlande di fiori, semi) per la loro intercessione nelle colture. Le ninfe avevano il potere di predire il futuro, ispirare, curare, ed offrire protezione alle donne partorienti. Quando i boschi venivano dedicati agli dèi, la loro adorazione continuava in segreto. Il tempio degli dei Slavi è posto tra gli alberi, e la mediazione del volhv (pagè), per tentare di risolvere i problemi della vita umana, era necessaria.. il Creatore deve mantenere l'uomo efficiente se vuol essere nutrito a dovere, così, la sua femminile provvidenza ha creato gli animali, i batteri i funghi, le piante, che, assieme all'uomo, permettono un ecosistema permanente e sostenibile. Gli dei devono vivere e gli umani devoti li tengono in vita (kormit кормить in russo significa nutrire gli dèi), nutrendo gli dèi, in tempi di malsanità, crisi sociali o debolezza, si potevano riconoscere piante o animali che avrebbero potuto aiutare gli umani a riguadagnare la piena salute; certo era necessaria l'esperienza accumulata dagli antenati e trasmessa ai discendenti; bisognava chiedere alle persone che sapevano (non solo il volhv), ed essi avrebbero aiutato lui o lei a trovare nella foresta la giusta pianta o animale necessario alla guarigione, ma vi erano regole da seguire: la foresta è viva e nessuno ha il diritto di uccidere i suoi abitanti a volontà, può farlo solo colui che è autorizzato. Il Lescii (Ruescii in Thailandia), se implorato nel modo corretto, sarà disposto a sacrificare le sue piante e i suoi animali, perché sa che un giorno anche l’uomo gli potrebbe essere sacrificato nel caso ce ne fosse bisogno. Ne consegue che è inutile affannarsi a cercare piante e animali a caso e senza ispirazione perché, se così facessimo, attireremmo l’attenzione delle forze maligne (quinghins) che stanno ad osservarci e che, alla minima nostra esitazione, sono pronte a ridurci a loro ostaggi (zalòzhniki/заложники). Dunque è richiesta pazienza, chiedere quanto ci serve col rito giusto e la pianta o l’animale comparirà davanti a noi senza fare un gesto, oppure, un людник ljudnik, gnomo, elfo, ci accompagnerà o si farà vedere in sogno indicandoci dove trovare quanto cerchiamo. Evitare l’ingordigia poi è molto importante, perché non è ammesso accumulare riserve e occorre sempre lasciare alla foresta quella parte di ciò che si usa, come offerta sacra, scusandosi se è troppo poco o se abbiamo preso troppo. Gli slavi, come i camuni, i saami, e altre etnie del mondo, celebrano tutti i rituali necessari per contattare queste creature della selva, visibili e invisibili, senza offenderle; per loro gli Alberi (arbo 林 ต้นไม้) sono creature con poteri supernaturali, governano i cicli del mondo; se c'è un evento che vogliono contrastare o evitare, si appellano a loro, con la loro assistenza implorano la pioggia, germinazione, o altri eventi del bene comune; a una malattia fisica, mentale o economica, si trova rimedio, semplicemente vagando nella selva (wilderness). Oltre al cibo, la foresta forniva tanti altri rimedi che, domandati e ricevuti, agivano da validi conforti; tuttavia serviva il consenso del suo spirito guardiano e la raccolta stessa era un rito in sè, da fare nel tempo e nella maniera prescritta, in quanto, le piante sono i capelli della Madre Terra. La foresta è fonte di materiali crudi per la manifattura di molte cose, ma cessa tale ruolo quando essa viene distrutta per ottenere terra per le giganti colture industriali. Foreste di Mangrovie coprono le coste di più di 100 nazioni del pianeta, esse hanno a lungo protetto le comunità locali da inondazioni, tempeste, uragani, tifoni, etc., fornendo al contempo legname, e riparo (nurseries) e cibo ai pesci. Il declino delle foreste spinge noi tutti ai limiti estremi dello stress ambientale. Le Foreste mantengono in salute i gruppi umani locali in tanti modi, frutti e verdura fonte di vitamine e micronutrienti, cure d'acqua incontaminata, argille, alghe, saune e sorgenti termali, medicina di funghi e piante selvatiche: i rimedi più efficaci contro la malaria, oggi, sono fatti con artemisinin, estratto di Artemisia dolce cinese (chinese sweet wormwood), una pianta usata da sempre in Cina per trattare sbalzi di febbre. I contadini slavi d'Eurasia usavano attrezzi di legno, non usavano concime organico, così, la pratica del slash & burn (swidden agricoltura), era la sola speranza di trovare terra vergine adatta alla coltivazione per più anni, permettendo loro di sopravvivere solo migrando a nord e a ovest, e portandosi dietro i semi delle piante in un olla di argilla (protiven) ben chiusa, a preservare la vitalità della semente. In seguito, l'aumento di popolazione e il costituirsi di regni e imperi sempre più grandi e sedentari, sotto la propaganda di un clero volto a fornire soldati e braccia all'impero in espansione, portò a una crescente deforestazione in gran parte dell'Europa ed Eurasia, mentre, il sedimentarsi della religione d'elite al servizio del regnante, portò a far prevalere i concetti di ragione, profitto e progresso. Altrove la gente continuava a lavorare la terra gran parte del giorno e poi, quando le piante erano prossime alla maturità, l'intero villaggio veniva preparato per celebrare la grande festa pubblica del raccolto, specie in annata andata bene. Templi e santuari lungo i fiumi di tutte le Rus' erano progettati in forma circolare: un luogo centrale per i kumiry, e otto fuochi vivi attorno alla circonferenza esterna. Il santuario aveva forma di un grande Fiore Iris, fiore di Perkunas (Perunika in russo). Nella foresta regna Perkunas (Perun-Quirinus), dio-spirito della Oak-Quercia, che domina il Cielo in quanto maestro del tuono e dei lampi, del fuoco e del suo potere purificante. Pamela cita Aldo C. Marturano, storico esperto di Russie: 'la foresta è una miniera di materie prime, ma nel Medioevo il suo sfruttamento non era così intenso e distruttivo come è oggi nelle foreste del mondo (vedi Borneo, Brasile, Congo). La città di Novgorod venne fondata dopo un accordo tra i tre gruppi etnici locali: Slavi, Finni e Baltici; questi, separando i rispettivi luoghi di culto presenti nelle foreste, conservarono parte della foresta europea, sebbene moltissima scomparve per ricavarne terreno da coltivare e aumentare i latifondi. L’idea che si andava affermando in quegli anni di fervore missionario, era quella di distruggere la selva per eliminare i templi dei pagani e i loro fedeli; inoltre, aumentando l’estensione del terreno da coltivare si offriva la possibilità, a sempre più numerose famiglie, di vivere una vita cristiana lavorando e guadagnandosi il paradiso col sudore della fronte, secondo l’indicazione delle loro scritture e, soprattutto, legando la gente al latifondo signorile dove le persone lavoravano. Roland Bechmann scrive: Distruggere la foresta fu per la Chiesa greco-romana una soluzione per eliminare i rifugi di spiriti concorrenti, nido di superstizioni e pratiche di stregoneria. Allo stesso tempo si allargava lo spazio coltivabile per i problemi di coloni in aumento. Nonostante la sistematica distruzione, rimase qualche lembo di bosco per la caccia dei cavalieri nobili e la raccolta di prodotti della selva, necessari alla vita delle corti. In Europa la deforestazione, fu dunque consacrata come un atto santo cristiano e, dopo ogni grande carestia, la si spinse più a fondo perché, si fece notare, queste calamità erano dovute ai peccati dei non-cristiani, che non avevano molto da fare a causa della mancanza di terreno da coltivare; così la distruzione della foresta venne intesa come un obbligo morale di ogni signore cristiano, di ogni re timoroso di Dio. Nell'Europa nord e nordorientale, dove il Cristianesimo si era affermato più tardi, il piano di intenso disboscamento non fu attuato e, specie nel Bassopiano Sarmatico dall’Elba agli Urali, la fitta foresta vergine rimase momentaneamente intatta. Anche nelle altre Rus' eurasiatiche l'usanza sopravvisse: in Etruria i Rasna (gli Etruschi chiamano se stessi rasnìa, rasenna) preservarono i loro boschi sacri, sede di importanti Santuari (ereditati in seguito dai cristiani bizantini), e i Volhv, detti Lucumoni (da Luci, lucus, bosco) erano i loro sacerdoti-custodi. Così fecero i Lucani, i Piceni, i Vendi, i Sardi, ecc. Quando la domanda di prodotti silvicoli andò aumentando, la foresta nordica europea diventò l’unica risorsa dove trovare le materie prime. Così la protezione e lo sfruttamento dell’ambiente si trasformò in un interesse primario per la Rus’ di Kiev dove dominavano i Rjurikidi, già con l’atto di santa Olga di Kiev, costei riservò a suo uso personale alcune zone forestate del nord, ovvero, a disposizione di tutti gli Smierd (contadini Slavi) che vivevano intorno, con poche limitazioni giuridiche, purché lo smierd continuasse a raccogliere solo ciò che serviva alla propria vita, e ciò che serviva per produrre prodotti semifiniti da passare come tributo all'élite al potere. Inoltre, in caso di cataclismi, alla foresta fu affidato l'ulteriore compito di rappresentare la farmacia dove cercare la soluzione a qualsiasi tipo di problema sanitario. Secondo la religiosità slava, ci sono regole da rispettare: la foresta è viva e nessuno ha il diritto di uccidere i suoi abitanti a proprio piacere.. gli Slavi, dapprima cacciatori e raccoglitori, ebbero poi le loro fattorie sedentarie, circondate da larghe foreste post-glaciali, le quali coprivano tutta l'Europa fino a pochi secoli fa: la loro dieta era di frutti e altri cibi che si potevano cogliere in sicurezza nella selva. Quando gli slavi russi alzavano i loro villaggi (Mir) nella foresta, nei templi era sempre presente un Fuoco eterno, come il Nonno Fuoco degli huicholes; è il primo compito del prete (Volhv in russo). Così, il Ringraziamento, la più importante cerimonia del mondo slavo, aveva luogo in questi templi nel Solstizio d'Inverno, al fine di propiziare la rinascita del mondo. I contadini Slavi osservano i fenomeni atmosferici, notano quando la luce solare aumenta dopo l'Equinozio di Primavera, e culmina in durata e forza al Solstizio d'Estate (notti bianche al nord), poi decresce fino al Solstizio d'Inverno. A questo punto, vi era il timore che il sole potesse non tornare a brillare nel firmamento e, alle latitudini delle notti polari dei Lapponi e Finni, verso fine Dicembre, il cielo è chiaro, ma se accadeva l'opposto, con strane nubi e buio, tale da nascondere la poca luce solare, sarebbe stato un presagio poco buono.. Perun, il dio del tuono e tempeste, dalla sua residenza nelle mountagne (Carpazi, Urali, Caucaso), annuncia le prime piogge come vittoria sul buio, quindi il Ringraziamento viene posticipato all'equinozio di primavera, giorno della dea Zhiva. La Zita o Zhena жена è la donna della casa che bada all'orto, alla corte degli animali, cresce i figli e rilassa il marito, mentre la Znaharka, è la donna che sà, conosce i poteri utili delle piante e della natura, spesso è una saggia anziana che ha passato la menopausa: se eredita i misteri dei progenitori è rozhdjònnaja рожденная, se invece li apprende è ucjònaja ученая. La znaharka della Mir è curandera di corpo, mente e spirito, media tra le forze della natura e il malessere umano. Quando i Rjurikidi di Kiev e la chiesa imperiale bizantina provarono a imporre la nuova religione e scienza di Constantinopoli, screditarono le sagge e i loro poteri di cura, così da vincere la concorrenza e prevenire la loro crescita di numero.. eliminarle fisicamente avrebbe causato rivolte; la nuova elite clero-intellettuale non seppe offrire valide alternative al loro operato nella Mir, così provò a convincerle a entrare nei conventi da loro gestiti. Così, l'avvento della cristianità cambiò l'economia domestica e crebbe il numero delle vedove abbandonate e isolate nelle loro izbà nella steppa, costrette, come i loro collegi maschi (Volhvy), a evitare ogni contatto: accusate, processate e perfino uccise, nella nuova società vivevano solitarie, poco amichevoli, provando a spaventare le persone per proteggere se stesse.. allora nacque il mito che alcune di queste bàbusc'ki (nonne), potevano incantare e sedurre i viaggiatori per avere incontri erotici e altri affetti, oppure che esse erano circondate da molti aiutanti animali (rane, rospi, gatti), inviati a notte nei dintorni a rubare legna Kupala o leccare il latte che, poi, avrebbero rigurgitato alle loro padrone bisognose di cibo; tuttavia, durante le feste, queste sagge donne ancor vengono chiamate a narrare le storie degli antenati.. Durante le prime migrazioni, il Ciur della Mir (capo ciurma), assaggia l'acqua del fiume per vedere se è troppo salata da bere o è buona, solo allora lascerà gli animali liberi di bere, e le donne e i bimbi di fare il bagno e lavare i vestiti. Se essi trovano una sorgente a livello del suolo, provano a convogliare acqua fresca nei campi e costruire canali rialzati con legni tagliati a metà e poi interrati. A volte scavano un pozzo vicino ai campi coltivati, per avere acqua, usando un secchio di legno che pende da un lungo bastone, sopra la bocca del pozzo e, all'atra estremità del palo, pongono un contrappeso. Il pozzo è sempre protetto da una capanna costruita attorno, con una porta e più segni magici dipinti a vista, al fine di prevenire chiunque, umani o spiriti, di avvelenare l'acqua. Il Ciur ispeziona anche gli alberi da uccidere (abbattere) ma, le vecchie querce sono sacre e vanno rispettate in tutta Eurasia. Il Ciur manda le donne a incidere profondamente la corteccia attorno al tronco, si attende un intero anno fino a che l'albero secca, poi, abili uomini tagliano gli alberi lungo le linee marcate e useranno il legno per le costruzioni. Il resto dei rami sarà lasciato ancora ad asciugare, poi verrà anch'esso usato in vari modi. Quando è il momento del sacrificio agli dèi, che hanno accompagnato il gruppo e mediato con i genius loci, uccidono dei galli in ringraziamento, e spargono quel sangue tutto attorno al villaggio. Quando viene alzata la prima IZBA (capanna, hut), uccidono un altro gallo, come fanno gli Akha, verrà sepolto sotto al pavimento come buon auspicio; le case sono state costruite con la foresta intorno, lontano dal fiume e, in poche settimane, emergerà la Mir (in russo significa comunità di villaggio, pace). Izba di legno, costruite lato per lato secondo antiche regole, sono presenti ancor oggi nelle campagne russe: l'entrata è a sud e l'interno è diviso in due aree: una calda e l'atra fredda, con un vestibolo in mezzo. Dove il clima è secco (mild), le izba sono talvolta poste per metà sottoterra (zemljanki); attorno ad esse vi è un alto recinto con pali appuntiti in cima, per scoraggiare eventuali intrusioni o impreviste inondazioni. Marturano scrive: il Pane per gli Slavi è la prima vita, così, il fallimento di un raccolto, causa lo spostamento dei contadini (gli Smierd Russi discendono da nomadi sedentarizzati), cosa che gli Tsar non volevano. Tutti gli accampamenti di Slavi erano più o meno fissi poichè, ogni 6 o 7 anni venivano abbandonati, e la terra strappata per le colture veniva venduta, così andavano in cerca di nuova terra per fondare una nuova Mir. Molti parenti anziani rimanevano indietro, troppo difficile era il viaggio, così vennero perse molte memorie.. La via migratoria seguita a inizio primavera (prima Verum), era ogni volta il percorso di uno o più fiumi, barche arrangiate e riempite di tutti gli averi, donne e bambini, e si snodava tra dense foreste, ghiacci e permafrost.. Il Ciur della carovana è un uomo anziano, simbolo vivente degli antenati, agisce come guida anche se non conosce la strada, decide la direzione da prendere, ispirato dai segni che gli spiriti benevolenti lasciano (una cornacchia, cinghiale, storno, etc) e che solo lui vede e interpreta. Il Ciur dà il segnale di stop quando vede una colonna di fumo a distanza, potrebbe essere il segno della presenza di villaggi di persone che abitano il luogo attraversato. I locali, nascosti tra gli alberi, osservano il gruppo di migranti slavi (nuta) provando a capire le loro intenzioni. Il Ciur è in allerta, pronto al dialogo e a ogni accordo: offrire doni o proporre un matrimonio con una delle sue molte figlie. I nuovi venuti sono invitati dai locali a proseguire o fermarsi senza troppe ostilità e nuove famiglie miste risolvono tutti i disaccordi da entrambe le parti. Poi, ha luogo il taglio di un pezzo della foresta (poljana), ci si può accampare per ora, esplorare i dintorni e decidere se il posto è buono. Si dispongono le barche a cerchio, in asciutta, lontano dalla riva; poi si tiene un consiglio (Duma) per discutere il da farsi. Il Ciur, sempre attento a non prendere decisioni da solo, ascolta la discussione della comunità, solo così la pace può regnare nella Mir. Ai giovani vien detto di non allontanarsi troppo nella foresta, così da non perdersi, vien loro raccommandato di marcare il percorso così che quei segni saranno usati in futuro come segni delle nuove piste: 'Cercate l'ortica presso i grandi alberi e attenti alle Querce, se ne vedete una rispettatela, non colpitela! L'erba Ortica è molto utile e, la sua presenza qui, rivela che attorno possono esservi molte altre piante utili e conosciute. Se trovate miele per favore segnate il posto e il sentiero per arrivarci (simboli magici), così che chiunque altro possa andare e coglierlo; il miele è preziosa merce vendibile al mercato con buon profitto, ed è essenziale, una volta fermentato, per fare il mjod (mead). 'Guardatevi attorno e vedete che specie di selvaggina gira fra gli alberi, se esistono tracce ed orme a terra, per favore prendetene nota. Se incontrate qualcuno, siate pacifici e invitatelo a mangiare con noi, senza derisione e senza spirito bellicoso; il Ciur sà come parlare.. ad essi verrà offerto lo Zito, un pane russo (zhito in Belarus) fatto con uno o più tipi di grano locale: poche manciate di spelta, segale, orzo o frumento (il miglio, seppur cibo benefico, non è adatto alla panificazione) pestate in mortaio di legno e mischiato ad acqua leggermente salata; le glume vengono via e salgono alla superfice dell'acqua (volendo si possono separare dalla polpa detta kut'jà, o pestare con forza); poi piccole palle di impasto, modellate con le palme delle mani e aggiunte con erbe o frutta secca, vengono avvolte in foglie di quercia e poste a cuocere nella pec'ka per 20 minuti, fin a doratura della crosta del pane. Alcune di esse vengono offerte anche al Domovoi, (Pan, Tamaz) lo spirito della casa e della pecka a cui si chiede ringraziamento. Se l'incontro di lingue fallisce, non importa, bisogna evitare discussioni poichè la vita dei giovani ha più valore per lavorare nei campi, quindi non va spesa in lotte di sangue. Se le premesse sono molto ostili, allora per necessità, la nuova Mir cambiarrà la zona. Come prima cosa da fare quando si divide la nuova terra, il Ciur sceglierà il luogo con una cerimonia di consacrazione: marcherà i confini e porrà agli angoli delle sacre pietre. Poi dividerà il campo in strisce parallele (64 strips), assegnate a ogni famiglia senza una rigida divisione circa il tipo di coltivo da fare. Dopo pochi anni la terra sarà esausta, così sarà permesso il maggese, ovvero la crescita spontanea delle erbe sul campo abbandonato al fine di permettere una naturale riforestazione per più anni; un nuovo pezzo di terra sarà usato (a rotazione), accanto al terreno messo a riposo. Quando non esiste più spazio conveniente presso il villaggio, si indice una Duma e si decide una nuova migrazione verso nuove terre fertili. La striscia di terra (spiazzo), liberata dalle malerbe (weeds), può essere lavorata e preparata per la prima semina; la stagione non è lunga e non possiamo aspettare. Nei prossimi mesi, poco a poco, faranno un falò con i tronchi essiccati (slush & burn) dal taglio degli alberi e vegetazion attorno. Le ceneri saranno mischiate al suolo e all'acqua (potassium fertile), l'anno successivo si farà la semina e l'innaffio, se possibile, poi si attenderà il raccolto. Si usa lo stesso strip di terra per un anno o due, poi si lascia rigenerare (par), mentre si semina un altro strip di terra vicino o ancora intatto, messo a riposo anni prima. Per quando inizia la dura stagione invernale, sarà serbato cibo nella stanza più fredda della Izbà, mentre attorno al camino-stufa (pec'ka) si riuniranno assieme persone e animali. Dopo il raccolto, gli Slavi cucinano e mangiano i semi (Krupa) in forma di porridge (Kascia) o pane (zhito): Kascia con erbe e altri ingredienti, diventa edibile. I contadini russi (smierd) sanno che, a causa dei diversi cereali usati, il pane è diverso in ogni Mir dove è fatto, sebbene è preparato con lo stesso amore ed è sempre buono! La crosta dorata preserva il pane per più giorni. I chicchi di grano/orzo appena tostati sulla piastra della pec'ka, permettono alla crusca di rompersi, così si può rimuovere più facilmente lasciando i chicchi nudi che, lasciati in ammollo in acqua tiepida per una notte, son poi mischiati a lievito e modellati in forme tonde; un altro metodo per rompere la pula/crusca (husk), è quello di lasciar germinare i grani appena umidi come si fà con la soia. Tra gli Slavi, la cottura rituale dei cibi richiede che il fuoco sia tenuto puro da insane influenze mentre brucia nel camino (pec'ka), esso e sorvegliato dalle donne. La pec'ka è il tempio femminile, la Cucina; Svarog è il dio del Fuoco e Svarozhic (calore, heat) è suo figlio. La donna con le sue arti sensuali s'innamora dell'uomo e prova ad attirare Svarozhic; lei lo chiama Grandpa piccolo fuoco (il nonno fuoco Tatevarì degli Huicholes messicani). La notte lei lo mette a dormire nella pec'ka, coprendolo con cenere, così che nessuno lo disturbi, poi lo riattizza al mattino con nuova legna di alberi graditi a Svarozhic. La donna subisce le azioni purificatorie del fuoco, ovvero, diviene capace di mutare ogni cosa indigeribile in cibo edible e bevande bevibili. Prima di mangiare, attraverso la benedizione del cibo, ci si guarda da eventuali forze ostili segretamente mixate al cibo, poi si può mangiare. Finito il pranzo, quelli che hanno finito ringraziano le forze benevolenti che hanno preservato e protetto da ogni danno intenzionale o inconscio, che la cottura può aver prodotto. La malattia peggiore per gli smierd è la fame; mangiare è la prima necessità e la Cucina è la prima azienda di cose edibili. La donna, cucinando (Demeter-Ceres), può completare l'uomo selvaggio in un mutuo scambio di benefici, mentre il fuoco, è lo sponsor di una comunità di villaggio che accresce e trasforma i raccolti. Il FUOCO 篝火, 节日 (fire, fajro, festenoj) viene dalla terra, dai Vulcani erutta fiamme al cielo ma poi torna al grembo della madre terra come lampo e stelle cadenti. La donna è come la Madre umida Terra che ha fuoco nel suo utero; il fuoco distrugge, purifica e muta ogni cosa in vapore che sale alla casa degli dèi. Così anche il fumo e gli odori culinari, sono cibo per gli dèi. Il fuoco è anche medicina, se le condizioni di un malato sono gravi, il primo tentativo è quello di purificarlo col fuoco, secondo le istruzioni del Volhv. Se il fuoco non ha effetto, il Volhv prova altri rimedi, alfine lascia il malato al suo fato. Il tempo ciclico russo è detto Vremya-время (fato che ritorna, vartaman sanscrita, voltumna etrusca, Dianae latina), e si basa sui cicli della luna (28/29 gg nelle 12 o 13 lune del calendario lunare). Le erbe del genere Chenopodium (piede d'oca), derivano il nome dalla forma della foglia che, se biancastra, è detta album e rappresenta il Farinello dei mercati di verdure. Il Farinello Capitato (Chenopodium capitatum) è una varietà con frutti rossi simili alle fragoline di bosco.. le foglie si consumano come gli spinaci mentre i frutti hanno un gusto fresco. Farinello Capitato è seminato da Marzo a Luglio per coglierne le bacche, mentre si semina fino a Settembre per cogliere solo le foglie: Emilia mischia le sementi dei Farinelli con sabbia sottile e semina a 1-2 cm di profondità in terreno umido e drenato, anche in vaso. Il nome Chenopodio (Chenopodium bonus-henricus) indica invece il Buon-Enrico/spinacio selvatico, erba-sana, colubrina ed orape; è una chenopodia perenne le cui foglie possono venir raccolte in inverno, usate fresche e crude nelle insalate, o come ingrediente nella cottura di zuppe, minestre, risotti e frittelle. Linneo chiamò buon-Enrico questa pianta, sia per onorare il re di Navarra che proteggeva i botanici, sia perchè le piante che amavano la vicinanza degli umani venivano chiamate col nome di Enrico: il buon Enrico è alto 20-60 cm, si trova spesso vicino le case, lungo i muri, le malghe e i casolari di montanga, più raro in pianura. In cucina sostituisce gli spinaci (chenopodiacee), anch'esso ricco di ferro (cura per l'anemia) e acido ossalico, dunque, segue la stessa precauzione di cottura dello spinacio e altre ossalidace: dopo lessatura eliminare l'acqua di cottura e condire a piacere. Efficace emolliente e lassativo, è sconsigliato ai gottosi e alle persone che soffrono ai reni, mentre, per uso esterno, si possono fare cataplasmi di foglie fresche sugli ascessi, per accelerarne la maturazione. Il Chenopodio bianco, detto FARINELLO (Chenopodium album) ha le stesse virtù del buon Enrico e può sostituirlo: ha foglie dentate più lunghe, e infiorescenze che sembrano cosparse di zucchero glassato. Parente anch'esso di spinaci, quinoa, paico e amaranto, è più diffuso in Italia (cosmopolita) e resiste ai parassiti. Farinello o Farinaccio è annuale alta fin 120 cm, fusto verde eretto, ramificato, striato e farinoso in alto, ha foglie alterne, molto picciolate, lanceolate, con peli cerosi nella pagina inferiore: se sfregati ricordano la farina; fiorisce da giugno a settembre. Come l'Amaranto, produce migliaia di semi aventi stesse necessità di freddo per germinare; raccogli e conserva come quello; si potranno far germogliare i semi come la soya. Dalla macina dei semi si ottiene farina per fare il pane, ma solo dopo un periodo di ammollo o bollitura per eliminare i tannini della buccia: i semi sono ricchi di proteine, vitamina A, calcio, fosforo, potassio, ascaridolo, cimene, canfora, limonene, terpeni. Come le altre chenopodie, è pianta nitrofila e infestante di colture estive, dunque attenzione ai suoli concimati, accumula i nitrati nelle foglie. Le saponine e l'acido ossalico (più alto nelle varietà di Tunisia) si riduce di molto con la cottura in acqua, dunque moderare le quantità, specie se la pianta è di dubbio acquisto, o vien da campi concimati. Raccogli come amaranto e spinaci, quando le piante sono giovani e alte max 20 cm; in seguito si useranno solo le parti più tenere: foglie e germogli puoi essicare per uso invernale. In cucina usa foglie più tenere e giovani getti, lessate o cotte a vapore per pochi minuti, come amaranto e spinaci; puoi insaporire in padella con olio, aglio e peperoncino, o usare come ripieno di ravioli: il suo sapore delicato è ricercato nelle misticanze cotte e nell'Acquacotta di Maremma. Farinello è robusta, ha radice fittonante usata in molte zone d'Italia come alimento-medicina (pianta fitoalimurgica), con funzioni toniche e antianemiche. Le parti aeree fresche della pianta, hanno buon contenuto di ferro, vitamina B1, carotene e acido ascorbico; la medicina popolare usa le sue foglie a trattare punture d'insetti, dolori reumatici, colpi di sole, scottature e dolori dentali, in quanto sono ipotensive, antispasmodiche, antiflogistiche, antireumatiche. Coltivata da sempre nei giardini fitoalimurgici, in Europa e Messico fu sostituita dagli spinaci domestici (con brevetto e concimi da orto), ma resiste in Asia e Africa, dove è ancora coltivata come cibo per umani e animali, e in nord America, dove i semi maturi vengono macinati e mescolati a farine, pani e poltiglie per focacce. In Italia vi sono molte specie di AMARANTO (Amaranthus retroflexus, cruentus, hybridus, ecc, Chenopodiace) tutte edibili, originarie delle americhe, cosmopolite e spesso invadenti di colture estive, poichè, amate e coltivate nei giardini per il colore amaranto di spighe e foglie: gli amerindi considerano i chicchi delle spighe di amaranto antenati di tutti i cereali, digeribili come orzo e farro e ricche di ferro, come lo spinacio e le altre chenopodie. Il nome Amaranto deriva dal greco e significa durevole, tepali e brattee sono persistenti; la retroflexus è pianta annuale estiva, germina dalla primavera all’estate e fiorisce da giugno a ottobre; ha fusto eretto che può raggiungere 120 cm di altezza e vicino alla base può essere rossastra. I fiori, poco vistosi, sono riuniti in una densa spiga centrale e in numerose altre spighe laterali poco più corte, anche all'ascella delle foglie. Ogni pianta produce centinaia di migliaia di semi neri, piccoli e lucenti, si possono raccogliere nel primo autunno, a pianta quasi secca, e si conservano a temperatura ambiente: il seme maturo è ricco di proteine (15%) e vitamine E e B, motivo per cui la farina che se ne ricava va consumata in tempi brevi; i semi maturi, dopo cottura, si possono usare come il riso, l'orzo, etc, oppure, come sostituto dei semi di papavero. La semina va fatta su terreno lavorato a inizio marzo, in modo che i semi possano ricevere un breve periodo di freddo necessario alla germinazione. Come tutte le chenopodie, Amaranto accumula nitrati nelle foglie, specie se cresce in terreni molto concimati, tuttavia, la maggior parte di questi composti solubilizza nell'acqua di bollitura, scartata o impiegata come concime liquido. Emilia aggiunge poche foglioline al mix d'isalata, o le fa bollire per ripieni (ravioli e piadine) e minestre: come lo spinacio, dopo lessatura elimina l'acqua di cottura e condisce con sale, olio e limone. Il fusto può essere fatto come gli asparagi, quando è ancora tenero, cioè prima della comparsa della spiga. Per uso alimentare si può usare tutta la giovane pianta, a primavera, fino a 20 cm di altezza; in seguito, durante l'estate, si potranno cogliere apici e foglie più tenere, mentre a inizio autunno i semi; semi e foglie possono essere essiccati: in Abruzzo la varietà hybridus è coltivata negli orti e venduta nei mercati, ha fusto meno tenace ma è consumabile per più mesi; idem in Corsica e Nepal, tutte vendute in mazzetti di giovani piante. Amaranto ha vitamina A, C, calcio, ferro, e virtù astringenti. Pamela conclude narrando due storie: l'origine del Mais e della Pizza italiana. Tra i Pawnee, la leggenda dice che fu Madre Mais a dare i primi semi alle donne, e insegnò loro a coltivarli; così le donne Aymara del Perù che, pur avendo appreso da Sachamama a coltivare il mais nei loro chacra, e a macinarlo con pietre dopo averlo sbucciato e asciugato, mantennero l'uso di cercare e nutrirsi di chenopodie, specie in tempi di carestie e clima duro; anche oggi, con la granella immagazzinata, donne ucraine e kirghise preparano focacce, pane e paste; il surplus lo portano al mercato, luogo sociale in cui si interagisce con altre persone, clan e villaggi, scambiando cibi, utensili, servizi, stoffe, spezie, tecnologie, notizie e nuove idee. Secondo la leggenda della PIZZA Margherita, un cuoco di Napoli vide in sogno Tamaz Kallaumari (lo spirito di Pan presso i Caucasici) che gli canta una ricetta con soli tre ingredienti, originari di tre diversi luoghi: primo è Tomatl, un rosso e tatuato spirito della selva americana, fiero e indomito; seconda è la Mozzarella (formaggio fresco), una bianca e prosperosa ninfa lattea, figlia del lavoro dei pastori; terzo è una coppia di gemelli eurasiatici: Basilico e olio di Oliva, aromi dal giardino di Eden che enzimano ogni cibo e coscienza. La nuova ricetta va spalmata su una focaccia di farina, acqua, sale e lievito sudore. Pan ispira questa nuova ricetta al cuoco napoletano, quale dono di pace tra tutti i popoli umani di Thera (figli spesso litigiosi), al fine di portare loro sazietà, gioia e fratellanza, nel ricordo del comune filo che li lega agli animali, piante, funghi, fiumi, monti, stelle e ogni altro aspetto della biosfera in cui essi sono invitati a vivere e a recitare storie. 18.䷑ PAN d'ORZI SLAVI

19.䷒ PAN DELFINA, kikeone, demeter-ade-kore / 禸 rǒu (track-impronta, pista, rad.114)

Pamela parla del Pan di Segale, di epidemie di segale cornuta, di culti religiosi legati al consumo volontario o accidentale di farine o bevande infette, e infine narra storie e ricerche sul legame tra umani e delfini nel Mar Nero e Mediterraneo. Nei climi più freddi del nord, il frumento lascia il passo alla SEGALE (secale cereale, rye), cereale più tollerante ai climi asciutti e ventilati e, come l'avena, si adatta bene alle altitudini e ai climi freddi e rigidi, cioè con giorni brevi e brevi estati; le spighe della segale son più sottili, slanciate e inclinate (quando mature) del frumento, così ottimizzano il poco sole. Segale ha meno carboidrati di altri cereali ma più proteine, minerali, vitamine e amminoacidi; ne esistono di due tipi: Segale invernale seminata in luglio-agosto e colta a settembre dell'anno successivo, e Semola dormiente, seminata a ottobre prima del gelo. Con i suoi chicchi si possono fare zuppe e mineste e, se macinati, si ricava una bevanda come il caffè d'orzo, o alcolici come la vodka; in Italia è consumata sotto forma di fiocchi e come farina aggiunta alla farina di frumento, per produrre un pane più compatto e dal sapore acidulo e aromatico: con farina di secale si ottiene pane bruno e saporito che rafferma più lentamente. Segale e frumenti, troppo alti per esser trebbiati, venivano battuti con correggio (due bastoni legati con corda) sopra un lenzuolo per farne cadere i semi; la granella di segale è alimento per umani ed animali, la sua farina dà un pane bruno che, misto a farina di ghianda, è utile ai maialini; fasci di Segale pettinati e legati assieme si usano ancora per fare tetto e pareti del fienile, setacci per il grano e bugni villici per apicoltori. Molti funghi parassiti possono attaccare frumenti e segale, dalle radici alla spiga, in tempi diversi o al contempo. Parassiti considerati secondari in passato, oggi aumentano la loro pericolosità: il Mal del piede è causato da ringrano (cereale in monosuccessione); le Ruggini sono pustole di diverso colore (secondo il fungo responsabile) favorite da rigoglio da troppo azoto e clima caldo-umido; Oidio o mal bianco (Erisiphe graminis) su foglie, steli e spighe forma lanugine superficiale, prima bianca poi grigiastra disseminata di punti neri, cresce in colture molto fitte e rigogliose sotto un cielo coperto. Carie (tilletia spp), parassiti fungini che trasformano i chicchi del frumento in granelli ovoidali tozzi, grigio-bruni, pieni di una polvere scura con odore di pesce fradicio. La Segale, in particolari condizioni climatiche, può essere aggredita da un minuscolo fungo parassita detto Ergot o segale cornuta (Claviceps purpurea), più diffuso nella segale che sul frumento duro; esso si sviluppa nell'ovario dei fiori che, con la maturazione, mutano nello sclerozio del fungo, un corpo duro e nero-violaceo; tal sclerozio è ricco di ammidi, aminoacidi, ammine e alcaloidi più o meno tossici per gli umani, usati in ostetricia e farmacologia (ergina, metergina, ergonovina, acido lisergico), adrenalino-stimolanti degli organi interni molli, usate a favorire le contrazione uterine e come rimedio contro le emorragie da parto, trattamento di emicranie, prurito, ipertiroidismo, tachicardia estrema, eiaculazione precoce, atonia gastro-intestinale, mal di mare, di auto, montagna, ecc. Alicudi è la più piccola isola delle Eolie, la più lontana da Lipari e più vicina a Palermo; qui da sempre, c'è una predisposizione per tutto ciò che è fantastico, magico, onirico. Il vulcano spento d’Alicudi, abitato da pochissime persone, conserva la sua forma conica: è l'isola dell’arcipelago meno visitata dai turisti, e fino a qualche anno fa ci si muoveva solo con gli asini e non c'era corrente elettrica. La piccola comunità di Alicudi sopravvive con le scorte alimentari provenienti da Palermo e dalla vicina Filicudi, visto che l'unica risorsa alimentare presente sull'isola è la pesca, oltre a qualche pianta di opuntia, capperi e avicoli: fino agli anni Sessanta gli approvvigionamenti di cereali arrivavano una volta al mese, così, specie durante i periodi di carestia e guerra, la popolazione di Alicudi rischiava l'estinzione, pertanto si arrangiava con tutto ciò che offriva l'isola. Nell'immaginario eoliano, oltre alla natura selvaggia, Alicudi è celebre per la gran quantità di mahare, indovini, guaritrici e oracoli: centinaia di racconti hanno come protagonisti giovani e vecchi, donne e bambini di Alicudi che leggono il futuro, bloccano le tempeste, volano in cielo con le barche e parlano con demoni e santi.. gli abitanti ricordano magie e visioni: donne che di notte volano a Palermo per divertirsi o fare spese; un uomo che discende dalla stirpe dei tagliatori di trombe marine e conosce la formula magica per contrastare la forza del vento (Eolo e i 12 titani e titanesse). Curiose vicende ebbero luogo ad Alicudi, Isola leggende, visioni, usanze e allucinazioni.. gli abitanti di Alicudi, a inizi del '900, subirono senza rendersene conto una epidemia di ergotismo, probabilmente a causa dell'uso continuato della segale nella panificazione. Di questi racconti, Elio Zagami, psichiatra, psicoterapeuta e antropologo di origini siculo-eoliane, diede una spiegazione logica: il pane dell'isola fu spesso contaminato dalla segale cornuta (Claviceps purpurea, parassita delle graminacee che nella secale forma sclerozi simili a cornetti), specie in periodi di guerra e carestia, quando sbarcavano ad Alicudi provvigioni di farina (o spighe) di segale contaminata. La preparazione del pane dalla segale cornuta può causare, ingerita in grandi dosi, una malattia nota come ergotismo, che ha provocato diverse epidemie mortali nell'Europa del passato; tuttavia, l'assunzione di segale cornuta in dosi minori, porta solo alla modifica dello stato di coscienza, con allucinazioni, deliri o visioni multisensoriali. Dalla segale cornuta, in laboratorio, si ricava l'acido Lisergico (Delysid, LSD), scoperto da Albert Hofmann e reso celebre dallo scrittore Aldous Huxley, sostanza che sviluppa le capacità analogiche del cervello rispetto a quelle della razionalità logica, causando modifiche visive ed uditive. Dunque le mahare di Alicudi, aprendo involontariamente le proprie porte della percezione, precedettero il movimento hippy del '68. Esiste un film-documentario, L'isola analogica, che testimonia le tracce di questo evento, tracce che permangono nella tradizione orale dell'isola: dalle formule magiche per tagliare le trombe d'aria, alle donne che volavano per andare a fare provviste a Palermo e alle visioni di altre realtà. Nel film-documentario, girato in 5 giorni, i racconti, leggende, superstizioni e memorie segrete degli isolani si snodano tra suoni e immagini portando il fruitore dalla dimensione reale del quotidiano verso dimensioni nascoste, oniriche, fantastiche, surreali e misteriose.. muovendosi su questa sottile linea di separazione, il film rivela l'esistenza di una realtà parallela di Alicudi, perenne e cangiante, come quella in cui visse Giuseppe da Copertino, in un paese del Salento poco distante da Lecce: nel seicento a Copertino nacque Giuseppe Desa, un bambino giudicato, da chi lo conosceva, come eccessivamente distratto e buono a nulla.. Giuseppe veniva spesso deriso per la sua ingenuità ed ignoranza finché, un giorno, pregando di fronte ad un quadro della Madonna, si sollevò da terra e spiccò un volo.. i suoi voli divennero sempre più frequenti e cominciò a guarire i malati, così il villaggio di Copertino, circondato da Terra rossa e foglie verde scuro degli ulivi, divenne una realtà cosmica; il mistico, oggi, è patrono degli studenti e degli aviatori. Elio Zagami concluse che varie leggende eoliane, su streghe volanti, etc, nascono dal consumo di segala cornuta, cioè pani di farina di segale parassitata dal fungo ergot, con poteri allucinogeni simili a quelli dell'acido lisergico, che induce stimoli al volo nel vuoto. Ecco una sua lirica presentazione: sappiate che c'è un’isola remota, remota davvero, si chiama Alikue, Alicudi.. quando sei nell'isola, quando vuole lei, a volte si spinge indietro e lontano diventando improvvisamente così remota da lasciarti esiliato con lei.. la voce di Eolo arriva improvvisa sui sentieri, nelle case, sulle ali del vento.. amo molto Alicudi e amo il viaggio dell'uomo, Alicudi è il viaggio stesso dell'uomo, è un libro analogico, dove ogni sua pietra parla, legandosi a tutto ciò che esiste nel cosmo infinito. Alicudi, questa zolletta di terra è il centro del mondo, l'Universo stesso dove il tempo nasce vive e muore, e io, indigeno con le palpebre chiuse, mi lascio da essa portare in un viaggio verso il mondo più grande, verso il Grande Bardo, captando quello che gira sopra e intorno all'Isola, fuso con lei senza paura, come esiliato in un teatro cosmico sulla groppa di un cavallo alato, Eolo, o sopra un tappeto magico, Alikur, sull'Isola che salta silenziosa tra le ere. Una storia magica è una storia di Sud e di dubbi, immagini oniriche e sapori forti: Ernesto De Martino, maestro del nostro sud, intuì che questo mondo, lacerante e lacerato, esprime un profondo rapporto con l'irrazionale, con l'analogico. De Martino, da laico iscritto al PCI, aveva capito che l'incapacità di rapportarsi al mondo magico, il suo annullamento, avrebbe fatto perdere la battaglia con la religione, rimasta l'unica detentrice della realtà magica degli umani, con i suoi rituali, su cui esercitava un potere ed un controllo assoluto. L'Isola Analogica, piccolo documentario del regista copertinese Francesco Raganato, mostra storie liminali (fantastiche e reali) attraverso la voce di Elio Zagami, primo studioso della storia magica delle isole Eolie, cosicchè, gli spiriti che aleggiano nelle notti silenziose in riva al mare, seppur frettolosamente interpretati come fiction e folklore arretrato, per allontanare da sé la paura dell'inspiegabile, dei sogni, seppur mutati in simulacri da teatro o ridotti a feticci souvenir per annullarne il potenziale sovversivo, sempre tornano dall'inconscio, prima o poi, poichè essi sono la realtà mutevole, la natura stessa della coscienza. Nel tempo delle prime tribù nomadi sedentarizzate, germogliò il culto della fertilità della madre terra, per stimolare la vita e dirimere i conflitti tra allevatori/cacciatori ed agricoltori. Nelle società nomadi africane e slave, prima di ogni matriarcato e patriarcato, numerose statuette femminili con ventre, seni e glutei prominenti, realizzate in osso, terracotta o pietra, richiamano il culto della fecondità e maternità; accanto alle vulve comparvero i falli, dal potere magico-religioso: scopo di questi idoli (falli-vulve), una volta conficcati nel terreno o deposti nelle sepolture, era quello di proteggere i villaggi, allontanando nemici, forze occulte e spiriti forieri di malattie e morte; mettere in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti, invocare gli antenati nell’ora del trapasso e interrogare i delfini (arte delfica). Delia, tumulata ventiquattromila anni fa insieme al suo bambino feto, nella grotta di Santa Maria d’Agnano ad Ostuni in provincia di Brindisi nel Salento, richiama il costume neolitico di calare il corpo del morto in una fossa, ricoperto con un lastrone di pietra o inumato in qualche anfratto; a volte cosparso di ocra rossa (ancora in uso presso i popoli della Valle dell'Omo in Etiopia), mentre intorno al cranio veniva adagiata una cuffia di conchiglie forate. I morti tornavano al grembo della madre terra con l'auspicio di rinascere a nuova vita: attorno al Mar Nero tale costume fu assimilato ai culti della Magna Mater (Cibele-Kali); nella Grecia medievale a Demetra e Persefone (kore); nella penisola italica, a Ceres e Bacco; nell'India del sud a Rama e Sita (epos Ramayana). I santuari di Eleusi e di varie isole dell'Egeo, sono dedicati a Demetra, Kore e Ade, divinità della fertilità della spiga del cereale, della fecondità del sacro fallo di Pan-Dioniso e dell'oracolo dei delfini. Il fallo ritorna nel culto indiano di Siva-Sakti, con la sublimazione erotica (orgasmo mistico) come sacrificio in cambio della fertilità della natura. Diversi inni cantano i miti e riti del santuario di Demetra: 'dopo aver digiunato nove giorni, si beveva il Ciceone, bevanda a base di ergot e altri ingredienti.. nel corso della notte sacra i partecipanti ai grandi e ai piccoli misteri, scendevano in una cavità sotterranea per risalire al lume di fiaccole dopo aver conosciuto i segreti della vita e della morte. Il cammino iniziatico degli adepti, dal buio giungeva alla luce della gioia mistica, si aprivano le porte dell’universo della cura, della consolazione, e della conoscenza degli spiriti antenati di tutti i popoli slavi-pelagi (orishàs, caboclos, mighonzi, gauwasi). Un mito narra che, i Popoli del Mar Nero avevano appreso dai delfini, l'arte di preparare una pozione capace di espandere la coscienza umana (psichedelico) e aprire le porte della comunicazione tra specie, a partire dal fungo (ergot o segale cornuta) che cresce su orzo e segale selvatica: la coglievano, la macinavano e l'aggiungevano al Kikeon, il santo Graal dell'epoca. Dopo un periodo di oblio di 400 anni (seguendo la cronologia storica di Fomenko), il principio attivo della pozione fu riscoperto dal chimico svizzero Albert Hofmann; l'acido lisergico venne studiato da psichiatri e psicologi nel ventennio successivo: si scoprì che, nei pazienti trattati, esso aiutava il trasferimento dell'ossigeno a livelli subcellulari, stimolava l'ipotalamo e le zone del cervello ove sono localizzate le funzioni emozionali, al contempo inibiva la sfera razionale amplificando le altre modalità di percezione e comunicazione con la realtà esterna. Nel 1967, Walter Pahnke, psicoterapeuta del Maryland Psychiatric Research, lavorò con un gruppo di ricercatori, in un pgm riabilitativo attraverso l'uso del Delysid come farmaco terapeutico d'intervento in pazienti con problemi di alcolismo, tossicodipendenza e con ammalati di cancro in fase terminale; tale approccio terapeutico, fu chiamato: psychedelic peak psychoteraphy. Pahnke riassunse il suo lavoro in un articolo apparso dopo la sua morte: esperienza mistica nell'incontro umano con la morte; egli distingue diversi tipi di esperienze possibili: psicotica, psicodinamica, cognitiva, estetica, psichedelica (o di picco, cosmica, mistica). Quella di picco ebbe grossa importanza nel trattamento dei malati terminali e, in essa, furono riconosciute 9 caratteristiche psicologiche: ego-trascendenza (o unità); trascendenza di spazio-tempo (senso di eternità); percezione in sè di gioia, pace e amore; umiltà, timore e venerazione (senso del sacro); forte intuizione; visione dei paradossi; ineffabilità; memoria del picco; persistenza di cambiamenti positivi nelle abitudini e nel comportamento. Nel determinare l'andamento delle sedute, potevano influire fattori psicologici, la storia personale, le aspettative, l'umore all'inizio della sessione e la propensione che il paziente mostrava nell'aprirsi all'esperienza: aumentando il controllo su tutte le variabili personali e ambientali (set e setting), si poteva avere maggior probabilità di ottenere un esperienza mistica psichedelica. La Peak experience, al vertice lla piramide dei bisogni dell'essere umano, elaborata da Maslow, è un momento di autorealizzazione in cui si verificano processi di auto-validazione dei propri valori interiori, una volta vissuta, la persona prova diversi effetti come perdita di paura, ansietà, dubbi e inibizioni, bilanciate da un aumento di autostima, miglior visione di sè, degli altri e del mondo. Aldous Huxley, importante scrittore dell'epoca, scrisse sue esperienze ed intuizioni a riguardo: "sotto l'azione delle sostanze enteogene, la valvola mentale si apre (mito della lampada di Aladino) e, un enorme input di stimoli esterni entra in noi e stimola il nostro cervello dando vita, così, all'esperienza del travolgente. il dr Hofmann incontro due volte Huxley, il quale gli donò il suo libro: L'Isola. Nel libro Huxley descrive un antica cultura su di un isola, che cerca di fare la sintesi tra la sua tradizione spirituale e la moderna tecnologia. Questa cultura usa ritualmente una medicina chiamata Moksha, ovvero un fungo che provoca illuminazione. Il moksha veniva preso solo tre volte nel corso della vita di ciascun individuo: la prima durante l'iniziazione dalla pubertà all'età adulta (vision quest); la seconda nella mezza età e la terza in punto di morte, nella fase finale della vita, per prepararsi al grande viaggio. Il libro conteneva una dedica: "al dottor Hofmann, lo scopritore originale della medicina moksha e primo sperimentatore. Hofmann prima di morire a 103 anni, disse: "la possibilità di modificare la realtà, che esiste in ciascuno di noi, rappresenta la vera libertà di ciascun essere umano; abbiamo di nuovo la possibilità di mutare la nostra visione del mondo ed evitare l'autodistruzione, l'Lsd mi ha aiutato enormemente a comprendere che cosa realmente esista nel mondo esterno e che cosa è da me provocato, poichè questo utilissimo farmaco, coinvolge la vera essenza degli esseri umani, la loro coscienza. La nostra vera essenza è la Coscienza assoluta, senza un Io (coscienza individuale) non esiste nulla; questo nucleo, cuore dell'essere, è da sempre stimolato proprio da queste sostanze sacre giacchè sacra è la coscienza umana, così, qualcosa che l'attiva, va trattata con reverenza ed estrema attenzione. Credo sia essenziale per il futuro del nostro pianeta Terra lo sviluppo di strumenti che possano cambiare la coscienza responsabile della crisi in cui ci troviamo. Pamela narra il mito di Kore/Dyonisos, divinità chiamate in Sicilia Libero e Libera: l'autunno copre il cielo di veli grigi e nebbia dai monti a valle. Sfilano in cielo stormi migratori e la cornacchia grida. L'Edera rampicante del tempio si color di giallo e rosso e il merlo saltella nel sacello in cerca dei resti di focacce. Persefone-Core s'è persa nei campi mietuti e i papaveri giacciono al suolo come sangue rappreso". Pamela ravviva il fuoco nel sacello, guarnito a rami di quercia, poi prosegue: "Or l’effigie giace in un antro buio, vegliato dai serpenti e dal lamento della civetta. Demetra, corre per la terra in cerca della figlia perduta. Corre a piedi nudi senza un grido, la bocca muta dal dolore. I rovi, parenti di gabbiani e pipistrelli, strappano i bordi della sua tunica ornata. Vaga sui monti e il vento solleva i capelli come serpenti di Fenicia, La Dea ridente di tutto il Medio Oriente.. sulla vetta guarda l'aria, le foglie morte, i ruscelli torbidi di fango e i boschi spogliati dal vento. Ansima il suo petto, come una fiera che rincorre la preda, e getta al vento un urlo dolente: Persefoneeeee!! L'Eco obbediente rimanda il grido su vette e valli; gli animali corrono nelle tane, la terra ha un fremito, nel cielo un fulmine ferisce le nubi gonfie di pioggia, che si vuotano al suolo. Scende nell'aria un pianto infinito, e il cuore della Dea esplode di dolore: “Kore, adorata figlia, carne della mia carne, cuore del mio cuore! L’universo piange con lei, gli animali chinano il muso a terra, gli uomini non s’accoppiano più, i fiori appassiscono, le madri non hanno più latte, le piante non danno più frutti. La Dea piange e grida, e maledice il ruscello, i monti, il bosco, i campi coltivati, perché tutti interroga e nessuno sa dire dov’è il frutto delle sue viscere. Nessun Dio l’aiuta, presi dalle beghe sul dominio degli uomini. Solo Demetra può aiutare Demetra. Riprende la corsa, scende negli orridi e nei crepacci, sale sulle vette innevate, passa nei villaggi come un tuono e gli uomini si chiudono in casa. Ricorda quando correva nel bosco tenendo stretta la piccola mano, curava con foglie e baci le piccole ferite alle ginocchia, rotolava con lei tra i campi fioriti del foraggio e le messi mature. Yolanda leva il coro: "Il bel volto della Dea Madre è distorto da rabbia e dolore.. diviene furente, minacciosa. Gli Dei fingono di non vedere, perché nel dorato Olimpo, non giunge il lamento e la sofferenza degli uomini, non sopporterebbero un dolore così grande. Gli uccelli non cantano più, nel sacro sacello il fuoco s’è spento. La Madre non ha più lacrime, il cielo è muto, il tempo sospeso. Sul monte sente le forze abbandonarla, s’aggrappa al pelo d’un’orsa in cerca della tana invernale. Le unghie della Dea disperata lacerano il manto di pelliccia. Scorre sangue. Demetra chiede in cuor suo perdono all’animale che le strofina il muso sulla veste, senza parlare si comprendono e per incanto l’una diventa l’altra. Persefone guarda la sua prigione (tomba-utero), volto di lacrime, cuore di terrore. Lei è scaraventata in un buio senza fine, denso d’ombre vaganti, demoni ghignanti e mostri coperti di sangue. Un regno dominato da un dio oscuro e terribile, che odia vita e gioia: una belva assetata che si nutre della sofferenza e del terrore degli altri. L'ha rapita mentre ornava di papaveri la giovane chioma. Perché la vita non è un'eterna beata infanzia, ed è cresciuta destando la brama della belva? Il Dio oscuro l’ha spiegato. Proprio a lei, si, perché non c'è gusto a togliere dal mondo dei vivi chi è già morto per la sofferenza, chi maledice l’esistenza priva di gioia e d’amore, ma a chi desidera e ama la vita lui toglie tutto, solo questo lo compiace. Proserpina, maledice la sua immortalità, che le impedisce di morire.. Mortali o immortali che siano, si tengono fuori dal mondo dei morti. Demetra ora sà che Kore non sta più sulla terra, avrebbe risposto via vento al suo richiamo d’amore. Persefone è nel Tartaro, nel mondo senza sole nè luna, privo di speranza, dove tutto si trasforma in dolore. Accanto al fuoco spento, accoccolate in terra, le sacerdotesse intonano un Coro: "Demetra, la Madre, raccoglie le chiome e le annoda come una mortale in lutto, straccia le vesti sotto al ginocchio che non le intralcino il cammino, il volto è pallido, ma gli occhi ardono come fiamma. Disegna col sangue dell’orsa, che ora è il suo sangue, un cerchio per terra, accende un tizzone e lo conficca spegnendo la fiamma nel cuore della terra. Siede nel cerchio e mormora parole che nessuno potrebbe udire senza morirne. Kore intanto vive un incubo senza risveglio, ha freddo e fame, ma non vuole vesti né cibo, nelle tenebre là sotto. Il Dio oscuro è nebbioso nelle forme, un lezzo di putredine e marcio. Le offre ghignando ogni cosa: vesti, cibo, gioielli, e ogni volta lo respinge, col terrore che la violenti sadicamente senza fine. In cuor suo invoca il nome della madre, ma Ade, che sa ogni cosa, le ripete che alla Dea, come a tutti, mortali e immortali, è interdetto il mondo degli Inferi.. poi ella non lascerebbe mai il suo comodo mondo per cercarti nell’Ade. Ora hai solo me". Persefone non risponde, ha troppa paura, ma è divinamente certa che sua madre per lei affronterebbe ogni cosa. Un filo di speranza, anche se non sa come sua madre potrebbe trarla da quel mondo senza uscita, e con un dio così potente che neppure gli dei uniti oserebbero sfidare. Demetra mormora antiche parole pronunciate nelle notti senza luna, quando i riti erano nelle caverne e nei boschi, e le sacerdotesse bagnavano la terra col mestruo mescolato a saliva, e davano alla Dea la forza d’uscire dalle tenebre. Ora Demetra fa quel rito per Demetra. La terra ha un tremito, il suolo vibra, la Dea non rompe il rito, le mani sono artigli. Tuonano cielo e terra, si spacca la roccia e appare l’orrida bocca; salgono i miasmi della fetida caverna, brulicante di ragni, serpi e pipistrelli. Kore s’arrischia a vagare tra ombre che strisciano sui muri e aliti ansimanti. Continua ad andare d’un luogo ove posare il capo: vorrebbe solo dormire e dimenticare. Vaga a lungo e non sa quanto, perché nel regno c’è un'eterna notte senza luna. Sempre più affamata e gelida lei vaga per i meandri dell’Ade e si perde in un luogo già perduto alla luce degli Dei e degli uomini. Dopo immense caverne, anse e cunicoli ciechi, scale su precipizi o rocce sbarrate, ponti sospesi nel vuoto e ripidi corridoi, trova uno spazio aperto, dietro un cancello ch'ella dischiude. La gola arida e secca, nell’aria caliginosa vede un campo con alberi d’un pallido verde grigiastro, poggia i piedi sull’erba e prova refrigerio. Un uomo curvo dissoda la terra con la pala. S’avvicina, e lui si dichiara il giardiniere dell’Ade. Com’è possibile senza sole? Il contadino non risponde ma va all’albero più vicino, stacca un frutto lo apre e glielo porge. Vuoi avvelenarmi? "Chi è dedito alla terra non può desiderare il male". Persefone annuisce, anche sua madre ama la terra, e il suo cuore è pieno d’amore per tutte le creature. Allunga la mano e accetta il frutto di melagrana. Lo porta alle labbra. Demetra percorre il corridoio dell’Ade e i morti gelidi le corrono incontro, le chiedono panni per scaldarsi, e la Dea pietosa si toglie le vesti e le dona, senza fermarsi. Sempre più numerose le torme dei morti le balzano attorno ed ella dà tutto, pure nastri e gioielli. Compaiono i mostruosi cani dell’Ade, ma a un cenno le danno il passo, riconoscendo l’antica Ecate. Vaga come una Menade invasata e i demoni l’attorniano ma nessuno osa toccare la Dea dagli occhi di fiamma. Finalmente giunge nell’antro gigantesco di Plutone-Dioniso. Il Dio è sul trono, puzzolente, con pelo di capra, criniera da leone, coda di serpe e corna da toro. I suoi occhi sono ciechi perché nel buio non c’è nulla da vedere. "Rendimi la figlia", grida Demetra con freddo furore, o sterminerò il mondo dei viventi! Il Dio oscuro ride, e i demoni con lui, mille bocche con un’eco: "Sono il re dei morti, vuoi ampliare il regno dei miei sudditi? "Se stermino i mortali non ci saranno più figli, e quando le tue ombre si dissolveranno resterai senza morti, e sarai Signore del nulla!" Ade ruggisce, si contorce e la coda sibila furiosa. Parla di nuovo: "A due condizioni, che mi regali ciò che non ho avuto e mai potrei avere, e che Persefone non abbia accettato cibo dall’Averno". Sogghigna nel cuore, perché egli può avere ciò che desidera, nel Tartaro profondo custodisce enormi ricchezze. Demetra accetta, perché crede in sua figlia e perché può dare al ricco Dio qualcosa che non ha mai avuto e che non può avere, se non tramite lei. Si toglie i bellissimi occhi e li porge al Dio. Ade è soddisfatto, perché ora potrà guardare Persefone, la stupenda. Quando vede nel buio, scorge per primo il volto bellissimo della Dea senza occhi. Demetra è la statua del dolore, ma non piange, e Pluto s’accorge che avere la vista è un dono prezioso e crudele, perché guardando la Dea gli scendono le lacrime. Pamela, Lisa e Yolanda, sedute sulla nuda terra, battono cadenzati i pugni al suolo, cantando la lugubre nenia. "La Dea senza occhi, nudo il corpo come ninfa al fiume, taglia i lunghi capelli per farne una fune e la lega alla coda del Dio, che per ingannarla non la lasci sola, e giunge nei campi dell’Ade, ma non trova la Persefone di prima. Sua figlia irraggia luce dal corpo, e le chiome sciolte sembrano onde del mare. Corre dalla madre e l’abbraccia: Madre, dolcissima madre, chi tolse gli splendidi occhi di turchese che s’illuminavano al guardarmi, chi tagliò le splendide chiome bionde come il grano maturo, chi rubò le tue vesti regali? Per te, figlia adorata, avrei strappato anche il cuore, per salvarti dall’inferno. Ora Dioniso guarda la bella Persefone e la desidera come l’unica cosa che conti nella vita, e guarda il corpo nudo della Dea, e ne ha paura, guarda le occhiaie vuote, e ne ha una pena infinita. Ora che Ade-Dioniso può vedere con gli occhi della Dea, vede tutto l’amore e tutto l’odio del mondo, tutta la gioia e tutto il dolore. Vuole amare Persefone ma sente quanto finora l’amore gli è mancato, e prova un orribile dolore, tanto forte che vorrebbe strapparsi gli occhi. Ma Persefone, che ha mangiato sette chicchi di melograno, ha pietà del Dio ferito nel cuore, e mentre con una mano carezza il volto della madre, con l’altra sfiora il viso del Dio. Pluto non vuole lasciare Kore, che ora ama più di se stesso, e chiede a Demetra di rispettare la promessa, non può trarre la figlia che ha mangiato il frutto dell’Ade. Ma Persefone si dichiara libera, proprio perché ha assaggiato il melograno (enteogeno). Ade come l’uva, si muta in vino, si trasforma e prende sembianze umane. Ora è bellissimo, un tralcio di vite gli orna la fronte, e lo segue una pantera, nera come la luna nera, capace di attrarre a se molti fedeli. Kore e Demetra sono tanto vicine tra loro che le chiome non si distinguono, così vicine da fondersi, di due si fanno una, donna e ragazza insieme, e insieme formano la Luna. Da quel giorno l’Ade non è più così buio, lo rischiara la fioca luce lunare, e le nozze tra Dioniso e Core furono splendide, tutta la terra germogliò per la loro felicità. I tre Dei son così uniti da essere uno solo, e le Dee sono due in una, e percorrono su un carro trainato da cani latranti il profondo dell’Ade, e da un cocchio di cervi la terra rigogliosa. Ora sono Signori dei due mondi, e gli Dei non possono farci nulla, perchè ormai, insieme, conoscono il dolore e la gioia del mondo, che è il segreto della vita e della morte. Kore è figlia di Demetra, Dea della terra apportatrice di vita, e di Poseidone-Stige. Core significa fanciulla. Un giorno venne fuori dalla terra Ade, re del Tartaro (Dioniso notturno), che la rapì su un cocchio tirato da 4 cavalli e la condusse negli abissi. Demetra, per sfogare il suo dolore, impedì alla terra di dare frutti e tutti gli uomini rischiano di perire. Ma Zeus-Cielo riesce a placare la Dea facendo sì che Persefone possa rimanere con la madre per alcuni mesi dell'anno. Il culto di Demetra-Core-Ade, passò nel territorio italico insieme ai suoi misteri, associandosi alla locale dea Cerere, con sua figlia Proserpina. Le Dee apparvero per la prima volta in Sicilia che per prima produsse il seme del grano grazie alla fertilità della sua terra vulcanica. Nella piana di Lentini e in molti altri luoghi della Sicilia nasce anche oggi il grano selvatico portato dalle cicogne e dal vento africano.. Pamela introduce ora i CETACEI (delfini, focene e balene), mammiferi acquatici la cui riproduzione, gestazione del piccolo e nascita, avvengono in acqua; Questi esseri viventi, come tutti i mammiferi, allattano i loro piccoli con latte formato nelle ghiandole mammarie; sono animali a sangue caldo mantenuto in circolazione da un cuore simile ai mammiferi terrestri. l cetacei passano la maggior parte del loro tempo sott'acqua, risalendo alla superficie solo di quando in quando per respirare, sollevarsi e guardarsi attorno; sono dotati di polmoni e respirano aria, hanno corpi con una linea aerodinamica straordinaria e struttura ben definita. I delfini dormono chiudendo un occhio per volta, raramente li chiudono entrambi, il sonno accumu­lato per ciascun occhio va da 120 a 140 minuti al giorno, il tempo complessivo è due volte questi valori: il delfino si addormenta per brevi periodi tra una respirazione e l'altra, che vanno da 20 a 40 secondi, poi si sveglia per prendere respiro. L'ambiente naturale della maggior parte dei cetacei sono gli oceani e i mari che coprono il 71% della supeficie del pianeta. Vi sono anche specie che vivono in fiumi d'acqua dolce (Bufeo del Rio delle Amazzoni, Rio della Plata, Gange.). Alcuni cetacei di mare ri­salgono per un certo tratto i fiumi d'acqua dolce (i tursiopi in Florida, i beluga, ecc.) poichè sono indipendenti dall'acqua che li circonda. I cetacei non possono bere l'acqua di mare ed eliminare il sale attraverso l'urina, l'urina dei delfini è molto simile a quella dell'uomo, i loro reni, come i nostri, possono eliminare i prodotti del metabolismo, ma non grandi quantità di sale. Tutta l'acqua neces­saria la ottengono dal metabolismo dei grassi presenti nella loro dieta, in seguito alla trasformazione dei grassi in anidride carbonica, che viene espulsa, e acqua, che viene trattenuta dai tessuti. I cetacei sono dunque animali desertici: pur vivendo in ambiente umido, traggono l'acqua di cui hanno bisogno solo dal cibo di cui si nutrono. I metodi impiegati per evitare di ingerire acqua salata mentre si nutrono, sono due: un muscolo anulare tiene la gola chiusa fin tanto che il cibo non sta per passare nello stomaco; il muscolo anulare strizza via l'acqua salata dal boccone di cibo e impedisce l'accumularsi del sale oltre il muscolo stesso. Il secondo meccanismo è tipico dei misticeti; essi spalancano le loro enormi bocche in mezzo agli addensamenti di plancton (ricco di piccolissimi gamberi che vivono in abbon­danza negli oceani Artico e Antartico), ingurgitando una grande massa d'acqua di mare che ricacciano fuori immediatamente, dopo aver chiuso i loro caratteristici «denti-filtro», i fanoni, tratte­nendo così il plancton entro il filtro. Infine chiudono la bocca, in cui non vi è più acqua, e ingoiano il tutto. Bere acqua di mare porta i mammiferi alla disidratazione, a meno che non venga diluita con acqua dolce in una proporzione di dieci volte. Tursiopi in cattività bevono acqua dolce se offerta loro attraverso un tubo; non mangiano poi per un giorno o due, poi ricominciano a mangiare e smettono di bere acqua. Nel loro stato naturale non distinguono la sete dalla fame: bere acqua dolce consente loro per la prima volta di avvertire lo stimolo fame separatamente da quello sete. La dieta degli odontoceti, delfini e focene, è formata da pesci o da cefalopodi, i cefalopodi di piccole dimensioni costituiscono il cibo dei cetacei più piccoli, mentre i cefalopodi giganti sono consumati dai capodogli. Il più grande dei delfini,l'orca, si nutre di grandi pesci e di foche e qualche volta anche di vecchi delfini di piccole dimen­sioni e, talvolta, di resti di balene uccise dal­l'uomo. I misticeti si alimentano quasi esclusivamente di plancton. Più grande è il cetaceo, più a lungo può resistere senza cibo, dopo un periodo in cui si è abbondantemente nutrito. Il tursiope può restare senza cibo anche per una settimana; l'orca per sei settimane; la più grande delle balene, la balenottera azzurra, può restare senza cibo per sei mesi. Durante il periodo di massima alimentazione, i cetacei accumulano il cibo sotto forma di grasso che viene poi trasformato in energia biologica più anidride carbonica e acqua. Dopo aver bruciato tutta la riserva di grasso, un cetaceo può morire per mancanza d'ac­qua. I cetacei vanno soggetti a malattie, simili a quelle degli animali terrestri: possono essere infestati da parassiti di vario genere, compresi gli ascaridi; prendere malattie batteriche o virali e, i cetacei in stretto contatto con gli uomini, prendono il comune raffreddore o l'influen­za contemporaneamente alle persone che stanno vicino a loro. La maggior parte di essi può immergersi a grandi profon­dità, e ciò dipende dalla loro capacità di immagazzinare ossigeno, la quale a sua volta dipende dalle dimensioni del corpo. Prima dell'immersione i cetacei fan­no una serie di rapidi respiri, riempiono i polmoni d'aria e puntano poi verso il fondo sollevando la coda fuori dall'acqua così da sfruttare la forza di gravità. L'aria non entra a contatto col sangue, così l'ossigeno e l'azoto del sangue restano allo stesso livello di pressione cui si trovano in superficie, a una atmosfera. Nel sangue o nel grasso non viene introdotto azoto. Nelle immersioni umane in cui si usano i comuni boccagli e non dei respiratori di profondità, raramente si verificano casi di embolia perché, in questi casi l'uomo respira come una balena. I cetacei non soffriranno mai di em­bolia a meno chè l'uomo non li obblighi a indossare un respiratore di profondità o a respirare aria in una campana d'immersione o cassone sottomarino in cui la pressione dell'aria sia mantenuta al livello di pressione dell'acqua a quella profondità. I cetacei sono aerodinamici e lubrificati: quando un delfino è in accelerazione, la forma del suo corpo si modifica per adattarsi ai vortici dell'acqua, che aumentano col crescere della velocità. La pelle dei cetacei emette in continuazione un sottile velo d'olio che si diffonde su tutto il corpo. Quando una balena s'immerge, si vede l'olio da essa prodotto sulla superficie del mare. La viscosità dell'olio rimane molto bassa sia nell'acqua calda sia in quella fredda. Lo strato d'olio permette all'acqua di mare, in diretto contatto con la pelle dell'animale, di scivolare via, riducendo l'attrito con l'acqua. Nella fisiologia dei mammiferi, sia terrestri sia marini, il cervello controlla i meccanismi del corpo, circolazione, metabolismo e le attività muscolari, per garantirsi le riserve di nutrimento e la temperatura necessari; esempio: quando si sta troppo a lungo rannicchiati e ci si alza in piedi all'improvviso, il sangue abbandona temporaneamente il cervello, si può avere una specie di svenimento; subito dopo un movi­mento così brusco, il cuore, sotto stimolo cerebrale, accelera e potenzia i battiti cardiaci per ristabilire la pressione momentanea­mente abbassatasi in seguito all'improvvisa richiesta di sangue nei muscoli delle gambe. Se il nostro corpo si raffredda troppo, i brividi, provocati da stimolazione cerebrale, accelerano il metabolismo onde mantenere costante la temperatura del cervello facendo circolare il sangue riscaldato dai muscoli attraverso il cervello stesso. Nei cetacei, la temperatura cerebrale è mantenuta stabile per mezzo di vari meccanismi, tra cui un adeguato isolamento del corpo. Il grasso di balena, cioè il panni­colo adiposo più esterno ricco d'olio (spesso 2-5 cm nel tursiope e cin­quanta cm nelle balene più grandi) impedisce la dispersione di calore nelle regioni più interne del corpo. I depositi di grasso di riserva, che consentono al cetaceo di stare lunghi periodi senza mangiare, sono collocati sotto questi pannicoli adiposi. Quando l'animale è privo da tempo di alimenta­zione, scompaiono i depositi di grasso, ma il pannicolo adiposo conserva il suo spessore consueto. Un delfino ben nutrito non rivela alcun restringimento, nella regione del collo, dietro allo sfiatatoio; un delfino denutrito, invece, mostra un evidente restringimento, il grasso di riserva è stato consumato. L'acqua mantiene costante la temperatura corporea dei cetacei, disperdendo il calore prodotto dal loro metabolismo. Un cetaceo tirato all'asciutto dall'uomo o arena­tosi sulla spiaggia morirà a causa dell'aumento della temperatura corporea, a meno che non venga continuamente rinfrescato con nebulizzazione o acqua corrente versatagli addosso dall'uomo. Un cetaceo fuori dall'acqua può dissipare calore solo espirando aria e acqua dai polmoni; quando la temperatura del suo cervello diventa troppo elevata, esso muore. Fuori dell'acqua, l'azione respiratoria è molto faticosa e anche il cuore deve lavorare molto di più. Tenendo il cetaceo sospeso con delle cinghie elastiche, si può ridurre la fatica del cuore e dell'apparato respiratorio, ma il modo migliore per trasportare i cetacei è quello di tenerli in vasche in cui possano galleggiare. Delfini e le balene in cattività hanno rivelato che la loro pelle è estremamente sensibile al tatto, alla pressione e al flusso dell'acqua. Quando si incontra per la prima volta un delfino nel suo ambiente naturale, se si riesce a toccarlo si stabilisce l'inizio di un rapporto d'amicizia. Avendo fiducia nell'uomo, il delfino acquisterà sempre più confidenza con lui e pian piano gli permetterà di avvicinarlo e persino di accarezzarlo lungo tutto il fianco. Se si tocca inavvertitamente anche solo l'estremità della pinna dorsale o della coda, si vede come il delfino sia estremamente sensi­bile e reagisca con un balzo improvviso a questo leggero tocco. La loro pelle è straordinariamente sensibile al dolore, se ad esempio bisogna dare un antibiotico a un delfino ammalato, la pun­tura dell'ago provocherà uno scatto rapido, ma immediatamente controllato, e fin tanto che l'ago resterà conficcato nella pelle l'ani­male continuerà a tremare, controllando paura e dolore. Le loro pinne sono molto delicate e il tessuto sottostante si lacera facilmente, la struttura scheletrica delle pinne dei delfini è molto simile alla nostra spalla, la pinna può essere tenuta aderente al petto e non venire dan­neggiata, non bisogna lasciare che i cetacei restino sdraiati appoggiandosi sulla pinna, poiché s'interromperebbe la circolazione e la pinna subirebbe gravi danni per la mancanza di san­gue: una pinna ferita, una volta guarita rimane bianca per un certo periodo di tempo, come altre ferite rimarginate. Gli odontoceti hanno una squisita sensibilità gustativa, le papille gustative, distri­buite lungo il bordo della lingua, possono essere estroflesse attra­verso i denti in modo che il cetaceo, mentre nuota, può assaporare l'acqua che gli scorre tra le labbra. Questa sensibilità gli consente di seguire tracce di sapori nell'acqua, come quelle di feci e urine che altri cetacei scaricano in mare, così riescono a rintracciarsi; sono anche in grado di risalire alle tracce di pesci che sono transitati in una certa direzione e quindi di individuare i banchi dai prodotti del metabolismo che essi lasciano dietro di sé; riescono a individuare correnti oceaniche di vario tipo, mutamenti di salinità del mare dovuti alla presenza di acqua dolce fluviale e sostanze inquinanti introdotte dall'uomo; tutto ciò accresce le loro conoscenze sensoriali; i cetacei giovani vengono educati da quelli più anziani. La loro riproduzione sessuale ha richiesto parecchie modifiche rispetto ai mammiferi di terra; i genitali sono interni, non esposti al mare; il pene del maschio resta all'interno del corpo finché un gioco o un rapporto sessuale non ne richiedono l'erezione all'esterno, attraverso un'apposita fessura genitale, situata davanti alla fessura anale. Il delfino maschio erige o ripone volonta­riamente il pene in sette secondi; il pene ha linea aerodinamica a forma di piccolo delfino; la fessura genitale della femmina gli si adegua perfet­tamente in profondità e lateralmente. La femmina, come i mammiferi di terra, è dotata di una vagina esterna e di una vagina interna che conduce all'utero. Sia nel maschio sia nella femmina vi sono due ossa, simili alle ossa pelviche dei mammiferi di terra, che sostengono i genitali e sono collegate alla spina dorsale per mezzo di legamenti: formano una piattaforma che rende stabile il pene del maschio e la vagina della femmina durante l'attività ses­suale. Il comportamento sessuale dei cetacei in cattività, quando non vi sono pericoli, occupa buona parte del tempo dei giovani cetacei, sotto forma di gioco sessuale: può essere anche un effetto della noia derivante dell'essere rinchiusi in piccole vasche senza nient'altro da fare. Il periodo di gestazione varia con le dimensioni: i cetacei più piccoli hanno una gestazione di circa dieci mesi, con l'accrescersi delle dimensioni il periodo si allunga, fino ai sedici mesi del capodoglio. Embrione e feto di delfini e balene subisce trasfor­mazioni simili a quelli degli animali terrestri. Gli antenati del delfino o della balena avevano quattro pinne o quattro gambe, a seconda delle varie teorie sull'ori­gine di delfini e balene, ciò è ricordato nei miti di sirene di molti popoli. Il piccolo cetaceo nasce sott'acqua, ed esce dal ventre materno prima con la coda e poi con il resto del corpo. Al momento della nascita, la madre ruota su se stessa per recidere il cordone ombelicale e il piccolo incomincia a nuotare alla cieca, molto rapidamente. La ma­dre lo guida in modo che raggiunga la superficie e tragga il suo primo respiro: un momento molto drammatico nella vita di un delfino. Il piccolo continua a nuotare e nel giro di pochi minuti apprende dov'è la superficie dell'acqua per rifornirsi d'aria. Se vive in un ac­quario, può anche urtare contro uno degli oblò, confondendo vetro e acqua, oppure sarà la mamma a far si che il piccolo esperimenti sul proprio naso che si tratta di un ostacolo da evitare. Il passo successivo per il piccolo è trovare i capezzoli e imparare a succhiare. Man mano che la fame e la disidratazione aumentano, incomincia a cercare i capezzoli e la madre glieli offre. Nel delfino i capezzoli si trovano ai lati della fessura genitale, verso la coda, racchiusi in due piccole fessure dalle quali possono essere succhiati fuori o estroflessi al momento dell'allattamento. Il piccolo impara a formare con la lingua un semitubo contro la mascella superiore, afferrandovi il capezzolo e succhiando senza far entrare l'acqua salata, ovviamente con la cooperazione della madre. Il latte è denso, con molte proteine e grassi, e modesto di acqua, non ci sono lattosio né altri tipi di zuccheri. Nutrendosi di questo latte il piccolo delfino rag­giunge nel giro di due anni un metro e venti in lunghezza e cento trenta chili di peso. Il piccolo della balenottera azzurra col solo latte materno può crescere di 100 kg al giorno. Per svezzare un piccolo delfino, sono necessari da uno a due anni. Pian piano comincerà a trovare qualcosa d'altro da mangiare, viene inizialmente aiutato dagli adulti, che gli insegnano a mordere e assaggiare il pesce, per verificare che non sia velenoso o guasto. Le lische vengono risputate fuori attraverso la bocca. Il processo digestivo si compie attraverso l'intestino, tenue e crasso, di notevole lunghezza. Nei misticeti e in alcuni odontoceti non vi è intestino cieco o appendice; ciò indica che questi cetacei non sono attrezzati per digerire la cellulosa come i cavalli o le mucche, ma solo carne. Il tratto intestinale termina con un orifizio anale, che nei tursiopi é molto piccolo; le feci, piuttosto liquide, si disperdono rapidamente nell'acqua del mare. Lo scienziato John C. Lilly affronta i problemi che si pongono all'uomo quando si trova di fronte ad una specie diversa dotata di un cervello altrettanto grande o più di quello umano. La dimensione di un cervello è limitata dalla capacità della testa che lo contiene di resistere a colpi che provocano movimenti rotatori: accelerazione rotatoria che i cervelli dei mammi­feri possono tollerare senza alcun danno. Oltre un certo valore critico, il cervello si sposta all'interno del cranio al punto che si spezzano i suoi vasi sanguigni e la sostanza stessa sulle membrane di divisione attaccate al cranio, il cervello può essere danneggiato e l'animale entra in coma. Per evitare ciò, il cer­vello è circondato da un cranio e da una testa, a sua volta sostenuta e controllata da un corpo, che hanno momenti d'inerzia molto più grandi, atti a impedire un'accelerazione rotatoria troppo rapida del cervello. Nel corso dell'evoluzione, il momento d'inerzia del cervello determina il momento d'inerzia delle strutture circostanti: per sopravvivere, una determinata dimensione del cervello richiede una certa estensione del cranio, della testa e del corpo. Un cervello umano è pro­tetto da un cranio il cui momento d'inerzia è tre volte supe­riore a quello del cervello; un cervello di Orcinus Orca (tre volte il peso del cervello umano) è circondato una una testa il cui momento d'inerzia è cinquecentocinquanta volte superiore a quello del suo cervello. Tra gli animali terrestri, solo l'Elefante possiede un cervello più grande di quello dell'uomo (6.000 grammi), e richiede una grande testa e un grande corpo affinchè sopravviva: la pacatezza dei movimenti dell'elefante ha il fine preciso di evitare danni alla massa cerebrale. Nell'uomo un colpo tangenziale può far ruotare bruscamente la testa (proiettili, boxe, scontro con veicoli moderni ad alta velocità, moto, auto, aerei, missili e veicoli spaziali), sottopone il cervello dell'uomo ad accelerazioni superiori ai valori critici, producendo lesioni o morte: i pugili devono usare infatti dei guantoni da boxe per evitare di uccidersi l'un l'altro con l'accelerazione provocata dai colpi inferti sul lato della mascella. Il nostro sviluppo tecnologico è programmato per la sopravvivenza di cervelli di queste dimensioni, e non superiori. L'altra possibilità che ha consentito a cervelli grandi di sopravvivere è legata all'ambiente: sviluppare il cervello entro contenitori posti in un mezzo che opponga resistenza ai movimenti troppo rapidi del corpo collegato al cervello stesso. Sott'acqua, nel mare, la densità e la viscosità sono ottocento volte maggiore di quella dell'aria, così il suo effetto di ammortizzazione permette lo sviluppo di cervelli di dimensioni maggiori che sulla terra; tutte le forze d'accelera­zione vengono frenate dal mezzo circostante. I cervelli dei cetacei hanno connessione tra neuroni identiche al cervello umano; essi sono grandi in quelle parti che, nel cervello umano, sono superiori a quelle delle scimmie: le persone che hanno perduto l'uso di queste aree corticali perdono la capacità e l'impegno a rea­lizzare piani futuri, la capacità d'iniziativa, la memoria e la possibilità di agire operativamente nella nostra so­cietà; quelle persone che sono nate con aree corticali ridotte de­vono essere protette e tenute in appositi istituti. Le nostre caratteristiche umane dipendano dal­l'integrità di talì aree corticali; la nostra etica, morale e capacità di programmazione, le nostre relazioni sociali dipendono tutte dalla dimensione adeguata e dal funzionamento di queste aree critiche della corteccia. I cervelli dei cetacei hanno raggiunto le dimensioni dei cervelli umani trenta milioni di anni fa (specie la neocorteccia che ospita aree mute o associative); i nostri cervelli esistono nell'attuale dimensione solo da circa 100.000 anni. Come nuovi arrivati, forse stiamo chiedendo troppo a noi stessi nel voler comunicare con intelligenze antiche come quelle delle balene e dei delfini: essi forse lo sanno e attendono, hanno molte cose da insegnare. I cetacei comunicano sott'acqua dove il suono si muove a una velocità 4,5 volte maggiore di quanto faccia nell'aria e può essere trasmesso a distanze mag­giori; il linguaggio umano va da 100 Hertz a 3.000 Hertz, mentre le balene e gli elefanti emettono suoni in ambiti di frequenza sotto i venti Hertz; i delfini e le orche emettono suoni nel raggio d'ascolto dell'uomo e superiori ad esso: il linguaggio umano non rientra nei campi di frequenza usati dai due gruppi di cetacei, tranne qualche leggera sovrapposizione. Se vogliamo comunicare con i cetacei, dobbiamo progettare strumenti tecnici per trasformare le frequenze dei nostri suoni in frequenze adatte al loro raggio acustico e viceversa per stabilire scambi sonici adeguati. Usando apparecchi elettronici è possibile trasformare i nostri e i loro suoni ed aprire quindi un varco nella barriera della comunicazione tra noi e i Cetacei; poi rimane il problema di sviluppare una qualche forma di linguaggio comune. La comunicazione sonora e ultrasonora dei delfini è più complessa della nostra, dieci volte maggiore in velocità e frequenza; la loro intelligenza agisce attraverso analogie acustiche, così come il nostro linguaggio è basato su analogie visive. Essi vedono l'ambiente e si vedono l'un l'altro con il suono; il loro sonar vede sia nei nostri sia nei loro stessi corpi; essi possono riconoscere i rispettivi stati emotivi attra­verso i movimenti dello stomaco e dei polmoni. Mediante la tra­smissione di immagini sonore fanno conoscenza l'uno con l'altro e con gli uomini che vengono a contatto con loro nell'acqua, impa­rano a riconoscersi e a riconoscerli. Ciascun delfino ha tre trasmettitori sonori e ultrasonori (due nasali e uno laringeo) che funzionano in modo indi­pendente. Due delfini che si scambiano informazioni possono usare tutti e tre i canali contemporaneamente. Lilly scrive: all'Istituto di ricerca sulla comunicazione uomo-delfino, abbiamo elaborato un programma per insegnar loro come controllare un computer per mezzo di un codice meccanico che usa i loro suoni metallici, possono imparare a controllare un computer ad alta velocità poichè, i delfini, sanno trasmettere e ricevere così rapida­mente che un operatore non riesce a seguirli, tuttavia si adattano al ritmo lento degli umani e al loro raggio di frequenza più bassa, ma lo fanno con difficoltà. Il delfino emette suoni nell'aria che, rallentati, somigliano al linguaggio umano; essi hanno un linguaggio complesso basato su immagini acustiche (linguaggio a immagini soniche) analoghe alle nostre parole e frasi. Il segnale del sonar può penetrare nel corpo, un delfino che guarda lo stomaco di un altro, ad esempio, è in grado di sapere se l'animale è ansioso o turbato perché lo stomaco, in questo caso, tende ad agitarsi; le bolle d'aria che si formano nello stomaco gli permettono di ren­dersi conto dello stato di agitazione. Il sistema di immagini soniche olografiche che si inviano reciproca­mente per comunicare, può essere analizzato solo dalle nostre scienze matematiche più avanzate; intendiamo tradurre tale linguaggio in rappresentazione visiva (ologramma) più adatto al nostro linguaggio, così da spezzare la barriera çhe impedisce la comunicazione tra le nostre due specie (Homo, Tursiops e Orcinus). Il linguaggio umano esprime il nostro orientamento visivo, parliamo come se vedessimo e analizzassimo quello che stiamo dicendo. I delfini ascoltano con i loro emittenti sonici e con gli echi riflessi dagli oggetti circostanti il loro ambiente. Il loro sistema visivo ha una velocità di un decimo rispetto alla nostra; compensano quest'aspetto con i loro sistemi sonici, dieci volte più veloci dei nostri: debbono poter vedere sott'acqua nelle buie profondità del mare di giorno e di notte, così da individuare i loro nemici squali, il cibo, e vedersi tra loro. Il comportamento dei cetacei in cattività è regolato da una cultura e un'etica in cui l'uomo è trattato con attenzione, come un caso speciale: nessun singolo cetaceo deve fare del male all'uomo, neppure se gravemente provocato; nemmeno a una punizione cru­dele e insolita si deve rispondere con un'azione violenta e distruttiva contro i corpi degli umani. Durante la cattura e gli spettacoli, uomini e donne vengono a diretto contatto con i cetacei e nessuno è mai stato ferito da queste imponenti creature. I delfini trattano i loro simili con la piena consapevolezza della necessità di sopravvivenza del gruppo. Il singolo non esiterà a uccidersi se la sua inabilità diventasse tale da danneggiare il gruppo, qualsiasi delfino malato o sofferente viene curato dal gruppo; ma se le cure sono di ostacolo alla sopravvivenza dei compagni, l'interes­sato smette volontariamente di respirare e in questo modo si uccide. Tutti i delfini e le balene respirano in modo volontario, un sistema di respirazione au­tomatica li porterebbe a respirare acqua se si trovassero in stato di incoscienza. Quando un delfino o una balena perdono coscienza per qualsiasi motivo, i loro com­pagni devono portarla in superficie e svegliarla per permetterle di respirare, altrimenti morirebbe. Per svegliarsi reciprocamente toccano la pinna dorsale at­traverso la regione anale-genitale causando una contrazione indi­retta delle pinne che spingono l'animale in difficoltà in superficie, lo stimolano finché questi riprende regolarmente a respirare. Per questo i delfini non possono stare molto lontani l'uno dal­l'altro, per ventiquattro ore al giorno, tutto l'anno; quando un numeroso gruppo di delfini si ammala, diciamo per un virus, si dirigono verso la spiaggia piut­tosto che morire in mare: qesto spiega il ritrova­mento di balene pilota e delfini sulle spiagge. Un numero crescente di persone sa che quando un delfino si dirige verso riva, qualcosa non va e il delfino ha bisogno di aiuto: molti delfini entrano in piccole lagune poco profonde della Florida per curarsi da eventuali malattie, proteggersi dai pescecani e altri predatori del mare; i delfini maculati pela­gici (vivono nel mare profondo) arrivano nell'acqua molto bassa e restano molte settimane a guarire le loro ferite. Balene, delfini ed orche marine ci conoscono bene, sanno quanto siamo pericolosi, hanno assistito alle no­stre guerre sul mare e nelle profondità marine, conoscono i nostri sottomarini, le bombe atomiche e all'idrogeno; ci rispettano come un gruppo pericoloso, e questa voce si è diffusa tra loro, ecco un esempio: un uomo partì da Seattle con una barca di legno a motore, vide alcune orche marine; egli sparò alla pinna dorsale di uno dei maschi, semplicemente per stupidità. L'orca si voltò, arrivò di fronte alla barca si sollevò nell'aria, afferrò l'albero maestro e lo trascinò fuori dalla barca, ma non la fece affondare così che l'uomo potè ritornare indietro e portare il messaggio ai suoi compagni: non sparate alle orche marine. I delfini sono pronti a fare qualsiasi cosa pur di convincere gli umani che sono esseri coscienti e capaci, i loro tentativi di comunicazione con noi arrivano a imitare le nostre voci, il nostro modo di ridere e altri rumori del laboratorio. Se ci si mette nella vasca con loro, subito fanno funzionare il sonar e osservano il corpo; se c'è molta luce, possono anche riconoscerli visivamente: nello spettacolo dell'Orca marina (Orcinus Orca) al Sea World di San Diego, in California, questi grossi delfini trattano gli uomini gentilmente; uomini e donne cavalcano l'orca marina tenendosi alla pinna dorsale con i piedi, hanno respiratori di profondità in caso di emergenza, le orche si slanciano in aria balzando fuori dall'acqua con l'uomo sul dorso e si rituffano nel fondo della vasca per cinque o sei volte; é un sorprendente sforzo di cooperazione sia da parte dell'uomo che dell'orca marina; l'uomo ha un grande coraggio e fiducia in questa grossa creatura; d'altra parte l'orca marina ha un'immensa fiducia negli uomini e fa il possibile per permetterè all'uomo di respirare al momento giusto per impedire che anneghi. L'enorme sensibilità della pelle di questi animali permette loro di individuare la presenza di una persona e di controllare le azioni del loro immenso corpo in modo da non danneggiare i loro amici umani: Ivan Tors fece il film Namu, l'Orca marina, l'equipe cinematografica nuotava con l'orca, una persona nuota vicino alle grandi pinne e le tocca, così l'orca abbassa le pinne e permette alla persona di salire in groppa. John Lilly scrive: avevo pian piano capito che avevo di fronte un essere indipendente che vi­veva in un ambiente diverso, la cui evoluzione è stata molto più lunga di quella dell'uomo; i delfini hanno un'etica, una morale e un rispetto reciproco molto più sviluppati di quelli del­l'uomo. Nei rapporti diretti tra delfini e persone, abbiamo avuto la prova del­ l'esistenza di un'etica fra i delfini che pone l'uomo in una posizione particolare: i cetacei insegnano ai giovani che gli umani sono esseri speciali e che devono evitare di fargli del male; i singoli delfini fanno grandi sforzi per riprogramare le loro emissioni soniche e cercare un mezzo di comunicazione con noi anche nell'aria; non abbiamo fatto così bene noi con il delfinese.. Provammo a far conquistare al delfino Elvar il primo gradino ed egli ci riuscì: in alcune settimane riuscì ad affrontare ciò che l'Homo sapiens ha affrontato 40.000 anni fa, e lo ha fatto per la prima volta solo quando noi abbiamo creduto che potesse farlo e abbiamo in qualche modo dimostrato di avere fiducia in lui. Ci si può proteggere rima­nendo nell'ignoranza, minimizzando esperienze che disturbano, o si può riconquistare una nuova sensibilità e apertura intellettuale (pur essendo doloroso) e scoprire nuovi fatti. Per poter realizzare nuove scoperte è necessario avere un atteggiamento di disinganno, sia all'inizio che in seguito; bisogna scrollarsi di dosso le proprie convinzioni di base prima che la mente sia sufficientemente disponibile a capire una nuova scoperta. Dobbiamo forse capire di essere ancora dei bambini nell'universo, che stanno avviandosi verso strade mai conosciute prima. Qualche volta noi usciamo dal nostro isolamento per andare verso qualcun altro che non si sa se esista, ed è gratificante ve­dere che anche i nostri delfini lo fanno, anche se in modo primitivo, vanno verso quegli uomini che sono disposti ad andar loro in­ contro. Esperimenti fatti all'Istituto di Ricerca sulla Comu­nicazione hanno portato alle seguenti scoperte: i delfini sono capaci di emettere sia nell'aria che sot­t'acqua dei suoni tipici. Se rimangono in contatto con persone che parlano abba­stanza a lungo e vicino, gradualmente modificano i loro rumori e ne emettono altri via via più simili ai rumori del linguaggio umano; lentamente, ma sicuramente, alcune di queste emissioni iniziano a corrispondere a suoni umani distinti, vengono pronun­ciate parole riconoscibili; vengono prodotte in grande profusione va­riazioni di queste parole. Questi animali che emettono suoni umanoidi si sono adattati allo stretto contatto con l'uomo, in modo tale da suscitare interesse da parte nostra e da provocare un'ulteriore attenzione degli animali. I ricercatori devono dimostrare rispetto per gli animali usati nei loro esperimenti, pa­ragonabile all'attenziune dei medici per i loro pazienti. Abbiamo scoperto che senza questa attenzione un delfino in reclusione non rimane in buona salute: con attenzione tenera e affettuosa, i delfini si comportano molto bene durante le sedute in laboratorio. Se noi, come esseri umani, ci aspettiamo di poter parlare con altre specie e di avere uno scambio di idee allo stesso livello al quale comunichiamo tra di noi, dobbiamo controllare la nostra tenden­za alla segregazione intellettuale di tutti gli altri organismi; nel nostro laboratorio, quando si riduce la distanza psicologica, i singoli delfini rispondono e ci vengono incontro in modo gra­tificante. Josipovici suggeriva: 'prima della creazione dell'ego, prima che questo si consolidi in strutture mentali e dualità, si intuisce uno stato primordiale, uno spazio aperto a tutti i possibili dove nessuna individualità ancora esiste; l'impresa consiste nel conoscere e trascendere l'ego: mentre affiorano i ricordi e le idee (anche preconcette), basta osservarli con forza intuitiva (credendoci dando fede) così che ci conduca alla fonte da cui provengono; isolare ogni ricordo impedisce che si congiunga al successivo, così il ricordo solitario si stacca e diventa un entità oggettiva, la propria responsabilità in esso, scompare, si comincia a perdonarsi, il passato è superato e il permesso di vivere viene concesso. Pam, un delfino dell'istituto di Lilly, per due anni e mezzo rifiutò ogni contatto con l'uomo a causa di tre colpi di fucile ricevuti nella coda quando era in mare.. sotto l'effetto dell'LSD, si avvicinò e ri­mase insieme a noi per tutto il periodo in cui durò l'effetto di quel derivato dell'ergot; il contatto fisico, tenero e affettuoso, e gli effetti del Delysid accrebbero la comunicazione non-verbale.. noi accettammo la comunicazione a qualsiasi livello in quanto non ancora in possesso di una comunicazione razionale di idee complesse. TELEPATIA: Ogni conversazione in cui si cerca uno scambio d'idee, ogni parlatore-ascoltatore invita l'altro a uno scambio di segnali che abbiano significato in un certo ambito: i due esseri interessati devono trovare un accordo sul linguaggio che intendono utilizzare (inglese, francese, ecc.), e sull'argomento, ovvero il contesto in cui i significati devono essere scam­biati. Forse gli umani sono ora in grado di costruire un modello teorico, una simulazione in grado di comprendere linguaggi non umani. Lilly provò a elaborare tale modello: l'elaborazione centrale (che avviene nelle aree mute) trasforma il significato in parole e frasi, che vengono poi immesse nei meccanismi del linguaggio che tra­smettono i segnali nell'aria circostante; le orecchie raccolgono questi segnali e li convogliano nell'area cerebrale ove vengono elaborati nel significato del pensiero originario; è utile sviluppare un metodo attendibile per trasferire direttamente i pensieri originari da un sistema nervoso centrale all'altro, senza passare attraverso l'elaborazione dei segnali appena descritta. I delfini fanno la loro parte, essi compiono sforzi sorprendenti per riprogrammare le loro emissioni sonore e risolvere i problemi di comunicazione posti dall'uomo; calcolatori veloci possono aiutare gli umani a comunicare con i delfini e gli altri cetacei, dunque è necessario riconoscere loro dei diritti come individui, nell'ambito della nostra legislazione: i cetacei non devono essere più considerati una proprietà, né una risorsa industriale né un ordine di animali; devono avere completa libertà nelle acque di tutto il mondo; ogni singolo cetaceo deve avere gli stessi diritti legali degli esseri umani; gli umani, come singoli individui o come gruppo, devono avere il diritto di ricorrere agli organi giuridici per aiutare i cetacei minacciati da altri esseri umani. delfino Peter e Margaret (umana), nel laboratorio di St. Thomas, alle Isole Vergini, ebbero un rapporto simile a quello esistente tra madre e bambino: se l'uomo che lavora con il delfino pensa che l'animale sia stupido, allora il delfino si comporterà da stupido; se i criteri sono troppo rigidi e lo costringi in uno spazio troppo ristretto tanto da infastidirlo, egli romperà il meccanismo e lo getterà fuori dalla vasca.. così dicevamo allo psicologo: 'vai nella vasca con loro, fai amicizia e può darsi che si adattino di più, se credi nella loro intelligenza, allora li ascolti e permetti che essi pongano le loro condizioni, e tu esegui il lavoro. Quando uno di questi animali imparerà a parlare il nostro linguaggio, chiederà uguali diritti e vorrà vivere nell'ambito dei nostri codici etici e legali. Prima che l'uomo si inoltri troppo nei programmi spaziali, sarebbe opportuno spendere tempo, impegno e denaro per la ricerca sui delfini; una specie dotata di grande cervello che vive in una situazione dove gli effetti della gravità sono ridotti; un gruppo con cui possiamo imparare le tecniche fondamentali della comunicazione con forme di vita intelligenti diverse dall'uomo. Proviamo a scoprire quale etica, filosofia, norme essi hanno trovato per sopravvivere in armonia negli oceani del pianeta. Gli antichi extraterrestri sono qui e aspettano che diventiamo adulti e comunichiamo in modo maturo: smettiamo di distruggerli e distruggerci e iniziamo un nuovo dialogo evoluzionistico fra le specie. 19.䷒ PAN DELFINA

20.䷓ FAUNA SPONTANEA - 鼠 shǔ (rat, topo, rad.208)

Pamela ci invita ad osservare la presenza di animali nel territorio vulcanico delle forre del Biedano; qui come altrove, ogni anno si alterna il ritmo di nascita e morte delle varie creature, poste in simbiosi tra loro, o in rapporto preda-predatore. Ogni vivente sulla terra è una parte essenziale della grande macchina elettro-biologica, se una parte non riesce, tutta la macchina ne risente: affinché la danza elettro-biologica continui senza problemi, ogni essere umano svolga il suo ruolo, sinceramente, come dettato dalla sua natura. Le foglie più alte di un albero, sembrano intagliate più finemente, come se volessero meglio servire la bioelettricità; lo stesso sembra essere con gli animali e le loro punte, le più acute sono poste al culmine della struttura, così da disperdere e attirare più bioelettricità possibile: corna dei bovini, rinoceronte e cervo, cresta e bargigli dei galli, tacchini, gufi e altri uccelli; criniera e coda del cavallo, testa del cammello, giraffa, lupo, volpe; cani con le orecchie in alto o in basso. Come nel mondo vegetale, gli animali e le loro punte variano secondo la specie, habitat e stagioni che sopportano: cambio di mute, metamorfosi, etc. L'addomesticamento eccessivo causa squilibrio nel rapporto con la terra e il cosmo: quando accarezzate il vostro gatto o cane, notate un crepitio elettrico, ciò non accade se l'animale è nel vostro giardino. Tranne rare occasioni, l'animale consuma il suo cibo quasi ancora vivo, piena di bio-elettricità, e passa in lui per una migliore fonte di vita. Il cane di Matteo preferiva la carne fresca, ma sapeva come mutare la carne morta in carne viva: la seppelliva e aspettava l'azione delle correnti telluriche. Gli animali scuotono la coda nei momenti di alta emozione: durante la stagione degli amori, Pavone e altri uccelli, aprono le code nella speranza di influenzare i loro potenziali compagni; espongono molti punte di piume, così da avere più forza nel corpo allo scopo dell'accoppiamento. Mammiferi (faŭno 动物 สัตว์) presenti nella Valle del Biedano sono: gatto selvatico (Felis silvestris), cinghiale (Sus scrofa), lupo (Canis lupus), donnola (Mustela nivalis), martora (Martes martes), volpe (Vulpes vulpes), lepre italica (Lepus corsicanus), istrice (Hystrix cristata), tasso (Meles meles), scoiattolo (Sciurus vulgaris), toporagno (Sorex samniticus), moscardino (Muscardinus avellanarius), ghiro (Glis glis) e topo selvatico (Apodemus sylvaticus). Nei torrente Biedano e Vesca, pur inquinati da scarichi fognari, pesticidi e diserbanti dei coltivi, sono presenti Pesci 鱼类 yú lèi e Crostacei indigeni: il barbo (Barbus plebejus), la rovella (Rutilus rubilio), il vairone (Leuciscus souffia), il cavedano (Leuciscus cephalus); gambero di fiume (Austrapotamobius pallipes), granchio d'acqua dolce (Potamon fluviatile). Anfibi e Rettili 两栖类 più comuni sono: testuggine terrestre (Testudo hermannii), rana agile (Rana dalmatina), salamandrina dagli occhiali, Salamandrina terdigitata, ululone dal ventre giallo (Bombina variegata pachypus), cervone (Elaphe quatuorlineata), coronella austriaca (Coronella austriaca), coronella girondica (Coronella girondica). Mentre la Rana vive sempre in acqua, il rospo è terricolo, và in acqua solo per accoppiarsi e deporre uova, così negli esodi primaverili, molti rospi finiscon vittime della strada, digiuno o predatori. Nelle loro orge, che attirano predatori (natrice, ecc.), alcune femmine perdono la vita, schiacciate o soffocate dai troppi pretendenti, e diventan cibo di nibbi e cornacchie che sorvolano il laghetto. Amore e morte dunque, ma alla fine, dalle migliaia di uova, nasceranno girini che in 2/3 mesi muteranno in rospi, lasciando l'acqua, seguiran le orme dei genitori verso i boschi. I Rospi (Bufo bufo, toad) scendono da boschi e campagne in cerca di fossati e pozze d'acqua, per accopiarsi e deporre uova. Invasi da frenesia, più maschi si accoppiano alle femmine (più grandi dei maschi) direttamente in acqua, un raduno amoroso dei rospi, legato alla Pasqua di stagione, e qualsiasi cosa si muova nell'acqua, può venir scambiata per una femmina disponibile. Il rospo delle canne (Bufo marinus), lungo 10-15 cm, ha ghiandole paratiroidi che secernono la bufotossina, che può avere effetti letali su altre specie animali. Vive del Texas all'Amazzonia, al Perù, ma fu introdotto, per la lotta biologica, in vari paesi del mondo, con risultati scarsi: in Australia si pensava di usarlo nella lotta contro insetti infestanti, ma la sua rapida moltiplicazione ha portato alla riduzione di varie specie di roditori, anuri e rettili, con cui compete per il cibo e che spesso preda (effetto letale della bufotossina), impattando così la biodiversità e la catena alimentare locale. Pamela si ferma, osserva una Tartaruga (turtle) che lenta guadagna la sua strada.. esce dal letargo solo se l’inverno è mite e resta in superficie fino ai 7 gradi: se scende improvvisa nella sua buca, che è fonda quanto l'inverno, il freddo arriverà in poche ore.. nella religione slava, all'umano è assegnato, dalla nascita, un numero di anni da vivere (rok-poк), dopo i quali esso andrà in un altro tipo di vita nel mondo dei morti. Durante il periodo attivo di vita possono accadere imprevisti che mutano il rok-pok, abbreviando o allungando la vita. Il corpo umano, come gli altri animali, deve lavorare regolarmente per il tempo assegnato e, solo quando una forza/spirito pesante penetra dentro esso, si genera dolore, malattia fisica o mentale. Questo succede nella maniera permessa dal rok: morire presto o vivere troppo è imprevedibile! Lo Smierd russo, quale membro di una larga famiglia, ottiene aiuto concreto e assistenza dai parenti, così non sempre necessita l'intervento di forze supernaturali. Ciò che gli portà ansia e solo l'incapacità di predire o afferrare i segni che indicano un evento; quantunque è possibile lungimirare e stare vigili.." Pamela riempie le tasche di Seba e bimbi con semi di Girasole (sunflower seeds), buon cibo per le camminate. Tali semi aiutano a bilanciare gli ormoni maschili e la prostata, rafforzando al contempo gli occhi alla luce del sole. Pamela osserva un Cane sulla strada e ricorda una lezione di Sesto: "una volta il sacro spirito d'Iboga mi portò presso la ragnatela di un ragno e mi domandò che cosa faceva l'animale. Io risposi che il ragno faceva la tela per poter viverci e catturare il suo cibo. Lui mi disse: guarda ancora più da vicino. Io potevo vedere e sentire un sottile suono venire dalla bocca del ragno e, ogni volta che il ragno toccava un pezzo di tela, un suono ne usciva e veniva trasportato dal vento. La pianta mi disse che il ragno suonava la sua tela e cantava la sua preghierta agli dèi e, in ritorno, otteneva cibo (o pioggia per i contadini). Poi lo spirito mi portò presso un cane, seduto davanti a un tempio Buddista, e mi chiese: che cosa sta facendo? Io dissi che stava lì a rilassarsi. Lei mi disse: guarda meglio.. allora io vidi che anche il cane stava emettendo un suono basso e, in quel momento, uno spirito stava davanti a lui. Il cane stava ringraziando e pregando lo Spirito e poi, alcuni spiriti bui vennero e il cane abbaiò loro per allontanarli. Lo Spirito iboga disse: questa è la funzione più alta del cane e, la funzione più alta di ogni essere vivente e la stessa, pregare e ringraziare lo Spirito per ogni momento di respiro." Passeggiando ancora, Pamela ripensa al rapporto preda-predatore tra gli animali, poi subito rammenta un discorso di Raseno: "i cacciatori umani vanno a caccia nel bush per nutrire il corpo e l'anima, ovvero il sogno (dream) della propria famiglia o comunità. I Tibetani son sempre stati avidi cacciatori, sebbene, hanno accettato alcuni tabù riguardo certe specie da non caccviare o mangiareto per suscitare l'ira degli dèi locali: el Kham orientale, la caccia fu accettata quando la selvaggina abbondava, e dai monasteri e dalle elite giungeva domanda di pellicce, o per scopo di commercio. per i Tibetani il significato spirituale della conservazione (yul-lha), appare più importante di quello ecologico; i nomadi Kham manifestano un etica conservativa in quanto la natura ha intrinsico valore datole dagli dèi o numina (genius loci). Come gli aborigeni Australiani, sacro e tabù si legano a particolari specie di alberi, foreste, montagne, fiumi, cave, laghi e siti, i quali giocano un ruolo chiave nella protezione di particulari ecosistemi, per l'uso sostenibile della popolazione locale. Ogni animale o pianta ci sussurra i segreti dell'ecosistema attorno, bisogna solo tendere l'orecchio e avere pazienza (fede). Il Topo-mouse è innocuo, ha occhi neri e coda lunga, si ciba di cereali ma è la preda preferita di molti predatori; quello selvatico è detto Apodemus sylvaticus. Pamela incontra una civetta (athena noctua, little-owl), e ritrova i versi a lei dedicati nel Libertages, accanto ai versi di Bastet, Dea-gatto adorata nei templi-granai della città di Bubastis. Bastet, Dea dell'antico Egitto, con l'avvento del Cristianesimo fu relegata tra i culti pagani, prima demonizzati e poi trasformati in maschere del Carnevale, così il Gatto Mammone, nel folklore italico, rimase un enorme gatto con funzione protettiva, immune agli effetti nefasti degli incantesimi di altri spiriti; in alcuni casi ha una emme bianca sul muso nero, talvolta è tutto nero e si nasconde negli angoli bui. Seba mentre offre avanzi di cibo alla fauna selvatica in visita al Therabuti, chiede a Laura come avvicinare un gatto randagio: "abbassati e aspetta, offri il dorso della mano affinchè lui possa sentire il tuo odore, se lui ti accetta allora progredisc, altrimenti rispetta la sua scelta. Il Gatto selvatico (Felis silvestris), è specie diffusa in Eurasia ed Africa (Bastert), in Italia è nel centro-sud, Sicilia e Sardegna. Più massiccio del gatto domestico, ha occhi giallo-verdi, pelo soffice e sottile, grigio-giallastro sopra e bianco-giallastro sotto, e parti corporee striate di nero. Il maschio è poco più grosso della femmina e ha testa più massiccia. Questa specie vive in aree boscate o cespugliate ed ha abitudini soprattutto crepuscolari-notturne: solitario, in coppia o in gruppi familiari; essenzialmente carnivoro, caccia piccoli mammiferi, uccelli, rettili (roditori, conigli, lucertole), a volte anfibi, pesci, mustelidi, scorpioni e cuccioli malati. Il gatto selvatico è molto cauto nei confronti dell'uomo e cerca sempre di non avvicinarsi alle zone abitate. È creatura solitaria e ciascun esemplare difende un proprio territorio di 1,5–12 km², a seconda dell'ambiente locale. I maschi hanno areale che si sovrappone a quello di tre-sei femmine vicine. Gatti selvatici di ambo i sessi marcano i propri territori depositando feci in luoghi esposti, spruzzando urina e rilasciando odori, strofinando le guance e grattando il terreno; i suoi principali competitori sono le volpi, martore (che uccidono i piccoli e talvolta gli esemplari adulti), sciacalli dorati e gatti della giungla: dove gli areali delle due specie si sovrappongono (Caucaso), i gatti della giungla abitano le pianure, mentre i gatti selvatici vivono nelle foreste di faggi sulle pendici dei monti. Il cosmopolita gatto domestico (F.silvestris catus), discendente dalla sottospecie lybica, è stato introdotto in ogni continente e in molte isole del mondo dove, spesso, torna allo stato selvatico. Nel suo areale originario il gatto selvatico si è adattato a tanti habitat: savane, foreste aperte, steppe; fu addomesticato forse nel Medioriente, in coincidenza con la nascita dell'agricoltura e il bisogno di proteggere i raccolti dai roditori granivori. Il selvatico può incrociarsi con il gatto domestico, generando prole feconda, l'estro dura due-otto giorni e la gestazione 56-69 giorni. Poichè privo di esigenze stagionali, il selvatico nordafricano si accoppia in ogni periodo dell'anno, mentre quello europeo si accoppia da marzo a maggio e partorisce 2-6 piccoli maculati, ciechi e inermi, allevati dalla madre, nella crescita le macchie si fondono a formare strisce. I gattini aprono gli occhi dopo 7-12 gg, iniziano a procurarsi il cibo da soli a 10-12 settimane, conducono vita indipendente dopo il terzo mese e, entro il primo anno di vita, raggiunta la maturità sessuale, devono riuscire a occupare e difendere un proprio territorio. In cattività i gatti selvatici vivono fino a sedici anni. Conigli e Lepri non passano un muro di cipolle a bordura di orti, essi gradiscono leguminose fresche, prima della comparsa dei fiori, sono ottimo alimento per cuccioli e madri, ma vanno limitate agli adulti dopo i 6 mesi, possono causare gas intestinali e gonfiori. Pamela, a marzo, incontra un riccio, talpe, anfibi e topolini, e qualche sera d'estate, sente rumori presso i vasi di fiori coltivati, sembrano grossi topi ma in relatà è il Riccio! amico sempre ben accetto nell'orto-giardino del tempio, poichè caccia lumache, larve, insetti, stermina intere nidiate di topi troppo prolifici e all'occorrenza, caccia rettili, anfibi, uccellini, bacche e frutta matura. Di giorno si rifugia tra cataste di ramaglie e se disturbato, si arrotola a palla su se stesso; teme volpe, tasso e cani, la volpe è astuta e urina sulla palla-riccio per farla aprire, poi lo attacca sul muso; i ricci uccisi sulle strade, son predati da gazze, cornacchie e poiane. Con indole solitaria e prudente, se si sente tranquillo, di notte si muove goffo e rumoroso sul fogliame ed è scontroso con i suoi simili che capta via olfatto ed udito, emette leggeri grugniti come il maiale. Vive 5 max anni, ha corpo tozzo e muso appuntito con occhi piccoli, unghia forti e piccoli aculei lunghi 3 cm, partorisce da mag-set e va in letargo da nov-mar tra cataste, anfratti, stalle, ecc. Sa essere veloce e superare a nuoto piccoli fossi. Rivela la sua presenza con escrementi cilindrici lunghi 3 cm e larghi 1, lucidi da freschi e opachi nel tempo, fatte spesso pressovasi e sottovasi, come salsicciotti appuntiti a un estremità che, sezionati, rivelano semi di frutti, chitina d'insetti, peli e ossa di topolini. Pur la Talpa vive solitaria e cerca partner solo nel periodo degli amori, vive fin 4 anni, ha occhi piccolissimi o ciechi e una corta proboscide, ha pelo corto che le permette camminare veloce nelle strette gallerie, anche all'indietro, le zampe anteriori hanno unghia lunghe e piatte, rivoltate come l'unghia del contadino, e agiscono come pale per scavare e rivoltare il suolo. In inverno scava cunicoli profondi fin 60 cm sottoterra, utili all'agricoltura: la talpa, scavando stanze e un labirinto di gallerie, aera il terreno e distrugge, per cibarsi, molte larve di insetti parassiti, mangia pure millepiedi, ragni, chiocciole, lombrichi, e, se incontra nidiate di topolini o lucertole, le attacca senza problemi. Solo in un prato ornamentale risultano poco estetici i mucchietti di terra che la talpa crea spingendo in alto, con testa e zampe, la terra scavata, i monticelli fungono da prese d'aria al sistema di tunnel e a volte uscite di emergenza. Essa esce dalle gallerie solo per gli amori e allagamenti di gallerie. Nelle forre del Biedano, oltre agli Uccelli dei boschi, nelle molte grotte e cavità di vario tipo, naturali o scavate nel tufo da tempi remoti, e usate dai pastori transumanti provenienti dall'appennino, osserviamo una bella comunità di mammiferi volanti, i Chirotteri: pipistrello albolimbato, molosso del Cestoni (Tadarida teniotis), vespertilio smarginato (Myotis emarginatus) e ferro-cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum). Il Pipistrello albolimbato (Pipistrellus kuhlii) è specie turanico-mediterranea, diffusa in Europa centro-meridionale, nord Africa e medioriente. Frequenta vari tipi di ambiente ed è il chirottero più comune negli abitati: si rifugia negli interstizi dei fabbricati, nelle cassette-nido, in fessure artificiali di cave e miniere e nei suoi rifugi naturali: fessure nelle rocce e cavità arboree. Si nutre di piccoli insetti (Ditteri, Lepidotteri, Tricotteri e Coleotteri); le femmine partoriscono due piccoli a giugno-luglio. La Volpe rossiccia (Vulpes vulpes) ha gola, ventre ed estremità della coda bianche; muso allungato, orecchie triangolari e molto mobili; è buona nuotatrice e, nelle ore diurne, riposa nei fitti cespugli, dentro tronchi o all’interno di vecchie tane di Coniglio selvatico e Tasso, oppure la scava lei stessa. Anche tra le volpi vi sono specie minacciate dalla caccia per hobby, ritorni di moda per le loro pellicce o sterminio per il controllo della rabbia. Tutti le volpi possono soffrire di rabbia, malattia da virus che può causare idrofobia nell'uomo; esse arrivano a sopportare una mortalità del 75% e poi riprendersi. La vaccinazione orale è oggi realizzata mediante lanci aerei di esche contenenti vaccino antirabbico. La Volpe (latino vulpēs, greco ἀλώπηξ alṓpēx, lettone lapsa) è piccolo canide con muso appuntito, cranio leggero e appiattito, orecchie larghe e coda molto pelosa. Nel mondo il genere vulpes include 24 specie, dalla volpe polare a piccolo fennec del deserto. Nell’immaginario umano, è animale ambivalente: minaccia del pollame o fauna esotica; bella e scaltre predatrici di roditori, assai utile ai raccolti del contadino. Diffusa in America, Europa, Asia e Africa, fin nelle periferie delle città, fu introdotta pure in Australia, poi inserita nell'elenco delle 100 specie aliene localmente più dannose. Tutte le specie mostrano grande adattabilità rispetto al cibo e la loro dieta dipende dalle prede disponibili localmente; usano tecniche di caccia che variano dall'appostamento furtivo all'attacco improvviso: l'otocione si nutre di termiti, le volpi polari di uccelli marini, invertebrati marini, frutti, bacche e carcasse che trovano nelle loro esplorazioni delle spiagge durante la bassa marea. Sebbene le volpi rosse preferiscono roditori come l'arvicola (famiglia dei Cricetidi), piuttosto che il topo selvatico (famiglia dei Muridi), la loro dieta include: uova, frutta selvatica, scarafaggi, cavallette e lombrichi, uccelli, selvaggina, roditori e rifiuti urbani; quando è stagione, il 90% della dieta può esser dato da more, fichi, mele e frutti della rosa canina. Tutte le volpi catturano i roditori saltando a un metro da terra e ricadendo in picchiata sulla preda con le zampe anteriori, così da neutralizzare il balzo verticale con cui alcuni ratti cercano di sfuggire ai predatori. La competizione diretta del cibo (simili abitudini alimentari) influenza distribuzione e taglia delle varie specie: la volpe rossa pesa il doppio della polare, così, nelle regioni più settentrionali, dove scarseggiano prede, non controbilancia i consumi energetici come invece fa la volpe polare. Tuttavia, nelle aree dove potrebbero convivere, la maggior taglia della volpe rossa le permette di sovrastare la volpe polare, limitando così la diffusione meridionale delle volpi polari, limite che fluttua durante le varie epoche glaciali. Dove le specie hanno medesima taglia, la volpe delle Ande popola le regioni più elevate delle Ande, altrove, la volpe grigia si fa più piccola e caccia prede più piccole, riducendo la competizione. Le volpi, cacciatrici solitarie di piccole prede, diverse da altri canidi tipo i lupi, che cacciano in branco, in alcune zone sono monogame, in altre posson vivere in gruppi di un maschio e più femmine imparentate fra loro, mentre tutti i discendenti maschi emigrano dal gruppo. Il maschio marca il suo territorio in modo sistematico e comunica con i propri simili con segnali sonori, visivi, tattili e olfattivi. Una volpe può riconoscerne un altra dall'odore (tioacetato del tipo delle puzzole), oltre a decifrarne il rango gerarchico e il livello sociale. Le volpi difendono il loro territorio in coppia durante l’inverno e da sole in estate, la coppia tende a riformarsi ogni anno e il maschio partecipa alla cura della prole, procurando il cibo e difendendo i cuccioli da possibili predatori. In Italia il periodo degli accoppiamenti va da gennaio a marzo e la gestazione dura circa 60 gg. I piccoli vengono alla luce in aprile-maggio in numero di 3-8 e, molto giocherelloni, si emancipano a 3-4 mesi di vita; la madre li allatta per un mese poi gli dà cibi predigeriti e rigurgitati. Vivono in media fin 10-12 anni. La Volpe caccia solitaria e il suo territorio di caccia, in Italia, varia tra i 300 e i 500 ha, a seconda della densità delle prede; le volpi di ogni gruppo cacciano in zone differenti del loro territorio, e il maschio dominante monopolizza la zona migliore. Feci e urine su ciuffi d'erba, sono segnali olfattivi che marcano il territorio più visitato. Le volpi dominanti emettono urina più dei subordinati, e ogni individuo può distinguere le proprie urine da quelle di estranei. Le volpi hanno ghiandole anali che emettono feromoni, spontaneamente o con le feci, ghiandole fra le dita, e una ghiandola viola alla base della coda, simile a una macchia scura, che distingue la coda di tutte le volpi. Come altri Canidi, nel periodo degli amori, maschio e femmina si cercano attraverso segnali olfattivi, sonori (abbaio) e linguaggio non verbale: uggiolii fra femmine e cuccioli, ululati, latrati e strilli; le volpi possono avere più partner e tane comuni. La Faina è simile alla Martora, ma ha pelliccia più grigiastra con macchia golare bianca divisa in due parti; ottima arrampicatrice, procede a balzi e salti, si rifugia vicino alle abitazioni in cunicoli, cavità di alberi,fienili e vive ai margini dei boschi o dei coltivi. Si riproduce in lug-ago (gestazione di 260 giorni) dando 3-5 piccoli, ciechi per 30-40 giorni; l’allattamento dura 8 settimane e l’indipendenza è raggiunta a 3 mesi. Conduce vita solitaria o in piccole famiglie che si disgregano dopo aver addestrato i cuccioli. La Faina ama bacche e frutta ma, nella fase gregaria, sviluppa tecniche venatorie di gruppo ai danni di piccoli pollai. Così è tra i carnivori più sanguinari che, in casi di abbondanza si accontenta di succhiare il sangue alle sue prede attaccandole o alla nuca o alla gola. La primavera risveglia la vita e contagia Seba: "le gemme si gonfiano sui rami, il prato si colora (fiori e farfalle) e i pesci fan capolino; le rane ancor intorpidite, inizano la caccia agli insetti che si fan numerosi per la gioia dei predatori. Le lucertole si scaldano al sole, in cielo appaion le rondini, sui tetti vociano i passeri, nei campi le allodole fischian melodie, lo storno si stacca dai gruppi d'inverno e vola nella macchia, così le cince, per nidificare, sfruttano i vecchi nidi dei picchi che tambureggiano in lontananza e le poiane richiaman penetranti; là sugli arbusti, merli, gazze, fringuelli e capinere strillano. Iniziano amori e corteggiamenti sotto la frenesia degli ormoni, il fagiano fa parate e le lepri si esibiscono in duelli rituali di "boxe". Il Cinghiale (sus scrofa) frequenta la macchia mediterranea, paludi e fitti sottoboschi dell'Eufrasia, ma spesso vedo sue tracce nell'oliveto del tempio, dove la notte si reca a far scavi con grugno e zanne, compiendo un bio-aratura profonda 10 cm, per portar sù nutrienti radici, tuberi, bulbi, germogli, erbe, funghi, tartufi, frutti, bacche, rettili, anfibi, piccoli animali feriti/ammalati e carogne. Animale forte e robusto, teme solo il lupo e i cacciatori, ha corpo tozzo con arti brevi e muso allungato da cui spuntano 2 canini ricurvi (zanne); si accoppia in nov-dic e partorisce 3/12 piccoli in mar-mag. Ha indole tranquilla, ma divien pericoloso se costretto a difender se stesso e la prole; vive in branchi guidati dalla femmina, dove i maschi chiudono la carovana, ma i più vecchi, tendono a vita solitaria. Onnivoro, rilascia escrementi nerastri lunghi 10cm e spessi la metà, lungo le piste che percorre in fila indiana al passo o al galoppo. Altri segni della sua presenza, sono scorticature e melma sui tronchi degli alberi, dove l'animale va a grattarsi dopo i salutari bagni di fango. A primavera, vedo pur Caprioli aggirarsi sospettosi nel sottobosco, cercando tenere foglioline, ma un rametto spezzato, li fa fuggir nella macchia. Il Surmolotto (rattus norvegicus) ama ambienti umidi di fognature e fossi di scolo e colonizza cantine, legnaie, stalle e pollai dove trova cibo dai vassoi di animali domestici, onnivoro che mangia tutti gli scarti a volte anche predatore di lucertole, pulcini e topi e diviene aggressivo se privato di vie di fuga. I ratti hanno abitudini notturne sebbene qualche individuo emarginato dalla sua colonia, può muoversi, cauto, in pieno giorno. Le Arvicole agresti hanno muso breve e arrotondato, orecchi tondeggianti sporgenti dal pelo, occhi piccoli e scuri, coda breve, 8 mammelle, mantello a pelo corto grigio-bruno-giallastro sopra (i giovani più scuri) e brunastro sotto. Di abitudini sotterranee, scavano gallerie con diverse aperture verso l'esterno e seguono dieta vegetariana: divorano il cuor di carciofi e altre piante d'orto e, in inverno, rosicchiano radici di piante da frutto, cortecce di arbusti e alberi, erbe e a volte semi: rifuggono amare piante come il Sambuco fresco o macerato, così come i ratti rifuggono le panelle di Ricino. Le femmine maturano a 12 giorni dalla nascita, i maschi a 28; si accoppiano anche tutto l'anno: gestazione 19-21 giorni, con 4-8 piccoli, in nidi sotterranei. Fan parte della fam. degli arvicolini, con denti molari cuspidi, a crescita continua e adatti a uno stile di vita erbivoro; differiscono dal Topo (granivoro) e dal Toporagno (insettivoro a muso lungo). Loro cugini sono i lemming, pelosi e dalla coda corta, o gli ondatra dallo stile di vita acquatico. Il Cervone (Elaphe quatuorlineata, Colubridi) è il più lungo serpente italiano, da 80 a 240 cm, raramente oltre 160. Ha colore bruno-giallastro con quattro tipiche barre scure longitudinali (da cui il nome). Cervone è un serpente diurno, terricolo, a volte può trovarsi su arbusti, poco veloce e buon nuotatore, quando si arrampica è molto agile e, facendo forza sulla coda prensile può raggiungere un ramo distante 1 m o più. Trascorre l'inverno in gallerie di roditori abbandonate, da solo o in gruppi di 4-7 esemplari, spesso in compagnia di saettoni. Si nutre di piccoli mammiferi (arvicole, topi, toporagni, conigli, donnole, scoiattoli, e simili) che soffoca tra le spire, nidiacei di uccelli (fino al piccione), uova (inghiotte intere e poi rompe con i muscoli del tronco) e qualche lucertola (cibo preferito dai giovani). Gli accoppiamenti durano 3-5 ore, in genere in aprile e giugno; dopo 40-50 giorni la femmina depone alla base di arbusti, o buche nel terreno, o fenditure della roccia, 3-18 uova con guscio biancastro e molle che si indurisce a contatto con l'aria. Talvolta la femmina protegge le uova tra le spire del suo corpo per 3-5 giorni, altre volte le ricopre con la sua exuvia. Dopo 45-60 giorni dalle uova escono i piccoli, lunghi 30-40 cm. che mutano nei primi 7 giorni. Nei primi 2-3 anni l'accrescimento veloce e i cervoni mutano in media una volta al mese (in estate anche due volte), dal 4º anno la velocità di crescita diminuisce molto e gli adulti mutano 2-3 volte l'anno. In Italia è frequente nelle zone centro-meridionali, ama la macchia mediterranea, il limite di boschi, radure soleggiate, sassaie, muretti a secco ed edifici abbandonati; ama gli ambienti caldi (24-34 °C) e umidi. In cattività può vivere oltre 20 anni. È una specie in progressivo declino per la scomparsa degli habitat in cui vive; è è protetto dalla Convenzione di Berna. Il nome cervone deriva dal fatto che i pastori che lo vedevano durante la muta, scambiavano la pelle secca della testa per delle corna; il serpente ha pure piccole escrescenze sul capo. La credenza popolare voleva che fosse attirato dal latte delle vacche e delle capre al pascolo e, per procurarselo, si attaccasse alle mammelle degli animali, o lo leccasse dalle labbra sporche dei lattanti. A Cocullo (AQ) il Cervone è il protagonista dei festeggiamenti di sanDomenico, dove, assieme altri ofidi, ricopre la statua portata in processione. La festa discende dal culto dei Marsi per la dea Angizia, dea associata ai serpenti e venerata per le guarigioni. In Salento il Cervone è detto Secàra ed è protagonista di molte leggende contadine ereditate dai Messapi, si crede che: raggiunga un'età secolare, subisca una metamorfosi finale con comparsa di un corno sul muso e piume sul capo, e acquisti la capacità di emettere suoni gutturali simili al chiocciare delle galline. Il Biacco (coluber viridiflavus) è il serpente di campagna più mordace (prova a mordere ripetutamente) se si stenta di catturarlo, sibilando e sembrando più grande e pericoloso (tecnica del bluff), non teme i suoi simili e le vipere che, se occorre, può predare, assieme a lucertole, ramarri, topi, arvicole, anfibi, uccelli e grossi insetti. Come gli alri colubridi (natrice), è inocuo, non inietta veleno sebbene il morso può esser doloroso. Ama scaldarsi al sole, attorcigliato su un ramo o steso su una pietra piatta, di notte si rifugia in tane di roditori o sotto i sassi. Ha testa piccola ovoidale con occhi piccoli e pupilla rotonda, ha squame liscie, scure nero brillante o screziate di macchie gialle con gola più chiara. I maschi son lunghi fin 1,50 m. Le femmine fan le uova tra apr-giu, e tutti si ritirano, a fine autunno, sotto le radici degli alberi o anfratti del suolo, per uscire a primavera col clima mite. Il Colubro liscio (Coronella austriaca) è un serpente grigio, marrone o rossiccio, con punti più chiari lungo il dorso, una stria nera attraverso gli occhi e pigmenti più scuri sopra la testa. I maschi adulti hanno colorazioni tendenti al bruno, mentre le femmine al grigio. In Italia è lungo 60-75 cm, ed è presente in tutta Europa, lo si incontra raramente poichè è molto schivo. In natura ha abitudini diurne e si nutre di lucertole, orbettini, topi ed altri piccoli serpenti. Spesso fa la siesta, ma in caso di minaccia si rivela aggressivo, cerca di mordere ogni cosa si avvicini, e scaricare il contenuto fetido della sua cloaca sull'aggressore (similmente alle Natrix). Ha una piccolissima ghiandola velenifera sopra la commessura della bocca, produce veleno analogo al cobra, in grado di uccidere per paralisi respiratoria un coniglio, una cavia, un passero o una rana nel giro di alcune ore; nell'uomo il suo morso non provoca alcun effetto. Se presa in mano si dimena senza sosta, assume la tipica posizione di attacco ad S, e appiattisce la testa per simulare una vipera! Qualcuno alleva questo ofide in fauna-box, con ciotola d'acqua, molti nascondigli (ha indole molto timida) e fogli di giornale come substrato, dopo averlo fatto ambientare per qualche giorno, viene nutrito con pezzetti di tacchino spolverati con calcio e vitamine. Il colubro di Riccioli (Coronella girondica) è un altro colubride inoffensivo, diffusa in sud Europa e nordAfrica. Al cervone e alla coronella è ispirato il Caduceo e il personaggio Eisenhaim, leggendario mago austriaco che, dopo un viaggio in Oriente ed Africa, divenne Medium sibillino esperto di ipnosi, illusionismo e stati di trance, che sapeva indurre nei suoi spettatori al teatro in cui si esibiva. La Natrice dal collare (natrix natrix) è la biscia più comune lungo le rive dei fossi, stagni e paludi, a volte in prati, boschi e attorno le case di campagna, così, più di tutti paga con la vita, l'ignoranza e le paure dogmatiche dell'uomo. Natrix ha testa tonda e dietro ha due mezze-lune gialle bordate di nero (collare), ha pupilla tonda tipica dei colubridi e color del corpo olivastro o grigio macchiato di scuro, con parte inferiore sempre più chiara, nuota bene e, la femmina, caccia sia in acqua che a terra, inseguendo i rospi. Se tento di afferrarla, Natrix si arrotola su se stessa, mimando la vipera minacciosa, ma ha veleno molto blando e denti corti e non cavi, incapaci di inoculare in profondità; altra bluff di difesa contro cani, gatti, volpi e umani, è una sotanza nauseabonda che secerne da ghiandole anali e, in caso di estremo pericolo, si finge morta con ventre all'aria e lingua penzolante. Bisce Saettoni o Colubridi di Asclepio, sono innocui e in Romania son sacri poiché, da sempre, sono usati a limitare i roditori nei templi-granaio; il Saettone (aesculapian) è così chiamato per la rapidità del movimento, è rettile bonario e non mortifero. I Colubridi differiscono dal Marasso (viper aspis) poiché han lunghezza oltre 60cm, colori scuri nel corpo e morso a forellini. la Vipera (蛇 shé, serpento) invece può iniettare veleno nei suoi morsi. I 4 Viperidi velenosi hanno capo triangolare più largo del corpo, palpebre superiori che schiacciano l'occhio, coda e corpo corto e fitte scaglie sul capo. Dopo un morso di vipera (simile alla puntura di centinaia d'api), compaiono sintomi precisi: dolore e infiammazione delle zon colpite; emorragia a singhiozzo; sete intensa e secchezza di bocca seguita da ittero. Se ingerito, il veleno di api e vipere, in stomaco, viene in gran parte inibito e scomposto da ptialina (come papaina), pancreatina ed enzimi MAO che hanno il compito di disattivare qualunque sostanza aliena potenzialmente dannosa. Tale azione è maggiore nelle persone con sistema immunitario reattivo. I nativi Europei (slavi, finni, irish, etc) produssero varie storie sul potere di cura dei serpenti, rane e altri animali, proponendo effigi di draghi da portare in processione in date feste. Molte grotte-tempio vennero poi cristianizzate costruendovi cappelle vicine, e rinominando dei e dee animiste come santi: le sculture di animali immaginari e draghi, in queste cappelle e grotte, vennero chiamate: stile grotesque. anche le cattedrali commemorano tali spiriti, in molte forme. Una dea-serpente Scizia, domina della terra, è comune tra le grotte del fiume Dniepr e lungo il Mar Nero. Fate-serpenti volanti appaiono in tutta l'Europa come guardiani di tesori: in Spagna, ad esempio, le xanas (dianas) proteggono tesori in grotte sotto l'acqua; le belle donne-serpente delle fontane sono dette moras encantadas, una parola Gaelica che significa morti, trapassati, antenati. Le mouras encantadas portoghesi sono visibili solo nella notte di Midsummer, quando filano con fili d'oro, raccolgono i loro capelli e lasciano fichi nel dew. Le streghe stesse sono spesso descritte come aventi forma di serpente; in Ukraina il nome serpente significa anche strega: gli slavi della Russia meridionale pensano (come i Piceni itlaici) che le streghe abbiano code, segno che una volta furono serpenti; gli Ossezi del Mar Nero narrano di donne capaci di mutarsi in serpenti. Così i Siciliani narrano di spiriti-tempesta chiamati draunàra (dragoni), legati alla pianta di Mandragora autumnalis: spesso, come donne con lunghi capelli selvaggi, si riuniscono sul Monte Cofano. In una sotria, il capo draunara, da un anello ai nuovi iniziati streghe, da passare sopra il settimo chakra del proprio marito, così da causargli il sonno, e poter andare alle riunioni con le altre streghe/draunare. Tale anello era portato sempre sul dito medio della propria mano sinistra. Seba cita anche la donna-serpente dei Marsicani, ovvero la dea della medicina chiamata Angizia in Abruzzo, e Anukite tra i Siberiani. Angizia, richiama la pelagica Foenissa, la dea-Terra metà serpente e metà uccello, matrona della medicina e della vita-morte-rinascita nei cicli stagionali: una persona preparata a confrontare le grandi paure ed ombre del mondo fisico, diventa, per suo tramite, una guida, un guaritore, un mediatore e uno sciamano, cantore dei miti che riportano armonia in un gruppo, in un ecosistema, e nel cosmo. Così tutto diviene sacro come il Daino/Cervo, animale cacciato, ma sacro, per moltissimi popoli, dalla Patagonia, al Messico, dalla Siberia all'Arabia, fino all'Africa e all'Eurasia. A inizi dell'Inverno il cervo maschio perde le corna, al sesto anno i suoi corni sono robusti e, in vecchiaia si, riducono a pugnali. Il daino-cervo è immagine di Dio/Pan, del Fuoco, del Peyote, del Mais, del Vino, etc, le sue carni, pelli, ossa, fegato, corna, stomaco, vescica (usata per compostare nell'agricoltura biodinamica), etc, sono doni di natura come canta Angelo Branduardi nel Dono del Cervo. Gli animali compiono la missione di scambio di energia elettrica a loro modo: catturano le correnti elettriche e le trasmettono alla terra, vivendo sani. Le punte sugli animali sono le estremità dei loro capelli o pelliccie, nonché le estremità appuntite di altre parti del loro corpo. La bio-elettricità è trasferita dai piedi a terra o da tutto il corpo se sono sdraiati; l'animale scambia continuamente mana, i suoi piedi sono a contatto con la terra e la sua pelliccia è in contatto col cosmo. L'uomo ha i capelli principalmente sulla parte anteriore del corpo: sopracciglia, ciglia, baffi, barba, petto, capelli, pube, egli di solito dorme sulla schiena e le sue capacità di recupero sono valorizzate dai peli catturando l'energia elettrica e permettendole di passare attraverso, per essere poi rilasciata dalla pelle delle sue parti posteriori; ciò gli permette di compiere la sua missione sacra. Se sta in piedi, i capelli sulla testa hanno effetto parafulmine. Molte scimmie hanno sederi nudi, la posizione seduta è quella di riposo abituale per esse, così, la nudità dei loro sederi favorisce il loro ruolo di conduttori di bioelettricità, dall'atmosfera attraversa il loro corpo e giunge a terra grazie al contatto diretto. 20.䷓ FAUNA SPONTANEA

21.䷔ UCCELLI - 鸟 niǎo

Pamela elenca 24 specie di Uccelli 鸟 niǎo che nidificano nei querceti della Valle del Biedano: Cincia bigia (Parsu palustris), Ghiandaia (Garrulus glandarius), Picchio muratore (Sitta europaea), picchio verde (Picus viridis), Picchio rosso maggiore (Picoides major) e picchio rosso minore (Picoides minor) che, si nutre sulla necromassa dei tronchi morti in piedi. I pascoli cespugliati ospitano l'Averla piccola (Lanius collurio), averla capirossa (Lanius senator), tottavilla (Lullula arborea); lungo il corso del Biedano abbiamo il martin pescatore (Alcedo atthis), e la ghiandaia marina; mentre, tra i rapaci abbiamo il Falco peregrinus, il Biancone (Circaetus gallicus), falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), falco lodolaio (Falco subbuteo), allocco (Strix aluco), Caprimulgus europaeus (succiacapre) e assiolo (Otus scops). Ispirata dai versi del Libertages, cita alcuni comportamenti di uccelli, spiriti spesso invocati in tutto il globo, per guidare le anime dei moribondi o i viaggi degli iniziandi nei mondi al di là, a conoscere i propri antenati e i propri totem.. cicogne, anatre, oche, colombi, civette, upupe, ecc. Gli strigiformi come l'Allocco (Strix aluco), Assiolo (Otus scops), etc., usano due metodi di caccia, l’agguato e il rastrellamento del territorio perlustrato con volo a bassa quota. La loro aggressività, quando allevano i piccoli, varia da specie a specie, individuo a individuo. La reazione più frequente nei riguardi dell'uomo è la fuga. Seba ora cita i versi della Civetta: Inizia la | Civetta, cantar con Cornacchia | con voce roca insiste, allor arriva l’acqua | presto aperti nembi, riverseranno pioggia | torrenti sulla Terra, a dare nuova foggia. | sacra alla Minerva, Atena di sapienza | poiché vedo lontano, nel buio della sera | a buoni contadini, porto più fortuna | son util predatore, d'insetti e roditori | amo farmi corteggiare, vanità mia naturale | ammicco le mie prede, sputo borra piume varie | caccio in luoghi aperti, piuttosto che in foreste | ho l'udito stereo, ed emetto suoni e nenie | guido uman defunti, col canto della luna | nei misteri dei Pelagi, son viaggio narratura. | Tiresia un dì mi vide, nuda far il bagno | perse la sua vista, oracol fu guadagno | lungimiranza ottenne, vecchio cieco indovino | insegna civil arti, sotto l'albero di olivo. | Menerva atena di latini, greci e polinesie | veglio saggia la tua sorte, nel glauco blu della notte | aiuto Ulisse psiconauta, in imprese di Argonauta | dono guida all'iniziandi, civetta occhi scintillanti | col mio verso ti ricordo, impermanenza di ogni fatta | t'accompagno fino l'alba, nella danza di giraffa. Seba, parlando poi delle estasi degli animali, cita Paolo Mantegazza: 'anche negli animali si osservano forme di rapimento, suscettibili di ipnotismo come gli umani, son capaci estasi semplici, passeggere, con catalessi e visioni. Da ogni punto del SNC si sprigionano di continuo energie latenti, mutazioni del movimento che, quando non si traducono in lavoro, si accumulano, rimanendo potenziali; quan la tensione è satura, soverchia, la forza esplode in mille forme diverse: un canto, una corsa, un salto o un convulso agitarsi di tutti i muscoli, è l'orgia muscolare del cavallo selvaggio, un gibbone del borneo o un animale da cortile, ebbro di moto e di vita. Nell'orgia muscolare, l'animale pennuto o peloso, vive momenti, attimi di silenzio e rapimento, come perso a guardare a mezz'aria, è il carpe diem. Molti uccelli cantano inni di gioia e seduzione (a volte i fringuelli cadono a terra fulminati dalla troppa forza e passione), poi d'un tatto, fermano il canto e restano coll'occhio fisso, il corpo immobile, assorti in estasi (passera solitaria). Il Pavone di Krishna apre la coda, nella propria bellezza si esalta e spesso, giunge al rapimento. Oltre alla riproduzione, tacchini, galli e paradisee, cantano e sfoggiano anche per semplice sfogo estetico; nell'ora più calda del giorno, gli usignoli si davan convegno per le loro gare di armonia, ognuno col suo timbro, forza e variazione di trilli, il motivo è lo stesso, la passione, inizia leggera come una preghiera e finisce nel delirio e spasimo, come una prima pioggia che termina nell'uragano, il profumo di un bocciolo e lo stordimento del pieno fiore, prima la speranza, poi l'amore; l'Usignolo, che questo narra nel suo canto, è uno dei tanti specchi in cui la Natura riflette la sua immagine; il superbo oratore che trionfa e si delizia nel suo canto, a un tratto fissa gli occhi nel vuoto e cade in rapimento, dimentico della mia presenza accanto al suo ramo. Se la Rondinella sfiora l’acqua con le ali, si avvicina il temporale poiché i moscerini scendono giù a trovare aria più calda. Per san Benedetto la rondine è sotto il tetto, quando riparte, il freddo è in arrivo. L'Upupa migra dall’Africa all'Europa, hud-hud è il suo verso, simile al tuono (bu-bu in etrusco), da cui nasce il nome di tamburo; l'upupa alleva i pulcini in cavità di tronchi, muri e pertugi al suolo, catturando molti insetti dannosi alle colture. Una coppia di Cince con nidiata è una garanzia contro afidi e carpocapsa. Metti tra i rami una casetta di legno avente apertura di max 30 cm diametro per evitare l'intrusione dei passeri. In Asia, migliaia di scimmie e pappagalli, fan la caricatura di tutti i ceffi umani e di tutte le umane passioni: grida, canti, urla, fischi, una gazzarra di bestie ebbre di vita. Il Pappagallo dello Molucche (eclectas linnaei), si alza e si abbassa danzando in cadenza col suono della sua voce, apre le ali, si molleggia e fa strambe acrobazie coi suoi muscoli, come un clown, mentre imita, e forse canzona, il riso degli umani; in tutto quello schiamazzo convulsivo, il papagallo di Mantegazza, s'innamora e si inebria cadendo poi in estasi: rimane fisso, assorto, inconscio del mondo che lo circonda, rapito come un poeta che crea, un artista che scolpisce, un contadino che semina, un alpinista in solitaria o un asceta che prega. Nella sublime Papua Nuova Guinea, la Paradisea apoda all'alba e al tramonto, va sui rami più alti della foresta e sembra in adorazione dei raggi del sole, la bellezza di quel Cielo si specchia nel suo piumaggio, di cui essa si estasia, svolazzando di ramo in ramo come l'Allodola (song of lark) in estasi dei versi di Dante: qual lodoletta che in aere si spazia | prima cantando e poi tace, contenta | dell'ultima dolcezza che la sazia. Quando il sentimento del bello diviene nutimento (suggestione ipnotica, fenomeno di transfert), voluto o meno, accade un mimetismo nell'animale: L'uccello del paradiso (Cicinnurus regius), chiamato a Papua, kuning-besar, è dello stesso colore delle inflorescenze dell'albero Costus, dei cui semi si nutre, mentre, gli aborigeni del nord Australia (Kakadu), nelle loro danze imitano l'uccello Casuario, insostituibile giardiniere delle loro foreste tropicali. La Natura, da buona massaia, quando spende assai da un lato, fa economia dall'altro: l'oscuro usignolo che delizia se stesso e noi con note piene di armonia; l'Amblyornis inornata, chiamato burunn guru (uccello maestro) perchè imita il verso e il grido di molti uccelli, variando le sue note in ogni circostanza (confondendo così i cacciatori), è un uccello sapiente che costruisce luoghi di piacere e ritrovo dove, in certe stagioni, più maschi si riuniscono a corteggiare le femmine e a contendersi i loro favori. L'Amblyornis, chiamata pure Tukan kobon, ossia giardiniere, è meno bella delle paradisiee, ma va in estasi contemplando le bellissime capanne e giardinetti che costruisce con fuscelli poco marcescenti di un orchidea (dendrobium), che cresce sui rami di grandi alberi, arredando poi il giardinetto antistante la capanna-nido di fiori, frutti, funghi, insetti e altri ornamenti. Altri uccelli costruiscono gallerie, pergolati, capanne, e li ornano a diletto dei loro gusti estetici, come la chlamydodera maculata, che costuisce gallerie di ritrovo, usate per molti anni, e le decora con conchiglie, crani di e ossa imbiancate di piccoli mammiferi; tali costruzioni hanno ispirato di certo i dormitori promiscui per l'iniziazione degli adolescenti di molti popoli di Papua. Poichè vari uccelli papuani rapiscono oggetti attrattivi per le loro gallerie, gli indigeni cercano sempre le loro gallerie per ogni piccola cosa che abbiano accidentalmente perduta: accette in pietra, stracci di colore turchino e altri ornamenti. Anche la Gazza ladra (magpie), della stessa famiglia dei corvidi, imparentati con le paradisee e altri uccelli papuani, ha l'istinto di raccogliere oggetti luccicanti come uova bianche delle galline livornesi. L'amore è la chiave per un altra dimensione, un mondo da scoprire: la Gallina può covare le sue uova fino alla fine perchè il suo cuore è in continuo ascolto; tutto comincia con una immobilità assoluta di piume e calore, potere di riscaldare i gusci; per penetrarli la gallina usa il cuore, ne segue le pulsazioni; mediante l'udito, la sua attenzione apre un canale nel quale l'energia, una volta introdotta, agisce. Anche se la gallna si allontana per una necessità, il suo orecchio non abbandona il processo in atto, lo spirito concentrato non subisce sosta, e l'opera di vita viene alla luce; la sua lezione è questa: per chi fissa il suo cuore su un solo obiettivo, senza mai cedere, nulla è impossibile. Il Pollo domestico (Gallus gallus domesticus 鸡 jī) è allevato per molti scopi: carne, uova, piume, gare di combattimento tra galli, ornamentali e religiosi. Seba lascia pascolare le galline più volte a settimana così che la loro dieta si integra di erba fresca, insetti e lombrichi. Il numero di razze e varietà create nel mondo è alto, solo in Italia sono riconosciute dalla FIAV 300 razze ufficiali, esclusi i molti ibridi commerciali, oggetto di allevamento intensivo in tutto il mondo e, sempre più, nei pollai familiari rurali. Il Gallo sicialiano, un tempo diffuso, è frutto dell’incrocio, avvenuto in tempi antichi, tra polli siciliani e polli del nord Africa; razza precoce, ha istinto sessuale che si manifesta a 40 giorni, scheletro fine e sviluppo muscolare di petto e cosce che ne fa una buona produttrice di carne (sapida e gustosa) pur essendo di piccola taglia. La sua gallina inizia a deporre uova bianche e affusolate al 5° mese, è ottima ovaiola, rustica, e resiste abbastanza bene anche ai climi freddi. Di indole vagabonda, ma poco volatrice, se lasciata libera su ampi spazi può procurarsi da sola buona parte dell'alimentazione giornaliera. Di aspetto battagliero ed ardito, rustica e forte, difficilmente prende malattie comuni ad altre razze. Il Tacchino (Meleagris gallopavo) è un gallinaceo originario dell'America del Nord, dove era diffuso, come animale selvatico, nelle foreste vergini ai confini con le praterie e radure, nutrendosi di bacche, insetti, larve, semi, germogli e altri cibi. In seguito alla caccia spietata inflitta dai coloni, si rifugiò nelle foreste meno frequentate dall'uomo. Sue caratteristiche sono: testa e cute priva di penne, rossa pallida con sfumature azzurre e verruche rosso intenso, secondo lo stato di eccitazione del maschio durante il corteggiamento. La coda ha diciotto penne larghe che possono venir aperte a ventaglio (la ruota). I tacchini domestici derivino dalla prima razza originaria del Messico, da dove furono importati in Spagna, nel 1511, e da qui distribuiti in tutta Europa: il nome inglese turkey, indica il fatto che furono i mercanti turchi a introdurlo in Inghilterra, e il francese, coq d'Inde (gallo d'India) indica lo sbarco di 'Colombo' nelle Indie. Addomesticati già prima della colonizzazione dell'America, venivano allevati dagli Aztechi e da altre popolazioni autoctone. Le razze italianizzate di tacchini, hanno ottima propensione alla cova, ma, a causa della concorrenza degli ibridi commerciali, sono in costante diminuzione (sopravvivono piccoli gruppi al nord), così oggi in commercio si vendono 3 tipologie di tacchino: leggera, media e pesante. Nei paesi europei, il tacchino cucinato intero è una pietanza natalizia, mentre negli Stati Uniti è il piatto del quarto giovedì del mese di novembre: il Giorno del Ringraziamento (Thanksgiving Day). La carne di tacchino costa meno del vitello e ha notevole valore nutritivo: più ferro e proteine delle carni bovine; magra (specie senza pelle), tenera e digeribile. Gusci di Uova sono alcalini, imbuti d'emergenza e contenitori d'acqua, interrati vicino alle piante o tritati e sparsi nell'orto, sono antilumache e bilanciano un suolo acido. A sapere se un uovo è fresco, mettilo in salamoia: se galleggia lo è. Sono buone le uova bollite con foglie di tè o altre verdure e fiori, oppure lasciate 40 giorni in salamoia prima di cucinarle. 21.䷔ UCCELLI

22.䷕ API E INSETTI - 虫 chóng (insect, rad.142)

Pamela osserva gli insetti del giardino Therabuti, comuni a quelli della Valle del Biedano, abbondano la mantide religiosa, imenotteri, ortotteri, lepidotteri, ditteri, ragni vari, Coleotteri come il Cervo volante (Lucanus cervus) che, se insolito vola ronzando al crepuscolo, annuncia cambio di clima; sulle querce sta il cerambice (Cerambyx cerdo), mentre le foglie di quercia ospitano galle che incubano le bianche larve della Cinipe vespa, muteranno in crisalidi (in Autunno), e la nera vespa lucente adulta, uscirà poi in Inverno. Dal buco inferiore di un vaso esce un ape Magachile, un ape tagliatrice, mentre le Api dell'alveare non vanno lontano se vedono arrivare nubi scure; Vespe e Bombi (Wasps and Bumblebees), volano lenti e monotoni al tramonto della sera mentre un vento vorticoso inizia a salire annunciando le invernali stelle Pleiadi. Bombi lavorano a lungo, più delle api, anche con la pioggia, il freddo e il vento; quando arriva il freddo, la sua piccola famiglia muore e, la regina che sopravvive, troverà riparo per ibernarsi. Le regine dei Bombi creano i loro nidi sottoterra e le loro famiglie si sveglieranno a primavera. Concetto Rizzo, professore siciliano di agraria, insegnò a Pamela i misteri dell'Apicoltura, assieme alle ricerche etologiche di Karl v.Frisch: tutte le API (bees, ligustica, melipona, indica, etc) sono insensibili al rosso, lo vedono come nero; invece sono sensibili agli ultravioletti, lo vedono da lontano. Se il cibo è in raggio di 100 metri d’aria, le Api danzano in cerchio orario e antiorario; se supera i cento, l'Ape danza con addome tracciando un otto su cui si muove e vibra diagonalmente. Quando si tratta di un luogo di montagna è preferibile avere gli Apiari in basso rispetto alle fonti di raccolta in modo che le api possano fare i percorsi in salita scariche e in discesa a pieno carico; fra un posto sempre ombreggiato ed uno soleggiato è meglio quest'ultimo; il tepore del sole anticipa l'ovodeposizione. Se alcune famiglie non sono volate via, osserva bene i fori di volo dell’arnia, ausculta e diagnostica: se senti bel ronzio la famiglia è ritardataria, ancor priva di regina e farà il volo di depurazione a nuovo giorno; se invece v’è silenzio, prova a risvegliarla picchiettando leggermente l'arnia con le dita. Solleva il bordo posteriore dell’arnia e valuta le scorte; se fuori aumenta il gelo, nell'arnia sale il ronzio, il moto caldo e il consumo di nutrimento. Con covata la temperatura è sui 34°. Api morte sul predellino rivelan malattie di api adulte o avvelenamenti; presenza di cera indica saccheggio; presenza di ninfe morte rivela abbassamento temperatura o termine scorte; tracce di escrementi brunastri rivela fenomeni diarroici: per far l'analisi degli escrementi, rimuovi i teli qualche giorno prima del volo di depurazione, altrimenti li ripuliscono. Strisce centrali lunghe indicano una colonia popolata; detriti con ninfe: la regina ha iniziato l’ovodeposizione; detriti di colore scuro: favi vecchi; detriti su un lato: le api si trovano sul lato più caldo; strisce sottili e basse: le api consumano poche scorte. Metodo del giornale per riunire due famiglie: togli tetto e spruzza l’acqua di timo sopra i favi, poni sul nido di covata fogli di carta giornale buchettati con ago (dividon la cassetta posta sopra e l’arnia sottostante). Le famiglie si riuniranno, allargando i fori a morsi. L'Ape Regina vecchia è soffocata o vola via e poi muore. Le nuove sono allevate tra Estate e Autunno. La regina suppletiva è ricavata in casi estremi dove la famiglia rischia di perire, esse saranno sostituite nell’anno successivo. A fine inverno nell'aveare ci sono circa un milione di operaie, poi con nove gradi minimo, l'ape esce all'aperto, il cibo cresce e la regina arriva fino a 3.000 uova al giorno. Alle larve servono 37°. In Autunno, il saccheggio può essere latente o violento: nel latente le api rubano provviste di nascosto; nel violento le api di un alveare attaccano quelle di un altro clan; dunque, in autunno, gran provviste e covata son garanzia di precoce e vigorosa ripresa primaverile. Tra i prodotti delle api, nell'alveare troviamo: Miele, Polline, Propoli, Cera, Pappa reale e Veleno. Il Miele ricco in fruttosio rimane liquido a lungo; tra i due zuccheri principali del Miele, il glucosio è quello meno solubile e tende a cristallizzare; la cristallizzazione rallenta col riscaldamento poiché i granuli di glucosio vengono sciolti. Il Propoli è friabile e duro a 15°, il Propoli ammorbidisce a 30 gradi e liquefa a 60° separando in due parti: liquido aromatico che galleggia in alto, è cera viscosa e malleabile su fondo. Se vuoi Cera sterile, bolli per un ora in tegame inox; se è difficile estrarre i pani di Cera dagli stampi, introducili nel freezer per 20 minuti; la Cera frammista a resine allevia reumatismi, mentre con olio oliva, a bagnomaria, è lenimento e crema ammorbidente. Taras cita ora il Veleno delle Api, usato in terapie dette apipunture, Mauro apipuntore così riporta: l'ape Africana dà 3 punture al secondo e ogni puntura lascia 0.012 mg di apitoxina (reazione acida), che agisce sul SNC e riduce le lesioni da radiazioni. Nei trattamenti di apipuntura si parte di solito con 3 punture al giorno, per aumentarle gradualmente, sino a ridiscendere dopo un certo periodo di tempo.. Se sei puntò da api occasionali, estrai il pungiglione con coltellino, copri la ferita con pezzo di Cipolla, foglie di Piantaggine, Cavolo, o spalma tintura di Calendula (fiori in alcol una settimana). Persone allergiche al veleno, per evitar lo shock anafilattico, necessitano una iniezione intramuscolare di adrenalina. fatta dal medico. Una Libellula (dragonfly, calopteryx spp) ha colori appariscenti, si lascia avvicinare su stelo presso stagno, poi improvvisa vola, batte le 4 ali indipendenti, lente (25 volte al secondo) ma acrobatiche, caccia a vista insetti vari (mosche e zanzare battono ali 250 volte al sec). Ha occhi grandi e composti (30 mila cellette), sensibili alla luce e ad alta definizione. Da larva essa vive, più anni sotto l'acqua, spara sua mandibola a pescar larve zanzare. La MANTIDE religiosa (prey mantis, tang long in Cina) appare sulle stoppie a fin estate, e sovente riposa sulle mie spalle.. Emilia si ferma e osserva il cielo: a volte sciami d'insetti incappano in correnti improvvise, così milioni di Coccinelle sospinte in mari aperti e riportate dalle onde finiscono spesso sulla battigia, le puoi salvare con acqua dolce e zucchero.. ogni autunno un fungo parassita fa strage di sciami di mosche nate in estate da una sola femmina che ha svernato nelle case. Pamela osserva un ragno Licosa, e torna alla sua infanzia.. il sole, l'odore dei fiori, del grano e i mille proverbi: se il ragno (spider) fa il bucato, buon tempo è assicurato, se invece va su per il camino, il clima va cambiando. A Settembre giovani ragni, di varie specie, si arrampicano sugli alberi, muri o recinzioni, ed emettono filamenti per volare, usando il vento, su piante distanti. Un ragno crociato tesse linee ogni due giorni, esso inizia il tracciato radiando fili dal centro e connettendoli a spirale e lascia un filo segnale che, lo avvisa se un insetto rimane intrappolato nella sua rete (entangled network). Poi il ragno balza sull'insetto, lo uccide con un morso e il suo veleno predigerisce la preda. In modo simile, la Tarantula mediterranea può mordere e possedere (con crisi d'isteria) una donna o un uomo. Solo una musica rituale potrà curare la vittima che, intanto, si trova a rimodulare la sua vita emotiva e psichica, quasi a tessere un percorso nel labirinto della propria anima, al fine di rilasciare soffenze e paure (veleno). Il Ragno crociato (ARANEUS diadematus) è il più comune della famiglia Araneidae, trascorre gran parte del tempo al centro di una tela di connessioni (web), che ripara ogni qualvolta è danneggiata, essa è dimora e campo di caccia di prede opportune rimaste impigliate. Se disturbato tende alla fuga piuttosto che reagire: il morso non ha conseguenze per l'uomo, provoca solo un leggero pizzicore. La Vedova nera mediterranea (latrodectus tredecimguttatus) è diffusa su tutte le coste del Mar Nero e Mediterraneo, così acquista nomi diversi a seconda del luogo: Malmignatta, Tarantula, ragno di Volterra, Arza, s'Argia, Karakurt (medioriente), Kapakypt (steppe russe). La tela del Latrodectus è molto resistente, capace di sostenere anche piccole pietre! Tra Settembre e metà Ottobre, le coste del Mar Tirreno diventano semi desolate, con poche forme di vita. Quasi tutte le femmine adulte portano una oteca, ovvero una sacca di ragnatela contenete le loro uova; hanno un addome più lucente con punti rosso scuro. Alla fine di Ottobre, tutte le femmine hanno acquisito un colore melanico (nero), sono meno attive e più deboli, ultimo ciclo di vita delle vedove nere. La Tarantola muta colore alla fine di Ottobre e, in aree dove il grano si coglieva a mano, poteva accadere di venir morsi da esse, specie da Maggio a Luglio: il rituale di cura ancora una volta, sarebbe stato una danza terapeutica.. isterica, sensuale, melanconica, etc, a seconda della personalità (anima) del ragno mitico. La danza è chiamata Taranta-Pizzica in Puglia, Tarantella in Campania, Saltarello nel Lazio, Polka in Russia. Il ragno Vedova Nera nordamericana (latrodectus mactans) può dare la morte, mentre la vedova nera del Mediterraneo (latrodectus tredecimguttatus), è pericoloso per i bambini. Pamela cita un mito Hopi sulle donne-ragno: 'Kerèsan Spider Woman dà e prende la vita; gli Hopi dell'Arizona la chiamano anche la Donna Turchese, colei che viene giù dal cielo a mezzo di un filo di seta.. alla fine di ogni civiltà, Lei apre in cielo il buco del Sipapuni, per permettere la salvezza delle sue creature e delle sue genti; in India Keresan è Maya. Pamela, osservando una Formica, pensa alla formigarge (mutilla europea) della Sardegna; traccia un parallelo tra il tirrenico ragno Malmignatta e la mitica formica-ragno dei Sardi: entrambe gli insetti si muovono come se danzassero e, quando minacciate, emettono un suono come di strofinio metallico. Le usanze degli Slavi di Sardinia contemplano sia il Latrodectus tredecimguttatus (e altri ragni) che la formica femmina del genere Mutilla. Le Mutillidi non sono aggressive, mordono (pizzicano) gli umani solo in casi di contatto accidentale. Il pungiglione è doloroso ma non reca danno e non richiede assistenza medica, a meno che la persona è immuno-carente e/o allergica al veleno, in tal caso può sperimentare una reazione di shock anafilattico. Il dolore svanisce in circa un ora e, sulla pelle, resta solo una papula infiammata per pochi giorni. nei bambini e negli anziani può produrre fatica, febbre bassa, nausea, e leggero delirio; è utile disinfettare la puntura (specie con amaroli) e applicare impacchi di ghiaccio o acqua fredda. Fino agli anni 60 i morsi delle Mutillidi (così come del ragno s'Argia) erano trattati con rituali musicoterapeutici o con 'fanghi' di letale, o altra fonte di calore in quanto il veleno è termolabile. Formiche e termiti normali, invece, producono acido formico, rilasciato anche dall'aldeide formica, un gas soffocante e lacrimogeno, solubile in acqua ed energico disinfettante. 22.䷕ API E INSETTI

23.䷖ SUD, CRISI E DANZA - 糸 mì纟糹 (silk-tessuto, rad.120)

Pamela al simposio della sera narra del suo primo lavoro in una Filanda (silkworm mill) nella città di Como, in Italia: La farfalla del Baco da Seta (bombice mori, moth), silkworms, vive 30-40gg, mangiando foglie fresche di gelso raccolte a fine Aprile: mille kg di foglia per allevare 1 oncia di bachi-seme (circa 55mila uova), ai contadini della zona il baco-seme era pagato più di quello da seta, garantiva la filanda per la stagione successiva.. I piccoli bachi dal ciclo più breve, sono i più sani, più gli si dava cibo regolare, più venivano adatti a fare il seme: da piccoli bisogna nutrirli ogni due ore, notte e giorno, con foglie tritate; quando si addormentavano si poteva cambiargli il letto. Un giorno smettono di mangiare e diventano gialli trasparenti, salgono sui rametti spinosi da noi approntati, e iniziano a filare il bozzolo.. prima che bucavano il bozzolo si pulivano le scope e si faceva una festa, era il tempo del raccolto, poi si mettevano nel canestro e si portavano alla filanda. Il baco dorme e muta per 4 volte, alla 5° muta mangia molto prima di purgarsi e accamparsi su fasci di rametti (scope) per l'ultima muta che, da crisalide, la trasformerà in farfalla matura per accoppiarsi. Il Bombyx deriva dall'addomesticazione della Theophilia Mandarin, una falena molto comune in Asia. I Seri della Cina allevarono il baco da seta per scopi economici e sinergici: nel Bu nongshu (trattato agrario completato del 1658 dal Maestro Shen e Zhang Liixiang), il riso forniva sussistenza alla famiglia mentre il reddito veniva dalla bachicoltura e dal poco suolo piantato con gelsi. I Gelsi venivano coltivati sulle rive tra i campi di riso, e le loro le foglie usate per nutrire i bachi da seta, i cui escrementi erano usati come ottimi fertilizzanti per il riso. Pesci appena nati venivano immessi in campo subito dopo il trapianto del riso, e alimentati delle mute del baco da seta, essi tutelavano il riso dalle larve d'insetti. Gli uomini tenevano i gelsi per la crescita del riso; le donne tenevano i bachi da seta e il filo del reddito familiare della Cina rurale: il filo di seta di Huzhou sostenne una grande industria di tessitura locale nelle città di Suzhou, Hangzhou, Nanchino e Canton. La sericoltura si diffuse poi in tutta l'Asia.. giungendo fino a Roma bizantina e in Sicilia; più tardi, risalì l'Italia (Veneto e valle del Pò), dove gli alberi del Gelso crescevano bene, quindi giunse in Francia e altre parti dell'Europa. Lyone divenne uno dei mercati tessili principali, in competizione con Bologna. Pamela ricorda ancora i canti di lavoro delle